Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 21 di 339 PrimaPrima ... 1119202122233171121 ... UltimaUltima
Risultati da 201 a 210 di 3385
  1. #201
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS

    Di bene in meglio, direi. Il pranzo si sta rivelando fonte di bocconi amari per tutti. Mentre Lady Waters si è completamente azzittita, l comandante De Lagun è in vena di chiacchiere non proprio gioviali: avrà mangiato qualcosa, almeno? Non sa cosa si sta perdendo ...
    Blatera di traditori e di fratelli, ma non dice cos'ha fatto lei per evitare la bruciante sconfitta subita! Devo dire che questa cosa non mi piace per niente, da quello che ho capito i guerrieri di Kalisi sono stati migliori dei soldati del re: questo non è accettabile e spero sia solo una defaillance temporanea.
    <<Lady Feralys, sarei lieta di parlarle in privato dopo il pasto, riguardo alle tecniche che ha usato nell'allenamento di questa mattina>>



    Cosa? Ma perchè? Davvero vuole parlarmi delle tecniche usate in allenamento? E a che scopo? Faccio buon viso a cattivo gioco e rispondo: "Certamente principessa, parlerò con voi volentieri. Volete andare adesso?" - mi alzo e mi avvicino a lei, se vuole parlare ora la seguirò, altrimenti andrò alle terme a ritemprarmi per almeno un'ora.


  2. #202
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters



    Amaramente apprendo da uno dei cavalieri che la battaglia è stata vinta da Kalisi e compagni. Ora comprendo la tensione che si respira a tavola e l'espressione imbronciata del capitano.
    "Avete sicuramente dimostrato il vostro valore! Ci rifaremo, non è finita qui. Anzi, è tutto appena cominciato." mi sento di dire ai due per incoraggiarli. Non voglio pensare che siano più forti di noi. No.
    Vorrei porre più domande riguardo alle tattiche usate e avere un quadro più dettagliato di come si è svolta la battaglia, ma forse non è il caso. Rischierei forse di amareggiarli ulteriormente.
    La mia attenzione poi si posta sulla principessa. La volontà espressa di incontrare Lady Feralys in privato mi turba non poco. Non voglio assolutamente che Esperin passi del tempo con lei, da sola poi.
    Cerco di dirle qualcosa, per impedirglielo, ma lei chiede ulteriori informazioni sui presenti in battaglia ai due cavalieri. Zittisco mentre mando giù il cibo servito.
    Con la coda dell'occhio osservo la Lady Rossa. Se dovesse torcere anche un solo capello alla principessa se la vedrà con me. Non so cos'abbia in mente, cosa stia tramando e dove sia stata tutto questo tempo. Magari è una spia del nemico ed è andata a riferire qualche informazione importante.
    Devo tenerla d'occhio.
    Presto giungono notizie anche dell'altra scomparsa. Una delle serve, alquanto impacciata, informa la principessa che la septa è nelle sue stanze bisognosa delle doti curative del comandante.
    <<Povera septa>> esclama Lady Esperin, <<E' da stamane che sta poco bene, spero che riposare tranquilla nelle mie stanze come le ho proposto le sia stato di giovamento>>.



    Quindi era lì, nelle stanze della principessa? Dovrò quindi attendere per parlarle. Nonostante mi fidi ben poco di lei questo la scagiona (almeno per il momento) dall'accusa di complicità con Lady Feralys.
    Certo che, far riposare una septa vecchia e puzzolente nel suo letto...Lady Esperin deve davvero molto tenere a lei. Questo le fa onore e dimostra la sua umiltà. Spero solo che il sentimento sia ricambiato e che quella scorbutica megera non la stia usando per i suoi scopi.
    Mentre la osservo, noto che le cominciano a tremare le mani. Sarà preoccupata per la salute della septa? O per la battaglia? Magari è per tutto l'insieme...Mi fa così tanta tenerezza.
    "Stia tranquilla vostra altezza. Se posso esserle d'aiuto in qualcosa non esiti a chiedermelo!" le faccio, sperando di alleviarle qualche peso.



    Non può occuparsi lei di tutto, ed essendo io la futura sposa di suo fratello potrebbe esserle d'aiuto scaricarmi un po' di mansioni.
    Abbandono momentaneamente le preoccupazioni, i pensieri, le domande e quant'altro per qualcosa di veramente strabiliante.
    Alla sua visione i miei occhi si illuminano. Penso che potrei svenire dall'emozione. Cerco di contenermi ma è dura resisterle.
    La torta di mele è lì davanti ai miei occhi pronta a deliziarmi il palato.



    Con nonchalance ne prendo una fetta e mi immergo nel suo dolce sapore. Dovrò congratularmi con i cuochi di corte, sono veramente bravi! Guardando le fette rimaste, un pensiero mi sfiora. Chissà se la septa ne gradirebbe un pezzo...O magari ha il diabete. Meglio informarsi prima.


  3. #203
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    È difficile mantenere una conversazione che si possa definire tale in questo bordello. Il rumore delle posate, le voci che si sovrappongono, ci mancava solo la sguattera... non riesco a concentrarmi. È per questo che mangio nella solitudine più assoluta, a casa. Al massimo con uno o due commensali, ma non uno di più: pace, ordine, tranquillità... non sono abituato a questo casino. Lady Feralys mi risponde ma mi limito a farle un cenno, la paesana parla della septa, vuole Cassandra, poi la principessa dice qualcosa e non le presto particolare attenzione. Sto pensando a... al nulla, in realtà. Osservo il mio piatto, ancora vuoto: non ho toccato cibo da quando mi sono seduto a tavola. Rimedio facendo segno al servo, Theon mi pare si chiami, di riempirmi il bicchiere di vino e di portarmi della carne di vitello. Mentre aspetto di essere servito decido di iniziare il pranzo con delle patate che prendo dal vassoio a me più vicino. Qualcosa sotto i denti, finalmente... Theon ricompare con in mano la brocca e sta per servirmi, quando sento Cassandra pronunciare queste parole: <<...tra le fila di Targaryus v'era anche... Andreus De Lagun, ex soldato del re>>. Strabuzzo gli occhi e cerco immediatamente di mascherare questa mia reazione esagerata. Sollevo la mano destra col palmo aperto, segnale universale che ogni buon sguattero riconosce come "vai via, non mi servi più", mentre stringo quella sinistra in un pugno sopra la mia coscia.

    Ora capisco. Ora capisco tutto. Ripeto nella mia mente i suoi discorsi di ieri, che acquistano un nuovo senso. Targaryus è roba mia, infilzerò io stessa una di queste frecce in quel cuore marcio e banchetterò col suo empio cadavere. Vendetta, ecco cosa cerca la comandante: vendetta contro l'uomo che ha traviato suo fratello. Suo fratello... l'uomo che ho affrontato, l'uomo che se non fosse intervenuta la sua compagna ora sarebbe tre metri sotto terra, era sangue del sangue della mia alleata. Il mio respiro si fa più pesante, le mie labbra si piegano in un perverso sorriso. Tengo lo sguardo fisso sul piatto, ora pieno, sperando che nessuno si renda conto di quello che sto provando. Lo sospettavo, ma ora ho la conferma che Cassandra sia molto di più di quello che sembra: dietro alla maschera di soldato fedele si cela una donna passionale, vendicativa, una donna divisa tra ciò in cui crede e ciò che ama più di ogni altra cosa al mondo. Non rimarrò indifferente nei confronti di questa tragedia ancora da scrivere.
    La vedo alzarsi con la coda dell'occhio e sposto gli occhi su di lei, osservandola fino a quando non lascia la sala da pranzo: è in quel momento che inizio a provare anche... tristezza, empatia, come durante la sua arringa contro Dreth. Mi sento cadere in una voragine, come se il dramma di dover uccidere un fratello mi appartenesse. A me, che esisto solo grazie al fallimento del mio, di fratello. Non... non comprendo, non ho mai provato una tale simbiosi con nessun altro, non so come gestire questa emozione. Non so nemmeno se voglio farlo.

    Mi ridesta la voce di Vicent. <<Sir Urthadar? Poco fa mi sono lasciato prendere dall’irruenza, comportandomi in modo indecoroso nei vostri riguardi e causando non pochi dispiaceri, a Voi incluso. Ma vorrei quantomeno rimediare... Cosa ne pensate se vi proponessi un allenamento in armeria dopo pranzo? Sempre che non siate troppo impegnato, ovviamente>>. Mi volto di scatto verso di lui, con gli occhi ancora leggermente troppo aperti. Tento di riacquistare velocemente la compostezza, cosa che mi tocca fare troppo spesso in questi giorni. Mi manca la mia solita vita, mi manca avere il completo controllo su tutto. Basta la visione del suo viso per farmi tornare quello di sempre, sfacciato e incurante degli altri. Gli sorrido, perché so che detesta vedermi sorridere. La tentazione di stuzzicarlo ancora un po' è forte, ma non posso cederle: rischierei di passare dalla parte del torto, quando al momento mi trovo in una posizione di vantaggio. Vorrei rifiutare, perché preferirei trascorrere una notte di fuoco con la septa piuttosto che un'ora in armeria con Dreth, però al tempo stesso sono anche curioso di vederlo all'opera. Ma prima... prima ho delle cose da fare.

    <<Ammettere il suo errore in modo così celere dice molto sul suo carattere, sir Dreth>>, gli dico con calma e tono gentile. I nostri commensali penseranno si tratti di un complimento, e forse anche Vicent, ma io so che è il peggiore degli insulti. <<Come potrei mai rifiutare una proposta così allettante? Sarò lieto di raggiungerla in armeria, ma temo di avere delle... faccende... da sbrigare, prima. Non le prometto niente e farla attendere invano mi pare maleducato, quindi se vuole allenarsi con la principessa o altri, nel frattempo, faccia pure>>. Sarebbero teneri come coppia. Due piccioncini senza spina dorsale. <<Nel caso riuscissi a liberarmi e lei non si trovasse in armeria, provvederò a inviare un servo a chiamarla>>.

    Dare una lezione a Dreth è uno dei miei sogni più grandi, ma prima devo parlare con la regina. Devo parlare con la septa. Devo parlare con... Cassandra.
    Our wills and fates do so contrary run

  4. #204
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    "Certamente principessa, parlerò con voi volentieri. Volete andare adesso?" mi chiede Lady Feralys, in risposta alla mia proposta di conversare privatamente.



    La osservo, sembra abbastanza tranquilla, spero che le mie siano state effettivamente solo preoccupazioni infondate.
    "Certo Lady Feralys, possiamo andare anche adesso..." le rispondo, ben disposta nei suoi confronti, " ma non stavate consumando il pasto? Io posso tranquillamente aspettare che finiate, o farle compagnia, non ho fretta..." le dico poi, notando che non ha ancora finito le sue patate arrosto.



    In effetti hanno un aspetto davvero squisito, e io non ho ancora toccato cibo.
    Sto aspettando la sua risposta, incerta se seguirla fuori dalla sala da pranzo oppure continuare insieme il pasto, quando è Lady Waters a parlare: "Stia tranquilla vostra altezza. Se posso esserle d'aiuto in qualcosa non esiti a chiedermelo!" mi dice, riferendosi alla mia affermazione preoccupata di poco prima sulla salute della mia septa.



    "Siete così gentile Lady Alinor, sarei lieta di conversare con voi... che ne dite di incontrarci più tardi, all'ora del the?" le propongo, con sincero entusiasmo. Se accetterà la raggiungerò subito dopo aver parlato con Lady Feralys.



    Sento davvero il bisogno di parlare con qualcuno, di avere un'amica, una persona con cui condividere i miei pensieri e le mie preoccupazioni. Lady Alinor è all'incirca mia coetanea, e tra poco tempo diventerà a tutti gli effetti mia sorella acquisita. Inoltre la vedo ben disposta nei miei confronti, e sinceramente interessata ad instaurare un rapporto di amicizia.
    Potrebbe essere la persona giusta, forse l'unica al momento, con cui sfogarmi.



    Intanto sento i due cavalieri organizzarsi per un allenamento, ma glisso per il momento l'argomento, continuando a indirizzare la mia attenzione alle due donne con cui ho intenzione di conversare.

  5. #205
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters


    "Certamente principessa, parlerò con voi volentieri. Volete andare adesso?". Seguo attentamente il dialogo tra la principessa e Lady Feralys continuando ad ingurgitare la mia bella fettona di torta. I miei occhi si spostano prima su una e poi sull'altra. Non deve sfuggirmi nulla di quanto si dicono.
    "Certo Lady Feralys, possiamo andare anche adesso...ma non stavate consumando il pasto? Io posso tranquillamente aspettare che finiate, o farle compagnia, non ho fretta..." risponde la sempre cortese principessa.
    Per quanto mi riguarda, accetta ben volentieri di conversare con me all'ora del thè. Oh no, ancora thè! Va beh, sarà passabile se lo accompagnerò con un altro pezzo di torta!
    "Ne sarei più che felice, vostra grazia!" le dico con un gran sorriso per poi lanciare un'occhiataccia alla Lady Rossa.
    A torta terminata, chiedo il permesso di alzarmi e raggiungo le mie ancelle nei pressi delle cucine.
    Mi intrattengo con loro per qualche minuto prima di entarci e fare i complimenti al cuoco. Chiedo infine il favore di averne un altro pezzo da portare personalmente alla septa, ovviamente dopo aver chiesto se l'anziana strega sia abituata a mangiarne.


  6. #206
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    CASSANDRA DE LAGUN




    Trovo la septa Deirdre in piedi nella stanza, che lamenta una ferita al fianco e una al petto. A quanto pare ha avuto un incidente in laboratorio, dovrebbe stare più attenta, alla sua età anche una piccola frattura può essere un problema serio. Mi dice che preferisce restare in piedi, proprio a causa del dolore da ustione che sente. Controllo bene la ferita, sollevandole la parte superiore di questa specie di saio che indossa perennemente: in effetti è una brutta ustione. La vicinanza alla donna mi permette di sfatare un mito: il suo odore non è poi così orrendo. Ho sentito certi caproni da battaglia puzzare molto di più. Tra questi, proprio Ryuk Leithien. E proprio a lui va il pensiero quando Deirdre mi chiede l'esito della battaglia. Ricordo male, o Ryuk è stato suo allievo? Anche Targaryus... poteva ritrovarsi a combattere contri i suoi due allievi... già, questa guerra non è difficile solo per me.
    "Purtroppo non sono ambasciatrice di buone notizie, venerabile septa. La nostra sconfitta non è stata una completa disfatta, perchè siamo riusciti a mettere in fuga i ribelli di Targaryus, ma abbiamo perso comunque Amaranthis per opera dei reietti... guidati da Ryuk Leithien, quel becero traditore di un cane" dico con amarezza.





    Il pensiero di come comunicare questo a Lantis mi perseguita: si arrabbierà? Capirà le nostre difficoltà dinanzi a quel voltagabbana? Non mi aspetto da lui della pietà per la mia condizione di sorella di un ribelle: sono un soldato e non c'è spazio per la pietà. Da me ci si aspetta la vittoria e io avrei dovuto portarla. Mi rendo, però, conto di aver esagerato nei toni e, forse, offeso le orecchie di una donna sì burbera e dura, ma pur sempre di anziana età. "Perdonate il mio tono, la ferita dell'animo è ancora fresca in me" mi affretto ad aggiungere, pensando subito al dolore che provo per mi fratello... sarà riuscito a curarsi? La sua ferita era grave? "Puntiamo al riscatto, ora che conosciamo meglio i nostri nemici, sappiamo come organizzare un contrattacco" cerco di spiegare, così da non agitarla. Non voglio che si preoccupi per questa guerra, era già restia a scendere in campo.



    Il calore della mia mano, nel frattempo, genera un dolce bagliore, dai colori dell'azzurro dell'alba e il mio spirito, tutto convogliato sulla ferita della septa, riesce nel suo intento e la bruciatura si cauterizza del tutto. "L'ustione è sparita, il livido che avete sul petto è molto lieve, mettete una foglia di verza calda e... oh perdonatemi, conoscete questi rimedi meglio di me" le dico abbozzando un sorriso. "Se volete unirvi al pranzo, sto andando giusto lì, non ho ancora pranzato da quando sono tornata" le spiego andando alla porta. Sia che vorrà seguirmi e sia no, tornerò in sala da pranzo a mangiare il mio beneamato cinghiale arrosto.



    Difesa e Rigenerazione
    Rigenerazione - Avviene tramite tocco: Rigenera ferite di media entità ( ferite profonde non mortali, ossa rotte, danni medi da elemento )

    *Maru1e1a può riaggiungere 20 punti costituzione*

  7. #207
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Con gioia apprendo che Lady Alinor è lieta di intrattenersi con me più tardi. Le avrei proposto di andare subito, ma ho premura di parlare anche con Lady Feralys riguardo alle mie preoccupazioni sul suo stato emotivo. "Ne sarei più che felice, vostra grazia!" mi risponde sorridendo, anche se subito dopo noto delle strane occhiate tra lei e lady Feralys.



    Probabilmente le due non hanno ancora rotto il ghiaccio e non sanno se fidarsi reciprocamente.



    In tempo di guerra non è facile lasciarsi andare con le persone, ma chiunque ha bisogno di poter contare su qualcuno, di fidarsi di qualcuno. Io sento che potrei scoppiare prima o poi, tenendo per me il mio tormento, e nonostante la septa mi riprenda sempre per questa mia debolezza, non posso fare a meno di cercare confronto e sostegno dalle persone a me vicine.
    E non so perché, ma Lady Alinor mi ispira molta fiducia, sento di poter essere sincera con lei, di poterle parlare anche di...Drako. O forse no... forse è meglio che nessuno sappia che mi struggo per un...traditore. Anche se non sono sicura che lo sia effettivamente.
    "Ne sono felice anche io. A dopo allora, lady Alinor" le rispondo, felice, prima di vederla uscire dalla stanza.



    Sento il mio stomaco brontolare, e istintivamente vi poggio le mani, arrossendo. Non è di certo consono per una principessa emettere simili brontolii.
    "Se permettete, Lady Feralys, assaggerei una fetta di quella squisita torta di mele...mi fa compagnia, prima di andare?" le dico, con un sorriso.



    Mi avvicino alla tavola, chiedendo alla serva di deliziarci con due fette di torta.
    Poi, con molta educazione e senza fretta, come insegnano a corte, mangio la mia porzione, in modo da placare i morsi della fame.


  8. #208
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Mentre la Comandante provvede a curarmi la ferita, mi riporta la notizia della sconfitta.
    Stringo il pugno della mano destra sull'altro fianco, mentre muovo la mascella inferiore in diagonale, smuovendo i denti cariati tra le insenature di quelli superiori.
    Il sollievo al fianco sinistro è lento e soddisfacente, il dolore e il bruciore spariscono pian-piano del tutto.



    La giovane per fortuna non mi ha chiesto di controllarmi in altri punti, e noto con sollievo che dirle per sicurezza anche della ferita al petto è stato inutile. Sapevo di poterla lenire da me, ma non ne avevo ne il tempo ne la sicurezza che la nobile non l'avrebbe notata.
    E' andata meglio del previsto.
    Non rispondo nulla, limitandomi ad annuire al suo invito di seguirla nella sala.
    Camminiamo in silenzio, ognuna presa dai propri demoni.
    Perso. Abbiamo perso la prima battaglia. Maledizione.....maledizione a TE, Kalisi!



    Arriviamo entrambe nella sala, e noto che sono presenti tutti, tranne la vedova Proudmoore e lady Alinor...per mangiare. In silenzio.
    Ma come....possono? Non ho sentito una parola nemmeno mentre ci avvicinavamo all'entrata!
    Tiro su col naso, con fare rumoroso:
    <<Bene, vedo che siete tutti qui...a parlare dello scontro, spero.>> dico a voce ben alta, piazzandomi in piedi di fronte al tavolo:
    <<Il comandate De Lagun mi ha informato dell'esito della battaglia. Ebbene, a me il motivo di questa insignificante sconfitta pare ovvio. Lo svantaggio col quale siamo partiti è lampante: i nostri nemici hanno un obiettivo in comune...noi! Le armature reali richiamano immediatamente alla nostra fazione d'appartenenza, lasciandoci scoperti da entrambi i lati. Forse sto correndo troppo con i miei ragionamenti -anche se ne dubito- ma sbaglio forse immaginando che ognuno di voi due ha dovuto vedersela con almeno altri due avversari?>> domando rivolta ai soldati che questa mattina sono scesi in campo.



    I miei anni (ma che dico, decenni!) da mercenaria, quando combattevo al soldo del maggior offerente in denaro, mi hanno resa un'attenza analizzatrice di piani e organizzazioni belliche.
    Forse questa banda di ragazzini non voleva più pensare alla battaglia, forse volevano solo distrarsi col cibo e le belle parole, ma io so cosa ci vuole adesso.
    Rabbia, rancore...che scaglieremo addosso di rimando a chi oserà mettersi contro di noi.
    Maledizione.
    Scendere in campo è una cosa che non mi riguarda, ma non posso farne a meno....Lantis, maledetto.
    Bhè, non ho nessuna intenzione di farlo accompagnata da questo ammasso di bimbetti che sa solo tornare a casa col capo sconfitto accolto da parole esenti da biasimo.



    <<Riconoscere una fazione dall'altra è dunque di essenziale importanza...perciò ditemi, combattenti: è possibile distinguere le loro? Indossano armature speciali, segni di riconoscimento? O si presentano vestiti da caproni quali sono? Avete avuto modo di capire chi combatteva per chi? Possiamo sfruttare un'eventuale identificazione mettendoli l'uno contro l'altro, ma per farlo dobbiamo studiarli. Allora?>> enuncio con uno sbruffo.
    Li guardo uno ad uno per pochi secondi mentre pronuncio queste parole, cercando di far capire che il mio discorso è più serio che mai: la guerra non è un gioco, non si dimentica quando si torna a casa...mi preme che lo capiscano sopratutto le due più giovani, di cui ora vedo solo Lady Esperin.



    Non posso pensare di dover combattere al fianco di ragazzine che pensano soltanto che questa guerra è una questione di punti, come se contasse solo conquistare più territori...nemmeno parlassimo del più volgare gioco da tavolo.


  9. #209
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters




    La fragranza del pezzo di torta appena consegnatomi per la septa mi inebria. Allargo le narici e chiudo gli occhi. Sublime. Subito dopo storco il naso. Chissà se resisterò fino alle stanze dove riposa la septa.
    Mentre mi avvio verso l'uscita delle cucine, sperando che la torta la addolcisca un po' per renderla più affabile, mi pare proprio di sentire la sua voce.



    <<Il comandate De Lagun mi ha informato dell'esito della battaglia. Ebbene, a me il motivo di questa insignificante sconfitta pare ovvio. Lo svantaggio col quale siamo partiti è lampante: i nostri nemici hanno un obiettivo in comune...noi! Le armature reali richiamano immediatamente alla nostra fazione d'appartenenza, lasciandoci scoperti da entrambi i lati. Forse sto correndo troppo con i miei ragionamenti -anche se ne dubito- ma sbaglio forse immaginando che ognuno di voi due ha dovuto vedersela con almeno altri due avversari?>> tuona imperiosa.
    Mi affaccio sull'uscio e mi godo la scena senza essere vista dagli altri. Sono contenta che sia in piedi. Più che altro perchè ho da chiederle qualcosa...
    <<Riconoscere una fazione dall'altra è dunque di essenziale importanza...perciò ditemi, combattenti: è possibile distinguere le loro? Indossano armature speciali, segni di riconoscimento? O si presentano vestiti da caproni quali sono? Avete avuto modo di capire chi combatteva per chi? Possiamo sfruttare un'eventuale identificazione mettendoli l'uno contro l'altro, ma per farlo dobbiamo studiarli. Allora?>> continua poco dopo.
    Studiarli? Metterli uno contro l'altro? Potrebbe essere la strategia giusta. Mi chiedo cosa ne sappia lei di strategie di guerra. Lei che deve aver passato secoli in mezzo ai libroni e alle pozioni. Mi chiedo anche se sia mai uscita dal castello in questi ultimi decenni. Forse avrà letto qualcosa al riguardo su qualche manuale in biblioteca.
    Il mio sguardo si sposta sulle due guardie reali che hanno combattuto contro i nemici. Saranno in grado di risponderle adeguatamente? Guardo in basso e mi rendo conto di aver finito la fetta di torta destinata alla septa, senza accorgermene.
    Lascio il piatto sulla base più vicina a me, prendo un cannovaccio col quale mi ripulisco velocemente mani e bocca e raggiungo gli altri, mettendomi a sedere al mio posto, attendendo con ansia la risposta dei due cavalieri.
    Ultima modifica di scarygirl; 17th December 2014 alle 01:40


  10. #210
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Ho appena finito di mangiare il mio pezzo di torta, e poggio delicatamente le posate sul piatto.



    Prendo un tovagliolo, sentendo al contatto il tessuto soffice e pregiato, ed elimino eventuali briciole dalla mia bocca.
    Il dolce era davvero squisito, friabile e cremoso allo stesso tempo. Siamo fortunati, la nostra cuoca è davvero formidabile, penso, prima di mordermi le labbra. Le parole di Lantis mi tornano tristemente alla memoria.

    "C'è un traditore a corte, qualcuno ha avvelenato nostro padre e lo sai cosa si dice nei corridoi... si sussurra sia stata lei, anche se ha poco senso. La cuoca di palazzo è stata anche trovata morta nelle cucine, per cause misteriose, e io non credo molto alle coincidenze... sta attenta"
    Il sorriso immediatamente sparisce dal mio viso, nel pensare all'ennesima vittima innocente di non so quale meschino complotto. La donna lavorava a palazzo da sempre, da ancora prima della mia nascita. Come ho potuto non dar peso alla sua morte, presa soltanto dal dolore per mio padre? Ripenso a sua figlia, alle volte in cui ha studiato come me, e mi sento così meschina. Come io sto soffrendo per mio padre, lei deve aver sofferto tantissimo per sua madre. Una donna innocente, che probabilmente si trovava al momento sbagliato nel posto sbagliato.

    Quanto dolore, quante ingiustizie, scaturiscono dalla fame di potere di qualcuno.




    Alzo gli occhi e vedo la septa entrare nella stanza, e cominciare a parlare della battaglia appena conclusa. Seguo distrattamente il suo discorso, quando un particolare nella sua frase ridesta la mia attenzione: <<Riconoscere una fazione dall'altra è dunque di essenziale importanza...perciò ditemi, combattenti: è possibile distinguere le loro? Indossano armature speciali, segni di riconoscimento? O si presentano vestiti da caproni quali sono? Avete avuto modo di capire chi combatteva per chi? Possiamo sfruttare un'eventuale identificazione mettendoli l'uno contro l'altro, ma per farlo dobbiamo studiarli. Allora?>>



    Distinguere le due fazioni, ottima osservazione. Potevamo effettivamente domandarlo prima, considerato che la Comandante ha riconosciuto suo fratello.
    Gli avversari possono facilmente riconoscerci dalla nostra armatura, mentre noi non sappiamo gli altri come scendono in campo.
    Suppongo che anche loro si saranno procurati delle armature, o comunque delle vesti robuste, che possano proteggerli da eventuali colpi ravvicinati.

    Osservo Lady Alinor rientrare nella stanza e sedersi. Sono contenta che anche lei sarà così al corrente dei segni distintivi delle due fazioni, altrimenti avrei provveduto ad avvisarla dopo.



    Mi volto verso i combattenti scesi in battaglia, in attesa, come tutti, della loro risposta.


 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •