Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 122 di 339 PrimaPrima ... 2272112120121122123124132172222 ... UltimaUltima
Risultati da 1,211 a 1,220 di 3385
  1. #1211
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Nella sala cala il silenzio, spezzato solo dal lento susseguirsi dei verdetti dei presenti. Inizialmente le sorti di Taras sembrano segnate, ma inaspettatamente il numero dei favorevoli alla sua salvezza aumenta, riportando in parità la situazione. Resto stupita da Adamantia, che lo giudica innocente, ero convinta che avrebbe intrapreso la strada della colpevolezza.



    Chi invece non mi stupisce è Alinor, sapevo che anche lei come me avrebbe evitato un giudizio basato su mere supposizioni, senza prove tangibili. La sua indole è così simile alla mia, seppure molto più impulsiva e ribelle, che non posso che essere grata agli Dei per averla come futura sorella.
    Quando ormai lo scarto è minimo, è mio Fratello ad emettere il verdetto finale: Colpevole. Colpevole di negligenza, colpevole di supponenza, colpevole di non aver fermato in tempo l'avvelenatore ma anzi di essersi fidato di Callien. Chiudo gli occhi, non voglio assistere al resto. Continuo a chiedermi se le prove a suo carico fossero sufficienti per una condanna a morte, ma ormai la sua sorte è stata decisa e non posso oppormi in alcun modo.



    Lantis lo strattona fuori, e dalla soglia della sala lo vedo poggiargli la testa sul marmo della fontana per emettere la sentenza. All'istante nella sua mano si materializza una sfera di elettricità nera come le tenebre, che si estende ed allunga fino a prendere la forma della sua spada attiva. Ho sempre avuto timore di quell'arma, troppo carica di forza oscura per essere affine a me. In un gesto fulmineo, la testa di Taras vola via e l'acqua della fontana si tinge di rosso, così come il viso e gli abiti di Lantis. Mi impongo di continuare a fissare la scena, così come il mio ruolo impone, ma questa volta non provo sollievo come quando ho visto morire Callien, ma soltanto incertezza...e tanta stanchezza.



    Lantis, dopo aver ordinato di ripulire e di scortare in prigione Niniel, rientra in sala e torna a sedersi al suo posto. Mi siedo accanto a lui come sempre, ed accetto il suo gesto quando prova a prendermi le mani. "Questa riunione è stata estenuante, quindi mi preme di affrontare solo l'argomento della battaglia di domani: l'Auspex. Tutti voi conoscete bene il territorio del prossimo scontro, è il luogo sacro dei maghi, ci sono cascate e l'altare naturale di pietra. E' detto Altare dei Bagliori, in onore alla dea Saraswaty, che prego guidi nella vittoria i nostri due guerrieri: Sir Gildas Demonar e... la mia amata sorella, la Principessa Esperin" mi guarda e gli leggo negli occhi tutta la sua preoccupazione.



    Mi stringe le mani, sento che vorrebbe dirmi altro ma che deve trattenersi date le circostanze, e non posso fare altro che rivolgergli uno sguardo rassicurante. Andrà tutto bene, non deve preoccuparsi per me. "Il mio amore di fratello si stringe d'angoscia, ma la mia mente sa e conosce il tuo valore. So che renderai fiera la nostra bandiera, Esperin" mi dice poi dolcemente, ma con determinazione, e gli sorrido prima di aggiungere <<Ti ringrazio per la tua fiducia, Fratello, non ti deluderò>>.



    Poi Lantis si alza, la riunione è giunta finalmente al termine. E' stata una giornata molto pesante, ma sento il cuore più leggero ora che il colpevole è morto. Mio Padre è stato vendicato, ed è questa l'unica cosa che conta. "La riunione è terminata... sorella, se vuoi discutere con me possiamo farlo in privato nelle tue stanze o se vuoi procedere con i tuoi allenamenti mi preme solo dirti di non esagerare. Domani dovrai essere in forze, ci vedremo comunque, non mi perderò la tua partenza" mi dice poi, accorato. Annuisco decisa, voglio che veda che riesco ad essere forte e che non ho paura di scendere in campo domani. O perlomeno questo è quello che cerco di ripetermi, anche se ho ancora addosso il turbamento per la testa di quella ragazza. Mi alzo a mia volta, rispondendogli <<Sarei felice, Fratello, di conversare qualche minuto prima che tu vada. Mi ritiro nelle mie stanze, raggiungimi quando puoi>> con tono dolce, per poi congedarmi da tutti i presenti e raggiungere velocemente la mia camera senza volgere ulteriormente lo sguardo alla fontana.
    Finalmente in camera lavo il viso nel catino, bisognosa di contatto con l'acqua fresca, che subito mi fa sentire rinvigorita, e pronta ad affrontare le prossime ore. Sebbene non giudicassi Taras colpevole, la gioia di sapere che l'assassino è stato punito supera qualsiasi altro sentimento. Padre mio, giustizia è stata fatta, e se qualcuno di più grande non è stato punito in questa sede, sono certa che subirà il giudizio della Dea Saraswaty, che veglia su noi maghi. Mi volto verso la finestra, ormai è quasi notte e le stelle brillano nel cielo più luminose che mai. Domani sarà una bella giornata di sole, domani sarà il giorno in cui anche io combatterò per la mia fazione. Spero di esserne all'altezza, spero di non deludere Lantis, di non deludere mio Padre. Abbasso lo sguardo e... vedo un'altra rosa adagiata sul marmo della finestra. Stesso colore, medesima posizione. Mi avvicino alla cassettiera e prendo le altre due, poi in un gesto di stizza butto tutte e tre le rose giù dalla finestra. Non hanno ancora toccato terra, che il pugno saldo di Lantis bussa alla mia porta. Lo lascio entrare e gli vado incontro per abbracciarlo, ma lui mi ferma scusandosi e dirigendosi verso il catino per togliersi il sangue da viso e braccia. Mentre si lava mi osserva con un misto di preoccupazione e dolcezza nello sguardo, senza dire nulla. Probabilmente non vuole mostrarsi troppo in agitazione per domani, ma al contempo non riesce a celarlo del tutto. Quando ha terminato di asciugarsi, gli vado incontro e lo stringo in un abbraccio <<Non devi preoccuparti per domani Fratello, andrà tutto bene>> gli dico, cercando di mostrarmi quanto più sicura possibile <<L'Auspex è la mia seconda casa, la Dea Saraswaty veglierà su di me>> gli sorrido ancora, cercando di trasmettergli calma <<Tu...come stai?>> lo guardo preoccupata, so che tutti questi avvenimenti devono averlo turbato, l'attentato alla sua futura sposa, il furto delle teste, la scoperta del complotto di Callien. So che lui è forte, molto più forte di me... ma non voglio che si senta solo. Le sue parole di ieri notte mi tornano alla mente, deve aver mandato la missiva a Drako e quindi anche questo ultimo desiderio di nostro Padre sta forse per essere soddisfatto, tutto forse si sta risolvendo... lentamente. <<Ieri...hai detto di dovermi parlare di alcune cose. Preferisci non farlo ora?>> gli chiedo, titubante, non ho intenzione di continuare il discorso se lui non vorrà.


    *Post concordato con Mary per le azioni di Lantis

  2. #1212
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    C'è qualcosa di estremamente poetico in tutto quello che sta succedendo: ho berciato quel "colpevole" sicura che dopo poco tempo Taras sarebbe uscito di qui sulle sue gambe per mancanza di prove effettive, e invece.....
    <<Colpevole>>



    <<Colpevole>>



    "(...) Colpevole"



    <<Colpevole!>>



    «colpevole!»
    Ogni accusa rende i miei respiri più pesanti, le mie palpebre più larghe: si....si....si!
    Era convinta, e lo sono ancora, che tu abbia giostrato la faccenda del veleno, non mi importa se c'entri in quest'attentato, ma di una cosa sono certa: te lo meriti.
    Tra il vociare delle parole di Lantis, una fra tutte è la parola che preferisco: "supponenza"
    Ho fatto di tutto in questa riunione per far cadere in basso la tua figura, per convincere i presenti che non sei solo un semplice stregone che sta sulle sue, ma che ogni azione era in realtà coperta da un velo sottilissimo: perchè più assomiglia alla verità, più la bugia è credibile.
    Vedo Lantis afferrarlo per il collo, il mio viso si dipinge del sorriso di una bambina, mentre sventolo la mano come una figlia che saluta il proprio genitore che se ne va per lavoro: "ciao-ciao!" vorrei urlare ridendo, ma sono talmente soddisfatta di quello che sto vedendo che non riesco a parlare....allora questa riunione non era poi così inutile....una pagliacciata, ma utile!
    E nemmeno noiosa come credevo!



    Il collo di Taras viene poggiato sull'orlo della fontana, sotto gli occhi di pietra di Margarete: osservo tutto dalle finestre della sala.
    "Al Nord, c'è l'usanza-"
    We, siamo nelle terre dell'Ovest!
    "-che chi emette una sentenza è colui che deve calare la spada. Io rappresento Dohaeris... e Dohaeris ti condanna a morte, Stregone Taras"
    Vabbè, tuoni fulmini e saette (Lantis potrebbe fare le permanenti a tutte le nobili del reame!) e ZAC!
    Rilasso le spalle, cercando di ricordare perchè volevo tanto che morisse....ah no, ferma Deirdre! Tu vorresti che tutti morissero, quindi che importanza ha?
    Delle guardie entrano portando via l'ex Consigliera Niniel, mentre il reggente si siede: qualcosa mi dice che la riunione su Franthalia sarà rimandata domani, e infatti...
    "Questa riunione è stata estenuante, quindi mi preme di affrontare solo l'argomento della battaglia di domani: l'Auspex"
    A scendere in campo stavolta saranno il giullare e la principessa....chissà che canzone ne uscirà dai bardi, ah!
    Quello scherzo della natura potrebbe mettersi a giocare bruciando le lucciole piuttosto che mettersi a lottare, quasi quasi mi reco la per gustarmi la scena!
    Terminata la riunione, i due fratelli si allontanano per cui mi rimetto a sedere comoda, facendo un cenno ai servitori di portarci la cena...non ci vedo più dalla fame!


  3. #1213
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Ascolto in silenzio i giudizi dei presenti. Alcuni erano prevedibili, altri meno, come quello di Adamantia, che vota per l'innocenza del consigliere.


    La guidano ovviamente interessi personali, ma quali? C'è qualcosa, qualcosa di cui non abbiamo parlato? In fondo anche io l'ho tenuta all'oscuro riguardo a molte cose, non vedo perché lei avrebbe dovuto fare il contrario. Gildas riemerge dalle tenebre e ci tiene ad esprimere il suo giudizio, su cui sicuramente ha ragionato molto... fortunatamente è un altro voto per la colpevolezza. Lumen si dichiara favorevole all'esecuzione, Tywin all'innocenza, ma alla fine predominano le condanne.


    Lantis afferra con violenza Taras e lo trascina fuori, ma io rimango fermo nella mia posizione. Non ho intenzione di assistere all'esecuzione, non perché mi faccia impressione, solo Raiden sa quante volte ho visto teste volare a Castello del Tuono, bensì perché non mi interessa vedere il corpo del consigliere crollare a terra senza vita. Taras per me non era nessuno, non ho motivo di desiderarlo morto oltre all'ottenere un vantaggio strategico, vedere il suo cadavere non mi fornirà né soddisfazione, né piacere. Al suo ritorno, il Reggente ci conferma i nomi dei combattenti di domani e poi si congeda, rimandando il resoconto di Franthalia a data da destinarsi. D'altronde abbiamo vinto, ammazzando una reietta, per il suo cervellino bacato conta solo questo.


    La principessa abbandona la stanza col fratello, e la septa ordina finalmente ai servi di portare la cena mentre l'elfa Niniel viene riportata a Luna di Diamante. Mangio distrattamente, nonostante la fame: sono successe così tante cose... mostrarsi vorace non sarebbe saggio. Poi magari Lady Alinor mi accusa di aver scatenato la guerra. <<Comprendo che sia stata una giornata difficile per tutti, ma vi consiglio di sforzarvi e mettere qualcosa sotto ai denti, dobbiamo essere in forze per l'allenamento>>.


    Mi concentro poi sui nuovi arrivi. <<Ci tengo a darvi finalmente il benvenuto alla Torre, siete giunti in un giorno infausto... Vi invito a venire da me per ogni evenienza>>. Sorrido loro con gentilezza, senza però addolcire l'espressione. A Vicent permetto di mancarmi di rispetto per puro tornaconto personale, a loro no, che sia ben chiaro il mio ruolo. <<Posso chiedervi cosa vi ha spinto a unirvi alla nostra nobile causa? Ho già discusso con sir Fanon, ma sono interessato anche alle vostre storie>>. Li osservo intensamente e nel frattempo mastico un pezzo di carne, senza eliminare il sorriso dalle mie labbra.

    Our wills and fates do so contrary run

  4. #1214
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Lord Tywin Leithien

    Questo è un giorno che avrò piacere di ricordare negli anni che verranno! Volgo lo sguardo verso il Reggente che afferra il Consigliere Taras e lo trascina per il colletto verso il patibolo improvvisato, lo guardo negli occhi, li fisso con insistenza e compiacimento, vedo la consapevolezza della morte che li offusca e non posso fare altro che goderne, ossigeno puro. Il tonfo della lama della spada di Lantis, che cozza sulla pietra è il segno che l’esecuzione è terminata, un brivido mi percorre la schiena, vorrei poter brindare, ma devo conservare il solito autocontrollo, dopotutto ho votato per la sua innocenza, ho atteso per assicurarmi che al di là del mio voto sarebbe stato comunque condannato, ma la mia dichiarazione ha del sottile. Taras e Callien sono fuori dai giochi, fino a ieri non avrei potuto immaginare uno scenario tanto fausto, tutto è andato come doveva andare. Dei soldati scortano la consigliera verso il luogo che sarà la sua nuova casa, non proferisce verbo, non si scompone, non si nega neanche alle braccia degli uomini che la tengono ferma in caso di ribellione, semplicemente si alza e con la postura sempre fiera avanza verso il proprio destino, che sia solo per qualche anno o per il resto dei suoi giorni non m’importa e probabilmente neanche a lei. La Principessa Esperin si allontana dalla sala col proprio fratello, non dopo aver dato qualche delucidazione in merito alla battaglia di domani, spero che non si faccia far fuori, inviare una bambina sul fronte di guerra è altamente rischioso, non è come pettinarsi i capelli e truccarsi avanti lo specchio, la lotta col pelo fuori posto non è come affrontare un nemico che brama sangue. La septa ha l’espressione decisamente compiaciuta, ho notato l’entusiasmo col quale ha dato il suo personale addio al Consigliere. “Noto che siete entusiasta del verdetto, Septa” le dico mentre mi alzo dal mio posto a sedere “Anche io”. Noto sul tavolo la boccetta col veleno e la prendo tra le mani, osservo il liquido ed il fumo che pervade l’interno del piccolo contenitore, chissà quanto è bastato per ridurre Ric nelle condizioni attuali, vorrei poterlo portare via come feticcio personale, ma darei troppo nell’occhio. Decido dunque di voltarmi verso il Decimo Idra “Non lasciate che cada in mani sbagliate, Primo”, mi avvicino a lei e glielo porgo, per poi osservarla dritta nelle iridi azzurre. “Lady Feralys, attendo una vostra visita, se lo desiderate stasera stessa. Comandate, i miei saluti” Osservo il resto dei presenti, tutti piccoli inetti insignificanti, per poi avanzare verso il glados, è tempo di tornare al Castello, necessito di brindare.

  5. #1215
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Nymeria Hammerfell

    Tengo a mente il conteggio dei voti, temendo il pareggio e il sorpasso degli "innocentisti".
    Eh no, non possono lasciarlo vivere, non dopo che ho votato per la sua morte... Che stupida, avrei dovuto aspettare ad esprimere il voto così mi sarei unita alla maggioranza...
    <<Io rappresento Dohaeris... e Dohaeris ti condanna a morte, Stregone Taras>>


    Tiro un sospiro di sollievo. Non ho nulla contro quell'uomo, non provo particolare godimento dinanzi alla morte, ma in questo caso la condanna mi conviene.
    Assisto impassibile all'esecuzione, la vista del sangue e dei cadaveri non mi spaventa più da tempo, da quando ho dovuto uccidere i miei stessi compagni d'addestramento.


    Il Reggente, dopo aver annunciato i combattenti di domani, lascia la sala con la Sorella, seguito poco dopo da Lord Tywin.
    La septa ordina di servire la cena e con mio sommo piacere inizio a gustarmi il lauto pasto.


    <<Comprendo che sia stata una giornata difficile per tutti, ma vi consiglio di sforzarvi e mettere qualcosa sotto ai denti, dobbiamo essere in forze per l'allenamento>>
    Non me lo faccio ripetere due volte e inizio a mangiare, non troppo avidamente perchè rischierei di urtare la sensibilità altrui.
    <<Ci tengo a darvi finalmente il benvenuto alla Torre, siete giunti in un giorno infausto... Vi invito a venire da me per ogni evenienza>>


    Mi pulisco educatamente la bocca col tovagliolo, poi mi schiarisco la voce e accenno un sorriso non troppo malizioso all'uomo <<Comandante, - faccio una piccola pausa - Sir Urthadar, vi ringrazio per il benvenuto e per la vostra gentile offerta... - mi soffermo maliziosa sulla parola "offerta" poi rispondo alla sua domanda - Forse il nostro arrivo è capitato in un momento poco opportuno, ma io sono qui per offrire la mia forza e il mio coraggio, non mi risparmierò fino a quando questa "ribellione" non verrà annientata. Non vorrei tediare i Signori qui presenti con la mia storia, ma sono pronta a dimostrare coi fatti la mia motivazione e la mia determinazione nel servire questa causa.>>


    Non ho mentito, ho promesso fedeltà alla causa e non a un Cognome... Aiuterò chiunque voglia affondare le chiappe su quel trono, dietro generosa ricompensa.
    Ultima modifica di albakiara; 24th May 2015 alle 16:12

  6. #1216
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS

    Il giudizio finale spetta a Lantis, che proclama a gran voce e con parole altisonanti la colpevolezza del consigliere. Come immaginavo il duello a distanza con Tywn a chi ce l'ha più grosso continua e il reggente sfodera il suo spadone. Addio Taras, sarai sempre nei nostri cuori, ammesso che qualcuno di noi ne abbia uno!


    Anche il consigliere numero due viene fatto fuori tra schizzi di sangue e suoni inquietanti. Se in questa stanza ci fossero persone normali il pavimento sarebbe inondato di sangue e vomito, ma no ... qui alla Torre ogni persona è disgustosamente ipocrita: finge di avere una morale quando in realtà quello che sfoggia è solo gretto moralismo. La tenera principessa, la dolce lady Alinor ... sul serio? Chi è così cieco da crederci ancora? Io certamente non lo sono mai stata, a maggior ragione quest'oggi.


    Lantis prende nuovamente la parola e comunica che la prossima battaglia, quella all'Auspex, scenderanno in campo la principessa e il giullare. Ottimo titolo per un racconto, dovrò ricordarmene e un giorno potrei suggerirlo allo scriba di corte. I due fratelli ci lasciano per parlare tra loro in tranquillità, forse Esperin vuol fare testamento, non si sa mai ... "Lascio la mia coroncina di fiorellini a Lady Alinor e le mie mutande di ferro a Lady Cassandra. Alla septa non lascio niente perchè le ho già dato tutto il mio cuore", già me la vedo.


    Aiden e la strega si mettono a tavola, finalmente si mangia, non capisco come mai si è deciso che oggi era un giorno di dieta, con questo fisico posso permettermi anche un intero cinghiale arrosto, tanto poi so come smaltirlo. Sto per dirigermi al tavolo anch'io e sedermi vicino al comandante quando la voce di Lord Tywin mi trattiene, una voce così calda, così sensuale.
    “Lady Feralys, attendo una vostra visita, se lo desiderate stasera stessa. Comandate, i miei saluti”.


    Ha detto a me? Sta parlando con me? Ho sentito bene? Oh, si.
    Sfodero il mio amabile sorriso da damigella ingenua e accenno ad un inchino: "Sono più che onorata di accettare il vostro invito, Gran Maestro."
    La giornata non era cominciata granché bene all'inizio, ma adesso è decisamente migliorata. Cosa mi aspetta al castello nero? Non nego di essere un pò in ansia, come una vergine alla sua prima notte di nozze, spero di riuscire a giocarmi bene questa opportunità. Non sono un'ingenua, penso di sapere cosa vuole Lord Tywin da me, d'altronde come posso dargli torto, non sono certo piatta o mascolina come Cassandra o racchia come la septa! Se fossi un uomo, anch'io mi inviterei nel mio grosso castello ... Oh Raiden, cosa mi metto stasera? Ci penserò più tardi, dopo cena, adesso sarà meglio mangiare, non vorrei svenire sul più bello, devo mantenermi in forze.


    Sento Aiden che tenta di fare conversazione con le mummie appena arrivate, una di loro risponde. Ah, ma allora parlano! Mi rivolgo a lei mentre sorseggio un pò di vino: "Come avete detto che vi chiamate?"


  7. #1217
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    LANTIS RAEGHAR

    L'acqua del catino è fresca, dovrebbe riuscire a rigenerare un poco le mie energie. Ne avrò bisogno. Esperin mi abbraccia e non posso che stringerla a me, come a non volerla lasciare andare via. Non sono tipo da esternazioni affettuose, ma... domani c'è la battaglia, mia sorella... scenderà in campo. Le regole decise con gli altri due capi fazione mi impediscono di scendere in campo, ma lo farei... oh Raiden se lo farei. Mi hanno tenuto aggiornato sui suoi miglioramenti qui alla Torre, Lumen è tornata livida dall'allenamento con lei... so che è un'abile guerriera, probabilmente non è seconda nemmeno a Sir Vicent. Ma è mia sorella. Sangue del mio sangue. Niente potrà distogliermi da questo pensiero. Quante Raeghar sono scese in campo in passato? Tante. Tutte con onore. Devo accantonare la mia preoccupazione. Le ho promesso che mi sarei fidato delle sue capacità ed è così... io mi fido di Esperin. Sono parole difficili per me, non mi fido mai di nessuno. Ma della sua luce, l'unica luce di tutta la mia vita... no, non può spegnersi proprio all'Auspex, proprio dove nostro Padre ogni anno celebrava la grandezza di Saraswaty. Sì, lei non è solo mia sorella, lei è la figlia del Gran maestro dei Maghi. Lei è la figlia di Rickard Raeghar. Le poggio la mano sulle spalle e la guardo dritto negli occhi. Mi specchio nella sua fierezza, nel suo coraggio. Ma so che dietro quell'azzurro, c'è ancora una bambina che trema al solo pensiero di fare quei passi sul campo. Vorrei dirle che non mi importa dell'onore, non mi importa della vittoria... vorrei dirle solo di tornare sana e salva. Da me. Perchè lei è l'unica persona che mi è rimasta al mondo. Perchè senza di lei sarei solo. Totalmente solo nel difficile cammino che ho scelto. "Esperin... confido nel nostro sangue che scorre in noi, confido nella tua forza, confido nel tuo essere una Raeghar. Domani ti batterai con onore... io lo so. Ma ti conosco... conosco la ragazzina dentro di te che ora sta tremando. Quando farai un passo in avanti all'Auspex, pensa a nostro padre, pensa alla luce che rappresenta quel luogo... uccidi quella ragazzina spaventata e combatti da guerriera. Perchè è questo che sei diventata... una guerriera forte e coraggiosa, non devi mai dubitarne" le dico con la voce determinata. Lo farà, i suoi occhi brillano di determinazione, mi sorride, annuisce. Sì, domani la battaglia sarà vittoriosa, lei tornerà tra le mie braccia... in quel sorriso vi posso leggere questa certezza. "Non avere pensieri, l'assassino di nostro padre giace agli inferi e... ho scritto quella lettera a Drako. Sono sicuro accetterà, quindi anche il suo ultimo desiderio sarà esaudito. Non so dove stia vagando al sua mente, ma sono sicuro che domani ti starà guardando e ti proteggerà... Re Rickard non lascerebbe mai sola la sua Esperin" continuo tremante. "Ti voglio bene, fratello" mi dice con gentilezza, con calore, con affetto. Ne abbiamo passate tante in questo anno di malattia, eppure è ora che sento il bisogno di lui, delle sue parole. Non sarò mai come lui, queste mie parole non saranno mai all'altezza di quelle che gli avrebbe rivolto nostro padre. Faccio l'unica cosa che posso fare: l'abbraccio ancora e le sussurro nell'orecchio che domani all'alba mi vedrà al Glados, fiero di salutare la Principessa di Dohaeris. Lascio così la Torre per raggiungere Luna di Diamante... guardo il cielo nero e le stelle, che sempre mi sono sembrate belle, ora mi paiono tanti occhi indiscreti, avidi testimoni di ciò che la notte riserverà.

  8. #1218
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    CASSANDRA DE LAGUN

    Il Giudizio è terminato, i colpevoli di questo orribile crimine sono stati consegnati nelle braccia della morte. Sapremo mai la mente perversa che ha mandato al patibolo ben due Consiglieri di Re Rickard? Un velo di tristezza mi avvolge se penso al nostro amato re: una giustizia che arriva troppo tardi per lui. La spada del Principe fende l'aria con letale eleganza: non ho avuto molte occasioni di vederla, ma ogni volta mi mette i brividi.





    Quell'arma sembra davvero specchiare il suo nome, Cuore di Tenebra... sembra avvolta dall'oscurità più nera, e quelle venature cremisi sono così simili al sangue. Il mio volto è imperterrito di fronte l'esecuzione di Taras e mi rende orgogliosa quando il Principe recita un detto del Nord. Gonfio il petto, perchè è quella la nostra giustizia. Il nostro alto senso del dovere è racchiuso in quelle poche parole. Noi gente del Nord siamo così, duri come il ghiaccio e schietti come le nostre spade. Ma qui non mi trovo al Nord, nella mia amata terra, e tante volte mi sono sentita una straniera. Ora, però, quella testa che galleggia nell'acqua rossa testimonia che la giustizia del Nord si fa sentire anche qui. Anche Vicent fissa la fontana, affacciato alla finestra, con un sguardo perso nel vuoto. Chissà se anche lui ha ricordato quel motto. Quando ci risediamo al tavolo, il mio cuore ha un sussulto quando Lantis annuncia la battaglia dell'Auspex: la Principessa insieme a Sir Gildas.





    Sapevo già da prima di Franthalia che le cose sarebbero andate in questo modo, ma ora che l'evento si è fatto concreto, mi crea un po' di disagio. Mandare in campo Esperin con un un guerriero del tutto inaffidabile mi lascia pensare. Eppure, l'altra sera, Gildas mi è sembrato... tranquillo, intimidito... diverso dal pagliaccio che vedo ora, strafottente nel suo modo di dichiarare la colpevolezza di Taras. Mi sono allenata con lui, devo rasserenarmi, per quanto il ragazzo sia eccentrico, ci sa fare. Indubbiamente è molto emotivo, ma non è un incapace. Domani si distingueranno e porteranno onore a Dohaeris, ne sono certa. Quando la riunione termina Lord Tywin mi affida la fiala col veleno. L'afferro e lo saluto con un gesto militare, senza trasparire emozioni. In realtà dentro ho molti pensieri che si agitano, ed è strana questa sensazione di avere tra le mani l'orrore che sta uccidendo il nostro amato re. "Lo consegnerò agli Alchimisti Reali, con la speranza che le loro ricerche possano fruttare un antidoto" dico con fermezza.



    Restiamo finalmente liberi di mettere qualcosa sotto i denti, mi aggiungo al pasto di Aiden, che invita i nuovi arrivati a presentarsi. La sera è inoltrata, presto si farà notte, Taras... non può più occuparsi della loro sistemazione. Mai più. Devo proporre una soluzione, è un mio compito. "La Torre è sempre stata abitata da soldati, quindi le stanze sono state sempre condivise tra due o tre persone. Semplicemente, con il vostro arrivo, si procederà proprio in questo modo. Sir Fanon... voi dividerete la stanza con il Comandante Sir Aiden, dato che avete già scambiato qualche parola; Sir Vicent, invece voi starete in camera con Sir Gildas, ho notato che siete stato uno dei pochi con cui ha legato" dico sorridendogli. Questa è tutto sommato una caserma, vorrei che Gildas facesse più parte del gruppo, le sue stramberie non aiutano ma Vicent sa tollerarle meglio di altri, me compresa. "Siccome si libera così la stanza che era di Dreth, lì andrete voi, Lady Araneae con la Hammerfell. Voi invece, Lady Loren, dividerete la stanza con me... potete già portare lì le vostre cose, Agatha vi mostrerà dove si trovano le stanze. Fate come foste a casa vostra, Lady Loren, la nostra stanza è a vostra disposizione, se volete ci divideremo meglio gli spazi più tardi o domani mattina. I servi divideranno i letti, ovviamente" dico gentile, per poi rimettermi a sedere e mangiare ciò che c'è sul tavolo. Ho una fame che non ci vedo più!

    Azione di Vicent concordata con Damnedgirl

  9. #1219
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Lantis ricambia il mio abbraccio, anche se percepisco la preoccupazione che le mie parole non sono riuscite a placare in lui. Mi guarda, cerca qualcosa nei miei occhi, e poi mi parla dolcemente "Esperin... confido nel nostro sangue che scorre in noi, confido nella tua forza, confido nel tuo essere una Raeghar. Domani ti batterai con onore... io lo so. Ma ti conosco... conosco la ragazzina dentro di te che ora sta tremando. Quando farai un passo in avanti all'Auspex, pensa a nostro padre, pensa alla luce che rappresenta quel luogo... uccidi quella ragazzina spaventata e combatti da guerriera. Perchè è questo che sei diventata... una guerriera forte e coraggiosa, non devi mai dubitarne".



    Vorrei dirgli che la mia determinazione è salda, a maggior ragione ora che so di aver contribuito in parte a vendicare ciò che è stato fatto a mio Padre. Vorrei dirgli che non ha ragione di preoccuparsi per la ragazzina che ero e che ormai non esiste più, uccisa da tutto lo schifo che si è trovata davanti. Ma infondo sono la prima a non sentirmi pronta a combattere, o per lo meno a non sapere ancora se sarò in grado di comportarmi come il mio ruolo mi impone. Quello che mi turba maggiormente è il non sapere se riuscirò ad essere fredda e distaccata come dovrei se dovessi trovarmi davanti un volto a me caro. Prego gli Dei che questo non accada mai, ma in caso... spero che mio Padre mi dia la forza di fare ciò che va fatto per il bene del Regno.



    Gli sorrido dolcemente, annuendo, voglio che stia tranquillo domani e che si concentri su ciò che deve fare in quanto Reggente. Non voglio aggiungermi alla lista delle sue preoccupazioni, ne ha già tante, e io voglio essere per lui una fonte di sostegno, non di ulteriore tensione. E' la mia famiglia, ed io sono la sua, e questo non cambierà mai. "Non avere pensieri, l'assassino di nostro padre giace agli inferi e... ho scritto quella lettera a Drako. Sono sicuro accetterà, quindi anche il suo ultimo desiderio sarà esaudito. Non so dove stia vagando al sua mente, ma sono sicuro che domani ti starà guardando e ti proteggerà... Re Rickard non lascerebbe mai sola la sua Esperin" aggiunge poi, e non posso non sentire il calore che avvolge il mio cuore al solo sentir parlare di mio Padre, e dell'amore che mi lega a lui. So che sarà con me, so che veglierà su di me anche nel suo stato, come ha sempre fatto. Ed io lotterò per lui, per i suoi ideali che sono anche i miei.



    Sono grata a Lantis per aver rispettato il suo volere inviando quella missiva, e sono certa che Drako non potrà non accettare, e questa consapevolezza mi toglie un peso dal cuore. Più di questo non posso fare, non dipende da me.
    Dopo un ultimo abbraccio, Lantis si congeda promettendomi di farsi trovare domani davanti al Glados per salutarmi prima di raggiungere l'Auspex. Ricambio il suo abbraccio con dolcezza, per poi osservarlo andare via diretto a Luna di Diamante. Vorrei tanto poter andare con Lui, salutare ancora una volta mio Padre, ma il mio posto ora è qui...ed i miei doveri mi impongono altro. Devo allenarmi, ho bisogno di mettermi alla prova per domani e scaricare la tensione accumulata oggi. Ho bisogno di sfidare me stessa con qualcuno che non si limiterebbe a causa della posizione che ricopro. Ho bisogno di un allenamento serio, di vedere fino a che punto riesco a spingermi. Esco dalla stanza, diretta all'armeria, e nel frattempo ordino a Theon di chiamare immediatamente l'unica persona che sono certa non si lascerà intimorire dal fatto che io sia la principessa da rispettare e proteggere. La septa non si risparmierà, ed è questo ciò di cui ho bisogno ora.



    Raggiungo l'armeria, ed aspetto il suo arrivo.


  10. #1220
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Finalmente la cena viene servita, afferro un paio di orate infilate in dei bastoncini e le prendo a morsi avidamente, sgranocchiando rumorosamente anche le lische.



    Il Comandante cerca di fare conversazione con le nuove arrivate, la tipa col taglio di capelli abbastanza bizzarro da piacermi gli risponde che dimostrerà con i fatti i perchè di cui non ci interessa nulla, quindi meglio così.
    Noto che siete entusiasta del verdetto, Septa



    Alzo di scatto la testa dal mio piatto, voltandomi verso Lord Tywin:
    Annuisco energicamente più volte, manco avessi tre anni, mentre tengo le labbra serrate in un sorriso per trattenere l'olio che già mi inonda il mento.
    Anche io” asserisce soddisfatto.
    Già....mi verso del vino per aiutarmi ad inghiottire il groppone: il Lord ha votato "innocente", ma è soddisfatto che è stato condannato. Quali apparenze voleva mantenere?
    Dopo aver affidato la boccetta con il veleno al Primo, si rivolge verso lady Adamantia:
    Lady Feralys, attendo una vostra visita, se lo desiderate stasera stessa.
    Ho sentito bene?? Una serata senza lady Feralys??
    Oh per tutti i Demoni, Lord Tywin, GRAZIE! Sta pericolosamente spodestando il figlio dal ruolo del mio allievo preferito!
    Dopo che il Lord è andato via, lady Cassandra mostra gli spostamenti di stanza....Dei, ho sir Dreth vicino.
    Meglio bere n'altro bicchiere, va....potrei tirargli qualche scherzo notturno!
    <<S-s-s-septa?>>



    Nh? Che vuole quel cerebroleso? Mi volto verso l'entrata che da sulla fontana, Theon è li e sembra essere arrivato dal piano di sopra:
    <<La pri-pri. La pri-pri-pri.....PRIncipessa chiede di V-v-v-voi, in arm-m-m-mmmmeria.>>
    Alzo gli occhi al cielo: che altro c'è?
    Bevo un lungo sorso dal calice, terminando il vino che vi era all'interno: batto un paio di volte il pugno sul petto, esibendomi in un sonoro rutto, chissà se il ragno della donna aracne cade morto!
    Salgo le scale per poi arrivare in armeria, stiracchiandomi ben-benino.
    <<Lady Esperin, eccomi qui al Vostro cospetto senza aver terminato di cenare....sarà sicuramente per un buon motivo!>>
    Mi sorride appena, sembra quasi sforzarsi....giornata dura? Ah già...due morti nella piazza, blabla...
    <<Mi dispiace per la Vostra cena, ma siete l'unica al momento che può darmi ciò di cui ho bisogno.>>
    <<Sarebbe?>> chiedo alzando un sopracciglio.
    <<Un allenamento serio.>> risponde senza altri sorrisi.
    Uno sbruffo divertito esce dalla mia bocca....:
    <<Volete divertirti a menare una vecchia? Alla faccia del "fiore più delicato di Dohaeris"!>> dico divertita.
    Ma la bambina non scherza, affatto: la spada di lady Olenna prende forma nella sua mano, mentre mi dice:



    <<Non una vecchia qualsiasi: la mia septa.>> dice abbassando lievemente il capo, continuando a guardarmi negli occhi.
    Oh Dei. Vuole morire.
    Rimugino un momento giocherellando con i denti che traballano tra le gengive: sa bene che non mi fermerò perchè fa parte della casata regnante, ma è questo quello che vuole, lo ha detto lei.....è giovane, agile, forte e ha il maledettissimo sangue Raeghar.
    Espiro guardandola torva: me ne esco con qualche osso fratturato, ma la soddisfazione di colpirla sul serio almeno me la leverò.
    <<Un allenamento serio? Dunque...lasciamo perdere questa stupida armeria!>> enuncio ghignando, mentre stendo il braccio destro perpendicolarmente alla mia persona: smuovo ad arco un dito alla volta, come se stessi lanciando un incantesimo sonoro, ma ecco apparire tra le mie dita la mia lancia.
    Arma – Lancia in Forma Dormiente
    Forsworn Stave (Ophelia)
    <<Possiamo giocare a fare le bamboline, come tutti gli abitanti di questa stupida torre....oppure possiamo renderVi pronta per una guerra vera.>>
    Concentro il potere con cui Demetra m'ha battezzato alla base delle finestra: il piccolo groviglio di radici fuoriesce dalle mattonelle del pavimento, alzandosi di pochi centimetri.
    Distruzione - Esperto
    L’incantatore è in grado di connettere la propria energia all'ambiente e generare radici, che prendono vita dal sottosuolo, in zone da lui scelte:
    Abbraccio dell’Eden - Le radici bloccano metà corpo o busto o gambe, stringendolo con forza, provocando danni da escoriazione
    Lady Esperin mi osserva titubante mentre prendo una fiaccola (ci servirà luce lassù!) per poi salire sulle mie stesse spire:
    <<Sul tetto?>> chiede la giovane stringendo l'elsa della spada.
    <<Volete davvero che vi risponda?>> bercio in sua direzione.
    Inspira guardandomi torva: si reca a passo svelto al muro, prende anche lei una fiaccola e si avvicina alle mie radici, ma la blocco con la mano:
    <<In guerra ce la si cava da soli, mia cara...>>
    Stringe gli occhi, offesa, ma si riprende immediatamente:
    <<E come ci dovrei salire sul tetto?>>
    <<Volate....>> le rispondo con un ghigno, prima di lasciarla li, facendomi trasportare dalla mie radici fin sul tetto.
    Fisso la fiaccola tra le tegole, stringo più forte la mia arma e l'attendo...credo abbia capito cosa intendevo.
    Spero.



    Nb: dialogo e azioni di Esperin concordate con serenarcc


 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •