Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 247 di 343 PrimaPrima ... 147197237245246247248249257297 ... UltimaUltima
Risultati da 2,461 a 2,470 di 3422
  1. #2461
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Valerius Urthadar

    Esperin è evidentemente felice della mia decisione, non so dove termini il suo interesse nei miei confronti e dove cominci quello per se stessa e il vantaggio che sto per assicurare alla fazione, ma se l'ho inquadrata bene credo che sia davvero contenta per me e non solo perché potremmo avere Capo Tempesta dalla nostra parte. Quando le dico che mi piace il nuovo taglio porta le mani ai capelli e mi rivela che è stato uno scherzo di Ryuk, probabilmente ancora ubriaco... si sono allenati, ora si spiegano anche le sue condizioni. Diamine, è riuscita a conciare in quel modo il Leithien? Forse Dahmer non ha tutti i torti quando la chiama il mostro dell'Auspex. <<Non ti stanno male>>, la rassicuro prima che continui a parlare, dato che non mi sembra molto soddisfatta, ma il mio complimento era sincero. Mi dice che sta spettando Drako, a quanto pare non si vede in giro da stamattina e non è neanche in tenda, se non ha detto a nessuno perché si è allontanato comprendo la sua preoccupazione, che però come ammette lei stessa è esagerata. <<Avrà avuto da fare, tornerà prima della battaglia. Forse Aiden ci ha preso gusto e ha scritto una missiva anche a lui>>. Spero che la battuta la rassereni un poco. Mi coglie di sorpresa quando mi chiede di insegnarle a cucinare lo stufato, non c'è molto da insegnare, potrebbe prepararlo anche un bambino... poi mi ricordo: Raeghar, principessa, servi che la circondano da quando è nata. Probabilmente non ha mai acceso un fuoco in vita sua. La guardo divertito, rivolgendole uno sguardo di sfida. <<Va bene. Ma non ho intenzione di toccare cibo. Farai tutto tu... e non diremo nulla agli altri. Saranno i giudici finali>>. Mi alzo dal tronco e mi avvicino al cumulo di legno che sta sempre sotto al pentolone, tocco un legnetto con la mano e dopo una breve concentrazione rilascio la solita, piccola scarica per accendere il fuoco.

    Distruzione: Esperto - Scarica
    Toccando il nemico, si scarica elettricità a medio voltaggio, che causa paralisi di una porzione del corpo e danni medi da elettricità
    Per la trama: una piccola scarica a basso voltaggio
    <<Innanzitutto, serve acqua. Devi riempirci il pentolone. Quell'acqua diventerà il brodo dello stufato. Per dare sapore al brodo servono carne e verdure. Va in dispensa e scegli le verdure che preferisci, vanno bene tutte. L'unica obbligatoria è la cipolla, senza quella lo stufato non viene bene. La cipolla serve anche per molti altri piatti>>. Non ho mai insegnato a nessuno a cucinare, chissà se ne sono in grado.
    Our wills and fates do so contrary run

  2. #2462
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Valerius mi conferma il complimento di prima, ossia che questo taglio strambo mi sta bene, e mi limito a sorridergli per ringraziarlo. Sono quasi curiosa di andare a guardarmi allo specchio, stupida vanità femminile, ma lascio stare dato che non mi importa abbastanza. Capisce la mia preoccupazione per Drako ma mi conferma che non è necessaria, e lo so bene, non è uno sprovveduto, ma oltre che per lui sono preoccupata anche per ciò che potrebbe essere successo di importante... con Lantis senza controllo può accadere di tutto, l'altra notte ne abbiamo avuto la dimostrazione. Non sopporterei di ricevere un'altra notizia così, spero che i motivi del suo allontanamento siano personali e non relativi alla guerra. Aggiunge una battuta su Aiden e mi limito a riderci su, sicuramente più tranquilla di prima, si sta bene in compagnia di Valerius, con lui è possibile conversare in modo normale, non è irritante come tanti altri qui al campo. <<Va bene. Ma non ho intenzione di toccare cibo. Farai tutto tu... e non diremo nulla agli altri. Saranno i giudici finali>> risponde affermativamente alla mia domanda cogliendomi di sorpresa, non so neanche come mi è passato per la testa di proporgli una cosa simile, non ne sono assolutamente in grado. Lo guardo per un attimo smarrita mentre si alza e con una piccola scarica elettrica si avvicina al pentolone per accendere il fuoco, prima di riprendere a spiegarmi mentre io mi limito ad avvicinarmi titubante <<Innanzitutto, serve acqua. Devi riempirci il pentolone. Quell'acqua diventerà il brodo dello stufato. Per dare sapore al brodo servono carne e verdure. Va in dispensa e scegli le verdure che preferisci, vanno bene tutte. L'unica obbligatoria è la cipolla, senza quella lo stufato non viene bene. La cipolla serve anche per molti altri piatti>>. Mi limito ad annuire ascoltando le sue parole, per poi intuire dal suo sguardo che sta aspettando una mia reazione, tocca a me? Oh, giusto. Va bene... acqua e verdure, ce la posso fare, non sembra difficile, se ho tagliato la legna penso di riuscire a fare anche questo, che sarà mai. "Acqua...questo non è un problema" mi avvicino con le mani al pentolone, intenzionata a richiamare il mio elemento e rilasciarlo al suo interno, ma poi ricordo di non poterlo fare ed a stento riesco a trattenere un moto di rabbia istintivo, dopo un attimo di esitazione scendo con le mani sui manici del pentolone afferrandoli "la prendo in dispensa, assieme alle verdure". Provo a sollevarlo, ma poi mi accorgo che pesa già da vuoto, figuriamoci da pieno, quindi desisto "meglio portarla qui, arrivo subito" per tutti gli Dei, quanto mi sento imbranata. Raggiungo la dispensa dove prendo delle verdure a caso, la cipolla che mi ha raccomandato, forse ne ho presa anche troppa, e poi verdure di tutti i tipi, meglio abbondare credo...dovrebbe venire più saporito, anche se forse mischiare troppi sapori differenti non è appropriato, ma non so esattamente quale sia più opportuno combinare. Metto tutte le verdure in un cesto ed afferro una brocca grande d'acqua per poi uscire dalla dispensa, poggiare il cesto sul tavolo e riempire d'acqua il pentolone "Ok...fatto" gli dico impacciata, in attesa che riprenda a parlare.

  3. #2463
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Valerius Urthadar

    Aspetto che Esperin riempia il pentolone richiamando dell'acqua, e infatti per un momento sembra intenzionata a farlo, ma poi si blocca e tenta di sollevare il macigno di metallo per portarlo in dispensa e riempirlo lì. La guardo incuriosito, domandandomi perché non voglia usare il suo potere, rimango in silenzio e non le dico che forse è meglio prendere l'acqua nella tenda e portarla qui invece di fare il contrario perché ci arriva da sola. Scompare nella dispensa per qualche minuto, ho quasi paura di scoprire che verdure avrà scelto, poi ricompare con un cesto pieno di ortaggi di tutti i tipi: patate, carote, peperoni... verrà fuori un brodo bello forte. Versa l'acqua nel pentolone e poi aspetta altre mie direttive, visibilmente tesa: quasi non ci credo che la stessa persona che ha vinto l'Auspex e ha rischiato la vita si innervosisca cucinando uno stufato. <<Ottimo>>, la rassicuro, scrutando per bene ciò che ha raccolto in dispensa. <<Rilassati. Non può venire male. Cambia il gusto, ma rimane sempre buono>>...forse. Ma il forse è meglio ometterlo. <<Il prossimo passo varia da cuoco a cuoco. Alcuni preferiscono tagliare le verdure in pezzi grandi, o addirittura metterle nell'acqua intere. Altri preferiscono tritare tutto in piccoli pezzi. Personalmente trito le carote e metto le patate intere, senza buccia, mentre la cipolla...>>, la cerco con gli occhi, ma invece che un solo bulbo ne vedo un po' troppi, <<le cipolle... ti piacciono le cipolle, mi pare di capire>>. Fatico a trattenere un sorriso. <<Quelle vanno tagliate per forza. Tagliane solo una o due, in pezzi non troppo piccoli. Attenta però a non avvicinarti troppo perché irritano gli occhi>>. Le passo un coltello, aggiustandole la presa in modo che non finisca col ferirsi. <<Tieni ferma la verdura con la sinistra e taglia con la destra>>. Osserverò il suo lavoro e, nel caso sia necessario, la correggerò. <<Quando hai finito, metti tutto nel pentolone e va a prendere la carne e delle spezie. Non dimenticare il sale>>. Finisco di parlare appena in tempo, perché appena pronuncio l'ultima parla un altro capogiro mi fa quasi perdere l'equilibrio. Chiudo gli occhi, è un'altra fitta, forse addirittura più forte di quella di prima... ma stavolta non mi ha colpito tutto il capo, bensì solo la parte sinistra... è come se si fosse originato proprio sopra all'occhio rosso, o forse dietro... fatto sta che mi è mancata l'aria dal dolore. Quando mi rendo conto che è passata mi siedo su un tronco, concentrandomi nuovamente su lavoro di Esperin e cercando di nascondere la mia preoccupazione. Non mi piace... non mi piace per niente.
    Our wills and fates do so contrary run

  4. #2464
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Mi accorgo di essere visibilmente tesa solo quando sento dire <<Ottimo>> da Valerius, e mi ritrovo a sentirmi più tranquilla ed anche più scema per la mia poca esperienza in queste cose <<Rilassati. Non può venire male. Cambia il gusto, ma rimane sempre buono>> aggiunge poi tranquillo e decido di dargli ascolto, in fondo non sembra difficile e mi fido della sua opinione "Scusa, è che sono stata sempre abituata a vederlo già pronto, anzi in realtà neanche questo, i cibi al Castello erano molto diversi da quelli che preparate qui" gli dico sincera, senza denigrare questo ambiente ma semplicemente per fargli comprendere che avevo abitudini ben diverse e che mi sto ancora abituando a tutto questo, non è affatto facile, cipolle a parte, lui probabilmente può capirmi considerato il suo passato. <<Il prossimo passo varia da cuoco a cuoco. Alcuni preferiscono tagliare le verdure in pezzi grandi, o addirittura metterle nell'acqua intere. Altri preferiscono tritare tutto in piccoli pezzi. Personalmente trito le carote e metto le patate intere, senza buccia, mentre la cipolla...le cipolle... ti piacciono le cipolle, mi pare di capire>> sorride e mi ritrovo a farlo anch'io, questo suo modo di fare mi mette molto a mio agio e - assurdo a dirsi - mi sto anche divertendo, forse la mia non è stata una cattiva idea. <<Quelle vanno tagliate per forza. Tagliane solo una o due, in pezzi non troppo piccoli. Attenta però a non avvicinarti troppo perché irritano gli occhi>>. Mi passa il coltello aiutandomi a sistemare la presa nel modo più corretto e resto in silenzio cercando di elaborare i suoi consigli per metterli in pratica subito dopo <<Tieni ferma la verdura con la sinistra e taglia con la destra>>. Prendo la cipolla con la mano sinistra ed avvicino il coltello per iniziare a tagliarla, è una cipolla bella grossa, non dovrebbe essere difficile tagliarla in pezzi dopo averla pulita. Inizio a farlo mentre sento lo sguardo di Valerius addosso, sicuramente sta osservando il mio operato per eventualmente correggermi e la cosa mi fa stare serena, se sbaglierò me lo dirà in tempo prima di fare disastri. Mi sembra facile, non ho infatti problemi a togliere la buccia ed a dare un primo taglio netto e preciso a metà della cipolla, forse mi stavo preoccupando per nulla <<Quando hai finito, metti tutto nel pentolone e va a prendere la carne e delle spezie. Non dimenticare il sale>> aggiunge poi mentre sto tagliando una seconda volta la cipolla per farla in pezzi più sottili, ma inizio ad avvertire un bruciore sempre più fastidioso agli occhi, cerco di resistere, rimanendo concentrata su quello che sto facendo, ma ad un certo punto la vista mi si appanna e col terzo taglio finisco per colpire anche di striscio il dito. Lo porto d'istinto alle labbra per alleviarne il bruciore con la saliva, mentre tiro su col naso per trattenere le lacrime dovute credo alla cipolla, è un taglietto insignificante che perde appena un poco di sangue, ma mi rendo conto di essere un completo disastro. Guardo Valerius sentendomi probabilmente anche troppo in difetto per una sciocchezza come questa, ma lo vedo sedersi su un tronco dopo aver avuto credo un mancamento "un giramento di testa?" gli chiedo, con gli occhi arrossati ed il dito ancora poggiato sulle labbra. Forse è stanco, lo siamo un pò tutti in questo periodo. Cerco di darmi un contegno asciugandomi le lacrime con la manica del vestito, per riprendere poi a tagliare la cipolla stando ben attenta a tenerla lontana dagli occhi e passare poi al resto delle verdure lasciandole cadere infine nel pentolone, i pezzi sono molto irregolari ma una volta cotti non credo questo abbia importanza. Prendo infine anche della carne e tutte le spezie che trovo in dispensa, poggio anche queste cose sul tavolo in attesa che mi dica quale usare continuando a guardarlo interrogativa. Mi sembra di aver dimenticato qualcosa...

  5. #2465
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen

    Ryuk mi ascolta con sguardo interrogativo per poi liberarsi in una risatina <<Credi che tutte le donne con le quali sono stato non sapessero chi sono? Solo il mio cognome dovrebbe essere un deterrente tanto forte, da farle fuggire solo alla mia vista ed invece mi ha solo aiutato a farle alzare la gonna più facilmente>> guarda a terra e per qualche istante le labbra si piegano in uno strano sorrisetto <<A quelli come me e... a quelli come Dahmer basta veramente poco per abbindolare quelle come te, basta far leva sul vostro innato senso da crocerossina e da salvatrici di anime dannate, credete di poterci cambiare col vostro amore...>> virgoletta con le dita l'ultima parola, amore. Mi sento punta sul vivo dalle sue parole e mi chiedo se veramente è questo ciò che è successo a me, se veramente sono stata abbindolata a causa della mia bontà e del mio spirito da crocerossina, ma di una cosa son certa, non voglio cambiare nessuno.
    <<Larieth ne è un esempio, faceva tanto la dura e mi sono bastate due frasi in croce per farmela dare senza troppi complimenti, non sapevo più come scollarmela di dosso, per fortuna che ha trovato altro da fare, perché iniziavo ad annoiarmi.>> a questa rivelazione lo guardo incredula, non mi ero accorta di nulla <<E' così che funziona... dopo un pò quelli come me e quelli come Dahmer si annoiano e passano alla successiva, anche se ogni tanto torniamo a far visita alle sottane già conosciute, solo perchè abbiamo la strada già spianata o per senso di possesso, come il gioco che non ci piace condividere con gli altri bambini>> mi osserva serio mentre io inizio a risentirmi e a rattristarmi man mano che il suo discorso continua <<Se vuoi tornare a divertirti con lui fai pure, anzi... fallo, divertiti e distraiti, ma non pensare di ottenere altro>>
    <<Ah>> mi ritrovo senza parole, la sua schiettezza mi colpisce come un pugno allo stomaco.
    Quindi gli uomini si annoiano presto delle loro conquiste pensando già alla successiva e se tornano da noi è solo perchè son sicuri di ottenere ciò che vogliono senza troppo sforzo o, peggio, perchè non ci vogliono vedere con altri.
    <<Capito...>> dico seria, riflessiva... Possesso, gelosia, proprio come quella mostrata prima alla festa <<Come tu con Esperin? Ho visto come hai congelato Sage...>> mi lascio scappare il commento, spero solo non la consideri un suo giocattolino personale.
    Il pensiero di quanto successo mi fa tornare il sorriso e per un attimo dimentico l'amarezza per la sua analisi diretta e sincera sul mondo maschile.

  6. #2466
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Ho fatto bene a portare il tornio in tenda, così chiudendola non ho problemi di sguardi indiscreti. La mia opera è quasi al termine, dovrei limare meglio i lati della piramide capovolta di ferro che consiste il perno su cui girerà il giocattolo ma devo anche arrotondare la punta. Non voglio certo rischiare che ammazzi qualcuno, anche perchè quel qualcuno, molto probabilmente, sarei io. Una passata di vernice all'acqua, così da rendere il legno resistente, lo stesso che ho usato per il tavolo. Ha un bel colore rossiccio, girando farà un effetto gradevole. Ho intarsiato anche degli anemoni sulla parte superiore, in modo tale che non interferiscano sull'attrito della rotazione. Arrotolo la cordicella bianca, la vernice ci ha messo davvero poco per asciugare, e la tiro, lanciando orizzontalmente il gioco a terra, così da verificare che funzioni. La trottola saltella e inizia a girare veloce, a danzare sul terreno compatto che ho sistemato nella mia tenda e il suo ballo diviene man mano più aggraziato per poi indebolirsi, rallentare, fermarsi. Si accascia dolcemente di lato e la raccolgo: è pronta. Accarezzo con il pollice gli anemoni che ci sono sopra, mi son venuti aggraziati come... come piacerebbero a lei. Sento di nuovo quella confusione che mi assale, che cerca di giungere al cervello per scombussolarlo ancora. Quel sentimento di amicizia che ho provato al lago per Niniel, il pensiero di dover affrontare Vicent, quello che c'è stato con Elen: il ricordo di Selene è l'unica cosa che mi lega ancora al mio passato. Stringo la trottola nella mano e di soppiatto entro nella tenda di Elen, stando bene attento che nessuno mi veda. Gliela lascio sul pagliericcio per poi uscire in fretta e dirigermi alla dispensa ma mi fermo al tavolo, dove si trovano Valerius ed Esperin. Esperin con un coltello sul tavolo e della carne e spezie in mano, alle spalle un pentolone che bolle. Vuole ucciderci tutti. "S-stai cucinando?" dico perplesso, anche leggermente spaventato. Mi siedo di fronte a Valerius, lo guardo colpevole. Ho bevuto come un idiota e deve essersi offeso per il mio sproloquio. "Per prima... bhe ero ubriaco... divento meno simpatico quando bevo..." dico farfugliando. Che mi frega se si è offeso? Non mi ricordo manco granchè di quello che è successo. Le tette di Niniel le ricordo bene, però. Tutto sommato, ricordo la cosa più importante. "Con cosa ci ucciderai oggi, Esperin?" domando sarcastico. Sono comunque contento di vederla ai fornelli, finalmente ha capito il suo ruolo di femmina.

  7. #2467
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti




    Dopo un bel bagno mi sento subito meglio.
    Il mio elemento mi infonde energia, quiete, serenità ed anche se vorrei restare immersa in queste limpide acque per ore, direi che è arrivato il momento di darsi da fare. Esco dall'acqua e dopo aver tamponato il mio corpo con il telo, indosso finalmente degli abiti puliti.





    Dovrei riposare, non ho chiuso occhio da quando sono tornata, ma in questo momento non riesco ancora a percepire la stanchezza. Devo allenarmi.
    Ciò che è accaduto in battaglia non dovrà mai più ripetersi. Devo diventare più forte. Devo essere in grado di difendermi e di proteggere, se necessario, i miei compagni. Non posso fallire. Non ancora.
    Stringo il telo con forza. Non sarò più debole. Riuscirò a diventare forte, a contrastare i miei nemici da sola, vinceremo questa guerra e poi... Mi blocco. Già. Cosa potrei fare dopo?
    Non sono mai stata libera di scegliere la mia vita finora, il percorso da intraprendere... cosa potrei fare?
    Afferro il vestito indossato solo qualche minuto fa e... prima sarà meglio fare il bucato!
    Devo assolutamente rimuovere questa macchia... speriamo non resterà l'alone.
    Sì, diamoci da fare. Tu pensi troppo, Niniel. Decisamente troppo.
    Devi imparare a vivere la vita giorno dopo giorno ed a non ossessionarti troppo per il futuro.
    Certo. Più facile a dirsi che a farsi.
    Raggiunta la zona lavanderia, stendo il telo sul filo per poi afferrare del sapone da bucato ed iniziare a lavare delicatamente l'abito. E' un tessuto leggero... spero di non fare più danni che altro.
    Dopo aver strofinato e risciacquato più volte, opto per lasciare l'abito a mollo in una bacinella per un po'.
    Sicuramente la macchia andrà via del tutto in questo modo... vero?!
    Mi allontano dalla lavanderia per raggiungere il campo di addestramento. Noto subito che non sono sola come speravo, quindi decido di fare il giro per raggiungere il mio obiettivo dal lato opposto dell'accampamento.



    Avrei voluto salutare e chiedere se andava tutto bene, ma stavano parlando e non mi è sembrato il caso di disturbare. Sicuramente stanno bene, quindi è meglio lasciarli in pace.
    Raggiungo il campo e mi sistemo proprio davanti ai manichini.



    Vorrei allenarmi un po' con Earine, ma prima sarà meglio dedicarsi a qualche esercizio di riscaldamento. Giusto per evitare problemi muscolari.



    Piegamenti, flessioni, addominali... continuerò, alternando diversi esercizi, almeno per una buona mezz'ora.
    Ripensandoci... spero che qualcuno si unirà a me, altrimenti corro il rischio di annoiarmi dopo un po', ma intanto non voglio perdere altro tempo: quando c'è da festeggiare, si festeggia, ma adesso devo pensare solo a migliorare le mie abilità nel combattimento. Un "bersaglio" mobile sarebbe utile, ma per ora... meglio pensare al riscaldamento.
    Ultima modifica di valuccia85; 6th December 2015 alle 02:14

  8. #2468
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien


    <<Ah>> Eccola qui, ci sarà rimasta male per i miei modi, come al solito, ma dovrebbe essere abituata alla mia schiettezza, se mi si chiede qualcosa non ho filtri, rispondo come la penso



    <<Capito...>> infatti. Poggio il ginocchio a terra per sollevarmi, ma una domanda di Elen mi spiazza <<Come tu con Esperin? Ho visto come hai congelato Sage...>>



    La osservo, mentre mi sembra stranamente divertita e non ne capisco il motivo. Torno in piedi e cerco di sistemarmi i calzoni sporchi di terra, anche se sono totalmente imbrattato dal sangue mio e di Esperin, quindi lascio stare, mi ci vuole solo un bel bagno. Torno ad osservare Elen e le rispondo guardandola con serietà "Anche se è mia moglie tra me e lei non c'è niente, certo... che se me la da non la rifiuto, è oggettivamente una bella donna"



    Mi sgranchisco la schiena e respiro profondamente allargando le braccia, sento anche un certo brontolio allo stomaco, va decisamente sedato



    "Volevo solo divertirmi con Sage, è nuovo, va bullizzato un pò" le lancio un occhiolino divertito "Ora vado a farmi un bel bagno, perché puzzo di cadavere in decomposizione" Dicendo ciò mi congedo e mi avvio alla tenda bagno, passo accanto a Niniel che si sta allenando in solitaria e provo a piazzarle una pacca sul sedere. Come niente fosse proseguo dritto e inizio a spogliarmi prima ancora di entrare in tenda. Acqua e sapone... a noi!


  9. #2469
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Valerius Urthadar

    Esperin è un po' impacciata, si vede che non ha mai tagliato una cipolla prima d'ora, ma se la sta cavando ben-...ok, le ultime parole famose: la osservo mentre si porta un dito al labbro probabilmente per disinfettarlo, si sarà tagliata a causa della vista appannata, infatti i suoi occhi sono veramente molto rossi. Detesto le cipolle, fossi per me le metterei nel brodo intere, ma poi il gusto non sarebbe lo stesso. "Un giramento di testa?", mi chiede, per poi finire il lavoro e buttare tutto nel pentolone. <<Credo di sì. Forse devo mangiare>>, le rispondo tranquillo, non voglio distrarla da quello che sta facendo, anche se non è necessario dato che quando riemerge dalla dispensa noto subito che ha dimenticato il sale. Tipico, succede anche a me dopo anni che cucino, figuriamoci a una ragazza che ha appena iniziato. Sto per comunicarglielo ma la voce di Dahmer mi interrompe: alzo lo sguardo e me lo ritrovo seduto davanti, farfuglia qualche scusa per il suo comportamento da ubriaco e poi stuzzica Esperin con una battuta delle sue. Lo fisso freddo, gelido, non perché sia arrabbiato con lui ma perché non voglio che mi sconcentri la principessa. <<Le scuse non sono necessarie. Ora aspetta la cena in silenzio>>, gli dico serio, ma lasciandogli capire dal tono della voce che non ha nulla di cui preoccuparsi. Poi torno a guardare Esperin, e riprendo la mia lezione improvvisata. <<A meno che tu non voglia dare soddisfazione a Dahmer, va a prendere il sale in dispensa>>. Aspetterò che sia tornata prima di continuare. <<Queste sono le spezie più comuni usate in cucina. Questo è anice>>, prendo in mano ogni spezia che nomino e gliela passo, in modo che possa annusarla, <<Questa è cannella, chiodi di garofano, coriandolo, dragoncello, noce moscata, aglio, salvia, rosmarino...>>, quando le avremo controllate tutte, cercherò i suoi occhi. <<Non puoi metterle tutte, altrimenti il sapore sarà disgustoso. Di solito per lo stufato si usano queste, e queste>>. Le indico ciò che deve inserire nel pentolone, per poi passarle nuovamente il coltello. <<Taglia la carne in pezzi piccoli, aggiungili al resto, metti il sale e poi comincia a mescolare>>. L'ho sovraccaricata di informazioni, forse devo rassicurarla. <<Stai andando bene. Il peggio è passato>>.
    Our wills and fates do so contrary run

  10. #2470
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Valerius sembra non scomporsi per il pessimo modo in cui ho tagliato la cipolla ed il resto delle verdure, ma anzi mi guarda tranquillo e sembra anche approvare il mio operato. Cerco di scrutare il suo stato ma sembra essersi ripreso da quel giramento di testa, come mi conferma lui stesso <<Credo di sì. Forse devo mangiare>>, mi dice e mi limito a sorridere allegra "speriamo venga bene allora" esclamo ottimista, anche se in realtà ho seri dubbi, non mi sento affatto portata. Dahmer ci raggiunge farfugliando qualche scusa a Valerius, forse hanno discusso quando non era abbastanza lucido per azionare il cervello, e mi rivolge poi una battuta notando che sto cercando di cucinare. Gli faccio una smorfia ma non rispondo dato che lo fa Valerius in modo sufficientemente eloquente, così torno a guardarlo in attesa che riprenda a spiegarmi cosa fare di tutte queste spezie che ho sparso sul tavolo. <<A meno che tu non voglia dare soddisfazione a Dahmer, va a prendere il sale in dispensa>> mi dice serio, ed improvvisamente ricordo che era proprio quello che avevo dimenticato di prendere, lo sapevo che mancava qualcosa. Vado in dispensa ed afferro il sale, per poi tornare al tavolo e poggiarlo accanto alle spezie, mentre lui inizia a mostrarmele una ad una <<Queste sono le spezie più comuni usate in cucina. Questo è anice>>, lo prende in mano e me lo passa per guardarlo ed annusarlo, ed imito impacciata i suoi gesti <<Questa è cannella, chiodi di garofano, coriandolo, dragoncello, noce moscata, aglio, salvia, rosmarino...>>, mi passa una dopo l'altra tutte le spezie, alcune le conoscevo già, altre probabilmente le ho da sempre ingerite senza saperne il nome o la composizione, annusandone alcune resto colpita dal profumo a volte intenso a volte delicato, altre invece mi provocano delle smorfie contrariate, o addirittura degli starnuti. <<Non puoi metterle tutte, altrimenti il sapore sarà disgustoso. Di solito per lo stufato si usano queste, e queste>> mi dice infine mostrandomi quelle da inserire nello stufato, e seguo il suo consiglio unendole insieme al sale al composto nel pentolone, dovremmo aver quasi finito. <<Taglia la carne in pezzi piccoli, aggiungili al resto, metti il sale e poi comincia a mescolare>> la carne....giusto! Afferro il coltello iniziando a tagliarla in piccoli pezzetti come mi ha detto lui, stavolta non mi taglio, mi sento anche meno impacciata nei movimenti, ho indubbiamente un problema con la cipolla ormai è certo. Rivolgo uno sguardo soddisfatto a Dahmer, non sono poi una frana come pensa questo simpaticone. <<Stai andando bene. Il peggio è passato>> mi dice infine Valerius mentre sto unendo anche la carne al brodo, iniziando a mescolare. Ma forse ho dimenticato di nuovo il sale...si, ne afferro una bella manciata e lo unisco al resto, ora dovrebbe andare bene, forse "non so se ho il coraggio di assaggiarlo" aggiungo mentre mescolo, sorridendo ancora.

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •