Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 45 di 343 PrimaPrima ... 3543444546475595145 ... UltimaUltima
Risultati da 441 a 450 di 3422
  1. #441
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti


    Riesco a tirar fuori Elwing dalla trappola di terra, giusto in tempo prima che la sabbia venga riassorbita. Dahmer è furioso, fuori controllo, mi osserva con la morte negli occhi, prima che due lacrime ne solchino il viso, cosa può mai aver detto o fatto Elwing per scatenare questa reazione in lui? Non che la violenza non gli appartenga, non me ne stupisco affatto, ma quelle lacrime…
    "Levamela di torno, o mangerò il suo cuore per cena"
    Decido di ignorarlo, avrò modo di parlargli in tenda. Ho Elwing tra le baccia, sembra tutta intera per fortuna, nulla di rotto o di compromesso, è solo decisamente provata
    <<non ci accadrà nulla...>>
    Pronuncia con un fil di voce prima di perdere i sensi, non può farmene una colpa, non sono dei bambini ai quali devo badare costantemente, ho giurato che non gli sarebbe accaduto nulla, è vero e sono pronto a pronunciare le stesse parole ancora una volta, ma necessito di collaborazione, anche da parte loro, deciderò se scusami o meno con lei, una volta che avrò saputo cosa è accaduto in realtà. Carico il suo peso sulle braccia e la sollevo dolcemente, per poi poggiarla sull’altro letto dell’infermeria, mi assicuro che respiri e le tolgo i capelli scivolati sul suo viso “Riposa ora”
    Qualcuno sta per ritrovarsi col culo a strisce. Fortuna che c'è ancora un posto libero qui, vicino a me, in infermeria".
    Niniel bofonchia cercando di ironizzare, non penso che sia il momento adatto, ma lascio correre.
    “Cerca di riposare anche tu, appena ho terminato con Dahmer, vengo a ripulirti le ferite”
    Detto ciò esco dall’infermeria a passo pesante e mi dirigo alla mia tenda. Dahmer è sul pagliericcio con lo sguardo perso nel fissare il pavimento. Resto in piedi avanti a lui, con le gambe tese e le braccia conserte, quasi digrigno i denti nello sforzo di restare dove sono.
    “Mi sto trattenendo dalla voglia di scagliarmi su di te e non solo per quello che ho appena visto, tu sai a cosa mi riferisco” Il boia… ho l’aguzzino di tutti i miei soldati decapitati qui, avanti a me. So che ha semplicemente eseguito gli ordini di Lantis, ma conosco questo ragazzo e la bramosia di sangue che lo caratterizza “Voglio darti l’opportunità di spiegarmi perché, perché stavi per togliere la vita ad un membro della nostra fazione, ma soprattutto voglio capire che cosa intendi ottenere schierandoti dalla nostra parte! Conosco il tuo passato, conosco Ulfric e le sue maniere, ma voglio che sia tu a dirmi tutto. Sei una mina vagante Dahmer, ma se ti aspetti che ora inizi a picchiarti come se non ci fosse un domani ti sbagli di grosso, quello te lo riservo in allenamento, non di certo in questa tenda. Sei troppo abituato ad essere trattato in un certo modo e non otterrei nulla da te, quindi guardami negl’occhi e parla”

  2. #442
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Dahmer perde 15 punti costituzione per il colpo di Elwing al viso
    Elwing perde 20 punti costituzione per essere stata travolta da Dahmer e la caduta

  3. #443
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Non mi scasserà di botte, a quanto pare, ma inizia con delle domande che suonano da paternale. Ripenso alla mia vita con molta meraviglia: ho ricevuto solo una volta una paternale... da parte di mio cugino Vicent. C'ha provato, il moccioso, ma la sua debolezza e il suo asservimento nei confronti della famiglia sono stati più forti delle sue buone intenzioni. Ipocrita, ecco cos'è. "Vicent Dreth ha pagato caro il suo affetto per me, il suo tentativo di volermi salvare... Drako, dovresti stare attento" gli replico in modo sarcastico. Ammetto che preferirei un pugno in faccia o nelle palle a questa discussione, ma temo che il Dragone sia irremovibile. Sospiro profondamente, se voglio ottenere ciò che desidero, devo cominciare a ragionare di più come parte di questo gruppo di sciroccati allo sbaraglio.
    "Per prima cosa, quelle due elfette non sono minimamente preparate alla guerra. Con Niniel lo scontro è stato leale, ho persino cercato di spiegarle i ragionamenti da fare di fronte ad un nemico... l'ho quasi guidata al modo per battermi ma.. bhe è una stupida patentata, si è quasi fatta ammazzare e davvero... ce l'ho messa tutta per trattenermi o la troveresti già decapitata. Ha saputo solo colpirmi a botte di simbiosi, stessa cosa l'amichetta sua... certo, già me le vedo in battaglia ad attaccare la possente aura di Lord Tywin con la simbiosi... sai che danni. La Regina se le mangerebbe a colazione con i poteri psichici che possiede. Non sono coscienti dei danni e dei pericoli che può avere un'aura in combattimento, la usano solo per non sporcarsi le mani" spiego con un sorriso sfrontato sul viso, evitando comunque di guardarlo dal basso verso l'alto.
    Faccio una breve pausa di silenzio, la domanda che mi pone non è facile da argomentare.
    "Voglio... voglio semplicemente essere Dahmer Gray. Non il bastardo dei Dreth, non il boia della luna... ma solo io. Forse sono tutto questo, non lo so... sono confuso a riguardo ma... so che seguendo te, questa guerra potrà rovesciare gli ordini costituiti a Dohaeris e quindi... ci sarà speranza pure per un tipo come me. Non è la speranza ciò che muove anche te? Elwing, durante la sua simbiosi, mi ha trasmesso l'amore per i suoi genitori... dentro di me ha iniziato ad accumularsi un odio feroce e io... vorrei che sparisse perchè fa paura anche me. Da una parte ne sono affascinato, è come una droga, ma poi arriva il suo retrogusto amaro che non mi piace per niente. Hai il mio braccio e la mia lealtà, perchè sei la mia speranza. Prendimi pure per il culo ora, mi ci prenderei da solo se potessi. Ma se qualcosa di umano è rimasto in me... è vivo grazie a questa speranza. Ma non ti nascondo che covo vendetta per Ulfric. Niente e nessuno mi impedirà di strappare la sua testa dal collo" gli replico deciso, alzandomi in piedi e guardandolo negli occhi. "Sono una mina vagante, è vero, ma sono un uomo cresciuto come un soldato. Davanti alla difficoltà non ti lascerò nella merda... puoi dire la stessa cosa delle tue edulcorate signorinelle? Riflettici Dragone, la bomba qui non sono io, ma loro" concludo sempre più serio. Spero di aver soddisfatto la sua voglia di sapere, non mi piace dover essere così sincero con qualcuno, e con Drako mi riesce troppo facile. Non mi piace questa sua influenza su di me.

  4. #444
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti



    Dahmer sembra collaborare nonostante il tono sarcastico della prima risposta, alla quale non manco di replicare “Non sono il buon samaritano, non ho intenzione di salvarti, devi essere tu a volerlo, possibilmente senza uccidere i miei alleati” Mi parla dell’allenamento, di quanto si sia sforzato di essere leale in un combattimento evidente impari, dove si è addirittura improvvisato un maestrino che indottrina i meno avvezzi alla lotta, mi risulta alquanto difficile da credere, ma a quanto pare, considerato che ogni testa è attaccata al proprio corpo, mi sforzo di prenderla come una verità. Non ho avuto ancora occasione di osservarle in allenamento, è una mia immensa mancanza, ma non posso dire di essere stato con le mani in mano, se non sono riuscite in due, a tener testa a Dahmer, che non spicca per potenza, è piuttosto logico che non siano guerriere dotate, questo non fa altro che gravare sulla nostra fazione. La simbiosi è un’arma temibile nelle mani giuste, ogni sentimento, ogni emozione, può essere storta e manipolata, può indurre il proprio nemico ad atti non calcolati, ma se chi ne fa appello è poco più che un dilettante, questo potere può sfuggirgli di mano e causare dei danni collaterali. Mi sorride con quella faccia da schiaffi che lo caratterizza, ma è un atteggiamento che lascia trasparire un certo nervosismo. “Le persone come te non hanno alcuna speranza, le persone come te causano solo disgrazia e sofferenze, le persone come te sono totalmente inaffidabili, Dahmer” Gli parlo mantenendo lo sguardo nel suo e con immenso disprezzo, un disprezzo che è cresciuto in questi anni, in cui l’ho osservato compiacersi dei propri atti efferati, ed ora mi parla come un innocente in cerca di riscatto. Ecco che capisco cosa è accaduto con Elwing, probabilmente nella speranza di muoverlo a compassione, gli ha infuso tutte le preoccupazioni per la propria famiglia, l’amore che prova per loro… tutto ciò che cozza con la storia di Dahmer, tutto ciò che gli ricorda chi è e come lo hanno trattato da bastardo. Ecco l’effetto collaterale! Mi parla di speranza, mi parla di vendetta e mi assicura che si farà valere, perché ne è in grado e perché non ha paura della guerra, è cresciuto come un soldato, ma ben lontano dalla legalità morale che li contraddistingue, ben lontano da suo cugino Vicent.
    “Se vuoi essere considerato semplicemente Dahmer Gray, allora smettila di comportarti come il bastardo dei Dreth. Non vedo alcuna differenza tra il ragazzo che mi siede avanti ed il boia dei reali, oltre tutte queste belle parole di speranza e lealtà, dimostrami che sei in grado di essere chi vuoi, cerca di non farti manipolare dalle emozioni così facilmente e non mi riferisco alla simbiosi, ma a tutto l’odio che covi. Accetta quel che è stato, perché non hai altro modo per cancellare tutto ciò che ti hanno fatto, metti un punto e ricomincia. Vuoi la tua occasione? Bene, potrai averla, ma non ho intenzione di tenere al mio fianco uno squilibrato che brama di tagliar la testa ad ogni persona che lo guarda male, tieni ben a mente queste mie parole: se ricapiterà nuovamente una scena come quella che ho visto prima, ti farò rinchiudere in una cella a vita.” Resto in silenzio qualche istante, cercando una sua reazione alle mie parole “Potrei costringerti con il mio charme a fare ciò che dico, ne sei cosciente?Ma non lo farò, non ho intenzione di interferire con un tuo cambiamento imponendo la magia. Allenati, picchia, difenditi, ma non… osare mai più minacciare di morte un nostro alleato, se dovesse mai venirti un tale desiderio allontanati o vieni da me, sono stato chiaro? Non ho parole di conforto per te, sei un valido soldato, cerca di diventare anche un uomo che si rispetti ed avrai tutto il mi appoggio, inoltre… non chiamarmi più Dragone, solo Drako, non ho più quel titolo.

  5. #445
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    DAHMER GRAY

    Chiunque altro al suo posto, se mi dicesse ciò che mi sta dicendo, sarebbe stato canzonato, o gli avrei semplicemente mentito. Drako, però, parla da uomo e mi sento di ricambiare questa serietà. Mi piacerebbe, in effetti, dargli un'idea precisa di quello che è il mio progetto ma, me ne rendo conto a rifletterci adesso, l'unica verità è che sono confuso. Una parte di me vorrebbe comportarsi come dice lui, riscattare il mio nome, concentrarmi sulla vendetta contro i Dreth e Ulfric ma poi, nell'ombra, sento sempre un ghigno, un demone che deride questa strada per l'inferno lastricata di buone intenzioni, che mi ricorda vivo il piacere del sangue, del dolore, della morte che spira dinanzi ai miei occhi. L'odio... l'odio è una cosa seria, complessa, non facile da soffocare. L'odio è forse un potere più forte: richiede costanza, pazienza, controllo, abnegazione. Tutte cose che puoi, in teoria, lasciar andare, abbandonarti alla tua umanità e spegnere il cervello... ma quanDo il veleno dell'odio circola nel sangue, è una possibilità che non prendi nemmeno in considerazione. Nemmeno davanti alle parole virtuose di un uomo come Drako.
    "Soffocare l'odio... è più difficile, sai, che soffocare l'amore. Hai mai amato nella tua vita, Drako? Una donna, una madre, un fratello, chiunque... sono sicuro di sì, gli uomini come te sono sempre aperti all'amore. Per quanto tu possa metterti d'impegno, riusciresti a soffocare uno solo di questi legami? Ecco, moltiplica per ennesime volte questa difficoltà e avrai una pallida idea di cosa mi stai chiedendo. Ma sei uomo d'onore, seppur in modo tutto... personale... ti ammiro e di certo ci metterò impegno. Non chiedermi miracoli, però. Quando avrai perso tutto ciò che ami, allora forse, comprenderai un poco il mio odio. La mia spada è tua, non ucciderò i tuoi alleati e mai l'avrei fatto... si sono fatte loro quasi ammazzare, io la mia parte l'ho fatta. Non pretendere da un lupo che debba leccare l'agnello senza mangiarlo... chiedilo a Ryuk, chiedigli quanto piacere ha provato nello strozzare Elen ieri... ma ti serviamo, capo, e ti serviremo. Dovrebbe bastarti. Conosci la mia efferatezza, il fatto che quelle due respirino ancora, è già una grande successo, no?" gli dico placido, senza alterarmi, ma anzi con un tono cinico, quasi triste. Mi sdraio, la faccia mi brucia, il fulmine di quella stronza non mi dà tregua. Spero che Elen torni presto dalla battaglia, è parecchio fastidioso questo bruciore. "A proposito, dov'è Ryuk?" gli domando mentre mi tengo la faccia con la mano. Non ho badato a lui, ma di sfuggita l'ho visto dirigersi al Glados... starà succedendo qualcosa?

  6. #446
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti


    Dahmer è ancora un ragazzo, è evidente dal modo in cui mi sta parlando, mi chiede se io sappia cosa sia l’amore, che un uomo come me è chiaro sia aperto ad un sentimento del genere e che probabilmente non posso sapere cosa sia l’odio o almeno… non nella misura in cui lo prova lui. Dahmer prova a convincermi del fatto che posso fidarmi e che non ha mai pensato di uccidere alcuno dei nostri alleati, questo cozza non poco con quello che gli ho visto fare ad Elwing. Tiro un sospiro e mi porto la mano al viso, la questione è più complessa di quello che sembra e non la risolveremo di certo a parole in questo istante, ci vuole un lungo lavoro e nonostante ora sembra convinto di ciò che dice, un animo logorato come il suo, non ha appigli saldi ai quali mantenersi, potrebbe degenerare ancora. “Amore e Odio sono due sentimenti molto simili, entrambi ti consumano dall’interno, persino un amore corrisposto, può portare alla follia pura. Mi chiedi se ho mai amato: sì… ho amato ed ho odiato, continuo ad amare ed odiare, ma non mi faccio manovrare da questi due sentimenti e ti assicuro che sono uno più forte dell’altro, mi stanno mangiando il cervello ed il cuore, ma io resisto, perché mi sono imposto di farlo. Sono un uomo, non un santo, cedo anche io ad esplosioni di ira e mi lascio trasportare da ciò che provo, ma riesco a mantenere il controllo... con molta fatica. Conosco la tua efferatezza e credo che tu conosca la mia, non ho paura di sporcarmi le mani, avrei potuto cedere in qualsiasi momento qui con te e di motivi ne ho tanti quanti i nomi degli uomini ai quali mozzato la testa, sfoggiando il tuo sorriso migliore.” Decido di sedermi sul tronco che da verso di lui, inizio a sentirmi stanco “Prima… hai detto che è la speranza a menter vivo un barlume di umanità in te, la verità è che sei umano più di quel che pensi, ti reputi un mostro solo perché ti piace sentirti tale, una giustificazione alla tua crudeltà. Io conosco i veri mostri Dahmer e loro non provano niente, sono un pozzo senza fondo e senza emozioni e la speranza è una di queste.” Ho bisogno di aria, questo discorso inizia a soffocarmi, ma Dahmer mi chiede di Ryuk, non posso dirgli la verità e mi limito a rispondergli in maniera vaga “Aveva delle questioni da risolvere. Ora andiamo nell’infermeria, lasciamo Elwing dormire e dedichiamoci a Niniel, possiamo solo ripulire le ferite più gravi e somministrarle un tranquillante per il dolore, lo preparo io” Detto ciò l’osservo ancora in viso, spero di non dover più ripetere il discorso appena fatto e neanche di dover intervenire ancora contro di lui, ma la vedo dura. Esco dalla tenda e mi dirigo verso Niniel.

  7. #447
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti




    Credo di essermi addormentata. Sì, devo aver chiuso gli occhi giusto per un paio di minuti.
    Mi sento stremata e dolorante, eppure... sono soddisfatta!
    Questo è stato il primo vero allenamento da quando sono qui.

    -Credo che questo pagliericcio mi rivedrà ancora ed ancora-

    Roteo lentamente la testa verso sinistra. Elwing è adagiata sul pagliericcio accanto al mio, apparentemente priva di sensi.



    Vorrei alzarmi ed andare da lei per accertarmi sulle sue condizioni, ma quando tento di muovermi... eccolo... un dolore lancinante. Non saprei nemmeno stabilire dove sento dolore... ovunque?!

    "El... - sussurro - stai... stai bene?"



    Mi sembra svenuta, ma da qui non riesco a vedere bene. Se mi risponderà, le chiederò un suo personale parere su questo nuovo arrivato, ma in caso contrario non insisterò e la lascerò riposare.
    Forse dovrei farlo anch'io...
    Mi sembra di percepire un rumore... dei passi... forse qualcuno ci sta raggiungendo in tenda?
    Accetterei ben volentieri di farmi rimettere in sesto.



    NB. Spero di aver fatto tutto correttamente. Ho aggiunto la parte relativa al rumore di passi per far comprendere ad Ecli che Niniel è disposta ad accettare eventuali cure, così da non bloccare nessuno qualora non riuscissi a collegarmi stasera. Grazie! ^.^



    Ultima modifica di valuccia85; 28th March 2015 alle 20:24

  8. #448
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti



    Lascio Dahmer alle mie spalle ed avanzo verso la tenda dell’infermeria, se vorrà raggiungermi potrò solo apprezzarlo, altrimenti può restare a vegetare e rimuginare sul mio pagliericcio. Elwing dorme ancora, eppure non penso che le sia stato inferto chissà quale colpo, non è decisamente abituata alla lotta, in battaglia dovrà essere in grado di incassare ben altro. Niniel è cosciente, ma non è ancora in grado di alzarsi, mi avvicino a lei e le sposto i capelli dal viso
    “Devi rafforzarti un po’" le parlo come farebbe un padre avanti alla figlia con le ginocchia sbucciate “Ora ti preparo un ricostituente ed dopo averti ripulito le ferite, ti metto un balsamo, così la pelle si ammorbidisce e le ferite si richiuderanno prima”. Mi volto dunque verso il tavolo dove sono poggiati una serie di boccette e contenitori, vi sono anche delle tovaglie ed un recipiente colmo d’acqua. Per prima cerco il vasetto con la pappa reale e la mescolo con altri energizzanti in una ciotola, sarà gradevole di sapore, magari troppo dolce, ma le farà bene “Ecco, bevi questo nel frattempo” cerco di sollevarle il busto con il mio braccio ed aiutarla a bere, nel caso che accetti, dopodiché prenderò lo straccio imbevuto di acqua ed inizierò a tamponarle le ferite.

  9. #449
    sim dio
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    3,378
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti

    Zagarth Sovengard
    Il ritorno...

    Solo, sono solo tra le fitte foreste di Dohaeris. Solo, solo con me stesso, alla ricerca di qualcosa di indefinito. I piedi hanno camminato senza sosta in modo meccanico, come se non fossi io quello a decidere la direzione. Piedi che hanno camminato "spontaneamente" per chilometri, nell'oscurità, e che non hanno esitato a calpestare ogni centimetro di questa terra ormai per me non più sconosciuta.
    L'eremita, è per questo che sono nato. E' una tra le cose che mi è sempre riuscita meglio fare nella vita. Ovviamente oltre a saccheggiare villaggi, staccare testoline di qua e di là e manipolare le persone come un abile e sadico burattinaio.
    Questa scampagnata è stata oltretutto fruttuosa. Mi tocco il collo con una mano, per assicurarmi che l'oggetto da poco "preso in prestito" sia ancora lì, al suo posto.
    Continuo a camminare, scostando piante ed evitando eventuali rami a terra che possano farmi inciampare. Manca ormai poco per arrivare all'accampamento, e non vedo l'ora di vedere le facce di quei quattro mammalucchi e una loro eventuale reazione al mio ritorno, dopo un "viaggio" di "sole" ventiquattro ore senza che abbia avvisato qualcuno di loro. E lui, Ryuk. Chissà come la prenderà, visto che addosso non ho solo le scarpe di così tanto familiare...

    Un po' mi dispiace che sia ancora all'oscuro di ciò che ho combinato la scorsa notte. Una notte fredda e con un certo odore di morte nell'aria che mi ha guidato fino al cimitero gotico di Dohaeris, come se volesse mostrarmi qualcosa.
    Notte che mi ha portato lì, mostrandomi due sepolcri marmorei illuminati dal chiarore della Luna, e una statua posta lì, tra di loro, come per vegliare per l'eternità due anime ormai sperdute.


    Non ho di certo esitato ad avvicinarmi, e curiosare sui due loculi così da cogliere i nomi delle anime defunte.


    Tyrell, è tutto ciò che ho trovato inciso. Chissà perché quel cognome mi è suonato tanto familiare...


    Ironia della sorte, quella sera, il fato mi ha condotto lì. Quasi mi dispiace non essere riuscito ad aprire la tomba della sua spasimante, però quella di Elysa l'ho spalancata senza troppe fatiche, e mi sono meravigliato di aver trovato questo cimelio intatto e scintillante in mezzo a quel cumulo di ossa putrefatte.


    Un umile ciondolo, che di certo non ho lasciato in ciò che è rimasto della sorellina della musa di Leithien. Sarebbe stato un peccato lasciarlo tra le larve.

    Sono proprio curioso, oh sì. Chissà come reagirà nel vedere la sua "cognatina" appena tornata dal mondo dei morti! Certo, un po' cambiata e con il petto più villoso, ma il ciondolo è quello, ed è sempre lì.


    E se fosse soltanto la cugina di Irina? Poco importa, è sempre qualcuno di molto vicino a Ryuk.
    Ritorno alla realtà solo quando intravedo la tenda di Drako, rendendomi perciò conto di essere ritornato da quei poveri stolti. Mi tolgo le scarpe rubate a Ryuk, gettandole tra la fitta vegetazione alle mie spalle. <<Amoruuuuuccccciiiiiiiiii, Zaghy è tornato!>> Urlacchio, cercando di catturare l'attenzione dei miei "compagni".
    Ora inizia il divertimento. A noi due, Ryuk.
    PS: Ovviamente post concordato con la master.
    PPS: Oh, d'altronde quel ciondolo ho dovuto prenderlo: Zaghy è pur sempre un cleptomane XD
    Download ciondolo
    Ultima modifica di mettiu; 22nd February 2015 alle 10:56

  10. #450
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti



    Avevo sentito giusto: rumore di passi!
    Ed ora ecco Drako, qui, vicino a me, che mi scosta i capelli dal volto.

    “Devi rafforzarti un po’. Ora ti preparo un ricostituente ed dopo averti ripulito le ferite, ti metto un balsamo, così la pelle si ammorbidisce e le ferite si richiuderanno prima”

    "Ti ringrazio. - proferisco avvertendo un improvviso disagio. Non sono certo abituata a ricevere queste premure e sicuramente non dal mio Capo - Mi spiace che debba scomodarti per medicarmi. Sicuramente avrai altri pensieri e faccende di cui occuparti e che richiedono il tuo tempo..."



    “Ecco, bevi questo nel frattempo”

    Un rapido cenno di assenso con il capo e poi bevo lentamente il ricostituente.
    Ha un sapore molto dolce, ma non è affatto sgradevole.

    "E' stato un allenamento leale. Lui... lui non ha giocato sporco con me. Non come con Elwing, almeno..."

    La verità. Dirò sempre la verità.
    Sebbene non mi dispiacerebbe affatto vederlo qui, accanto a me, al posto di Elwing, devo dire le cose come stanno.
    Nessun inganno. Nessuna menzogna.

    "Non appena starò meglio, mi allenerò ancora. Devo diventare più forte. Molto più forte. Come sta Elwing? Sta... sta bene, vero?"



    La sua risposta sarà sicuramente positiva. DEVE essere positiva. Oppure, appena mi riprenderò, ammazzerò quel bastardo con le mie stesse mani.




    Ultima modifica di valuccia85; 28th March 2015 alle 20:31

 

 

Discussioni Simili

  1. [Quest GdR] Sims Afterlife - Household
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 424
    Ultimo Messaggio: 6th September 2014, 23:07
  2. [Quest GdR] Omicidio a Bellavista
    Di Dina Caliente nel forum Omicidio a Bellavista
    Risposte: 505
    Ultimo Messaggio: 10th October 2013, 00:01
  3. Quest d'esempio
    Di Dina Caliente nel forum GdR - Gioco di Ruolo
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 21:13
  4. Avete giocato al nuovo Deus Ex...?
    Di S1Mulator nel forum Altri videogiochi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 3rd November 2011, 20:51
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •