Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 129 di 339 PrimaPrima ... 2979119127128129130131139179229 ... UltimaUltima
Risultati da 1,281 a 1,290 di 3385
  1. #1281
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Una volta che la principessa ha accettato di effettuare il controllo tramite i cloni, il mio scudo entra subito in azione per avvisarmi della magia di alterazione:
    Difesa - Esperto
    Capacità di schermare la propria mente da attacchi psichici ed illusori (si attiva automaticamente e l'incantatore che lo usa avverte un formicolio alle tempie):
    Scudo della mente - Se l’attacco arriva da un raggio di 5 metri
    Vedo distintamente un clone fuoriuscire dal corpo di Lady Esperin, entrare nel muro e sparire...dopo pochi minuti la principessa comincia a scrivere su di un altro foglio di carta.



    Leggo attentamente ciò che riporta la copia originale di quest'ultima sulla pergamena: cranio, cervello e occhi asportati da una delle teste rubate dalle picche. Ridacchio leggermente: qualcuno ci sta prendendo chiaramente in giro, mirando a farci impazzire.
    L'unico motivo che mi sovviene per asportare queste parti del capo sono i rituali di sacrificio, ma sinceramente....perchè arrischiarsi a prenderlo da teste sopra le picche e non adoperare quelle di qualcuno meno...in vista, diciamo?



    No, non mi convince per niente: magari si tratta solo di un pazzo assassino seriale, e che sarà mai!
    Ad interrompere i miei deliri mentali ci pensa però un intruso del tutto inaspettato: Mercur!
    Aggrotto un attimo le sopracciglia, possibile che devo....il corriere alato si volta verso la principessa, per cui è lei che cerca.
    La giovane torna dunque in se, dicendomi di dover andare.



    Annuisco totalmente disinteressata alla sua uscita dalla Torre, finalmente quello che fa non è più sotto la mia responsabilità: brucio l'ultima pergamena sulla quale la principessa ha riportato le informazioni, dopodichè mi reco finalmente nella mia stanza.
    Passo per la sala da pranzo ormai vuota, i servi stanno ripulendo gli ultimi rimasugli di sangue qua e la....sinceramente non ho idea di quale sia stato il vero finale di questa giornata, se vincente o fallimentare, ma la cosa che conta è una: che IO ne sia uscita indenne (lady Feralys è l'unica che ha avuto il coraggio di puntare il dito su di me! Banda di trogloditi!) e che soprattutto sia riuscita a togliermi Taras di mezzo, avendone colto l'occasione. In fondo...che il vero colpevole fosse lui o l'elfa Niniel, beh...poco importa.



    Se era solo alla vita di Rickard che attentavano, era per un'eventuale successione, quindi hanno già ottenuto quello che vogliono (cosa che non mi dispiace), dunque non c'è da preoccuparsi ulteriormente. Quello che è certo è Callien non meritava a prescindere di respirare ancora!
    Arrivo finalmente nella mia stanza, ripensando a quello che mi disse Lantis circa i suoi sospetti sull'avvelenatore.
    Mi sono dovuta inventare proprio una balla colossale ieri per portarlo a pendere dalla mie labbra, ma alla fine ero riuscita a tirargli fuori il nome del suo sospettato principale...


    Prendo finalmente i miei soliti intrugli serali, sento già le forze tornare e i muscoli distendersi...mi infilo subito nel letto spegnendo l'ultima candela rimasta accesa: spero che domani sia un giorno peggiore di questo!



  2. #1282
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS
    CASTELLO NERO - ADAMANTEM

    Il suo profumo mi travolge, un profumo speziato e selvaggio; minuscole scintille di desiderio si fanno strada lungo la mia schiena che si inarca impercettibilmente. La mano del Lord scende decisa sul mio corpo, il respiro si fa più pesante, poi sento solo calore e la sua solida presenza. Schiudo leggermente le labbra in un gemito silenzioso, mentre con l'altra mano, in un gesto possente, Lord Tywin mi copre il volto.


    Il buio improvviso non fa altro che aumentare il mio desiderio, sento che siamo vicini, molto vicini. La sua voce calda e tenebrosa, mi sussurra con intensità all'orecchio: "Per questa notte ... sarò anche io Vostro". Sapere che quest'uomo stanotte sarà mio e che desidera me e soltanto me, è una sensazione deliziosa, a tratti esaltante. Sono ancora all'oscuro di tutto quello che mi succede intorno, ma non m'importa. Non dovrei lasciar cadere le difese così velocemente, non in questo modo, ma non posso farne a meno, è passato troppo tempo ... Sento le sue labbra calde e morbide sfiorarmi il collo, avvampo di colpo, se fossi in piedi avvertirei sicuramente le gambe tremare.


    Dopo qualche istante lungo un secolo, il buio si dissolve, ma i miei occhi fanno ancora un pò fatica a riconoscere i dettagli che mi circondano. Mi rendo conto solo dopo una manciata di secondi che non ci troviamo più nell'enorme stanza col camino, ma in un'accogliente camera da letto, i nostri corpi adagiati su eleganti coperte, pronte a imprimere, per una notte, le linee sinuose delle figure di uomo e una donna impegnati in una lotta appassionata.


    Il mio sguardo tradisce un moto di ammirazione per il Gran Maestro, è stato perfetto: ha giocato col suo potere in modo sublime e delicato, come non avrei mai creduto potesse fare. I miei occhi sono incatenati ai suoi, quegli occhi così ipnotici, velenosi e temibili, il vestito scivola leggero al suo tocco impercettibile e mi ritrovo finalmente i seni liberi, alla mercè dell'uomo, che mi invita, neanche troppo velatamente, a togliergli la camicia.
    "Puoi lasciar perdere i formalismi in questa stanza, mia Signora...".


    Lentamente appoggio la mano, quasi tremante, sul suo petto, forte, ampio e muscoloso, poi con decisione passo a denudargli il torace.
    "Tywin ..." - sussurro in un gemito di bramosia e i brividi tornano ancora, più intensi e decisi. Se mi lascerà fare mi chinerò su di lui stuzzicandogli lentamente con la bocca prima l'incavo in cui il collo e la spalla si uniscono, poi scenderò giù, piano, sempre più piano, fino ad arrivare ai capezzoli. Dopodichè mi fermerò e, guardandolo nuovamente negli occhi, gli sussurrerò in un sospiro: "Uno di noi due è troppo vestito." - poggiandogli distrattamente una mano sul cavallo dei pantaloni.



  3. #1283
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Vicent Dreth


    Non avrei mai creduto di pensarlo, ma Sir Gildas appare più strano del solito. E’ in visibile difficoltà e balbetta perfino quando si rivolge a me… Poveretto, a quanto pare non è abituato a condividere spazi con altri cavalieri ma farò il possibile per metterlo a suo agio.



    Converso con lui, cercando di spezzare l’imbarazzo che sì è venuto a creare, ed intanto, complice la stanchezza che sì è impossessata di me, mi sdraio sul divano ed uso i talloni per liberarmi degli stivali.



    Sono stremato! Spero proprio di riuscire a dormire almeno stanotte. Neanche il tempo di mettermi comodo però che d’un tratto qualcuno bussa alla porta della nostra stanza e mi fa bofonchiare infastidito… In questa torre non esiste un minuto di pace! La voce è quella della Lady dei ragni… Nhm.



    Questa donna non mi quadra, battute infelici con la Septa a parte, la trovo alquanto ambigua e contraddittoria... Inoltre perché fare una visita a quest'ora? Non poteva aspettare fino a domani? E’ notte fonda, siamo tutti stanchi e Sir Gildas dovrà scendere in campo tra qualche ora… Lo osservo visibilmente preoccupato: deve assolutamente riposare. Il cavaliere però mi sorprende, ostentando una gentilezza ed un'educazione invidiabili nei miei confronti. Indossando nuovamente la maschera mi fa addirittura segno di restare sdraiato sul divano ed è così, con questa semplice premura, che noto un particolare sulle sue vesti: sangue. E' ferito?



    Sir Gildas
    apre la porta ed invita la dama ad entrare, fissandola in modo strano. Oh no... Conosco quello sguardo! Con immane sforzo mi metto composto e passandomi una mano sul volto mi costringo a scacciare via la stanchezza: devo assolutamente evitare che Sir Gildas ne combini una delle sue.<<Milady>>, esclamo cordiale, ostentando un bel sorriso sul volto, <<A cosa dobbiamo la Vostra visita?>>.



    Intanto, in attesa della donna, sfrego le mani l’una contro l’altra e richiamo a me la mia magia curativa. Alzandomi in piedi mi avvicino a Sir Gildas e ponendomi di sbieco tra lui e la dama domando un, <<Posso?>>, fissandogli i polsi.

    Difesa e Recupero - Rigenerazione (avviene tramite tocco): Rigenera ferite di media entità ( ferite profonde non mortali, ossa rotte, danni medi da elemento ).

    <<Sono solo quelli o c’è dell’altro?>>. Se accetterà provvederò a curarlo a distanza, a pochi centimetri dalla pelle e nei punti che lui stesso - spero - mi indichi. Le sensazioni che proverà saranno le stesse, ovvero un formicolio misto ad un calore piacevole ed assieme alla luce, per causa della mia “nudità”, vedrà anche un ulteriore effetto: il mio tatuaggio. Non appena la rigenerazione entrerà in atto l’inchiostro si animerà sotto i suoi occhi e si diramerà all’altezza del cuore, rischiarandosi man mano, mentre le sfere di tonalità albicocca faranno la loro magia.In questa maniera Sir Gildas con la scusa delle cure dovrebbe rimanere fermo e calmo...
    Meglio di così non posso.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 1st June 2015 alle 00:08



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  4. #1284
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Lord Tywin Leithien
    Castello nero - Adamanetem

    Da quanto tempo non sentivo il tocco di una donna sul mio corpo? Da quanto tempo non avvertivo l’esigenza di lasciarmi andare alle più basse pulsioni terrene? Rosalinde era piuttosto passiva, neanche all’inizio del nostro matrimonio, quando credeva di potermi cambiare coi suoi modi affabili, non è mai stata all’altezza delle aspettative, non poteva che essere Ryuk il frutto di quelle notti che non avevano neanche un velo di passione, solo due corpi che si univano meccanicamente per dovere, nulla più. Adamantia è ormai seminuda e le forme che osservo sono quelle di una donna nel pieno della propria maturità, la pelle liscia, setosa, dalle forme ampie ed alte, le curve sode che riempiono e soddisfano le mani al tatto. Mi lascio andare al suo tocco, ai baci che lenti scendono dal collo al torace, fino a raggiungere le zone più sensibili, sa dove mirare, ha esperienza, questo è fuori dubbio, sarà una notte da ricordare. Mi sussurra con malizia di essere troppo vestito, mentre la sua mano scivola sul cavallo senza indugi, la stessa zona dove il tessuto tira già da diversi minuti. D’istinto porto la mia di mano al cavallo, per sbottonarmi e lasciar spazio ad Adamantia di esplorare tutto ciò che desidera, per poi poggiare la stessa mano sulla sua coscia.

    *il contenuto nello spoiler non è adatto ai minori

  5. #1285
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Le Tenebre mi avvolgono in un caldo abbraccio, lasciandomi scivolare nell'oblio del sogno, dove tutta la vita non è che un susseguirsi d'immagini che non posso toccare, non posso più modificare.
    E' solo un ricordo tra tanti....


    Attenzione: metto questo sogno sotto spoiler per via del tema non proprio "leggero", onde evitare d'urtare sensibilità altrui.
    PARTE PRIMA

    Nb: flashback concordato con i master


  6. #1286
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali




    Fortunatamente l'invito ad entrare ed accomodarmi nella loro stanza non tarda ad arrivare.



    E' lo stesso Sir Demonar, infatti, ad accogliermi con un inchino. Sempre la maschera sul volto.
    Quanto vorrei strappargliela per scoprire se nasconde qualcosa: qualche vecchia ferita di guerra, magari?
    Chissà...

    "Avete deciso di restare lì impalata?"



    Ecco un altro che si diverte solo a dare fiato alla bocca. Se voglio restare qui impalata? No, avrei preferito che mi invitassi a sedermi, geniaccio, ma a quanto pare è chiedere troppo.

    -10 punti in meno alla casata Demonar- penso decisamente stizzita.

    "Milady. A cosa dobbiamo la Vostra visita?"



    "Perdonate la mia scortesia - enuncio rivolgendomi ad entrambi - So che questo non è un orario adatto alle visite, ma desideravo conferire solo un momento con Voi, Ser Demonar".



    Detto questo mi dirigo nuovamente all'entrata, apro la porta e rivolgo uno sguardo al giullarino: speriamo comprenderà che ho intenzione di uscire da qui per parlare con lui... in privato.
    Se deciderà di seguirmi fuori dalla stanza, augurerò la buonanotte a Sir Dreth (dopo essermi scusata di nuovo con lui,ovviamente!), chiuderò la porta e, dopo essermi accertata che nessuno sia presente al nostro piano, gli dirò...

    "Volevo donarVi questo, nobile cavaliere - mi toglierò delicatamente il diadema dalla testa e lo porgerò all'uomo per poi continuare - in segno di buon auspicio per la battaglia che dovrete affrontare tra poche ore. So che, probabilmente, per Voi non avrà grande valore, ma siete stato così cortese con me in queste ore, che ci tenevo ad omaggiarVi con questo umile presente".

    Abbasserò lo sguardo, simulando imbarazzo e concluderò il mio discorso dicendo:

    "Spero di non offenderVi con questo gesto, ma qualora Vi avessi arrecato disturbo o dispiacere... Vi prego di perdonarmi..."



    Gli rivolgerò, infine, un cenno di riverenza e, dopo aver atteso per qualche secondo una sua risposta, mi congederò affermando...

    "Vogliate, cortesemente, riportare ancora una volta le mie più sincere scuse a Sir Dreth per aver abbandonato così celermente la stanza, ma non volevo correre il rischio che potesse sentirsi a disagio - mi avvicinerò al suo orecchio e concluderò - questo regalo è solo per Voi, Sir".

    Un sorriso d'intesa e poi ritornerò nelle mie stanze. Afferrerò il primo telo da bagno che troverò e raggiungerò la Hammerfell alle terme, grazie alle indicazioni della servitù, si intende.



    [Qualora Gildas si rifiutasse di seguire Araneae fuori dalla stanza, il discorso si svolgerà in presenza di Vicent, ovviamente. Scuse escluse U.U
    Le foto sono a scopo illustrativo e non pregiudicano in alcun modo le azioni degli altri pg ^.^ ]

    Ultima modifica di valuccia85; 28th May 2015 alle 15:31

  7. #1287
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Cassandra mi risponde prontamente, chiarendo il mio dubbio sulla posizione del sacco.


    Esso infatti non si trovava vicino ad alcuna statua, ma semplicemente sull'erba, poco oltre il Glados. Un buco nell'acqua, quindi... non vi è nulla di significativo, il responsabile di questo scherzetto non voleva lanciare alcun messaggio.


    Scuoto la testa mentre ascolto le altre parole del Primo, che suggerisce che questa sia opera di un negromante: un pensiero che ha attraversato anche la mia testa, e che sembra anche il più razionale al momento. Razionale, ma non logico: perché correre il rischio di sottrarre le teste più preziose del regno, quando si possono semplicemente uccidere altre persone e usare i loro, di organi?


    Paradossalmente, ammazzare un contadino sconosciuto avrebbe suscitato meno scalpore del rubare le teste sulle picche di Luna di Diamante. L'unica spiegazione è che questi resti abbiano un qualche valore per un negromante, ma non so nulla sulla magia oscura, sto brancolando nel buio... e la stanchezza inizia a farsi sentire.


    Come se mi stesse leggendo nella mente, anche Cassandra decide di andare a riposare e lascia una guardia e una pianta per sicurezza, in modo che nessuno possa avvicinarsi ai resti e, nel caso qualcuno riuscisse a farlo, lo scopriremmo immediatamente grazie alla belladonna. Seguo il suo esempio e mi dirigo nelle mie stanze, che trovo vuote: sir Fanon non si è ancora coricato. È un animale della notte, oppure gli eventi di oggi lo hanno traumatizzato al punto di sottrargli il sonno? Senza neanche rendermene conto mi butto su uno dei due letti, distrutto, e crollo subito in un profondissimo sonno. Non mi sono neanche cambiato, né lavato, provvederò domani mattina... ora voglio solo perdermi nelle lande di Morfeo.

    Our wills and fates do so contrary run

  8. #1288
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali





    Attenzione: metto questo sogno sotto spoiler per via del tema non proprio "leggero", onde evitare d'urtare sensibilità altrui.
    PARTE SECONDA

    Nb: flashback concordato con i master


  9. #1289
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Il silenzio avvolge totalmente la Torre quando attraversato il Glados mi ritrovo a calpestarne il terreno.



    Dall'ingresso della sala noto una serva a riassettare e le ordino di portarmi la cena in camera, qualcosa di veloce per placare i morsi della fame, così da infilarmi poi subito sotto le coperte.



    Ho bisogno di riposare e di ritemprare il mio corpo ed il mio animo per domani, per riuscire a dare il massimo in onore dell'armatura che indosserò. Raggiungo rapidamente le mie stanze, chiudo la porta alle spalle e tiro un sospiro di sollievo, finalmente anche questa giornata è giunta al termine. Non presto attenzione all'ennesima rosa sulla finestra, non ho tempo né voglia per pensarci adesso, ma domani mattina, prima di andare all'Auspex, ordinerò a qualcuno di sorvegliare la porta e la finestra delle mie stanze, così da svelare finalmente questo ridicolo mistero. Avrei dovuto farlo oggi, ma il processo ha catturato totalmente la mia attenzione, portandomi a dimenticare queste sciocchezze.



    La serva porta la cena e la consumo rapidamente per poi lasciarle portare via i piatti sporchi ed ormai vuoti. A stomaco pieno mi sento finalmente meglio, anche se la mente continua a vagare dove non dovrebbe. Ripenso a Larieth ed alle sue parole, alla libertà di scelta che traspare dai suoi ragionamenti, unita all'ingenuità...ed alla superficialità, in senso buono ovviamente, che ho percepito. Non sa cosa voglia dire essere costretti a comportarsi in un determinato modo, doversi mostrare impassibili e composti davanti a qualcosa di atroce, o lieti davanti a prospettive terrificanti. Non ho mai avuto libertà di scelta, e neanche desidero averla, so qual è il mio posto e cosa comporta, e non ho intenzione di sfuggire alle mie responsabilità.
    Penso poi a quello che mi ha detto su Drako, ai continui malori che lo stanno colpendo. So che la cosa non dovrebbe interessarmi più, so cosa le ho detto, ma era parte della mia famiglia, oltre che qualcosa di molto più grande per me. Non posso impedire alla preoccupazione di prendere il sopravvento sulla consapevolezza, sarebbe una menzogna, e non servirebbe a niente.



    Distrattamente mi ritrovo a prendere il suo anello dal cassetto, rigirandolo nervosamente tra le mani, senza una motivazione precisa. Se tutto questo non fosse successo, se mio Padre fosse ancora in salute, se lui e Lantis fossero ancora uniti come un tempo...se...se...non si vive di se, ormai lo so bene, ma tutto questo fa così male. Sospiro, e mi avvicino al cassetto per riporre l'anello, non è questo il momento per lasciarsi andare alla malinconia, ma qualcosa cattura la mia attenzione. Un'incisione all'interno dell'anello, a cui l'altro giorno non avevo dato peso. Provo a leggere un pò meglio, ma la scritta è sbiadita e riesco a malapena a cogliere alcune parole. Luna, Fuoco...e qualcos'altro, che non riesco a decifrare. Avvicino l'anello alla candela, così da vedere meglio, e finalmente riesco a dare un senso a quelle parole: Luna di fuoco vestita.
    Non ho idea di cosa significhi, e neanche reputo giusto intromettermi in una cosa per lui tanto personale. Apro il cassetto per riporlo all'interno, quando istintivamente lo richiudo ed infilo l'anello in una catenina che poi lego dietro al collo, magari mi porterà fortuna domani. Mi cambio, indossando gli abiti da notte e dando un'ultimo sguardo all'armatura adagiata sulla panca, e poi chiudo gli occhi abbandonandomi al sonno.



    Domani sarà un giorno importante, e spero di rendere mio Padre fiero di me.

  10. #1290
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali





    Attenzione: metto questo sogno sotto spoiler per via del tema non proprio "leggero", onde evitare d'urtare sensibilità altrui.
    PARTE TERZA

    Nb: flashback concordato con i master


 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •