Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 266 di 339 PrimaPrima ... 166216256264265266267268276316 ... UltimaUltima
Risultati da 2,651 a 2,660 di 3385
  1. #2651
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Vicent perde 25 punti costituzione

  2. #2652
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alagos Fanon


    La scivolata viene prontamente schivata agilmente con un balzo dalla fanciulla mentre vedo la punta del suo pugnale posizionato perpendicolarmente al suo corpo, rilucere alla fioca luce dell’armeria prima di affondare verso il mio petto, una leggera brezza però investa la donna, è sicuramente vento, ne riconosco l’affinità, il vento di Lady Loren…brezza che scompiglia i miei capelli e sferza sul mio viso ….grazie mille bellezza per aver rallentato Lady Alinor…il pugnale affonda comunque nelle mie carni ma non nel petto quanto più lateralmente verso la spalla sinistra ferendomi … un dolore acuto è quello che mi coglie mentre Lady Alinor atterra dapprima sul mio corpo affondando il pugnale con tutto il suo peso mentre sento un qualcosa di morbido premere sul petto ( seno di Alinor U_U) ; la mia freccia intanto ancora stretta nella mano, incontra qualcosa, forse sono riuscito a ferire milady…nemmeno il tempo di rendermene conto che, la donna con un elegante capriola scostandosi da me mi supera , faccio per rotolare di lato libero dal suo peso quando avverto un colpo alla testa, il colpo è piuttosto forte e per un ‘attimo resto stordito mentre il caldo che sentivo lungo il corpo diviene dapprima freddo e poi ancora caldo e piccoli aghi prendono a martellare nella mia testa pulsando…
    -La puledrina scalcia molto bene direi…-
    Mi riprendo velocemente seppur il dolore continua il suo corso, riesco quindi a rotolarmi di lato verso la mia destra . Mentre ruoto quando mi ritrovo pancia a terra poco distante da dove ero prima, prendo la mia balestra dalla schiena e incocco una freccia, intanto il pugnale che Lady Alinor stringeva, pugnale ancora coperto dal mio sangue; fende veloce l’aria volando verso Lady Loren… se avesse il potere di mio padre potrei deviare il colpo della lama allontanando da Loren il pugnale, ma la vista non è molto lucida nemmeno con una freccia riuscirei a deviare il colpo, spero riesca a buttarsi a terra in tempo per non venire colpita in pieno.. Riporto l’attenzione su Lady Alinor …è veloce, prendo comunque la mira, voglio colpirla alla schiena…scocco la mia freccia, è di spalle, forse non si accorgerà subito del mio colpo. Mi tiro in piedi, ma ho un leggero mancamento, la botta deve avermi destabilizzato un poco, mi riprendo e mi metto in posizione di difesa…vediamo cosa farai Alinor Waters.
    So che sei più forte di me e più abile ma voglio combattere…tanto…sono quasi morto già tre volte o forse più…


    Lindthor---> Arma in forma dormiente.
    Ultima modifica di DELTAG; 25th September 2015 alle 16:01

  3. #2653
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Il Fulmine fa il suo dovere, ma non si può dire la stessa cosa dello scudo di vento: Vicent, immobile davanti a me, viene completamente travolto dalla scarica che invade ogni suo muscolo e gli brucia buona parte della pelle, provocandogli sicuramente fitte di dolore non indifferenti. È un miracolo che il cuore non si sia fermato. <<Niente s-scudo di vent-to>>, afferma abbattuto il Mietitore sottolineando l'ovvio. Non possiamo escludere del tutto che abbia sviluppato questo potere, forse non ha semplicemente capito come attivarlo, ma è difficile che non sia entrato in gioco durante un attacco del genere... quindi penso proprio che possiamo concentrarci su altro. Attendo pazientemente che Dreth si riprenda senza muovere un muscolo né dire nulla, mantenendo un'espressione neutra sul viso: io stesso devo imparare ad avere il pieno controllo sui miei nuovi poteri, perciò non voglio e non posso perdere la concentrazione. Questa specie di allenamento guidato sarà molto utile anche al sottoscritto. Quando l'elettricità inizia ad abbandonare la sua carne, Vicent mi propone di farlo letteralmente volare: dice che potrei usare un tappeto per portarlo in alto, al massimo a quattro metri di altezza, per poi lasciarlo cadere al suolo. In effetti se dispone del Volo il panico dovrebbe costringerlo almeno a levitare, per evitare lo schianto col terreno, altrimenti... beh, vedremo. Anche stavolta decido di seguire il suo consiglio, ma interpretandolo a modo mio. Non lo faccio per sadismo, anche se ammetto che mi sto divertendo: sono convinto che se agisco in modi inaspettati sarà più incline a reagire seguendo l'istinto piuttosto che la logica. <<Guardami>>, gli dico tranquillo, cercando di attirare la sua attenzione. Sto guardando lui, solo ed esclusivamente lui, ma in realtà la mia mente si sta connettendo a una delle panchine del giardino.

    Alterazione e illusione: Maestro - Telecinesi
    A piacimento in una vasta area qualsiasi cosa
    Voglio vedere se ho il totale controllo della Telecinesi, voglio scoprire se riesco a muovere qualunque oggetto senza nemmeno guardarlo. E la risposta è... sì: riesco ad avvertire il legame che ho stabilito con la panchina, so che potrei spostarla ovunque io voglia, è completamente schiava del mio volere. Quindi agisco anche stavolta il più velocemente possibile: la sollevo di qualche centimetro da terra e poi la faccio volare rapidamente verso Vicent. Mi assicurerò che l'uomo si trovi sulla panchina e poi sposterò entrambi verso l'alto... continueranno a salire sempre di più, molto più in alto di quattro metri, voglio che il Mietitore si spaventi. Forse la paura innescherà la reazione giusta. Ovviamente non lo farò cadere da una tale altezza, otterrei solamente una frittata di Vicent... quando avrò raggiunto circa i trenta metri lo farò scendere bruscamente e, giunti nuovamente ai quattro/cinque metri di altezza, lo priverò del supporto della panchina e lo lancerò verso la fontana.
    Our wills and fates do so contrary run

  4. #2654
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Vicent Dreth

    Agli occhi di Aiden mi mostro calmo, imperturbabile, insofferente, ma la realtà è che quel fulmine mi ha provocato danni ingenti. Riesco a reggermi in piedi per puro miracolo, la testa gira vorticosamente e mi fa un male pazzesco mentre le ustioni… Beh, bruciano. Tanto. Ironicamente il punto del corpo che non mi fa male sono proprio le braccia: credo di aver perso la sensibilità. Cerco di recuperare la mobilità almeno alle mani aprendole e chiudendole lentamente, inizialmente l’unico movimento che riesco a produrre sono scatti, dolorosi e convulsivi, ringhio come una bestia pur di non dare la soddisfazione ad Aiden di vedermi agonizzare e mi sforzo di ripetere “l’esercizio” fin quando non riesco a muoverle come voglio.



    Dopo qualche interminabile istante l’elettricità abbandona il mio corpo e - più male che bene - mi riprendo. La vista resta annebbiata, la lucidità è ridotta e le fitte sono atroci, ma mi impongo di resistere e sfruttare l’alta soglia al dolore di cui dispongo.



    Scuoto la testa un paio di volte prima di focalizzare Aiden e con un po’ di difficoltà gli suggerisco la mia malsana idea a cui lui risponde con <<Guardami>>.



    E Certo, la mette facile perché non è mica lui il pirla ad essersi preso 130 volt di scossa. La pelle tira, dannazione, non riesco nemmeno a guardarlo male. Inspiro profondamente obbedendo all’ordine finché finalmente non sento qualcosa costringermi a sedermi e sollevarmi verso l’alto. Volo e la testa prende a girarmi sempre di più istante dopo istante in cui l'oggetto su cui sono seduto sale vertiginosamente fin quando... Dopo che vedo la torre a... Oh, ma ha davvero la forma di una mezza lun - <<AAAAAAAAAAAAAAAAAAH!>>. Cado urlando come un ossesso. Metro dopo metro il suolo si fa sempre più vicino ed io provo a reagire, agitando le braccia come un emerito imbecille pur di volare ma… Nulla. Sto precipitando nel vuoto. <<AIDENNNNNNNNNNNN!>>, giuro che se resto vivo lo ammazzo! Lo strangolo con le mie stesse mani quel sociopatico di un Urthadar! La vista comincia ad offuscarsi, l’aria prende a mancarmi e tremo per il freddo, il dolore e la paura. Sento poi le forze mancare ed assieme a loro perfino l'appoggio su cui ero aggrappato...



    Perfetto... Morirò prima ancora che io trovi il mio potere, finirò spiaccicato al suolo o contro la statua della Ex Regina ed invece... ACQUA. L’impatto caldo - freddo unito all’acqua che penetra nelle piaghe mi provoca fitte immani. Lancio un unico urlo, che viene soffocato dall’acqua stessa, e mi contorco dal dolore rendendomi conto troppo tardi di essere immerso… Vorrei nuotare ma non ci riesco, ogni movimento, anche minimo, mi produce un dolore talmente forte da rischiare di farmi svenire. D’un tratto però un formicolio fastidioso alla mano destra mi fa sgranare gli occhi, qualcosa di familiare, che ho già usato ad Aeglos in maniera inconsapevole, prende forma rapidamente nel palmo: aria. Mi assicuro di arrivare fino al fondale della fontana, poi sfruttando un barlume di lucidità, plasmo la potenza del vento a mio piacimento rilasciando in questo modo una corrente d’aria debole.

    Distruzione - Furia dei Cieli: L'incantatore è in grado incanalare la propria energia nella mano e plasmare il vento; (Maestro) Si genera un tornado di circa 3 metri di altezza e 2 di larghezza, che è in grado di travolgere il nemico e sbalzarlo in aria, l'incantatore lo crea nelle sue immediate vicinanze e può direzionarlo in un'area di 10 metri. Può causare gravi danni da impatto. [Usata l'abilità a potenza allievo]

    Complice la spinta magica raggiungo rapidamente la superficie dove galleggio a fatica tra le onde, sforzandomi di respirare per accumulare aria e soprattutto di assumere una posizione da morto.



    Non sento più nulla, so solo che mi fa male la testa e che non riesco nemmeno a parlare, rimango quindi inerme, intontito dal dolore, ad ascoltare il mio battito del cuore interrotto ritmicamente dalla pioggia…



    Ultima modifica di Damnedgirl; 30th September 2015 alle 16:00



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  5. #2655
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS


    Rotolo sul letto e mi sdraio sulla schiena, spulcio tra i fiori con la mano sinistra e ne annuso l'odore per qualche secondo: dei meravigliosi petali dalle sfumature viola e rosa mi inondano le narici di freschezza e delicata effervescenza.
    Oh Vicent, quanto sei sciocco! Se credi che questo basti a farmi dimenticare quello che mi hai fatto stai prendendo una bella cantonata, avrò la mia soddisfazione in un modo o nell'altro, stanne pure certo.
    Allargo entrambe le braccia e lascio scivolare i fiori sul pavimento, poi mi alzo dal letto senza badare a dove metto i piedi: ops, potrei aver calpestato qualcosa.


    E' arrivato il momento di uscire da questo insignificante buco. Preparo da me il bagno per evitare sorprese come l'ultima volta e mi immergo nell'acqua calda, adoro il caldo, la sensazione che mi da sulla pelle.


    Mi rilasso per dei minuti che sembrano un'eternità e quando esco dalla vasca e poggio i piedi nudi sul pavimento un brivido mi sale fino alla schiena. Corro ad asciugarmi avvolgendomi in un telo bianchissimo, dopodichè mi vesto e sto per uscire quando con la coda dell'occhio noto il mazzo di fiori a terra, non posso di certo lasciarlo così.


    Mi avvicino inginocchiandomi e tendo la mano: la fiamma è rapida e avvolgente e in pochi istanti consuma tutto quello che si trova nel suo abbraccio.
    Soddisfatta esco finalmente dalla stanza e faccio un cenno ad un servo che accorre subito: "Spegni le fiamme prima che facciano danni, qualcosa deve aver inavvertitamente preso fuoco".
    Faccio pochi passi prima di accorgermi che sta ancora piovendo, possibile che con tutti i soldi che hanno, questi poveracci dei Raeghar non abbiano mai pensato di fare una passerella coperta? Omuncoli senza cervello! Mi distraggono delle voci, urla ... qualcuno chiama Aiden a gran voce. Mi affaccio all'apertura ricavata nel muro che da sul giardino giusto in tempo vedere Vicent volare dall'alto dritto nella fontana, mentre Aiden si gode lo spettacolo comodamente seduto su una panchina volante. Faccio un mezzo sorriso, ad Asshai questi due sarebbero una meravigliosa coppia comica.


    Quando vedo Vicent contorcersi nell'acqua come un'anguilla e poi risalire a galla non riesco a trattenermi dall'applaudire. Il suono prodotto dalle mie mani è forte e cadenzato: "Bellissimo spettacolo Vicent! Dai, fatemi vedere ancora qualcosa di divertente, ne ho davvero bisogno, sapete, questo non è un momento felice." - esclamo rivolgendomi ad entrambi i contendenti.

    #Maestro Tempesta di fuocoL'incantatore genera una colonna di fuoco direzionabile nell'area di 10 metri, alta al massimo tre metri e larga due, dove l’incantatore non ne è il fulcro, ma nelle sue immediate vicinanze, provoca ustioni di terzo/quarto grado


  6. #2656
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters



    Lancio con forza il pugnale verso Lady Loren, restando concentrata, prima di rivolgere rapidamente lo sguardo in direzione di Sir Fanon già pronto a colpirmi.



    L'elfo scocca una delle sue frecce e, d'istinto, mi getto a terra, a destra, prendendo solo di striscio la freccia.
    Sir Fanon sembra rialzarsi con fatica, probabilmente gli farà male la testa dopo il mio calcio. Restando distesa a terra, davanti a me, scorgo un elmo.



    Velocemente lo afferro e mi rialzo, puntando il ragazzo. Tiro indietro il pesante copricapo per poi lanciarlo con forza in direzione dell'avversario. Voglio colpirlo in pieno viso per stordirlo ancora maggiormente.
    "Usate questo la prossima volta!" esclamo poco prima del lancio.



    Solo che stordirlo non basterà. Mi metto quindi in posizione evocando il potere dell'elemento che controllo. I fili di pioggia che cadono perpendicolarmente fuori dalla finestra convergono istantaneamente nelle mie mani dopo il mio silenzioso richiamo.
    In una danza di tanti minuscoli aghi d'acqua si formano ben presto due grandi sfere acquatiche.



    Se l'elmo l'avrà colpito o meno, spero che l'indossi, perchè quest'attacco potrebbe stordirlo del tutto. Se non altro, il lancio del copricapo, sarà servito comunque per distrarlo.



    Rapidamente le due sfere raggiungono la loro massima dimensione. Gli schizzi provocati dal loro continuo turbinio giungono ovunque. Carico l'attacco, e alla fine, esercitando tutta la mia forza, scaglio le due vorticose sfere in direzione di Sir Fanon.



    Solo quando mi assicurerò che il colpo l'abbia centrato, mi dedicherò a Lady Loren, altrimenti correrò velocemente a zig zag verso l'elfo sferrandogli un pugno all'altezza dello stomaco.



    Tempesta acquatica – Ogni mano genera una sfera di acqua dal diametro di un metro, le quali roteano in sensi opposti. Vengono lanciate contemporaneamente e quando colpiscono, stringono l’avversario in una morsa schiacciandolo e strisciandoci contro con forza. Provoca escoriazioni, danni da urto e contusioni.
    Ultima modifica di scarygirl; 26th September 2015 alle 12:16


  7. #2657
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Ok, direi che abbiamo anche il secondo responso: niente volo. Osservo immobile la scena che ha del tragicomico, uno spettacolino che si conclude con la triste caduta di Vicent nella fontana. Meno male che non ha distrutto col suo capoccione la statua di Margarete, altrimenti Lantis avrebbe avuto altre due teste per la sua collezione... meglio evitare la cosa. A quanto pare il colpo è stato abbastanza traumatico perché il ragazzo non si muove, si limita a galleggiare come un tronco di legno sull'acqua, quindi direi che è il caso di intervenire. Mi avvicino al Mietitore mentre un forte applauso mi distrae. "Bellissimo spettacolo Vicent! Dai, fatemi vedere ancora qualcosa di divertente, ne ho davvero bisogno, sapete, questo non è un momento felice", sento la voce di Adamantia tutta allegra, e le rivolgo un caldo sorriso. Poi afferro Vicent dal collo con entrambe le mani e, con non poca fatica, cerco di tirarlo fuori dalla fontana. Se riuscirò nel mio intento continuerò a tenerlo per il collo con una mano, e poi inizierò a prenderlo a pugni con l'altra. <<Reagisci>>, gli sussurrerò, in modo che possa sentirmi solo lui e non la donna. <<Lasciati andare>>. Aumenterò la potenza dei pugni, fino a quando non otterrò una reazione. <<Fammi vedere di cosa sei capace>>.
    Our wills and fates do so contrary run

  8. #2658
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS

    Aiden si accorge della mia presenza e mi rivolge un sorriso amabile: bravo, ridi adesso che ancora puoi, abbiamo ancora quel discorsetto in sospeso noi due.
    Lo vedo poi con tutta calma afferrare Vicent dalla fontana e colpirlo ripetutamente mentre gli sussurra qualcosa. Non riesco a sentire e mi scopro a sporgermi dall'apertura per riuscire ad afferrare almeno una parola, ma niente.
    Piove e mi sono bagnata la fronte. Mi volto quando sento un tonfo provenire alle mie spalle, il servo che ho chiamato per spegnere il fuoco deve aver urtato qualcosa: "Pezzo d'imbecille! Non devi distruggermi la camera." - mi affaccio alla porta della stanza giusto in tempo per vedere i cocci della lampada che era sul comodino sparsi sul pavimento bruciacchiato.
    Guardo l'inetto che abbassa subito lo sguardo prima di incontrare il mio: "Guardami subito negli occhi. Ti ordino di guardarmi!" - vedo l'uomo titubante alzare la testa.
    7 anni prima
    "Perdonatemi, signorina, non succederà più." - la ragazza era in ginocchio, la mano sanguinante. Lo specchio portagioie che le aveva regalato Sir Tremont era in frantumi, a terra.
    Quella stupida ragazzina non aveva saputo stare al suo posto e l'aveva rotto, ma avrebbe imparato dai suoi errori e nel peggiore dei modi.
    "Puoi giurarci che non succederà più: alzati e guardami. Guardami ho detto!" - alzò la voce e d'istinto la ragazza la guardò. In un attimo Adamantia incatenò i loro sguardi, la voglia di punirla era forte, violenta e non riusciva a contenerla. Chi l'avesse vista adesso avrebbe fatto fatica a credere che era la stessa persona che solo due anni prima aveva provato ad avere una vita diversa da quella che avevano programmato per lei.
    "Adesso pulirai tutto fino a quando non vedrò brillare ogni cosa, ogni oggetto, ogni superficie ogni ninnolo presente in questa stanza. E quando avrai finito qui farai la stessa cosa in tutte le stanze del palazzo, a cominciare da quella di mia madre. Potrai mangiare, bere e dormire soltanto quando avrai terminato il tuo lavoro e quando io avrò detto che va bene. Ci siamo intese?" - la ragazza annuì con occhi assenti - "Bene, puoi cominciare. Così la prossima volta imparerai a toccare le cose che non ti appartengono."
    Ma non ci fu mai una prossima volta perchè la ragazza era così stremata dalle condizioni estenuanti di lavoro che non riuscì a terminare nemmeno la metà delle stanze da pulire quando cadde a terra stremata e senza forze, per non rialzarsi mai più.
    Guardo l'uomo ma all'ultimo decido di non usare il mio charme, in fondo è un servo ed un servo è tenuto ad obbedire in ogni caso, non ho bisogno dei miei poteri.
    "Voglio che sia tutto pulito in poco tempo. E sostituisci la lampada che hai rotto. Per questa volta non ti farò frustare, ma sta' attento."
    Lascio la stanza e ritorno nuovamente ad osservare Aiden e Vicent che lottano sotto la pioggia, non sarebbe meglio se si togliessero gli abiti? I loro movimenti sarebbero meno impacciati.


  9. #2659
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alagos Fanon


    La mia freccia taglia l’aria, raggiunge il bersaglio, ma milady è molto abile e veloce, intuisce il mio colpo troppo lento per lei e si butta a destra, ma la freccia riesce comunque a sfiorare il suo delicato corpo.
    E’ a terra ed io ho ancora la balestra puntata su di lei, ma la testa duole pulsando fortemente. La vedo in un frangente con un gesto rapido trascinare qualcosa verso di se, raccoglierlo da terra, rialzarsi e…
    "Usate questo la prossima volta!"
    …lanciare quella cosa che pare un elmo d’armatura, in mia direzione.
    Per la natura degli Siamesi, se quello mi colpisce mi fa male, molto male!
    Schivo il colpo scostandomi dalla traiettoria di tiro per poi buttarmi verso destra, per poco non mi colpisce cadendo a terra con un pesante tonfo. Almeno per il momento ho evitato di fracassarmi la faccia.
    Faccio per correre verso di lei tentando di fare una finta per poi abbassarmi e mirare allo stomaco dove vedo lo strappo sulla veste causato dalla mia iniziale freccia, quando mi blocco nell’attimo in cui vedo dei fili argentati scendere dal cielo e concentrarsi velocemente nelle sue mani. Resto per un attimo incantato dall’eleganza del suo elemento che prende forma prima di tornare a concentrarmi sulla scena anche se il dolore al braccio e quello dovuto al suo calcio, sono ben presenti.
    -O Ca**o! Acqua! - Ecco che realizzo.
    -Altro che elmo. Quello era solo un diversivo ! Qui la faccenda si fa pericolosa! -
    Non posso contrastare il suo colpo, anche volendo è troppo veloce per me, non mi resta che tentare di schivare.
    Non appena vedo il colpo partire spicco un balzo verso l’alto, richiamando a me il potere della mia levitazione, riesco a sollevarmi per quasi tutta l’altezza a cui posso arrivare, ma non sono abbastanza rapido, quelle due sfere d’acqua si schiantano con violenza contro la parte inferiore delle mie gambe, spingendomi contro il muro di fondo stanza e, schiacciandomi con tutta la loro forza. Un urlo è quello che scaturisce dalle mie labbra mentre sento scricchiolii sinistri provenire dalla parte bassa delle mie gambe e, per effetto del colpo e della spinta impatto anche contro il muro accusando una forte botta sulla schiena benché protetta da armatura. Il colpo mal assorbito mi smorza il respiro.
    Scivolo quindi a terra tossendo e annaspando come pesce fuor d’acqua in cerca di ossigeno mentre un sapore metallico raggiunge la mia gola, a quanto pare la botta alla schiena ha causato danni interni. Gocce di sangue cadono a terra scivolando dalle mie labbra. Asciugo con la mano quel rivolo cremisi formatosi in un angolo e cerco di rimettermi in piedi ma al momento non ci riesco.
    Con la schiena appoggiata lungo il muro che mi da sostegno, cerco di incoccare nuovamente una freccia, consapevole che questa volta probabilmente il mio colpo non andrà a segno.
    La vista è piuttosto appannata e la spalla sinistra è ferita ma non voglio arrendermi, posso ancora combattere…sono un Fanon in fondo.
    <<Non mi piego. Piuttosto mi spezzo.>>
    Mormoro per poi far partire il colpo con l'intento di colpirla nello stesso punto in cui la prima freccia ha scalfito.



    Lindthor---> Arma in forma dormiente.
    Levitazione/Volo – Si sposta ad un altezza massima di 2 metri
    Ultima modifica di DELTAG; 28th September 2015 alle 19:11

  10. #2660
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alagos sottrae 40 punti alla costituzione, Alinor 10

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •