Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 63 di 339 PrimaPrima ... 1353616263646573113163 ... UltimaUltima
Risultati da 621 a 630 di 3385
  1. #621
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    CASSANDRA DE LAGUN

    Lady Alinor difende l'uso della magia in battaglia e lo charme lo ha usato solo per scherzare. Certo, siamo nel bel mezzo di una guerra, due nostre valide compagne sono in battaglia e lei scherza. Se penso che diventerà la mia regina, mi viene l'orticaria. "Perdonatemi se sono prevenuta, ma proprio ieri la mia mente era stata già manipolata dalla Regina. Comprendete quindi, che con una guerra in corso e i giochi dei Leithien con il loro carisma, il mio senso dell'umorismo è sceso sotto i tacchi" replico sarcastica. "Inoltre, la magia di un guerriero è cosa onorevole, manipolarne la mente la trovo una cosa meschina. La Principessa Esperin non utilizzerebbe mai i suoi cloni per dei futili scherzi" incalzo, con un tono sempre più severo. Dalla mia posizione di difesa, osservo il vestito di Lady Alinor: se è venuta in armeria per lottare, non si sarebbe dovuta vestire in questo modo. Crede di essere ad un ballo di corte? Va bene, allora la farò ballare io. Vedo perfettamente il suo pugno, nonostante abbia tentato di prendermi alla sprovvista e mi ci faccio colpire, così come la ginocchiata in viso che segue. Colpisce forte, la mocciosa, ma non abbastanza. Mi sollevo dritta, la guardo con un sorriso ironico e mi asciugo con la mano un rivolo di sangue dal naso.
    "Tutto qui? Bene, ora tocca a me. Vi chiedo perdono di già per il vostro vestito" e cerco di afferrarla per il collo con la mano destra e stringere, mentre con una ginocchiata punto alla bocca dello stomaco. Dovrei farle abbastanza male da farla piegare, se il mio colpo avesse successo, così con la mano sinistra tenterei un'ulteriore pugno in faccia. Ammetto che un po' della mia collera è dettata dalla gelosia ma ho anche una missione: quella di far comprendere a Lady Alinor quanto ci sia poco di divertente nella guerra. Se tutto andrà come previsto, lei dovrebbe indietreggiare un poco e io mi rimetterò in posizione difensiva, attenta a qualsiasi sua contromossa.

    Della serie "Il famoso senso dell'umorismo di Cassy" U_U'''''

  2. #622
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Vicent Dreth


    Non solo mi dà l’impressione che la questione omosessualità gli scivoli addosso come se fosse acqua ma, anzi, ci scherza su, flirtando con Sir Gildas. E’ una mia impressione o Aiden sta cercando di farmi ingelosire…? Dischiudo leggermente le labbra e sgrano gli occhi incredulo.



    Se è davvero questo il suo intento allora ha completamente frainteso la mia richiesta di duellare seriamente…! Lui è un Urthadar, io un Dreth e per giunta sono anche eterosessuale: preferirei fare voto di castità piuttosto che dover passare una notte di passione con lui. Incurante del triste ed inappropriato teatrino a cui mi ha appena fatto assistere raccoglie la sua spada da terra. La impugna saldamente con entrambe le mani ed ironizzando riguardo la sua maleducazione si lancia contro di me.



    Purtroppo per lui è lento, troppo lento...Mi pare inoltre che abbia completamente dimenticato la mia strategia di difesa basata sul contrattacco. Beh, peggio per lui e buon per me. Continuo a far roteare l’arma, sempre più velocemente, e scatto sulla mia destra, evitandolo in tutta tranquillità. Rapido faccio due passi in avanti, portandomi in tal modo Aiden alle spalle, e con nonchalance esclamo un <<Olè>> cercando di tirargli una tallonata di beffa sul suo posteriore in modo da farlo sbilanciare.



    Ma ora facciamogli capire che il sottoscritto non ha più voglia di giocare: allenamento o no, siamo in guerra e gradirei dimostrargli che sarei più utile sul campo di battaglia piuttosto che piantato qui, in questa maledetta torre. Infatti, a prescindere dall’esito della mia provocazione, impugnerò nell’immediato con entrambe le mani Selene e, stringendo i denti a causa del dolore al braccio sinistro, farò ricorso al mio elemento.




    Plasmerò il vento direttamente sull’arma che risplenderà di luce propria colorandosi di una tonalità verde chiaro, a tratti tendente al bianco, mentre le particelle d’aria gireranno vorticosamente attorno alla palla ferrata offuscandola ad occhio nudo.

    Selene - Arma in forma attiva


    Con l’arma in forma attiva, girerò di 180° gradi, e, usandola come se fosse una frusta, cercherò di colpire Aiden di striscio - non voglio tranciargli nulla - ai polpacci: senza il loro sussidio dovrebbe cadere in avanti, in ginocchio, ed io avrò finalmente la meglio in questo scontro… <<Vi arrendete?>>, gli domando serio, indietreggiando di circa un metro, ed attendo una sua risposta osservandolo impassibile.

    Ps
    : Grazie ancora per la posina ad ecli ♥
    Ultima modifica di Damnedgirl; 17th February 2015 alle 00:24



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  3. #623
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    Ovviamente il mio attacco va a vuoto: non potevo aspettarmi diversamente, d’altronde ho giocato secondo le sue regole. Dreth si scansa senza fatica e si sposta dietro di me, dandomi nel frattempo un calcio nel culo… letteralmente. Non ha molta energia ma mi fa comunque sbilanciare, credo che le ferite riportare inizino a farsi sentire. Poi sento con la coda dell’orecchio una specie di sibilo… e poi dolore. Un dolore lancinante mi colpisce il polpacci, mi viene spontaneo emettere un gemito. Ha usato la meteor hammer, il bastardo. Speravo di prendermi qualcosa di più leggero, ma... bene, significa che si sta svegliando. Cioè, bene… fino a un certo punto: il bruciore è quasi insopportabile, per ovvie ragioni non posso controllare ma penso proprio che mi abbia aperto dei tagli molto grandi. Cado in ginocchio, e celere arriva la sua fastidiosa vocina. <<Vi arrendete?>>. Oh, Vicent… ma se abbiamo appena iniziato!

    <<Scherzate, spero… ci stiamo divertendo così tanto!>>. Mi alzo a fatica, raccogliendo le mie ultime forze per convogliarle in questo attacco. Il sangue continua a sgorgare, ma devo ignorarlo, almeno per ora… Ho ancora Ammazzadraghi in mano, quindi cammino verso di lui, so che non oserà attaccarmi. Ripeto l’attacco di prima, diretto però al fianco destro, ma stavolta impugnando l’elsa con la sola mano destra.

    Arma - Spadone in forma dormiente
    Great Sword - Ammazzadraghi
    È addirittura più lento di prima, causa questi polpacci, figuriamoci… è un attacco destinato a fallire, ma è stato concepito proprio per questo. Sottovalutando la mia mossa, anche (se non soprattutto) per le mie attuali condizioni, si renderà conto troppo tardi che con la mano sinistra sto accumulando il mio fulmine. Appena eviterà l’attacco e, a rigor di logica, si sposterà a sinistra, lo colpirò al fianco sinistro con la saetta più potente che abbia mai rilasciato.

    Distruzione: Esperto - Lancia di fulmine
    Si crea un fulmine dalle dimensioni di una lancia, che può essere scagliata al nemico, causandone danni medi da elettricità (80 volt)
    Tutto ciò, ovviamente, solo se la mia finta andrà a buon fine. Temo che la poca distanza finisca col ferirlo troppo, ma nel caso sono pronto a guarirlo con la Rigenerazione: non sia mai che io perda un soldatino per la guerra.
    Penso proprio che sarà l’ultimo colpo, sia per lui che per me: che riesca a colpirlo o meno, con queste gambe non riuscirò a reggermi in piedi ancora a lungo, infatti terminata la mia azione mi siederò a terra per recuperare le forze.
    Our wills and fates do so contrary run

  4. #624
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    É pomeriggio

  5. #625
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Esperin Raeghar


    Lantis mi guarda serio, quando gli espongo le mie preoccupazioni sul suo piano con i Leithien. Dal suo sguardo percepisco che ha già vagliato tutte le possibili conseguenze a cui potrebbe andare incontro, e che probabilmente sa già cosa fare per mantenere salda la nostra posizione.
    So che non è stupido, so che non lascerebbe mai a loro il controllo del Regno, su questo posso stare tranquilla. Spero solo che non faccia l'errore di considerarsi invincibile, e che pensi anche a come preservare se stesso. Ho paura per lui, sta rischiando molto.
    "Esperin... Lord Tywin ha insistito, quando eravate a discorrere alla fontana, sul fatto di avere figli? Vuoi che sul trono di Regina sieda una donna giusta e buona... ma se io morissi e sul trono di Re vi salisse tuo marito... che razza di eredi lasceremmo a Dohaeris? Qua non si tratta di tassazione o non tassazione, qua si tratta del futuro del Regno... se io ottenessi i loro diamanti, lascerei stare il popolo, come vuole nostro padre, ma cosa pensi che faranno i Leithien? No, questo matrimonio non s'ha da fare... preferisco io sposare quella vipera bionda piuttosto che avere uno scenario così davanti"
    Ah già! Quasi stavo dimenticando di dirgli di cosa mi ha parlato il Lord durante la nostra conversazione. Mi chiedo dove io abbia la testa in questo momento.



    <<Si Lantis, il Lord ha preteso un figlio entro un anno dal matrimonio, il quale verrà celebrato secondo i suoi piani entro pochi giorni. Quindi un concepimento entro tre...mesi.>> rispondo, rabbrividendo <<Inoltre, ha cercato di inculcarmi l'idea che la colpa di questo mio sacrificio sia tua, del fatto che rifiutasti di sposare Lumen. E ha cercato di farmi dire che la responsabilità della ribellione sia della tua incapacità di regnare, ovviamente non ha ottenuto nulla da me. Ho dovuto però accettare la sua richiesta, non avrei potuto fare altro, in attesa di parlare con te oggi>>
    Abbasso gli occhi, sentendomi leggermente a disagio, forse prima di dare il mio consenso al Lord avrei dovuto parlarne con lui, ma non vedevo altra possibilità, davanti a quell'essere.
    <<Hai agito saggiamente, sorella, perché come vedi il serpente con cui abbiamo a che fare è molto velenoso. Ma se resteremo uniti, non potrà fare nulla>> mi risponde lui, e sento subito il disagio lasciare il posto alla fiducia nei suoi suoi confronti. Gli sorrido riconoscente, sa bene che non lo abbandonerò mai.



    Poi, quando gli chiedo di quella donna, lo vedo sorpreso, ed anche un pò incerto. Probabilmente non sa come parlarmene, forse si sente anche un pò a disagio a parlare di amore con la sua sorellina. Forse aveva cercato di dimenticare quei momenti, e io adesso lo sto spingendo a ricordare, ma credo che parlarne gli farebbe bene. Io mi sono sentita meglio quando ho parlato di Drako ad Alinor, l'altra notte, pur senza rivelargli la sua identità.
    Sento l'amore nelle sue parole, il bisogno di lei, di rivederla, di sentire nuovamente il suo profumo. Mi parla della sua incapacità di andare avanti, di vedere altre donne al suo posto, di darsi completamente ad un'altra che non sia lei. Come ti capisco, fratello mio, ma non posso dirtelo, ti ferirei.
    "E c'è una cosa che mi consola, che Drako non ti ha mai fatto conoscere la felicità per poi strappartela senza ragione. Tu non vivrai mai il mio inferno... lo so che soffri, so cosa provi per lui... ma io ho conosciuto il suo corpo e quei ricordi mi dannano... a te non succederà. Reneè è stata crudele con me, Drako non con te" aggiunge poi, abbracciandomi nuovamente.
    Sono stretta nel suo abbraccio, il mio volto appoggiato sulla stoffa della manica del suo vestito. Sento gli occhi in fiamme, e sono contenta che non possa vedermi.



    <<Di questo...gliene sono infinitamente grata>> gli dico, a bassa voce.
    Anche se in realtà...chi dice che sia un bene per me? E' vero, Lantis sta soffrendo mille volte più di me, ma almeno ha vissuto quegli attimi di felicità con lei, hanno avuto quel momento tutto loro, che lui potrà conservare per sempre nel suo cuore, nonostante il dolore. Io no, non sono mai stata felice, non ho sentito mai scoppiarmi il cuore dalla gioia, lui me l'ha negato, non mi ha voluta. E probabilmente non proverò mai quelle cose nella mia vita, tutto per colpa sua.
    "Ma parliamo di cose più concrete, Esperin... ho fatto visita a nostro padre, questa notte... io... non so quanto ancora resterà tra noi... questa sera, posso accompagnarti da lui, così potrai dirgli addio. E' importante dire addio a chi si ama"



    Ascolto le sue parole ad occhi chiusi, cercando nuovamente il conforto del suo abbraccio. Vorrei poter restare così, nascosta dietro la sicurezza che lui mi trasmette standomi vicina. Ma non posso, devo dimostrare di essere forte. Per cui torno a guardarlo in viso, prima di riprendere a parlare.
    <<Grazie fratello, non mi sarei mai perdonata se ci avesse lasciati senza potergli dire addio. Attenderò allora con ansia la fine della sfilata dei Leithien, per poi venire con te>>
    Lui mi guarda, e vedo un'infinita tristezza nel suo volto. Lo conosco bene e so che in questi momenti ha bisogno dei suoi spazi, di riflettere, di riprendere il controllo della situazione. Ed in questi momenti so che l'unica cosa che posso fare per aiutarlo è lasciarlo solo.
    <<Leggo nei tuoi occhi il bisogno di stare un pò da solo, per cui raggiungerò gli altri in armeria, allenarmi mi farà bene>> gli dico dolcemente, prima di salutarlo e congedarmi da lui.
    Raggiungo quindi velocemente l'armeria, dove con sorpresa trovo quasi tutti i nostri alleati. Sir Vicent alla prese con Sir Aiden, Alinor con Cassandra, e...Sir Demonar, da solo.
    Lo osservo, ha cambiato abito, questo se possibile è ancora più ridicolo del precedente. E poi quella maschera, odio profondamente quella maschera, sembra voglia ridicolizzare la nostra fazione. Qualcuno dovrebbe fargli comprendere che questa guerra non è uno dei suoi spettacoli.
    Continuo a concentrarmi sull'oggetto, di focalizzarne i dettagli e la posizione, poi con la forza del pensiero lo sollevo dal suo viso. Ne sento ora il peso irrisorio, sospeso in aria, e non faccio fatica a sfilarlo dal suo viso e velocemente portarlo alla mia mano. Sono stata molto veloce, forse più di lui visto che non è riuscito a reagire, buon segno.
    Ho la maschera tra le mani, ma non distolgo gli occhi dal suo volto <<Bellissima maschera, Sir Demonar, converrà che è meglio toglierla, potrebbe rovinarsi>> gli dico, prima di allungare la mano verso la finestra e gettarla giù senza esitazione.



    Faccio qualche passo verso di lui, continuando a fissarlo in volto. Richiamo la mia arma, che presto comincia ad assumere consistenza tra le mie mani. Il contatto con l'elsa mi da sicurezza, mi da forza. Mi è mancata Fidelia, in questi giorni non ho avuto modo di richiamarla tra le mie mani, o di usarla per sfogare la frustrazione che sento. E' il momento di rimediare.
    Sono in posizione di difesa, con i piedi saldamente a terra uno davanti all'altro, le gambe leggermente piegate e la spada protesa in avanti nella mia mano destra, in attesa della sua reazione.


    Telecinesi –spostare oggetti o lanciarli con la forza della mente
    Esperto – Nel raggio di 5 metri, può sollevare fino a 250kg di peso
    Fidelia - Arma in forma dormiente
    *Risposte di Lantis concordate con Mary
    *Azione sulla maschera concordata con Sims

  6. #626
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali


    Vicent Dreth

    Aiden
    rifiuta la resa, nega addirittura l’evidenza delle sue condizioni e continua a rivolgersi a me con superbia: riconduco l’atteggiamento al sangue degli Urthadar che scorre nelle sue vene. Ironico. Tutto l’odio ed il disprezzo che nutro per quest’uomo si annullano nel vederlo ridotto in questo stato, al momento trovo che sia solo uno sciocco egocentrico che preferirebbe farsi ammazzare piuttosto che arrendersi. Dire che se fossimo stati su un vero campo di battaglia a quest’ora sarebbe lui il famoso uomo morto, per sua fortuna però siamo in un’armeria ed oltre che un compagno d’armi si dà il caso sia anche il mio comandante… Espiro contrariato da questa consapevolezza e lascio che Selene si dissolva nel nulla, come un pezzo di vetro che va in frantumi.

    Selene - Arma richiamata

    Seppur continui a lottare l'arma non mi è più necessaria, non sono uno stupido, so benissimo che non devo mai sottovalutare un avversario specialmente se è in difficoltà - la forza della disperazione genera i contrattacchi peggiori - ma è meglio optare per dei semplici attacchi fisici. Non voglio ucciderlo dunque devo trattenermi. Vedo che arranca verso di me, indietreggio in contemporanea mantenendo il fatidico metro di distanza finché, non so come, Aiden trova le forze sufficienti a caricarmi. Rimembro dei tagli che gli ho inferto ai polpacci e mi rendo conto che la sua stabilità è alquanto precaria... Gioco d’astuzia. Mi butto a terra, atterrando con il mio regale posteriore, e sdraiandomi attendo che si avvicini: ad occhio e croce la mia gamba è più lunga della sua spada quindi la cosa può funzionare. Solo quando mi è di fronte sollevo l’arto e moderando la forza cerco di sferrargli una tallonata dritta alla bocca dello stomaco con il fine di farlo sbilanciare e cadere all’indietro. Complice l’azione difensiva però non mi rendo conto che ha accumulato una sfera elettrica nella sua mano sinistra… Ritraggo la gamba a causa del dolore al piede e do un pugno di prepotenza al terreno gemendo per l’elettricità. <<Ma quei cazzo di fulmini li caghi o cosa?>>, esclamo furente, al limite della sopportazione. Boia cane che male. Blocco l’arto alla coscia usando entrambe le mani e poggiando la testa a terra attendo che l’elettricità si dissipi da esso…



    Mi ha ridotto al pari di uno zerbino e sono cosciente che non meriterebbe affatto il piacere che sto per fargli dato il passato che intercorre tra le nostre casate ma, purtroppo, chi è messo peggio dei due è lui. L’ho colpito troppo duramente e temo che con le sue sole forze non potrà fare molto con la rigenerazione. Lo guardo in cagnesco quando a fatica mi sollevo da terra, zoppicando mi avvicino e guardandolo dritto negli occhi gli offro il mio aiuto per curarsi: se accetterà vedrò di donargli una parte del mio potere, altrimenti può anche andare a farsi benedire.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 15th February 2015 alle 13:27



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  7. #627
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    28
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Aiden Urthadar

    È tutto... ovattato... quanto sangue ho perso? Riesco a lanciare la mia saetta, lo so perché avverto l'elettricità abbandonare il mio corpo, non per altro... la vista inizia a diventare sfocata. Mi accascio a terra, abbandonando la testa all'indietro e chiudendo gli occhi... sento Vicent lamentarsi, significa che l'ho colpito... accenno un sorriso ma non ho la forza di tenere le labbra piegate, guardo a terra e vedo solo rosso... immergo la mano nel sangue, sento la sua forza, il suo calore... Madre, avete visto? Mi sono fatto valere. Ho tenuto testa ai nostri nemici. Sono stato bravo, vero? Non conquisteranno mai la nostra casa. Nessun Dreth oserà più mancarci di rispetto. Siete fiera di me? Ho lavorato così tanto...
    Sento dei passi che si avvicinano... Cassandra, sei tu? Apro gli occhi: vedo Dreth guardarmi in cagnesco, si sta offrendo di curarmi, credo... sarà veramente Vicent? Stupido, stupido, stupido... perché lo sta facendo? È questo che fanno, i Dreth, ti offrono una mano, ti seducono con la loro falsa bontà, quando in realtà nascondono una malvagità peggiore di qualunque Leithien! Smettila! Cosa... cosa sto...? Sto delirando... E sto iniziando a tremare, devo aver perso davvero molto sangue... Faccio un cenno con la testa al cavaliere, che inizia ad occuparsi delle mie ferite con la sua Rigenerazione. Vedo una luce biancastra, condividiamo anche questo... No, non è vero: appena tocca la mia pelle, diventa color pesca. Avverto immediatamente il sollievo della cura, sembra quasi un miracolo: più passano i secondi, più vita sento tornare nelle mie carni. È come se il sangue che ho perso si stesse rigenerando dal nulla. È questione di pochi minuti e sono un uomo nuovo, riesco ad alzarmi in piedi senza alcun dolore.

    Riesco finalmente a squadrarlo per bene: è messo male anche lui. Zoppica, ha varie escoriazioni sparse per il corpo, e segni di bruciatura provocati dalle mie saette. Però, onore a lui, si regge ancora in piedi. Come volevasi dimostrare: ancora una volta, non ho sbagliato nelle mie valutazioni; quest'uomo mi sarà utilissimo. Oh, non sarò in debito con voi, mio caro sir Dreth, questo è poco ma sicuro. Ora vi curerò, e mi ricorderò di questo momento quando i miei eserciti marceranno verso le vostre terre.

    Alzo la mano destra e inizio a far confluire il mio potere sul palmo, che si tramuta in luce candida come la neve. <<Permettete?>>. Penso di avere ancora abbastanza energie per curarlo completamente, ma poi dovrò correre a mettere qualcosa sotto i denti.

    Difesa e recupero: Esperto - Rigenerazione
    Ferite di media entità (ferite profonde non mortali, ossa rotte, danni medi da elemento)
    Chissà se Adamantia e la septa sono già tornate...

    Azioni di Vicent concordate con Damnedgirl
    Our wills and fates do so contrary run

  8. #628
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Per lo scontro, Aiden sottrae altri 45 punti costituzione, Vicent 40. Aiden guarisce per la rigenerazione di Vicent, attendo l'esito della rigenerazione su Dreth.

  9. #629
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Gildas Demonar

    Non capisco più nulla. Sono totalmente confuso e tutto ciò di cui avevo certezza ora mi sfugge, così come se fossero tanti granelli di sabbia che lentamente scivolano tra le mie dita. Niente ha più senso, tutto viene distorto da cose nuove, strani comportamenti. Assurdo. Perché? Perché non capisco? Cosa manca in me? Cosa c’è di sbagliato in tutto questo? Compassione, positività, che vogliono dire? Cosa sono? Non sono piatti di una pasto prelibato preparato dalle mani sapienti di una cuoca imprigionata. Non sono i nomi di alcuni spettacoli a cui ho assistito o fatto segretamente parte. Allora cosa sono? Oggetti, manufatti? Molto probabilmente qualche artefatto di cui non ho mai sentito parlare, qualcosa che solo le leggende Dohaeriane contengono. E se invece fossero questi comportamenti nuovi? Queste strane manifestazioni a me estranee. Probabile. Dei. Non so più nulla. Tutto ciò di cui avevo certezza ora è svanito, si sgretola e precipita lasciandomi nudo, inginocchiato sul nulla. Con davanti ai miei occhi solo queste parole. Cosa siete? Spiegatevi.
    Sbatto gli occhi e osservo la testa del comandante piegarsi leggermente come in un segno di approvazione. Lo sapevo, basta. Devo smetterla, non posso più sopportare tutto ciò. Poi si avvicina, sempre di più, i suoi occhi spariscono dalla mia visuale coperti dai pezzi in tessuto rigido della mia maschera. Cosa fa? Smettetela. Sento le sue labbra posarsi sulla mia fronte in un bacio. Cosa? Che significa? No. No. No. Non voglio, basta. Poi mi lascia lentamente al suolo, mi alzo in piedi sistemandomi la giacca e mi volto leggermente verso di lui, avverto un brivido percorrermi la schiena quando la sua mano guantata si posa sulla mia guancia. Cosa? Una carezza? Avevo dimenticato il suo significato. Serana era l’unica a lenire il mio dolore, costretta forse suo malgrado ad occuparsi delle mie ferite. Una schiava dedita alle mie cure, alle cure di una bestia torturata. Una schiava per la quale provavo qualcosa di diverso dall’odio. «Ci vediamo dopo, ci conto...» la voce del comandante è calma, pacata ma nasconde qualcosa, malizia. Perfetto, ecco una cosa che finalmente comprendo. Una cosa che portava a una profonda sofferenza per me, ma una grande soddisfazione e ingenti somme di denaro per mia madre. Che voglia davvero questo? No, è impossibile. Lui è diverso dagli altri. Cosa posso fare? Nulla se non vedere fino alla fine. Gli sorrido facendogli cenno di assenso col capo mentre lo osservo tornare a combattere contro Dreth. Qualcosa però accade su di me, la mia maschera comincia a vibrare forse colta da qualcosa. Che stia prendendo vita? Non mi pare proprio. Si solleva con velocità e subito scatta in avanti, vero la… principessa? Cosa? Come diavolo? «Bellissima maschera, Sir Demonar, converrà che è meglio toglierla, potrebbe rovinarsi» per poi muoversi verso la finestra e lanciarla verso l’esterno. «NO!» urlo tendendo il braccio verso di lei e tastandomi il volto con l’altra mano. Ho. Il. Viso. Scoperto. No. Non è possibile. No. Non può essere, non l’ho tolta io, me l’hanno tolta, me l’hanno fatta togliere. La mano scivola davanti alla mia bocca e con il pollice e il mignolo tiro indietro gli angoli della bocca mentre un sorriso si palesa sulle mie labbra, la testa piegata mentre gli occhi osservano la principessa dalle fessure tra le dita, sento i miei occhi spalancarsi e un attimo dopo le spalle si incurvano e veloci spasmi le fanno muovere dei gemiti escono dalle mie labbra, tiro aria tra i denti mentre mantengo il sorriso ancora in quel modo, sento le dita umide mentre una risatina sommessa comincia prima in modo lieve, poi sempre più forte, una sorta di pianto che lentamente cresce fino a trasformarsi in una risata. Lascio che il braccio cada penzoloni insieme all’altro mentre la ma espressione rimane immutata, gli occhi sgranati a guardare la sua figura mentre evoca la spada. La testa mi si piega da un lato al pari di un animale. Mi avvicino alla parete accanto a me e stacco una delle spade usate come decorazioni murarie. Gli occhi puntati sulla donna mentre faccio appello a tutto il mio odio, all’anima nera che alberga in me e la rilascio libera. Sì. Sì. «Sìììììì» urlo mentre continuo a fissarla muovendomi di un paio di passi, nella mia mano destra stringo la spada del muro. E Subito avverto un intenso calore avvolgermi il braccio, una lingua di fuoco si libera violenta e si blocca tra le mie dita. Madre. Anche voi qui? Avete visto cosa ha fatto? Avete visto come ha ridotto il volto di Nikah? «Non parlare… uccidila! Uccidila!» sibila lei. Torno con gli occhi sulla giovane e scatto in avanti verso di lei, la spada e la mano bruciante di mia madre sono ai lati del mio corpo e non appena mi avvicino a lei faccio ruotare la spada smorta verso la sua spalla destra. La mia voce si libera di nuovo e la risata si espande con un eco per tutta la sala…

    Aura di tenebra
    Gli stregoni nascono dall’oscurità, per tale motivo hanno una forte affinità con le tenebre e tutto ciò che di più malvagio esista. La loro aura ha profonde radici nel male e da esso traggono energie. La loro presenza incute sempre un certa negatività, seppur lieve, ma la particolarità sta nel fatto, che riescono ad amplificare questa sensazione che infondono a chi gli sta attorno. L’intensità dell’aura ed i suoi effetti, cambiano a seconda del grado:

    Allievo – Infonde timore: si ha remore nell’avvicinarsi e si avverte un certo fastidio alla sua presenza
    Chrysanta ---> Forma dormiente
    Ultima modifica di SimsKingdom; 15th February 2015 alle 18:33

  10. #630
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Reali

    Alinor Waters




    "Perdonatemi se sono prevenuta, ma proprio ieri la mia mente era stata già manipolata dalla Regina. Comprendete quindi, che con una guerra in corso e i giochi dei Leithien con il loro carisma, il mio senso dell'umorismo è sceso sotto i tacchi" mi fa l'ex comandante, forse sarcastica. "Inoltre, la magia di un guerriero è cosa onorevole, manipolarne la mente la trovo una cosa meschina. La Principessa Esperin non utilizzerebbe mai i suoi cloni per dei futili scherzi".
    A quanto pare le non riesce distaccare la mia figura dai Leithien. Probabilmente non le sarò simpatica, peccato!
    Poco dopo si prende tutti i miei colpi. Perde un po' di sangue, ma sogghigna. Noto che osserva il mio vestito, probabilmente pensa non sia consono alla situazione, ma non sa che ho imparato a combattere con ogni tipo di indumento addosso in tutti questi anni.



    "Tutto qui? Bene, ora tocca a me. Vi chiedo perdono di già per il vostro vestito" asserisce prima di afferrarmi per il collo.



    A quanto pare questa è il suo cavallo di battaglia. Potrei soprannominarla "la strangolatrice".
    Stringe con forza poi mi colpisce allo stomaco con una ginocchiata. Mi piego dal dolore e sputo del sangue. Vado per rialzarmi ma mi arriva un pugno dritto in faccia che mi spinge a terra.



    Sollevo lo sguardo verso di lei, mentre con una mano asciugo il sangue dalla bocca. Non è la prima volta che mi batto contro avversari più forti di me, so come agire.
    Lentamente mi rialzo e allargo le braccia, sempre di più, tenendo le mani aperte. Mi avvicino e abbasso lo sguardo sul mio abito attendendo che faccia lo stesso: "Come può notare, il vestito è intatto. Deve impegnarsi di più per poterlo rovinare!".



    Una volta distratta, non farà caso alle mie braccia che chiuderò rapidamente usando i palmi delle mani per colpirla sulle orecchie. Il forte colpo dovrebbe farle perdere l'equilibrio o quantomeno stordirla. Allora ne approfitterò per sollevarle il suo piede con il mio e farla cadere con le spalle a terra.
    Nell'attesa di colpirla, mi accorgo con la coda dell'occhio dell'entrata in scena di Esperin che ruba la maschera a ser Demonar usando la telecinesi. Sorrido per la mossa, per poi rivolgermi a Lady De Lagun: "Uhm, avevate ragione. La principessa Esperin non utilizzerebbe mai i suoi cloni per dei futili scherzi...ma la telecinesi sì."

    Ultima modifica di scarygirl; 18th February 2015 alle 22:59


 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51
  5. [Guida] La magia di Deus ex Machina
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10th June 2015, 17:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •