Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 117 di 343 PrimaPrima ... 1767107115116117118119127167217 ... UltimaUltima
Risultati da 1,161 a 1,170 di 3422
  1. #1161
    sim dio L'avatar di XxRosy_99xX
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    ~ Oasis Landing ~
    Età
    24
    Messaggi
    3,296
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti


    Devon Balythòn

    Mugugno con non poca delicatezza nel sonno.



    Cambio ininterrottamente posizione, cercando di assumerne una decentemente comoda. Mi capovolgo, mi piego, alzo i piedi in aria, affogo la testa sul morbido e pungente fieno, ma... non ci riesco. Tutti questi bruschi movimenti non fanno altro che provocarmi giramenti di testa atroci, cavolo. Là fuori circolano suoni e voci incomprensibili che, nonostante siano distanti da questa tenda, non fanno altro che arrecarmi disturbo. Apro gli occhi di malavoglia e automaticamente puntano il soffitto: da come si evince il fatto che io non abbia dormito a sufficienza, è ancora notte fonda.



    Ciò significa che Madre Tenebra non ha alcuna intenzione di levarsi dalle calcagna per assegnare il turno di lavoro a Madre Luce. In poche parole, non è ancora sorto il sole. Se volessi godere al meglio il riposo, mi converrebbe srotolare l'apertura della tenda, in modo che ogni genere di suono giunga ovattato o meglio assente. Mi alzo di scatto dal giaciglio e, non appena il mio corpo si prepara ad accogliere la temperatura attuale, istintivamente porto le mani in entrambe le braccia, le quali eseguono dei tremolii involontari... ragazzi, ma qui si congela! Colui o colei che mi ha posato addosso una coperta di fieno, ha fatto bene. Senza attendere un secondo di più allungo le mani verso i lembi che sostengono il "portone" dell'infermeria



    e li sciolgo in un batter d'occhio, ogni anfratto del tessuto scivola libero sull'erba, coprendo bellamente l'interno.



    Apposto, ora posso dirigermi tranquillamente nel pagliericcio. Sollevo leggermente il tessuto dalla consistenza rigida giusto per rientrare, mi butto a peso morto nel pagliericcio e mi lascerò cullare dall'abbraccio caloroso che la morbida coperta di fieno mi offrirà ancora una volta...





    *Azione di Devon concordata con Ecli.
    Ultima modifica di XxRosy_99xX; 5th August 2015 alle 17:17


  2. #1162
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien


    <<No, non mi dispiace, ma la prossima volta evita di farmi venire un infarto>>



    Elen, con il suo solito modo di fare gentile, forse un pò troppo per i miei gusti, poggia una sua mano sulla mia e già in quel momento riesco a percepire la sua energia che comincia a propagarsi attraverso il suo tocco. Sembra che stia diventando più forte, rispetto alle prime volte in cui mi ha curato, non l'avvertivo in questo modo, ma forse è solo questione di abitudine o che sono più propenso.
    <<La prossima volta che hai pulsioni suicide vedi di trovarti già in infermeria, non è stato affatto divertente trascinarti per tutto l'accampamento>>



    E' uno scricciolo, sembra che non abbia timore nell'avvicinarsi a me, è così ingenua che non mi verrebbe neanche di farle del male, ma mai dire mai, in allenamento l'ho usata come scudo, dipende dai casi, sta di fatto che è la più importante per me qui, altrimenti chissà quanto impiegherei per guarire le ferite che mi procuro ogni volta. Non nutro affetto, no... !Si alza sulle punte per continuare col suo tocco, mi sfiora anche la guancia, ma non mi smuovo di un millimetro, piuttosto assottiglio lo sguardo e serro la mandibola.
    <<Ora, mi spieghi come mai ti sei fatto ridurre così? Lo so che Larieth è forte, ma non al punto da conciarti così rimanendo totalmente illesa.>>



    Appena stacca la mano dal mio viso, faccio un passo indietro, basta contatto, basta guardarmi in quel modo, come fossi amico suo, come se fossi qualcuno di "carino e gentile", sto per andarmene senza risponderle, ma...<<Tzh tzh >> Eh? Che sta a fa? Mi volto per guardarla col sopracciglio alzato Ha già un nome? Snow, ti chiamerò Snow>>



    Ah... il cavallo, me ne stavo dimenticando, bah per me può chiamarlo come vuole "Credo sia femmina, Scorreggia è un bel nome, Reggia o Loffa come diminutivo magari. E comunque... magari Larieth è più forte di quello che pensi, o semplicemente mi sono distratto a guardarle le tette"

    Mi volto senza attendere che mi risponda, mi dirigo a passo veloce verso il Glados, non attenderò che si faccia l'alba e quella maledetta corona venga poggiata sul capo di Lantis, Auron deve andarsene ora.

  3. #1163
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Lady Blackstone



    La sagoma si alza, si siede sul pagliericcio, urla. Faccio un passo indietro.
    <<Cosa ci fai tu qui?>> mi chiede terrorizzata, mentre attiva uno scudo di protezione.



    La fisso immobile nell'oscurità per qualche secondo.
    "Tu sai dov'è." pronuncio atona, con tono flebile. Sei d'accordo con i Reali, tu, ombra nel buio, stai nascondendo mio figlio da qualche parte per loro ordine.



    "Dimmelo." le ordino alzando lievemente il tono della mia voce rauca.





    "Dimmelo."
    Mi connetto con la mia essenza di strega, con il fulcro della mia magia oscura. Concentrandomi riesco a percepire le tenebre che come una nera e densa nube si espandono dentro di me, poi mi avvolgono fino a farle dirigere nella direzione del mio avversario.
    Posso vederle, le nubi cariche di terrore, avanzare su quella piccola e timorosa ombra, avvolgerne lo scudo protettivo ed insinuarsi nella sua mente.
    Terrorizzata dalla mia aura, potrebbe far cadere lo scudo e allora rapidamente l'afferrerò per il collo, stringendo con tutta la forza che ho.
    Deve dirmi dove ha nascosto Edric.




    Aura di tenebra: Gli stregoni nascono dall’oscurità, per tale motivo hanno una forte affinità con le tenebre e tutto ciò che di più malvagio esista. La loro aura ha profonde radici nel male e da esso traggono energie. La loro presenza incute sempre un certa negatività, seppur lieve, ma la particolarità sta nel fatto, che riescono ad amplificare questa sensazione che infondono a chi gli sta attorno. L’intensità dell’aura ed i suoi effetti, cambiano a seconda del grado:Allievo – Infonde timore: si ha remore nell’avvicinarsi e si avverte un certo fastidio alla sua presenza o nel luogo in cui si trova.

    N.B. Solo Lady Blackstone vede le nubi nere della sua aura.
    Ultima modifica di scarygirl; 4th August 2015 alle 22:07


  4. #1164
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Il Glados dissipa velocemente la sua luce alle mie spalle, mi ritrovo nella vallata dove abita Auron, dove lo lasciai appena nato e nonostante ci sia venuto tante di quelle volte, che neanche me le ricordo tutte, non ci vedo un accidenti, la mia famiglia non ha il dono della scuro visione porco Raiden, vorrei evitare di inciampare e sfracassarmi i denti. Cammino piano, fino a quando intravedo una luce in lontananza, assottiglio gli occhi e mi rendo conto che è un fioco barlume proveniente da una finestra, è molto debole e neanche fissa, spero non si spenga da un momento all’altro… meglio che mi metta a correre. Quando arrivo accanto all’ingresso ho quasi il fiatone, mi appoggio al muro e cerco di dare un’occhiata in casa, probabilmente sta dormendo a quest’ora…
    “Dai… smettila…” Una voce femminile? Forse non ho sentito bene… resto in silenzio qualche secondo “Mhh… no, non là… smettila…” ah. Bene. Mi alzo sulla punta dei piedi ma riesco appena a scorgere la testa bionda di una ragazza “Jon… eddai..”

    Jon? E chi cazzo è questo mo? Mi volto e senza pensarci due secondi mi avvicino all’ingresso, spingo la porta con forza credendo che sia chiusa, ma questa è aperta e per poco non cado in terra. Avanzo con passo veloce verso la stanza da letto e… “O sacro Raiden, Papà… che ci fai qui? Cioè… si son contento che sei qui… ma proprio ora?” Mi indica l’ovvio, mentre la ragazza si riveste in fretta e furia con il viso rosso come il vino. Incrocio le braccia e lo guardo spazientito “Ho poco tempo, ti devo parlare adesso… Jon” alzo un sopracciglio, mentre Auron si lega un asciugamano in vita e mi raggiunge nell’altra stanza. “Non dico mai il mio vero nome… e comunque le bendo prima di portarle qua, lo faccio passare per un giochino divertente” sgrano gli occhi in una espressione incredula, la mela non cade lontano dall’albero, ma qua pare mi abbiano clonato “Sei tornato allora… lo sapevo, lo sapevo…” Cerca di abbracciami, si avvina con le braccia aperte e con un sorriso ad illuminargli il volto, ma lo fermo, faccio un passo in dietro prendendo le distanze, cercando di riconquistare una espressione seria, non è semplice dopo quello che ho visto e sentito “Devi andartene, lo devi fare stasera stessa” “Che… che cosa?”, “Auron…”

    mi rendo conto di aver alzato la voce e do un rapido sguardo nell’altra stanza, per controllare se la ragazza sta sentendo, se ne sta seduta al centro del letto con la faccia tra le mani per la vergogna… mah! “E’ per la tua sicurezza, questa guerra si espanderà, se dovessero arrivare qui, se il nuovo Re dovesse…” uno spintone mi interrompe, che diamine… “Ti avevo detto di tornare nel momento in cui ti fossi deciso a fare il padre, non per cacciarmi via dal paese. Hai fatto finta di essere un estraneo per tutta la mia vita ed ora pretendi di darmi ordini? Avresti dovuto farlo quando ero ancora un bambino, sono un uomo ora, se vorrò andarmene sarà per mia volontà” una fitta mi pervade lo stomaco a queste parole, non so se è più per rabbia o per altro, sta di fatto che non m’importano queste prese di posizione, deve fare quello che dico io “Sei impazzito? Se non me ne importasse nulla di te, non sarei venuto qui ad avviarti, vedi di muoverti, è un ordine!” un altro spintone, più forte di quello di prima, quasi perdo l’equilibrio, ma con la mano mi poggio al muro e torno frontalmente a lui “Altrimenti? Mi sculacci? Mi togli la paghetta? Lo dici alla mamma? Madre che non so neanche se esista tra l’altro… ma comunque io non mi muovo di qui, sono cresciuto senza le tue attenzioni, riuscirò a farne a meno ancora, so badare a me stesso. Ora, se questo è tutto quello che dovevi dirmi, puoi togliere il disturbo” Mi indica la porta con un gesto deciso del braccio, mentre continua a fissarmi con gli occhi furenti “Ti spiegherò tutto un giorno… lo farò, te lo prometto, ma se resti qui, potrei non avere occasione di farlo, non costringermi a… ” “Questa è casa mia e non mi muovo di qui, che ti piaccia o no” Resto in silenzio, vorrei dargli una botta in testa e legarlo come un salame, per poi gettarlo nella prima grotta a centinaia di chilometri da qui, ma a che servirebbe? A farmi odiare ancora di più? Troverebbe il modo di scappare ed io non posso restare a sorvegliarlo ventiquattro ore su ventiquattro. “Non è vero che sei cresciuto senza le mie attenzioni… non sai quante volte ti ho osservato da lontano, quante volte mi sono affacciato alla tua finestra e quanti regali ti ho fatto trovare nel letto al tuo risveglio, come… “ “Come quel cavallino di legno, già… è il mio preferito”



    “E quante volte mi sono sentito stupido, perché me ne stavo nascosto a spiare un ragazzino che avevo abbandonato, non avrebbe dovuto importarmene niente di te, avrei dovuto condurre la mia vita lontano da qui.” “Sei sempre in tempo a farlo”



    “Tutto quello che sto facendo ora è per te, stupido che non sei altro, se no vuoi andartene, farò in modo che la guerra finisca prima di arrivare qui, ora levati di mezzo e fammi passare” Avanzo oltre lui, urtandolo forte con la spalla “Bene, vattene… sai fare solo questo, girare e andartene Ryuk” Sentire il mio nome, non la parola padre… anche se pronunciata solo due volte fino ad ora, mi blocca lo stomaco in un nodo, le braccia tremono quasi per la rabbia e per questo strano senso di asfissia che mi piomba sulla spalle, mi schiaccia la testa in una morsa, un forte istinto mi obbliga i movimenti, annullando la mia volontà ed in un attimo mi ritrovo a girarmi su me stesso ed afferrare Auron saldamente per le braccia, prima di tirarlo fortemente a me, lo stringo e gli sussurro qualcosa con un fil di voce “Sei mio figlio… avevo bisogno di dirlo ad alta voce”

    Non permetterò che ti accada nulla di male, dovessi uccidere ogni singolo esponente di Dohaeris, non m’importa… lo farò. Lascio la presa su Auron, lascio la presa sull’uomo che è diventato e senza guardarlo ancora, mi dirigo nuovamente al Glados.

  5. #1165
    sim dio L'avatar di saphira_84
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Età
    40
    Messaggi
    4,217
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    28

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Larieth Slagant

    <<Tu sai dov'è>>
    dichiara arcigna la donna.
    << Dimmelo>> mi ordina, alzando il tono della voce.


    La scruto sbalordita, ma di chi diavolo sta parlando? Sto per chiederglielo, quando per la seconda volta mi intima: << Dimmelo>>.
    Una strana sensazione mi pervade, voglio andarmene da qui, non voglio rimanere un secondo di più accanto a questa donna raccapricciante, il mio istinto continua a inviarmi segnali d’allarme gridando: “scappa, scappa”.


    Appena il mio scudo si dissolve, lei si avventa su di me, senza attendere oltre, balzo in pedi e schivo le sue mani che puntano al mio collo, contemporaneamente invoco la faretra che si materializza all’istante alle mie spalle, afferro prontamente una freccia e la impregno del mio potere per renderla ancor più tagliente, mentre con la coda dell’occhio, continuo a controllare la pazza psicopatica, se tenterà a toccarmi di nuovo, questa volta, le tirerò un pugno allo stomaco con tutta la mia forza.


    Utilizzo la freccia incantata dall’acqua come un coltello per aprire uno squarcio nel retro della tenda e fuggo correndo a più non posso in direzione del lago.


    Sento la necessità di levarmi di dosso questa sensazione di schifo, che ho provato alla vicinanza con quella donna.
    Giunta al lago, mi libero dell’abito ancora sporco dal sangue di Ryuk, rimanendo completamente nuda e lentamente m'immergo fino a quando il livello dell’acqua non arriva di poco sotto al mio seno.


    Faccio scivolare la testa all’indietro chiudendo gli occhi, i miei capelli si disperdono come un ventaglio fluttuando leggeri.
    Sento la tensione sciogliersi, il cuore comincia a regolarizzare, spengo il cervello e mi abbandono alla magnifica sensazione dell’acqua sulla pelle.
    Ultima modifica di saphira_84; 28th July 2015 alle 22:07

  6. #1166
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Jarak

    Elen accetta il pane e mi ringrazia, accompagnando il tutto con una risata.


    Mi trova forse divertente? Oppure le ha fatto piacere il mio gesto? Sembra una risata gentile, quindi non penso che mi stia prendendo in giro.


    Inizio a mangiare e cadiamo entrambi in un confortevole silenzio, anche se mi sembra di sentire un urlo... ma Elen non reagisce, quindi devo essermelo immaginato.


    Non sono di certo una persona che ama iniziare le conversazioni, quindi termino velocemente la seconda porzione di stufato senza emettere alcun suono. È la voce di Ryuk a rompere il silenzio, si avvicina al tavolo col cavallo e chiede alla guaritrice di alleviare il suo dolore.


    Non mi degna di uno sguardo, non che la cosa mi dispiaccia, sembra di fretta. Dopo aver fatto il suo dovere, la giovane maga coccola un po' l'animale, battezzandolo anche con il nome di Snow. E improvvisamente vedo Elen, la Elen bambina con cui ho parlato ieri in infermeria, e non un soldato di questa guerra. Ryuk risponde sgarbato e se ne va a passo spedito, a quanto pare ha davvero qualcosa da fare. Oppure era semplicemente infastidito dalla conversazione. Chi lo capisce, quell'uomo. <<Snow>>, dico, guardando il cavallo. <<Significa qualcosa?>>. Forse è una parola nella lingua della sua tribù.

    Our wills and fates do so contrary run

  7. #1167
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Drako Kalisi

    Il Glados esaurisce la propria energia alle mie spalle, ma quasi non bado al bagliore tenue che si riflette sul terriccio, ho la testa invasa da mille pensieri, mille parole, immagini e ricordi, forse dovrei solo riposare e far passare in fretta questa giornata così lunga e difficile. Domani non sarà solo una nuova alba, domani sarà l’inizio di un nuovo periodo di storia per Dohaeris, un nuovo Re siederà sul trono che prima di lui ha visto alternarsi generazioni e generazioni di Raeghar. La statua in nome di Rick verrà eretta al sentiero Ecate, frontalmente a quella di Margarete, il suo angelo, la donna che tanto ha amato e con la quale ha condiviso buona parte della propria vita. Un statua di marmo con le sue fattezze, fredda e ruvida, spero di non vederla mai. La stanchezza è forte e le palpebre sembrano volersi chiudere con prepotenza, a fatica m’incammino verso la mia tenda, ma decido di passare per il retro attraversando buona parte del lago, giungendo alla zona della lavanderia, non ho voglia di parlare con nessuno, non ne sarei neanche in grado, non saprei che dire. Voglio solo togliermi quest’armatura dal corpo estendermi sotto le lenzuola, so che i pensieri continueranno ad agitarsi nella mia mente anche nel sonno, popolando i miei incubi. In tutto questo male, ho solo la mera serenità della consapevolezza, che ora Ric sa ogni cosa, ha scrutato nel mio animo ed ha capito, mi ha perdonato senza esitazione, nonostante l’uomo che era, non mi sarei meravigliato se fosse accaduto il contrario, ma mi ha sorpreso ancora una volta. Dicono che i figli della dea, siano degli angeli scesi in terra, i quali hanno perso le ali, ma il loro bagliore è forte e persistente, un dono unico che possiedono unicamente loro, inizio a credere che sia vero, spero che quell’angelo mi guidi dall’alto, che diventi il mio custode. Chiudo gli occhi gonfi ed arrossati ed il mio ultimo pensiero prima di addormentarmi è rivolto ancora a lui.

  8. #1168
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen Nárë Vanya

    Per tutto il tempo delle cure Ryuk è rimasto fermo, irrigidito probabilmente per il mio contatto, ma ormai dovrebbe saperlo che
    questo è il mio unico modo per guarirgli le ferite, la cura a distanza mi richiederebbe ancora troppe energie e non sarebbe egualmente efficace.
    Quando dissolvo la mia magia e il bagliore sui palmi si affievolisce fino a svanire, lui si scosta di colpo per andarsene senza una parola, comportandosi come il suo solito. Non ci bado e coccolo il cavallo quando vedo Ryuk inarcare il sopracciglio forse stupito dal mio richiamo.
    <<Credo sia femmina, Scorreggia è un bel nome, Reggia o Loffa come diminutivo magari. E comunque... magari Larieth è più forte di quello che pensi, o semplicemente mi sono distratto a guardarle le tette>> mi prende in giro prima di sparire velocemente oltre le tende.


    So che questo è il suo modo per ringraziarmi, come i buffetti che mi da sulla fronte, e non mi aspetto altro da lui. Si comporta da duro, impassibile, arrogante solo per mettere in mostra la sua forza, ma l'essere gentili non indica affatto debolezza.
    <<Snow>> mi chiede Jarak, quando all'improvviso scorgo Drako entrare nella sua tenda <<Significa qualcosa?>>


    <<Snow perchè è bianco e candido come la neve!>> dico come se fosse la cosa più ovvia del mondo, poi mi abbasso e scosto la coda per controllare se effettivamente è una femmina come dice Ryuk <<Uhm, è femmina... Secondo te Snow può andar bene lo stesso per una cavalla? Se fossi un elfo chiederei direttamente a lei se le piace. - guardo la cavalla negli occhi - Sai, ogni animale ha già il proprio nome e sono loro a comunicarcelo, ma io sono una maga, non capisco il loro linguaggio, non so ascoltarli.>>


    Accarezzo ancora l'animale sul muso e poi mi rivolgo ancora a Jarak <<Scusa, puoi tenerla un attimo? Ho visto Drako entrare nella sua tenda, devo parlargli... Tornerò presto.>>.


    Lascio la cavalla e mi avvicino alla tenda del capo, lui si è già addormentato e per un attimo rimango titubante dall'ingresso, poi però decido di non svegliarlo. E' inutile disturbarlo per una sciocchezza simile, tornerò prima che sorga l'alba e lui non si accorgerà di nulla.
    A passo svelto, senza avvisare nessuno, raggiungo il Glados e una volta pensato intensamente alla mia destinazione varco la luce azzurrognola del portale.





    NOTA: la cosa dell'animale che comunica il proprio nome è una credenza della sua tribù.
    Ultima modifica di albakiara; 12th July 2015 alle 19:20

  9. #1169
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Lady Blackstone




    La complice dei Reali abbassa il suo scudo protettivo, ma sfugge alla mia presa. Squarcia la tenda e fugge via.



    Non te la caverai così facilmente.
    Le concederò qualche minuto, seguendola solo con lo sguardo. Voglio che pensi che mi abbia seminata. Quando non la intravedo più, esco dal taglio della tenda e, facendo attenzione a non procurare nessun rumore o ad essere vista, m'inoltro nella sterpaglia.





    Come una pantera ombra procedo cercando le tracce della fuggitiva e mi acquatto a terra quando intravedo la mia preda rilassarsi nell'acqua del lago.
    Avanzo silenziosamente tra le erbacce, dove non potrà mai vedermi, ed evoco Dark Sister, tenendola a terra.



    In lontananza, scorgo quello che sembrerebbe il suo vestito. Impugno quindi la mia falce e tendo il braccio in avanti, sempre in basso, fino a quando la punta della lama non ne tocca un lembo. Tiro falce e il vestito a me. Sento odore di sangue sul tessuto che stringo. Se ha fatto del male ad Edric...
    Sempre silenziosamente mi siedo e uso la mia Sorella Oscura per ridurre l'abito in tanti piccoli stracci, disperdendoli poi nell'ambiente che mi circonda.
    Infine, mi posterò da quella posizione e, con la massima attenzione, mi nasconderò dietro ad un grande cespuglio.



    I miei occhi saranno fissi sulla ragazza, attendendo il momento propizio.



    Dark Sister - Arma in forma dormiente
    Ultima modifica di scarygirl; 4th August 2015 alle 22:18


  10. #1170
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien
    da qualche parte a Dohaeris...

    Tene e capille ricce, ricce,
    ll'uocchie 'e brigante,
    o sole 'nfaccia.
    Ogne figliola s'appiccia si o vede passaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa'.



    Ad ogni frase alzo il tono della voce, canticchio allegramente, per evidenziare la presa in giro.

    Na fummarola 'mocca,
    na mano dint'a sacca
    e se ne va smargiasso pe' tutt''a cittaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa'.


    Stringo bene i nodi sui suoi polsi, non tanto da non farle passare il sangue, ma abbastanza da vedere le grinze della pelle, in ogni caso questo tipo di nodo si stringe sempre di più ad ogni suo movimento, quindi se tenterà di ribellarsi, saranno fatti suoi.




    'O sarracino,
    'O sarracino,
    Bella guaglioooooooooooooooooooooneeeeeeeeeeeeeeeeee!
    'O sarracino,
    'O sarracino,
    tutt''e ffeeeeeeeeeeeeeeeeeemmene fa 'suspiraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa'.


    Potrebbe destarsi da un momento all’altro, sarebbe quasi ora, è svenuta da venti minuti abbondanti, non fanno più le principesse toste di una volta, quelle di oggi si sciupano anche se le tocchi con un fiore, il mio fiore è stato un bel colpo alla nuca, diretto e preciso, è caduta inevitabilmente tra le mie braccia! Che ci faccio io alle donne? EH!



    Indietreggio un passo dopo l’altro e se mi tira qualche giochetto devo essere in grado di reagire prontamente, da quello che hanno riportato Zagarth e Dahmer la signorina qui presente è degna figlia di suo padre, ha scatenato un turbine nel mezzo della battaglia, facendo quasi a fette la tizia che stavo per farmi nella zona neutra, come si chiamava? Boh! Passiamo oltre.



    Mi siedo comodamente in terra e do uno sguardo allo stanzone, è totalmente vuoto, ho smontato ogni cosa, c’è solo lei sulla sua bella sedia, le ho perfino sfilato i calzari onde evitare che me li sbattesse in faccia con la telecinesi, bel trucchetto che ha fatto in armeria durante lo scontro con Dreth, vedere quella spada che fluttuava per opera sua mi ha illuminato. Ma siccome le precauzioni non sono mai troppe le ho legato le gambe alla sedia ed entrambe le braccia dietro la schiena, premunendomi di legare tra loro le dita a pugno, così non potrà direzionare eventuali palle di acqua o quella roba che schizza dalle mani in ogni caso.
    Indietreggiando mi sono portato ad una posizione di poco più di dieci metri, se i suoi poteri sono incrementati, non dovrebbero coprire interamente quest’area, ma comunque mi tengo pronto a reagire nel caso mi riservi qualche sorpresina. Intanto continuo a cantare a squarciagola, stonando incredibilmente, in modo che il ghiro si svegli.


    E' belloOoOOo 'e facciaAaAaaaaAaaa,
    e' bello 'e cOoooOOOooOOOoreEeEeeeeeeee,
    sape fa' 'mmoreEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE EEe.

    E' malandrino,
    e' tentatoreReReReReReeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeee,
    si 'o guardate ve fa' 'nnammuraAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA AAAAAA LALALALALALALALALALAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA'

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •