Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 244 di 339 PrimaPrima ... 144194234242243244245246254294 ... UltimaUltima
Risultati da 2,431 a 2,440 di 3385
  1. #2431
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Vicent (Gesù Cristo) Dreth

    Parole giuste sono quelle che escono dalla bocca di Cassandra.



    Mi parla di perdono, di come esso sia diverso dall'assecondare o dal capire le azioni di una persona, tutto questo... Forse per farmi intendere che anche Dahmer merita qualcosa. Purtroppo Cassandra non sa fin troppe cose, come non ha visto il viso di Dahmer quel giorno, giorno in cui ho capito che di umano e di salvabile in lui, non resta più nulla. Però non ribatto, perché non me la sento di affrontare questo argomento, non sono ancora pronto... Termina poi di parlarmi con un consiglio velato sul non cadere vittima del proprio odio e, che nonostante il male che Dahmer mi ha fatto, dovrei provare a ricordare quei momenti belli passati con lui per farne tesoro. Ma non è assolutamente così, per me Dahmer è morto quando ha ucciso Selene e niente potrà farmi dimenticare ciò che ha fatto. Cerca dunque di aprire la porta ma è un servo ad anticiparla informandoci che c’è bisogno di cure immediate in infermeria. Strano. Si sono già allenati? Per quanto tempo siamo rimasti a parlare? Quando il servo si congeda approfitto di quest’ultime attimo di quiete per dirle, <<Cassandra? Ieri con una missiva mio zio, Caligus Dreth, ha detto di dovermi parlare riguardo una questione delicata: credo dunque che mi assenterò dalla torre per qualche ora… Sembrava molto importante>>.



    Probabilmente si tratta di nonno Ulfric, spero solo che non riguardi un peggioramento per la malattia: non potrei mai perdonarmi di non essere andato prima ad Aeglos. Assieme a lei lascio la stanza ma non appena giungiamo in sala riunioni e… Ma lì prima non ci stava un tavolo? Inclino la testa, alquanto perplesso, ed osservo i vari pezzi di legna a terra rotti e bruciati.



    Gildas? Eppure mi aveva promesso di non fare stronzate… Sospirando mi avvicino a Nymeria e raccogliendola da terra vado con lei in infermeria. Giunti in stanza vediamo Gildas particolarmente aggressivo (ma che gli prende?!) in compagnia di Lady Araneae.



    Che l’abbia toccato? Ricordo bene i segni sulla schiena e so che non stravede esattamente per i contatti umani. Lascio sdraiare Nymeria sul lettino di fianco a loro due e mentre Cassandra si occupa di Lady Araneae a me toccano i rimanenti. Alla domanda sulla riunione Lady Araneae si rivolge a Cassandra e dice, <<Deirdre ed il Comandante mi hanno informata poco fa...>>. Ha un tono di voce, quasi come se avesse timore di offendere Cassandra. <<Nel Sinelux mi sono scontrata con Vostro fratello. So che non sono affari miei, ma sta bene. Sono riuscita a ferirlo solo in maniera superficiale... È un guerriero molto abile. Ho pensato che fosse mio dovere riferirVi le sue condizioni di salute. Ho anch'io dei fratelli e sorelle, quindi...>>, conclude lasciando la frase in sospeso e sorridendole imbarazzata. Questa… E’ una notizia confortante, Andreus, come ho pensato, è vivo. Cassandra ne sarà felice.<<Bene, bene... Cos’abbiamo qui?>>, domando a Nymeria sollevando entrambi i palmi e con un semplice sospiro richiamo quel gioco di luci che mi riporta per un breve attimo alle fredde notti di Winterhold



    Difesa e Recupero - Rigenerazione:Avviene tramite tocco; (Maestro) Rigenera ferite di entità grave o mortale.

    <<E’ diversa ma Vi giuro che non fa male>>, le sorrido, leggermente più tranquillo, <<Potreste avvertire giusto qualche piccolo brivido perché devo ancora imparare a controllare bene le sensazioni>>. Proverò a sfiorarle con la mano destra le ferite, lasciando che la mia magia faccia il suo corso in maniera indolore, ed intanto con l’altra mano cercherò di occuparmi anche di Gildas, senza però toccarlo, e rigenererò anche le sue ferite semplicemente passando il palmo della mano a pochi centimetri da esse. E' già abbastanza agitato e non vorrei scatenare Nikah.


    Nota: Frasi ed azioni concordate con i proprietari dei rispettivi PG.


    Ultima modifica di Damnedgirl; 11th September 2015 alle 23:51



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  2. #2432
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS

    Sposto lo sguardo dalla septa ad Aiden e viceversa, lo scontro è duro ma sembra risolversi abbastanza velocemente dopo che il Comandante mette in campo tutta la potenza del suo fulmine. Purtroppo sbaglia a calcolare gli spazi e il colpo, piuttosto potente, finisce per mettere al tappeto entrambi. Sono impressionata, non l'avevo mai visto battersi con tanta foga, anche se l'avrei preferito senza maglietta. Adamantia, ma cosa vai a pensare, ahahahahah!


    Le ombre si stanno allungando sulla Torre, il pomeriggio volge a sera e, insieme a lei, come un corvo latore di messaggi, ecco comparire nuovamente Raivo.
    Per un istante penso debba parlare con me e faccio per alzarmi ma lui si rivolge a Lumen dopo un breve inchino: "Dohaeris non grava più sulle spalle dell'Adamantem e vi porto i saluti di Lord Ryuk Leithien e sua moglie Esperin Raeghar in Leithien"

    Per un istante non capisco bene il senso delle sue parole, guardo Lumen e la vedo in uno stato pietoso: tesoro dovresti preoccuparti di più delle zampe di gallina.
    Ritorno alla realtà quando la regina esplode tutta la sua rabbia incendiando col fiato tutto quello che le si trova davanti. Mi alzo di scatto per lo spavento, non vorrei finire ustionata e
    Lumen va via andando in cerca di Lantis, dei, non vorrei essere proprio al suo posto quando gli comunicherà la bella notizia! Faccio volare a terra la sedia e la tazzina che stavo sorseggiando, che si rompe in piccoli pezzi.
    Esperin Raeghar in Leithien.
    Quella piccola stronzetta. Sta facendo terra bruciata intorno al fratello e a noi, l'Adamantem è perduto. Era prevedibile ma non così, non in questo modo. Ma forse potevamo aspettarcelo, erano promessi, forse avevano già pianificato tutto da molto tempo. E se la persona che ha incontrato Esperin quella notte fosse stato proprio Ryuk Leithien? I pezzi del mosaico potrebbe combaciare.
    Se solo penso che potevo esserci io al suo posto, stringo il pugno e col braccio sinistro spazzo via tutto quello che c'è sul tavolo.
    Raiden, sei un maledetto bastardo! Ti stai divertendo un mondo, eh?
    Afferro la tovaglia con entrambe le mani e la stropiccio nei pugni. Devo calmarmi, dannazione! Devo calmarmi. Sono calma, si, bene. Sono calma. Devo infilzare qualcuno con le mie unghie!
    Lascio andare la tovaglia e la distendo con entrambe le mani aperte. Raivo è ancora qui, devo parlargli subito, potrebbe essere la mia ultima occasione. Mi giro verso di lui, gli dico a bassa voce: "Devo parlarti." - mi posiziono di fronte a lui di modo che la sua grossa mole mi nasconda ai presenti in giardino, ci farà da spia, ma ... a modo mio.


    "Ho da chiederti un grosso favore, in nome di quello che c'è stato tra noi. In fondo un pò me lo devi."
    Lui mi guarda stranito prima di risponderti: "Tua madre mi ha mandato via come se fossi un cane con la rogna, devo molto ai Leithien che mi hanno accolto."
    Vorrei prenderlo a schiaffi, come meriterebbe per le sciocchezze ce sta dicendo, ma non mi conviene essere aggressiva: "Sai perchè l'ha fatto, era gelosa di noi, io non avrei mai voluto che andasse a finire così. Io avrei voluto ..." - mettergli le mani addosso e strappargli via la carne quando ho scoperto che erano andati a letto insieme, ma non posso certo dirglielo. E' inutile che fai il duro, adesso, so bene quello che provi per me e io fingerò che per me sia lo stesso.


    Gli poserò languida una mano sul petto:"E' tutto in pericolo adesso, l'Adamantem è importante per la nostra fazione. Se Kalisi o chiunque altro dovesse vincere, potrebbe essere la fine per me. Per noi." - lo guardo. Lui ha sempre sostenuto il mio sguardo, pur sapendo di cosa sono capace, ammiro la sua dedizione e potrei anche premiarla se farà la scelta giusta.
    "Sai che quello che sto facendo lo faccio in nome della mia famiglia e tu, ti prego, fallo in nome di quello che provi per me" - lo vedo fremere, agitarsi, si guarda intorno. Poggio entrambe le mani sul suo petto, solido e muscoloso sotto l'armatura con quei colori maledetti: "Sarai i miei occhi e le mie orecchie al Castello Nero? Riferirai a me, e soltanto a me, tutto quello che riterrai importante? Per comunicare potremmo incontrarci in zona neutra, nessuno ti vedrà qui e nessuno al Castello Nero potrà sapere niente. Ti proteggerò io, Raivo. Ti do la mia parola che non ti accadrà nulla. E quando i reali vinceranno la guerra sarai ricompensato come meriti." - ho parlato sottovoce, in modo che potesse sentirmi solo lui che era vicino.
    Non è mai stato un chiacchierone, o meglio, non mi sono mai interessata se lo fosse o meno, da lui volevo altro, e anche in questa occasione non si smentisce e si limita ad annuire con un leggero cenno del capo.
    E' fatta, ho una spia all'Adamantem e se saremo bravi a non farci scoprire, potrebbe essere la carta decisiva per vincere questa stupidissima guerra ed assicurarmi un futuro splendente, magari con le chiappe comodamente sedute su un confortevole scranno.
    Congedo il soldato prima che la sua assenza prolungata possa dare nell'occhio a Ryuk, se per caso quell'essere si sia degnato di fare il suo dovere da Lord, poi mi rivolgo ai servi per far pulire i cocci di piatti e tazzine che mi sono distrattamente scivolati mano e infine mi dirigo in Sala per vedere cosa ne è stato della riunione in corso.


    "Questo giardino è un disastro, già che ci siete portate via anche la spazzatura." - dirò ad alta voce prima di entrare, ovviamente a chi potrei mai riferirmi?
    *frasi di Raivo approvate dai master


  3. #2433
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    39
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Nymeria Hammerfell

    I miei tentativi di rianimare sir Gildas sono vani, ma la mia coinquilina interviene caricandosi l'uomo sulle braccia per portarlo in infermeria, cavoli, non pensavo avesse tutta quella forza!
    Poco dopo ci raggiungono Cassandra e Vicent che, dopo qualche momento di sconcerto alla vista del nuovo arredamento della sala, si occupano dei feriti.





    Il cavaliere mi solleva da terra tra le sue braccia senza che io possa replicare, non che ne abbia le intenzioni: non sono così ferita, ma un giro sulla giostra non si rifiuta mai!
    Come se fossi una piuma mi trasporta senza alcuna fatica apparente fino in infermeria e mi adagia sul lettino accanto a sir Gildas, l'uomo è intento ad accanirsi contro lady Araneae, ma viene prontamente fermato dal Primo Cavaliere.
    <<Bene, bene... Cos’abbiamo qui?>>



    Smetto di ascoltare le parole della mia coinquilina circa la battaglia e mi concentro su sir Vicent <<Solo qualche escoriazione e una botta alla testa>> sorrido <<nulla di grave!>>



    <<E’ diversa ma Vi giuro che non fa male>> osservo incantata la magia sulle mani dell'uomo e annuisco <<Potreste avvertire giusto qualche piccolo brivido perché devo ancora imparare a controllare bene le sensazioni>>



    <<Non preoccupatevi.>> dico appena mi poggia delicatamente il palmo destro sulle ferite mentre con l'altra mano si occupa del giullare.
    Rabbrividisco leggermente per il freddo, ma la sensazione è molto piacevole.
    <<La vostra magia sembra molto più potente... Maaa - esclamo sorpresa non vedendo quegli strani simboli sulle sue mani - i vostri tatuaggi sono scomparsi?>>
    Ultima modifica di albakiara; 18th September 2015 alle 00:27

  4. #2434
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS


    Appena entro in sala noto immediatamente il disastro: da quello che era una volta il tavolo esalano piccole lingue di fumo che s'involano verso l'alto, l'odore di bruciato è forte e fa anche piuttosto caldo.


    "Cos'è successo qui? No lasciate stare, non voglio saperlo, non è poi così importante. Fate venire qualcuno a sostituire il tavolo, non sia mai il re dovesse vedere questo scempio." - spero non fosse un ricordo di famiglia, l'ultimo scampolo della dinastia andato in fumo.


    Mi rivolgo poi a lady Alinor: "Tutto bene? Alla riunione abbiamo sentito la vostra mancanza. Ah, volevo farvi le congratulazioni per la nomina a consigliera" - e anche per il buon uso che ne avete fatto finora.


    Suppongo che la cena sia fuori discussione con la sala ridotta ad un cumulo di ceneri, non mi farebbe male un pò di digiuno, come non farebbe male a lei. Mi avvicino ai miei nuovi amici, Sir Alagos e Lady Loren e rivolgo loro un saluto cordiale, dopodiché domando: "Signori anche voi eravate assenti alla riunione, è successo qualcosa di grave? Spero vivamente di no."



  5. #2435
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali



    Apre gli occhi ed in un attimo mi afferra il polso, mentre l'arma si materializza nella sua mano.

    "Sir Demonar... sono io. Mi sentite? Non Vi farò del male... non..."



    "non. Toccatelo. Mai più!"

    Replica, mentre avverto la lama affilata... sulla gola.
    Cosa succede? Perché una reazione così violenta?
    Forse l'ho colto di sorpresa... forse credeva di avere ancora davanti chi l'ha ridotto in questo stato ed ha agito istintivamente... ma certo. Sì, è sicuramente così.
    Anche se... non so... sembra... diverso... sembra... un'altra persona...

    L'ingresso dei due guaritori, mi desta dai miei pensieri e riesco a riprendere completamente il controllo di me stessa, proprio quando la donna mi chiede informazioni sulla battaglia.





    Spero si sia bevuta la mia scusa. I miei fratelli e sorelle sono quasi tutti morti da un pezzo ormai e non mi è mai interessato molto di loro. Tranne di...

    "Maaa i vostri tatuaggi sono scomparsi?"

    Non avevo nemmeno notato la presenza della donna. E nemmeno l'assenza dei tatuaggi di Sir Dreth, ora che ci rifletto con attenzione.
    Non ci voleva: mi aspettavo l'arrivo di un curatore, ma non tutte queste persone.



    Hanno deciso di spostare la riunione qui a causa del tavolo rotto?
    Spero si allontaneranno presto. Possibile che in questa dannata torre anche scambiare due chiacchiere con qualcuno diventi impossibile? Torno a guardare di nuovo il giullare.
    Cosa nascondete, Sir Demonar?
    Potrei sbagliarmi, potrei commettere un errore madornale, eppure...

    Ultima modifica di valuccia85; 27th September 2015 alle 21:48

  6. #2436
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Nikah Demonar

    La presa sulla donna ha effetto, continuo a stringere mentre la mano di mamma preme sempre di più sulla sua pelle, potrei inebriarmi a momenti del suo sangue che denso e caldo scivola tra i suoi abiti per raccogliersi in una pozza cremisi ai suoi piedi. Allontano appena le dita di mia madre prima di farle scattare verso la gola di Araneae quando d’un tratto una mano mi afferra il polso stringendo a sua volta. «Vicent, occupati di Nymeria e Gildas, io mi occupo di Lady Araneae» la donna stringe ancora la presa guardandomi in volto «hai bisogno di cure, fai il bravo e richiama la kopesh» la guardo furente quando d’un tratto dalla porta appare anche Vicent. Oh, bene. Cominciavo ad annoiarmi senza il suo falso perbenismo. Guardalo, guardalo Gildas. Non è carino mentre si prodiga per gli altri? Che attore, è spettacolare. Non trovi? La donna non accenna a lasciarmi e io nel frattempo richiamo mamma che svanisce in una nuvola di fumo bianco dopo essere stata divorata dalle fiamme. «Nel Sinelux mi sono scontrata con Vostro fratello. So che non sono affari miei, ma sta bene. Sono riuscita a ferirlo solo in maniera superficiale... È un guerriero molto abile. Ho pensato che fosse mio dovere riferirVi le sue condizioni di salute. Ho anch'io dei fratelli e sorelle, quindi...» uh, quindi la signorina si è scontrata col fratellino. Che terribile smacco eh Cassandra? Sento d’un tratto qualcosa di freddo avvicinarmisi alla faccia volto lo sguardo appena in tempo per vedere le lucine di Vicent avvicinarsi al mio volto. Mi scosto infastidito da quella vicinanza e lascio che le sue dita si avvicinino appena. Il freddo si fa piacevole e una smorfia di disgusto mi esce spontanea quando sento i benefici. Il dolore si attenua e i denti ricrescono veloci mentre la mia faccia si risana sotto le bruciature. Terminato il lavoro, mi tocco il viso con la mano vuota… perfetto. Di nuovo intero. Non ho intenzione di ringraziare Vicent, lo prenda come un atto di scortesia del suo tenero e dolce Gildas, dopotutto, non ha motivo di credere che sia io ora. Terminate le cure, guarderò Cassandra, furioso prima di dirle scuotendo appena la mano «volete lasciarmi?» le dirò sibilando tra i denti con rabbia mentre scuoterò ancora con più forza il mio polso, deve mollarmi. Anche a costo di slogarmelo o di staccarmi la mano di netto…

  7. #2437
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Loren Van Dervult




    Sto in posizione di attacco quando la giovane sta per correre verso di me ma ci ripensa quando il Comandante la chiama portandola poi in giardino.
    Quasi quasi ci rimango male, un po’ d’allenamento non mi avrebbe di certo fatto male.
    Vado quindi una finestra per guardare cosa combinano i due e noto che in giardino ci sono anche la Regina Madre e Lady Adamanthia.
    Mi concentro di più sul combattimento, dopotutto non ho quasi visto nessuno farlo e conoscere il modo di combattere dei miei alleati mi può tornare utile dal momento che prima o poi dovrò scendere in battaglia con loro ed a mio avviso in questo modo ci si può aiutare a vicenda.
    Sento la voce di Lady Alinor e mi volto in modo da tenere d’occhio sia fuori che dentro.
    «Sto bene, Vi ringrazio». Le sorrido.
    Dopo poco entrano Lady Cassandra e Sir Dreth che prontamente si occupano dei feriti…
    Sto per voltarmi nuovamente verso la finestra quando sento la voce di Lady Adamanthia "Tutto bene? Alla riunione abbiamo sentito la vostra mancanza. Ah, volevo farvi le congratulazioni per la nomina a consigliera"
    Mi volto, lo sguardo su Lady Alinor, vorrei aiutarla, da quello che ho sentito dal riassunto della riunione fatto da Sir Dreth e Sir Aiden, non è che l’abbiano trattata molto bene…
    «Congratulazioni anche da parte mia. Sono certa che Lady Alinor abbia avuto un buon motivo per arrivare tardi.» Le sorrido in modo da farle capire che vorrei aiutarla anche se non so come.
    "Signori anche voi eravate assenti alla riunione, è successo qualcosa di grave? Spero vivamente di no."
    Ed ora? Che dico? Che me la stavo godendo alle terme? Mmm… meglio rimanere in silenzio o… ecco posso unire due cose insieme…
    «Lady Alinor dopo vorrei parlarVi quando siete libera». Le dico in tono amichevole.

  8. #2438
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Vicent Dreth

    Nymeria accoglie con un sorriso le mie cure, facilitandomi il compito grazie alle indicazioni, e soprattutto restando ferma, quasi del tutto indifferente ai brividi. Da ciò potrei dedurre che sia Gildas ad essere fin troppo freddoloso ma prima di dare per certo questo pensiero dovrò fare dei tentativi anche su altri… Non oggi però: devo andare ad Aeglos. Quando la dama mi domanda delucidazioni circa la sparizione dei miei tatuaggi mi limito a farle spallucce e risponderle con, <<Non erano permanenti...>>.



    Il che è una mezza verità visto che non so nemmeno io cosa mi sia accaduto in stanza. Sorrido quindi a Cassandra, rassicurandola di avere tutto sotto controllo, e mi occupo infine anche delle ferite di Gildas . L’uomo però sembra particolarmente nervoso e violento, si ritrae perfino dalla mano del sottoscritto e la cosa mi lascia per un attimo spiazzato.



    <<Niente contatto, non ne ho bisogno…>>, dico tranquillo ed avvicinando il palmo lascio cicatrizzare ogni bruciatura, beandomi per qualche istante di tutte queste sensazioni che fino a qualche ora fa non riuscivo ad avvertire.
    La mia magia si disperde dalle mie mani in un fumo biancastro,



    ed appuratomi che non ci sia nessun altro da curare in ordine mi avvicino a Cassandra e riferendomi a Gildas le bisbiglio un, “fallo calmare, se puoi”. Questo comportamento non mi quadra, sono preoccupato. Saluto quindi i presenti con un inchino educato e senza ulteriori preamboli vado verso la mia stanza, chinando il capo agli eventuali guerrieri che incontrerò durante il tragitto. Mentre cammino però noto che sì è fatta già sera, parlare con Cassandra ci ha tolto più tempo di quel che pensavo ma almeno ho recuperato un pò di calma.



    Arrivato in camera mi lavo, rado e vesto, e dopo aver scritto a Gildas questo biglietto…



    Devo sbrigare alcune faccende ad Aeglos dunque mi assenterò per qualche ora, se qualcuno ti domanda riferisci pure questo: "ha già informato il Primo Cavaliere".
    Vado verso il Glados: Winterhold, sto arrivando.


    Nota: Permesso di uscita accordato dai master.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 11th September 2015 alle 23:58



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  9. #2439
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    CASSANDRA DE LAGUN

    Gildas mi replica stizzito, mi intima di lasciarlo e mi accorgo solo così che gli sto ancora stringendo il polso. Lo mollo subito, dato che ha rievocato l'arma, ma il suo tono di voce è anomalo.





    Ha di nuovo uno dei suoi sbalzi d'umore, prima in camera di Vicent era piuttosto sereno, forse sta ancora elaborando la faccenda di Esperin. Anche a Lady Araneae ha mostrato fastidio nel farsi toccare... ma nelle terme era sereno, ho potuto curarlo senza problemi.



    Le parole della nobildonna però mi distraggono e mi rassicurano circa mio fratello: era proprio Andreus il ribelle che l'ha ridotta in quello stato e lui ne è uscito indenne, solo ha riportato qualche ferita superficiale. Di riflesso, un sorriso di sollievo mi si stampa in faccia: sta bene, sta bene, sta bene! Ero così in pensiero ma... mi intristisco quando elaboro che invece Lady Araneae vi stava lasciando le penne. "Mi dispiace per le vostre ferite, Milady, purtroppo questa guerra... ci sta ponendo davanti a situazioni difficili e terribili" mi limito a commentare, colpevole come se io stessa le avessi inflitte quelle ferite. Vicent si congeda dopo aver terminato le sue cure e mi bisbiglia di far calmare Gildas.



    Annuisco sorridendo e lo vedo uscire, probabilmente sta andando ad Aeglos come mi ha avvertito prima. Mi rivolgo così verso il Demonar, con la voce gentile gli chiedo: "Le vostre ferite sono guarite? Se avete ancora bisogno, posso fare qualcosa".



    Sono cortese e gli sto sorridendo, Gildas è imprevedibile quindi meglio essere cauti e non prenderlo con scontrosità.

  10. #2440
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali



    Continuo ad osservare il giullare in totale silenzio. Non so nemmeno il perchè.
    Cosa mi aspetto che faccia? Che improvvisamente mi chieda aiuto?
    Magari per liberarlo dal suo tormento? Dal mio... tormento.
    Che pensieri idioti! Anche se ciò che sospetto fosse vero, non penso che lo confesserebbe alla sottoscritta.
    Che scema che sono.

    "Mi dispiace per le vostre ferite, Milady, purtroppo questa guerra... ci sta ponendo davanti a situazioni difficili e terribili" afferma con tono quasi colpevole, come se si stesse rimproverando di qualcosa.





    "Non dovete scusarVi - replico con tono fermo, ma cordiale - Quando ho deciso di unirmi a questa causa, sapevo perfettamente a cosa sarei andata incontro. Conoscevo i rischi. Ma condivido il Vostro pensiero: questa guerra ci pone innanzi a decisioni terribili. Noi e le persone che amiamo..."







    Resto ad osservarla in silenzio, mentre inizia a parlare con il giullare.
    Sono proprio curiosa di sentire cosa dirà.
    Ultima modifica di valuccia85; 27th September 2015 alle 21:56

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •