Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 151 di 343 PrimaPrima ... 51101141149150151152153161201251 ... UltimaUltima
Risultati da 1,501 a 1,510 di 3422
  1. #1501
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien
    - Faradorn -

    Niente, questa tiene il cervello fritto come il fratello, prima o poi dovrò fare un discorso con la septa, non ha decisamente fatto un buon lavoro, anche se... immagino che persino una come Deirdre si sia esaurita appresso ad una ragazzetta pretenziosa con la coroncina di fiori in testa come la Principessina Esperin.



    <<Stammi a sentire tu invece, Ryuk. Non ti permetto di usare questo tono con me, ed ancora meno di darmi ordini, CHIARO? Cosa vuoi fare? Legarmi di nuovo? Imbavagliarmi magari, così da non permettermi di replicare? Uccidermi? Dai fallo, uccidi la Principessa che ha tradito, vedrai che mio Fratello e tuo Padre ti faranno anche gli onori! Forza... fallo, ORA!>> Non sarebbe una cattiva idea, specialmente quella di imbavagliarla. Alza le mani mi spintona, almeno cerca di farlo, non mi smuovo di un millimetro, è ridicola con questa forza da moscerino che si ritrova, è come se le sue mani stessero tentando di spostare un muro, potrebbe slogarsi un polso se non fa attenzione. Inclino la testa sulla destra, mentre continuo ad osservarla sbraitare, mi limito a ridere, un sorriso che sa di presa in giro, mostrando i denti<<No che non lo farai... perchè hai bisogno della mia collaborazione, non è così? O era solo una fase ed ora non è più così importante fermare Lantis?>>



    Dovrei cercare un piedistallo e piazzarcela sopra, perchè si atteggia a Regina del Mondo, tu guardala quella puzza sotto al naso non se la leva neanche con l'odore di merda e devo ammettere che puzza pure lei, si puzza decisamente. <<Ho preso la mia decisione, e non sarai tu a fermarmi, tanto meno il giudizio tuo o di Drako o di chiunque altro. Quindi, senza perdere altro tempo, puoi portarmi da lui SI o NO?>> Resto in silenzio impassibile, ma non mi smuovo ancora, con chi crede di avere a che fare? Con il fratello? Non ci metto nulla a colpirla su quel bel faccino che si ritrova ed a farle rientrare il naso in gola, così si leva quella espressione del cazzo dalla faccia che non sopporto. NON LA SOPPORTO! "Che ti sia chiara una cosa: mi servi viva, non intera, mi basti che continui a respirare, non m'importa se devo ridurti come un vegetale, l'importante è lasciarti quel tuo grasso culo da piazzare sul trono. Ti porterò da Drako..."

    Peccato che non mi ricordi dove si trovi, ma in un modo o nell'altro devo farcela, a costo di chiamarlo in zona neutra, a costo di scendere a compromessi, devo tornare in quel campo "... ma devi chiudere il becco, entrare in quella casa e lasciare che io mangi qualcosa, perchè se non mangio divento intrattabile e se divento intrattabile potrei iniziare a trovare la tua carotide interessante. La casa è a tua disposizione..." digrigno i denti e le faccio spazio per passare "Al piano di sopra c'è la stanza da bagno ed in fondo, in quella da letto, c'è l'armadio con degli abiti. Muoviti" mi rendo conto che il gatto ci ha raggiunti e si sta arrampicando vicino la gamba



    m'incammino verso casa e questo scende in automatico, togliendo quelle unghie affilate e fastidiose dagli stivali, ma continua a seguirmi, ha sempre avuto questo vizio, così come la madre e la madre ancora prima di lei, ma faccio finta di non badarci, attenderò che Esperin mi abbia raggiunto, per chiudermi la porta alle spalle e finalmente mettere qualcosa sotto i denti.


  2. #1502
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Lady Blackstone



    Riapro lentamente gli occhi. La vista è appannata per via delle lacrime. Edric...Edric mi ha lasciata un'altra volta e io non ho potuto salvarlo. Neanche questa volta.
    Vicino a me scorgo un sasso, tendo la mano per raccoglierlo. Lo afferro, poi mi alzo in piedi, barcollando.



    Stringo forte la pietra con la quale colpisco il mio braccio sinistro. Digrigno i denti, mentre colpisco una seconda volta, con più forza.
    Passo poi il sasso alla mano sinistra e faccio lo stesso. Il sangue scivola via dalle maniche del mio bell'abito, ormai semidistrutto. Dalle punta delle dita coperte dai guanti gocciola il mio sangue con un ritmo sempre più veloce.
    Avrei dovuto porre fine alla mia vita quella maledetta notte, invece di scappare come una codarda. Anche un cane ha coraggio, io sono stata inferiore persino ad un animale.
    La mia bocca si contrae. Comincio a ridere in preda all'isteria mentre osservo l'erba ai miei piedi bagnata del mio sangue.
    Scuoto la testa, cercando di ritrovare la lucidità che spesso m'abbandona.
    "Valar Morghulis." sussurro alla fine, mentre mi trascino via, verso l'accampamento. Giungo dinanzi alla tenda di Elen, sgusciandoci poi all'interno.





    Osservo il suo viso, piegando leggermente la testa a destra.



    "Curami" le bisbiglio rauca una volta avvicinatami al suo orecchio.

    Ultima modifica di scarygirl; 30th July 2015 alle 15:14


  3. #1503
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen Nárë Vanya

    <<Curami>>


    <<Ehhh>> mi sveglio di colpo, spaventata, e metto a fuoco la figura accanto a me: lady Blackstone.




    Cavoli, ero appena riuscita ad addormentarmi dopo il bacio sulla fronte di Larieth...
    <<Uhm... - mi stropiccio gli occhi - va bene... Mostrami le ferite...>>


    Poggio le mani sulle sue braccia sanguinanti e lascio che il mio potere agisca, nel frattempo rimango in silenzio ad osservare lo scintillio che brilla nella penombra della tenda.


    Questa donna mi inquieta e vorrei se ne andasse subito, ma poi ripenso alle sue numerose e profonde cicatrici e vorrei fare qualcosa in più per lei <<Se vuoi posso provare a far qualcosa per... per le tue gambe...>>


    le dico gentilmente <<Ne hai molte altre?>>.

    Rigenerazione: rigenera ferite profonde non mortali, ossa rotte, danni medi da elemento.
    Ultima modifica di albakiara; 26th July 2015 alle 22:52

  4. #1504
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Lady Blackstone



    La ragazzina si sveglia, lentamente, per poi chiedermi di mostrale le ferite.







    Credo intenda le più recenti.
    Tendo le mie braccia insanguinate verso di lei e attendo. La giovane libera il suo luminoso potere dai palmi delle mani.



    Un bagliore che mi disturba la vista, ma che rimargina rapidamente le mie ferite. E' solo in questo momento che ritrovo la calma, la tranquillità. Il potere curativo di questa ragazza è in grado non solo di curarmi, ma persino di rilassare i miei nervi tesi, l'ansia e far assopire la rabbia che covo dentro.



    <<Se vuoi posso provare a far qualcosa per... per le tue gambe...>> mi propone. <<Ne hai molte altre?>>.
    Le ha viste.
    Chino il capo, abbassando lo sguardo. Resto in silenzio limitandomi solo in un secondo momento far cenno di no con la testa.
    Spero che le cure terminino il prima possibile, comincio a sentirmi a disagio.
    Ultima modifica di scarygirl; 30th July 2015 alle 15:23


  5. #1505
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar
    -Faradorn-

    Non si smuove neanche di un millimetro... provo a imprimere maggiore forza nel gesto, scocciata, ma niente. NIENTE! Mi sembra di avere un muro davanti, sia fisicamente che mentalmente.



    E poi ride, ancora, mostrando quei denti da cane. Ma che diamine si ride? Ma gli pare questo il momento di ridere? Idiota! Non parla, non mi risponde, probabilmente gli è esploso quell'unico neurone che si ritrova... ma no, peccato. "Che ti sia chiara una cosa: mi servi viva, non intera, mi basti che continui a respirare, non m'importa se devo ridurti come un vegetale, l'importante è lasciarti quel tuo grasso culo da piazzare sul trono" piego la testa di lato guardandolo sarcastica, prima di rispondere "Certo, ottima idea! Così la guerra la vincerai con un esercito di vegetali, oppure con i prodi guerrieri dell'Auspex che avevano davanti l'obiettivo più delicato dei Reali e non si sono neanche avvicinati! Certo... in questo modo il mio culo, che non è assolutamente grasso, ce lo piazzi sicuro sul trono!" Stronzo!



    "Ti porterò da Drako..." bene, finalmente cominciamo a ragionare, abbiamo perso fin troppo tempo "... ma devi chiudere il becco, entrare in quella casa e lasciare che io mangi qualcosa, perchè se non mangio divento intrattabile e se divento intrattabile potrei iniziare a trovare la tua carotide interessante. La casa è a tua disposizione..." digrigna di nuovo i denti - gli piace proprio! - e mi fa spazio per passare "Al piano di sopra c'è la stanza da bagno ed in fondo, in quella da letto, c'è l'armadio con degli abiti. Muoviti" ordina ancora, infastidito. LUI infastidito... pazzesco! "Non ho intenzione.....di....." abbasso lo sguardo quando con la coda dell'occhio vedo qualcosa, un gatto, arrampicarsi sul suo stivale.



    Ma quel gatto... lo osservo stranita per poi scuotere il capo tornando a concentrarmi su di lui "...di venire con te!". Poi però torno a guardarlo, è tutto bianco con gli occhi misti, uno giallo ed uno azzurro, è raro vederne così a Dohaeris, a dirla tutta...non credo di averne visti più di un paio. Sembra quasi....oh, ma che mi importa adesso! "Va bene, vai a mangiare, ma io ti aspetto qui, non ho nessuna intenzione di entrare!" ribatto ancora scocciata, sedendomi su un masso e voltando il viso altrove, verso l'alto.



    Il gatto miagola seguendo Ryuk che ha fatto appena qualche passo ignorandolo totalmente, che razza di insensibile. Istintivamente mi alzo per prenderlo in braccio, raggiungendo poi Ryuk e superandolo di poco "Trova qualcosa da mangiare anche per lui, ma non lo vedi come è smagrito?".



    Faccio qualche altro passo ma il gatto si dimena e mi scivola dalle braccia dopo avermi graffiato, tornando ad infilarsi tra i piedi di Ryuk quasi rischiando di farlo inciampare. Ma... ma che?! Guardo prima il gatto e poi Ryuk, perplessa...

  6. #1506
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    La bell'elfetta entra in tenda, si siede accanto a me e mi racconta di alcuni suoi problemi famigliari, restando molto sul vago. Io annuisco per riflesso, ma in realtà denoto che il suo vestito lascia vedere tutta la sua beltà. Il top superiore le stringe bene i seni... e so bene quanto sono soffici e prosperosi! La gonna scopre le belle gambe tornite e sode... le labbra sono carnose e i suoi occhi... ma chi se ne frega degli occhi! Non do a vedere, ma la mia attenzione non è certo focalizzata agli occhi. Elen era agitata a quanto pare, una grattatina dietro le orecchie dovrebbe calmarla ma a quanto pare è già andata a nanna quindi inutile disturbarla. Famiglia... che notte strana, questa. "Vorrei tanto averla una famiglia cui mancare e che mi manca... purtroppo per me è come se fossero tutti morti" dico un po' triste. I ragazzi tristi fanno sempre colpo. Non ho manco mentito: loro sono quasi tutti morti. "Ti va di andare al lago? Mi piace osservare l'acqua di sera, con la luna che ci si specchia come una fanciulla vanitosa" le propongo gentile. Tutto sommato è vero che mi sento malinconico e mi piace osservare la luna che rifrange sull'acqua, alla fine qeusta sera ho dato un bel taglio netto al mio passato, devo ripensare alla mia vita, ai miei obiettivi. Il racconto di mio padre... sapere di mia madre. Zia Sybil direbbe che non ho affrontato bene il trauma. "Sai come so del soprannome di mio cugino?" le domando serio, abbassando il capo. "Ho... ho incontrato mio padre al Valmorghuli... lui voleva sincerarsi che fossi morto all'Auspex... gli ho dato l'ennesima delusione" le dico triste. Decisamente sarà divertente giocare con Larieth, inoltre spero che con questo mio atteggiamento accondiscendete e sensibile, mi parli lei spontaneamente di cosa è successo con Ryuk.

  7. #1507
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen Nárë Vanya

    Quando nomino le sue cicatrici la donna china il capo senza dir nulla, forse non voleva che le scoprissi.


    La guardo cercando di dar voce ai suoi silenzi quando la vedo scuotere il capo in segno di diniego... No, non vuole che io provi a rimuovergliele dalle gambe o no, non ne ha altre sul corpo? Bah, non insisto oltre.




    Quando la luce della mia magia si affievolisce fino a svanire stacco i palmi dalle sue braccia e le dico atona:
    <<Va bene, le braccia sono guarite... Se cambi idea per quelle - indico con gli occhi le sue gambe - sai dove trovarmi.>>


    Sbadiglio e rimango seduta sul pagliericcio in attesa che la donna esca dalla tenda, non credo abbia voglia di parlare, ma in caso contrario resterò ad ascoltarla.

    Ultima modifica di albakiara; 26th July 2015 alle 23:17

  8. #1508
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien
    -Faradorn-

    Ok... non vuole venire, si siede fuori su di un masso, ma non ho neanche il tempo di voltarmi, che la vedo correre dietro al gatto come fosse una bambina... come quella volta, sono sempre più convinto del fatto che sia cresciuta solo fisicamente. Mi supera addirittura e resto per un attimo ipnotizzato da quelle rotondità così generose che... che le menerei un bello schiaffo, immagino che ci sarebbe uno rimbombo epico. Riporto l'attenzione al pentolone, ormai il fuoco è spento, ma la zuppa è ancora calda, almeno sta qua non mi ha fatto freddare la cena



    Prendo una ciotola, non curante di lei alle mie spalle, e la riempio fino all'orlo di tanti bei pezzetti di carne bianca, immersi nel brodo, con le rondelle di verdure che... mmmmh, che profumo



    "Trova qualcosa da mangiare anche per lui, ma non lo vedi come è smagrito?"



    Mi volto verso di lei, il tempo di notare come il gatto si ribella e la graffia, per poi tornare a girarmi attorno ai piedi, la scena ha qualcosa di comico, non può far altro che tornarmi un ricordo alla mente talmente vecchio, da essere sepolto sotto cumuli di anni ed anni alle mie spalle, ma era troppo piccola all'epoca, dubito che ricordi.

    "Deve essere un vizio di famiglia"
    esclamo senza pensarci, una frase più rivolta al gatto che a miss puzza sotto al naso, non le ho mai dato un nome, ma non lo diedi neanche al padre ed alla nonna, continuerò questa tradizione, non ho intenzione di mettermi a pensare a nomi scemi come: fuffi, lulli, trilli... puah. Afferro anche la ciotola con il latte al suo interno e lo poggio in terra, tempo pochi istanti, che il gatto ci si fionda, questa volta però mi rivolgo ad Esperin "Hai ragione, altrimenti non posso cucinarla tutt'ossa così com'è"

    Stupida ragazzina. Finalmente mi siedo al tavolo ed inizio a mangiare, cercando di capire che intenzioni abbia la bella statuina.

  9. #1509
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar
    Faradorn


    "Deve essere un vizio di famiglia" esclama Ryuk, ridendo, versandosi poi una ciotola di quella roba strana che sta cucinando.



    Guardo lui e poi ancora il gatto con lo sguardo dubbioso, accigliato, e poi ricordo dove l'ho già visto... ma non può essere quel gatto, sono passati anni! Un vizio di famiglia, ah...ora capisco...

    <<E dai, non scappare!>> sbuffai imbronciata quando per l'ennesima volta, in quella mattinata soleggiata del I mese delle Rose, vidi il nuovo gattino saltare giù dal gradino sul quale si era appisolato per fuggire lungo il sentiero, infilandosi infine in un cespuglio di fiori. Accidenti! Lo seguii con gli occhi per poi corrergli dietro non appena lo vidi sbucare dall'altro lato dell'aiuola, ormai era diventata una questione di principio, dovevo prenderlo. A momenti sarebbe iniziata la lezione di storia con la Septa, quindi dovevo assolutamente sbrigarmi, altrimenti mi avrebbe bacchettato le mani se non di peggio, ma non volevo rinunciare. Quel micio era così bello e piccino, tutto bianco con gli occhi di due colori, magari avrei potuto tenerlo, perché si rifiutava di giocare con me?
    Continuai a corrergli dietro ormai col fiatone, finché non vidi che rallentava, ed accelerai convinta che avesse finalmente deciso di cedere. Un'ombra però mi bloccò all'istante, facendomi alzare il viso verso l'alto ad osservare la persona che avevo davanti. Lo riconobbi subito ovviamente, il figlio di Lord Tywin, e nonostante sapessi poco di lui, dato che quando parlavano delle sue gesta prestavo sempre poca attenzione non sopportando la violenza gratuita che lo caratterizzava, mi incuteva ovviamente molto timore. Quello che pensai non fu cosa poteva fare a me, sapevo che non mi avrebbe fatto nulla, non nei giardini di Luna di Diamante, ma cosa avrebbe fatto a quel micetto indifeso che, da sconsiderato, si era avvicinato alle sue gambe. Pensai che era davvero un gatto stupido, io gli ero corsa dietro invano per ore, e lui preferiva avvicinare un essere così malvagio che probabilmente lo avrebbe ucciso senza remore. Indietreggiai di qualche passo con quasi le lacrime agli occhi, non sapevo se scappare o mettermi ad urlare per far scappare il gatto, per salvarlo. Lui mi guardò per qualche istante con un mezzo sorriso ironico sul viso, mentre il micio ingrato continuava a strusciarsi attorno alle sue gambe, poi lui lo prese dietro il collo con una sola mano e lo alzò per aria, all'altezza del suo viso, per guardarlo meglio. Ecco, pensai, ora lo lancia via... o lo sbatte per terra e lo uccide, o se lo mangia come la Septa...non mi avrebbe stupito in ogni caso, ed invece ci riuscì. Lo prese anche con l'altra mano per tenerlo meglio, accarezzandolo un paio di volte, prima di porgermelo <<E' tuo ragazzina? A Deirdre piacerebbe... non farglielo vedere>> mi disse con tono quasi gentile, sorridendo. Ricordo che aveva ancora i denti sani, non come ora, altrimenti avrebbero sentito le mie urla probabilmente fino alla Torre della Mezzaluna. Sbattei le palpebre un paio di volte incredula, poi facendomi coraggio mi avvicinai titubante prendendo il gattino e stringendolo forte al petto con entrambe le mani, <<N-no...non è mio>> risposi impaurita, per poi voltarmi per scappare via. Feci pochi passi ed il gatto cominciò a dimenarsi, finché non dovetti lasciarlo scendere per non essere graffiata, e lo vidi tornare indietro da lui. <<Stupido di un gatto!>> esclamai stizzita, voltandomi e rientrando subito al Castello. Ricordo che mentre correvo mi chiesi se quel ragazzo fosse davvero così mostruoso come tutti lo descrivevano, e per un pò pensai anche che non lo fosse...la mia ingenuità non aveva limiti, devo ammetterlo.
    <<BENE!>> esclamo a voce alta, stizzita, <<Al diavolo pure questo stupido gatto!>> aggiungo contrariata, per poi guardarmi attorno. L'ambiente è molto rustico, spartano, la prima impressione che ho avuto la prima volta di questo posto è stata confermata. Sembra proprio la casa di un cacciatore, o di un contadino... sicuramente non la casa di un nobile.



    Per lo meno è pulito qui dentro, non come fuori. Eppure, seppur semplice ed arrangiato, questo posto sembra...vissuto. Strano, credevo vivesse prima al Castello Nero ed ora dai Reietti, quindi mi sarei aspettata che fosse trasandato, abbandonato. Forse ci vive anche qualcun altro... si, possibile.



    Il gatto raggiunge velocemente una ciotola piena di latte ed inizia a mangiare, e mi rassereno vedendo che almeno si ricorda di nutrirlo... povero micio. O povera... forse è femmina, si credo sia femmina. Stanca di stare in piedi mi siedo anch'io, in maniera composta, aspettando che finisca di mangiare, scocciata. Ma il profumo paradossalmente invitante che invade la stanza inizia a stimolarmi un certo appetito, anche se mi impongo di non darlo a vedere dato che non ho alcuna intenzione di mangiare la brodaglia schifosa che questo essere ha cucinato. Chissà che ci ha messo dentro... chissà se quello è davvero pollo. "Hai ragione, altrimenti non posso cucinarla tutt'ossa così com'è" Guardo il gatto... poi la sua ciotola...poi lui...oh Dei. No... sta scherzando... sono certa che sta scherzando. Deve per forza essere così, altrimenti non avrebbe ancora la discendente di quel gatto di tanti anni fa in casa, quindi ignoro la sua battuta, sbuffando ancora. E' un emerito cretino, già!



    In quel momento un brontolio incontrollato tradisce il mio stomaco, ed a stento provo a coprirlo con un colpo di tosse. Vedo Ryuk alzare il capo verso di me e sghignazzare, senza però muovere un muscolo. Ma che razza di maleducato! Che rozzo...villano...maleducato! Mi alzo di scatto, stufa di stare qui a guardarlo mangiare, e soprattutto di sentire questo odore fastidioso <<Credo approfitterò del bagno, devo togliermi tutto questo...schifo di dosso>> e senza dire altro lascio la stanza per raggiungere il piano superiore. Trovo facilmente il bagno e mi chiudo dentro a chiave, per poi mettere davanti alla porta una sedia incastrata. Guardo per un momento quello che ho fatto e poi scoppio a ridere...sono proprio cretina! Se avesse voluto farmi qualcosa lo avrebbe già fatto, e non basterebbe una sedia incastrata a fermarlo.



    Mi tolgo finalmente questi vestiti sporchi, ormai di quello che era il mio abito è rimasto ben poco, e li lascio cadere a terra lasciando poi su di essi la spada. Completamente nuda mi avvicino al catino e vi riverso dentro l'acqua fresca, decisamente quello di cui ho bisogno ora. Aggiungo del sapone, dei sali profumati che ovviamente non sembrano mai stati usati - e non mi sorprende affatto, basta sentire la sua puzza! - e poi mi immergo totalmente nell'acqua.


    *Azioni di Ryuk e Flashback concordati con Eclisse

  10. #1510
    sim dio L'avatar di saphira_84
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Età
    40
    Messaggi
    4,217
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    28

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Larieth Slagant


    <<Vorrei tanto averla una famiglia cui mancare e che mi manca... purtroppo per me è come se fossero tutti morti>> esprime triste il ragazzo.
    Come posso essere sempre così egoista e pensare di aver solo io i problemi? Almeno io, ho una famiglia che mi ama moltissimo, è vero per ora non posso stare con loro, ma il solo sapere che ci sono, mi da forza.
    Il ragazzo mi chiede se mi va di andare al lago, anche io adoro restare in riva a osservare l'acqua, mi rilassa moltissimo. Annuisco e mi alzo dal pagliericcio quando lui prende di nuovo la parola.
    << Sai come so del soprannome di mio cugino?>> mi domanda abbassando il capo. <<Ho... ho incontrato mio padre al Valmorghuli... lui voleva sincerarsi che fossi morto all'Auspex... gli ho dato l'ennesima delusione>>
    Lo guardo incredula, ma come può un padre volere la morte del proprio figlio?
    << Oh Dahmer, mi dispiace moltissimo, io ti sto parlando dei miei stupidi problemi, quando i tuoi sono decisamente peggiori>> gli dico abbassando lo sguardo imbarazzata dalla mia insensibilità.
    <<Non vorrei essere indiscreta, ma... come mai tuo padre ti odia così tanto da volerti morto?>> gli chiedo perplessa. << Non sei obbligato a parlarmene se non ti va>> mi affretto ad aggiungere, so che ha legato molto con Elen in questi giorni, forse preferirebbe avere lei accanto ora.
    << Dai forza andiamo al lago>> gli dico sorridendogli, mentre aspetto che si alzi pure lui.
    Quando uscirà dalla tenda, lo seguirò.
    Ultima modifica di saphira_84; 19th July 2015 alle 11:30

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •