Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 303 di 343 PrimaPrima ... 203253293301302303304305313 ... UltimaUltima
Risultati da 3,021 a 3,030 di 3422
  1. #3021
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Valerius Urthadar

    La risposta di Esperin arriva in fretta. No, ritiene che Ryuk non provi nulla per lei e nel dirmelo la vedo farsi ancora più piccola, con le braccia attorno alle gambe e lo sguardo perso verso il lago. Con mia grande sorpresa, però, la giovane poi si corregge e cambia la sua certezza in dubbio. "Credevo di si, altrimenti non sarei arrivata a questo punto. Ma io non sono molto... esperta in queste cose". Queste cose immagino siano gli affari di cuore, e non fatico a crederle: crescere rivestendo il ruolo di principessa di Dohaeris non dev'essere stato facile. Già crescere in una famiglia nobile è stato un incubo di etichette e regole da rispettare, figuriamoci fare parte della famiglia nobile per eccellenza, la cui reputazione potrebbe facilmente soffrire anche di un solo passo falso. Certo, queste difficoltà sono un'inezia rispetto a quelle della gente che muore di fame... stiamo combattendo per cambiare anche questo. "Comunque è stato molto chiaro nel farmi capire che mi sbagliavo, credo che non sia in grado di nutrire alcun tipo di sentimento per nessuno, se non per se stesso", torno a guardare Esperin, mi domando cosa le abbia detto precisamente, se davvero Ryuk intendesse questo o se è lei che ha interpretato le sue parole in questo modo, lei dice che è stato molto chiaro... non so. Non so nemmeno se sia la verità, non conosco abbastanza bene Ryuk, che abbia problemi è evidente... come tutti, d'altronde. Ma di una cosa sono certo: non è un mostro. Non so cosa le abbia detto per provocare una reazione del genere ma l'uomo che ho avuto modo di conoscere è sì scorbutico, spesso crudele, ma non è un mostro, perché i mostri sono ben altri. La ragazza accetta con titubanza la bottiglia e la osservo mentre butta giù quello che credo sia il suo primo sorso di idromele di tutta la sua vita, come prevedibile tossisce un po' per la gola che brucia ma è normale, si abituerà. Prendo la bottiglia e bevo anche io, ora arriva la parte difficile e spero di esserne all'altezza. <<Se c'è una cosa che ho capito, di questa vita, è che c'è sempre una causa dietro ogni cosa>>. Rigiro la bottiglia tra le mie mani, c'è ancora molto idromele, non penso che dovremo alzarci per andare a prenderne altro. <<Ci piace pensare che certe cose... accadano e basta, perché è il nostro destino che lo vuole. Ci piace dare la colpa agli Dei, ma la verità è che loro spesso e volentieri si limitano ad osservare quello che combiniamo>>. Mi sento già la testa leggera, sto divagando. <<Il senso di questo discorso è che...>>, cerco ancora il suo sguardo, credo molto alle parole che sto per pronunciare e vorrei che riuscisse a comprenderne il significato, <<...nessun uomo nasce mostro. C'è sempre... una causa, qualcosa che ti cambia e che ti trasforma in qualcos'altro. Il nostro passato può cambiarci a tal punto da non permetterci più di essere noi stessi, di seguire i nostri sentimenti>>. Speravo che questo discorso mi aiutasse a distrarmi, e invece no, sto ancora pensando a loro. <<Potrai pure essere poco esperta, ma per certe cose l'esperienza conta poco. Se ti sei sentita ricambiata, se hai percepito affetto anche da parte sua... vuol dire che qualcosa c'era>>.
    Our wills and fates do so contrary run

  2. #3022
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Valerius beve un altro sorso di idromele mentre sembra ponderare le parole con cui rispondere alle mie, non riesco a smettere di sentirmi un pò stupida a parlare di queste cose con lui, in generale mi sentirei tale con chiunque ma con una persona di esperienza come lui mi risulta inevitabile, o forse è proprio la sua esperienza e saggezza che mi hanno spinto a confidarmi nella speranza di mettere ordine nei pensieri contrastanti che mi riempiono la testa in questo momento. Comunque non si è scomposto per le mie parole, non l'ho visto sorridere né sbuffare, quindi credo che abbia capito che tutto questo mi fa star male e non sono solo gli sciocchi pensieri di una ragazzina alla prima cotta, come qualcuno mi ha definita.<<Se c'è una cosa che ho capito, di questa vita, è che c'è sempre una causa dietro ogni cosa>> torno a guardarlo mentre rigira la bottiglia tra le mani, prestando attenzione alle sue parole <<Ci piace pensare che certe cose... accadano e basta, perché è il nostro destino che lo vuole. Ci piace dare la colpa agli Dei, ma la verità è che loro spesso e volentieri si limitano ad osservare quello che combiniamo>> è vero, tante volte ho pensato che fosse colpa degli Dei, sicuramente perchè così è più facile accettare gli eventi che ci sconvolgono. Quello che è successo con Ryuk, i sentimenti che nutro per lui, ma anche questa guerra e quello che l'ha scatenata o che ha comportato, quello che ha fatto mia madre, quello che è successo a Reneè...il dubbio che sia la donna che ama mio fratello, che mia sorella si sia salvata. Tutte conseguenze di azioni nostre, di errori nostri...ma che spesso e volentieri imputiamo ad uno scherzo o un dispetto degli Dei. Torna a cercare il mio sguardo e lo ricambio con un'espressione confusa, come se dai suoi occhi e dalle sue parole volessi un chiarimento che probabilmente dovrei cercare solo dentro me stessa <<Il senso di questo discorso è che......nessun uomo nasce mostro. C'è sempre... una causa, qualcosa che ti cambia e che ti trasforma in qualcos'altro. Il nostro passato può cambiarci a tal punto da non permetterci più di essere noi stessi, di seguire i nostri sentimenti>> ripenso alle parole di Ryuk, a quello che mi ha detto ieri alla valle ed al modo in cui l'ha fatto. Non mi sono chiesta il perchè del suo gesto, non ho dato peso alle lacrime che lottavano per uscire dai suoi occhi né ai suoi singhiozzi, davanti alle sue parole non mi è importato di nient'altro, tutto il resto è diventato insignificante. Avrei dovuto farlo? Saperlo avrebbe cambiato qualcosa? No, indubbiamente, nessuna causa potrebbe dare un senso a quello che ha fatto o potrebbe renderlo meno ripugnante. Mi avrebbe però aiutato a capire di più? A farmi ora meno domande? Non lo so. <<Potrai pure essere poco esperta, ma per certe cose l'esperienza conta poco. Se ti sei sentita ricambiata, se hai percepito affetto anche da parte sua... vuol dire che qualcosa c'era>> abbasso lo sguardo e ripenso a come mi sono sentita tra le sue braccia, al modo in cui mi guardava, alla dolcezza di quella melodia che ha composto per me... si, mi sono sentita ricambiata. Si, ho pensato di non essere l'unica a combattere per non cedere a questo sentimento così complicato e si, mi sbagliavo totalmente e su questo è stato chiarissimo. "La verità è che mi ha fatto credere e provare determinate cose di proposito per dimostrarmi che ci sarei cascata come tutte le altre nonostante gli avessi sempre detto il contrario, è stata probabilmente una sfida per lui e nient'altro. Quindi forse l'esperienza in questo caso mi avrebbe aiutato" rispondo con schiettezza, il punto del discorso non è essere ricambiata o meno, su quello non ho più dubbi, ma è semplicemente lo sconcerto che provo ancora nell'essermi sbagliata così tanto nel giudicarlo come persona, nell'aver visto qualcosa che non era reale ma semplicemente frutto della mia mente, nell'essere ancora così facilmente raggirabile nonostante mi sia più volte vantata di essere cresciuta, di essere diventata più forte "Hai ragione nel dire che c'è sempre una causa , condivido questo tuo pensiero però... quando quello che ne è derivato è talmente atroce da non poter essere perdonato in alcun modo, ha davvero importanza sapere cosa lo ha scatenato?" prendo nuovamente la bottiglia di idromele e ne bevo un altro lungo sorso, inizia a girarmi un pò la testa ma è una sensazione piacevole, mi sento più leggera e questo peso che sento sembra meno opprimente "Comunque è inutile parlarne ancora, tra pochi giorni questa guerra finirà e con essa tutta questa storia" gli sorrido in modo un pò forzato passandogli nuovamente la bottiglia per poi osservare le sue occhiaie, probabilmente non sta dormendo abbastanza e spero non sia per quello che penso "Come stai Valerius? Ti vedo stanco e non ho potuto fare a meno di notare il simbolo su quella missiva l'altro giorno. Problemi?" gli chiedo dubbiosa, non è tipo da confidenze ma magari parlare con qualcuno che conosce le dinamiche legate alla successione ed all'ereditarietà dei titoli e dei possedimenti nobiliari ma soprattutto qualcuno che conosce suo fratello e quello che è in grado di fare per raggiungere i propri obiettivi, potrà in qualche modo aiutarlo.

  3. #3023
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    SAGE BLOODBORNE

    Con un sospiro di sollievo ritorno finalmente all'accampamento. La zona neutra è un posto placido e tranquillo, ma per gli dei ti mette un'angoscia!
    Sono comunque anche sollevato per essermi tolto finalmente quel macigno dal petto, di aver esternato quello per provo e di non avere più rimpianti. Spero solo che Andreus non sia cambiato e che non respinga la mia missiva, ci siamo allontanati molto tempo fa e non so se questa guerra, questa situazione l'ha cambiato o è rimasto lo stesso adorabile ragazzo che era un tempo!
    Faccio un mezzo sorriso ripensando a tutto quello che abbiamo passato insieme e mi dirigo con baldanza al tavolo, dove trovo la nuova arrivata tutta sola. Sarà meglio farle un pò di compagnia, non vorrei che pensasse che siamo tutti degli zoticoni qui intorno.
    Mi avvicino col sorriso stampato sulla faccia: "E' qui la festa?" - dirò sedendomi di fianco a lei e cercando di farla sorridere. Sarà tesa per la battaglia di domani, poveretta: appena arrivata e già buttata nella mischia.
    "Sei preoccupata per domani? Io non sono molto esperto di battaglie, sono sceso in campo solo una volta, ma se hai bisogno di parlarne con qualcuno sono a tua completa disposizione" - detto questo mi alzerò in piedi, solleverò le braccia e mi piegherò in un inchino profondo, poco regale e molto buffo.


  4. #3024
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Ryuk Leithien

    Probabilmente sono stato abbastanza in ammollo, a giudicare dalle grinze sui polpastrelli direi anche troppo. Poggio le mani ai bordi della vasca e mi do la spinta per alzarmi, anche se mi sento bello pesante, spero di non aver messo chili, sto mangiando ogni cosa che mi capita a tiro, nonostante dica sempre di avere lo stomaco chiuso. Avvolgo l’asciugamano attorno alla vita ed annuso i pantaloni, sarebbe quasi ora che me li cambiassi e gli stivali sono belli logori, mi chiedo ancora che fine abbiano fatto quelli che avevo appena arrivai al campo. Raccolgo le mie cose e con un gesto del capo tiro i capelli in dietro, dovrei frizionarmeli, almeno per tamponare l’acqua o domani mi trovo col collo bloccato, che bello essere vicino ai quaranta, mi domando come facesse mio padre a non accusare mai neanche un mal di testa. Sto per uscire dalla tenda, ma due puntini verdi che si avvicinano mi bloccano sul posto, fino a quando mi rendo conto che si tratta di una delle mie colombe incantate. Si ferma sul mio braccio e prendo la missiva legata alla sua zampa, la srotolo e comincio a leggere

    “Lord Leithien,
    vi comunico che la ribelle da voi descritta ha varcato il confine, le guardie che l’hanno seguita non hanno evidenziato comportamenti pericolosi, la sua testa è ancora attaccata al collo. Come da vostri ordini un soldato ha seguito la donna al ritorno, sappiamo dove si trova Targaryus. In attesa di ordini.”
    Sorrido e strappo la missiva in piccoli pezzi, in modo che nessuno sappia della mia scoperta, ne parlerò con Drako direttamente, anche se sono purtroppo cosciente di cosa mi dirà, un attacco a sorpresa è fuori discussione non lo farebbe mai, inoltre non possiamo conoscere le difese di Targaryus, perdere nostri alleati non servirebbe a nulla, non ho intenzione di decimare i miei soldati, servono tutti a proteggere il confine. Drako è d’onore, ha promosso la guerra per una vittoria leale, non è da me, ma devo sottostare al suo volere, almeno fino a quando tutto questo sarà finito. Questa informazione vale come garanzia soprattutto in caso di una nostra vittoria.

    *scoperta concordata con SimsKingdom

  5. #3025
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti




    Continuo a girarmi e rigirarmi sul pagliericcio e non riesco a trovare pace.





    Pensare che volevo riposarmi un po' prima di allenarmi ed invece... avessi chiuso occhio anche solo per dieci minuti.



    Che rabbia! Mi metto a sedere e mi guardo intorno... scocciata.



    Perché sono scocciata, poi? Non lo so.
    Ho una grandissima confusione in testa ultimamente e questo mi irrita.
    Scocciata, confusa ed irritata. E chi sta meglio di me?
    Non riesco più a capire cosa voglio, cosa provo, cosa spero.
    Non so nemmeno perché ho detto quelle cose durante la riunione. Ero solo infastidita ed indispettita.
    "Solo", eh. Avrò offeso qualcuno? Tanto per cambiare... non sarebbe certo una novità.
    Forse dovrei parlarle, ma per dire cosa alla fine? Che sono rimasta delusa dal suo atteggiamento?
    Per quale motivo, poi? Alla fine ha egito esattamente come avrei agito anch'io, quindi perché provare tanto fastidio?
    Dovrei essere felice, anzi, di constatare che non sono l'unica a pensare che fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.
    Mi alzo di scatto dal pagliericcio ed inizio a camminare su e giù per la tenda: sono stanca, davvero stanca di sentirmi così "sconnessa". Ciò che ho visto... che ho... scoperto... non credevo avrebbe avuto un effetto simile. Almeno ciò che ricordo. Sono così confusa...



    Credevo che la verità mi avrebbe lasciata del tutto indifferente... Ovviamente fino a qualche ora fa non credevo nemmeno ci fosse una verità da scoprire, ma addirittura sentirmi così... disorientata...
    Oh, basta! Sarà meglio allenarsi un po'. Ormai è scesa la sera e sarà meglio darsi da fare, piuttosto che continuare a perdersi in futili pensieri. Esco dalla tenda e mi dirigo con passo deciso verso il campo d'addestramento.
    Un po' di riscaldamento e poi mi dedicherò a scoccare qualche freccia: pensare troppo fa male alla salute.



    NB. Perdonate la latitanza, ma ormai è ufficiale: a causa dell'università non ho più una vita. u.u
    Ultima modifica di valuccia85; 13th March 2016 alle 22:38

  6. #3026
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Il foglio è bianco, non ho ancora intriso la punta della piuma nell'inchiostro di seppia. Le ombre proiettate dalla luce tremula della candela ballano come se questa lettera fosse un'enorme stanza da ballo. Basta fantasticherie, devo concentrarmi. Potrei cominciare con Caro idiota o Caro fessacchiotto ma no, non questa volta. Serio, come non lo sono mai stato. Prima di tutto dovrò scrivere in modo che non stracci subito la lettera, non posso correre il rischio che Caligus la scampi. Bando ai convenevoli, penso siano inutili tra noi.


  7. #3027
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Alinor Waters



    Esperin mi risponde che è solo stanca, ma non le credo affatto. C'è qualcosa che non la fa stare tranquilla, solo che non me lo vuole dire, almeno per ora. Probabilmente è per non farmi preoccupare ..per via della battaglia.
    "Credo che andrò a fare un bel bagno per riprendermi un po’. Ho lasciato le tue cose in tenda sul pagliericcio, uno dei due è rivestito, puoi usare quello così starai più comoda. Inizia a sistemarti, ti raggiungo tra un pò così parliamo con più calma” mi dice subito dopo con un bacio sulla guancia. Annuisco con la testa ma storco la bocca. "Va bene..." sibilo mentre si allontana dal tavolo. Quando vorrà parlarne, sa dove trovarmi.
    Sospiro mentre prendo il suo posto e mi guardo attorno. Mi è sempre piaciuta l'idea di vivere in un accampamento. Niente mura, niente spazi stretti e angusti..solo aria pulita e....la faccia di uno dei miei nuovi compagni davanti. "E' qui la festa?"
    Gli sorrido anche quando si alza per un inchino asserendo:"Sei preoccupata per domani? Io non sono molto esperto di battaglie, sono sceso in campo solo una volta, ma se hai bisogno di parlarne con qualcuno sono a tua completa disposizione". "Neanche un esperto di inchini, direi!" ribatto ilare, anche se mi ci rivedo molto in quello strambo inchino. Non sono mai riuscita ad imparare.
    "Ti ringrazio...Sage, vero? ..Sarei una stupida se non avessi paura per la battaglia.." gli rispondo cordiale, prima di contnuare: "..Io..io sono colei che ha riportato la vittoria a Franthalia...per la mia vecchia fazione intendo.." tengo subito a precisare, anche se con un po' di confusione.
    "..E' una situazione un po'...complicata.." cerco di concludere il mio sproloquio, sorridendogli nuovamente, anche per smorzare i toni.
    "Tu come te la sei cavata? In quale battaglia hai combattuto? E...il tuo compare, Dahmer, come se la cava?" gli rivolgo infine, cercando di spostare il discorso su di lui. Non che non abbia informazioni soprattutto su Dahmer, ma magari sa altro che io non so.
    Ultima modifica di scarygirl; 1st March 2016 alle 14:07


  8. #3028
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Elen

    Rimasta sola nell'infermeria sistemo i panni sporchi e i pagliericci poi mi avvio verso la tenda per riposare, ma le voci di lady Alinor e Sage al tavolo modificano i miei piani, domani scenderà in battaglia e io non le ho rivolto neppure mezza parola da quando è arrivata.
    Prendo dei boccali e una bottiglia di idromele, in caso ne volessero anche loro, e mi siedo su un ceppo libero salutandoli con un cenno della mano <<Ho saputo che scenderai in battaglia con Dahmer... - mi rivolgo alla ragazza - In bocca al lupo per domani!>> le sorrido.
    <<Ecco, beh, prima non devo averti dato una buona impressione...>> da quando è arrivata non le ho praticamente rivolto parola, non ne ho avuto tempo per la questione di Aiden, ma non è solo per quello.
    Sorseggio il luppolo e senza rendermene conto mi ritrovo a fissare la ragazza, ha rischiato molto per venire da noi, chissà se lo ha fatto perchè crede nei nostri ideali o solo per l'amicizia che la lega ad Esperin. Ecco che una punta di gelosia, la stessa provata quando le ho viste insieme, si rifà viva, ma la annego con un nuovo sorso del prelibato nettare.
    Ultima modifica di albakiara; 1st March 2016 alle 15:08

  9. #3029
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Valerius Urthadar

    Esperin, con una schiettezza che non le avevo mai visto usare prima, mi risponde chiaramente che non vi era alcun sentimento dall'altra parte e che Ryuk l'ha solo presa in giro. Ne è talmente convinta che mi riesce davvero difficile non credere che sia la verità, sarà pure inesperta ma non è di certo un'idiota e se ritiene che vi sia stata solo malizia probabilmente ha delle solide basi per pensarlo. Sono comunque dell'idea che debbano parlare, chiarirsi, insultarsi se necessario, perché è palese che questa disavventura sia per lei una fonte di sofferenza e distrazione. "Hai ragione nel dire che c'è sempre una causa , condivido questo tuo pensiero però... quando quello che ne è derivato è talmente atroce da non poter essere perdonato in alcun modo, ha davvero importanza sapere cosa lo ha scatenato?", accompagna queste parole con un altro sorso di idromele, che però stavolta non la fa tossire. Poi, stancatasi di questo discorso, mi chiede come sto e tira in ballo la missiva di Petyr che ho ricevuto qualche giorno fa. È vero, c'era anche lei quando me l'ha consegnata Mercur e il sigillo degli Urthadar è difficile da non notare... in realtà sono felice che me lo abbia chiesto, è l'occasione giusta per riferire a qualcuno come si sono sviluppati gli eventi. Preferisco dirlo io di persona invece di aspettare che la notizia venga fuori da sola, i miei compagni potrebbero anche pensare che sono un traditore o che non li ho ritenuti degni della mia fiducia, non mi va di ripetere un'altra sceneggiata come quella che mi ha visto protagonista quando è arrivata Esperin. <<Sì, sono molto stanco>>, le dico con naturalezza, mentre poggio la bottiglia vicino a lei sul suo asciugamano. Non mi va più di bere. <<Dormo poco. Mi sento debole. E... Dei>>, mi porto le mani alle tempie e le massaggio, <<A quanto pare il mal di testa si è affezionato>>. Tento di sorridere, non mi va di farla preoccupare, ha già tanti pensieri e la salute di un quarantenne non dovrebbe essere tra quelli. Però se le avessi risposto che andava tutto bene ovviamente non mi avrebbe creduto, è palese che sono debilitato. <<Sinceramente io... io credo che sia tutto collegato a ciò che mi è successo trent'anni fa>>, continuo un po' titubante. Non mi va più di tenermi tutto dentro, è chiaro che l'occhio c'entri qualcosa e quegli strani sogni... o visioni, non lo so... mi fanno paura. <<Comunque la lettera era di mio cugino. Sono andato a Capo Tempesta e mi ha offerto il suo aiuto, con delle condizioni. Mi ha fornito delle motivazioni che mi hanno convinto e ho accettato di lavorare insieme>>. Dovrei scrivergli il prima possibile, sia per avere un aggiornamento sulla situazione, sia per quei libri... e magari anche per chiedergli della morte di suo padre. <<Non penso che sia un inganno, ma anche se fosse non ho nulla da perdere. Non gli ho dato alcuna informazione sulla fazione. Più che aiutare me, credo che stia ostacolando Aiden>>. Ripenso alla sua domanda di prima, non mi va di far cadere quel discorso in questo modo. <<Tornando al nostro... mostro>>, non penso le farà piacere parlarne ancora ma sento di dovergli dire almeno questa cosa per concludere, <<Anche se non potrai mai perdonarlo, sapere ti aiuterà a superare tutto questo. Dicono che una brutta verità sia molto meglio del non sapere e io sono d'accordo. Non avere paura di quello che potresti scoprire>>. Che ipocrita, dovrei seguire io stesso questo consiglio, non serve a nulla temere di capire cosa mi sta succedendo, anche perché il tempo passa e sto sempre peggio.
    Our wills and fates do so contrary run

  10. #3030
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Esperin Raeghar


    Valerius con naturalezza conferma la mia prima impressione ossia che si sente molto stanco, che dorme poco e che a quanto pare l'emicrania non accenna a lasciarlo in pace, tuttavia si sforza di sminuire la cosa sorridendomi per tranquillizzarmi, ha questo modo di fare che mi mette estremamente a mio agio, come se stessi parlando con qualcuno che conosco da tanto e non solo da pochi giorni. <<Sinceramente io... io credo che sia tutto collegato a ciò che mi è successo trent'anni fa>> ripenso a quando ha scoperto di riuscire a vedere dall'altro occhio, alla confusione che ne è derivata, a quei malesseri che lo hanno colpito recentemente ed alla sua intenzione di chiedere aiuto a Drako ed al suo charme per chiarire le cose, non gli ho più chiesto poi se quel tentativo fosse andato a buon fine e se avesse capito cosa sia accaduto in passato da indurlo a tenere inutilmente l'occhio coperto, sono stata troppo presa dalle mie questioni ed è finito purtroppo in secondo piano "Drako non è riuscito ad aiutarti in questo? Spero che riuscirai a venirne a capo dato che ti causa malessere e spossatezza. Non trascurarti, soprattutto in un periodo difficile come questo" gli dico un pò titubante, non voglio intromettermi troppo nelle sue questioni, so che è una persona molto riservata ma sono preoccupata per lui e forse dovrebbe approfondire, magari in qualche testo da guaritori... ammetto di non essere per niente esperta e quindi evito di esporre un parere che potrebbe risultare totalmente stupido. Continua a parlarmi della missiva che come sospettavo proveniva da Capo Tempesta, in realtà pensavo che il mittente fosse Aiden e non Petyr, soprattutto non mi aspettavo un accordo come quello che a quanto pare hanno stretto contro l'attuale Lord. Non so se abbia fatto bene, quell'uomo resta comunque l'allievo prediletto di Aiden e come tale può essere molto pericoloso, ma come lui stesso ha affermato non ha nulla da perdere da questa collaborazione e tutto da guadagnare considerate le posizioni attuali, inoltre se questa guerra terminerà con la nostra vittoria sarà ancora più semplice per lui riprendersi ciò che è suo di diritto ed un contatto interno potrebbe tornargli estremamente utile. "Non puoi fidarti del tutto di lui, ma lo sai bene" non potrebbe essere altrimenti considerato ciò che la sua casata gli ha fatto in passato, se non bastasse a priori l'impossibilità di fidarsi totalmente di qualcuno in tempo di guerra nel suo caso le motivazioni sono ben più radicate nel suo animo. Sono certa che adotterà le precauzioni necessarie in tutta questa faccenda come d'altra parte ho fatto io con Alinor, so bene quanto carpire informazioni sia fondamentale nel momento in cui non si può controllare personalmente una determinata situazione e quindi approvo, con la dovuta accortezza, questa sua decisione. "In ogni caso se hai bisogno di una mano non esitare a chiedere, sia per Aiden che per... il resto" aggiungo poi rendendomi disponibile nel caso in cui abbia bisogno anche solo di un parere per districarsi in tutta questa situazione che sta vivendo. <<Tornando al nostro... mostro>>, mi viene istintivo abbassare nuovamente lo sguardo quando inaspettatamente riprende a parlare di Ryuk, ammetto che nonostante tutto quello che ho scoperto, nonostante sia stata io la prima ad averlo definito in questo modo, associargli quel termine mi provoca un senso di fastidio che non riesco ad evitare di provare, colpa certamente di questi stupidi sentimenti che sto cercando di cancellare. Valerius ribadisce che sapere la verità è sempre la cosa migliore dando voce ad una convinzione che da sempre ho sentito mia, aggiunge che mi aiuterebbe anche a superare tutta questa storia che è palese mi tenga la mente occupata in un momento in cui non potrei permettermelo, incoraggiandomi a non avere paura di sentirla ma di avere il coraggio di affrontarla. So che ha ragione, da quando Ryuk mi ha rivelato quelle cose alla valle continuo a chiedermi come abbia fatto a sbagliarmi così tanto su di lui, ad immaginare nella mia testa una persona totalmente diversa da quella che avevo davanti. Forse conoscere come sono andati i fatti e cosa lo abbia portato ad impazzire ed a spegnere la ragione, scoprire se l'abbia fatto per pura follia e crudeltà senza alcun motivo o se un motivo c'era, mi aiuterà a comprendere una volta per tutte chi ho di fronte e quanto io abbia frainteso i suoi atteggiamenti. Parlare con lui però è l'ultima cosa che ho intenzione di fare al momento, non ne ho proprio voglia, quindi non lo so... ci penserò un pò su "Grazie" mi limito a dirgli con un sorriso e con una consapevolezza maggiore di cosa prima o poi dovrò fare per riuscire a voltare pagina una volta per tutte "direi che basta così, altrimenti sarai costretto a portarmi di peso in tenda" aggiungo dopo un ultimo sorso di idromele, scoppiando a ridere.

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •