Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 206 di 339 PrimaPrima ... 106156196204205206207208216256306 ... UltimaUltima
Risultati da 2,051 a 2,060 di 3385
  1. #2051
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Arma – Lancia in Forma Dormiente
    Forsworn Stave (Ophelia)
    Continuo a rigirarmi distrattamente l'arma tra le dita della mano destra, ormai è pura inerzia, non devo nemmeno più concentrarmi a non farla cadere, le dita si muovono meccanicamente per farlo roteare con disinvoltura.
    <<Come, non vi piacciono le sue maschere? Non siete interessata a scoprire l'identità che si cela dietro di essa?>> mi chiede Nymeria.



    La guardo in viso, non capendo a cosa allude...



    <<Identità? Addirittura?>> domando con uno sbuffo divertito: porto la mano sinistra allo stesso lato del mio capo, facendo volteggiare l'indice, facendole il chiaro segno del "è matto".
    <<Comunque per ora ho solo scoperto i suoi poteri... Da come avete potuto notare dalle mie ferite, sa creare sfere di fuoco dalle mani e sa imporre con la mente un dolore intenso alla testa unito ad un forte senso di nausea. Quando saprò altro vi metterò al corrente di tutto.>> termina per me la ragazza.



    Lancio che l'energia s'espanda lungo il mio braccio, fino a liberarsi per avviluppare la mia lancia, facendola sparire.
    Arma Richiamata – Lancia
    Forsworn Stave (Ophelia)
    <<Naaaah. Sir Gildas è troppo divertente per lasciarlo a te...non farmi sapere altro.>> dico sogghignando, prima che il riso mi muoia in gola. Spalanco gli occhi per un secondo, uno soltanto, quando sento le gambe tremare.
    Perdo per impercettibile attimo l'equilibrio, ma lo maschero mettendo subito il piede sinistro avanti, fingendo di camminare verso le finestre per affacciarmi di nuovo, cosa che alla fine sono costretta a fare,...cazzo. Lo sapevo, devo aver preso una qualche maledetta infezione...sono tutti i sintomi da febbre.
    <<Continua a lavorare Nymeria, non perdere di vista gli obiettivi principali...>> dico più per distrarmi dal dolore che per altro, anche se va via via già scemando. E' così che si manifesta: un breve ma intenso dolore, che nel giro di pochi minuti svanisce del tutto. Guardo in giardino sir Aiden e lady Lumen passeggiare "amabilmente", il Comandante manco si preoccupa di avvicinarsi troppo a lei alla luce del sole....cos'è? Vuole che sia chiaro a tutti che gode dei suoi favori e della sua protezione?



    Puah...quella ragazzina non è in grado di proteggere se stessa, se non fosse per il Gran Maestro alle sue spalle, vorrei vedere!



    Qualcosa viene incendiato sopra le loro teste, un piccolo uccello se non erro: sarà la cena per stasera? Interessante, però...non ricordavo la regina madre possedesse l'alito di fuoco...qui alla Torre non sono solo i soldati e le vecchie ciabatte come me ad incrementare i poteri, a quanto vedo.


  2. #2052
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Mi allontano dalla regina, non prima di aver catturato per l'ultima volta il suo inebriante profumo, toccandole fugacemente la mano e lasciando riposare la mia sulla sua per qualche istante. Un contatto lieve, irrisorio, ma che so le stuzzicherà qualche fantasia.


    È così facile, il nostro gioco, facile e divertente: perfettamente inutile, dato che siamo entrambi fin troppo furbi per cedere ad armi del genere, ma assolutamente irrinunciabile.


    "Sono in buoni rapporti con Lady Ada, ma non abbastanza buoni ch'ella m'abbia confidato di questo fidanzamento. Probabilmente, non ne era ancora certa e non voleva allarmarmi per nulla. Sicuro è che mio cugino potrebbe non rappresentare il mio unico problema, al momento... anzi, il nostro". Adamantia... la mia amica continua a sorprendermi. Com'è riuscita ad ottenere Tywin Leithien? O meglio, qual è l'interesse di Tywin in tutto questo? Una tale unione è preoccupante, pericolosa a dire poco: se la memoria non mi inganna, Adamantia è l'unica figlia di Lord Feralys, ovvero l'unica erede di Asshai... e se Tywin riuscisse ad ottenere un nuovo pargolo con cui sostituire Ryuk, quell'angioletto già nella culla avrebbe in pugno l'Adamantem e i territori dei Feralys senza il minimo sforzo.


    Due delle regioni più ricche e potenti di Dohaeris. No, non deve assolutamente succedere. Improvvisamente, l'attenzione di Lumen sembra attirata da qualcosa sopra le nostre teste. Alzo lo sguardo appena in tempo per vedere delle lingue di fuoco che lambiscono le penne di un uccellino e lo fanno cadere a terra, carbonizzato e ovviamente morto stecchito. Comprendo... troppi elfi in questa Torre. "L'ho scoperto questa mattina", chiarisce la donna, "Quando ho chiamato una serva per il bagno. Poverina... penso che abbia perso la vista. I guaritori non hanno potuto farle nulla. E' davvero frustrante l'impotenza nonostante si possegga un potere così grande".


    La guardo intensamente, cercando di vedere oltre il suo bellissimo sorriso: Lumen è sicuramente da temere quando indossa un abito di seta e un'acconciatura perfetta, ma non ho mai pensato alla Leithien in tenuta da combattimento. Che poteri possiede? So solo che domina il fuoco, e ora ho scoperto che è in grado di utilizzare il fiato di fuoco, ma che altro? Quanto è potente? Riuscirei a tenerle testa in battaglia? Se tutto va bene non me ne dovrò mai preoccupare, ma sarebbe interessante indagare anche su questo suo lato. La donna conclude il suo discorso informandomi della venuta di suo zio e raccomandandomi di occuparmi di Adamantia. <<Pensavo fosse nostra amica>>, le rispondo con un sorriso malizioso, riferendomi a quel "vostra". Comprendo la mia posizione, al momento sono io che ho bisogno di lei e non viceversa, ma non desidero essere ridotto a cane da guardia reale. <<Me ne occuperò>>, continuo, tornando serio, <<Le parlerò. Sono sicuro che anche lei sia curiosa del mio improvviso fidanzamento con Esperin>>. Non ho dubbi che torni viva dal Sinelux, quella donna ha la pellaccia forte. <<Ma ci tengo a ricordarvi che non stiamo parlando di Esperin o Lantis, bensì di una Feralys. È della nostra stessa pasta, e lavorare contro i nostri simili si è rivelato controproducente. Il coinvolgimento di vostro zio è un problema, ne sono cosciente, ma permettere ad Adamantia di raggiungere l'Adamantem è un'ipotesi da non sottovalutare... bisognerebbe essere cauti solo del dopo>>. Inutile che le spieghi le conseguenze della nascita di un pargoletto, le conosce meglio di me. Ma con Adamantia che controlla il nord e le regioni dei Feralys, mio cugino l'ovest, e qualche altro alleato potente... si possono fare molte cose. <<Attendo con trepidazione la visita del vostro magnifico zio>>, torno a parlare ad alta voce, conscio che la conversazione è ormai conclusa dato l'avvicinarsi di Agatha.

    Our wills and fates do so contrary run

  3. #2053
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters



    Il nuovo Re di Dohaeris cerca di giustificarsi sulle promesse non tenute attribuendone la volontà al defunto padre, insistendo sul fatto che è stato per il bene di Dohaeris. E' stato così anche per Reneè? Ha snobbato Lumen per lei per il bene del Regno? Io almeno al suo contrario, ho accettato il matrimonio con più senso del dovere. Anch'io avrei preferito la libertà, ma sono stata meno capricciosa di te, mio caro. Accettare un matrimonio combinato non è forse un atto politico? Perlomeno in passato sul Regno vegliava la figura di Re Rickard, ma ora in mano a questo babbeo e a quella serpe viscida di Lumen come sopravvivrà Dohaeris? Ma per il nuovo Re è questa la chiave della salvezza, certo. Non pensi che Tywin potrebbe volere sempre di più?
    Cerca di piangersi addosso quando parla dell'infame destino che l'ha voluto Sovrano, perchè lui è nato bravo soldatino. Bene, ritorna a farlo e abdica poggiando la Corona sul capo di qualcun'altro, qualcun'altro più capace che non si farebbe infinocchiare alla prima pretesa di Tywin. Un uomo con le palle, risoluto, con un cuore, che saprebbe tener testa al Lord Caca-Diamanti, che riuscirebbe a trovare un altro modo, un'altra risorsa per colmare i debiti della Corona, non un triste e cupo ragazzino che sembra non impegnarsi nemmeno a cercare una soluzione, che accetta passivamente tutto quello che Tywin gli propone, massacra bambini e che si lascia ammaliare così facilmente dalle donne. E potrei continuare così fino a domani.
    Ma è quando pronuncio quel nome, Reneè, che va su tutte le furie, allontanandosi da me.



    Mi tengo pronta a difendermi fissandolo e osservando ogni suo gesto, non so cosa sarà capace di fare.
    Mi chiede se è stata Esperin a rivelarmi quel nome ed io annuisco. "Ho usato lo Charme su di lei per saperlo." mento spudoratamente, sperando se la beva, ma non voglio che se la prenda con lei. "Esperin vi è molto fedele, non me l'avrebbe mai rivelato. E il mio scopo era quello di aiutarvi a trovare la serenità." continuo, mentendo ancora. Noi Waters combatteremo pure per la verità, ma a volte è necessario dover mentire.
    Comincia a sbraitare su quanto sia intoccabile la sua vita privata, dimenticando forse che io ero parte di essa fino a poco tempo fa, visto che dovevamo convolare a nozze.



    Sempre che l'abbia mai davvero considerato.
    E' quando però arriva a dire: "[...]Pretendete di conoscermi e giudicarmi quando non avete mai fatto lo sforzo di comprendere come sono giunto a diventare il re che sono, quali importanti rinunce e dolori hanno segnato il mio cammino! Siete una ragazzetta indisponente, con nessuna esperienza del mondo là fuori e del popolo che tanto dite di amare.[...] " che non ci vedo più.
    "Sono venuta con il cuore in mano a parlarVi, offrendoVi il mio aiuto, il mio appoggio, la mia lealtà e quello che ho trovato è sempre stato un muro, un muro di falsità. Quindi non venite a dirmi che non ci ho provato. Potevamo essere confidenti, se solo me lo avreste permesso. Ma a quanto pare volete affogare nella vostra solitudine... cos'è, credete forse di diventare un martire? E ditemi un po', quale centennale esperienza del popolo avete invece voi? L'esperienza di aver passato uomini, donne e bambini a casaccio a fil di spada? O ne avete studiato i bisogni e le necessità su qualche vecchio libro della septa? Se imparerete ad amarli e non usarli come bersagli, il loro amore vi tornerà indietro, triplicandosi. E di amore, ne avete davvero bisogno! Governare non è fare la guerra." ribatto, alterandomi.



    "Voi mi riprendete sul fatto di non giudicarVi perchè non Vi conosco. E Voi invece, potete farlo solo perchè siete il Re? Se sono solo una ragazzetta indisponente, ridicola, con nessuna esperienza del mondo, che non ci capisce un'acca di politica, come mai volete eleggermi Vostra Consigliera?
    " continuo, urlando tutto d'un fiato.



    Tanto da quassù non ci può sentire nessuno. Vediamo se ora dici tutta la verità, anche se so bene quale sia.
    Quando si vanta di aver saputo tener testa a Tywin e al fratello, al contrario di me, scimmiotto un inchino. Ecco la vostra spalla da circo, mio Re.



    "Voi sì che siete un vero Sovrano. Dovreste tenere un'alta considerazione di me, invece di deridermi, già solo per il fatto che insieme a sir Dreth ho riportato la prima grande vittoria dei Reali in guerra, rischiando la mia vita." riprendo dopo essermi momentaneamente calmata. E l'accordo pacifico con Tywin è pensato più a salvare te che il popolo, ne sono certa.
    Intravedo poi in Lantis una nota di tristezza quando afferma di aver amato e poi perso, sentendosi nuovamente unico nel suo genere.
    "Tutti noi abbiamo perso qualcuno che amavamo." proferisco atona, ma stanca, stanca di continuare a parlare, al vento perlopiù.
    Conclude col dire che non si è mai arreso perseguendo la sua strada con fierezza e testardaggine. Anch'io, ma in me lo vede in modo negativo, ovviamente.
    Prima di avvisarmi di aver bisogno di pappa e nanna, mi dice di fargli sapere della proposta da Consigliere e della posizione presa da mio padre nonchè, infine, che l'uomo che è non ha bisogno di spalle ma che è il Re ad aver bisogno di consiglieri.
    L'orgoglio dell'uomo è sempre stata una pessima cosa. "Sono solita riferirmi sempre alla persona, quando parlo, prima ancora dei titoli e di ciò che rappresenta." gli faccio sapere augurandogli comunque un buon riposo. Chissà se riuscirà davvero a riposare con tutte quelle morti innocenti sulla coscienza. Ma che dico, per lui l'unica innocente è sua sorella.



    Stanca e infastidita, mi congedo, tornando nelle mie stanze. Tutta quella discussione ha fatto venire fame anche a me ...e sete, soprattutto sete!
    Dopo aver ordinato alle mie ancelle di portami uno spuntino, mi distendo sul letto, pensierosa. Io Consigliera? Bah...



    P.S.
    Mi scuso se vi sono errori, rileggerò appena possibile!

    Ultima modifica di scarygirl; 3rd August 2015 alle 15:35


  4. #2054
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Vicent Dreth

    Cassandra non sapeva. Sbatte le palpebre guardandomi attonita, scruta i miei occhi come se avessi pronunciato la peggiore blasfemia di questo mondo, fino a quando non biascica un <<Lumen e Lantis>> rendendosi conto che è la realtà. Credevo ne fosse a conoscenza perché occupa la carica di Primo cavaliere, ma, a quanto pare, la notizia non è ancora trapelata. La sua incredulità diviene tristezza mentre parla di Lady Alinor e si alza dalla sedia andando verso la finestra che dà sul cortile. Il cortile in cui Aiden e Lumen stanno passeggiando allegramente.



    Non mi alzo, preferisco evitare di guardarli.



    <<C'è riuscita, quella megera è riuscita nel suo intento! Che ci sia lei dietro la sparizione della Principessa? Maledetti Adamantem, che gli Dei possano un giorno abbattere la loro ira su quei dannati monti e distruggerne tutto il contenuto!>>, la sento mormorare iraconda per evitare di far udire il suo sfogo alla terza figura presente in stanza: Sir Fanon. Quell’elfo è sempre tra i piedi. Cerco di ignorarlo, volutamente, concentrandomi su Cassandra.



    <<Lantis si sentirà con le spalle al muro, quei bastardi dei Leithien hanno sempre avuto la corona sotto ricatto... e ora sua sorella è pure scomparsa!>>, si siede, appare distrutta ed arrabbiata, e la capisco: sapere che Dohaeris è di nuovo nelle mani di una meretrice per quei maledetti diamanti non è semplice da accettare. E Lantis… Non è un momento facile nemmeno per i Raeghar.



    Eppure, per la prima volta, sento che la mia fiducia verso il Re sta vacillando... In un certo senso lui ha condannato i Dreth promettendo la sorella ad Aiden Urthadar ed anche se comprendo bene che la sua sia stata solo una scelta politica, probabilmente esortata da Aiden stesso, mi domando: perché? Perché i Dreth non sono stati presi in considerazione? La mia famiglia è una delle più fedeli al regno, non abbiamo i diamanti ma siamo uomini d’onore forti e coraggiosi, ligi al dovere ed affidabili… No, non mi quadra. Cassandra però mi guarda negli occhi ed aggiungendo <<Tutto... tutto sta andando a rotoli e io mi sento annegare>> riprendere a piangere… Sgancio un sorriso, volto a tranquillizzarla, ed allungo la mano destra per cercare di poggiarla sulla sua in segno d’affetto e di vicinanza. Devo essere forte perché chi ho davanti ora è una sorella distrutta dal dolore che sta cedendo sotto il peso degli eventi. Sta annegando? Sarò il suo scoglio, perché le sono amico e confido in lei… <<Cassandra, vedrai che prima o poi la pace tornerà a Dohaeris, vedrai che Esperin tornerà al fianco di Lantis e questo regno avrà i sovrani che merita. Sistemeremo questa cosa, un passo alla volta>>, mormoro per far sentire solo a lei le mie parole. <<Ma prima di tutto abbiamo bisogno di te, sei il Primo cavaliere, sei una guida per noi soldati e non puoi farti abbattere da tutto questo. Puoi farcela Cassandra…>>, se sarò riuscito a darle la mano cercherò di stringerla per rassicurarla, <<Tutto si sistemerà, vedrai...>>, la fisso con determinazione e sicurezza ripetendo un <<Tutto>> che racchiude molte cose, in primis suo fratello. Ma la conversazione delicata viene interrotta dall’elfo che incurante dei presenti intona a voce bassa una melodia talmente stucchevole da far implorare pietà ai miei timpani. Gildas canta meglio. Si accomoda poi sul davanzale, come se niente fosse, e con aria assorta, quasi sognante, guarda fuori dalla finestra. Nhm.



    <<Necessitate di qualcosa, Sir Fanon?>>, domando con tono alto, guardandolo, ed inarco un sopracciglio lanciandogli un’occhiataccia.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 13th August 2015 alle 15:34



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  5. #2055
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    CASSANDRA DE LAGUN

    Vicent cerca di farmi forza e ha ragione: sono il Primo ho delle responsabilità verso i miei uomini che non posso ignorare.





    Non posso lasciarmi andare alla disperazione, ma trovare l'energia giusta per convivere e cercare di adattarmi a queste contingenze. Tutto andrà bene, mi esorta a crederci, ma il tempo delle illusioni è finito. Accettare e cercare di affrontare al meglio questi ostacoli, cercando di risolvere i punti oscuri che ci sono ancora. Come appunto la questione tra mio padre e Andreus. Riprendermi mio fratello non significherà farlo ragionare su quanto gli ideali di Targaryus siano senza concretezza, ma restare sua sorella nonostante tutto. Restare accanto a Lantis e non lasciarlo solo in questo momento buio nonostante tutto. Essere il Primo Cavaliere nonostante tutto. "Grazie Vicent... hai ragione io... devo essere più salda" gli dico sforzandomi di sorridere. Ci distrae Sir Fanon, che sommessamente si mette ad intonare una specie di nenia sentimentale e ignora la nostra presenza.



    Vicent lo riprende con una domanda retorica, accompagnata da uno sguardo eloquente di quanto sia fuori luogo la sua superficialità.



    Gildas è assai strano, ma lui non è da meno. Anche prima, alle Terme, pare che il mondo che lo circondi non gli interessi affatto. E' questo è male, perchè siamo in guerra, lui è un soldato e questa Torre è un covo di serpenti a sonagli. "In un momento così delicato, Sir Alagos, non mi pare il caso che vi mettiate a cantare sognante... la Principessa è sparita e in questo momento molti villaggi stanno bruciando... abbiate per lo meno rispetto di loro, dell'armatura che ci rappresenta e della nostra preoccupazione... che dovrebbe essere la vostra" dico severamente verso l'uomo.



    Se pensa di stare nel suo palazzo sbrilluccicante a cantare sonetti amorosi, si sbaglia di grosso.

  6. #2056
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Sono ancora appoggiata alla balaustra, quando Nymeria prende parola alle mie spalle...sento distintamente l'aria che sposta la sua falce in movimento:



    <<E ditemi, septa...dopo che ho soddisfatto le Vostre curiosità, non avete intenzione di soddisfarne qualcuna delle mie?>> mi domanda languida. Mi volto verso di lei, notando il sorrisetto appena accennato.



    <<Per le informazioni che mi dai, ottieni ben altro ripago...>> le rispondo con un ghigno: <<E poi sono materia conosciuta, non ho bisogno di parlare di me, mi basta sbatterti sul naso i volumi che sono stati scritti sulla mia storia!>> dico facendo spallucce.
    La vedo ridacchiare, ponendosi al centro della stanza:



    <<Perchè leggere, se ho davanti a me la protagonista? Se ne ho l'occasione, le storie voglio viverle, septa...mi mostri la leggenda!>>
    Scoppio a ridere nell'udire le sue parole...la leggenda di cui parla è terminata secoli fa, rimarrebbe assai delusa.
    Incurante della mia reazione, il suo sorriso diventa un ghigno di sfida:
    <<Coraggio, ho voglia di vedere le vostre famose radici in azione!>>
    <<Sir Gildas non te ne ha date abbastanza, dunque?>> le domando spostandomi anch'io al centro della stanza, a tre metri frontali di distanza da lei.
    <<Al contrario! Talmente tante che ho capito che devo esercitarmi ancora...chi meglio di->>



    <<Tutto chiaro, ragazzina!>> enuncio stendendo il braccio destro perpendicolarmente al pavimento: <<A te la prima mossa.>> dico mentre, in uno stridio di roccia, compare la mia fedele lancia.
    Arma – Lancia in Forma Dormiente
    Forsworn Stave (Ophelia)


    Spero non intervengano altri attacchi come quello di prima, potrebbero costarmi caro in un allenamento del genere.
    Nymeria ha teletrasporto e telecinesi: due armi che possono cogliere di sorpresa e alle spalle in qualunque caso...attenderò la sua mossa ruotando attorno a me la lancia, passandomela da un braccio all'altro prima dietro la schiena e poi di fronte al mio corpo, ripetutamente senza mai fermarla.

    Nb: post concordato con albakiara per i dialoghi e le azioni di Nymeria.


  7. #2057
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Vicent Dreth

    Alla mia domanda volutamente retorica si aggiunge una ripresa esemplare da parte di Cassandra, <<in un momento così delicato, Sir Alagos, non mi pare il caso che vi mettiate a cantare sognante... la Principessa è sparita e in questo momento molti villaggi stanno bruciando... abbiate per lo meno rispetto di loro, dell'armatura che ci rappresenta e della nostra preoccupazione... che dovrebbe essere la vostra>>.



    Ha ragione, e sono certo che l’uomo non la potrà ignorare o ribattere perché il suo gesto è stato inopportuno, superficiale e fastidioso. Cantare a bassa voce nel bel mezzo di una conversazione delicata, con Cassandra in lacrime, con i confini di Dohaeris in fiamme e con la Principessa sparita… Esperin… Dove sei? Scuoto la testa, malinconico, e sospirando torno a guardare il foglio ancora vuoto.



    Diamine, sono riuscito a fare a malapena un disegno ed è già pomeriggio e sebbene l’ipotesi di un allontanamento volontario e momentaneo da parte di Esperin sia la più probabile dati gli indizi raccolti, ho sempre un ordine da rispettare e come cavaliere è un mio dovere non tralasciare alcuna pista. Devo muovermi.



    <<Cassandra?>>, la chiamo per nome cercando così di distrarla dall’elfo che spero sia abbastanza furbo da sfruttare l’occasione per scusarsi e limitarsi al silenzio. Può anche restare in stanza, finché si renderà utile e non darà fastidio la sua presenza non mi fa né caldo, né freddo.



    <<Se ve la sentite>>, cerco il sguardo per darle forza, <<direi di riprendere con gli identikit>>. Afferro il carboncino ed intanto che attendo una descrizione oggettiva del viso di Andreus dico con tono gentile, <<Sir Fanon>>, senza però voltarmi, <<Sullo scaffale in alto c’è un libro lasciato dalla septa che riporta i vari ritratti degli esponenti di alcune casate, potete prenderlo?>>.



    L’ho messo io così tanto alto proprio per evitare che lo rovinino, ma con la sua levitazione non dovrebbe essere un problema recuperarlo...
    Ultima modifica di Damnedgirl; 13th August 2015 alle 15:45



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  8. #2058
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Mi congedo dalla regina con un casto baciamano e mi dirigo verso la biblioteca: necessito di carta e calamaio, è ormai giunto il momento di informare mio cugino della situazione.


    Le parole di Lumen sulla lucidità di Lantis non bastano, sono cambiate troppe cose in una sola notte e nessuna di queste ha seguito i binari che avevo tracciato io. Ho commesso un errore, non dovevo affidarmi esclusivamente ad Esperin come fulcro di ogni mio progetto, e non sono mai stato più contento di aver lasciato una porta aperta con Lumen proprio in previsione di un evento del genere.


    Per carità, forse le mie sono preoccupazioni esagerate e tra qualche ora la principessa farà ritorno, donando a suo fratello una ritrovata tranquillità... ma nulla mi assicura che ciò accadrà.


    No, non ho altra scelta: devo scrivere questa lettera. Entro nel locale e saluto con un cenno i presenti: sir Fanon è seduto sul davanzale della finestra, assorto nei suoi pensieri, mentre Cassandra e Vicent si stanno occupando degli identikit, anche se sembrano scossi da qualcosa.


    Scelgo di non intromettermi e prendo posto a uno dei numerosi tavoli vuoti, afferrando subito l'occorrente per scrivere. Ragiono per qualche minuto sulle parole da utilizzare, penso che sarà una lettera breve dato che gli devo poche spiegazioni: parlammo dei miei piani quando fui costretto a recarmi a Capo Tempesta per sistemare i casini di quell'inetto di Alistair.

    Petyr,
    Probabilmente sarai allarmato proprio come lo ero io quando ho ricevuto la tua missiva, dato che promettemmo di scriverci il meno possibile, ma purtroppo non mi è più possibile rimandare: sono cambiate molte cose dall'ultima volta che sono stato al Castello. Sicuramente le notizie più importanti ti avranno già raggiunto, come la morte di Rickard e le nostre recenti vittorie, perciò ti parlerò di ciò che di solito non trapela all'esterno di queste mura. Non ho intenzione di annoiarti coi dettagli, quindi andrò dritto al punto: ho ottenuto la mano della principessa, ma questa mi è scivolata tra le dita come fumo. Esperin è scomparsa, il re è convinto che sia stata rapita e ciò non aiuta a domare le tenebre che risiedono nel suo cuore. Tenebre che sono alimentate anche dall'unione forzata con Lumen Leithien, e altre circostanze come l'elevazione di Kalisi a Gran Maestro dei maghi. Il re è diverso da noi, caro cugino: noi ci culliamo nell'oscurità e abbiamo imparato a renderla nostra amica. Lui ne è perseguitato, non riesce a controllarla, e stamane un soldato è rimasto vittima della sua furia: inutile dire che non intendo incontrare la stessa sorte. Non posso più limitarmi a controllare la situazione qui dalla Torre, ho bisogno di sapere che Capo Tempesta e le nostre regioni sono al sicuro: raduna i soldati, spargi la voce, esigo che in ogni angolo della Terra delle Tempeste vi siano uomini armati che indossano i nostri colori. Mandane alcuni alla ricerca della principessa, massimo un centinaio, ma fa' credere a chiunque te lo chieda che stiamo impegnando tutte le nostre forze per ritrovare la nostra amata regnante. Le ricerche non soffriranno della nostra mancanza, alla Torre vi sono molte altre famiglie che manderanno interi eserciti alle sue calcagna. Scrivi ai nostri alleati, nulla di ufficiale, ma assicurati che sappiano bene dove risiedono i loro interessi.
    Vorrei poterti raccontare altro, ma il tempo in questo luogo è strano, e si sta velocemente trasformando nel mio peggior nemico.
    Con affetto, Aiden Urthadar, Lord delle Tempeste, Signore di Castello del Tuono, Comandante delle forze reali di Dohaeris


    Piego la carta, la inserisco nella busta e rifletto se sia veramente saggio spedirla. Non che l'alto tradimento mi abbia mai messo paura... è che è strano pensare a come siamo giunti a questo, in meno di due settimane.

    Our wills and fates do so contrary run

  9. #2059
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alagos Fanon


    <<Necessitate di qualcosa, Sir Fanon?>> e’ la voce di Sir Dreth che mi giunge forte e chiara alle orecchie a riportarmi con lo sguardo concentrato sulla scena.
    << No vi ringrazio …per ora attendo…>> biascico , consapevole che ne il Primo ne lui capiranno probabilmente il senso di questa mia attesa. Mentre pronuncio questa parola, giunge alle mie narici un odore di carne bruciata, lancio uno sguardo nuovamente fuori in direzione del Comandante e Lady Lumen ancora vicini nel giardino mentre dal cielo vedo cascare una palla infuocata.
    Noooooo! Urlo più nella mia mente che esternando la mia esclamazione, mentre stringo involontariamente i pugni sopprimendo la rabbia verso la Regina, tanto bella fuori quanto crudele dentro, una rosa piena di anguste spine . Se ha agito così è perché di certo ha qualcosa da nascondere , altrimenti non avrebbe incenerito senza motivo quel povero uccello.
    “In un momento così delicato, Sir Alagos, non mi pare il caso che vi mettiate a cantare sognante... la Principessa è sparita e in questo momento molti villaggi stanno bruciando... abbiate per lo meno rispetto di loro, dell'armatura che ci rappresenta e della nostra preoccupazione... che dovrebbe essere la vostra" il suo tono è severo e accusatorio, è indispettita dal mio comportamento così come lo è anche Sir Dreth. Stavo cantando a bassa voce, non certo per far ballare la Torre visto che le mie doti canore sono pari a zero, era solo legata ad un ricordo…quasi nemmeno mi ero accorto della loro presenza in biblioteca.
    Dalle parole del Primo sembra fuoriuscire una mia mancanza di rispetto nei confronti delle circostanze, la pensino come vogliono, la realtà è ben diversa da ciò che credono loro.
    << Effettivamente Signori, non so da quanto tempo siate qui, mi scuso se ho ignorato la vostra presenza, non era mia intenzione, ma avevo una cosa urgente da fare, sono un tipo piuttosto pratico, non amo molto parlare di me…ciò che ho canticchiato è nato all’improvviso scaturito da un pensiero >>
    Scruto i due guardandoli in volto senza averne paura, nonostante conosca benissimo il loro ruolo come anche la loro forza.
    Il mio tono è pacato ma leggermente infastidito da questa considerazione che sembra giunta come insinuazione dal Primo:
    << Comprendo benissimo quello che sta succedendo qui alla Torre Lady DeLagun come quello che sta accadendo nei villaggi limitrofi, villaggi dove gente innocente che non ha abbracciato la causa della guerra sta morendo e noi, paladini della giustizia dalla scintillante armatura, cosa stiamo facendo per impedirlo? Niente, ecco uno dei motivi sul perché sono pensieroso; ma questo succede anche perché una guerra più grande di noi si sta combattendo adesso su più fronti. So come si sta sentendo Re Lantis in questo momento con un Regno sulle spalle da amministrare e la sorella scomparsa, anche io ne ho una come anche Voi…>> mi rimetto in piedi alzandomi dall’improvvisato seggio senza staccare gli occhi da loro guardando alternativamente Lady De Lagun e il giovane, non vi è rabbia nelle mie parole, più che altro un senso di giustizia che segue il mio blando pensiero <<… mettere però a ferro e fuoco i villaggi del Regno non servirà a riportare Lady Esperin qui alla Torre,i sentimenti negativi generano il male, il male genera guerre e le guerre generano distruzione!>> Continuo consapevole che potrei anche essere punito per il mio punto di vista appena espresso;
    <<… …ho mandato poco fa , ma non so se vi siete accorti, una missiva a mio padre chiedendo supporto per le ricerche di lady Esperin !
    Anche io sono preoccupato per la sua sparizione, ma la nostra preoccupazione non servirà a riportarla a casa, sono qui, ho aderito alla causa dei reali, devo dare il mio contributo e lo darò, sia in guerra sia nelle ricerche, non fatemi sentire inutile più di quanto già lo sia.>>
    Sono deluso e arrabbiato più che altro con me stesso che con loro, qui ci sono gravi problemi da risolvere, a casa in egual modo, ed ora ci si mette anche la presenza del Demonar….vorrei fare qualcosa ma sono impotente!
    Sento la voce di Dreth pronunciare il nome del Primo per poi chiedere senza guardarmi, come a sottolineare il suo disappunto nei miei confronti o forse per le mie parole:
    <<Sullo scaffale in alto c’è un libro lasciato dalla septa che riporta i vari ritratti degli esponenti di alcune casate, potete prenderlo?>>.
    Annuisco e senza pensarci due volte uso il potere tramandato nella mia famiglia per assolvere al compito richiesto, se non altro posso rendermi utile per qualcosa, un qualcosa che non può essere ulteriormente criticato. Faccioun balzo verso l’alto mentre sento i miei piedi staccarsi con facilità dal suolo, ogni volta che uso la levitazione, mi sembra di raggiungere sempre vette maggiori, chi lo sa se riuscirò a padroneggiare il volo come mio padre.
    Mi innalzo fino allo scaffale indicatomi, vi è un libro, non so se sia questo, ma credo di si, lo sfoglio velocemente ed infatti mi pare proprio ci siano rappresentati i volti di casate conosciute. Chiudo delicatamente il libro per poi ridiscendere senza far rumore e porgere il volume al cavaliere per poi fissar elo sguardo dapprima sul Dreth e poi su Lady DeLagun:
    <<Se volete fidarvi di me fidatevi, se non volete farlo, non posso obbligarvi, chiedo solo di non essere così prevenuti nei miei confronti >>
    Detto ciò mi scosto un po’ dai due, poggiandomi con la schiena al vicino muro. Vediamo se tra i disegni di Dreth vi sarà qualcuno che conosco. Attenderò per un po’ le loro eventuali risposte, poi in caso mi allontanerò dalla biblioteca con i nervi a fior di pelle per lo sfogo, sono appena uscito dalle terme, ma credo che un tuffo gelido non possa farmi altro che bene, ho bisogno di sbollire e qui sembrano tutti affaccendati in mansioni in cui non dovrei immischiarmi.
    Noto poi solo ora la presenza anche del Comandante in questa Biblioteca, biblioteca che al momento si sta facendo veramente affollata.
    Chissà quanto e cosa avrà sentito del mio discorso mentre era qui...lo osservo..


    Levitazione/Volo – Si sposta ad un altezza massima di 2 metri
    Ultima modifica di DELTAG; 31st July 2015 alle 19:25

  10. #2060
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Sigillo la busta con la ceralacca e vi pongo sopra il mio timbro personale, di cui ho una copia qui in biblioteca, ovvero una U riccamente decorata e squarciata da una saetta.


    È un messaggio chiaro: solo ai miei consanguinei sarà permesso rompere il sigillo.


    Chiamo un servo e gli affido la missiva, assicurandomi che la consegni al septon del Castello che poi provvederà a inviarla tramite uno dei suoi numerosi corvi, e faccio per seguirlo quando la voce di Alagos mi costringe a voltarmi per assistere a un meraviglioso spettacolo: l'elfo si difende animatamente da un'accusa di Cassandra che non ho sentito, ma dalle sue parole credo che il Primo lo abbia ripreso per aver violato in qualche modo la loro silente preoccupazione.




    Beh, ma non posso lasciarmi sfuggire un'occasione del genere. Non credo che mi abbia notato quindi riprendo con calma il mio posto e un altro foglio di carta. <<Non sono innocenti>>, sentenzio pacato, la voce poco più che un sussurro. <<Quelle persone riforniscono con cibo e denaro i nemici che dovete uccidere sul campo di battaglia. Se non stessero bruciando ora, sarebbero stati distrutti a guerra conclusa. La sparizione di lady Esperin ha semplicemente accelerato il processo>>. Ignoro il resto del discorso, non è di certo affar mio, voglio solo vedere fino a che punto può arrivare l'ira del perfettissimo sir Fanon.

    Our wills and fates do so contrary run

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •