Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 153 di 221 PrimaPrima ... 53103143151152153154155163203 ... UltimaUltima
Risultati da 1,521 a 1,530 di 2208
  1. #1521
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Daphne mi sorride quando le parlo, un sorriso spento però ma che mi tranquillizza appena, mi sento più leggero ora che ho chiarito, sempre se così vogliamo definirla, questa cosa con lei.


    Anche se so che quella di Efrem per lei è una ferita aperta. Abbasso la mano quando prende a guardarmi nuovamente e mi avvicino a lei sul letto sistemando le gambe all’esterno. Comincio a puzzare di sudore. Che schifo. Daphne continua a guardarmi ma il sorriso sul suo volto muore nell’istante in cui prende a parlare «Mi manca Kol e non va per niente bene, ma mi aiuta ad andare avanti, perché ho un obiettivo.» Kol… suo fratello.


    Ricordo benissimo come Daphne ne parlava in passato. «Non ti preoccupare, per queste cose ci vuole solo del tempo, anche se non lo riavrò mai indietro.» nella stanza cala il silenzio. Un silenzio carico di tristezza e che diviene sempre più opprimente man mano che il tempo passa. Guardo Daphne, incupendomi. Mi dispiace, davvero, per ciò che è successo… e pensare che non sono potuto stare con lei, accanto, mi fa stare sempre peggio. Cerco di stringere le sue mani posandole sul letto ma mi irrigidisco quando riprende a parlare «tua sorella... spero che possiate superare tutto questo, potete farlo»



    lentamente nella mia testa si riversano tutte le parole che io e Cassandra ci siamo vomitati addosso in zona neutra e a ogni parola pronunciata sento un macigno farsi sempre più grosso e gravare sulle mie spalle col suo peso sempre crescente. Cerco gli occhi di Daphne, i miei riprendono a farsi lucidi e tiro sul col naso scuotendo appena la testa mentre ricaccio indietro quei pensieri. «Dubito…» dico con voce sforzata «l’ho incontrata… qualche giorno fa, al Valmorguli…»


    cerco di restare lucido, senza lasciarmi andare «abbiamo litigato e penso che non voglia più vedermi dopo ciò che è successo lì.» abbasso gli occhi mordendomi un labbro «non so nemmeno se mi reputa ancora suo fratello.» non so più nulla, non credo più a niente ormai. Tutto ciò che mi è rimasto di lei è solo il suo volto rabbioso… «mi… mi dispiace per Kol…»


    sospiro alzando lo sguardo «come è successo?» chiedo cercando i suoi occhi, non voglio turbarla, se vorrà parlarne, sarò al suo fianco altrimenti non insisterò. D’un tratto sento un urlo provenire da fuori la porta «ANDREUS, MARKUS STA MORENDO COME AL SOLITO, SBRIGATI!» scuoto il capo tornando a guardare Daphne… «a quanto pare hanno bisogno dell’infermiere di sopra, vieni con me?» dico porgendole il braccio con un sorriso. Ci sto prendendo gusto col teletrasporto, sì…

  2. #1522
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    «Dubito…»
    Andreus mi risponde subito con una voce strana «l’ho incontrata… qualche giorno fa, al Valmorguli…»



    Chino istintivamente la testa di lato, assottigliando gli occhi. E' già abbastanza strano che quei due siano schierati contro, ma credevo che sarebbero riusciti ad appianare le cose tra loro, sono Cassandra ed Andreus... insomma, sono uniti come me e Kaleb, non riesco a capire cosa succeda tra loro, non può essere solo una questione di schieramento «abbiamo litigato e penso che non voglia più vedermi dopo ciò che è successo lì. Non so nemmeno se mi reputa ancora suo fratello.» A queste parole gli sorrido istintivamente "Non conosco bene Cassandra quanto te, ma ne so un minimo, per affermare con certezza, che per lei niente vale più di te, è solo tremendamente cocciuta"

    «mi… mi dispiace per Kol…» Riporta l'attenzione a me e m'incupisco all'istante nel risentire il nome di mio fratello «come è successo?»

    Sospiro pesantemente e mi porto una mano al viso "Dei soldati del Re, cercav..."



    «ANDREUS, MARKUS STA MORENDO COME AL SOLITO, SBRIGATI!»

    Alzo gli occhi al cielo, diamine, che cavolo gli hanno fatto ora? «a quanto pare hanno bisogno dell’infermiere di sopra, vieni con me?» Andreus mi porge il braccio, vuole farmi fare un altro giro di giostra ed accetto senza pensarci due volte. Appena saremo arrivati nell'armeria mi precipiterò da Markus per cercare di aiutarlo

  3. #1523
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Medea Euripide




    Comincia qui.


    Dopo pochi attimi eccomi di nuovo al Rifugio.
    Mi guardo intorno e mi sembra di essere mancata anni mentre in realtà è passato poco tempo.
    Il tempo che ho passato nella Zona Neutra mi ha catapultato indietro nel tempo.
    Vedere Esperin mi ha fatto molto piacere ma ora che sono tornata a casa sento una grande tristezza dentro di me.
    Mi mancano i miei genitori, mi manca la mia spensieratezza...
    Tutto questo mi fa portare ad odiare Lantis con tutta me stessa ancora di più.
    Vorrei che fosse qui davanti a me per ucciderlo io stessa.
    Faccio un respiro profondo e mi incammino verso l'entrata diretta in Armeria, ho voglia di scaricarmi, ho voglia di combattere con qualcuno e scaricare tutta questa tensione.
    Mi dirigo così al secondo piano in Armeria dove praticamente ci sono quasi tutti.
    Strabuzzo gli occhi rimanendo di fianco all'entrata.

  4. #1524
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Non posso fare a meno di ripensare a ciò che Daphne ha detto poco prima che Shayla ci interrompesse. Lantis… ha fatto uccidere un uomo innocente. Deglutisco e per un attimo, il pensiero che Jubert mi abbia diseredato mi conforta, lui e Cassandra non avranno pericoli e questo mio gesto non comporterà problemi a loro. Dovrei scrivere a Cassandra… fare qualcosa che possa riportare la quiete almeno tra di noi e per quanto sia cocciuta, Daphne ha ragione. Sospiro calmandomi e dandomi qualche colpo sul volto per rimanere lucido e non scoppiare a piangere di nuovo.


    Dei… sto diventando una fontana. Daphne posa una mano sul mio braccio facendomi capire che accetta il mio invito e dopo averle rivolto un sorriso complice, cerco di focalizzare il punto in cui dovremmo riapparire… prima ho fatto così, ho pensato al primo luogo sicuro lontano da Lysa e dal pozzo e siamo riapparsi in camera. Anche se il mio intento era di riapparire in piedi vicino alla porta. È stato… imbarazzante, devo perfezionarmi. «È la seconda volta che lo uso… speriamo di non ritrovarci con i piedi nel muro.»


    dico ironizzando ma anche un po’ timoroso. «Focalizza un punto CONOSCIUTO» dice lei preoccupata lasciando la presa e aggiungendo


    «vado a piedi.» storco un labbro, stronza. Poso una mano sulla sua testa e senza che lei possa replicare, connetto la mia volontà alla terra che ci circonda, le crepe si manifestano veloci sulle mie braccia estendendosi al corpo della ragazza che comincia a sgretolarsi «punto conosciuto, ricevuto.» dico concentrandomi e chiudo gli occhi riaprendoli qualche istante dopo in una nube di sabbia che si ricompatta nella mia mano. Cerco di poggiare i piedi ma… vuoto. Di nuovo. Precipitiamo verso il basso e io stesso atterro di sedere sopra al tavolo reggendo Daphne che atterra in piedi.


    Avevo pensato al centro dell’armeria. Ho sbagliato anche stavolta di pochi metri. AHIA che male. Mi guardo attorno nella sala constatando l’entità dei danni. Markus… come al solito sembra essere quello messo peggio e subito Daphne si prodiga per curarlo. Guardo gli altri presenti, Efrem ha legato parte della sua maglia al ginocchio e a parte qualche altra contusione e taglio non sembra messo male. Keyra… lei ha bisogno di cure e subito. Ha una gamba ridotta a brandelli e le condizioni del resto del corpo, così come il suo occhio non sono molto felici. Mi avvicino a Markus e noto che poco distante da lui vi è la sua ascia al quale sono attaccati alcuni brandelli di carne mentre un odore di arrosto bruciato si espande per la stanza. Ottima mossa. «Portiamolo in infermeria.» dico a Daphne in tono serio mentre con uno sforzo non indifferente, sollevo l’armadio sentendo solo in quell’istante il respiro basso ma regolare. Daphne raccoglie la gamba e l’ascia del ragazzo e velocemente ci precipitiamo in infermeria dove poso il ragazzo sul letto a sinistra della porta, il più vicino e comincio a pulirli il moncone con un panno pulito e dell’acqua.


    Appena sarò al massimo potrò riattaccargliela con facilità…

    *Frasi e azioni di Daphne concordate con Eclisse84

    Alterazione e illusione:
    Teletrasporto del proprio corpo: (Maestro) - A piacimento in una vasta area e può teletrasportare anche un’altra persona con sé.

  5. #1525
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton


    Rientro in armeria e pochi minuti dopo compaiono dal nulla anche Daphne ed Andreus, atterrando in modo goffo dopo aver probabilmente usato il teletrasporto per raggiungere la stanza. Daphne padroneggia questo potere ma mi è sembrata molto abile nell'utilizzarlo, strano, forse era agitata per Markus oppure l'aver trasportato una seconda persona con sé le ha dato qualche problema. Non ci bado però più di tanto quando li vedo correre verso Markus e proporsi di portarlo in infermeria,



    decido di seguirli e di lasciare Efrem e Keyra al loro allenamento, anche se lei non sembra nella condizioni di continuare ancora per molto.



    Seguo quindi i due ed il moribondo attraverso i corridoi del monastero fino ad arrivare all'infermeria dove Andreus lo poggia su un letto ed inizia a pulirgli la ferita.



    Certo che è ridotto proprio male, non è uno che si risparmia in allenamento. Non so che fare, non sono pratica in queste cose, ma l'acqua che Andreus sta utilizzando è già totalmente sporca di sangue, forse ne serve dell'altra pulita. Senza dire nulla esco dalla stanza e raggiungo la cucina dove ne riempio un'altra bacinella, poi la porto in infermeria e la lascio accanto all'altra, sedendomi su un letto e restando ad osservarli in disparte.




  6. #1526
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Passo delicatamente la pezza sui tagli pulendo i vari rimasugli di sangue e alleviando col freddo le bruciature auto inflitte per cauterizzare il sangue. Devo dire che quando vuole Markus ci sa fare in idee.


    Slego con calma la benda che qualcuno gli ha legato attorno al moncone e faccio scivolare la gamba portata da Daphne accanto all’attaccatura. Noto con piacere che Shayla ha provveduto a cambiare l’acqua, mi serviva proprio ora. «Grazie!»



    dico dopo averle rivolto un sorriso amichevole e con un altro panno, pulisco anche i residui di terra e sangue dal resto dell’arto. Efrem non ci è andato leggero con loro ma nemmeno lui stava messo bene e a giudicare dalla quantità di sangue presente sulla lama della sua ascia, direi che anche Markus gli ha assestato qualche colpo.


    Faccio aderire appena l’arto mozzato contro il moncone bruciacchiato togliendo lentamente le parti bruciate in modo che non faccia infezione e dopo aver sistemato i due pezzi, richiamo a me i miei poteri posando una mano sul troncone libero e l’altra sulla coscia di Markus in modo da fare da connessione tra i due flussi.


    Lentamente la ferita si irradia di una intensa luce violacea che illumina parte della stanza e dopo qualche istante questa luce diviene rossa, a tratti dorata mentre i filamenti di carne cominciano ad animarsi e ad unirsi tra loro, vedo il sangue rifluire all’interno della coscia e io scosto lo sguardo dalla luce. Mi infastidisce e il pensiero che questa appartiene a Jubert mi fa ancora più rabbia. Lentamente i fasci colorati abbandonano la stanza dissolvendosi dopo essere stati assorbiti dai miei vecchi globi dorati che dopo qualche istante si trasformano in sabbia. Guardo la gamba del ragazzo, totalmente risanata e integra. Anche il suo tatuaggio sembra non aver subito danni. Mi volto verso di lui ma Markus non accenna a svegliarsi, mi avvicino col busto e comincio a schiaffeggiarlo appena sul volto richiamando la sua attenzione «sveglia! È pronta la colazione!»


    effettivamente comincio ad avere un po’ fame anche io, chissà se c’è qualcosa di buono in cucina, più tardi ci farò un salto…

    Difesa e recupero:
    Rigenerazione: Avviene tramite tocco (Maestro) - Rigenera ferita di entità grave o mortale.

  7. #1527
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Grazie all'intervento di Andreus, Markus recupera tutta la costituzione. La gamba torna perfettamente funzionante.

  8. #1528
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Mi gira tremendamente la testa quando ci ritroviamo in armeria, sono abituata al mio di teletrasporto, ma essere scarrozzata da qualcuno è tutt'altra storia.



    Mi sento afferrare, nonostante io abbia i piedi in terra, mi rendo conto che ad Andreus è andata diversamente, è atterrato sul tavolino e per poco non si trafiggeva da solo con gli spuntoni di qualche arma poggiata li sopra. Quando torno lucida, individuo immediatamente Markus in terra, è riverso nel proprio sangue, ricoperto da ferite, con la gamba tagliata.



    A questa vista sposto lo sguardo su Efrem, sta diventando la sua firma, ma non l'osservo con nessuna espressione particolare, mi rendo conto che è ferito anche lui, ma almeno è cosciente. Distolgo lo sguardo ed aiuto Andreus, lui trasporta Markus, io l'arma e la gamba, che sinceramente mi fa un pò senso, anche se ho trasportato la mia qualche giorno fa, la cosa mi sembra decisamente diversa. Passiamo accanto Medea, la quale è resuscitata, era scomparsa da un bel pò, la osservo torva, crede che questo sia un luogo di villeggiatura? Passo oltre ed arriviamo in infermeria, ci raggiunge anche Shayla, noto che ha un aspetto diverso, è meno... meno Shayla.



    Andreus si prodiga immediatamente per curare Markus, prende il moncone dalle mie mani ed io poggio l'ascia al muro, probabilmente andranno curati anche Efrem e Keyra, non erano messi bene.



    Mi inginocchio accanto al letto e comincio ad accarezzare la testa a Markus, gli sposto le ciocche incollate al viso dagli occhi e gli do un leggero bacio sulla fronte



    "Facciamo a gara a chi sviene più spesso, mh?" Rimarrò qui fino a quando non si sveglierà.

  9. #1529
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel


    Efrem sembra essere in preda ad un attacco di qualcosa, cade nella direzione in cui sono in agguato, la mia lama incontra qualcosa, sento una leggera resistenza forse l’ho ferito…
    Improvvisamente un sudore freddo mi assale così come uno stato d’ansia improvviso e, getto via d’impulso le spade che stringo.
    << Efrem…>> biascico, immotivatamente preoccupata per il ragazzo, non so perché, non so nemmeno se e dove l’abbia colpito, forse ad una spalla o forse all’addome, il velo rosso che ricopre il mio occhio sano non permette di vedere bene.
    Un rombo improvviso irrompe nell’istante di questa consapevolezza nell’armeria, non so da dove provenga , tendo le orecchie, mi sembra di sentirlo molto vicino .Improvvisamente, mi sento mancare la terra sotto i piedi, un qualcosa di ruvido e selvaggio scorre e si inerpica su per le mie gambe stringendole fortemente risalendo su per il mio corpo quasi fosse un serpente, ma i serpenti li conosco, conosco la scivolosa superficie a contatto con la pelle nuda e, questi non sono decisamente serpenti.
    Una morsa stringe con violenza i miei arti mentre sento le ossa scricchiolare strette in questo abbraccio, le ferite e le escoriazioni che prima parevano superficiali, bruciano e si riaprono mentre sento il mio sangue colare sulle radici
    -Il suo potere, la Terra …dovevo intuirlo – sorrido amaramente mentre il dolore inizia a pulsare.
    Sono immobilizzata preda di lui, prigioniera come una mosca nella tela del ragno, stringo i denti per non soccombere al dolore mentre sento le forze venire meno, più cerco di opporre resistenza, più mi sembra che la stretta aumenti. Nonostante io sia in netto svantaggio riesco a malapena a muovere una mano, mano che sotto di se ha la consistenza di una radice… ne accarezzo piano la rugosa corteccia. E’ la prima volta che usa questo potere su di me.
    Solo quando sento una forzatura alla gamba seguita da un sonoro crack, mi lascio sfuggire un urlo. Lacrime di dolore prendono a rigare le mie guance, guance che si imporporano sporche del mio stesso sangue, sangue che va ad unirsi all’altro già presente, ma non intendo cedere, sono piuttosto malridotta, ma ho ancora la forza per oppormi a lui.
    «Fuori una…» la sua voce è fredda e tagliente, proprio come il suo potere. Cerco di individuare Markus capire cosa gli è accaduto, se anche lui è caduto preda delle sue radici l’ho sentito urlare e poi il nulla.
    << Markus!>> urlo cercando una sua risposta, risposta che non arriva mentre sento nuovamente l a voce di Efrem seguita da quella di Shayla che avvisa Andreus di quel che sta accadendo qui. Poco dopo due figure fanno il loro ingresso, una è di sicuro Andreus l’altra non so…forse Daphne, oppure Lucynda…mentre anche loro se ne vanno soccorrendo fortunatamente il ragazzo, avverto la presa sul mio corpo ammorbidirsi e io scivolo rovinosamente a terra, picchiando la gamba quasi totalmente staccata, stingo i denti mentre cozzo contro il pavimento, ritrovandomi a terra poco distante da Efrem. Cerco di tirarmi a sedere facendo forza su braccia e gamba sana, strappo quindi tra i singhiozzi e i sussulti con la forza che mi rimane un brandello di tessuto dei pantaloni, devo legare la gamba, evitare la troppa fuoriuscita di sangue, sono a terra ma la fredda fiamma del vento che mi domina è ancora accesa.
    << Se volevi abbracciarmi …non c’era bisogno di usare tale violenza>> ironizzo sofferente sulla situazione , il mio tono è piuttosto lascivo lo ammetto e, lo provoco volutamente.
    Mi volto quindi in sua direzione e, mi rendo conto che siamo molto, troppo vicini, pericolosamente vicini, almeno per quel che mi riguarda . Questa vicinanza e questa immobilità provvisoria mi destabilizzano, fatico a reprimere l’impulso di baciarlo , per gli Siamesi… a cosa sto pensando? Sospiro, cercando di mascherare il mio disagio. Questo silenzio mi mette ancor più imbarazzo.
    << Certo che queste radici sono proprio forti e possenti… >>
    sorrido tristemente reclinando all’indietro il capo cercando appoggio sulla rastrelliera consapevole della mia momentanea sconfitta mentre i miei occhi ancora bendati sono comunque fissi su di lui, su ciò che posso intravedere tra le fibre cremisi del tessuto . Il dolore intanto si fa sempre più forte e fatico a mascherare una smorfia. Vorrei scansarmi da qui, scappare da questa tentazione che ho vicino, ma dannazione non posso muovermi!
    I tratti del suo volto riesco ad immaginarli, così come la sua chioma rossa, la sua cicatrice …avvampo, spero che il sangue che mi sporca il viso nasconda il mio rossore.
    Spero non si sporga troppo verso di me, sono vulnerabile in questo momento, lui potrebbe colpirmi con qualche oggetto spostato con la telecinesi invece io…io…potrei solo prenderlo per il collo della maglia... con l'intento di tirarlo con forza verso di me e... baciarlo con trasporto…
    Ultima modifica di DELTAG; 2nd November 2015 alle 22:08

  10. #1530
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    Un calore piacevole, rilassante, mi fa riprendere i sensi. Tengo però gli occhi chiusi, mi sento stanco, tramortito, non riesco ad aprire le palpebre. Voci, suoni, contatti.



    D’ un tratto qualcosa mi colpisce la guance, mugugno appena aprendo gli occhi quando sento qualcuno accarezzarmi i capelli. <<Daphne…>>, biascico prima ancora di guardarla, con voce impastata, e dopo pochi istanti aggiungo, <<grazie Andreus>>, per farlo smettere di schiaffeggiarmi.



    Sollevandomi un po’ dal letto cerco il viso di Daphne per provare a farle una leggera carezza e dirle in un sussurro <<mi dispiace>>.



    Odio discutere con lei, spero solo di poter chiarire prima del Kratoning. Mi faccio quindi meno serio, quasi spensierato. <<Hai barato te però, qua non c’è mica la colazione!>>. Sgancio ad Andreus un finto broncio, per poi ghignargli sarcastico, e infine, leggermente intontito, mi guardo la gamba sinistra: è sana, attaccata. Noto che siamo in infermeria, devo essere svenuto perché non ricordo di essermi mosso, e con noi c’è perfino Shayla… O almeno credo. La guardo un po’ perplesso, prima di tornare su Daphne. Sta meglio con i capelli lisci, è molto più naturale… Meno finta. <<Non avete usato la pozione di Sepyra su di me, vero?>>, domando preoccupato, tastando la gamba per un attimo prima di muoverla: è perfetta…



    <<Ne avevo prese già un paio, per potermi allenare più tempo…>>. Con Efrem. Almeno stavolta però l’ho colpito IO e Dei se è una soddisfazione! Mi avrà amputato una gamba, ma quella ferita c’è ed è mia… Solo mia. Forse però dovrei ringraziarlo, mi ha dato dei buoni consigli, se domani non crepo sarà anche merito suo. Fisso la mia ascia, Regret, storcendo un labbro quando noto la sporcizia: devo pulirla, fa schifo, e visto che ci sono anche affilarla perché al Kratoning mi servirà. Mi do un bello slancio e salto giù dal letto per poter recuperare Regret mentre dico, <<gli altri si stanno ancora alle - nhm…>>, ma mi blocco per colpa di un forte capogiro. Merda. Deglutisco innervosito, mentre mi mantengo all’arma, e respirando passo una mano sul viso. <<Sto bene, è solo mal di testa>>, mi affretto a dire per tranquillizzarli. <<Gli altri?>>. In fondo non posso dormire… Ho poco tempo.



    Devo ancora lucidare l’arma, mangiare, lavarmi, ringraziare Efrem e chiarire con Daphne...
    Ultima modifica di Damnedgirl; 24th November 2015 alle 01:04



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •