Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 142 di 343 PrimaPrima ... 4292132140141142143144152192242 ... UltimaUltima
Risultati da 1,411 a 1,420 di 3422
  1. #1411
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Riapro gli occhi brucianti, anche se dire che sono gonfi è poco, mi sembra di avere due zavorre al posto delle palpebre e dei borsoni sotto le orbite, maledette erbe, mi sento ancora intontito e la gola è totalmente secca, mi sembra quasi che li i lembi di carne interni si siano incollati tra loro. Tossisco forte per lo stizzo e decido di alzarmi, tanto non devo preparare nulla da portare con me, i miei stivali preferiti non so ancora che fine abbiano fatto, al rudere ho un pò di cambi per i pantaloni, ho solo da portarmi violino e ciondolo, il resto delle erbe se le possono tenere... mai più!



    Mi alzo, nonostante la testa giri non poco, devo prendere un pò di aria, così esco dalla tenda e cerco di sgranchirmi la schiena e le gambe, almeno il fresco della sera mi sarà di aiuto nel ridestarmi un minimo. Mi dirigo in dispensa dove bevo un abbondante sorso d'acqua dal catino, Drako è tornato nella sua tenda, lo vedo piegato su fogli e tomi, fanculo. Afferro una bottiglia di idromele ed avanzo lungo la fila delle tende, mentre strappo il tappo con i denti, il sughero viene via una bellezza quando è infilzato dai canini appuntiti. Barcollo un pò, ma cerco di darmi un minimo di contegno, quando l'effetto delle erbe sarà terminato, ci sarà quello dell'alcool, ma almeno quello sono in grado di gestirlo. Arrivato alla fine del breve percorso noto sulla sinistra un folto gruppetto: Elen, il tizio nuovo, Dahmer e Zaghy con un tremendo fetore di bruciato.





    Potrei andare sulla destra, dove si trova il lago, magari stendermi in santa pace e restare a poltrire, a rimuginare ancora ed ancora sull'accaduto delle ultime ore, potrei cercare il cavallo e farmi un giro, ma preferisco riempire la testa delle voci altrui, almeno mi distraggo dai pensieri martellanti. Prendo la sinistra ed avanzo tra i presenti come nulla fosse, solo un cumulo in cenere attira la mia attenzione, sembrano resti animali ed a giudicare dallo scheletro sembrano... gatti? Non vedo il motivo di prendersela con dei gatti, che male avranno mai potuto fare? Qualche graffietto con le unghiette appuntite? Preferisco distogliere lo sguardo e proseguire, mi siedo in terra con la schiena contro un manichino, con la visuale che da verso il gruppo.





    Porto ancora la bottiglia alla bocca e ne tracanno il liquido dorato ancora un pò "Fate finta che io non ci sia, continuate pure coi vostri giochi", lungi da me dal volermi allenare ancora, sia mai. Me ne starò fermo qua a bere ed a respirare aria fresca.

  2. #1412
    sim dio L'avatar di XxRosy_99xX
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    ~ Oasis Landing ~
    Età
    24
    Messaggi
    3,296
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti


    Devon Balythòn

    L’esito della simbiosi sembra positivo... il gruppo felino squarcia rovinosamente la casacca del "malcapitato", increspo un sorriso di gusto non appena intravedo numerosi pezzetini di quel tessuto grigio precipitare sul suolo. Avrei preferito la stessa cosa per i pantaloni, ma è già qualcosa se il signorino qui presente è rimasto, come me, a torso nudo.



    Sorriso che si tramuta in una smorfia basita quando egli, reggendo uno spadone dall'aspetto orrendo,



    trancia a metà i corpi dei miei aiutanti felini con un fendente a mezz'aria. Davanti ai miei occhi.



    No... come ha potuto fare una cosa tanto spietata? La loro vita è stata strappata per mano di questo... essere che merita di bruciare nelle fiamme più divampanti di tutto il regno degli Inferi, anzicché continuare a vivere la sua futile vita in questo pianeta! Cerco di reagire, ma è talmente veloce che un vigoroso pugno al naso mi coglie alla sprovvista. Fa un male cane, diamine... ho una leggera difficoltà ad inspirare ma devo imparare a sopportare qualcosa di infinitamente peggiore.



    Il ragazzo si allontana, diceva che si intratteneva con noi aspettando Zag finché quest'ultimo non arrivasse. Adesso mi ritrovo qui, solo e interdetto, con delle ferite da rigenerare. Sarà meglio che provveda... non ho alcuna intenzione di girare al campo conciato in questo modo. Faccio appello mentalmente all’inconsueta e arcana abilità di recupero che mi è stata diagnosticata sin dalla nascita ma tutt’ora potenzialmente scarsa, la sento diramarsi di fibra in fibra percorrendo ogni centimetro del mio corpo, in poco tempo irradiato dal bagliore sprigionato dalle fiamme pure e impregnate di un calore piacevole nonché benefico



    che travolge l’apertura dell’emorragia nasale, suturandola alla perfezione margine dopo margine.

    Difesa e Recupero (Allievo):
    Rigenerazione (Avviene tramite tocco)
    - Rigenera da Escoriazioni, Graffi, Contusioni e Piccoli danni da elemento.
    Le mie aspettative non sono state vane, la mia Rigenerazione sta facendo passi da gigante in confronto alle prime volte che l’ho adoperata... sono felice, davvero molto felice. Nel mentre quel che resta delle fiamme innocue si sperpera in aria come una massa di granelli sabbiosi faccio una capatina al lago per levare i rimasugli del sangue con un’abbondante sciacquata rinfrescante. Una volta compiuto ciò eseguo marcia indietro ritornando al campo, reggendo tra le mani il bastone con non poca fatica. M'impegnerò fino in fondo sul ponderare bene all’uso di questa preziosa arma, sia ad evocarla che a dissolverla magicamente...


    Ultima modifica di XxRosy_99xX; 10th August 2015 alle 20:22 Motivo: Ripristinato il post.


  3. #1413
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti



    La decisione è presa: Occhi di Falco dovrà andarsene.
    Che stupidaggine. Se dovessimo allontanare tutti gli psicopatici presenti nell'accampamento, resteremmo in cinque a combattere in questa fazione. Non riesco a capire i ragionamenti di Drako, ma lui è il leader e, che mi piaccia o no, devo rispettare la sua decisione. Un guerriero in meno è una vera sventura, tuttavia.
    Già non siamo tanti... perdere anche un solo componente è un vero dramma, secondo me.
    Non sarebbe meglio mandare via l'imbecille che ora sta alzando il dito medio?

    -Che qualcuno ci salvi da questi idioti, altro che Occhi di Falco...- penso seccata abbandonando il tavolo.



    A quanto pare non sono stata l'unica. Questa riunione è stata un vero disastro. Non saremo mai un gruppo vero, su cui poter fare affidamento. No. Questo posto non è diverso da quelli che ho avuto modo di frequentare in passato.
    Ormai è calata la sera, quindi mi dirigo verso la mia tenda ed afferro il recipiente.



    Il mio dovere mi aspetta. Esco dalla tenda, pronta per dirigermi al Glados, quando un pensiero blocca i miei passi.
    Non so per quanto tempo starò via, quindi... forse dovrei salutarlo?
    No, forse dovrei semplicemente andarmene. Dopotutto mi ha detto di stare zitta, no? Quindi cosa se ne potrebbe mai fare dei miei saluti? Però... se quel tizio è un cafone, non è detto che debba esserlo anch'io... giusto?

    -MALEDETTE CONVENZIONI SOCIALI! MI FARETE DIVENTARE MATTA! VI DETESTO!!!- penso irritata, mentre, con il recipiente stretto tra le mani, mi dirigo verso la tenda del tipo.

    "Ehm... posso entrare?" domando con voce atona, per poi affacciarmi nella tenda, ma... è vuota!



    -Ottimo! Ora devo anche perdere tempo a cercarlo...-

    Il pensiero dura poco perché, attirata dal vociare nel campo d'addestramento... eccolo li.



    Con una bottiglia in mano. Mi avvicino a lui, osservando i presenti, ma senza proferire parola.
    Sarà meglio tenere d'occhio la situazione... con questi tipi con si sa mai cosa può accadere e non voglio perdere ulteriore tempo, né rischiare di danneggiare il recipiente. C'è pure una puzza tremenda, qui.

    "Posso parlarti un'ultima volta o devo stare zitta?" domando con un tono di voce incolore.



    So che potrebbe scacciarmi in malo modo, ma non mi interessa.
    E' stato un mio compagno finora, quindi gli rivolgerò il mio saluto a prescindere. Anche solo un "ciao", mentre volterò le spalle e me ne andrò, ma farò ciò che sento. (o ciò che devo? Uff...)
    Spero, tuttavia, di riuscire a scambiare qualche parola con lui in maniera civile.
    Ok, magari "in maniera civile" è chiedere troppo per uno come lui...
    Ultima modifica di valuccia85; 19th July 2015 alle 02:20

  4. #1414
    sim dio L'avatar di saphira_84
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Età
    40
    Messaggi
    4,217
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    28

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Larieth Slagant

    <<Finito>> afferma Jarak alzandosi da terra, osservo meravigliata il risultato finale, non c'è che dire, Jarak ha fatto davvero un ottimo lavoro. Mi fa un cenno con la testa ed esce dalla tenda, io gli rispondo con un sorriso sincero, è stato davvero gentile ad aiutarmi.
    Lo seguo con lo sguardouscire dalla mia tenda e mi sdraio sul pagliericcio a ripensare alla riunione appena conclusa.
    Non riesco ancora a credere che la principessa sia scesa in campo, proprio il giorno in cui è morto suo padre, non è da lei.
    Conoscendola probabilmente non lo sapeva neppure, altrimenti non ci sarebbe mai andata, sono più che sicura che avrebbe voluto passare gli ultimi istanti con lui, su questo ci posso mettere la mano sul fuoco.
    Questa è l’ennesima prova dell’egoismo di re Lantis, la guerra prima di tutto, anche del dolore di sua sorella e della morte di un padre, spero che tutto questo almeno, le faccia aprire gli occhi sul fratello.
    Quanto vorrei esserle vicino in questo momento di dolore, spero che almeno abbia qualcuno che le voglia bene al suo fianco che l’aiuti a superare questi giorni terribili.
    Anche se caratterialmente siamo diverse, in questi anni siamo riuscite a costruire un bellissimo rapporto fondato sull’affetto e sulla fiducia reciproca, lei riusciva a comprendermi come pochi, capiva quando ero giù di morale o arrabbiata per come mi trattava la regina Lumen, io non osavo lamentarmi con lei, sia perché preferisco combattere le mie battaglia da sola, sia perchè la regina era pur sempre la sua matrigna, ma le parole non servivano, lei lo capiva comunque e trovava sempre il modo di tirarmi su di morale.

    Ricordo ancora quella sera d’estate, ero seduta in un angolo del giardino di Luna di Diamante nascosta da sguardi indiscreti, i pugni talmente stretti che le unghie quasi mi si conficcavano nei palmi delle mani. Inutilmente stavo tentando di trattenere le lacrime, ero furente con la Regina, le avevo chiesto la possibilità di andarmene per qualche giorno da Dohaeris per tornare nel mio regno, mio padre era gravemente ammalato e volevo stargli accanto.
    Per lei naturalmente tutto questo non aveva importanza, doveva farsi confezionare alcuni abiti nuovi e io ero stata incaricata di portare le stoffe nelle sue stanze affinché lei potesse scegliere il tessuto e il colore migliore, erano giorni che non facevo altro, o per un motivo o per un altro non era riuscita ancora a trovare la stoffa adatta, a volte il colore non si intonava con la sua pelle, altre volte, non si intonava con gli occhi o con i capelli. Se il colore era quello giusto, era il tessuto ad essere sbagliato, o era troppo coprente, troppo pesante o troppo ruvido.
    Di sicuro avrebbe potuto ordinare a qualche altra ancella di svolgere questo compito, ma non lo fece, la regina godeva nel vederci soffrire o nel metterci in difficoltà, mi disse che se decidevo di tornare casa potevo pure restarci, perchè lei avrebbe fatto in modo che non potessi più mettere piede in tutta Dohaeris e io non potevo permettermelo perchè non avevo altro posto in cui andare visto che a casa mia non potevo tornare per colpa di quella profezia.
    All'improvviso sento dei passi avvicinarsi, subito asciugo le lacrime con un gesto veloce del braccio <<Larieth...che succede?>> mi chiede Esperin preoccupata, sedendosi accanto a me. << Esperin ciao, non succede niente, sto bene>> rispondo io titubante, cosciente del non poter essere totalmente libera di parlare con lei, data la sua posizione. <<Larieth... >> continua, prendendomi la mano <<con me non devi fingere, lo sai>> sorridendomi dolcemente, << No davvero, ho solo avuto una giornata pesante>>. A quel punto il suo viso si rabbuia, come se avesse capito tutto...d'altra parte non era la prima volta che succedeva << E' colpa di Lumen vero?>>
    Annuisco controvoglia, mentre lei continua a guardarmi con dolcezza, come ogni volta in cui ci trovavamo in una situazione simile, il che, a causa della Regina succedeva fin troppo spesso. So che non può esporsi più di tanto, ma ha sempre una parola di conforto in questi momenti difficili. <<Dai... vieni con me>> mi dice, d'improvviso, prendendomi la mano e alzandosi <<Dove?>> le chiedo sorpresa <<Non posso... devo prendere delle stoffe>> mi giustifico, senza volerlo. Lei inizia a camminare trascinandomi con se, aggiungendo <<Le stoffe potranno aspettare un'oretta, non se ne accorgerà nessuno vedrai! Voglio portarti in un posto>>.
    La seguo senza fare altre domande, quando attraversiamo il Glados e ci ritroviamo in un luogo quasi incantato. Spalanco gli occhi per lo stupore, ammirando la bellissima cascata davanti a noi e i fiori di mille colori che circondano la cupola in legno. <<Sono le cascate di Aglàr, è stato mio Padre a farmi scoprire questo posto. Vengo qui quando voglio stare da sola>> mi dice, sorridendo e prendendomi la mano per farmi sedere con lei su delle rocce. <<Ti piace?>> mi chiede, raggiante.

    Per un attimo non so che dire, continuo a osservare incantata questo luogo meraviglioso fino a quando non mi ritorna l'uso della parola << E' semplicemente stupendo>> esclamo mentre mi avvicino maggiormente alla cascata, mentre lei continua a sorridermi allegra.
    << Questo posto ha un non so che di magico>> le dico allegra con gli occhi che brillano, non so come faccia a trovare sempre il modo giusto per tirarmi su di morale.
    << Sai anche a Tyravul abbiamo delle cascate meravigliose, ma ahimè non sono paragonabili a queste>> mi rabbuio un attimo e continuo << So di aver scelto io di andarmene, ma sai a volte mi manca casa mia>> lei mi viene vicino, prima di chiedermi <<Come mai hai scelto di andata via? Non voglio essere indiscreta, puoi anche non rispondermi>> sapevo che prima o poi me l'avrebbe chiesto, non posso di certo dirle che c'è di mezzo una profezia, di sicuro non mi crederebbe, all'inizio non ci volevo credere nemmeno io, ma poi quando è arrivato Drako ho capito che era arrivato il momento di andarmene.
    Mi volto verso di lei e con una scrollata di spalle le rispondo con una mezza verità: << Mi sentivo in gabbia, non fraintendermi, io amo la mia famiglia e la mia gente, ma lì non ero libera, ho sempre desiderato girare il mondo, conoscere gente, vedi se non me ne fosse andata, non ti avrei mai conosciuto e non avrei mai potuto vedere questo posto magnifico>>. Lei mi guarda per un pò come se stessi dicendo cose assurde, per poi annuire poco convinta <<Ed è bella...la libertà?>> mi chiede, curiosa, con gli occhi sognanti.
    Che domanda strana penso tra me e me: << Be ecco, diciamo che come in tutte le cose ci sono i suoi lati positivi e quelli negativi>> Resto un po' in silenzio come a riordinare le idee e continuo << A te non pesa mai dover sempre essere perfetta? Comportarti sempre nel modo giusto, usare le parole giuste, dover sacrificare una parte di te per essere quello che vogliono gli altri?>> le domando volgendo lo sguardo in direzione delle cascate. <<In realtà...no, sono stata educata così, per ricoprire questo ruolo. Non ho mai pensato ad una vita diversa, anche se questi tuoi racconti ammetto mi incuriosiscono molto...sei coraggiosa>> mi risponde pacata.
    Non credo che il termine coraggiosa, sia quello giusto, forse sprovveduta suonerebbe meglio.
    <<Mia madre ha cercato in tutti i modi per farmi diventare quello che non sono, qualunque cosa facessi, per lei non era mai abbastanza, alla fine ho semplicemente smesso di tentare di diventare come lei voleva e ho cominciato a fare esclusivamente di testa mia, quando me ne sono andata lei mi disse che per lei ero morta>>. La vedo preoccuparsi <<Mi dispiace tanto per queste vostre incomprensioni Larieth, sono sicura che riuscirete a chiarire prima o poi, stai tranquilla>> per poi abbracciarmi dolcemente <<Ora dovremmo rientrare, prima che a Lumen vengano i capelli bianchi per il nervoso>> mi dice scherzando per alleggerire il momento, ed insieme ci avviamo verso il Glados.




    ps: il tutto concordato con Sere
    Ultima modifica di saphira_84; 11th July 2015 alle 18:45

  5. #1415
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien


    Guardo il gruppo, li guardo... ma in realtà non vedo niente, non è servito a niente venire qui, volevo svuotarmi la testa dai pensieri e riempirla di sciocchezze di sti quattro qua, ma si vede che non riesco proprio a concentrarmi su niente.



    La bottiglia è quasi intera, nonostante i due sorsi abbondanti, se tutto va bene riuscirò a sbronzarmi del tutto e a cadere in un sonno profondo proprio dove mi trovo ora, domattina me ne sarò andato prima dell'alba e ciao a tutti.



    Non m'ingegno neanche a pensare come vendicarmi, forse lo farò, forse no... ho altro a cui pensare, se ne uscirò vivo, escogiterò qualcosa, ma... non ne ho voglia
    "Posso parlarti un'ultima volta o devo stare zitta?"





    Mi rendo conto che accanto a me c'è qualcuno, mi volto ed incrocio lo sguardo di Niniel, che vuole? Sputarmi in faccia di quanto sono maleducato, brutto e cattivo? Mah... glielo concedo, tanto a che serve innervosirmi ancora oggi: a un bel niente. Prendo la bottiglia con l'altra mano, mantenendola per il fondo, in modo che sia visibile nella sua interezza, per poi porgerla alla ragazza "Solo se bevi con me!"

    Esclamo con un mezzo sorriso tirato, non so neanche se sia ironico, sarcastico o qualcosa che somigli ad una paresi facciale, con questi occhi non devo essere uno spettacolo, crederà che io abbia pianto, sempre se non mi ha visto saltare sul letto, cercando di evitare i tentacoli di un mega polpo e gridare all'arrembaggio.

  6. #1416
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti



    "Solo se bevi con me!" esclama l'uomo con una strana smorfia sul volto.



    Ora che lo guardo bene e più da vicino... ha veramente un brutto aspetto. Cosa avrà combinato in quella tenda?



    Gli occhi sono arrossati, ma non credo abbia pianto. I tipi come lui riescono anche a piangere?



    Tutto è possibile, ma... non ce lo vedo. Ha accettato passivamente la decisione di Drako, almeno all'apparenza, quindi non credo possa essere addolorato da tutto questo. Mah...



    "E va bene! - enuncio afferrando la bottiglia e traccannando un sorso generoso - Non amo bere, ma ci sono abituata. Niente male... - affermo per poi porgere di nuovo la bottiglia all'uomo e continuare - Che tu ci creda o no... mi dispiace che te ne vai..." mi siedo accanto a lui, collocando il recipiente alla mia sinistra.



    In questo modo non dovrebbe cadere. Sì... è stabile. Il mio sguardo è fisso sui presenti, impegnati in un duro allenamento.

    "Ed a te? - pronuncio rivolgendo lo sguardo al tipo - A te dispiace andare via? Non ti sto chiedendo se stare lontano da noi ti causerà un dolore, so bene che non è così ed è pure giusto che lo sia, ma vorrei sapere, in tutta onestà, se questa decisione irrita te... quanto ha irritato me..."

    Se prenderà la bottiglia subito, ok, altrimenti un altro sorso ci sta. Perché no.
    Visto il triste compito che mi attende tra poco... un goccetto non può farmi male.


    Ultima modifica di valuccia85; 19th July 2015 alle 02:26

  7. #1417
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen Nárë Vanya

    Continuo a tagliare le radici che mi imprigionano quando un bagliore rischiara il campo, volto o sguardo alla fonte di luce e vedo Zagarth con il palmo infuocato innalzato al cielo.


    Mi guarda freddo, privo di umanità, poi scaglia l'attacco verso il basso e i cadaveri dei poveri gatti iniziano a prendere fuoco, davanti a tale spettacolo rimane impassibile e i suoi occhi non tradiscono alcuna emozione.




    Lo fisso incredula, è vero, i gatti sono già morti e non si può fare più nulla per loro, ma non capisco perchè l'abbia fatto davanti a me guardandomi in quel modo... Che abbia voluto insegnarmi qualcosa?


    <<Elen, alleniamoci.>> senza che me ne accorgessi anche Jarak è arrivato al campo per allenarsi in vista della battaglia che ci attende.


    Mi libero delle ultime radici poi stringo saldamente l'impugnatura della spada e incanalo verso di essa tutto il fuoco che sento scorrere nelle vene fin quando le fiamme divampano su tutta la lama in un impeto di libertà, domani avrò bisogno di tutto il loro calore, di tutta la loro luce per rischiarare le tenebre del Sinelux.
    <<Stai in guardia>> gli dico, noto Ryuk e Niniel dirigersi dai manichini, ma li ignoro e cerco di rimanere concentrata sull'avversario per imparare più cose possibili sul suo stile di combattimento: per ora l'unica cosa che so è che sa teletrasportarsi e che maneggia un pugnale.
    Scatto velocemente verso di lui tentando un affondo, con la spada salda nelle mani, dritto nel suo ventre, ma se, come probabile, dovesse teletrasportarsi compirò una rotazione completa sul posto con la spada (circa ad altezza della vita) tesa all'esterno pronta a colpire qualsiasi cosa mi sia attorno.


    Evocazione arma in forma attiva
    Ultima modifica di albakiara; 26th July 2015 alle 17:45

  8. #1418
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Una goia mi pervade tutto il corpo, un antipasto di ciò che ho intenzione di fare questa notte.



    Il mio pugno si schianta su quel naso da elfo che si ritrova, sento le ossa scricchiolare sotto il mio tocco... è tutto così esaltante!



    Ci raggiunge Zagarth, che dà fuoco a tutti i gattacci che sono a terra. Elen mi urla il suo sgomento, la guardo freddo, impassibile, mentre il ragazzo ferito si sta leccando le ferite. Questa sera non ho intenzione di giocare, questa sera si fa sul serio. Guardo lo stregone di fuoco...



    "Seguimi" gli faccio atono, andando in tenda a cambiarmi e prendendo la via del Glados.



    Giunti lì, inizio il mio discorso: "Non pensi che abbiamo bisogno di una notte per sfogare tutta questa rabbia? Ho bisogno di te Zagarth, ti prometto che ci sarà da divertirsi". Ghigno mentre l'uomo annuisce entusiasta.



    La luce azzurra ci investe mentre la mia mente si concentra su quel luogo tanto amato e odiato... casa... sto tornando a casa.

    Le azioni di Zagarth sono concordate con Mettiu

  9. #1419
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien


    Mi guarda strano... vabbè, quando mai mi ha guardato normale! Ma almeno afferra la bottiglia e non fa neanche finta di bere, ne manda giù un bel sorso "Non amo bere, ma ci sono abituata. Niente male...Che tu ci creda o no... mi dispiace che te ne vai..." Si siede addirittura accanto a me e poggia la bottiglia al suo fianco, che modi garbati... fa attenzione a non farla cadere.



    Poi si mette a guardare gli altri, non è un bello spettacolo, non mi sto divertendo "Ed a te?" Si volta verso di me... mazza che occhi grandi che ha



    "A te dispiace andare via? Non ti sto chiedendo se stare lontano da noi ti causerà un dolore, so bene che non è così ed è pure giusto che lo sia, ma vorrei sapere, in tutta onestà, se questa decisione irrita te... quanto ha irritato me..."
    Che domande... vuole le confessioni core a core, dovrei scoppiare a piangere o robe varie? Magari afferrare la sua spalla e cercare conforto, preferisco bere ancora, quindi giù un altro bel sorso, solo dopo aver lasciato che anche lei ne beva ancora.



    "Ovvio che ti credo... ho charme, sono bello, trasudo mascolinità da ogni poro, ho il pettorale in bella vista, come farei a non mancarti?" le faccio l'occhiolino, ma subito dopo mi lascio andare ad un sospiro



    " Non sono abituato a queste cose, solitamente le persone non vedono l'ora di scappare via da me e non sono un uomo che è capace di stare in un gruppo. Drako sa quello che fa, mi scoccia ammetterlo, ma è sempre stato così, quando ci guidava in guerra e sceglieva un elemento piuttosto che un altro, quando preferiva adottare la diplomazia piuttosto che la violenza, quando ascoltava il nemico che implorava perdono. Non lo capisco... non l'ho mai capito, ma so che è giusto e ciò non vuol dire che io lo accetti a cuor leggero o che sia concorde con la sua decisione. Ho i miei scopi da raggiungere e lo farò con o senza di voi. Diciamo che mi mancherà farvi incazzare"



    Giusto per rimarcare il punto, cerco una connessione tra noi, la mente si collega veloce alla sua per poi lanciare una scossa di dolore, sarà mediamente forte, ma durerà solo pochi attimi, poi le sorriderò sarcastico, porgendole nuovamente la bottiglia.

    Alterazione ed illusione
    Imposizione del dolore – L’incantatore si connette alla mente del nemico e crea in lui l’illusione del dolore, il corpo non subisce danni reali
    • Esperto – Genera forte dolore che pervade la testa del nemico: Emicrania fulminante, disorientamento e nausea - Durata di pochi secondi

  10. #1420
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti




    "Ovvio che ti credo... ho charme, sono bello, trasudo mascolinità da ogni poro, ho il pettorale in bella vista, come farei a non mancarti?" mi risponde facendo l'occhiolino.



    Lo guardo ed abbozzo un sorriso. Sarà pure un perfetto idiota, ma almeno è riuscito a strapparmi un sorriso e stasera ne ho davvero bisogno.



    "Non sono abituato a queste cose, solitamente le persone non vedono l'ora di scappare via da me e non sono un uomo che è capace di stare in un gruppo. Drako sa quello che fa, mi scoccia ammetterlo, ma è sempre stato così, quando ci guidava in guerra e sceglieva un elemento piuttosto che un altro, quando preferiva adottare la diplomazia piuttosto che la violenza, quando ascoltava il nemico che implorava perdono. Non lo capisco... non l'ho mai capito, ma so che è giusto e ciò non vuol dire che io lo accetti a cuor leggero o che sia concorde con la sua decisione. Ho i miei scopi da raggiungere e lo farò con o senza di voi. Diciamo che mi mancherà farvi incazzare"



    Non fa in tempo a finire la frase ed a permettermi di rispondere, che avverto una fitta alle tempie.
    Porto istintivamente una mano alla testa, dopo essermi lasciata sfuggire un "Ahi!".
    Dopo pochi istanti il dolore sparisce. Così com'è venuto. Strano.
    Cosa può essere accaduto? Di sicuro non è colpa dell'idromele... no, non è possibile.
    Potrebbe essere stato... lui. Ovvio. Quel sorrisetto stampato sulla faccia, non mi lascia alcun dubbio.
    Mi porge la bottiglia, l'afferro e butto giù un altro sorso...

    "Oh, è facile far incazzare la sottoscritta... le persone non devono impegnarsi granché, purtroppo..."



    Gli porgo di nuovo la bottiglia, tenendo lo sguardo basso. Tutta questa rabbia che ho dentro di me... questo dolore con cui convivo da sempre... chissà come sarebbe stata la mia vita se i miei genitori non mi avessero abbandonata. Forse oggi non sarei così. Forse non avrei questo fardello dentro di me, questa collera estenuante di cui non riesco a sbarazzarmi. Fortunatamente, almeno finora, sono riuscita a tenerla a bada, ma quanto durerà?
    Mi sento così stanca... stanca di provare tutto questo...
    Solo ora mi rendo conto di essermi incupita eccessivamente e di essere rimasta per troppo tempo in silenzio, così sollevo lo sguardo e dico...

    "Vorrei chiederti un favore - abbasso la voce per permettere solo a lui di udire le mie parole - Premetto che so perfettamente che non mi devi nulla e che sei liberissimo di rifiutare e mandarmi a quel paese, ma non conosco nessun altro a cui posso chiedere e... io ci provo. Vorrei potermi allenare con te fuori da qui. Io... ecco... ho molto da imparare e tu sei un guerriero decisamente abile. Voglio diventare più forte... devo diventare più forte e so che sei l'unico a cui posso rivolgermi..."



    Mi sento leggermente in imbarazzo per avergli fatto questa richiesta, ma ne ho bisogno.
    Devo diventare più forte. Devo imparare a combattere al meglio. A dare tutta me stessa, senza alcuna riserva.
    Proprio come fa lui. Non mi importa delle conseguenze: se non riuscirò in questo obiettivo... non avrò comunque nulla da perdere, quindi...
    Ultima modifica di valuccia85; 19th July 2015 alle 02:39

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •