Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 191 di 343 PrimaPrima ... 91141181189190191192193201241291 ... UltimaUltima
Risultati da 1,901 a 1,910 di 3422
  1. #1901
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti







    Il giovane elfo apre la cerniera della tenda visibilmente assonnato.

    "Niniel..."



    Cavolo... l'ho svegliato veramente. Speravo veramente di non svegliarlo, ma visto che ormai ci siamo...

    "Scusami davvero, Devon. Non volevo svegliarti. Mi spiace di aver interrotto il tuo riposo..."



    Mi dispiace veramente. Cioè... ci siamo rivolti la parola raramente ed ora mi presento qui, interrompendo il suo sonno, per chiedere delle cure. Mi sento quasi... in colpa.

    "Perdonami, ho avuto le traveggole per un attimo, ora sto bene..."

    Afferma con un sorriso per poi rivolgermi uno sguardo imbarazzato. O almeno... sembra imbarazzato.
    Sì, ok, ma... perché? Che la mia presenza possa causargli disagio? Forse è semplicemente timido...

    "Ehm... seguimi in tenda, mi dirai tutto là dentro!"

    Aggiunge per poi porgermi la mano ed invitarmi ad entrare.
    Oh... per la miseria... ed ora? Che faccio?
    Dovrei stringere la sua mano? Dovrei rifiutare?
    Se rifiutassi ora... non risulterei, forse, scortese? No... non posso farlo.
    Non posso presentarmi qui, pretendere che mi curi e poi rifiutare una semplice stretta di mano. No... non posso.



    Stringo la sua mano ed accetto di entrare nella tenda, per poi sedermi sul pagliericcio ed osservarlo mentre chiude la tenda...

    "Eccomi, dimmi pure..."



    Soltanto adesso mi rendo conto di aver tenuto, per tutto questo tempo, la mano destra poggiata sul ventre, nel tentativo di fare pressione per rallentare la fuoriuscita del sangue.

    "Ecco... - replico togliendo la mano per permettergli di vedere la ferita - Ho appena finito di allenarmi e come vedi Jarak mi ha lasciato un ricordino..."

    Accenno un sorriso.

    "Non abbiamo avuto modo di parlare finora. Ti trovi bene qui?"

    Spero di poter scambiare qualche parola con lui. Non lo conosco per niente ed è importante conoscere i propri compagni: sia per la guerra in corso che... per me stessa.


    Ultima modifica di valuccia85; 5th September 2015 alle 23:38

  2. #1902
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Mi domando dove sia la sua salma ora, dipende dalle circostanze della sua morte. Ancora non mi capacito di usare questo termine associato a lui: morte. Forse dovrei domandare notizie, dovrei recarmi al Castello Nero o andare direttamente alla Torre… ma che mi viene in mente?



    I Saggi, forse dovrei andare dai saggi, ci vuole un funerale, iddio… qualcuno… qualcuno dovrà occuparsene e… sento i singhiozzi tornare, sono sfinito. Ho freddo, mi volto verso la finestra ma è chiusa, ho tremendamente freddo, forse sono sintomi febbrili, sarà semplicemente la stanchezza o che mi ostino a non indossare mai nulla per coprire il busto.



    Dovrei mettere qualcosa, magari mi stendo e mi infilo un po’ sotto le coperte. Un rumore mi distrae, sembra che il gatto stia graffiando contro la porta, lo fa sempre maledetta, prima o poi mi troverò tutto il legno stracciato. Non mi scompongo, quando sarà entrata la farò salire sul letto e la porterò accanto a me, così mi riscalderò di più. Resto fermo con lo sguardo dritto avanti a me e l’uscio si apre, il mio sguardo è puntato a terra, pronto ad osservare la gatta ed a battere la mano sulla coperta per farla venire, ma… c’è qualcosa: una gonna lunga di color verde.



    Seguo le linee della figura fino ad arrivare al volto e mi rendo conto che è Esperin, mi ha seguito, non doveva farlo. Se sono venuto qui, è per stare da solo, non voglio nessuno tra i piedi. Ha scambiato questa per casa sua? Entra ed esce dal Glados a proprio piacimento come nulla fosse, come ha fatto capire che mi trovavo qui?



    La rabbia è forte, lo sguardo si assottiglia maggiormente, è già ridotto quasi ad una fessura per il gonfiore, ho peso che non riesco a togliermi dal petto e questi maledetti singhiozzi che hanno deciso di persistere conto ogni mia volontà. Allungo veloce il braccio nella sua direzione con il palmo aperto. Sento la mia energia accumularsi e bruciare, fa male, fa male come non mai ed è come se esplodesse dall’interno, come se qualcosa si stia spaccando. Quel freddo aumenta, è violento, un freddo che brucia le carni e le straccia. Che sta succedendo? Il fiato si fa più corto e lo vedo condensarsi sotto ai miei occhi, mentre si libera dalla bocca. Sento il braccio irrigidirsi e tendersi, tendersi come se qualcuno lo forzasse a stare teso e fermo, costretto in una morsa. Sposto lo sguardo da Esperin al mio braccio, uno sguardo che da rabbioso diventa perplesso e confuso. Il mio braccio… il mio braccio sta congelando, la pelle si tinge di una tonalità grigiasta tendente all’azzurrino, come privato dal sangue, dei piccoli cristalli iniziano a formarsi veloci, espandendosi sempre più rapidamente, mentre dei tagli si aprono sull'epidermide facendo fuoriuscire del sangue che si cristallizza nel ghiaccio. Il dolore è talmente forte che urlo, portando l’altra mano sul braccio per tentare di fare qualcosa. Il ghiaccio si fa più spesso e lucente, sembra quasi che brilli con i cristalli che rifrangono la luce.



    Quando sembra che il congelamento si sia arrestato, guardo con gli occhi sgranati cosa è accaduto, non... non capisco.

    Distruzione
    L’incantatore ha la capacità di concentrare la propria energia nel palmo di una mano e congelare ciò con il quale viene in contatto
    • Maestro - Crystal Grave -congela tutto il corpo a contatto, causandone la paralisi ed ingenti danni da assideramento


  3. #1903
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Resto ferma sulla porta mentre lo sguardo di Ryuk si posa prima sulla gatta ai miei piedi per poi risalire fino al mio volto, e vedo chiaramente la rabbia nei suoi occhi che si assottigliano sempre più, anche se i singhiozzi tradiscono quello che è il suo stato d'animo. Deve aver pianto per un bel pò a giudicare dal gonfiore del viso, ma evito di fissare troppo questo particolare per non urtarlo maggiormente, anche perchè sembra già abbastanza alterato nei miei confronti, forse troppo.



    Lo vedo infatti alzare velocemente il braccio nella mia direzione quasi come per scagliarmi contro il proprio potere elementale, e sto per scansarmi o dirgli in malo modo che non è necessario essere così drastici e violenti come suo solito, quando mi accorgo di qualcosa di strano. Sembra perplesso, confuso, dolorante, dalla sua bocca si addensa come del vapore freddo mentre il suo braccio inizia a tendersi in maniera innaturale. Non riesco a capire cosa sta succedendo, o se tutto questo è dovuto alla mia presenza, forse avrei dovuto restare al campo ed evitare di presentarmi qui per non creare queste questioni...è stata una pessima idea. E poi lentamente inizio a capire, mentre lui appare invece sempre più confuso, il suo braccio inizia ad assumere la tonalità grigiastra tipica degli arti privati del circolo naturale del sangue, mentre iniziano a formarsi dei cristalli che si diffondono sempre più rapidamente fino a tagliargli la pelle, provocando l'uscita del sangue che rimane cristallizzato. Il suo braccio sta letteralmente congelando, e decisamente non è una cosa voluta, dato che inizia ad urlare sconvolto portandosi l'altra mano per cercare di placare il dolore, senza rendersi conto che in questo modo può rischiare di peggiorare la situazione, spezzandolo. Conosco questo potere, sia dai miei studi che dagli allenamenti, l'ho visto usare da Cassandra e da Vicent tantissime volte, e l'ho subìto direttamente anche se forse in una forma diversa, molto più lieve... ma sono certa di non sbagliarmi. Ha appreso un nuovo potere, solo che non riesce ancora a controllarlo, questo vuol dire quindi che ora è maestro.



    "Non toccarlo" gli dico categorica, sperando che per una volta mi dia retta, mentre mi guarda ancora frastornato. Corro in bagno e prendo un paio di teli puliti, per poi tornare rapidamente in camera e lasciarne uno sulle sue gambe sotto il braccio, poi senza pensarci troppo provo ad avvicinarmi con entrambi i palmi al ghiaccio rilasciando il mio elemento in quantità irrisoria su essi, in modo tale che l'acqua si agiti e ruoti contro il ghiaccio provando in questo modo a scioglierlo poco a poco, senza provocargli ulteriore danno.



    Lentamente qualche goccia inizia a cadere sul telo, per poi divenire sempre più frequenti, ma il processo mi risulta da subito molto lento per lo spessore del ghiaccio che si è formato attorno al braccio, e resto in silenzio per un pò prima di aggiungere "Dovresti aiutarmi provando a richiamarlo" con tono incerto, non so se ne sia effettivamente in grado, se si stia rendendo conto di cosa è successo, in condizioni normali riuscirebbe sicuramente a farlo dato che questo potere è parte di lui ma ora è sconvolto per suo Padre e potrebbe non essere lucido.



    Resto in silenzio per tutto il tempo concentrata su quello che sto facendo, non credo sia necessario aggiungere altro, sono venuta qui perchè pensavo che nessuno con quello sguardo dovrebbe restare solo, ma forse mi sbagliavo. Quando ho saputo della morte di mio Padre sono stata circondata da tantissime persone che, per interesse o amicizia, hanno provato a starmi accanto...e mi sono sentita soffocare, quindi capisco la necessità di restare soli. Tuttavia, se quel giorno non ci fosse stata Alinor a rivolgermi in disparte quel semplice sguardo discreto e sincero, probabilmente sarei stata persa, non avrei avuto quella forza che mi ha permesso di superare quella giornata. Ma io sono io, sono consapevole che gli altri possono voler affrontare le cose in maniera differente e credo sia giusto rispettarlo... ho sbagliato a venire qui, sono partita da presupposti troppo legati alla mia esperienza personale. Quando il ghiaccio si sarà sciolto, sia per merito mio o perchè lo avrà riassorbito lui, proverò a fasciargli il braccio in silenzio rimuovendo il sangue con l'altro telo "dovrebbe essere a posto, basterà un pò di quella pozione" gli dirò tranquillamente, per poi dirigermi verso la porta. "Ora ti lascio solo, riposati. Torno al campo"



    chiuderò la porta alle mie spalle, dirigendomi verso le scale per raggiungere il Glados.


    Esperto Tempesta acquatica – Ogni mano genera una sfera di acqua dal diametro di un metro, le quali roteano in sensi opposti. Vengono lanciate contemporaneamente e quando colpiscono, stringono l’avversario in una morsa schiacciandolo e strisciandoci contro con forza. Provoca escoriazioni, danni da urto e contusioni

  4. #1904
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen Nárë Vanya

    Jarak ascolta attentamente le mie parole e forse si aspettava qualcosa di più, ma le mie conoscenze su quegli eventi si limitano a quello, persino Esperin sembra saperne più di me.
    <<Mio zio era... o è>> Jarak ignora se sia o no ancora in vita così gli riferisco quanto so da Dahmer <<E'... Ho saputo che è ancora vivo>>... Vivo e mi sta dando la caccia, ma queste sono le parole di un bugiardo.
    <<un uomo egoista, stupido, sottomesso a un mostro ancora peggiore di lui>> fa un respiro profondo, non deve essere affatto facile per lui rivangare eventi che da lungo tempo ha sepolto <<mia madre>>.


    <<Mi spiace per i tuoi genitori. Mi spiace che siano morti a causa della mia famiglia>> si alza in piedi e si allontana da me, è in evidente difficoltà e non so come aiutarlo.


    <<Non è colpa tua...>> gli dico cercando di rassicurarlo anche con lo sguardo quando lo vedo stringere i denti.


    Fortunatamente si calma e mantenendo lo sguardo su di me mi chiede curioso come mi sono salvata e se mi sono unita ai reietti a causa di questo.
    <<Uhm... Un servo fedele ai miei genitori mi ha salvata quando ero ancora in fasce, ma ignoro le circostanze su come ci sia riuscito>> affermo pensierosa, in effetti per il servitore non deve essere stato semplice sfuggire alla sorveglianza, magari c'è stata la complicità di altri. Mi piacerebbe poter un giorno scoprire la verità sulle dinamiche di quella notte, ma temo sia difficile, se non impossibile.


    <<Circa le ragioni, invece, che mi hanno spinto a seguire Kalisi la vendetta non centra nulla, o quanto meno non mi è mai interessata prima d'ora...>> non so se le cose cambieranno ora che sto scoprendo tutte queste verità <<Sono qui perchè Drako mi ha salvato la vita e, seppur libera di andarmene, ho preferito rimanere qui per aiutarlo... Credo molto nei suoi ideali e con tutto quello che sta succedendo a Dohaeris non posso restare a guardare da bordo campo...>> dico convinta e sicura: si, voglio, devo, lottare per la libertà mia, della mia tribù e di tutti i cittadini.


    Fare questo discorso ad alta voce mi ha donato nuova consapevolezza, non devo farmi abbattere dalle questioni personali di questi giorni, ma devo rimanere ferma sulle mie convinzioni e pensare al futuro.
    <<Tu, invece, perchè sei qua? Per la tua famiglia?>> chiedo interessata, non abbiamo mai affrontato questo discorso visto il suo carattere chiuso nei primi tempi, ma ora è diverso.
    Ultima modifica di albakiara; 9th September 2015 alle 16:07

  5. #1905
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Le due dosi di pozione scendono lisce in gola e tutto sommato il sapore non è male. La ferita al collo inizia a sanguinare meno, il dolore al fianco è sparito ma non quello alla spalla. Le mani non sono più ustionate, almeno non devo lacrimare per ogni cosa che prendo.



    Dovrei proprio risolverla questa cosa con Elen, ma mi sono impegnato ad aspettare. Anche perchè ora come ora potrebbe usare quel suo dannato fuoco e peggiorerei solo la situazione. Dalle istruzioni che ricordo, non posso bere una terza dose o perderei tutti i miei poteri per un giorno interno. Cosa che non posso permettermi, devo allenarmi, diventare più forte. Ma questo ha bisogno di un guaritore. Mi scompiglio i capelli: no, sono sicuro di aver fatto la cosa giusta. Era così importante fare la cosa giusta? Sento venire a galla ancora quel moto di confusione che mi sta accompagnando in questo periodo. Accidenti, vedo di beccare Devon, così potrò tornare ai miei esercizi.



    La tenda del guaritore è chiusa, ma sento un parlottare al suo interno. Espiro scocciato, forse meglio ripassare dopo. Vado a mangiare qualcosa in dispensa e mentre mastico, fisso al tenda che ha costruito il capo per Esperin: è grande quanto la sua, distaccata dalle altre. Per quanto possiamo farci il culo in battaglia, lei resta più importante di noi per il suo cognome... con lei, in effetti, Kalisi potrà legittimare la sua eventuale vittoria.



    Per quanto gli sto simpatico, spero che la cagnetta reale non decida comunque di decapitarmi alla fine di tutto ma magari, chissà, potrebbe riassumermi per il mio vecchio lavoro. O rinchiudermi per sempre nelle prigioni. Ho bisogno di garanzie, sto combattendo perchè ci credo che Kalisi sarebbe un governante migliore, perchè eviterebbe a tanti come me la mia sorte... ma non lo faccio mica a fondo perduto. Da quando siamo scesi in campo con Drako e per Drako, tutte le nostre teste sono condannate in caso vincesse Lantis, ma non vorrei che il mio destino sia segnato comunque. Mi dirigo verso la tenda del capo, gli annuncio la mia presenza senza alzare troppo la voce.





    Se dorme, non vorrei svegliarlo. "Capo? Vorrei parlarti di una cosa" sussurro all'entrata. Se lo sentirò sonoramente russare, andrò via in dispensa, a mangiare qualcos'altro.

  6. #1906
    sim dio L'avatar di saphira_84
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Età
    40
    Messaggi
    4,217
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    28

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Larieth Slagant

    Drako legge la lettera più volte per poi tornare a fissare Ryuk, come se in qualche modo la lettera lo riguardasse in prima persona, a breve ci raggiunge anche Esperin, il suo viso tradisce l'angoscia che prova e non posso di certo biasimarla, chissà cos'altro sarà successo ora.
    Drako senza dire una parola le passa la missiva, la ragazza la afferra in un evidente stato di agitazione, e di conseguenza anche i miei livelli di ansia salgono alle stelle, dopo qualche esitazione Esperin legge il contenuto della lettera prima che Drako se lo riprenda per poi porgergliela a Ryuk.
    L'uomo legge il foglio alternando lo sguardo tra la missiva e Drako per poi rimanere pietrificato, deve essere accaduto qualcosa di terribile per ridurre Ryuk in questo stato, che si tratti forse di suo figlio? Ma no è impossibile, l'ho visto prima mentre attraversava il glados tutto sorridente, sono quasi convinta che sia andato a vedere come stava Auron.
    Drako lo chiama per cercare di farlo tornare in se, ma l'uomo sembra sempre più scosso, tanto da cominciare a tremare.
    << S-scusatemi>> afferma prima di andarsene con il viso rigato di lacrime, lasciando cadere a terra il foglietto. Qualcuno può spiegarmi cos'è successo? Sento il cuore che mi rimbomba nelle orecchie dalla paura, cosa può aver ridotto Ryuk in questo stato?
    << Questa sera vi spiegherò tutto alla riunione, abbiamo un nuovo Gran Maestro degli Stregoni>> dichiara Drako, questo vuol dire solo una cosa, Lord Tywin è morto, ecco spiegata la reazione di Ryuk, anche se l'ho sentito io stessa affermare che il suo scopo è quello di sterminare la sua famiglia è ovvio che stia soffrendo, alla fin fine era sempre suo padre, ammetto che mi dispiace vederlo in questo stato, se me lo permettesse potrei stargli vicino, ma con lui non si sa mai come possa reagire.
    Dovrei cercare Elen, ho ancora qualche lieve ferita provocata dall'allenamento con Zagarth, quindi deciso di spostarmi da qui e cercare la ragazza per chiederle aiuto, cammino tra le tende e dopo un po' la scorgo intenta a chiacchierare con Jarak, non voglio disturbarli per così poco, la mia ferita non è così grave, forse potrei arrangiarmi da sola usando la pozione guaritrice, mi dirigo in infermeria entro e ne bevo una dosa tutta d'un fiato, certo che sta roba fa proprio schifo, però sento già il beneficio dei suoi effetti miracolosi.
    Esco dalla tenda e mi incammino alla ricerca di Ryuk, ammetto di essere preoccupata, non so cosa possa fare in quello stato, forse è andato a sfogarsi nel campo di addestramento.
    Arrivo lì ma non lo trovo, decido quindi di andare al lago forse lo trovo lì, niente, non è neppure qui, credo che se ne sia andato, penso volgendo lo sguardo in direzione del glados.
    Ultima modifica di saphira_84; 25th August 2015 alle 13:24

  7. #1907
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Dahmer recupera 40 punti costituzione per aver assunto due dosi di pozione

  8. #1908
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    "Non toccarlo" Alzo lo sguardo verso Esperin, non toccarlo cosa? Non capisco nulla, il mio braccio! Non lo sento, è come se non lo avessi attaccato al corpo, potrei effettivamente farmi ancor più male, potrei spazzarlo con l'altra mano, potrebbe anche staccarsi dal corpo. Esperin esce dalla stanza correndo, la codarda, che cosa credeva? Che l'avrei accolta con tisana e pasticcini? Eppure ha visto come sto, ha visto la mia reazione, ha letto la missiva ed ha scelto di venire qui, doveva aspettarsi che non avrei reagito bene alla sua presenza, anche se neanche io avrei mai potuto immaginare questo... Contro ogni mia aspettativa, la vedo tornare nella stanza e non posso fare a meno che guardarla ancor più meravigliato. Ha con sè dei teli, uno dei quali lo adagia sulle mie gambe sotto al braccio congelato. Evoca il proprio potere e, in un primo momento, mi viene istintivo ritrarre l'arto, se non l'ho spezzato io, vorrei evitare che lo facesse lei.





    Ma ancora mi sorprende, dosa la propria energia in quantità minima in modo da levigare e tagliar via parte del ghiaccio superficiale, il quale risponde in maniera positiva, iniziando a sciogliersi. Delle piccole gocce d'acqua colano dal ghiaccio, ma non arrivano al telo, è come se si dissolvessero prima in tanti piccoli globi d'aria gelida. Inizio a razionalizzare, non può essere acqua, non è il mio elemento, è vento, vento gelido, il più freddo dell'estremo nord oltre la barriera ed è per questo che il telo resta asciutto. "Dovresti aiutarmi provando a richiamarlo"



    Richiamarlo... questo ghiaccio è frutto di un potere, un potere generato da me inconsapevolmente, quel freddo che sentivo prima, lo stesso freddo che ho avvertito in questi giorni nello medesimo arto, mi stavo solo preparando fisicamente, sarebbe esploso da un momento all'altro. Sono un maestro... Sono un maestro anche anche io, finalmente. "dovrebbe essere a posto, basterà un pò di quella pozione" Mi rendo conto che ormai il ghiaccio si è totalmente dissolto, lasciando solo un'aria decisamente fredda, che lentamente torna alla normalità. Esperin ha preso l'altro telo ed ha iniziato a tamponare le ferite sul braccio, sono solo ferite piccole e superficiali, si rimargineranno presto, probabilmente quando avrò imparato a gestire il mio potere, la pelle resterà integra. Esperin si alza e non posso fare a meno che guardarla, ha reagito con freddezza, è tornata per aiutarmi. Ho pensato male di lei prima, ho sempre pensato male nonostante tutto, nonostante si sia unita ai Reietti, nonostante si stia rendendo utile al campo, nonostante continui a dimostrare chi è e non cosa rappresenta e... è venuta qui, da me, le importava della mia condizione, forse solo perchè ci è passata da poco, ma comunque è venuta lo stesso. "Ora ti lascio solo, riposati. Torno al campo" "NO"



    alzo la voce senza rendermene conto, mentre allungo il braccio col telo nella sua direzione istintivamente, anche se fa ancora male, perchè totalmente indolenzito ed una smorfia di dolore mi pervade il viso "Resta..."

    che... che cosa? C-come resta? Non ci ho neanche pensato su e... ritraggo il braccio e devio lo sguardo altrove "...grazie" sussurro appena, sicuramente se ne andrà comunque, non so che mi è preso, probabilmente non ho voglia di restare veramente solo, lo sono stato per tutta una vita, forse anche io ho bisogno di parlare con qualcuno... per una volta. Se andrà via mi stenderò sotto le coperte e riposerò, in caso contrario, le farò spazio per farla accomodare di fianco a me.

  9. #1909
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Ryuk non parla per tutto il tempo, sembra decisamente scosso sia per la notizia del Padre che per la scoperta del suo nuovo potere. Un potere molto forte, a giudicare da come ha ridotto il suo braccio... e sicuramente molto pericoloso se unito alla forza che ha dimostrato di avere, oltre alla tendenza a tagliare o spezzare arti. Posso comprendere questo iniziale smarrimento, ero scossa anche io all'Auspex quando ho scoperto di padroneggiare il turbine, ed è strano come entrambi siamo diventati maestri proprio in corrispondenza del nostro rispettivo lutto familiare, anche se io non ne ero ancora a conoscenza, ma forse lo sentivo. Sicuramente un dolore forte è in grado di innescare questo tipo di crescita, nel caso in cui questo ovviamente sia già in corso. Finalmente il ghiaccio si scioglie del tutto, dissolvendosi nell'aria prima di cadere sul telo, cosa prevedibile dato che il suo elemento è il vento, ed il suo braccio torna lentamente ad assumere un colorito più naturale. Tampono i piccoli tagli provocati dai cristalli di ghiaccio e lascio il telo avvolto al braccio, sentendo addosso il suo sguardo insistente, magari infastidito, che mi convince ancora di più ad andarmene. Mi avvio alla porta afferrando la maniglia con decisione e girandola pronta per uscire, "NO" gli sento dire a voce alta, e mi blocco di scatto come paralizzata. Ho quasi timore a voltarmi, temendo di ritrovarmi di nuovo nel mirino di un qualche suo attacco senza spiegazione, anche se in caso non mi farei problemi a difendermi nonostante il pessimo stato in cui si trova. Non concepisco questi suoi modi, soprattutto dato che ho semplicemente provato ad aiutarlo, quindi è logico che mi venga istintivo eventualmente mandarlo al dia- "Resta..." eh? Mi volto stranita, restando ancora ferma nella mia posizione, mentre lo vedo ritrarre il braccio indolenzito e volgere lo sguardo altrove "...grazie" .



    Mi ha ringraziato? Ryuk ha ringraziato...me? Era un sussurro impercettibile quasi ma si... mi ha ringraziato, non me lo aspettavo. Resto ferma a guardarlo, questa sua richiesta mi ha lasciata spiazzata, ero certa volesse stare da solo e sinceramente ora che sono qui... non saprei neanche cosa fare per stargli accanto, non lo conosco affatto, ma forse a volte basta esserci anche senza fare nulla, come a volte mi diceva mio Padre. Continuo a guardarlo, incrociando le braccia al petto "Non ho sentito" gli dico seria, come pretendendo che ripeta quel grazie a voce più alta, per poi sorridere quasi subito per fargli capire che sto scherzando per smorzare un pò il clima teso ed imbarazzante che si è creato.



    Mi fa spazio accanto a sé e sebbene la cosa mi metta in imbarazzo decido di sedermi, pur mantenendo le distanze. "Cerca di non muoverlo, almeno finché il sangue non tornerà a circolare regolarmente" gli dico ancora, notando la smorfia sofferente che ha seguito quel suo brusco movimento.



    E poi resto in silenzio senza aggiungere altro, consapevole del fatto che in momenti come questo le parole siano inutili. E' inutile esprimergli il dispiacere per suo Padre, non sarebbe sincero ed io non sono falsa, come anche non so fino a che punto ne sia dispiaciuto lui. Vorrei chiederglielo in effetti, chiedergli cosa sta provando sapendolo morto come desiderava, chiedergli cosa si aspettava in realtà dato che è ovvio che ne sia rimasto molto turbato, ma resto in silenzio non ritenendomi la persona giusta con la quale affrontare un discorso del genere, se vorrà farlo lo farà lui.



    Non so quanto tempo abbia lasciato correre, non posso sapere cosa gli stia passando per la testa, quando alla fine decido di parlare "Cosa... pensi di fare ora?" forse è presto per chiederglielo, forse sono stata insensibile, eppure so che la sua posizione richiede questo tipo di sforzo, così come è stato richiesto a me.



    E' necessario che si aggrappi a quello spiraglio di lucidità e razionalità che credo abbia ancora, soprattutto ora che è Lord.

  10. #1910
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Drako Kalisi

    Lantis è il nuovo Gran Maestro, non poteva esserci una notizia peggiore. Spero che Rickard non si stia disperando nei campi eterni, il suo erede che distrugge ogni cosa, perfino se stesso. Margarete avrebbe, probabilmente, gioito nel sapere che Lantis è Gran Maestro, lei che avrebbe voluto il meglio per lui in qualsiasi cosa, che spiccasse su chiunque. E' tardi per lui... è troppo tardi. Diventare Gran Maestro significa avere un animo logoro, totalmente corrotto, predisposto ad accogliere l'oscurità più profonda degli abissi. Guarderà negli occhi quei bambini e li priverà della propria vita senza neanche pensarci, è una barbarie alla quale persino molti stregoni non reggono, ad ogni uccisione scenderà di un gradino verso gl'inferi, divenendo un demone egli stesso, il rappresentante in terra di Raiden. Se solo penso agli anni passati, al suo sorriso, al Lantis bambino, ragazzo ed uomo che ho conosciuto, non l'avrei mai creduto possibile, non avrei mai immaginato che potesse diventare lui, un giorno, il Gran Maestro, lo avevo escluso a priori, come non avrei mai potuto immaginare che avrei ricoperto la medesima carica, succedendo a Rickard. Provo un enorme senso di vuoto, mi sento colpevole, colpevole di aver incrementato tutta questa oscurità che si è addensata e cresciuta dentro di lui, non avrei mai dovuto fare quel che ho fatto anni fa, sono uno stupido... uno stupido! Sbatto il pugno sul tavolo in un moto di rabbia, con la mascella serrata ed i denti stretti, resto in silenzio fino a quando sento una voce in tenda "Capo? Vorrei parlarti di una cosa" Cerco di ricompormi e di lasciare che il pugno si sciolga, indico a Dahmer di sedersi frontalmente a me al tavolo con un gesto della mano "Parla pure, Dahmer e smettila di chiamarmi Capo per favore"

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •