Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 46 di 339 PrimaPrima ... 3644454647485696146 ... UltimaUltima
Risultati da 451 a 460 di 3385
  1. #451
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    LANTIS RAEGHAR

    Evade la mia domanda, come giusto mi aspettavo: ostenta sicurezza ma, in realtà, non ha la più pallida idea se riuscirà o meno a farsi obbedire dal figlio. Conosco Ryuk, era già un soldato quando iniziavo il mio addestramento, e ricordo bene quanto fosse indisciplinato, rozzo, completamente insofferente ad ogni tipo di autorità. Ottimo guerriero, una macchina per uccidere, ammiravo la sua forza, ma ora che ha tradito... è solo un pezzo di sterco inutile. Ecco cosa è riuscito a fare il tuo seme, possente "Lord caga Diamanti": un pezzo di inutile sterco. Trovo ironico che il punto debole di questo grand'uomo e delle sue politiche sia proprio il suo unico figlio maschio, il suo erede. Forse mio padre non è mai stato l'uomo spietato che magari Dohaeris abbisognava, ma almeno non ha procreato feccia reietta. I Leithien, i terribili e temibili Leithien: un cancro che divora da solo se stesso, tanto è sconfinata la sua avidità. La grandezza di un casato si vede anche da questo, non da quanti ragazzini riesci a far tremare con lo sguardo. L'intervento di Cassandra mi ha interessato, ma avrei molto da ammonirle: dovrò parlarle più tardi. Il nuovo Comandante, invece, è degno del suo nome e del suo titolo: ambizioso, viscido, ma temerario. Se potesse, infilzerebbe un pugnale alla mia schiena e a quella di Tywin, ma immagino abbia già castigato la Regina con la sua spada per avere i suoi favori. Mi irrigidisco, senza lasciarlo trapelare, quando rivolge una domanda a mia sorella. Cane, cane di un Leithien. Mi rilasso subito quando denoto che Esperin non si fa intimidire dall'uomo e risponde con un tono persino gentile, diplomatico: è vero, pronuncia un mare di sciocchezze, ma è lo spirito quello che conta. E poi, poteva mancare lei, la nostra venerabile septa? Ovviamente, no! Non comprenderò mai il motivo per cui i suoi torturatori non le abbiamo mai tagliato la lingua! La guardo e sollevo un sopracciglio: ma con chi pensa di avere a che fare? La battaglia... ovvio che la battaglia è solo un modo per tenere Tywin lontano dall'argomento più importante, questione che non vedo perchè affrontare dinanzi a lei e a tutti... assottiglio lo sguardo mentre la fisso... se vuole testare un'aura di tenebra, sono disponibile. Tywin le ribatte senza problemi, svelando il vero motivo della sua visita: la possibilità di combinare un matrimonio tra Esperin e Ryuk. Stupida vecchia, avrei voluto affrontare con più delicatezza questo punto con Esperin! Inoltre, non vorrei mai un altro Leithien ansimare sul trono come già fa la Regina... la ribellione di Ryuk non solo mi torna utile, ma mi serve per sventare questa possibilità. Ma no, parliamo a vanvera, vecchia strega! Non posso negare a Tywin il mio appoggio, devo fare buon viso a cattivo gioco, non posso certo mettere in pericolo il trono per l'amore verso mia sorella... se, quindi, il motivo dell'impossibilità di questo piano venisse dall'esterno sarebbe certamente la cosa migliore!
    "La nostra nobile septa è certamente stanca e vorrà riposare" le dico con un tono duro, severo, che non ammette repliche. "Anche perchè ho intenzione di schierarla per la battaglia a Solumquae... dovete essere lucida per la battaglia. Se vorrete raggiungere le vostre stanze, vi capirò" concludo a muso duro. Non rovinerai un momento così delicato con la tua inopportuna strafottenza.
    "Oh Altezza, sono davvero lieta che i nostri pensieri siano così affini" gracida la rana bionda. Pensieri affini? Bhe, effettivamente ci ammazzeremmo a vicenda molto volentieri: può definirsi una sorta di affinità anche quella. "Mia Regina, siamo illuminati entrambi dall'amore per Dohaeris, i nostri pensieri volano all'unisono proprio grazie a tale luce" le rivolgo un mezzo sorriso. "Certamente Altezza, e l'avrei comunicato proprio durante questa riunione... io e il Comandante Urthadar abbiamo convenuto che i due belligeranti alla prossima battaglia di Solumquae fossero proprio la septa, che io ho allenato personalmente, e Lady Feralys, famosa per essere la più temibile strega di Asshai" dice con il suo solito tono mellifluo, velenoso e accattivante. Di primo acchito mi verrebbe da ridere, ma... dichiara di aver allenato la septa. Cosa si saranno dette? Deirdre avrà recuperato i suoi poteri? Una parte di me sta facendo di tutto perchè ciò accada, far ritornare la tremenda Strega dell'Ovest ai vecchi fasti, così da scatenarla contro i nostri nemici. La vecchia è insolente e insopportabile per quanto riguarda la politica, almeno che si renda utile lì. Inoltre, è intelligente e saggia: sa che non deve fare la sciocca e che i Raeghar le servono per sopravvivere. Perchè io non le taglierei la lingua per non dispiacere mia sorella, mentre Lord Tywin non esiterebbe a farlo. E poi, c'è la questione del medaglione. "Mi sembrano scelte ragionevoli, mia Regina" che ci sia lo zampino di Urthadar? "perchè se Ryuk non dovesse piegarsi e il nemico lo schierasse ancora, sarebbe sciocco da parte nostra puntare sulla mera forza bruta". Eh sì, mio Lord, ho messo in discussione che tu possa convincerlo. "Mio cugino Ryuk non farà certo resistenza ai comandi del Lord mio zio... è stato persino lui ad informarmi della scissione tra Reietti e Ribelli" mi dice Lumen con un sorriso compiaciuto. Era lui, dunque, il famoso informatore! Che quindi la sua ribellione sia solo una manovra di Tywin? No, mi era sembrato sorpreso al Castello Nero. La sconfitta ad Amaranthis poi... se fosse stato una spia, avrebbe fatto di tutto per non essere schierato. O magari l'ha fatto per conquistare la fiducia di Drako. "Allora i miei dubbi sulla lealtà di Ryuk iniziano a dissiparsi, mia Regina, potevate avvisarmi subito di tal faccenda" piccola serpe velenosa "se quindi è una spia tanto abile, quali altre informazioni ha comunicato? Certamente i nomi di coloro che hanno seguito Drako" le insinuo per testare fin dove si sono spinti i Leithien. "Non ho più avuto notizie di Ryuk da quel giorno... probabilmente, non deve essere facile, per lui, comunicare con noi" bofonchia la ragazzotta. "Capisco, deve essere difficile eludere la sorveglianza di Drako, un uomo dedito alla fiducia verso il prossimo e alla generosità" ribatto con un tono sarcastico. Mi rivolgo di nuovo a Tywin, tanto per girargli la frittata, ma sempre con eleganza, non sia mai giocarmi la sua alleanza. "Voi conoscevate certamente questi risvolti, mio Signore, tanto che prenderò come diamante splendente la vostra ammonizione precedente di non essermi informato sulla posizione di vostro figlio... non dubitate che se è come dice la Regina e Ryuk ha continuato a servire il Regno, sarò lieto di stringere un doppio filo tra le nostre famiglia e concedergli la mano della mia amatissima sorella" affermo guardandolo dritto in faccia. Forse non hai tutto sotto controllo, mio vecchio claudicante. Prendo la mano di Esperin, mentre dico quest'ultima frase, e la stringo nella mia: voglio che non si agiti, prima di parlarle in privato e spiegarle tutto. Sono i momenti che rimpiango di non essere un mago, così da infonderle tranquillità.

  2. #452
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    “Capisco, allora resterò nell’attesa di vedere le teste di Kalisi ed il capo dei ribelli, appesi al muro come fossero trofei, Comandante... al più presto”. Pronuncia poi delle parole rivolte alla principessa, mantenendo però lo sguardo fisso nel mio. Mi state mettendo alla prova? Sono uno stregone, lo sapete benissimo che posso resistervi senza alcun problema. Non sarà di certo questo fastidio viscerale a farmi abbassare gli occhi, ho un orgoglio più forte di qualsiasi magia.

    Esperin ripete ciò che ho detto io in forma leggermente più diplomatica. Non la biasimo, cosa avrebbe mai potuto dire? Che risposta si aspettava il Lord? L'animo nobile della giovane è celebre, sicuramente anche Tywin ha avuto modo di sentirne parlare, si aspettava forse un commento crudele e violento? Ciò che è certo è che il Leithien ci sta mettendo alla prova, uno ad uno: è per questo che mi ritrovo ancora a sostenere la pressione del suo sguardo. Sento una goccia di sudore scorrermi sulla tempia... ma ci vorrà ben altro per farmi cedere.

    È il momento della septa, finalmente. Critica i nostri discorsi, confermando la mia ipotesi di stamattina: è difficile accontentare la strega dell'ovest. Riduce la mia accurata analisi a dei "buoni propositi"... se non fossi ancora impegnato della mia silenziosa sfida con il Lord, ruoterei gli occhi. Se pensa che le lezioni che abbiamo imparato da questa sconfitta non ci saranno di alcun aiuto, non so che altro dire per farle cambiare idea. Decido quindi di lasciar correre, interessato più alla parte finale del suo discorso, quando domanda al Lord il vero motivo della sua visita. Un quesito che ci stiamo ponendo tutti, francamente, ma solo lei poteva avere il coraggio di esporlo ad alta voce.

    Quando Tywin distoglie lo sguardo, mi permetto di chiudere per qualche istante gli occhi: faccio un respiro profondo e li riapro, più calmo. Nessuno dovrebbe aver notato nulla. “Il motivo principale è per sollecitare un lieto evento, unire le casate dei Raeghar e dei Leithien.... A primo acchito penso di aver udito male le parole del Gran Maestro. Unire le casate...? Strabuzzo gli occhi quando comprendo ciò che intende veramente: le mie iridi si posano sul viso della principessa. Non ci credo, non ci posso credere... E Lantis avrebbe acconsentito a ciò? Lo guardo di sfuggita, potrei forse averlo valutato male? È una mossa politica estremamente astuta, ma dubito che Esperin sarà della stessa opinione. È... una notizia difficile da digerire, non perché me ne freghi qualcosa di chi prenderà la verginità della principessa, ma perché questo è l'ennesimo avvenimento che mischia ancora le carte del mazzo. Devo adattarmi anche a questo nuovo cambiamento, e cercare di ricavarne più frutti possibile. La vera domanda è chi abbia proposto questo accordo: Lantis stesso, o il Lord? I Raeghar hanno bisogno dei Leithien, ma i Leithien otterrebbero solo vantaggi nel legarsi ancora più strettamente con la casa regnante. Entrambi vincono, nessuno perde. Con chi devo fingermi entusiasta? Con chi scandalizzato?

    Il reggente prende parola, zittisce la septa, e nel farlo conferma che verrà schierata in campo il giorno seguente. Al che sento gracchiare la regina, contenta che Lantis la pensi come lei. Effettivamente è curiosa questa coincidenza di opinioni, che penso siano causate dallo stesso motivo: disfarsi dell'elemento più scomodo. Altro che astuta strategia... Perché la realtà è questa, ora come ora: è molto più pericolosa una vecchiaccia che non sa stare zitta rispetto a un nobile assetato di potere. E mi va benissimo così, è un ottimo capro espiatorio che mi permette di distogliere l'attenzione dai miei passi falsi. Il reggente approva anche il nome di Adamantia, e beh, fin qui tutto bene. Alla fine questa riunione si sta rivelando più piacevole del previsto, tranne che per Esperin ovviamente, e per questa aria di morte che aleggia... ma d'altronde siamo seduti a pochi passi dal Gran Maestro più temuto di tutta Dohaeris.

    Attirano la mia attenzione le ultime parole di Lumen: era quindi Ryuk, il suo informatore? Non sembrava proprio, intenzionato com'era ad affettare me e Cassandra. Dovrei chiederle spiegazioni... capire se sta bluffando, o che. Per il momento decido comunque di rimanere in silenzio e concentrarmi sulla principessa, che ancora non ha reagito alla notizia. Non mi aspetto di certo allegria e contentezza, anzi, spero di vedere delle lacrime: diamo una svolta a questo incontro...
    Our wills and fates do so contrary run

  3. #453
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    La mia risposta al Lord viene messa in secondo piano dall'intervento della septa, la quale esprime chiaramente la propria opinione su tutta la faccenda, senza peli sulla lingua. Avvezza ormai ai suoi modi non bado alle parole che pronuncia, né al fatto che ci stia dando a tutti degli inetti, Lantis compreso.
    Tuttavia propone anche alcune idee a mio parere buone, come ad esempio recuperare la lista delle persone che hanno lasciato il palazzo a seguito della scissione delle tre fazioni. Un'idea buona, utile, anche se difficilmente realizzabile.
    Quello che più mi colpisce però è la sua frase finale, con la quale chiede chiaramente all'uomo quale sia il reale motivo della sua venuta alla Torre.
    Me lo sono chiesta in effetti nel momento stesso in cui ci è stato comunicato, reputo strano che venga qui solo a trovare noi o la nipote, quando ha un esercito da gestire e nemici che ci attaccano su più fronti. Inoltre il tono di voce di Lantis, e il suo avvertimento in giardino...c'è qualcosa di strano nell'aria.
    Lo osservo attentamente, in attesa della sua risposta, quando questa giunge...inesorabile.
    Il motivo principale è per sollecitare un lieto evento, unire le casate dei Raeghar e dei Leithien, come è già avvenuto con mia nipote ed il Sovrano, ma questa volta trattasi di mio Figlio in persona e come potete ben immaginare, il suo disertare ritarda solo l’evento. Ma… ne discuteremo meglio in privata sede, non è vero, Principe Lantis?
    No...non può essere.
    Non può...non possono davvero stare pensando di...io...oh Dei. No!
    <<Oh, ci mancherebbe, mio Lord, certo che comprendo! E sono felice che si tratti di un tale lieto evento!>>
    Stanno scherzando. Stanno scherzando tutti. Vero?
    Lantis non può davvero pensare di darmi in sposa ad un rozzo traditore sanguinario come Ryuk Leithien.
    Non può pensare di stringere alleanze con la casata di cui fa parte la Regina, che sospetta abbia avvelenato nostro padre.

    Osservo prima Tywin, poi mio fratello, poi di nuovo Tywin.

    Sono così dannatamente seri, mentre parlano tra di loro di quello che a quanto pare vogliono sia il mio futuro marito. Cosa mi importa se abbia tradito davvero o se abbia seguito Drako solo per spiarlo?
    Per me resta ugualmente un assassino sanguinario. Non sarò mai sua! Mai!

    Torno a guardare Lantis speranzosa, ora dirà che è tutto un equivoco, che il Lord ha detto una sciocchezza e che non permetterebbe mai una simile ignobile fatalità.
    "Voi conoscevate certamente questi risvolti, mio Signore, tanto che prenderò come diamante splendente la vostra ammonizione precedente di non essermi informato sulla posizione di vostro figlio... non dubitate che se è come dice la Regina e Ryuk ha continuato a servire il Regno, sarò lieto di stringere un doppio filo tra le nostre famiglia e concedergli la mano della mia amatissima sorella" aggiunge invece, stringendomi da sotto al tavolo la mano.

    L'ha fatto davvero, ha acconsentito. La mia vita è finita.

    So che è normalissimo, i matrimoni tra casate importanti sono indispensabili per mantenere lo stato delle cose nel Regno, e per acquisire maggiore potere.
    Il matrimonio tra i miei genitori è stato combinato, quello tra Lantis e Lumen anche, nonostante alla fine mio padre si sia sacrificato sposando quell'arpia per permettere a Lantis di seguire il suo cuore.
    Il matrimonio tra Lantis ed Alinor non è da meno...quindi perchè la cosa mi coglie così impreparata?
    Forse speravo che le cose per me fossero diverse, che il mio amore per Drako fosse più forte...che alla fine sarebbe stato lui mio marito. Illusa. Come posso essere così stupida, ha dannatamente ragione la mia septa!!!

    Sento la rabbia crescere dentro di me...una rabbia mai provata prima. Una rabbia che temo possa esplodere, facendomi commettere qualche sciocchezza davanti a tutti.
    Lascio la mano di mio fratello, rivolgendogli un sorriso forzato, e stringo le mani sulle ginocchia, intrappolando tra le dita il tessuto del vestito. Non ce la faccio.
    Sono tesissima, sento il cuore accelerare, temo che possano sentirlo anche dall'esterno. Fatico a respirare, sento che mi manca l'aria. Vorrei scusarmi ed andare via, come ho fatto prima con la Regina.
    Vorrei alzarmi e mandare al diavolo tutti, rifiutandomi di fare quello che mi stanno ordinando ed eventualmente scappare.
    Scappare lontano, magari raggiungere Drako. Potrei farlo, lui mi accoglierebbe a braccia aperte e sono sicura approverebbe la mia scelta di non sposare quell'uomo.
    Si forse si...forse potrei. Al diavolo tutti! Vi odio...vi odio tutti per quello che mi state facendo!
    Il battito del mio cuore non accenna a diminuire, sono fuori di me. Potrei urlare da un momento all'altro.

    Ma poi...un contatto. Sussulto nel sentirlo, nel rendermi conto che qualcuno mi ha preso nuovamente la mano, ma questa volta la mano destra. E' la septa.
    Ricambio il gesto stringendo la sua mano, forte...sempre più forte. Mi rendo conto che le sto facendo male, ma so che non le importa...che il suo scopo è proprio quello.
    Scarico tutto il nervosismo in quella stretta, traendone forza e riuscendo ad impedire al mio corpo in questo modo di iniziare a tremare come una foglia.

    Penso a Drako, al mio amore per lui...a mia madre e ad i suoi insegnamenti. A mio padre, quando mi disse che avrebbe fatto di tutto per darmi in moglie ad una persona che io avessi amato davvero. E stringo, stringo sempre più forte, fino a sentire la sua carne sotto le mie unghie.
    Dovrei fermarmi, non dovrei farle male. Ma lei stringe a sua volta, incitandomi a continuare...è quello che vuole. Che io scarichi su di lei quello che sto provando, invece che palesarlo all'esterno.

    Ripenso alle sue parole quella sera... quando parlammo di mio padre.
    <<Siete una Raeghar, e lo sapete. Siete una principessa, e mi auguro sappiate anche questo. Ma al momento, per quello che vedo...siete solo una stupida. Una bimbetta che non sa dove voltarsi ad ogni brutta notizia che riceve, per nascondere i lacrimoni. Le persone vi parlano, vi guidano nei propri ragionamenti, insinuano in voi fiumi di parole e raggiri e Voi....? Cosa fate Voi, se non agire da perfetta ragazzina insulsa quale siete? Cosa avete fatto fin'ora, se non piangerVi addosso come la più ignorante delle serve? Posso solo augurare a Vostro Padre la morte, se quello che gli aspetta riprendendosi è una figlia di tal fatta maniera! Immagino già come Vi guarderebbe Vostra Madre, delusa per quanto sia sterile ogni Vostra azione, guidata dall'inerzia! Si, proprio così, ormai Vi trascinate piuttosto che reagire, come invece farebbe un degno figlio di Re Rickard e della sua defunta moglie, la regina Magarete! Dov'è finito il Loro sangue?>>
    E' questo dunque il momento di dimostrarle di essere degna del mio cognome?
    E' questo che vuole farmi capire col suo gesto? "Accettate ciò che hanno già deciso e comportatevi da Raeghar"?
    E' questo che Lantis vuole da me, che sacrifichi la mia vita, la mia felicità, il mio amore per Drako...pur di salvare il Regno?

    Ebbene...se è questo che gli Dei hanno deciso per me...lo farò, non preoccupatevi.

    Torno a guardare Lord Tywin, ma ora non più con gli stessi occhi. Non sono timorosa, nonostante il tumulto interiore che provo soltanto incrociando i suoi occhi.
    Lo guardo con gli occhi di una Reaghar, cercando con tutte le mie forze di sostenere il suo sguardo almeno per il tempo necessario per rispondere a tutta questa ingiustizia.
    Voglio che mio padre sia orgoglioso di me. Che lo sia mia madre, che lo sia Lantis, nonostante non approvi la sua decisione. So che è costretto, riesco a comprenderlo, eppure accettare questa situazione è ben diverso.
    Non posso rifiutarmi di acconsentire alle nozze, il mio parere so bene non conta nulla. Quello che posso fare è dimostrare al Lord, in qualche modo, che non sta dando in moglie a suo figlio una donnetta qualsiasi, ma una Reaghar.
    So di non avere la determinazione ed il temperamento di mia madre, nonostante le somigli molto. Ma ho molto di mio padre...e come lui so che la diplomazia può essere molto più efficace di taciti ordini.

    Mantengo con fermezza la mano della septa, prendendo la parola. La voce è salda, determinata, così come il mio corpo è fermo, composto, nonostante abbia un caos interiore senza eguali.
    <<Immagino che a questo punto ci si aspetti che io prenda la parola, palesando la gratitudine per questo annuncio così inaspettato e si gioioso>> comincio a dire, con tono deciso, consapevole del fatto che a chi ha preso questa decisione importa davvero poco della mia risposta. Guardo prima lui, poi Lantis, poi la septa, prima di tornare a parlare.
    <<Sono lieta di constatare con questa proposta quanto forte sia la lealtà della vostra casata, Lord Tywin, nei confronti della Corona. Da parte mia, sarò onorata di prendere in marito un uomo valoroso come vostro figlio, che grazie alle parole della Regina sappiamo anche non aver mai tradito il nostro unico Re. Indubbiamente...>> resto qualche istante in silenzio, lasciando a tutti il tempo di elaborare le mie parole <<Indubbiamente ammirerò ancora di più questo marito quando, sono sicura, non mancherà di fare le sue scuse pubbliche alla valorosa De Lagun‏, per aver alzato ingiustamente la spada contro una sua...e nostra...fedele alleata ed averla ferita, durante la battaglia>> concludo, prima di sfogarmi nuovamente sulla mano della septa.

    Il suo viso, il suo dolce viso compare davanti ai miei occhi.
    Drako, amore mio... farei di tutto per stare con te. Darei la mia vita per te.
    Ma ora Lantis, mio padre...loro hanno bisogno di me.


    *Post concordato con Maru1e1a per le azioni di Deirdre

  4. #454
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    ADAMANTIA FERALYS

    Non so cosa abbia spinto la Delagun a prendere la parola mettendo in mostra ancora di più la sonora sconfitta, è una donna forte, devo ammetterlo, peccato che non l'abbia saputo dimostrare! Questo è un errore che io non commetterò. Da fuori posso sembrare una voluttuosa e amabile donna dalla fluente chioma rossa, ma dentro ho il fuoco che mi scorre nelle vene e che non vede l'ora di uscire allo scoperto.
    Poi sento la voce di Aiden, cui siedo di fianco, difendere la ex comandante a spada tratta. Lo guardo di sottecchi, meravigliata da questo intervento, se non è colpa di Cassandra, allora la sconfitta è colpa sua. Non ci stai facendo una bella figura, che senso ha per un uomo che mi ha appena confessato che il suo desiderio più grande è quello di annientare tutta la famiglia reale mettersi in cattiva luce con il Gran Maestro? A che gioco stai giocando Aiden?


    Lo sguardo di Lord Tywin è duro, tagliente, per un attimo spero che mi guardi, vorrei provare a ... niente da fare, lui si rivolge d'improvviso alla principessa, mettendola alle corde con una domanda ci lei esita a rispondere, almeno in un primo momento. La strega dell'Ovest non deve averle insegnato a destreggiarsi con la diplomazia, visto che nemmeno lei ne sa molto. Mi scappa un sorriso beffardo, proprio lei, con la sua risaputa capacità dialettica affronta il Gran Maestro come solo lei sa fare: con quella punta di acido che sembra attraversare il suo corpo marcescente, magari è proprio questo a tenerla in vita! Non riesco a seguire molto il suo discorso anche perchè Scimmietta Waters continua a fissarmi. Davvero non capisco cosa voglia, non che mi importi più di tanto ma trovo fastidioso e fuori luogo il suo comportamento nei miei confronti. Se sei insicura, bella, va a tingerti i capelli di rosso e impara da una vera donna come ci si comporta!


    Mi sporgo un pò di più dal tavolo, in modo da guardare meglio Lord Twyn e in modo che anche lui mi veda meglio, non ho mica indossato questo vestito attillato per starmene qui a sentire l'olezzo dell'alito pesante di tutta questa gente!
    “Il motivo principale è per sollecitare un lieto evento, unire le casate dei Raeghar e dei Leithien, come è già avvenuto con mia nipote ed il Sovrano, ma questa volta trattasi di mio Figlio in persona e come potete ben immaginare, il suo disertare ritarda solo l’evento”
    Eccolo il colpo di scena che aspettavo! Da buon stratega qual è si è accorto che la sua nipotina non varrà più nulla quando il re sarà morto e quindi ha pensato bene di usare suo figlio come merce di scambio.


    Da quel che ho sentito, però, questo Ryuk non deve essere un tipo facile da convincere, chissà se la dolce principessina riuscirà a mettere il guinzaglio alla bestia recalcitrante! La questine che si pone adesso è: Lumen accetterà di buon grado questo risvolto inaspettato? I fatti potrebbero metterla da parte inevitabilmente, mi chiedo se ha già in mano qualche altro asso nella manica da giocare. A questo punto è ovvio che non può essere stato nessuno dei Leithien ad avvelenare il re, a meno che questo figlio così diverso da suo padre e restio alla sua autorità non abbia voluto mescolare le carte in tavola facendo questo scherzetto ai suoi. Perchè no?
    Nel bel mezzo dei miei ragionamenti sento pronunciare il mio nome dalla Regina, "Lady Feralys, famosa per essere la più temibile strega di Asshai" , beh in questo non posso che essere d'accordo con lei. Anche Aiden centra con la mia nomina a guerriera in questa battaglia? Che novità è questa? Adesso è diventato consigliere? Rivolgo agli astanti un cenno d'assenso e, silenziosamente, ringrazio sua maestà per le belle parole pronunciate nei miei confronti. Sono stata ufficialmente sacrificata sull'altare della patria.


    Anche Esperin ha le sue belle gatte da pelare, promessa sposa di uno che fino a ieri era un traditore, adesso è diventato una spia nel campo dei reietti e dunque un eroe dei Reali.
    Stai serena, principessa, sei in ottime mani. Una pedina nelle mani di qualunque essere di sesso maschile sulla faccia della terra!
    *aggiunte 4 foto


  5. #455
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    "La nostra nobile septa è certamente stanca e vorrà riposare" mi dice Lantis in tono che secondo lui risulterebbe minaccioso: "Anche perchè ho intenzione di schierarla per la battaglia a Solumquae... dovete essere lucida per la battaglia. Se vorrete raggiungere le vostre stanze, vi capirò"



    Alzo un sopracciglio, divertita: questo qui mi odia proprio! Sono davvero riuscita in tanto!
    Sto per rispondergli con un enorme sorriso, quando anche la regina conferma la sua stessa decisione.
    <<Come ho già detto, non mi stupisce più nulla, Vostra Maestà, nemmeno che vi preoccupiate ancora della salute di questa povera vecchia. Sto bene, grazie. Sarà un piacere indossare i colori dei Raeghar.>> gli dico con un sorriso larghissimo a labbra strette: vorrei corrergli incontro e abbracciarlo per tutto l'odio che mi dimostra anche solo con gli occhi, ma l'etichetta è la PRIMA delle mie preoccupazioni!
    La seconda è che Lantis non lo comprendo proprio...eppure fare una lista della maggior parte dei nomi degli assenti non dichiarati mi sembra un compito appetibile per Taras, giusto per fargli passare meno tempo piegato in due tutto il giorno!



    Quanto adoro creare casini! Mi odiano, mi temono al punto di volersi liberare di me....allora non è solo il mio passato a farmi campare di rendita. Trattieni le lacrime di felicità, Deirdre....
    "Mio cugino Ryuk non farà certo resistenza ai comandi del Lord mio zio... è stato persino lui ad informarmi della scissione tra Reietti e Ribelli" dice tutto ad un tratto la regina.
    Uhm...la cosa non mi sconfiffera...abbastanza strano enunciarlo ora con tanta solerzia quando fino a questo momento sembrava il segreto dello stato. No, non mi inganni, Lady Lumen...e spero quel pollo non ci caschi...



    "Allora i miei dubbi sulla lealtà di Ryuk iniziano a dissiparsi, mia Regina, potevate avvisarmi subito di tal faccenda"
    No, dai, non può averci creduto....vero? No, non la crederà, su questo sono "abbastanza" tranquilla.
    La facilità con cui la regina l'ha enunciato mi fa pensare appunto che la spia non è lui, visto che dovrebbe essere ben segreto, e rivelarlo ora, davanti a tutti...poteva risolvere la cosa molto prima, comunicandoglielo in privato.
    "(...) sarò lieto di stringere un doppio filo tra le nostre famiglia e concedergli la mano della mia amatissima sorella"
    Inspiro profondamente: ormai è stato detto ufficialmente.
    Mi volto verso lady Esperin, la vedo stringere assente la mano di suo fratello. Spero che non-....ma che diavolo fa?
    Ha lasciato la mano del reggente? Brutto....brutto segno! Sta per fare una cazzata....me lo sento....sta per ucciderci tutti per colpa della sua stupidità.
    Agisco d'impulso, come il mio istinto di sopravvivenza mi impone di fare: da sotto al tavolo, senza farmi vedere, le afferro senza alcuna dolcezza la mano.



    Forza....sfogati su di essa e dimostra al Lord che non è l'unico ad avermi avuto come septa. Caccia la tempra....adesso.
    Non la guarderò in viso, non lascerò trasparire nulla dalla superficie del tavolo.
    Mi stringe con energia...ma che diavolo, non me la ricordavo così forte!
    <<Immagino che a questo punto ci si aspetti che io prenda la parola, palesando la gratitudine per questo annuncio così inaspettato e si gioioso>>
    Ma che ca-...ahia. Ma che sta mangiando in questi giorni?
    <<Sono lieta di constatare con questa proposta quanto forte sia la lealtà della vostra casata, Lord Tywin, nei confronti della Corona.>>
    Le unghie....nella mie pelle.....ma va al dia-
    <<Da parte mia, sarò onorata di prendere in marito un uomo valoroso come vostro figlio, che grazie alle parole della Regina sappiamo anche non aver mai tradito il nostro unico Re.>>
    Mi sta torcendo le dita! Grrr, brutta piccola stro-
    Stringo di rimando più forte, ma non mi sento più le ditaaaaaa.....
    <<Indubbiamente...>>
    Indubbiamente dopo ti uccido e grattugerò le tue ossa sul pane! Ah!...che dolore!



    <<Indubbiamente ammirerò ancora di più questo marito quando, sono sicura, non mancherà di fare le sue scuse pubbliche alla valorosa De Lagun‏, per aver alzato ingiustamente la spada contro una sua...e nostra...fedele alleata ed averla ferita, durante la battaglia>>
    Ahio. Ahio.....brutta infingarda velenosa, dovevi sfogarti, non slogarmi il polso!
    Non mi lascia ancora la mano....che le prende? Eppure mi pare che....abbia finito....e splendidamente, aggiungerei.
    Non sono septa da cento anni per niente, se risultavo solo fastidiosa mi avrebbero già rinchiuso da tempo, peccato che....c'è chi ci arriva prima, penso guardando la principessa, e chi ci arriva dopo, rimugino osservando di nuovo il reggente.


  6. #456
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali



    Vicent Dreth


    L’unione di Esperin Raeghar con Ryuk Leithien: ecco la ragione per cui il gran maestro è qui. Il Principe Lantis interviene, dopo un breve scambio di battute con la regina conferma i nomi per la battaglia di Solumquae: la septa e Lady Feralys. Un barlume di speranza si alimenta in me quando il principe Lantis mette in dubbio la certezza che il Lord sia effettivamente in grado di confermare il ritorno di Ryuk Leithien tra le file dei reali, ma l’ormai per me ambigua regina prende le difese del cugino, confermando che sia proprio lui la famosa spia di cui parlava. Fisso i miei occhi nei suoi: sono titubante sul se crederle o meno, potrebbe dirlo perché Ryuk è pur sempre un suo familiare... E si sa che la famiglia copre sempre le misfatte dei propri esponenti. Apparenza, apparenza ovunque. Il principe però, nonostante aggiunga i dovuti se, accetta ed io sento come se il mondo mi stesse crollando addosso. Forse è solo destino. Forse è solo la cattiva sorte. Forse è solo un segno degli Dei che mi invitano a non innamorarmi più. Vorrei… ridere? Sì, può essere. Abbandonarmi alla follia. In una di quelle risate isteriche che lascerebbero perplesso chiunque ti stia ad osservare. In fondo quale migliore ironia di questa esiste? L’ignobile individuo che - fino a prova contraria questo sarà il mio pensiero - si è macchiato del torto più grande tradendo la corona e causando la sconfitta dei reali ad Amaranthis.



    Lo stesso che ha sedotto ed abbandonato la mia stessa madre in gioventù ledendo al suo onore di nobildonna.



    L'uomo che nonostante tutto, nonostante il parassita che è, sta per avere in moglie l’unica donna che amo... Ed io? Devo stare zitto appoggiando la volontà del Principe Lantis. Non posso fare niente. Non posso mettermi in mezzo… Vogliamo paragonare il figlio del Lord più potente di Dohaeris con un banalissimo moccioso Dreth? Suvvia, non c’è sfida. La realtà dei fatti è che sono furente. Pensare ad Esperin nelle braccia di quell’essere ripugnante mi provoca un senso di ribrezzo immane.




    Sento il respiro aumentare, le pupille dilatarsi, le mani contrarsi a pugno, il battito del cuore accelerare. Ogni parte del mio corpo è alimentata da puro odio. Odio incondizionato verso di lui… Vorrei gridarlo: io ODIO Ryuk Leithien. Serro i denti e socchiudo gli occhi facendo appello a tutto il mio autocontrollo. Sono un signore, dopotutto, e devo comportarmi come tale anzi no, ho un’idea migliore; sfrutto questo mio dolore imprimendolo chiaramente nella mia testa: questo sarà ciò che lui proverà quando congelerò il suo cuore, che estirperò dandolo in dono ad Esperin stessa e, giusto per par condicio, gli amputerò anche la sua bella testolina vuota servendola su un piatto d’argento a De Lagun così da poter insultare liberamente quel cane di un Urthadar. Mai far arrabbiare un buono, MAI.


    Sono le parole di Lady Esperin però a farmi tornare in me.



    Il suo discorso è a dir poco toccante: usa parole da principessa, da donna matura. La guardo incredulo. Non può davvero accettare. Il suo spirito di sacrificio per il bene di questo regno è come una doccia fredda per me. Ma quanto sono egoista…? Un moccioso viziato ed egoista. Mi stavo concentrando su me stesso quando qui non è affatto il sottoscritto la vittima, ma lei. La non più piccola dolce Esperin ora sta cercando in tutti i modi di risultare forte, di reagire, di essere all’altezza del suo compito e tutto questo per me è un’ulteriore sprono ad essere un cavaliere. Il suo cavaliere. Le starò accanto qualsiasi cosa accada, al costo di reprimere i miei sentimenti ed arrivare a vederla al pari di una sorella. A differenza di Kalisi non fuggirò. Non la abbandonerò. D’un tratto il famoso gran maestro non gode più di alcuna mia attenzione, c'è di meglio. C'è lei. Guardo Esperin lasciando che l’orgoglio e la fierezza appaiano nel mio sguardo: uno sguardo non più da innamorato ma da cavaliere fiero di servirla. Semper fidelis, ad ogni costo mia principessa. Semper Fidelis, solo a voi.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 1st February 2015 alle 15:44



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  7. #457
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters




    “Il motivo principale è per sollecitare un lieto evento, unire le casate dei Raeghar e dei Leithien, come è già avvenuto con mia nipote ed il Sovrano, ma questa volta trattasi di mio Figlio in persona e come potete ben immaginare, il suo disertare ritarda solo l’evento”.
    Che.cosa.ha.detto?? Non ci posso credere...Non posso credere a quello che le mie orecchie hanno appena sentito.
    Con gli occhi sbarrati mi volto subito verso Esperin in cerca di una sua reazione.



    Ricordo ancora benissimo la mia quando mio padre mi annunciò che avrei sposato il principe Lantis. Dopo una furibonda lite con lui scappai dal castello. Ricordo che corsi, corsi così forte come forse mai avevo fatto in vita mia.



    Potevo non tornare, me la sarei cavata a sopravvivere, ma sono sicura che mio padre sarebbe morto per il dolore da lì a poco. Non ho potuto fare altro che sacrificarmi ed accettare la cosa.
    Ora mi chiedo, dare in sposa la principessa ad un traditore? Che razza di idea è? Capisco benissimo che Tywin probabilmente vorrà mantenere saldi i legami con la Corona, visto e considerato che con la morte del re cadrà quello che lo lega alla famiglia reale. Regolarmente però Ryuk è un traditore e dovrebbe essere catturato e giustiziato, se non erro.
    Di lì a breve, però, la Regina ci fa capire che la spia di cui teneva segreto il nome è proprio lui, il cugino Ryuk Leithien.
    Quindi se così fosse, cadrebbero tutte le accuse di tradimento nei suoi confronti. Ma è veramente così? Perchè ho la vaga sensazione che Tywin voglia solo tenersi assicurato il culo qui a palazzo? Se avesse avuto come figlio un cinghiale sono quasi sicura che avrebbe trovato il modo di farlo sposare ad Esperin.
    Continuo ad osservare proprio lei, come la capisco. Vorrei tanto alzarmi da questa sedia e abbracciarla, ma non posso. Devo resistere e sperare che mantenga la calma.
    <<Immagino che a questo punto ci si aspetti che io prenda la parola, palesando la gratitudine per questo annuncio così inaspettato e si gioioso>> comincia a dire, volgendo lo sguardo prima verso fratello poi coraggiosamente verso Tywin.
    <<Sono lieta di constatare con questa proposta quanto forte sia la lealtà della vostra casata, Lord Tywin, nei confronti della Corona. Da parte mia, sarò onorata di prendere in marito un uomo valoroso come vostro figlio, che grazie alle parole della Regina sappiamo anche non aver mai tradito il nostro unico Re.>>
    Diplomazia o...? Aspetta un attimo. E se fosse proprio Ryuk il suo segreto amore? Spiegherebbe il fatto che si sia allontanato da palazzo come mi ha raccontato. Forse, forse c'è una speranza.
    <<Indubbiamente ammirerò ancora di più questo marito quando, sono sicura, non mancherà di fare le sue scuse pubbliche alla valorosa De Lagun‏, per aver alzato ingiustamente la spada contro una sua...e nostra...fedele alleata ed averla ferita, durante la battaglia.>> Il tono della sua voce è fermo, deciso, sembra quasi un automa.
    Non l'avevo mai vista così...io credo..che stia soffrendo interiormente. Altro che amore segreto.
    L'espressione del mio volto diventa di compassione, anche quando mi volto verso sir Dreth. Non dev'essere facile neanche per lui.





    Abbasso la testa e chiudo gli occhi. Ecco qua, i membri della tua famiglia che teoricamente dovrebbero far di tutto per renderti felice, si trasformano in tuoi carnefici dandoti in pasto al primo uomo che conviene loro. Tutto questo fa schifo, dannatamente schifo.
    Spero solo che Esperin sia fortunata come credo di essere stata io con Lantis. Spero che Ryuk la rispetti e che la tratti come dev'essere trattata. So di molte donne che hanno trovato la morte nel matrimonio combinato.
    Ultima modifica di scarygirl; 23rd January 2015 alle 22:22


  8. #458
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Lord Tywin Leithien

    Lantis non si smentisce, ho sempre saputo del suo astio verso la septa, non ne comprendo il motivo sinceramente, la trovo a tratti ilare, ma si vede che io ed il Reggente non amiamo lo stesso tipo di ironia. Ha intenzione di schierarla in guerra, cosa odono le mie orecchie, spero che il mio sia un segno prematuro della vecchiaia e che i timpani abbiano modificato le effettive parole del moccioso. Ma a cancellare i miei dubbi Deirdre interviene confermando il suo posto in battaglia. Ho sentito delle leggende su questa donna, non so dove si divida la realtà dalla fantasia, era spietata come pochi, amante del rischio, una guerriera temibile dalle immense doti magiche, la stregoneria scorre in quelle vene come un fluido nero, al posto del sangue. Ma da che io ne abbia memoria, questa vecchia avanti ai miei occhi, è ben lontana dall’essere un mostro di tali proporzioni, la sua lingua è l’arma più potente in suo possesso attualmente. Percepisco una energia crescente in lei, a dire il vero, è come se si fosse incrementata rispetto all’ultima volta che l’ho incrociata, che quell’anatema al suo collo abbia iniziato a deficere di potenza? Eppure credevo fosse impossibile! Mi viene istintivo osservarla ancora e soffermarmi per qualche istante sul suo sigillo. Lumen afferma di averla allenata personalmente, che sciocca ragazzina, avrà impuntato i piedi a terra cercando di farsi rispettare a tutti i costi. Lady Ferayls sarà la compagna d’arme della Septa ed a giudicare dal segno di assenso della donna dai capelli rossi deve essere proprio lei, affascinante! Indugio un po’ sui suoi occhi, indubbiamente una donna di bell’aspetto, peccato per il colore della chioma, odio il rosso da quando questo poppante negò l’unione con Lumen, Rickard è stato intelligente a proporsi al suo posto, è stato uno dei pochi momenti in cui io lo abbia apprezzato. Ancora la voce di Lumen arriva fastidiosa, per quanto possa risultare gradevole e vellutata ai più, interviene a favore di Ryuk, a quanto pare è un infiltrato tra le file dei Reietti, non ha disonorato la propria casata, mi risulta difficile credere che mio figlio sia così astuto. Lumen e Ryuk hanno avuto un rapporto quasi… viscerale è probabile che lei sia riuscita ad estorcergli qualche informazione, lo ha sempre abbindolato con le sue doti, ma… quando? Quando è avvenuto questo scambio di informazioni? Da quel che io sappia, non si è più visto al palazzo dalla sera in cui il Dragone è evaso, la stessa sera in cui quegl’improvvisati dei reietti si sono formati. Ad ogni modo esigerò di parlargli a quattr’occhi. C’è di buono che con questo intervento Lantis si è deciso a cedere, l’annuncio è ufficiale, questo matrimonio dovrà essere celebrato il prima possibile. Lady Esperin prende nuovamente la parola, no… non mi aspettavo che lo facesse, ma probabilmente sono abituato a donne più remissive. Palesa il suo assenso per l’unione, come se ne necessitassi realmente, mio figlio… è un uomo valoroso, non credo neanche io a queste parole, ma non mi smuovo, non posso ridere di lui proprio in questo momento. La piccola Raeghar continua il suo monologo, il quale mi appare sempre più come una sorta di auto convincimento per accettare la situazione.
    <<Indubbiamente ammirerò ancora di più questo marito quando, sono sicura, non mancherà di fare le sue scuse pubbliche alla valorosa De Lagun, per aver alzato ingiustamente la spada contro una sua...e nostra...fedele alleata ed averla ferita, durante la battaglia>>
    Sorrido, un sorriso a stento trattenuto, dalle tonalità basse, una sorta di ghigno di derisione, nell’osservarla non posso fare a meno di notare il modo in cui si pone, ora le somiglia… Margarete, che ci sia realmente qualcosa di te in questa tua figlia acerba? “Se mio figlio è una spia del nemico, e mi accerterò che lo sia realmente, non deve alcuna scusa all’ex Comandate. Cosa avrebbe dovuto fare? Stringerle la mano, sussurrarle all’orecchio di essere dalla stessa parte in un campo di battaglia? Quella ferita, della quale, presumo, non sia rimasta più alcuna traccia, ad osservar bene De Lagun, è servita per rendere il suo ruolo da doppiogiochista più incisivo” Mai mi sarei immaginato di assumere le difese di quell’inetto, cosa che in realtà non sto facendo neanche adesso, ho solo intenzione di approfittare di questa corrente “positiva” nei suo riguardi, grazie a Lumen “Non crede, Lady Esperin, che un comportamento diverso da parte di mio figlio, rinnegando la sua stessa fama di bestia da macello, avrebbe destato non pochi sospetti?”

  9. #459
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Quando termino di parlare, Lord Tywin inizia a...a ridere.



    Cosa c'è di tanto comico in quello che ho detto? Me lo spiegate, Lord?
    La sua è una risata dalle tonalità basse, sembra quasi un ghigno. Mi sta deridendo, ecco cosa sta facendo!
    Alzo un sopracciglio perplessa, lasciando la mano della septa. Questo è il colmo.



    Mi aspettavo più...classe da parte sua. Mio padre non avrebbe mai deriso una persona che tentasse di esporgli le proprie opinioni, pur non condividendole. Avrebbe ascoltato, spiegato, compreso...e alla fine avrebbe vinto, convincendolo della veridicità delle proprie parole.
    “Se mio figlio è una spia del nemico, e mi accerterò che lo sia realmente, non deve alcuna scusa all’ex Comandate. Cosa avrebbe dovuto fare? Stringerle la mano, sussurrarle all’orecchio di essere dalla stessa parte in un campo di battaglia? Quella ferita, della quale, presumo, non sia rimasta più alcuna traccia, ad osservar bene De Lagun, è servita per rendere il suo ruolo da doppiogiochista più incisivo. Non crede, Lady Esperin, che un comportamento diverso da parte di mio figlio, rinnegando la sua stessa fama di bestia da macello, avrebbe destato non pochi sospetti?”



    Eh no. No no no...non me la bevo, mio Lord!
    Ricordo bene la descrizione della crudeltà palesata da Ryuk nella prima battaglia, come ricordo le parole di Cassandra riguardo alla loro conversazione nella zona neutra. Una bestia, così l'ha definito. Un uomo che non merita il titolo ottenuto in eredità dalla propria casata. Non lo conosco, e forse sbaglio a giudicare sulla base di ciò che mi viene detto, ma la sua fama lo precede...e ci sarà un motivo, suppongo.
    Deve chiedere scusa per l'onta subita dai nostri soldati a causa sua, altrimenti nessuno di loro sarà più motivato a combattere per la nostra causa. Perchè dovrebbero farlo, se chi li oltraggia ne esce impunito, e per di più viene omaggiato in questo modo?
    Chi impedirebbe loro di cercare maggiore gratificazione altrove?
    <<Condivido in pieno il Vostro ragionamento, Lord Tywin, ed il mio è diretta conseguenza del Vostro. Perdonate la mia sfrontatezza, ma da come ci sono state riportate le vicende, ogni combattente aveva ampia scelta d'attacco, la fazione nemica non era solo la Nostra, ma anche quella dei Ribelli, altrettanto agguerrita e pericolosa per i Reietti. Immagino che i presenti in campo potranno confermare quanto dico>> rispondo, voltandomi verso Cassandra e Sir Aiden in cerca del loro sostegno, prima di tornare a guardare lui



    <<Non ho mai affrontato una battaglia, ma conosco il caos che vi governa, e non posso credere che la direzione dell'attacco di ogni singolo combattente sia stata notata in un simile contesto o successivamente criticata. Non metto certamente in discussione la lealtà di vostro Figlio verso la Corona, confermata dalle parole della nostra Regina, ma temo possa essersi lasciato...prendere la mano, nella foga del momento. Mi è stato insegnato, Lord Tywin, che il favore del popolo è arduo da guadagnare, ma che con atti giusti un Re potrà sempre contare sulla fedeltà e sul rispetto di esso. Ry-...Lord Ryuk, dovrebbe chiedere scusa per la ferita inferta ad un nostro soldato, non della propria copertura, per riottenere la benevolenza dei propri compagni, che altrimenti potrebbero perdere fiducia in lui. Dette queste parole, mio Signore...so bene che ai Vostri occhi potrà solo sembrare il capriccio di una giovane inesperta, ma suppongo che, se Egli ha davvero agito come Voi giustamente ipotizzate, io credo non avrebbe remore a fare alla De Lagun le sue pubbliche scuse. Per concludere, anche se non doveste concordare con me, so bene quali sono i miei doveri e lungi da me porre il seme della discordia. Era giusto tuttavia che io lo dicessi, perchè è ciò che mi ha insegnato mio Padre‏>>


  10. #460
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Lord Tywin Leithien

    La principessa è ispirata a quanto pare, inizia una orazione sui doveri di un Re, di un buon condottiero, sulla fiducia, sul rispetto, non posso fare a meno che piegare la testa verso destra mentre parla, ha un non so che di tenero. Sembra così accorata, così decisa e ferma sulle proprie idee, un ammasso di ideali contornati da cuori e fiocchi, tutta colpa di Rickard, è questo che si ottiene crescendo i propri figli come dei viziati, se li avesse privati del proprio affetto, avrebbero maggior tempra, con le idee chiare sulla concretezza della politica, della guerra e della vita, con meno sogni popolati da unicorni danzanti. Non sa quello che sta dicendo, non si può conoscere una guerra senza averla vissuta in prima persona, senza aver visto in faccia il nemico e la sua voglia di ucciderti quando ti guarda negli occhi, l’odore del sangue, il sentore di morte che aleggia costantemente alle proprie spalle, no… lei non lo sa e non può neanche immaginarlo. In guerra o uccidi o vieni ucciso, non c’è tempo per perdersi in ideali e stringersi tutti in un abbraccio. Il popolo… c’è veramente necessità di menzionare un’orda di allitterati, contadini, mercanti, donne di casa... il popolo fa quello che gli viene ordinato, non una cosa in più, non una cosa in meno, solo in questo modo la loro vita è in una botte di ferro: sottostare in silenzio alle decisioni di chi esercita il potere e condurre le proprie esistenze con i mezzi disposizione. il popolo non ha voce in capitolo. Insiste ancora con le scuse… scuse che non avrà mai, Inizio a stancarmi, osservo Lantis, mentre la giovane continua il suo monologo, lui capirà che non sto affatto gradendo. Appena Lady Esperin termina il discorso, torno su di lei, questa volta con espressione seriosa: “Avete molto fiato in quel corpo, per essere così minuta Lady Esperin. Noto che il Vostro animo è molto… nobile, ma con il buon carattere e gli ideali non si ottiene il rispetto dei soldati, le azioni di forza sono quelle che contano. Ha ottenuto più Vostro Fratello con quattro teste infilzate su delle picche, che vostro Padre in anni. Un Re va temuto, se i soldati ed il popolo hanno paura, nessuno si ribellerà mai, la pace è un atto di forza dunque. Per quanto riguarda mio figlio resto sulla mia decisione, non si scuserà per aver fatto il proprio dovere”

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •