Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 276 di 343 PrimaPrima ... 176226266274275276277278286326 ... UltimaUltima
Risultati da 2,751 a 2,760 di 3422
  1. #2751
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk sottrae 40 punti costituzione (20 per i fendenti di striscio e 20 per quello allo stomanco)
    Elen sottrae 60 punti costituzione ( 10 per il pugno, 20 per il vento e 25 ghiaccio+rottura)

  2. #2752
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Sento l'osso del braccio di Elen cedere sotto la pressione del mio colpo ed il gelo del mio potere irrompere prepotente dal mio palmo ed espandersi al suo braccio... ma non ho il tempo di pensare ad una mossa successiva che un bruciore lancinante mi pervade l'intero corpo, un calore intenso che si propaga anche al mio braccio spegnendo all'istante il mio potere, come se fossi immerso in una vasca di lava incandescente. Vado letteralmente a fuoco, istintivamente mi allontano di qualche passo dalla ragazza ed una puzza di bruciato mi pervade le narici. Il suo scudo di efesto, il suo maledettissimo scudo di quell'elemento da me tanto odiato e sì, anche temuto: il fuoco che domina il vento. I pantaloni si stanno riducendo a brandelli e provo a spegnere le fiamme sulle cosce, in modo da non restare nudo e come mamma mi ha fatto sotto ai suoi occhi, ci manca solo che mi puntino il dito contro urlandomi che sono un maniaco. Mi concentro ed espando il mio volere alla ragazza, il messaggio di un dolore penetrante ed illusorio che andrà, spero, a paralizzarla dal dolore, fitte così forti da non riuscire più a reggersi in piedi. Nel momento stesso in cui la vedrò perdere le forze, mi scaglierò contro di lei come fossi un ariete, con l'intenzione di colpirla di testa allo stomaco, potrei fratturarle una costola o lesionarle gli organi interni. Mi terrò pronto comunque a reagire, i suoi allenamenti hanno portato buoni frutti, non va sottovalutata.

    Imposizione del dolore
    Maestro - Genera forte dolore che pervade l’intero corpo del nemico: Difficoltà nel restare in piedi, forti tremori, nausea

  3. #2753
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen

    Le mie fiamme divorano le carni e le vesti di Ryuk che riesce nonostante tutto a non rimanere completamente nudo davanti a me, mi vien da ridere al pensiero della scenetta scampata, ma improvvisamente sento la testa martellare e il respiro affannarsi. Perdo la presa sull'arma che cade a terra e porto le mani alle tempie, che mi sta succedendo? Mi reggo a fatica in piedi e sento che non riuscirò a farlo ancora per molto a causa dei forti tremori che pervadono tutto il corpo. Ho gli occhi chiusi nella speranza che il buio allevi il dolore e improvvisamente mi ritrovo scaraventata a terra da qualcosa che mi colpisce allo stomaco con forza. L'impatto al suolo è violento e cado scomposta, non riesco a muovermi e molto probabilmente ho qualche costola rotta. Rilascio l'aura di luce per cercare di calmarmi e di alleviare il male, è come se la mia essenza di mago cercasse di distruggere la bolla di dolore in cui mi sento soffocare, poi la espando tutta intorno a me con l'intento di placare ogni intento aggressivo nei miei riguardi ed evitare ulteriori attacchi.

    Aura di luce

    • Maestro – Infonde un profondo stato di benessere, ci si tranquillizza ed il mago, alterando la percezione che si ha di lui, diviene, dunque, una persona nella quale riporre profonda fiducia, la volontà di combatterlo si annulla.
    Ultima modifica di albakiara; 30th December 2015 alle 14:19

  4. #2754
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk sottrae 25 punti costituzione per lo scudo
    Elen ne sottrae 10 per la testata

  5. #2755
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Lascio che la mia imposizione si espanda e presto attenzione ai movimenti di Elen, ogni fibra del mio corpo brucia, anche se le fiamme si sono estinte e la puzza di carne cotta persiste. Elen flette le gambe ed è quello il momento che sfrutto per prendere la rincorsa. Punto la destra in terra e mi do lo slancio, rapido arrivo frontalmente a lei e riesco ad assestarle una testata ad Ariete in pieno stomaco. Sento chiaramente il rumore di ossa provenire dal suo gracile corpo, credo di averle rotto almeno una costola. La osservo in terra sofferente, si è impegnata molto in questo periodo, è migliorata a vista d'occhio e devo ammettere che sono fiero di lei, è in grado di competere con guerrieri che hanno anni di esperienza pari alla sua età. La osservo e vorrei aiutarla ad alzarsi, forse ci sono andato troppo pesante, forse... ho esagerato come sempre. "Elen..." mi avvicino a lei e mi abbasso per osservare il danno da più vicino "...tutto bene?" Ha solo sedici anni, ha quasi l'età di Auron, quasi... l'età di Mayla. Sento un nodo formarsi alla gola ed una morsa allo stomaco farsi più forte, non devo pensarci, non ora.

  6. #2756
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen

    Lentamente il dolore paralizzante si scioglie come neve al sole, i tremori cessano così come il pulsare martellante alle tempie.
    <<Elen...>> sento chiamare e poco alla volta metto a fuoco la figura di Ryuk chino su di me <<...tutto bene?>>
    Provo ad alzarmi ma il movimento troppo brusco provoca una forte fitta al costato così rimango ancora qualche istante a terra <<Nulla che la mia magia non possa curare...>> accenno un sorriso e continuo con una punta di provocazione <<Tu, invece? Non sembri essere messo meglio di me!>>. Non so dove trovo la voglia di ironizzare considerate le mie condizioni attuali.
    Punto il braccio sano al suolo e questa volta riesco a mettermi seduta grazie a movimenti lenti e controllati, poi mi concentro e richiamo il mio potere curativo che poco a poco riaffiora sui palmi. Mi occupo prima del costato e in un secondo momento del braccio rotto osservando come al passaggio delle fiammelle lenitive il dolore svanisce e le ossa si rinsaldano. <<Permettimi di rimediare a quelle bruciature...>> gli dico avvicinando, se me lo consentirà, i palmi al corpo ustionato.
    Terrò le mani distanti dalla pelle per evitargli ulteriore dolore a quello che gli ho già causato e una volta terminate le parti più urgenti passerò alle ferite sui fianchi.

    Rigenerazione

  7. #2757
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Elen è molto dolorante, ma le sue condizioni non sono pessime, ha la pelle dura anche se sembra delicata come la porcellana, sarà quel suo colore così chiaro e candido come la neve, non le farebbe male prendere un pò di sole <<Nulla che la mia magia non possa curare...>> La vedo affaticarsi nel tentativo di spostare il peso su di un braccio ed alzarsi, ma i colpi ricevuti non le permettono di muoversi facilmente <<Tu, invece? Non sembri essere messo meglio di me!>> Le sorrido e cerco di aiutarla nel mettersi a sedere, mettendomi di fianco a lei, quando noto la magia prendere vita dalla sue mani <<Permettimi di rimediare a quelle bruciature...>> Lascio che il calore della rigenerazione mi pervada, ogni taglio ed ogni ustione guarisce all'istante, mi sento come nuovo, come se nulla fosse accaduto o non ci fossimo mai scontrati. Mi sembra quasi che il tempo si sia fermato a ieri quando eravamo sempre seduti terra al campo "Ora sono come nuovo, ormai sei una curatrice degna dei migliori maestri in rigenerazione" le sorrido ancora, incrociando le gambe. Ripenso al discorso di Esperin, alle domande sul futuro, a cosa ne sarà di me se qualche dio benevolo sarà dalla mia parte risparmiandomi la vita. Mi accorgo di saper ben poco di Elen, praticamente quelle quattro frasi in croce che ho ascoltato quando parlava della sua tribù. "Che cosa farai quando questa guerra sarà conclusa?" La guerra e le armate di Lantis hanno raso al suolo decine e decine di villaggi, tra i quali potrebbe esserci anche il suo, spero che la sua gente possa essersi salvata in un modo o nell'altro.

  8. #2758
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Anche il pozzo sabbioso si dissipa ed Esperin scende al mio livello... non nel senso morale, ovviamente, quello sarebbe per lei un'ardua sfida. Accetta la mia casacca, un po' mi sorprendo dopo quel sorriso... forse ha le idee confuse e anche in questo la batto. "Già, il Nord è tutt'altra cosa... nonostante io non sia nato lì. Mia madre era delle Terre dell'Ovest, veniva da Capo Terrore" dico scuotendomi qualche granello di sabbia dalla maglia. Risponde seria alla mia domanda, mi guarda dritto negli occhi, mi mette a disagio quando lo fa, come se potesse leggere i miei segreti. Sarà che è una maga potente, o che è una Raeghar di sangue blu, o che è la figlia di Rickard Raeghar. Non nega di aver sorriso, ma anzi incalza severa il discorso, con parole e toni che mi giungono severi. Perchè dovrebbe guardarmi diversamente se non mi vede cambiato? Logico, lapalissiano. Peccato che io mi sento eccome cambiato, mi sono meravigliato spesso di alcune reazioni e pensieri che ho avuto e che prima non mi avrebbero nemmeno sfiorato il cervello. "Il Dahmer con la maschera... avrebbe finto di piangere per Aeglos. All'Auspex sarebbe fuggito, Elen non respirerebbe più e Sage non saprebbe nulla del passato. Direi che mi sento parecchio diverso... a volte non mi piace, mi fa sentire a disagio quando mi ritrovo a pensare alcune cose e non sono abituato ad agire di conseguenza... a volte... mi fa paura. I sentimenti li ho sempre pensati da quando ho lasciato Aeglos, ma... qui... mi capita di sentire... di nuovo. Ma la cosa che mi spaventa ancora di più che ci sono quelle volte in cui... in cui questo mi piace persino. Stare qui, mangiare la tua torta... era buona sai?" le dico sbiascicando. Che mi prende? Dovrei prenderla in giro, dovrei mentirle, ma mi sta capitando di nuovo. Sono stanco di fingere e mettere su un altro teatro che non funzionerebbe o che reggerebbe poco. Ryuk mi consigliò di gettare le maschere se volevo essere un uomo. Non so se potrò mai considerarmi tale, sono un mostro, ho fatto cose atroci che niente e nessuno potrà cancellare... è stato bello regalare una trottola a Elen. L'ho fatto in modo disinteressato e lo rifarei ancora. Questo è un po' essere umani, no? Ma quello che ho fatto a Selene... quello non è stato umano. Esperin è come il tribunale che ho sempre visto negli occhi di mio nonno, severo e inappellabile. Dovrei odiarla come odiavo lui. Ma non è così... un po' l'ammiravo quel vecchio. Nell'umiliazione che ho voluto infliggergli, gli riconoscevo una dignità che ho appunto voluto calpestare. Una dignità che io non avrò mai probabilmente. "Certo la farina potevi setacciarla meglio" dico allegro, per scacciare questi pensieri. Non dovrei farmi influenzare troppo, è decisamente la loro aura di luce del cazzo che mi fa sentire così. Mi siedo davanti al lago e dico con serietà: "Ma forse hai ragione, quelli come me non cambiano mai". Un demone sfuggito all'Abgruntis, ecco cosa sono. Non devo dimenticarlo mai... è la mia condanna, il mio fato... il mio inferno su questa terra.

  9. #2759
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen

    Ryuk si siede accanto a me dopo avermi aiutato a mettermi comoda e a cure terminate si complimenta con me definendomi addirittura una guaritrice degna dei migliori maestri e la cosa mi rende fiera.
    Dopo qualche momento di silenzio, in cui cerco di nascondere il rossore dalle guance dovuto alle sue parole, mi pone una domanda inaspettata <<Che cosa farai quando questa guerra sarà conclusa?>>
    <<Bella domanda... - sospiro - Ogni tanto ci penso, ma credo che tutto dipenderà dall'esito di questa guerra... In ogni caso mi metterò alla ricerca della mia tribù>> o di quel che ne resta. Abbasso lo sguardo qualche istante poi lo risollevo tenendo le iridi su quelle di Ryuk, non voglio pensare al peggio. <<Tu ed Esperin invece?>> rivolgo a lui la stessa domanda <<Mi piacerebbe vedervi ancora qualche volta...>> ammetto d'impulso, ormai loro e gli altri del campo fanno parte della mia vita e non riesco ad immaginare un futuro senza.

  10. #2760
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Stringo ancora un pò di più la casacca attorno alle spalle, sento freddo fin dentro le ossa e temo che non sia dovuto solo alla temperatura più bassa anche se continuo a sperare che sia la stanchezza accumulata in queste ore assieme ai troppi pensieri che mi girano per la testa. "Già, il Nord è tutt'altra cosa... nonostante io non sia nato lì. Mia madre era delle Terre dell'Ovest, veniva da Capo Terrore" dice poi togliendo dei granelli di sabbia dalla maglia "Ho visto qualche rappresentazione di Capo Terrore, se non sbaglio si sviluppa su una scogliera, sembra un bel posto...nonostante il nome" aggiungo quasi sovrappensiero, ricordando i numerosi ritratti dei territori annessi al Regno che avevo modo di vedere nelle biblioteche del Castello, più che altro per mantenere il discorso su un livello generico che non implichi riferimenti alla strage di Aeglos, argomento sul quale non so ancora come comportarmi dopo la promessa fatta a Vicent. Un tentativo il mio che però dura poco dato che è lui stesso a parlarmi del cambiamento che sente di aver subito "Il Dahmer con la maschera... avrebbe finto di piangere per Aeglos. All'Auspex sarebbe fuggito, Elen non respirerebbe più e Sage non saprebbe nulla del passato." a queste parole alzo lo sguardo perchè effettivamente mi sembrano coerenti con l'idea che ho di lui. Non ha finto di essere né dispiaciuto né scosso per la morte dei Dreth, nonostante mi aspettassi il contrario, e sembra che si stia comportando in modo decente con Elen al contrario dei primi tempi, sembra più gentile e meno viscido. Eppure tutto questo non basta e definirlo cambiato e dovrebbe saperlo anche lui, soprattutto considerato che ha ancora le mani sporche di sangue innocente. "Direi che mi sento parecchio diverso... a volte non mi piace, mi fa sentire a disagio quando mi ritrovo a pensare alcune cose e non sono abituato ad agire di conseguenza... a volte... mi fa paura. I sentimenti li ho sempre pensati da quando ho lasciato Aeglos, ma... qui... mi capita di sentire... di nuovo. Ma la cosa che mi spaventa ancora di più che ci sono quelle volte in cui... in cui questo mi piace persino." non sono brava nel giudicare le persone e fortunatamente nel suo caso non spetta a me questo compito ma semmai a Vicent che per primo ne ha pagato le conseguenze. Sta di fatto che la sua confusione sembra vera e questo potrebbe significare che in qualche modo questa guerra sta smuovendo qualcosa in lui, qualcosa che ancora non definirei cambiamento, è troppo facile definirsi cambiati solo per qualche gesto carino. Però magari trovarsi assieme a persone che condividono un fine comune e che in qualche modo lo accettano, chi più chi meno, gli sta mostrando un modo di vivere differente a cui non era abituato. Probabilmente sono sempre troppo buona ma in fin dei conti non mi importa più di tanto che cambi o no, a me non deve dimostrare nulla e non interessa nulla del suo futuro...se migliora sarà un bene per chi sceglierà di stargli accanto, anche se continuo a pensare che meriti di pagare per tutta la sofferenza che ha arrecato e del quale non credo si sia realmente pentito. "Stare qui, mangiare la tua torta... era buona sai? Certo la farina potevi setacciarla meglio" aggiunge poi allegro e mi limito ad accennare un sorriso, andava setacciata la farina? Dovrò ricordarlo la prossima volta, magari eviterò di gettarmela tutta addosso. Si siede poco distante da me davanti al lago prima di riprendere a parlare "Ma forse hai ragione, quelli come me non cambiano mai" resto qualche minuto in silenzio, non so se continuare questo discorso o dargli semplicemente ragione per chiuderlo e mantenere fede alla parola data, ma alla fine le parole vengono fuori da sole un pò per quello che ho saputo oggi, un pò per la confusione che anche io sento dentro " Fino a poco tempo fa ti avrei detto di no, ho sempre differenziato le persone in modo netto tra buoni e cattivi, una visione del mondo sicuramente molto infantile che in questi ultimi giorni è andata letteralmente in mille pezzi. Ci sono cose che probabilmente non comprenderò mai appieno non avendole vissute, anche se ci sto provando così come sto provando ad accettare che oltre al bianco e al nero esista anche il grigio in tutte le sue varianti." che una persona che è sempre stata la più amorevole del mondo con la sua famiglia possa anche essere un'assassina, che un uomo che si è macchiato di crimini atroci possa sciogliersi per l'abbraccio di suo figlio e rinunciare a tutto per proteggerlo e costruirsi una nuova vita, che il fratello che amo possa aver ordinato quella strage atroce, che anche io nonostante tutto sia arrivata ad uccidere e non abbia rimorsi, sebbene fosse per una giusta causa "Non spetta a me giudicare il tuo cambiamento, devi essere tu stesso per primo a farlo... la tua coscienza sa già la risposta, a parte la confusione che traspare dalle tue parole" e con un esame di coscienza mi chiedo se possa davvero considerarsi cambiato dopo neanche una settimana dalla strage che ha compiuto, ne dubito fortemente e credo che difficilmente potrebbe convincermi del contrario.

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •