Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 14 di 339 PrimaPrima ... 412131415162464114 ... UltimaUltima
Risultati da 131 a 140 di 3385
  1. #131
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    LUMEN RAEGHAR

    Mi scuoto il sederino un pò impolverato e ordino alla vecchiaccia di rialzarsi. Questa volta è un comando reale, non deriva dalla mia magia. Se solo fosse stato facile ammaliare il Primo Cavaliere come lo è stato con questo scarafaggio...

    Lumen: "Non potevo aspettarmi niente di meno dalla grande strega dell'ovest, ho voluto verificare che il vostro spirito combattivo fosse ancora ardente... spero che la vostra umiliazione vi faccia comprendere bene quanto sia importante per il vostro onore tornare ad essere forte... non dovete farlo certo per Lantis o per la casa regnante che vi tiene prigioniera da secoli... dovete farlo per voi stessa, per l'amarezza che provate, per la rabbia che sentite ardere nelle vostre vene. Ora siete solo un malandato appoggio per una nobildonna che ha bisogno di rialzarsi, avete lo stesso valore del pomello del mio trono, forse meno. Mi auguro che il vostro onore di strega vi porti ad abbandonare i lamentosi strilli di ieri e vi riporti a quello che meritate di essere ancora... e vi ricordi cosa siamo davvero noi stregoni" dico osservandola intensamente, con gli occhi che risplendono di una luce maligna. Il potere della mia anima oscura mi pervade e si diffonde per tutte le mie membra; il cuore nero, l'abisso senza fondo che è dentro tutti quelli della nostra razza si impossessa di me. Incubi, terrore, paura: l'essenza di ogni strega. Rivolgo verso Deirdre, con la mia energia arcana e atavica, tutto ciò che si annida nello spirito di tenebra della nostra razza: dovrebbe sentire terrore al solo guardarmi, tremare al solo fatto di trovarsi dinanzi di me. Prima di ridestare il potere dell'elemento, è giusto ricordarle cosa sia davvero una strega e da dove traiamo il nostro malevolo potere. Sì, la culla dei mai nati è stata una scelta davvero opportuna.

    Aura di tenebra
    Gli stregoni nascono dall’oscurità, per tale motivo hanno una forte affinità con le tenebre e tutto ciò che di più malvagio esista. La loro aura ha profonde radici nel male e da esso traggono energie. La loro presenza incute sempre un certa negatività, seppur lieve, ma la particolarità sta nel fatto, che riescono ad amplificare questa sensazione che infondono a chi gli sta attorno. I’intensità dell’aura ed i suoi effetti, cambiano a seconda del grado.
    Esperto – Infonde paura: Il cuore palpita più velocemente, si ha un profondo fastidio e soggezione

  2. #132
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS

    In un mondo abitato da lupi non è facile essere agnelli, bisogna scegliere presto da che parte stare: mangiare o essere mangiati? E' questo il dilemma. Un dilemma che, mio padre me l'ha fatto capire molto bene, non avrebbe dovuto turbarmi troppo. I Feralys sono lupi e, se si alleano a qualche branco, è solo per sopravvivere e non venire sbranati. Bisogna essere furbi, scaltri, conoscere i punti deboli del nemico ma non mostrare i propri, se non per catturare la sua fiducia e poi tradirla senza pietà. La famiglia reale non è diversa in questo: figli contro padri, mogli contro mariti, non sarà facile venirne a capo, ma devo farlo, niente più indugi o remore.
    Sono qui, di fronte all'immensa energia del Glados che mi avvince e, quasi, mi atterrisce. Allungo la mano verso la luce azzurra:"Rem tene, verba sequentur"

    CONTINUA QUI


  3. #133
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Vicent Dreth


    <<Dovere milady>>.
    Ricambio il sorriso e solo dopo essermi assicurato che la ferita si sia rimarginata completamente interrompo la rigenerazione massaggiando la mano con i polpastrelli.
    Portandomi così in piedi attendo la risposta da parte delle altre due dame, ma è Lady Waters a precederle: <<Tranquillo sir Dreth. Di cosa ha paura? Ci stiamo solo allenando! Dobbiamo andarci giù pesante. In battaglia i nostri nemici non saranno clementi>>.
    Inarco un sopracciglio perplesso…



    Ciò che mi ha spinto ad intervenire, sentimenti a parte verso la principessa, non è certamente la paura bensì il senso di responsabilità.
    Sono sotto la mia tutela e se dovesse accadere qualcosa ad una qualsiasi di loro è il sottoscritto a risponderne; c’è inoltre da aggiungere il dettaglio moralità: verrei divorato dai sensi di colpa se mi rendo conto di aver ignorato una situazione in cui potevo intervenire e fare qualcosa per evitarlo.
    Ma giustamente non sono nella mia testa, non mi conoscono e dunque non possono neanche comprendermi…
    <<Io...io non... perdonatemi lady Alinor... io non...non capisco>>, sento d’un tratto esclamare la principessa.
    Offro una mano a Lady Waters per aiutarla ad alzarsi e poi mi volto verso Lady Esperin.



    Qualunque stregoneria la stesse influenzando ora non sembra più attiva: si guarda attorno spaesata come se non ricordasse nulla di quanto appena accaduto…
    <<Ahahah. Sir Dreth, vi siete preoccupato? Siete pallido come un cencio steso al sole>>, la fisso serio: non vi trovo nulla di divertente in tutto ciò.



    Lady Feralys continua complimentandosi con la principessa per le abilità da guerriera dimostrate ed aggiunge che la loro è stata solo un’interpretazione di un vero combattimento per cercare di prepararsi al meglio per l’imminente guerra.
    Ma allora quella ferita…?
    Sospiro rivolgendo un’occhiata a Lady Waters e qui muto la mia espressione rendendomi conto di aver esagerato. Ho lasciato prevalere la rabbia ed i sentimenti che nutro verso Esperin, ho reagito d’impulso fraintendendo una situazione che in realtà era sotto controllo, arrivando a guardare male qualcuno che non lo meritava…



    <<E poi Lady Alinor, per quanto ho sentito, è abituata a molto peggio, non è vero milady?>>.
    Cosa intende…? Inizio a credere di essere l’unico qui a non conoscere gli altri…
    <<Vicent. Oh, posso chiamarvi Vicent, vero?>>, alzo lo sguardo ma non faccio in tempo a darle una conferma che lei riprende a parlare chiedendomi di continuare l’allenamento al suo posto visto che si sente stanca e vorrebbe riposarsi.
    Annuisco con convinzione ed abbozzando un inchino affermo, <<certamente milady, vi auguro un buon riposo e… perdonate il mio comportamento poco prima, non accadrà mai più>>.
    Mettendomi a braccia conserte mi posiziono vicino ad un manichino dove attendo che la principessa finisca di interloquire con le presenti… Questo finché non sento un <<Sir Dreth>> a richiamarmi all’ordine.
    <<Sareste così gentile da farci notare errori negli attacchi o nella postura? La vostra esperienza sul campo potrebbe salvarci la vita>>.
    In realtà speravo di poter essere maggiormente attivo durante l’allenamento ma gli ordini della principessa non si discutono ed in più se l’ex primo mi ha insegnato qualcosa è che prima di agire bisogna saper osservare…
    Punto i miei occhi sulle due dame seguendole attentamente.





    Ultima modifica di Damnedgirl; 24th November 2014 alle 03:19 Motivo: Aggiunte foto.



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  4. #134
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    La regina si rialza, la sento scuotersi l'addobbo che chiama vestito mentre mi ordina di alzarmi.
    Lo Charme ha terminato il suo effetto: mi sento di nuovo libera, i muscoli rilassati. Conosco bene questo potere, era uno dei miei migliori cavalli di battaglia e lo adoro. Si, anche utilizzato su di me. Mi mancava combattere così...e sentire la magia su di me. Cosa ben diversa di diffonderla dal corpo.
    Siamo fatti noi stessi di magia, e quella più oscura fa parte di me.
    Comunque sia rimango ancora a terra, ancora china. Toccare il terreno mi rassicura...stringo il pugno sinistro, scavando con le unghie il suolo, mentre con il destro serro la presa sulla Fornsworn Stave.
    Tutto qui? Davvero tutto qui?



    Si è alzata e basta? Ma sa sfruttarlo, un vantaggio, la biondina, quando ne ha uno impalato davanti al naso, penso ridacchiando mentalmente. Io al suo posto sarei stata molto più infida...una strega non ha onore. Non conosce regole, non conosce virtù.
    Ma lei non lo sa, non può saperlo, stupida creatura. Le streghe, quelle vere, finiscono con me.
    Poi, comincia a parlare...e lei mie orecchie sono catturate dalla sua voce, mentre ancora osservo la superficie arida dell'Abgruntis.



    <<Non potevo aspettarmi niente di meno dalla grande strega dell'ovest, ho voluto verificare che il vostro spirito combattivo fosse ancora ardente... spero che la vostra umiliazione vi faccia comprendere bene quanto sia importante per il vostro onore tornare ad essere forte...>>
    Le sue parole mi scuotono uno strano effetto....sento freddo, ma di un genere innaturale. Le mani fremono a terra, mentre cerco di stare all'erta...che voglia colpirmi? Non riesco a tendere i sensi....Lady Lumen è più forte, ma questa non è una novità.
    <<Non dovete farlo certo per Lantis o per la casa regnante che vi tiene prigioniera da secoli... dovete farlo per voi stessa, per l'amarezza che provate, per la rabbia che sentite ardere nelle vostre vene. Ora siete solo un malandato appoggio per una nobildonna che ha bisogno di rialzarsi, avete lo stesso valore del pomello del mio trono, forse meno.>>



    Mi chino ancora di più con la testa al suolo: tutte verità...tutte verità....ormai mi trascino per inerzia....niente di nuovo. Sento Lady Lumen sempre più aggressiva...sempre più terrificante.
    <<Mhf....mhf....>> cerco di trattenermi, mentre realizzo che forse vuole uccidermi. Anzi, lo farà.
    Si, uccidimi.
    Fallo.
    <<Mi auguro che il vostro onore di strega vi porti ad abbandonare i lamentosi strilli di ieri e vi riporti a quello che meritate di essere ancora... e vi ricordi cosa siamo davvero noi stregoni.>>
    Che importa....è fatta. Morirò qui....a casa.



    <<Mhf...>>
    Degli spasmi di paura mi scuotono la schiena, facendole fare degli scatti verso l'alto. Ghigno feroce, godendo di questa sensazione....la paura, il terrore per questa strega molto più forte di me mi pervadono, e sento che non c'è melodia più armoniosa nel mio corpo.
    Adoro il Male, adoro sentirmelo addosso. Mi piace sentirmi un verme....grazie, Vostra Maestà. Grazie per queste splendide sensazioni...morirò felice almeno.
    Sono così persa che sento scivolare via il contatto con la mia lancia….improvvisamente non la sento più al tatto, semplicemente è……sparita.
    Purtroppo Lady Lumen non parla più, e mi rendo conto che il momento è vicino: è troppo potente perchè io possa contrastarla, e non oso fare una mossa....sarebbe inutile.
    Cosa aspetti....cosa?
    Non resisto....
    <<Mhf....p-ffff...>>....no, non ce la faccio proprio più:
    <<Mh-ahahah.....ahahahahhahaha........AHAHAHAHAHAHAHHAA HHAHAH!!!>> la mia risata nervosa e rauca echeggia per la valle dell'Abgruntis.
    Sento dei corvi abbandonare dei rami secchi, volando lontano, mentre mi inginocchio poggiando il sedere sulle caviglie, la testa rivolta verso l'alto e rido....rido....



    Non ho nemmeno il coraggio di guardala....sono letteralmente fottuta dalla paura.
    Rido fino alle lacrime, ebbra della follia che mi provoca il riso.


  5. #135
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    LUMEN RAEGHAR

    La guardo perplessa, forse un po' inquieta. Ride, ride rumorosamente, la sua voce stridula e fastidiosa risuona per tutto l'Abgruntis. E' tremolante, ancora in ginocchio dinanzi a me e ha lasciato andare il suo bastone a terra. Inarco un sopracciglio, di primo acchito non comprendo la sua reazione. Una risata isterica causata dalla paura? Non deve essere facile far piangere questa donna, in questo Lantis è stato più abile di me, e per i suoi nemici dell'epoca deve essere stata un vero e proprio flagello. Anche in preda al terrore, al male e alla disperazione, Deirdre dell'Ovest ride. Sorrido soddisfatta, la guardo con ammirazione. Così tanto a fondo l'oscurità ha scavato nella sua anima? La mia stretta mentale si disperde e credo di aver imparato anche io qualcosa in più sulla nostra razza: siamo votate ad ogni tipo di eccesso, tra cui la follia. E questo mi inebria, perchè la follia ti rende davvero libera. Quanto ho cercato la libertà? Ho ucciso, fornicato, avvelenato, tradito, tramato per ottenere la libertà, per non sentirmi più nella gabbia di essere donna in quest'epoca dominata dagli uomini, per non sentirmi fragile in una famiglia come la mia, per non sentirmi indifesa davanti al mio censo e agli avversari politici che creava. Ho calpestato ogni buon sentimento che ha illuminato fugace il mio cuore, ho soffocato l'amore per Efrem per salire su quel trono, ho bruciato ogni buona intenzione per perseguire non la via della sopravvivenza, come fa la maggior parte delle donne di dovere, ma della vita, quella vera, della vita colma di potere. Perchè solo il potere ti rende libera in un mondo come questo. Il potere, insieme alla follia, sono gli ingredienti essenziali per la totale libertà. Forse per questo, noi streghe siamo così crudeli: siamo senza freni, senza regole, senza morale. Siamo magnifiche. Nella risata di Deirdre posso udire il suo ghigno di strega, il suo non aver dimenticato la sua origine.

    Lumen: "E' vero quello che si dice di noi streghe: siamo tutte pazze, chi più, chi meno. Sarà perchè traiamo il nostro potere dal rito dell'Abgruntis, dal fatto che la nostra magia non è solo elementale, ma in primis è di tipo sacrificale" dico guardando seria il grande albero di sangue che troneggia sulla culla dei mai nati.

    Lumen: "Ogni prima luna nuova dell'anno, quando il cielo è nero, senza lumi, il primo nato di quel giorno infausto e glorioso viene sacrificato proprio qui, tra gli idoli che ritraggono i demoni della decadenza, della caduta. Leggende antiche narrano che quelle statue prendono forma viva durante il sacrificio, ma francamente io non ho mai assistito a una cosa così straordinaria. Sapete, mio fratello venne sacrificato proprio qui, dodici anni fa, davanti ai miei occhi... mia madre, di lì a breve, si tolse la vita, mio padre si dedicò solo alle armi e al sangue, partendo per anni interi a distruggere tribù e mietere morti... per questo sono stata cresciuta nella casa di mio zio... è lì che sono diventata ciò che sono" racconto con un po' di nostalgia. Nostalgia per ciò che sarebbe potuto essere e non è stato.
    Stendo dinanzi a me il mio bastone, scintille di fuoco si scatenano dal rubino a forma di rosa.

    Lumen: "Ognuna di noi, qui all'Abgruntis, ha stretto un patto di sangue con i demoni, che ci hanno donato il potere di un elemento. La mia anima è legata al fuoco, mostratemi il potere della terra che tanto vi ha resa temibile e famosa. Un mio... vecchio amico possiede il vostro stesso potere, forse è una conoscenza che abbiamo in comune, septa... e chissà, magari non solo quella... ma ora dispiegate dinanzi a me ciò che resta della vostra terribile leggenda" le chiedo trionfante, avida di conoscere, di sapere, di apprendere. Il medaglione che porta al collo... è così vicino...

  6. #136
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters


    Mi rialzo con l'aiuto di sir Dreth che mi porge cortesemente la mano. Lo ringrazio anche se ce l'avrei fatta anche da sola visto che mi sento più che bene. Rivolgo lo sguardo verso la principessa la quale, visibilmente dispiaciuta, mi porge le sue scuse.
    "Non si preoccupi vostra altezza. So che non è dipeso da voi." le rispondo, puntando lo sguardo su Lady Feralys.
    Proprio in quel momento quest'ultima scoppia in una grassa risata. Forse la pazzia si sta impossessando di lei.
    Purtroppo sembra proprio di no. Mentre tranquillizza sir Dreth non riesco a non distogliere lo sguardo dalla sua persona. Ripenso a quel "Io combatto dalla parte giusta."... No, Lady Feralys non mi piace.
    "E poi Lady Alinor, per quanto ho sentito, è abituata a molto peggio, non è vero milady?" mi fa. Annuisco sorridendo facendo finta di essere stata attenta alle sue parole.
    Alla fine si allontana definendosi stanca. Stanca? E di cosa? Di pavoneggiarsi suppongo.
    Decido di continuare l'allenamento con la principessa. Quello che mi preme maggiormente al momento è allenarmi in vista della battaglia.
    Finalmente invoco la mia arma, il pugnale Purifier. Lo destreggio un po' prima di conferirgli il mio potere avvolgendo la lama in un piccolo turbine acquatico.






    La principessa nel frattempo si rivolge a sir Dreth: <<Sareste così gentile da farci notare errori negli attacchi o nella postura? La vostra esperienza sul campo potrebbe salvarci la vita>>.

    Storco il naso. Di manichini qui ce ne sono già parecchi. Non deve essere il massimo per una guardia reale fare da spettatore durante un allenamento.
    Senza andare contro il volere della principessa mi intrometto proponendo: "Magari chi tra noi due ha la meglio sull'altra può in seguito sfidarsi con sir Dreth!".
    Sono in debito con quest'uomo e, anche se non stavo per perire, mi ha prontamente guarita. Affrontare il nemico già ferita sarebbe potuto essermi fatale.
    Rivolgendomi poi alla principessa, le chiedo con un sorriso: "Allora, siete pronta vostra grazia?".
    Mentre attendo le risposte, divarico le gambe impugnando più saldamente la mia arma dalla lama intrisa di molecole d'acqua e tiro indietro il braccio che la sostiene.
    Sferro un attacco frontale verso la principessa che mi attende già in posizione.





    Arma - Purifier - Forma Attiva



  7. #137
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Quando comincio a non tremare più, quando sento quella magnifica sensazione di soffocamento abbandonarmi, la mia risata si abbassa piano-piano di volume, fino a divenire un debole gorgoglio.
    Mentre termino di ridacchiare, guardo i rami che mi ricoprono la testa, per poi abbassarla di nuovo, con gli occhi puntati sui piedi della regina.
    Questo allenamento mi sta deludendo alquanto.



    L’ho sopravvalutata: è troppo piena di se, esattamente come i suoi poteri…li usa, con molta forza e ferocia, ma poi si perde in un bicchiere d’acqua, non sapendo come sfruttarli.
    Sua Maestà farà davvero un brutta morte, presto o tardi.
    Speravo di combattere, di allenarmi, e invece sono qui a perdere tempo mentre lei mi dice ovvietà di cui ero già abbondantemente a conoscenza e si diverte a schiacciarmi: facile ora, vero, che sono solo una vecchia malandata?
    Lo dico sempre io….potete torturare, e pestare, e calpestare, e spingere, e pressare, e torchiare quanto volete, il mio spirito non si piega…ecco perché tutte le sue “belle” parole di prima sono andate all’inferno, assieme al suo intento.
    L’incanto della nostra aura ad un certo punto termina….quindi dimmi, piccola sciocca, cosa hai ottenuto?
    Sono stata violentata nel modo peggiore che esiste per una strega, ho passato trecento anni tra dolori e umiliazioni ben peggiori di questa…ma cosa credeva di fare? La mocciosa intendeva forse innalzarsi ad una sorta di guida spirituale? Patetica…
    Mi guardo i palmi della mani, le stringo a pugno, per verificarne la riacquisizione delle facoltà motorie.
    <<E' vero quello che si dice di noi streghe: siamo tutte pazze, chi più, chi meno. Sarà perchè traiamo il nostro potere dal rito dell'Abgruntis, dal fatto che la nostra magia non è solo elementale, ma in primis è di tipo sacrificale>>
    Embè?
    Comincia a ciarlare di nuovo, e stavolta punto gli occhi con uno sguardo annoiato verso il suo viso, volto al nostro Albero Sacro…si, mi sta davvero annoiando.



    Volto anch’io il mio sguardo all’Altare, mentre mi alzo facendomi leva con le mani sulle ginocchia.
    Qui ho passato momenti felici, forse tra i più belli di tutta la mia lunga vita da essere libero.
    <<Ogni prima luna nuova dell'anno, quando il cielo è nero, senza lumi, il primo nato di quel giorno infausto e glorioso viene sacrificato proprio qui, tra gli idoli che ritraggono i demoni della decadenza, della caduta. Leggende antiche narrano che quelle statue prendono forma viva durante il sacrificio, ma francamente io non ho mai assistito a una cosa così straordinaria.>>
    Le mie labbra si piegano in uno in un ghigno di sberleffo: non sono le statue a prendere vita davvero, anche io quando avevo meno di dieci anni ancora, ne ero convinta. Ma poi vidi, poi capii: è questo stesso luogo a prendere vita, a pulsare del Male più Puro: quando il sacrificio è particolarmente ben accetto, gli elementi si scatenano: la Terra trema, i Fuochi accesi divampano, il Vento spinge impetuoso, l’Acqua piove dal cielo violenta, accompagnata da Fulmini che illuminano per brevi secondi questa landa quasi come se fosse giorno. In mezzo a quella meravigliosa furia, le ombre giocano il brutto scherzo di far sembrare che le braccia delle due statue ondeggino….o che le loro bocche sghignazzino in nostra direzione.
    Ebbi dei brividi di piacere quando lo vidi per la prima volta.
    <<Sapete, mio fratello venne sacrificato proprio qui, dodici anni fa, davanti ai miei occhi... mia madre, di lì a breve, si tolse la vita, mio padre si dedicò solo alle armi e al sangue, partendo per anni interi a distruggere tribù e mietere morti... per questo sono stata cresciuta nella casa di mio zio... è lì che sono diventata ciò che sono>>
    La osservo di nuovo, espirando lentamente….c’è una fine a questa lagna? Eppure un po’ la invidio…io purtroppo non avevo fratelli, o avrei potuto anche io come lei sacrificarne uno. Che strano…ho la sensazione però che la regina non ne sia veramente felice. Il mio viso assume un’espressione disgustata…cerco almeno di non riderle in faccia.



    Questa qui voleva insegnare a ME ad essere una strega VERA? E poi prova….mi sembra “nostalgia” dal suo tono….per un suo familiare? Che vergogna che è questa donna per la nostra razza!
    L’ultima frase mi fa venir voglia di ricordare chi sia suo zio…aspetta, la casata di Lady Lumen è…
    La sua Rosa di Sangue prende vita, sprizzando scintille, distraendomi da questi pensieri: si ricomincia finalmente?
    <<Ognuna di noi, qui all'Abgruntis, ha stretto un patto di sangue con i demoni, che ci hanno donato il potere di un elemento. La mia anima è legata al fuoco, mostratemi il potere della terra che tanto vi ha resa temibile e famosa.>>
    Ecco…alla fine è dovuta arrivare a chiedermelo direttamente, dato i fallimenti di prima, e dandomi persino di nuovo del “voi”!
    Ridacchio, guardandola negli occhi:
    <<Sono qui per allenarmi Maestà, questo è vero, ma temo che stiamo facendo troppe chiacchiere e pochi fatti. Le mie radici?>> trattengo un altro risolino, mentre porto le mie mani in avanti, palmi aperti verso il basso. Usandole entrambe, la visualizzazione della mia Ophelia sarà più veloce:



    <<Non preoccupatevi per me, so quando utilizzare i miei poteri>>
    Non "tanto per..." come te, mia cara.
    Come se non sapessi quanto sono deboli adesso! Ma essere fragili, non significa non essere sfruttabili: usarle per attaccarla non se ne parla proprio (diversamente da quanto pensa questo cervello di gallina), ma ho molti altri modi per utilizzarle, e non deve dirmelo certo lei quando farlo.
    Tra questi pensieri, un debole bagliore si materializza sotto i miei palmi: al primo tatto che avverto, stringo veloce i pugni, per non far cadere la mia lancia.
    Serro ancora più forte le mani e l’asta si dinapa materialmente verso destra e sinistra, prendendo forma, e terminando con la sommità imponente dei due corni che un tempo formavano il setto nasale di Athrokspis, il demone infernale dei Cancelli delle Miniere di Maldus.

    Arma – Lancia in Forma Dormiente
    Forsworn Stave (Ophelia)
    Faccio roteare la lancia, cominciando a eseguire la rotazione solo tra le dita della mano destra, mentre Lady Lumen mi cattura di nuovo con le sue parole…non ce la fa proprio a stare zitta? Dovrebbe concentrarsi seriamente, piuttosto, data la magra figura fatta fin’ora.
    Ha provato ad attaccarmi e l’ho fatta inciampare, ha usato i suoi poteri psichici solo per ciarlare stupidaggini di cui non ho sortito il minimo effetto, visto l’effetto temporaneo…mah.
    <<Un mio... vecchio amico possiede il vostro stesso potere, forse è una conoscenza che abbiamo in comune, septa... e chissà, magari non solo quella...>>



    I miei occhi si assottigliano, mentre la velocità della mia lancia aumenta….: indubbiamente si sta riferendo a Targaryus. La regina ha a stento un quarto di secolo, quindi l’unica conoscenza che ha il potere del mio stesso elemento che possiamo conoscere entrambe è lui. Interessante.
    Sta cercando di dirmi qualcosa…che cosa ha a che fare Lady Lumen con Efrem? Che sia coinvolta anche lei nella rivolta di quel topo di fogna? Non può essere…perché? E perché lo dice a me? E’ impazzita?
    Inspiro, mentre comincio a passare la lancia da una mano all’altra, alternando il peso dell’asta sul susseguirsi delle dita, sempre più veloce:
    <<Ormai quell’idiota di Targaryus ha fatto la sua scelta, che un Demone se lo porti!>> bercio infastidita per gli atti compiuti da quel mio vecchio discepolo.
    Prendo a camminare intorno alla regina, muovendo i passi verso la mia sinistra…abbastanza lontano da coprire la stessa distanza che coprirebbe la mia Fornsworn: dubito rimarrà ferma dov’è, ma se non si muoverà in attesa del mio attacco, le sfilerò un colpo contundente verso la sua spalla sinistra, mentre lei probabilmente si aspetterà un attacco a destra: dovrebbe essere difficile capire la direzione, visto che mi fermerò “quasi” al lato destro del suo corpo.
    In caso contrario o userà la sua magia, o si avvicinerà per colpirmi con la sua arma…mi difenderò cercando di trasferire la mia magia della Terra nell’arma, raddoppiandone la resistenza, e cercherò di pararla in diagonale per difendermi.


  8. #138
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar



    Lady Alinor risponde prontamente al mio invito. Sono contenta di constatare che la ferita non le dia problemi e che lei sia così determinata a combattere. E' una donna forte e coraggiosa, mi piace. Stringo più forte la mia Fidelia, sono pronta ad affrontala.



    La vedo materializzare il suo pugnale proprio davanti ai miei occhi. Lo tiene stretto, gesto che mi fa pensare al profondo legame che unisce arma e combattente.
    Legame che conosco molto bene.
    Lo osserva, mentre percepisco una sensazione familiare. Non so cosa sia, ma so da cosa è determinata. Acqua. Il suo, il mio, elemento. Sta sprigionando il suo potere, così affine al mio.

    Imito istintivamente il suo gesto, veloce come anni di allenamento mi hanno insegnato ad essere. Sento il potere scorrere nelle mie vene, la mia aura invadermi e condensarsi nella mia spada. L'acqua inizia a scorrere lungo la lama affilata, gocciolando lentamente a terra.

    "Allora, siete pronta vostra grazia?" esclama lei, mentre divarica le gambe e sferra un veloce attacco frontale verso di me.



    La mia spada, ormai in forma attiva, è ancora saldamente legata al mio braccio destro, piegato dietro la schiena. Mi sposto leggermente verso la mia sinistra, dove Sir Dreth ci osserva attentamente...



    ...e contemporaneamente calo la spada in un moto circolare verso il basso in senso antiorario, a cozzare in parata sul pugnale di Lady Alinor "Prontissima!", le dico.



    Le due armi sbattono violentemente l'una contro l'altra, stridendo, e il nostro elemento si sprigiona in tutte le direzioni, incrementando la sua forza dalla nostra unione, nonostante la contrapposizione. Sento l'acqua sul mio corpo, traendo beneficio e forza da questo contatto e decido di sferrare a mia volta un attacco.

    Parato il colpo, sono ormai sulla destra, frontalmente. Roteo leggermente il corpo in senso orario, accostandomi a lei. Porto il piede avanti, dietro al suo piede destro e faccio leva sul tallone, spingendolo in avanti.



    Se tutto andrà come ho calcolato, Lady Alinor cadrà sul ginocchio sinistro, non avendo più il sostegno della gamba destra.



    Fidelia - Arma in forma attiva

  9. #139
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters




    Come mi aspettavo, la principessa para il mio colpo frontale con la sua spada. Le due lame entrambe ricoperte da molecole d'acqua si scontrano una contro l'altra stridendo e sprigionando acqua in ogni dove.
    "Prontissima!" mi fa sapere, sembrando determinata come non mi era ancora parso di vederla. Mi entusiasma battermi con qualcuno che sappia tenermi testa o ancora meglio sia più brava di me. Soprattutto una fanciulla come lei, dolce e aggraziata nei modi ma che diventa forte e determinata come una vera combattente in battaglia. Chi l'avrebbe mai detto!
    Ritiro la mia arma grondante d'acqua indietro e attendo con curiosità la sua contromossa.
    La sua leggiadra figura si accosta velocemente a me e punta il mio tallone con l'intenzione di farmi cadere a terra. Non di nuovo, principessa!
    Sollevo il piede colpito ma faccio leva sull'altro, la afferro per il colletto e la porto giù con me. A mezz'aria la spingo con il ginocchio lontana da me con l'intenzione di farla ribaltare alle mie spalle. In questo modo saremo entrambe per terra.
    E' ora che anche il suo regale culo principesco tocchi il pavimento.


    Arma - Purifier - Forma Attiva
    Ultima modifica di scarygirl; 26th November 2014 alle 20:18


  10. #140
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Nel momento in cui spingo il tallone destro di Lady Alinor, lei perde l'equilibrio, spostando istintivamente il peso sulla gamba sinistra. Sta cadendo all'indietro, ne sono consapevole, ma nonostante questo continua a guardarmi con aria di sfida e con determinazione. Sono ora più rilassata per il leggero vantaggio, ma inaspettatamente mi sento afferrare per il colletto e trascinare con lei verso il pavimento. Mai sottovalutare l'avversario!
    Sento la sua presa decisa sulla mia veste e sorrido per la sorpresa destata in me da questa mossa azzardata. Forse potrei opporre resistenza, ma lo stupore mi tradisce e mi lascio andare totalmente alla sua presa. Seguo il suo movimento verso il basso, quando con un ginocchio mi allontana per non rischiare di caderle addosso.



    Mi spinge con forza dietro di lei, verso il pavimento, accompagnandomi con la gamba in una capriola che mi farà ritrovare col sedere a terra. Allungo la mano libera, pronta eventualmente a poggiarla al suolo per non rischiare di farmi male, ma la mossa è talmente rapida e decisa che non ne ho bisogno.
    Finisco a terra, con le spalle poggiate contro le sue, a massaggiarmi il sedere e il collo dolorante.



    Resto in quella posizione per qualche secondo, e poi scoppio a ridere. Una risata sincera, spontanea, come non mi succedeva da tanto tempo.
    Splendido, da quanto non mi divertivo così tanto in allenamento?
    <<Ottima mossa Lady Alinor...mi avete atterrata!>> le dico ridendo, ancora ferma nella mia posizione. Non sono intenzionata ad attaccarla, e spero che il mio tono e la mia calma comunichino anche a lei la mia scelta.
    Mi giro, ancora seduta per terra, verso di lei, in modo da guardarla in viso. Sto ancora sorridendo per quello che ho intenzione di proporle. La guardo negli occhi, indicandole poi Sir Dreth che ci sta ancora osservando in disparte, e le faccio l'occhiolino. Sono sicura che la perspicacia della mia futura cognata le farà comprendere il mio innocente piano.
    <<Che ne dite Sir Dreth>> dico al nostro cavaliere, alzandomi in piedi e incitando Lady Alinor ad alzarsi a sua volta, <<Non trovate che queste due dame formino davvero una bella squadra?>> gli chiedo sorridendo, ma in tono di sfida.
    Contestualmente materializzo il mio potere, concentrandolo sul manichino più distante dal cavaliere. Sento il suo peso, la sua consistenza, e concentro la mia magia sulle particelle che lo compongono. Istantaneamente il manichino si solleva a circa cinquanta centimetri da terra, ed inizia a girare vorticosamente su se stesso, acquistando maggiore velocità ad ogni giro, sorretto dalla forza della mia volontà. Il vento provocato dalla rotazione del manichino mi scompiglia leggermente i capelli.



    Sollevo la mano in alto, seguendo il movimento ascendente del fantoccio, e poi la distendo orizzontalmente, nel momento in cui lo lancio frontalmente contro Sir Dreth, dopo avergli lasciato qualche secondo per reagire all'attacco.





    Mentre il fantoccio inizia la sua corsa, osservo lady Alinor, sorridendole e sperando che si unisca a questo piccolo gioco.



    *Telecinesi –spostare oggetti o lanciarli con la forza della mente
    Esperto – Nel raggio di 5 metri, può sollevare fino a 250kg di peso

 

 
Pagina 14 di 339 PrimaPrima ... 412131415162464114 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •