Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 201 di 339 PrimaPrima ... 101151191199200201202203211251301 ... UltimaUltima
Risultati da 2,001 a 2,010 di 3385
  1. #2001
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alagos Fanon


    Dovrei raggiungere la biblioteca prendere penna e calamaio e scrivere a mio padre, con urgenza. Devo riferire della morte del sovrano anche se, e ne sono sicuro; sia già stato avvisato. Poi devo ragguagliarlo sulla questione Demonar e Dreth, come anche mobilitare le truppe delle Terre dell’Alba per battere a ferro e fuoco i territori e i confini per vedere se vi sia o meno traccia di lady Esperin. Il suo volto è famigliare ai più credo, solo alcuni contadini che abitano agli estremi confini del Regno potrebbero essere all’oscuro del volto della secondogenita di Re Rickard ma ne dubito fortemente.

    Prima è il Comandante a radunarci nuovamente tutti attorno alla sua figura, quindi inizia ad impartire ordini come dovuto, è quindi la volta della sempre più fascinosa strega dell’ovest a ciarlare :
    <<Dicevo, stiamo stati allertati poco prima dell'arrivo del re. Io sono stata quasi tutta la notte in armeria, e per qualche breve tempo, credo a stento un'ora, in biblioteca. Qualche ora prima dell'alba poi, passeggiavo per il giardino. Ho visto il Primo recarsi nella stanza di lady Adamantia, mentre c'erano sir Dreth, lady Alinor e Nymeria qui in sala da pranzo, ci sono stati un bel pò, se non ricordo male. Potremo cominciare ad eliminare la possibilità che il rapitore sia uscito o entrato dal Glados, nonostante la sorveglianza! Sir Fanon, voglio che eseguiate la Simbiosi su quelle ortensie qui fuori, il cespuglio che è proprio di fronte al portale...voglio sapere questa notte se lady Esperin lo ha attraversato, e in compagnia di chi!>
    Mi dice guardandomi seriosa e, noto che le rughe sul suo volto sono sempre più profonde e sempre più scavate, sembra affaticata, ma forse è solo stanchezza .
    <Confermo l'ordine della septa. Voglio che la simbiosi venga utilizzata su tutta la Torre, se necessario>>
    E’ il comandante quindi a confermare l’ordine e quindi annuisco convinto. Se posso fare qualcosa siate certi che lo farò.
    Resto per un attimo ad ascoltare i discorsi dei presenti cercando di cogliere qualche notizia che seppur blanda potrebbe essere utile, è però nuovamente il comandante a sollecitare il mio intervento.
    Mi scosto dai presenti e mi porto davanti alle ortensie che, come guardiani silenziosi sorvegliano il Glados e, la sua tremula luce.
    Chiudo gli occhi e cerco con la natura che mi è affine ed in particolare con il cespuglio di ortensie, una connessione mentale chiedendo il suo aiuto…
    Nel linguaggio dei fiori come mi è stato insegnato dal mio maestro, l’ortensia simboleggia, la nascita di un amore, oppure il ritorno di un amore passato. Ogni colore ha un significato, queste ortensie che sfumano dal blu al violaceo, sono sinonimo di caratteri capricciosi ed esigenti, l’amore che la persona che le coltiva prova sa essere ardente e profondo. Solitamente sono fiori sinceri che non mentono a differenza delle rose gialle che sanno essere molto volubili… ancora ad occhi chiusi quando la “voce” dei fiori violacei mi sussurra nei respiri del vento esclamo:


    <<Le Ortensie non mi sanno dire se la principessa si sia allontanata o meno con qualcuno, possono solo dire quello che loro stesse hanno avvertito; percepivano confusione, senso di giustizia e voglia di fare chiarezza…nient’altro.>>

    Riapro gli occhi mentre resto a fissare per un attimo il cespuglio ringraziando poi mentalmente la pianta che, scossa dal leggero vento del mattino sembra rispondermi un – prego -, non biasimo di certo la fanciulla se ha voluto allontanarsi da qui, perché è questo quello che mi sembra di comprendere se i sentimenti che ho avvertito da queste piante, sono riconducibili a lei, ma non posso saperlo, non posso esserne sicuro.
    Mi volto quindi verso i presenti con aria seria e abbattuta, purtroppo non posso dire null’altro…

    Simbiosi - Gli elfi nascono dalla natura e con essa hanno forte affinità, sono in grado di comunicare con la flora e la fauna nel linguaggio antico della madre terra: i fiori, le rocce, le creature, ecc
    I maghi e gli stregoni sono loro stessi frutto della natura, la luce e l’ombra fanno parte del Tutto, quindi gli elfi sono in grado di connettersi anche alle loro menti, riescono dunque a percepire ed infondere, a loro volta, le proprie emozioni. Gli effetti sono diversi a seconda del grado:
    Allievo- Avverte le sensazioni ed emozioni altrui , è dunque difficile ingannarlo se chi gli sta di fronte cerca di celare le proprie emozioni



    - responso simbiosi comunicatomi dai Master
    Ultima modifica di DELTAG; 27th July 2015 alle 18:37

  2. #2002
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Fingo di controllare il sofà, approfittando che Theon è distratto a controllare i cassetti.



    Mi alzo, dicendo alle sue spalle:
    <<Bene, ho trovato un capello che fa al caso mio, vado a fare le analisi, tu controlla tutto come si deve.>>



    Muove nervosamente la testa su e giù....bravo Theon, la prossima volta ti prenoto un taglio doppio, te lo sei guadagnato!
    Esco così dalla stanza di lady Esperin per dirigermi alla mia: non ho mai avuto intenzione di eseguire alcun rituale, quello che mi interessava era tornare nella mia stanza per mettere apposto.



    Ci manca solo che qualcuno venga qui a trafugare e trovi tutta questa roba...non esattamente legale....e non riconducibile a qualcosa di buono.
    Metto tutto a posto, i libri, le erbe, le polveri...ripongo il cesto al suo posto, rimettendovi al suo interno anche i ricostituenti serali che bevo sempre.
    Perfetto, non ho tralasciato niente...oh giusto, il rito al capello di lady Esperin!
    <<Bididi-bodidi-bù!>> enuncio scherzosa da sola, nella stanza, smuovendo le mani in maniera comica.
    Se pure avessi davvero eseguito qualche rito di localizzazione, non avrei avuto speranze visto il silenzio dei Saggi!
    Chiamo Theon nella stanza della principessa: mi mostra libri antichi (riconosco un tomo che cercai molti anni fa per lady Margarete), del gioiellame, dei piccoli ritratti di famiglia...bah.
    Torno di sotto, seguita dal servo, vedendo che sir Fanon sta eseguendo finalmente la simbiosi.



    Faccio cenno di "no" al Comandante, in riferimento alla mia ricerca, dopodichè ascolto l'elfo:
    <<Le Ortensie non mi sanno dire se la principessa si sia allontanata o meno con qualcuno, possono solo dire quello che loro stesse hanno avvertito; percepivano confusione, senso di giustizia e voglia di fare chiarezza…nient’altro.>>



    Roteo gli occhi al cielo, anche se questa notizia mi fa internamente sospirare di sollievo.
    Utile come sempre, sir Alagos!


  3. #2003
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Vicent Dreth

    Riesco ad abbracciare Cassandra, a farle il mio giuramento e tentare di calmarla, credo, almeno un poco. Dei. Questa giornata è appena iniziata ed io già non vedo l’ora che finisca, con Esperin tornata a casa sana e salva ovviamente. D’un tratto però sento un colpo di tosse seguito da uno strattone, mi lascio girare in direzione del mio interlocutore scostando nel mentre Cassandra onde evitare che si ferisca con gli spuntoni dell’armatura e fisso negli occhi il cavaliere che mi urla in faccia, <<vedete cosa comporta il vostro “aiuto”? Eh?>>.



    Reggo il suo sguardo, assottigliando il mio, quando con rabbia mi mostra il moncherino del polso grondante di sangue. Il suo sangue.



    Deve fargli un male cane, questo spiegherebbe il suo nervosismo, ma no, non il resto… Perché rinfacciarmi la mia proposta di aiutarlo? Non ha senso. Dovrei ricordargli che siamo in guerra? Che, di norma, l’amputare arti è la prima cosa a cui punta un avversario? <<Volete davvero aiutare?>>, smetto di guardare il moncherino ed inarcando un sopracciglio mi mostro perplesso, sforzandomi di non reagire e di continuare ad ascoltare questo sfogo. C’è qualcosa che non quadra, a partire dall’atteggiamento, sembra quasi che non sia GildasLui, di solito, lo sguardo tende sempre a evitarlo, abbassa gli occhi e, stranamente, gli è difficile tenerli fissi anche quando è convinto. In più… La maschera… Con me se la toglie sempre prima di parlare…



    <<Bene. Allora toglietevi da davanti alle scatole una volta per tutte! Uccidetevi anche, non importa!>>. “Lui è te…”, penso continuando a guardare quelle iridi verdi dai riflessi dorati e sostenere la sua sfida. <<Primo, c’è una soldatina che aspetta le vostre cure di là, forse dovreste cercare un occhio disperso…>>, dice poi a Cassandra con un tono che non piace. <<Ci penso io qui>>, esclamo apatico, freddo, ed allungando una mano verso la sedia intimo a Nikah di sedersi.



    Ho capito che sei te, bastardo. Non mi inganni. Un servo arriva proprio nel momento in cui Cassandra abbandona la stanza e mi informa di una riunione indetta dal Comandante. Nhm.. <<Informate il Lord Comandante che attualmente sono impegnato a concludere un ordine di Vostra Maestà e, purtroppo, non posso presenziare>>, esclamo facendolo congedare e poi mantenendo un’espressione impassibile mi avvicino alla kopesh del cavaliere sfilando rapidamente la mano. Poso dunque delicatamente l’arma su una sedia ed inspirando concentro il mio potere rigenerativo nei palmi delle mani.

    Difesa e Recupero - Rigenerazione (avviene tramite tocco): Rigenera ferite di media entità (ferite profonde non mortali, ossa rotte, danni medi da elemento).
    <<Uccidermi... Farei un favore a tante persone incluso Voi, vero?>>, mi volto verso il cavaliere e trascinando una sedia mi siedo frontalmente a lui.



    <<Siete un pessimo attore, ma avete una bella maschera, indubbiamente. Maschera che però Vi ha fregato…>>, dicendo questo cercherò di afferrarlo rapidamente dal braccio monco e nella maniera più indolore possibile userò la mia magia curativa su di esso con l’intento di ricomporlo. Indipendentemente dall’esito di questa azione continuerò a parlare, esclamando, <<Lui se la toglie, Nikah, a differenza Vostra>>, e lascerò che un sorriso appaia sul mio volto.

    Nota: Azioni di Cassandra concordate con Mary.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 10th August 2015 alle 16:26



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  4. #2004
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Nikah Demonar

    La mia recita sembra prendere piede velocemente, Vicent mi guarda, apatico fissando prima la mano mozzata. Che spettacolo meraviglioso, tutti questi filamenti e tendini squarciati, la carne sfilettata e le ossa spezzate. Prende un profondo respiro reprimendo il sorriso compiaciuto quando l’uomo prende a guardarmi apatico, insofferente. Vedi? «Ci penso io qui» dice senza particolari espressioni e indicandomi una sedia.


    Sorrido di rimando andandomi poi a sedere, Cassandra abbandona quindi la stanza e subito dopo, lo stesso servo di prima avverte Vicent che della riunione del comandante «informate il Lord Comandante che attualmente sono impegnato a concludere un ordine di Vostra Maestà e, purtroppo, non posso presenziare» dice poi superandomi, sento un rumore metallico e poco dopo l’uomo si avvicina con la mia mano, evocando i suoi poteri curativi. Oh Gildas… vuoi fare qualche domanda? «Uccidermi... Farei un favore a tante persone incluso Voi, vero?» ovviamente.


    Mi limito a muovere la testa in tono affermativo con un piccolo sorrisetto compiaciuto sul volto. Avanti, mostratemi che sapete fare Vicent. «Siete un pessimo attore…» cosa? Sgrano gli occhi guardandolo con rabbia, di sbieco «ma avete una bella maschera, indubbiamente. Maschera che però Vi ha fregato…» incrocio gli occhi osservandola ma è un suo scatto a farmi voltare,


    mi afferra il polso inchiodandomi quindi alla sedia mentre la mia mano si riattacca al braccio. Piego la testa di lato fingendo di non comprendere ciò che dice «Lui se la toglie, Nikah, a differenza Vostra» scoppio a ridere fragorosamente. Una risata a pieni polmoni che si spande per l’ampio salone della libreria «siete uno spasso Vicent, davvero!» la mia bocca rimane piegata in un sorriso mentre la testa si piega in avanti «oh… ma è proprio Nikah a reggere le redini di questo spettacolo adesso…» con un movimento lento, estremamente lento, tento di portare la mia mano sull’orlo della sua armatura cercando di farlo abbassare avvicinando così i nostri volti «Siete solo uno stupido Vicent… volete uccidere Nikah per liberare quell’idiota di Gildas? Non avete capito che è impossibile? Gildas e Nikah sono una cosa sola.»


    ghigno avvicinandomi al suo orecchio «qualsiasi cosa voi facciate, Gildas sarà sempre incatenato a lui… qualunque sarà la vostra mossa… Nikah vince sempre!» rido schernendolo apertamente «avanti, fate il vostro gioco… amico! Sappiate che prima o poi Gildas cederà, sarà solo questione di tempo prima che anche quel briciolo di umanità che lo rende così… pateticamente legato a voi svanisca e beh… a quel punto ci sarà solo…»


    lo guardo negli occhi spalancandoli insieme a un sorriso maligno e sussurrando quella semplice, splendida parola «il caos!» mi allontano dal suo volto mettendomi comodo sulla sedia e cominciando a intonare un motivetto «ti farò perdere, ti ingannerò con le allucinazioni» picchietto sul tessuto sulla faccia «e se togli la maschera, non sarà un bello spettacolo» piego la testa di lato, canzonandolo con quella melodia «così dai, affidati a me… completamente!» con la mano libera mi frugo in una tasca alla ricerca di qualcosa ed è lì che tiro fuori uno dei biscotti che lui e Gildas tanto amano condividere, glielo metto davanti alla faccia «volete un dolcetto, Vicent?»

    Chrysanta ---> Forma dormiente

  5. #2005
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Gildas recupera 45 punti costituzione. La mano non è completamente attaccata al polso.

  6. #2006
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Vicent Dreth

    Ho appena capito il suo gioco, il suo intento di farmi credere che Gildas non voglia più essermi amico, il suo stupido e patetico tentativo di ingannarmi, e lui? Ride.



    Rimango spiazzato, basito dal suo comportamento ed incredulo dal rendermi conto che chi ho davanti ora è la stessa persona affrontata e sconfitta in armeria. Nella stanza riecheggia una risata infernale. Lo diverto, mi dice, e mi fa sapere apertamente che è Nikah. Una sua mano risale lentamente sulla mia armatura, lo lascio fare, ostentando freddezza e mi lascio trascinare in avanti piantando il mio viso a pochi centimetri dal suo. Non ho paura di te. <<Siete solo uno stupido Vicent… Volete uccidere Nikah per liberare quell’idiota di Gildas? Non avete capito che è impossibile? Gildas e Nikah sono una cosa sola>>.



    Aggrotto le sopracciglia, reggendo il suo sguardo. Uccidere? Io non ho mai parlato di uccidere Nikah, anzi, fino a qualche tempo fa non sapevo nemmeno della sua esistenza. Gildas soffre di personalità multipla… Ora mi spiego la confusione di Esperin e perfino la sua richiesta di aiutarlo. Nikah ghigna mentre si avvicina al mio orecchio ed ancora una volta lo assecondo, tenendo però ben salda la presa sul braccio che era monco cercando di non fargli male. Non deve muoverlo. <<Qualsiasi cosa voi facciate, Gildas sarà sempre incatenato a lui… qualunque sarà la vostra mossa… Nikah vince sempre!>>. Bugia. Nikah ha perso, e per ben due volte! Nikah o Gildas ha regalato la sua maschera ad Esperin e questo è un segnale chiaro che Nikah può anche perdere. La collana… Ne è la prova. <<Avanti, fate il vostro gioco… amico! Sappiate che prima o poi Gildas cederà, sarà solo questione di tempo prima che anche quel briciolo di umanità che lo rende così… pateticamente legato a voi svanisca e beh… a quel punto ci sarà solo…>>, spalanca gli occhi ed in maniera teatrale pronuncia <<il caos!>>, prima di allontanarsi e mettersi comodo sulla sedia.



    Canta poi un motivetto cercando di schernirmi, di provocarmi fino a fare la fatidica domanda, <<volete un dolcetto, Vicent?>>, offrendo un biscotto che ha recuperato da una tasca. Piego le labbra in un sorriso amaro, fissando quel dolce che, per pura casualità, ho scoperto piacere a Gildas: ricordo bene il suo “grapie” quando prima di Franthalia mi ha fatto compagnia assieme a Cassandra.<<No, quelli sono suoi>>, rispondo pacato, distogliendo l’attenzione dal biscotto. C’è speranza... Deve esserci. <<Libererò il mio amico, Nikah, che voi lo vogliate o no. Ma state tranquillo, non Vi ucciderò: come avete ben detto sarebbe del tutto inutile perché lui non può vivere senza di voi>>, le mie iridi lo guardano più serio, con maggior intensità, <<Ma lo stesso vale per Voi, Nikah, perché dipendete l’uno dall’altro>>.



    Prendo un respiro e poi continuo a correggerlo, <<Comunque Nikah non è vero che vincete sempre. Avete perso contro di me in armeria, avete perso contro Esperin sulla terrazza e questo può solo voler dire che non siete infallibile come credete, no? Ed il mio AMICO non è debole come Voi dite, perchè quel briciolo di umanità che Voi schifate lo farò crescere dentro di lui assieme alla consapevolezza di poterlo aiutare fino a quando, finalmente, non potrà rintanarvi nei meandri oscuri del suo cervello e farVi sparire una volta per tutte…>>, mi alzo di scatto e sussurrandogli un, <<Siete voi l’idiota, Nikah, capite ora?>>, termino la mia ripresa con un sorriso di sfida.


    Ultima modifica di Damnedgirl; 10th August 2015 alle 16:31



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  7. #2007
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Nikah Demonar

    Vicent mi guarda e sul suo viso si mostra un sorriso, oh poverino. Nikah ha ferito i vostri sentimenti nobili? Povero piccolo, ora capisco cosa accomuna te e quell’idiota di Gildas. Il frignare, sempre e continuo per qualsiasi cosa. Patetici. «No, quelli sono suoi» mi dice pacato.


    Oddio ora piange. Oddio ora piange. Oh Raiden fa che pianga. «Libererò il mio amico, Nikah, che voi lo vogliate o no.» che noia. Ma questi non fanno altro che frignare perché il giullare è cattivo? Uff… comincio a stancarmi. Gildas, fai pena. Beh dai, perlomeno ha imparato subito come mi chiamo, dieci punti a Dreth per l’acume. Se avessi le mani libere applaudirei, che peccato. «Ma state tranquillo, non Vi ucciderò: come avete ben detto sarebbe del tutto inutile perché lui non può vivere senza di voi»


    mi guarda quasi sfidandomi, non ho paura di voi. Gildas è già mio. La sua mente mi appartiene. «Comunque Nikah non è vero che vincete sempre. Avete perso contro di me in armeria, avete perso contro Esperin sulla terrazza e questo può solo voler dire che non siete infallibile come credete, no?» mh… quisquiglie. Alzo le spalle, Gildas sa essere davvero fastidioso a volte, lo so. Lo sento blaterare sul suo amichetto, su quel briciolo di umanità che lo rende sempre più patetico giorno dopo giorno. A chi importa di un malato? Mh? «Fino a quando, finalmente, non potrà rintanarvi nei meandri oscuri del suo cervello e farVi sparire una volta per tutte…»


    scoppio a ridere, una risata che aumenta in un crescendo quando pensa di definirmi idiota. Rido sempre più forte e lancio il dolce lontano prima di tornare a fissarlo con lo stesso ghigno. «Vedete? Siete solo ottuso, caro Mietitore. Nikah conosce Gildas da molto prima di voi, sa bene che il tontolone prima o poi cederà…» lo guardo, con la stessa serietà che cerca di ostentare cercando forse di intimorirmi.


    «Avrà anche perso contro di voi e la princy, è vero. Ma voi cosa avete ottenuto? Solo la paura di Gildas nei vostri confronti…» lo guardo cercando di cogliere qualche sua emozione «oh… forse Nikah vi ha offeso? Credevate davvero che quella che provava per voi Gildas fosse “amicizia”?»


    mi porto una mano alle labbra con fare teatrale «svegliatevi Vicent, Gildas non proverà mai qualcosa di diverso dalla paura!» mi indico la maschera sperando che capisca a chi mi riferisco in realtà «Nikah non ha paura di voi… Nikah sente quello che prova Gildas e lo schifa ihihihihih»

    Chrysanta ---> Forma dormiente

  8. #2008
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters



    Il Comandante è d'accordo con me. ...Sul serio? Mentre sostiene il mio sguardo, vorrei tanto chiedergli come ha fatto a diventare il pretendente alla mano di Esperin. Anche se non dovrei meravigliarmi, Lantis mi parlò dell'ambizione come tratto caratteristico degli Urthadar.
    La septa invece continua su quella strada e opta per analizzare le stanze di Esperin con lo scopo di trovare un suo capello che potrebbe servirle per l'individuazione astrale. ...Eh? Cos'è sta roba?
    Mentre si allontana seguita da Theon, giunge in sala anche Lumen e con la sua voce da oca giuliva ci fa sapere la sua. Niente di importante se non che Lantis ha fatto fuori una guardia gettandola dal terrazzo.
    ...E' fuori controllo. E chi lo calma ora che non c'è Esperin?



    Sospiro, mentre mi guardo attorno. Nessun volto "amico" mi circonda. Nelle passate riunioni mi bastava osservare Esperin per sentirmi meno sola..ora invece...di chi potrei fidarmi? Neanche il Primo o Vicent sono presenti.
    Attendo con impazienza che sir Fanon si dia da fare e quando si alza per raggiungere il giardino, mi alzo dalla sedia anch'io per sbirciare dalla finestra.



    Il giovane elfo si avvicina ad un cespuglio di fiori e chiude gli occhi. Suppongo questo sia il modo per comunicare con la pianta.



    Il resoconto non tarda ad arrivare: <<Le Ortensie non mi sanno dire se la principessa si sia allontanata o meno con qualcuno, possono solo dire quello che loro stesse hanno avvertito; percepivano confusione, senso di giustizia e voglia di fare chiarezza…nient’altro.>>.
    rrosa?? Com'è possibile? Finora la simbiosi è sempre stata un ottimo aiuto e ora...non è in grado di farci sapere se Esperin era sola o meno? Che qualche sortilegio magia abbia oscurato il rapitore? O magari ha usato il teletrasporto...
    ...Confusione, senso di giustizia e voglia di fare chiarezza...e non paura, agitazione...sensazioni che si dovrebbero provare durante un rapimento. Perchè continuo a pensare che si sia allontanata di sua spontanea volontà? Ma a che scopo svanire così? Perchè farlo?
    Rivolgo poi lo sguardo in direzione di Lumen, intenta a parlare con Agatha. E se fosse stata lei? Magari con lo Charme ha potuto confonderla, non so.



    Esperin potrebbe rappresentare un ostacolo..chissà.
    I miei pensieri vengono interrotti dalla voce della septa che sembra aver trovato un capello di Esperin. Spero solo che quello che stia facendo sia davvero utile e che agisca seriamente per ritrovarla.
    Se dovremo solo attendere i risultati dell'esperimento della septa...non me ne starò qui ad aspettare. Anche se quest'idea non mi piace per niente, proverei a salire al piano superiore.



  9. #2009
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Vicent Dreth


    Nikah sembra risentito dalle mie parole, nonostante cerchi di nasconderlo tra risa e ghigni è con un gesto che mi dà la certezza di provare rabbia: lancia via il biscotto. Beccato. Gildas non l’avrebbe mai buttato, gli piacciono perché ne è goloso, mentre Nikah no, perché lui disgusta ogni preferenza che ha Gildas. Sono opposti. Mi domando che cosa abbia ridotto l’uomo in questo stato, soprattutto il trauma che l’ha portato a scindere sé stesso in due persone. Lo guardo triste, dispiaciuto. Gildas deve averne passate davvero tante ed io non posso fare altro che ammirare questa sua forza peccato solo che non ne sia cosciente, perché Nikah tenta di convincerlo dell’opposto. Bastardo. Noto che parla in terza persona, segno che lui, Nikah, sia l’intruso: a questo dettaglio dovrò stare molto attento d’ora in avanti… Chissà perché ho il vago sentore di non stargli molto simpatico. <<Vedete? Siete solo ottuso, caro Mietitore. Nikah conosce Gildas da molto prima di voi, sa bene che il tontolone prima o poi cederà…>>, nhm.



    Quanto prima? A quando risale il trauma? Dannazione. Nikah è evasivo… Tende a parlare troppo ma il succo del discorso equivale a nulla. Deliri su deliri. Ancora una volta sostiene il mio sguardo, altra conferma che chi sta parlando non sia assolutamente Gildas. Bene, molto bene… Spero che le cure del soldato ferito trattengano Cassandra per ancora un po’… Questa faccenda devo risolverla da solo assieme al cavaliere. <<Avrà anche perso contro di voi e la princy, è vero. Ma voi cosa avete ottenuto? Solo la paura di Gildas nei vostri confronti…>>, lo sento esclamare attirando la mia attenzione ed io lo guardo, apatico, evitando intenzionalmente di mostrare il turbamento che mi ha provocato con il termine “paura”. In parte è vero ciò che ha detto: la prima volta che ho curato Gildas ho notato una sorta di terrore per i contatti umani, ma, a giudicare dalle cicatrici sulla schiena è palese il motivo, ovvero le percosse. Però Gildas negli ultimi tempi mi sembra diverso, ed ha cominciato a fidarsi di me... <<Oh… forse Nikah vi ha offeso? Credevate davvero che quella che provava per voi Gildas fosse “amicizia”?>>.


    Inclino la testa da un lato, confuso: ma è ovvio che Gildas mi ritenga un suo amico! Che sta insinuando?! Se così non fosse non mi avrebbe certo detto quelle frasi sulle maschere, non si sarebbe prodigato in mio aiuto quando mi sono sentito male in stanza e soprattutto non mi parlava della questione Alagos Fanon. Mi duole dirlo ma le sue “teorie” fanno acqua da tutte le parti nonostante chi abbia davanti sia uno stregone di fuoco. <<Svegliatevi Vicent, Gildas non proverà mai qualcosa di diverso dalla paura!>>, ride, portando teatralmente la mano libera alla bocca e poi indicandosi la maschera continua, <<Nikah non ha paura di voi… Nikah sente quello che prova Gildas e lo schifa ihihihihih>>.



    Niente… Non è utile ad un bel niente. Sarebbe meglio terminare qui questo interrogatorio senza né capo né coda. Peccato io sia ignaro di come far tornare Gildas.



    <<So benissimo che non avete paura, Nikah. Io stesso Vi ho confermato che non dovete temermi e sapete che mantengo la parola data>>, inspiro richiamando per la seconda volta nei palmi delle mie mani il dono dei Greatnova che quasi nell’immediato fa apparire una luce dalla tonalità albicocca grazie al contatto già presente.

    Difesa e Recupero - Rigenerazione (avviene tramite tocco): Rigenera ferite di media entità (ferite profonde non mortali, ossa rotte, danni medi da elemento).
    Tenendo la presa rilascio nell’immediato la mia abilità con l’intento di riabilitare il polso di Gildas. Voglio annullare completamente questa sua sofferenza fisica. <<E no non mi avete offeso perché ciò che dite lo state affermando Voi e non lui!>>, gli sorrido, con dolcezza, lasciandomi scivolare addosso ogni cattiveria.



    <<Lui non lo direbbe mai perché si fida di me. Lui non butterebbe mai un biscotto perché ne è goloso. Lui non cederà mai perché è un uomo forte e coraggioso. Un guerriero. Ma non preoccupateVi, Nikah, ve ne accorgerete, prima o poi lui Vi controllerà e capirete le mie parole quando sarà troppo tardi. In fondo lui ora non è più solo, ha ME, e state pure certo che io non lo abbandonerò, e lo aiuterò costi quel costi, perché Gildas…>>, gli occhi pizzicano ma mi costringo a non piangere per evitare di fare la figura del bamboccio fin troppo sentimentale e semplicemente dire, <<Gildas è mio amico>>.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 10th August 2015 alle 16:36



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  10. #2010
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Nymeria Hammerfell

    Visto cosa succede a scherzare con me? La prossima volta terrai quelle manacce al loro posto, Tse.
    La visione del sangue che zampilla dal suo moncherino è così sublime che per un attimo mi scordo del dolore che le ustioni mi provocano anche solo a respirare.
    <<Uh l’eco… ihihihihihih>> Ma che fa? Il giullare se la ride <<fai pena… Ihihihih>>.


    Se ti diverti così tanto posso provvedere anche all'altra mano, buffone! Tossisco e del fumo esce dalla mia bocca, a stento mi reggo in piedi, ma non gli darò la soddisfazione di vedermi cedere.
    Purtroppo la mia volontà vacilla quando una nuova ondata di dolore mi pervade la testa facendomi accasciare a terra, porto le mani alle tempie, ma non trovo alcun giovamento e in un attimo tutto precipita. Senza neppure rendermi conto mi ritrovo senza l'occhio sinistro e con il viso ricoperto di sangue, porto la mano sulla ferita e con l'altro occhio lo guardo furente senza prestare particolare attenzione ad un servo che ci annuncia qualcosa su una riunione urgente.
    <<Cara, continueremo più in là con la vostra punizione per la vostra mancanza di disciplina…>>


    <<La prossima volta vi taglierò quella lingua biforcuta>>


    Prima di uscire dalla stanza si sfila la maschera e mi rivolge un inchino come a volermi ridicolizzare e umiliare ancora.




    Sono furente per il gesto, ma sono ancor di più turbata per il suo volto: l'ho visto solo un attimo, per di più mezza cieca, ma son sicura che quel volto mi è famigliare. Eppure non può essere lui, è passato troppo tempo... Io ero ancora una ragazzina e lui poco più di un bambino...
    Basta! La testa mi sta scoppiando, sono senza un occhio e respiro a fatica... Qualcuno mi aiuti!
    Ultima modifica di albakiara; 8th August 2015 alle 12:20

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •