Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 197 di 343 PrimaPrima ... 97147187195196197198199207247297 ... UltimaUltima
Risultati da 1,961 a 1,970 di 3422
  1. #1961
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien
    -Adamantem-

    Guardo Esperin e più la osservo, più mi rendo conto di come la sto trattando, non che m'importi di sembrare un futuro marito amorevole e delicato, è solo una formalità che voglio sbrigare il prima possibile, eppure quegl'occhi spenti mi ricordano quelli di mia madre. Non dovrei... non dovrei paragonarle, sono totalmente diverse, hanno due storie che non hanno niente in comune ed io non sono come mio Padre."Si, lo voglio" Risponde con tono atono, nella sua voce non vi sono sfumature di alcun tipo e cosa potevo aspettarmi? Rabbia o noia, speravo in qualcosa seppure negativo, anzi... sopratutto negativo. Mi domando perchè mi soffermo su queste cose, non me ne frega niente di quel che pensa o meno. Alza lo sguardo e rivedo ancora quell'azzurro che tanto odio, quello di Irina, quello di mia madre, quello di Auron, sono condannato a legarmi a persone che mi ricordano costantemente l'un l'altra per questo sciocco particolare, sono condannato a sentimi un idiota senza motivo alcuno. "Scambiatevi gli anelli" Prendo la mano di lei e le infilo l'anello senza badare troppo alla delicatezza, sono veloce, forse un pò goffo, ma il contatto tra le mani mi infastidisce, inizio a sentirmi a disagio. Esperin fa lo stesso con me, prende l'anello dalla mia mano e lo infila al mio anulare, poi ritrae velocemente la mano e resto a fissare la mia, con questa fascia dorata a circondare il dito, dopo quasi diciannove anni dall'unica proposta di matrimonio che ho fatto, dopo aver desiderato di non legarmi mai a nessuna, dopo aver rifiutato nomi di donne rappresentanti i casati più importanti e ricchi, mi ritrovo sposato con una persona che mi odia e che mi mette a disagio, ma è la prima nella lista di quel libro di mio Padre, quello con tutti quei nomi in ordine di ricchezza, la principessa Esperin era il suo obiettivo ed ora eccomi qui.



    Hai vinto Padre, hai vinto un'altra volta. "Vi dichiaro marito e moglie. Puoi baciare la sposa"



    "E' sufficiente così" Alzo gli occhi realizzando le due frasi di Esperin e del Sacerdote "Prendi i documenti che servono e andiamocene" Resto con la bocca aperta come uno stupido, senza darle fiato e collego il cervello dopo due secondi. Mi volto verso il sacerdote e firmo i documenti che attestano il matrimonio e faccio spazio ad Esperin, affinché faccia lo stesso. "Per il mio testamento..." Mi rivolgo al Tabellio "Ci sono diversi punti da discutere, la ripartizione dei beni ed eventuali eredi che verranno..." "Lascio tutto a lei, tutto" Rispondo con tono sommesso, per poi rivolgerle uno sguardo, ha gli occhi lucidi, non riesco a guardarla. Aspetto che l'uomo finisca di redigere il documento per ripetere il rito delle firme. "Siete sposati regolarmente ed ogni bene di Lord Leithien sarà di proprietà della consorte Esperin Raeghar in caso di decesso"

    Ribadisce il Tabellio prima di consegnarmi i documenti che infilo nella giacca. "Potete andare" Mi rivolgo ai due aspettando che se ne vadano, per parlare ancora ad Esperin "Non sono tipo da dire queste cose e probabilmente non te lo ripeterò mai più: non ti farò soffrire, almeno... per tutta la durata di questo matrimonio"



    Senza aggiungere altro mi avvio alla porta, attendendo che mi segua per poi dirigermi all'uscita. I soldati di piantone sono aumentati ed ovunque si spinga il mio sguardo noto sentinelle in allerta. Mi avvicino ad uno di loro e gl'impartisco un ordine diretto "Vai alla Torre della Mezza Luna, comunica che Dohaeris non grava più sulle spalle dell'Adamantem e porta i saluti di Lord Ryuk Leithien e sua moglie Esperin Raeghar" mi avvicino al Glados e ne sfioro la superficie, è quasi sera, ci siamo sbrigati velocemente, possiamo dilungarci ancora per un paio di ore. Sfioro la superficie del Glados e senza guardare Esperin le sussurro "Prima di tornare al campo, mi sembra giusto che tu conosca una persona"

    la luce magica si attiva ed attendo che Esperin mi segua.
    *il soldato al quale Ryuk impartisce l'ordine è Raivo u_u

  2. #1962
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    La falena se ne va senza polemizzare e ammetto che la cosa mi dispiace un poco. Accidenti a questa confusione, non so manco più cosa voglio. No, ho fatto bene a replicarle in quel modo, è il mio passato, ma probabilmente anche quello di Lysa, quindi non sono affari suoi. Il ragazzo mi fa cenno di entrare in tenda, mi cura con i suoi effetti speciali e sento la ferita al collo rimarginarsi. Me la tocco e in effetti tutto è tornato come prima.







    Mi spiazza la battuta che mi rivolge Devon... quando gli dissi delle 50 valyrie, scherzando, pensavo mi avesse ignorato. Gli sorrido... in fondo, mi ha fatto ridere davvero. E forse mi ci voleva. "Grazie, mettile sul conto" gli dico ricambiando il tono scherzoso.





    Esco dalla sua tenda, alla ricerca di Lysa e penso: ho scambiato con Bianconiglio due parole civili! Non gli ho risposto che le 50 valyrie sono il prezzo di una baldracca, non l'ho picchiato o fatto altre cazzate. Però chissà che faccia avrebbe fatto se gli avessi praticamente dato della prostituta? Sarebbe stato divertente! Ma non l'ho fatto. La tizia mascherata è rimasta ancora là, le faccio cenno di seguirmi al lago, in un punto dove non può sentirci nessuno, dalla parte della lavanderia. Se mi seguirà, le dirò: "Allora... chi sei, davvero?". Quei nomi femminili non mi erano del tutto sconosciuti: chi si cela dietro la tua maschera, Lady Blackstone?

  3. #1963
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen Nárë Vanya


    <<Non ti preoccupare>> fortunatamente le mie chiacchiere non lo hanno annoiato <<Ho studiato le storie dei casati più importanti prima del mio esilio. I Vanya sono una linea di sangue molto antica. Da sempre abili dominatori del fuoco. Non mi sorprende che la magia ti riesca così naturale>>


    <<Conosci la storia del mio cognome?>> Sobbalzo.


    <<Il pane è pronto? Farà piacere ad entrambi mangiare qualcosa di buono al ritorno>>


    <<Il pane? Ah, si giusto>> sono ancora sorpresa dalla sua rivelazione <<Dovrebbe già essere lievitato... Ora non ci resta che farlo cuocere...>>


    Mi alzo e mi avvicino a Jarak con lo sguardo illuminato <<Potresti raccontarmi cosa sai sui Vanya?>>

    Ultima modifica di albakiara; 13th September 2015 alle 18:05

  4. #1964
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Lady Blackstone



    Il mio sguardo è ancora fisso sul ragazzino. Sembra sorpreso d'esser stato smascherato, in questo modo, dove tutti possono udire.



    La sua risposta comunque non si fa attendere.
    "Ero... ero quello che dici. Ora sono solo un soldato di Kalisi, colui che è sceso all'Auspex. Lui sa chi sono, sto cercando di ricostruire la mia vita" pronuncia, cercando di giustificarsi o di scampare in qualche modo a ciò che lo attende.
    Non voglio sapere se ha spezzato delle vite indossando quel cappuccio, non m'interessa. Io voglio sapere se ha spezzato quelle vite, collaborando a distruggere la mia.
    Niniel cerca d'intromettersi, ma Dahmer la zittisce. Faccio un passo in avanti, verso di lui. Nessuno deve distrarlo, ora.



    "Non ricordo nessuno di quei nomi, ho una memoria più d'immagine... se vedessi un viso allora saprei raccontarti... ma così non mi sovviene nulla. Se ne vuoi parlare, possiamo farlo in privato, dopo che Devon mi avrà curato le ferite, se lo vorrà, ovviamente" riprende come se si sentisse colpevole di aver rubato un tozzo di pane.
    Quando i due entrano in tenda, è chiaro che non hanno ancora capito con chi hanno a che fare.



    Ed è qui che perdo la testa.
    Irrompo nella tenda, quando Devon sembra aver già terminato di curare il Boia della Luna.



    Man mano che mi avvicino ai due ragazzini, libero la mia essenza di strega. Dalle oscurità più remote del mio animo, del fumo nero si espande, sbucando fuori dal mio mantello, impregnando l'aria. Fumo nero, fumo di paura che li raggiunge e li avvolge lentamente nelle sue spire.
    "Parlare in privato?" ripeto, prima di fargli cenno di no con la testa.



    Direziono la mia Dark Sister verso il suo collo, in un abbraccio periglioso, cercando di scostare le mani di Devon che fisso in malo modo. Fermo la lama a pochi milimetri dalla carotide e, posizionandomi alle sue spalle, mi avvicino al suo orecchio bisbigliando: "Il tempio di Saraswaty" cercando di fargli riaffiorare la memoria.



    Aura di Tenebra: Gli stregoni nascono dall’oscurità, per tale motivo hanno una forte affinità con le tenebre e tutto ciò che di più malvagio esista. La loro aura ha profonde radici nel male e da esso traggono energie. La loro presenza incute sempre un certa negatività, seppur lieve, ma la particolarità sta nel fatto, che riescono ad amplificare questa sensazione che infondono a chi gli sta attorno. L’intensità dell’aura ed i suoi effetti, cambiano a seconda del grado:
    Esperto - Infonde paura: Il cuore palpita più velocemente, si ha un profondo fastidio e soggezione

    Dark Sister - Arma in forma dormiente

    P.S. L'effetto del fumo nero lo vede solo Lady Blackstone. La sua Aura di Tenebra ha gli stessi effetti di tutte le altre aure.
    Ultima modifica di scarygirl; 4th September 2015 alle 23:35


  5. #1965
    sim dio L'avatar di XxRosy_99xX
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    ~ Oasis Landing ~
    Età
    24
    Messaggi
    3,296
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti


    Devon Balythòn

    Il sorriso di Dahmer mi spiazza, decisamente. Credevo di scorgere uno di quei attesi ghigni malefici tra le labbra, quando l’interpretazione visiva mi comunica tutt’altro. Che gli succede? Perché non prende a ingiuriarmi come ha sempre fatto? Magari avrà menato con la testa sull’orlo di un manichino, potrebbe essere quello il movente… o semplicemente si è reso conto del suo schifoso carattere. Ad ogni modo, sento che in me si è riacceso il barlume colmo di speranza, colmo della profetica convinzione nel trovare il lato effettivo su qualcosa di avverso. In fin dei conti non è affatto male quando sa come comportarsi… positivamente, s’intende. So già che questa sarà la prima e ultima volta che tra noi due si è stabilita una sorta di tregua, conoscendolo potrei aspettarmi tutto da lui… perché Dahmer è sempre Dahmer. Il dispendio consecutivo magico mi ha messo un certo appetito, potrei fare giusto giusto una capatina in dispensa, perché no? Sto per avviarmi ma qualcosa m’impedisce di dare inizio al cammino: sento la gola occludersi, non respiro, mi manca l’aria, che mi sta succedendo? Tossisco violentemente di getto, mi sto sentendo male, ma non devo cedere… è solo un malore passeggero, tra poco sarà tutto apposto. Dopo essermi ripreso per un breve lasso di tempo, noto con la coda dell’occhio la donna in maschera intenzionata ad avvinghiarsi contro il ragazzo puntandogli la falce a pochi millimetri dalla carotide. Ma cos… è ammattita per caso? Vuole ammazzarlo, dopo averci messo tutto l’impegno nel curargli la zona collo? Non posso permetterle di compiere una carognata del genere, per quanto Dahmer sia uno stronzo è pur sempre un nostro alleato e, come tale, va rispettato, come tutti gli altri d’altronde.Con uno scatto afferro il polso della donna, quello che regge l’asta della falce, con l’intenzione di disarmarla strappandole l’arma delle mani e lanciarla sul suolo, a pochi metri dal punto d’origine. Se ci riuscirò, esclamerò <<Ehi! Si può sapere che Vi prende?>>

    Ultima modifica di XxRosy_99xX; 29th August 2015 alle 11:01


  6. #1966
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Jarak

    <<Conosci la storia del mio cognome?>>, mi dice la ragazza sobbalzando, rapita dalle mie parole.


    A quanto pare sa davvero poco della famiglia di sua madre, infatti liquida in fretta la mia domanda sul pane dicendo che è solo da cuocere e mi chiede di raccontarle qualcosa sui Vanya. <<Va bene>>, comincio, mentre mi avvicino al pentolone per spostarlo, <<Ma non so molto. Solo quello che c'è scritto sui libri>>.


    Afferro le maniglie di metallo, assicurandomi che non sia più bollente, e appoggio l'attrezzo con dentro lo stufato al mio fianco.


    Poi entro in dispensa e prendo una grata che ho intenzione di posizionare sulle pietre intorno al mucchietto di legno: dove necessario inserisco qualche altro sasso, in modo che il mio piccolo forno improvvisato sia abbastanza rialzato da non essere a contatto con le fiamme. Terminato il lavoro, accendo nuovamente il fuoco con la mia Scarica.


    Distruzione: Esperto - Scarica
    Toccando il nemico, si scarica elettricità a medio voltaggio, che causa paralisi di una porzione del corpo e danni medi da elettricità
    Per la trama: poche scintille per dare fuoco al legno
    <<La leggenda vuole che i Vanya discendano dal primo domatore di draghi>>. Attizzo il piccolo falò con un bastoncino, ci serve un po' più alto per cuocere in fretta il pane. <<Sempre ai draghi era strettamente collegato il loro elemento. Il fuoco. Si dice che i maghi Vanya più abili conoscessero tecniche del fuoco arcane, sconosciute ai più. Forse grazie alla loro particolare intesa con l'elemento>>. Chiudo gli occhi, vediamo se riesco a ricordare altro... mi piacevano particolarmente le storie delle dinastie estinte, perché spesso e volentieri erano molto più interessanti delle storie di quelle ancora in vita. <<Anders Vanya ha vissuto molti secoli fa ed è ricordato come uno dei signori più giusti. Dovan-No, Dorian. Dorian era suo figlio, e si dice che sotto il suo governo i Vanya furono più potenti che mai. Wynne Vanya fu l'ultima grande signora, era una guerriera formidabile e tutti la rispettavano al pari di un uomo>>.


    Riapro gli occhi e mi alzo in piedi, cercando lo sguardo di Elen. <<Dopo l'estinzione dei draghi la famiglia di tua madre è riuscita a sopravvivere. Ma ha perso sempre più peso politico, fino a scomparire>>. Spero che queste informazioni le bastino, perché non so altro. Istintivamente rivolgo gli occhi verso il cielo... il sole è sempre più alto ma nessuno è ancora venuto a mangiare. Non hanno fame? <<È PRONTO>>, urlo, in modo che riescano a sentirmi per tutto il campo.

    La storia dei Vanya è ovviamente concordata con Albakiara
    Our wills and fates do so contrary run

  7. #1967
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar
    -Adamantem-


    Ryuk mi guarda per qualche secondo quasi sorpreso, a bocca aperta, non capisco sinceramente cosa stia pensando o per cosa si sia stupito, ma subito dopo si ridesta voltandosi verso il sacerdote e firmando i documenti del matrimonio, per poi farmi spazio permettendomi di fare lo stesso. Mi impongo di farlo senza esitazione, nonostante mi pesi, ma ormai è fatta e questo è decisamente più semplice di aver dovuto dire quel si poco fa. "Per il mio testamento..." inizia a chiedere Ryuk, rivolgendosi al Tabellio



    "Ci sono diversi punti da discutere, la ripartizione dei beni ed eventuali eredi che verranno..." inizia a spiegare l'altro, causandomi nuovamente ansia, ma queste sue parole inutili e vuote vengono subito interrotte.



    "Lascio tutto a lei, tutto" la voce è bassa, sommessa, mi rivolge uno sguardo fugace per voltarsi subito dopo tornando a firmare altre carte, e comincio a sentirmi stranamente in difetto, come a disagio "Siete sposati regolarmente ed ogni bene di Lord Leithien sarà di proprietà della consorte Esperin Raeghar in caso di decesso" ribadisce il Tabellio prima di consegnargli le carte che lui infila in tasca, per poi congedarli entrambi.



    Mi scanso così da farli uscire, quando Ryuk torna a parlarmi "Non sono tipo da dire queste cose e probabilmente non te lo ripeterò mai più: non ti farò soffrire, almeno... per tutta la durata di questo matrimonio" mi dice serio, per poi dirigersi verso la porta aspettando che lo raggiunga.



    Non gli dico niente, limitandomi a distogliere lo sguardo dal suo, mentre quel senso di disagio provato prima non accenna ad andarsene. Temo di avere una confusione tremenda in testa, perchè passo dall'odiare questa faccenda del matrimonio con tutte le mie forze, al pensare di doverlo ringraziare per quello che ha fatto, perchè ha dato una spinta decisiva alla nostra causa e non ne era certamente obbligato. Non ho paura di lui e non temo che possa farmi soffrire, sia perchè saprei difendermi e sia perchè, non so, quella sua promessa mi è sembrata sincera.



    Queste nozze sono una pura formalità e lo so benissimo... la mia reazione è stata determinata da altro, non so neanche da cosa, forse da quello che mi aspettavo, da quello che volevo che fosse, forse dal fatto che ora il mio nome è legato per legge a quello della casata che più odio, forse semplicemente dal fatto che è successo tutto così rapidamente che non sono riuscita a metabolizzare gli eventi... o forse per tutte queste cose assieme. In ogni caso ora mi sento meglio, questo anello mi pesa leggermente meno, più consapevole di ciò che rappresenta, e mi limito a seguirlo fin quando non si rivolge ad un soldato "Vai alla Torre della Mezza Luna, comunica che Dohaeris non grava più sulle spalle dell'Adamantem e porta i saluti di Lord Ryuk Leithien e sua moglie Esperin Raeghar" gli ordina, con tono deciso ed autoritario. Mi mostro anch'io determinata e fiera davanti ai suoi soldati, come il mio ruolo richiede, anche se non posso non provare una profonda angoscia sapendo che a breve alla Torre sapranno del nostro matrimonio, una tensione che però si accompagna alla soddisfazione di aver indebolito la posizione di Lantis, ed è questo che conta. Tuttavia mi chiedo cosa penseranno di me le persone a cui tenevo, anche Lantis nonostante tutto, e so che ciò non dovrebbe più preoccuparmi... ho preso una strada diversa, una strada che reputo più giusta, e non ho avuto dubbi su questo neanche per un secondo, sebbene sia difficile non pensare a loro.



    Seguo Ryuk finchè non arriva vicino al Glados, dove dopo aver attivato il portale mi sussurra "Prima di tornare al campo, mi sembra giusto che tu conosca una persona", lo guardo stranita ma mi incita a seguirlo nell'attraversare il portale e lo faccio, chiedendomi se mi stia portando da lui, da suo figlio... è l'unica persona che mi viene in mente e di cui mi ha parlato, anche se mi sembra un gesto troppo intimo rispetto a quello che è il nostro rapporto al di là di questi anelli. Giungiamo in una vallata che non ho mai visto prima, davanti ai miei occhi solo un'immensa distesa di vegetazione che va ad infrangersi contro delle colline che vedo in lontananza. Sul momento non capisco, sembriamo essere nel mezzo del nulla, ma poi in un angolo noto una piccola cascina, decisamente modesta, molto più piccola di casa sua, probabilmente questa è davvero la casa di un contadino. Muovo un passo incerto per seguirlo, ma continuo a sentirmi di dover dire qualcosa "Ryuk..." lo chiamo, aspettando che si volti prima di parlargli "Voglio chiederti scusa per come ho reagito prima. Hai preso la decisione di sposarti e di lasciarmi tutto in eredità per sostenere la causa in cui crediamo entrambi senza essere forzato da nessuno, e questo ti fa onore, hai mostrato un forte senso pratico che in questo momento è indispensabile, mentre io mi sono comportata da...stupida" resto un attimo in silenzio, abbassando lo sguardo, forse più che stupida mi sono comportata proprio da ragazzina, o forse da stupida ragazzina immatura e viziata, persa in ragionamenti e sogni che al momento non possono che essere messi da parte, ma non è questo il punto. "E' successo tutto talmente in fretta che... niente, non sono riuscita a razionalizzare, ma sono cosciente di cosa questo matrimonio rappresenti. Quindi..." rialzo lo sguardo, mantenendo il suo prima di continuare "...grazie. E non solo per l'Adamantem, ma anche per avermi aiutata a prendere la decisione di lottare per cambiare le cose invece che limitarmi a guardare" ora mi sento meglio, dovevo togliermi questo peso e mi sento meno a disagio ora, sono più sicura di me e di quello che sto facendo. Avanzo poi di qualche passo fino a raggiungerlo "Bene... andiamo?" gli dico, indicando la cascina, per poi rivolgergli un sorriso gentile.

  8. #1968
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Lady Blackstone



    Mentre la lama della mia falce si avvicina pericolosamente al collo del boia, il ragazzino dai capelli lanuginosi alle mie spalle, mi afferra il braccio disarmandomi.



    Abbandono per un attimo lo sguardo di Dahmer per volgerlo verso Devon. Avanzo verso di lui, minacciosa, per poi fermarmi a pochi passi sussurrandogli: "Le tue mani...mani da ragazzo, delicate ma allo stesso tempo forti...Riprovaci e non potrai più utilizzarle per curare qualcuno."
    Detto ciò, mi allontano, riprendo la falce da terra e faccio cenno al boia di uscire dalla tenda spingendolo con la mia arma.



    Lungo il tragitto verso il lago gli pungerò continuamente la schiena con la punta della lama esortandolo a proseguire in fretta.



    Una volta da soli, la sua ultima domanda mi ritorna in mente. "Allora... chi sei, davvero?".
    "Ero... ero una vittima. Ora sono solo un soldato di Kalisi, colei che attende di scendere in guerra. Lui sa chi sono, sto cercando di ricostruire la mia vita" pronuncio ripetendo la sua stessa frase di poco fa, modificandola leggermente.



    "Ma la mia vita ricomincerà...solo quando se ne spegneranno dell'altre." riprendo subito dopo.
    Avanzo di un passo nella sua direzione, guardandolo fisso negli occhi. "Sei uno dei tanti boia al servizio di Lantis o... sei il boia del massacro al tempio di Saraswaty?" gli chiedo dunque. Non m'importa sapere chi vorrà diventare, esigo sapere chi è stato. I miei occhi non scorgono differenza. "Allora...chi sei, davvero?" incito, ripetendo ancora le sue parole. Resto poi in silenzio, immobile, in trepidazione per la sua risposta.

    Ultima modifica di scarygirl; 4th September 2015 alle 23:45


  9. #1969
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Manco uscito dalla tenda che la donna mi aggredisce, non lasciandomi nemmeno la possibilità di domandarle di allontanarci.



    E io che lo facevo per lei. Mi punta la falce alla carotide, forse non ha capito con chi ha a che fare. Non mi fa paura... bhe forse un po'. Abbastanza un po'. La lama è molto vicina alla mia gola, riuscirebbe a sgozzarmi in un attimo. Potrebbe uccidermi, qui davanti a tutti, e io morirei come un coglione. Cos'altro potrei mai fare? La sua falce somiglia tanto a quella di Ryuk e lei sarà veloce come lui, spietata come lui... forte come lui. Ho le membra paralizzate, non riesco a muovermi, non riesco nemmeno a connettere cosa potrei dire per dissuaderla. Se si celasse un mostro dietro quella maschera? Un demone? O peggio... una fatina scintillante! Oh cazzo, questa mi scanna come un maiale e io sto qua a pensare alle cazzate!





    Devo fuggire, sì, io devo smuovere queste mie gambe del cazzo e fuggire da questa pazza psicopatica! Non si muovono, non si muovono! Raiden, brutto stronzo, ti ho servito per bene nella mia vita, ora dammi una mano! Lysa mi fissa, quella maschera diviene sempre più inquietante, mi pare che diventi un ghigno, che mi si prenda gioco di me. Devon mi ridesta, disarma la mia aguzzina e io posso tirare un sospiro di sollievo. Ho anche male allo stomaco, che mi accarezzo con la destra. Mi volto verso il guaritore... mi ha salvato. L'ho sempre trattato di merda, certo pure lui che è partito in quarta un po' prevenuto ma anche io ho dato il mio bel contributo. Perchè l'ha fatto? Si è innamorato di me? No, mi sembrava piuttosto interessato ad Elen. Penso gli piacciano le femmine. O forse gli piacciono i suoi sandali. Ma chi se ne frega, mi ha salvato. "G-grazie" stento a dire, sono abbastanza sorpreso. Non dovrei esserlo, anche con Ryuk si sono dati tutti un gran da fare... ma... con lui alla fin fine son stato come con la falena, gli ho mostrato la mia indole. La donna non mi dà il tempo di riflettere e mi pungola la schiena allontanandomi per dirigersi al lago. Dove giusto avevo intenzione di portarla prima che facesse la sceneggiata. La guardo assottigliando lo sguardo: come ho fatto ad aver paura di sta qua? Bhe una falce come quella non è carino da averla puntata alla gola. Mi parla, anche la sua voce è inquietante. Scimmiotta le mie frasi, le rivolgo un sorrisetto sarcastico. Mi faccio serio quando mi nomina il tempio di Saraswaty... ahhhhh forse inizio a ricordare qualcosa. E' stato prima del Giudizio... oh sì ora mi ricordo. Un terribile ghigno appare sul mio viso. Sarò pure confuso ma di questo sono certo: quello fu un periodo davvero divertente. Vorrei schernirla, ma mi freno: questa donna potrebbe rappresentare un problema con Drako. E' vero, è una storia del mio passato, lui lo conosce e sa chi sono, ma meglio non solleticare le ferite fresche. Soprattutto di chi non ha un tratto masochista. "Lantis aveva un solo boia, cioè me. Se a quel tempio hai visto qualcuno vestito da boia, è probabile che fossi io. Avevo la faccia dipinta da una maschera?" domando distrattamente, cercando di stare attento comunque alla sua falce.





    In quel tempio non ho mai mostrato il mio volto, nemmeno il mio teschio ghignante. Indossavo sempre un cappuccio perchè avevo timore che qualcuno, in così tanti giorni, riconoscesse il colore dei miei capelli. "E dimmi, che ti ha fatto questo brutto boia cattivo?" domando sfrontato, facendo il muso dispiaciuto. Non mi conviene darle certezze, devo imparare a gestire meglio l'immondizia che mi lascio alle spalle.

    Ho fatto terminare l'aura perchè Scary ha postato due volte prima di me

  10. #1970
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen Nárë Vanya

    <<Va bene>> Rimango ad osservarlo attenta mentre traffica col pentolone per far posto ad una piastra per cuocere il pane <<Ma non so molto. Solo quello che c'è scritto sui libri>>
    È già qualcosa per me visto che non so praticamente nulla sulla mia famiglia.


    <<La leggenda vuole che i Vanya discendano dal primo domatore di draghi>>
    <<draghi?>> domando per poi zittirmi subito, voglio sentire tutto ciò che sa.


    <<Sempre ai draghi era strettamente collegato il loro elemento. Il fuoco. Si dice che i maghi Vanya più abili conoscessero tecniche del fuoco arcane, sconosciute ai più. Forse grazie alla loro particolare intesa con l'elemento>> Sono rapita dalle sue parole, chissà cosa c'è di vero della leggenda!


    Jarak si china per attizzare il fuoco, poi chiude gli occhi e fa un elenco di miei antenati famosi citati sui libri.
    Anders, Dorian, Wynne... Tutti nomi che non mi dicono nulla.
    <<Dopo l'estinzione dei draghi la famiglia di tua madre è riuscita a sopravvivere. Ma ha perso sempre più peso politico, fino a scomparire>> continua alzandosi in piedi e cercando i miei occhi.


    <<Oh...>> esclamo lievemente dispiaciuta per la sua ultima affermazione.


    <<È PRONTO>>
    <<Grazie... È proprio una bella leggenda!>> dico prima che gli altri ci raggiungano a tavola <<Dominatori di draghi... È curioso... Da qualche notte continuo a fare sogni ricorrenti sui draghi. Non ne ho paura, solo che non riesco mai a raggiungerli... Continuo a inseguirli volando, ma loro mi sfuggono sempre fino a quando non mi sveglio affaticata e demoralizzata. Secondo te significa qualcosa?>>
    Ultima modifica di albakiara; 13th September 2015 alle 18:07

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •