Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 109 di 343 PrimaPrima ... 95999107108109110111119159209 ... UltimaUltima
Risultati da 1,081 a 1,090 di 3422
  1. #1081
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    I nuovi arrivati certo non spiccano per loquacità, ma Lady Blackstone mi inquieta ogni volta.


    La forza serve a poco. Mi fermo a riflettere sulle sue parole: se non è accompagnata da una buona motivazione, da astuzia, agilità e un po' di scaltrezza, la sola forza non basta, ma contro guerrieri come Ryuk serve eccome.
    Jarak esce dalla tenda e io seguo il suo esempio congedandomi dagli altri.




    Raggiungo il Glados e rimango in attesa dei guerrieri, non dovrebbe mancare molto al loro arrivo.



    Ultima modifica di albakiara; 10th July 2015 alle 13:29

  2. #1082
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Drako Kalisi

    C’è qualcosa di straordinariamente sbagliato in tutto questo, perché devo essere io il successore di Rickard? Perché proprio io e perché ora? Saraswaty si sta prendendo gioco di me, o il fato mi ha preso di mira, come se tutto quel che è accaduto in questi anni non fosse abbastanza, sembra quasi che io sia una calamita per le avversità. Lo so… è un onore essere il Gran Maestro, è un dono, uno dei più grandi che si possa mai ricevere durante la propria vita, è già occasione rara assistere ad un cambio con la presa in consegna da parte del successore, figuriamoci… diventarlo. Tutti i miei malanni sono imputabili a quello, il mio corpo si stava preparando ad accogliere una forza superiore, una essenza superiore ed è molto più grande di ciò che pensassi. Non mi riferisco alla potenza fisica, certo… mi sento enormemente rinvigorito, sento ogni parte del mio corpo, ogni muscolo, ogni fibra, ogni tendine come non mai, ma ciò che mi rende diverso è la sensibilità della mia aura, non solo si è intensificata, ma riesco a percepire ogni essere vivente attorno a me in un modo diverso. Prima avevo solo il legame che mi unisce agli altri maghi, che mi permetteva di riconoscerli, ora percepisco ogni cosa di loro, l’intensità della loro forza interiore, la purezza, la forza… gli alti ed i bassi, le variazioni. E’ tutto così straordinario ed allo stesso tempo confusionario per me, è passato ancora troppo poco tempo perché io riesca a gestire qualcosa del genere. Riesco perfino a percepire l’essenza di coloro che non mi sono affini, il contrasto dell’oscurità degli stregoni e le vibrazioni dell’aura degli elfi, ognuno con le proprie caratteristiche, una diversa dall’altra… riesco a sentire ogni cosa, perfino quello che non vorrei, come quello accaduto nella tenda di Ryuk, ma Larieth è adulta e Ryuk… per una volta nella sua vita ha qualcosa da perdere, sono il loro Comandante non la bambinaia, anche se è mio dovere assicurarmi che a nessuno venga fatto del male. Ho un certo senso di nausea, non penso sia per il cibo, sono stato tutto il tempo sul pagliericcio a pensare e ripensare, l’unica mia consolazione è quella di essere riuscito a salutarlo un’ultima volta, aver potuto guardare dritto nei suoi occhi e sentire la sua approvazione, il suo affetto, non una parola, ma una valanga di emozioni e di sensazioni, una connessione incredibile che ci ha uniti all’Auspex. C’è una parte di te in me Ric, non ti deluderò, cercherò di essere alla tua altezza come persona, come mago e come Gran Maestro, ma so che sarà tremendamente difficile. Mi rendo conto di stare a fissare la superficie di legno, quando avverto una presenza, ma prima dei miei sensi è la sua voce ad identificarlo. <<Mi spiace per la tua perdita>>
    Alzo lo sguardo, probabilmente devo avere ancora gli occhi appannati e lucidi, ma mostrare la mia umanità non mi ha mai messo in difficoltà. “Ti ringrazio, era un uomo come pochi” Resto in silenzio, probabilmente per troppo tempo “Scusami… ti ho già ripetuto le stesse parole l’altro giorno, devo ancora accettare cosa sia accaduto e chi sono diventato, non so neanche esattamente cosa implichi. Ho dedicato la mia intera esistenza al combattimento, mi sono allenato duramente, ho guidato spedizioni, ho protetto le mura del castello ed i confini del regno, ma questo… non so cosa devo fare, dal Gran Mastro ci si aspetta che sia saggio e che sappia ogni cosa. Ti sto tediando con i miei dubbi, comunque… non cambia il mio ruolo in questa guerra, non vi deluderò”

  3. #1083
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Larieth è sempre più furiosa, la mia espressione compiaciuta mentre incassavo i suoi colpi, è servita a fomentarla di più. La fisso negli occhi mentre una luce pallida dalle tonalità azzurre si manifesta tra noi due, sposto lo sguardo verso il basso e tra le sue mani si sono plasmate in pochi istanti due sfere di acqua che ruotano vorticosamente, inizio a sentirmi soddisfatto, la ragazza ha deciso di usare le maniere forti e non mi opporrò di certo.



    Resto fermo, allargo solo le braccia, in modo da essere colto in pieno al busto, l’impatto mi schiaccerà come in una compressa ed infatti.



    la sensazione, alla quale mi sto praticamente abbandonando con consapevolezza, non tarda ad arrivare. Le sfere si scontrano ai miei fianchi, comprimendo verso l’interno, sento la pelle dilaniarsi ed un bruciore intenso farsi strada. L’impatto non è troppo forte, ma mi lascio ricadere all’indietro.



    Larieth approfitta del momento di vantaggio per saltarmi sull’addome, sento il suo peso piuma sul corpo, un peso ormai familiare, senza attendere mi colpisce al viso con un pugno, poi un altro ed un altro ancora. Più forte grido nella mia mente, mentre sento lo zigomo destro cedere, come anche il naso.



    Non la fermo, resto impassibile mentre mi colpisce a ripetizione ed ancora allargo le braccia in terra, non ho intenzione di reagire, voglio che mi faccia male più che può, fino a quando le sue stesse mani non si spaccheranno per l’intensità dei colpi. “Ti piace proprio starmi sopra”


  4. #1084
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk sottrae 15 punti costituzione per i tre colpi subiti, 25 punti per le sfere e 20 per i pugni a ripetizione, per un totale di 60 punti.

  5. #1085
    sim dio L'avatar di saphira_84
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Età
    40
    Messaggi
    4,217
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    28

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Larieth Slagant


    Le nocche mi fanno un male cane per tutti i colpi che ho assestato a Ryuk, mentre lui non ha tentato mai di difendersi o reagire, oltretutto ha ancora la forza per prendermi in giro << Ti piace proprio starmi sopra>>, esclama con il suo solito ghigno beffardo.


    Lo guardo in cagnesco, ancora colma di ira, d' istinto faccio apparire la faretra carica di frecce alle mie spalle, ne prendo una e la infondo con il mio potere, l'acqua accorre veloce al mio richiamo e avvolge completamente l'arma, la afferro saldamente con entrambe le mani come fosse un pugnale e cerco di conficcargliela con forza sulla sua spalla sinistra.


    In quel preciso istante sento tutta la rabbia cumulata sciogliersi, solo ora mi rendo conto di cosa ho fatto, ho colpito un uomo senza che lui alzasse un dito per difendersi, ero talmente accecata dalla collera che non mi rendevo conto di cosa stessi facendo, mi sono comportata come un animale in preda ai più bassi istinti, come ho potuto cedere così alle sue provocazioni?


    Avrei dovuto andarmene e lasciare che trovasse qualcun altro disposto a massacrarlo.
    Mi alzo da sopra di lui e con tonno freddo gli dico: << Se vuoi farti ammazzare per me non c’è nessun problema, ma non sarò io a farlo!>>


    Faccio per andarmene, ma la mia coscienza non me lo permette, non so effettivamente quali danni posso avergli provocato quindi ritorno vicino a lui nel caso abbia bisogno di aiuto.

    Arma in forma attiva
    Ultima modifica di saphira_84; 19th July 2015 alle 10:35

  6. #1086
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Socchiudo gli occhi mentre Larieth continua a colpirmi, mi lascio andare colpo dopo colpo, è come se assaporare il sangue che mi scorre in bocca mi facesse sentire meglio. Lo zigomo è totalmente andato, mentre il naso cede sotto i suoi colpi, sento le ossa scricchiolare ed il dolore che ne scaturisce è quasi piacevole.



    Ho imparato a non piegarmi in questi anni, se lo facevo ero perso… morto. Ho imparato a rafforzarmi ed a godere quasi della mia stessa sofferenza, che cosa ne sarebbe di me se mi fossi arreso? Avrei fatto la fine del classico Leithien debole, gettato sotto cumuli di terra, se è vero che un Leithien non si diventa, è altrettanto difficile restarci. Quando mio padre mi prendeva a ceffoni, se osavo piangere, me ne dava altri e se non stavo zitto, iniziava con mia madre, perché sapeva che mi avrebbe fatto male più di ogni altra cosa. Ci metteva insieme nella stessa stanza, ognuno su di una sedia posizionati frontalmente, se lei osava ribellarsi io ne prendevo di più, se lo facevo io le prendeva lei ed è così che trascorrevamo le lunghe ore di quel particolare allenamento. La mia più grande soddisfazione è stata quella di veder uscire mia madre totalmente illesa da quella stanza, riuscii ad incassare ogni cosa, non fiatai e quando lei lo implorò di fermarsi, ottenendo il risultato contrario, restai ancora zitto, ma ce l’avevo fatta, le ossa rotte erano più di quelle sane, ma lei non aveva neanche un graffio, mi sentii grande, mi sentii forte.



    E’ stato un evolversi crescendo, ho imparato a trarre il positivo dal negativo, mi restava solo quello dopo tutto, rido quando non c’è nulla da ridere, scherzo quando non c’è nulla sul quale scherzare. La cosa più incredibile è che ho iniziato ad avvertire il bisogno di quella violenza, del mio stesso sangue che mi scorre in bocca ed in gola, dei graffi che si estendono sul corpo e delle ossa rotte, paradossalmente mi fa sentire meglio, mi distrae e resistere mi fa sentire tremendamente forte, nessuno riuscirà ad uccidermi. Larieth materializza la sua faretra ed impugna una freccia, nell’immediato evoca il suo potere elementale prima di conficcarmelo nella spalla sinistra.



    L’acqua scava e la ferita si allarga recidendo anche i tendini, rido… rido respirando più velocemente mentre la osservo sollevarsi e guardarmi ancora con quegl’occhi << Se vuoi farti ammazzare per me non c’è nessun problema, ma non sarò io a farlo!>>


    Non riusciresti ad ammazzarmi neanche se lo volessi, non piaccio neanche alla morte” Fa un passo per andarsene e la maledico mentalmente perché non continua nella sua opera



    ma si volta probabilmente per soccorrermi, ma alzo una mano col palmo aperto per fermarla “Se vuoi aiutarmi continua a colpire, non… non devi avere pietà, io non l’avrei per te”

  7. #1087
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk - 25 di costituzione per la freccia attiva

  8. #1088
    sim dio L'avatar di saphira_84
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Età
    40
    Messaggi
    4,217
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    28

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Larieth Slagant


    Ryuk è ridotto davvero male, ha sangue che gli cola ovunque, mi sento terribilmente in colpa per quello che gli ho fatto.
    Dovrei correre subito da Elen, ma quando mi avvicino a lui per accertarmi sulle sue condizioni, alza la mano per fermarmi, non vuole il mio aiuto, anzi, al contrario, vuole che continui a picchiarlo <<Se vuoi aiutarmi continua a colpire, non… non devi avere pietà, io non l’avrei per te >>.


    << Ma è proprio questo il punto, io non sono e non sarò mai come te!>>
    , sbraito furiosa per quello che mi ha obbligato a fare, <<Di sicuro ti sembrerò una sciocca, ma io riesco ad avere pietà per fino per uno stronzo come te, anche se non lo meriti>>.



    Continuo a fissarlo, non capisco perchè voglia soffrire così tanto, sono tentata di chiederglielo ma non sono così ingenua da credere che lui mi voglia rispondere.
    Mi inginocchio vicino a lui, non so davvero cosa fare, dovrei fregarmene di quello che vuole, usare un po' di buon senso e andare a chiamare Elen, ma dal suo sguardo capisco che fargli ancora del male è l'unico aiuto concreto che posso offrirgli, quindi decido a malincuore di accontentarlo ancora una volta, quindi prendo un altra freccia dalla faretra e con forza gliela pianto sulla gamba destra vicino all'inguine.


    Mi alzo, mi allontano di pochi passi, mi concentro per richiamare il mio potere, l'acqua sfocia dalle mie mani formando due sfere rotanti, chiudo gli occhi e gliele lancio addosso.


    << Basta ti prego, non chiedermi più di continuare, io non ce la faccio più>> dichiaro con voce tremante. Corro da lui e mi siedo accanto, spero di non averlo ucciso.



    Esperto Tempesta acquatica – Ogni mano genera una sfera di acqua dal diametro di un metro, le quali roteano in sensi opposti. Vengono lanciate contemporaneamente e quando colpiscono, stringono l’avversario in una morsa schiacciandolo e strisciandoci contro con forza. Provoca escoriazioni, danni da urto e contusioni
    Arma dormiente
    Ultima modifica di saphira_84; 19th July 2015 alle 13:19

  9. #1089
    sim dio L'avatar di XxRosy_99xX
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    ~ Oasis Landing ~
    Età
    24
    Messaggi
    3,296
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti


    Devon Balythòn





    Dolore.

    L’ennesimo crampo alla caviglia mi costringe a fermare una corsa intrapresa da chissà quanto tempo.

    Sudore.

    Ho una voglia matta di levarmi lo zaino e la giacca dalle spalle, ma pazienterò ancora: la destinazione è pressappoco raggiunta, me lo sento.
    Non posso fallire anche questa volta, le indicazioni finali delle missive parlano chiaro: “...Superato il bosco di Metasequoie, procedi in direzione Nord-Ovest e imbocca il quarto e ultimo sentiero che ti condurrà al Saliceto. Mantieni la sinistra e, non appena avrai identificato l’unico Glados della zona circostante, attraversalo e sarai finalmente giunto nella tua nuova dimora.”

    ...Nuova dimora...
    ...Nuova dimora...


    No, non posso e non devo permettermi di ricordare il passato, non adesso. Piuttosto, devo pormi molteplici questioni che dovrebbero raggiungere un chiarimento ben definito. Che genere di luogo è? Una sede all’aperto o viceversa? E’ popolata da gente affidabile o da gente che non esita a prenderti per i fondelli, divenendo il loro nuovo bersaglio preferito? Riuscirò ad orientarmi positivamente a colpo d’occhio, come è giusto che sia? Drako è rimasto l’uomo eticamente corretto di tanti anni addietro oppure ha dato una svolta?

    Non è facile scovare tutte le risposte, ma un giorno all’altro questo accadrà... ne sono certo.
    Senza fare ulteriori indugi ripongo le missive già controllate nelle tasche della giacca e risistemo con calma le spalle dello zaino, per poi tentare di farmi forza nel ricompormi in piedi... così che possa proseguire il tragitto, seguendo nuovamente il ritmo del passo fugace.
    I miei stivali in pelle d’orso, bellamente consumati per quanto li stia sfruttando dai tempi della pubertà, non fanno altro che incontrare numerosi tappeti di foglie che, calpestandoci sopra, producono il solito fragore dello scricchiolio secco che riverbera perennemente, cosicché il silenzio abissale della foresta cessasse la sua imponenza.



    «
    Devo darmi una mossa... ora o mai più...»
    mormoro ardito, con il fiatone che mi sale in gola per il notevole sforzo fisico.



    Corro, filo a tutta birra, nonostante i dolori muscolari si ripresentano dirompenti come non mai. La vegetazione diviene fitta a mano a mano che avanzo sempre più sfacchinato, finché nei dintorni inizio a intravedere delle lunghe e verdi foglie lanceolate. Eccoli, i noti Salici Piangenti. Poverini, sono più disperati di me, vorrei consolarli uno ad uno, ma con il poco tempo a disposizione mi è praticamente impossibile.

    Un tenue sorriso prende vita nel mio volto non appena una luce candida troppo familiare attira la mia attenzione; alzo gli occhi verso cotanta bellezza celestiale, non avrei mai pensato che il Glados rischiarasse notevolmente l’oscurità della foresta ormai superata con successo, tralasciando i vari spasmi causati dalla fuori forma.



    Porto la mano destra verso il sottile strato di plasma che qualifica la consistenza del portale e, serrando gli occhi, mi lascio trasportare dalla sua immensa e abbagliante energia verso l’altra parte del luogo, ovvero il punto d'incontro a me ignoto.

    Nel momento in cui tutto si materializzerà dinanzi a me, muoverò qualche passo in avanti e mi guarderò intorno, senza dire nulla. Magari potrei adocchiare repentinamente la figura di Drako, sempre se a quest’ora non stia poltrendo nel suo giaciglio...

    N.B.: Lo zaino utilizzato da Devon è questo
    Se ci fosse qualcosa di errato, fatemi sapere e provvederò.

    Ultima modifica di XxRosy_99xX; 17th June 2015 alle 19:53


  10. #1090
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Jarak

    Anche questo pasto è molto buono, più di quanto mi aspetterei da una cucina improvvisata in mezzo al nulla. Kalisi deve avere conoscenze nei posti giusti per essere riuscito ad accumulare così tante provviste.


    Da quello che ho visto stamattina in dispensa, possiamo andare avanti per settimane, forse addirittura mesi. La risposta del gran maestro alle mie condoglianze non tarda ad arrivare: mi ringrazia, è impossibile non notare il pesante giogo che gli affligge l'animo, e poi si dilunga nel raccontarmi i suoi dubbi, le sue paure e le incertezze che derivano dal ruolo che ha appena acquistato.


    Lo ascolto con attenzione, senza però distrarmi dalla mia ciotola: forse apparirò maleducato, ma sostenere gli sguardi degli altri mi mette molto a disagio, soprattutto in momenti particolari come questo. Mentre parla comunque smetto di mangiare in segno di rispetto, un gesto che spero apprezzerà. Le sue parole finali, però, mi obbligano ad alzare lo sguardo e incontrare i suoi occhi.


    Non so cosa devo fare. Improvvisamente non vedo davanti a me il grande Drako Kalisi, il Dragone amato dal popolo e le cui imprese vengono cantate nelle taverne, l'impavido leader della rivolta contro un regime tirannico: no, vedo semplicemente un ragazzo fin troppo giovane per la carica che gli è stata affibbiata, un giovane uomo la cui buona volontà è innegabile ma al tempo stesso non indifferente ai pesi che porta sulle proprie spalle.


    Drako ha la metà dei miei anni è già si trova a dover avere a che fare con sfide che molti uomini non si sognerebbero mai di accettare. <<Non ti scusare>>, gli dico deciso, guardandolo in faccia. <<Pensi di non essere saggio. Ma le mie orecchie raramente odono parole così sagge>>. Non lascio il suo sguardo, anche se ciò mi costa molta fatica. Ma per una volta che è Kalisi ad avere bisogno di una rassicurazione, non mi tirerò di certo indietro. <<Il solo fatto che tu abbia questi dubbi ti rende un gran maestro migliore di quanto altri maghi anche più potenti di te sarebbero stati. Io non... non comprendo ciò che voi provate per la Dea, ma se ha scelto te, avrà avuto i suoi buoni motivi>>. Torno a guardare la mia ciotola. <<Sei giovane. Hai tutta la vita davanti per diventare un gran maestro ammirato e amato da tutti. Dubito che Rickard fosse sicuro di sé il suo primo giorno da servo della Dea>>. Terminato il mio discorso finisco la zuppa, aspettando una sua risposta. Spero di essergli stato d'aiuto.

    Our wills and fates do so contrary run

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •