Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 170 di 221 PrimaPrima ... 70120160168169170171172180220 ... UltimaUltima
Risultati da 1,691 a 1,700 di 2208
  1. #1691
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    Muovo con calma la penna, impegnandomi, concentrandomi, e cercando di evitare grosse sbavature, sorridendo soddisfatto quando osservo il risultato. Poco dopo però, ripetendo la parola, mi incupisco ed assottiglio lo sguardo. <<Scoiatolo>>, leggo ad alta voce, di nuovo, e c’è qualcosa che non mi torna, lo capisco dalla pronuncia. Picchettando una mano sul tavolo leggo qualche parola nel libro, o almeno ci provo, finché non ne vedo una, con una lettera che si ripete. E se fosse...<<Scoiattolo>>? Ed effettivamente mi sembrano due T, non una, prendo un foglio pulito e scrivo SCOIATTOLO ripetendolo fino a quando non sono convinto. Bene meno una su… Dieci. Dei, non finirò mai. Mi rilasso un attimo per sorseggiare un paio di volte l’infuso che è ancora troppo caldo e poi riprendo a scrivere scegliendo stavolta una parola più semplice, <<ASCIA>>. E continuo così, scrivendo poi AQUA, FESTA, AMICO e la più complessa CICATRICE, fermandomi ancora una volta per evitare di forzare troppo la mano e stancarmi ancora prima di aver finito. Provo quindi a leggere il libro, giusto per alternare i compiti, ma nonostante ci provi, come con la torta, mi escono delle frasi assurde, prive di senso. Lascio perdere, promettendomi di riprovarci non appena termino le dieci parole, e scrivo RIBELLI, FAMILIA e NOCE. Con quest’ultima parola però mi viene in mente la medaglietta che Andreus ha legato al collo dello scoiattolo e la curiosità di sapere cosa c’è scritto prende il sopravvento. Massaggiandomi le tempie faccio appello alla mia natura d’elfo, percorro mentalmente ogni singolo corridoio di questo covo finché non creo una connessione con il mio scoiattolo.

    Simbiosi: (Esperto) - Avverte le sensazioni ed emozioni altrui ed è in grado di manipolarle, infondendo le proprie. Quindi se l’elfo è in uno stato di calma e la persona con la quale si rapporta è colmo di ira, ritrovandosi sotto l’effetto della simbiosi, anch’egli si calmerà. (ciò vale per tutti gli stati umorali).
    Il roditore zampetta verso di me, arrampicandosi sul tavolo, ma proprio quando gli do l’ordine di stare fermo quest’ultimo lascia cadere sul tavolo un grosso medaglione d’argento con delle incisioni molto particolari. <<E questo a chi l’hai fregato...?>>. Lo afferro e lo osservo rigirandolo in una mano. Sembra costoso, penso sia una di quelle collane in cui è possibile metterci un ritratto, o comunque qualcosa che conservi il ricordo di persone care… Nulla che mi riguarda quindi. Decido di non aprirlo, più tardi cercherò il proprietario per restituirlo piuttosto, e torno a completare il compito alzando la medaglietta direttamente dal collo dello scoiattolo per poter copiare le lettere che vedo…

    Nota: Il medaglione è accordato.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 9th December 2015 alle 01:39



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  2. #1692
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon
    -Capo Tempesta -


    Attraversato il Glados ci ritroviamo in una piazza di dimensioni modeste, se non erro si svolge il mercato in questo luogo tutte le mattine, ma al momento vi sono pochi banchi e poche persone che cominciano a girare.



    Mi guardo attorno con la consapevolezza di avere il volto scoperto con una taglia sulla mia testa ed infatti Shayla si avvicina furtiva ad un muro con le affissioni per strappare il mio ritratto, non ne vedo altri in giro e non sono poi così conosciuta da rimanere impressa nella memoria di chi lo ha visto... almeno spero



    ."Dobbiamo entrare rapidamente per non essere riconosciute"



    Shayla mi indica il bordello, non è molto distante da noi, una cinquantina di metri o poco più "Vestite così ci fermerebbero subito, sono certa che nella stanza di Claire troveremo qualcosa di più adatto, magari puoi andare tu col teletrasporto e prendere qualcosa per entrambe, ti aiuterà lei quando le spiegherai la situazione"



    Dovremmo comunque avvicinarci e probabilmente più ci accostiamo al bordello, più lei rischia di essere riconosciuta, anche se senza trucco e senza quella pettinatura pomposa non balza molto all'occhio come al solito "Beh... pronta a diventare una meretrice?" Mi rivolge un occhiolino, mentre le risponso con un sorriso accennato, so che non mi sentirò per nulla a mio agio ed ammetto di essere molto più agitata di quel che pensassi, non ho mai fatto nulla del genere, non avrei neanche mai creduto di poter elaborare un piano così fino a qualche giorno fa, ma ormai le novità sono il mio pane quotidiano e, a dispetto delle mie mani che tradiscono un tremore appena accennato, l'adrenalina comincia a farsi sentire. "Devi indicarmi la stanza di Claire" le rivolgo poi un cenno col capo per invitarla a seguirmi, non corro, ma tengo il passo veloce, non ho intenzione di attirare comunque troppo l'attenzione. Mi guardo bene attorno, cercando di evitare quanti più rischi possibili, mi tengo pronta a regire nel caso qualcuno provi ad aggreddirci. Per fortuna vi sono dei cespugli che coprono leggermente la visuale, quando ci troviamo ad un passo dalle mura del bordello, così guardo Shayla prendendole la mano d'istinto "Dove si trova esattamente?" me l'ha già spiegato quando ho usato la simbiosi sul topo col qualche ci siamo scambiate missive, ma al momento ho il cervello totalmente svuotato, non riesco a ricordare niente. La ragazza alza lo guardo e per fortuna lo rivolge alla finestra che si trova proprio a pochi metri sopra le nostre teste "Eccola"



    Comincio a concentrarmi, ho le palpitazioni a mille e le mani probabilmente tremano di più, ma non voglio spaventarla così le rivolgo un sorriso "Cercherò di sbrigarmi..." mi connetto alla mia volontà, sento il corpo rispondere immediatamente, il tremore aumenta, mi pervade tutto il corpo... "... vorrei portarti con me" sento qualcosa di strano, quel tremore svanisce nel nulla, per poi riapparire concentrato in un unico punto: il centro del petto. Sento una strana energia accumularsi ed immediatamente delle piccole scariche si palesano attorno a me, non ho evocato il fulmine, che sta succendendo? La pelle si illumina avvolta da filamenti che irradiano una luce azzurra piuttosto intensa, si vedono benissimo anche se è giorno. I fili incredibilemente si espandono anche al corpo di Shayla, la guardo sganando gli occhi ed in un attimo tutto attorno a me perde di consistenza...
    Alterazione Teletrasporto del proprio corpo
    • Maestra a piacimento in una vasta area e può teletrasportare anche un’altra persona con sé
    *azioni e frasi di Shayla concordate

  3. #1693
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel



    Odo un fischio lontano, un fischio insistente, continuativo...
    Mi muovo appena senza rendermene conto.

    Cammino per una landa bianca senza meta ne direzione, mi fermo però dinanzi ad un albero, un albero dalla chioma verde e senza neve sopra, forse una quercia...
    Mi inginocchio a terra incurante del freddo, sposto un pò di neve, ecco un germoglio...un piccolo e fragile germoglio nel pieno della sua giovinezza.
    Cerco di toccarlo ma mentre allungo una mano, ecco che il fiore sembra sbocciare, vengo investita da una luce....


    Riapro gli occhi e dinanzi a me, non ho più il bianco puro e candido della landa su cui camminavo, ma solo una distesa color marrone scuro, il legno di un tavolo.
    Nessun fiore al mio risveglio, nessuna luce intensa, solo l'arco d'ingresso alla mensa e, la fioca luce del rifugio.
    Resto per un attimo così, assorta nelle immagini viste in quel frangente, sbatto gli occhi, poi mi tiro a sedere e mi stiracchio pigramente...
    - Mi sono addormentata sul tavolo -
    Nell'aria un profumo delicato, sembra dolciastro, forse miele.
    Respiro la fragranza e poi mi alzo con il collo dolorante, lo massaggio appena, a quanto pare la posizione in cui sono rimasta non era delle più comode.
    Istintivamente, memore del sogno fatto, mi porto una mano in tasca e, vi trovo i semi raccolti in superficie. Sorrido al pensiero di ciò che questi semi un giorno potrebbero divenire piante e, a questo pensiero un'idea prende forma. Devo andare in biblioteca a fare delle ricerche.
    Lascio la torta sul tavolo coperta, mi avvicino alla dispensa e preparo del succo d'arancia con quel pò di agrumi che trovo, me ne verso un bicchiere e il resto lo lascio comunque tutto qui, ben coperto e ben sistemato, fatto ciò, mi allontano diretta verso la biblioteca.

    Non appena salgo le scale e raggiungo il piano, noto che vi è già qualcuno in biblioteca in compagnia di uno scoiattolo molto carino.
    Entro con passo leggero, ma poi paleso la mia presenza, non voglio spaventare il ragazzo che sembra essere assorto in qualcosa:
    << Ciao Campione! >> esordisco allegramente rivolgendomi a Markus con un sorriso mentre mi avvicino a lui e, poso il bicchiere con il succo sul tavolo.
    << Sono qui per fare una ricerca, se disturbo però prendo i volumi se li trovo e, me ne vado>>
    Detto ciò mi allontano comunque momentaneamente, con l'intento di cercare tra le sezioni della biblioteca, due libri; un libro di botanica e un libro di geografia...
    - A proposito di Markus...lui è un fabbro se non ricordo male e, al momento mi sovvengono le parole di Daphne a proposito di una serra... - penso
    - Lui saprà costruirne una? - mi porto un indice sulla guancia sinistra con fare pensatorio.
    Se non mi caccerà via e non si farà problemi per la mia presenza, potrei provare a chiederglielo, magari potrei anche chiedergli di insegnarmi a farne una...
    Ultima modifica di DELTAG; 9th December 2015 alle 16:50

  4. #1694
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Medea Euripide




    Efrem mi guarda serio ascoltando le mie parole.
    Non so cosa pensi di me ma è il mio capo e se non chiedo dei consigli a lui a chi li potrei chiedere?
    Per fortuna la sua risposta non tarda ad arrivare. «se vuoi un allenamento serio, dovresti prima imparare a gestire le tue emozioni. Non otterrai assolutamente nulla se al primo colpo perdi il nume della ragione, anzi. Ti porterà solo a una morte ancora più rapida.»
    Ecco proprio ciò che pensavo…
    <<Hai ragione, devo essere più pragmatica e concentrarmi sul nemico e sul modo migliore di combattere.>> Ragiono parlando a voce alta.Ascolto le sue parole attenta <<Hai ragione pure su questo anche se speravo che mi dessi comunque qualche dritta…>> Lo guardo cercando ancora una volta il suo sguardo.
    <<Se ti prometto che non darò i numeri, quando hai un po’ di tempo mi alleni senza risparmiati?>> Lo guardo speranzoso.

  5. #1695
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    LUCKY. Lo scrivo, nonostante non riesca a leggerlo, ed osservo soddisfatto il foglio con il compito - finalmente - concluso. Scommetto che Shayla ci resterà a bocca aperta quando vedrà che ho fatto quello che mi ha detto senza fare storie e, magari, mi premia consigliandomi un libro più interessante di una favola per bambini. <<Ciao Campione!>>. OH MERDA. Infilo rapidamente foglio ed alfabeto nel libro di favole, libro che subito dopo chiudo di scatto coprendo la copertina con un braccio; <<ciao>>. Per fortuna Keyra non sembra badare a me, cerco quindi di fare finta di niente, scacciando con la mano libera lo scoiattolo che se ne sta ancora impalato sul tavolo, ed osservando di sottecchi Keyra che mi sorride poggiando sul tavolo un bicchiere di aranciata, molto, troppo, vicino al medaglione d’argento. <<Sono qui per fare una ricerca, se disturbo però prendo i volumi se li trovo e me ne vado>>. Appare tranquilla, deduco che il ciondolo non sia suo e che, ringrazio i Siamesi, non abbia visto il libro. Le rivolgo un sorriso, leggermente imbarazzato, ed intanto che accatasto in modo disordinato le varie scartoffie rispondo, <<nah, tanto me ne stavo giusto andando, ho finito qui>>. Meglio non leggere ad alta voce un libro di favole davanti a lei, rischierei di distrarla, di disturbarla da ricerche che, probabilmente, sono davvero importanti. Inoltre c’è anche da tenere in conto che al covo pensano io sia un’idiota, un ubriacone ed un drogato, vorrei evitare di aggiungere alla lista anche un capra. Decisamente. <<Ci vediamo alla festa>>, la saluto con un occhiolino, poi metto sottobraccio fogli e libro e, dopo essermi infilato al collo il medaglione, recupero la tisana e la tazza - che tra l’altro dovrei ancora finire di bere - trasportandole con il vassoio. Senza farmi notare da Keyra mi sposto in sala comune, controllando non ci sia nessuno prima di poggiare tutto sul tavolo. Torno a sedermi, sistemando di nuovo libro, alfabeto e tazza di fronte a me per stare il più comodo possibile, e sfilando l’amuleto da collo lo poggio sul tavolo, per l’esattezza sopra il foglio con il compito che mi ha assegnato Shayla, fissandolo un po’ sovrappensiero mentre sorseggio l’infuso…



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  6. #1696
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton
    - Capo Tempesta -


    Daphne risponde con un sorriso appena accennato alla mia battuta ed insieme ci incamminiamo verso il bordello cercando di non attirare l'attenzione. La ragazza mi chiede di indicarle la stanza di Claire e sollevo lo sguardo verso la struttura man mano che ne seguiamo il perimetro, fortunatamente le ragazze sono tutte all'interno altrimenti rischierei di essere riconosciuta da qualcuna di loro, per quanto sia vestita molto diversamente dal mio solito non ero certamente una sconosciuta in questo posto e non impiegherebbero molto ad accorgersi di me, sia le ragazze che le guardie. Mi accorgo di avere i nervi tesi quando Daphne prende la mia mano e quasi sobbalzo "Dove si trova esattamente?" mi chiede, con uno sguardo che sembra più teso del mio, dobbiamo mantenere la calma e concentrarci sul nostro obiettivo. Sollevo lo sguardo indicandole la veranda sulla quale affaccia la camera di Claire, una delle più belle del bordello, non è mai stata utilizzata per lavoro perchè Claire sa come farsi rispettare in questo posto, sia dalle ragazze che da Aiden, e sa come preservare i propri spazi ed i propri privilegi. "Cercherò di sbrigarmi... vorrei portarti con me" sento la sua mano tremare in modo sempre più evidente mentre la osservo stupita, portarmi con sé...questo può voler dire solo che è o che crede di essere diventata maestra! E forse...questo spiegherebbe anche quel fulmine piombato dal cielo senza motivo, ora che ci penso ha sollevato le mani al cielo prima che accadesse. La osservo mentre il tremore svanisce nel nulla, temo che stia fallendo nel tentativo ma subito dopo delle piccole scariche iniziano a formarsi attorno a lei e la pelle le si illumina di filamenti luminosi che ben presto si espandono anche al mio corpo. Prego Raiden e tutti gli Dei messi assieme di non finire fritta dal suo fulmine prima ancora di entrare nel bordello ma un attimo dopo, prima che riesca a realizzare o a rendermi conto di cosa accade, mi ritrovo catapultata assieme a lei nella stanza di Claire, cascando a terra in modo poco elegante per la sorpresa "Sei maestra, brava!!!" le dico entusiasta, strattonandola per un braccio. Poi mi volto e Claire è proprio davanti a noi impegnata a sistemare delle spazzole nella specchiera, sobbalza quando sente il rumore e si volta nella nostra direzione. E' sempre stata una bella donna, circa sui quarant'anni, bionda e con stile, non è affatto volgare come ci si aspetterebbe, è perfetta nel suo ruolo di amministratrice del bordello piuttosto che di meretrice, non che in passato non si sia approfittata di questo aspetto così a modo "Per i Siamesi...Shayla! Ti sembra questo il modo di entrare? Lo sai che ho una certa età!" si avvicina velocemente riportandomi in piedi di forza, è sempre stata un osso duro anche se apparentemente non sembra "Cosa hai fatto? Questi capelli...come sono crespi!" mi dice, prendendo una ciocca e guardandola disgustata "E questo vestito...gli stivali...sembri una pescivendola!" termina di squadrarmi di capo a piedi, soffermandosi poi sul petto, "Ti sono cascate pure le tette, non ci siamo proprio tesoro! Cinque anni lontana dalla tua insegnante ed hai dimenticato tutto!" mi copro istintivamente il petto rivolgendole una smorfia contrariata "Non mi è cascato un bel niente, smettila! E si...anche io sono felice di rivederti" la smorfia si trasforma ben presto in un sorriso spontaneo mentre l' abbraccio ricambiata con lo stesso entusiasmo. "Lei è Daphne, siamo qui per lo stesso motivo. Daphne...questa è Claire, la stronza che mi ha insegnato a sopravvivere in questo ambiente" le presento, prima di tornare a guardare Claire "Lui c'è?" le chiedo, sperando in una risposta affermativa "Abbiamo bisogno del tuo aiuto" aggiungo, indicandole l'armadio.

  7. #1697
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    «Hai ragione, devo essere più pragmatica e concentrarmi sul nemico e sul modo migliore di combattere.»
    e… «hai ragione pure su questo anche se speravo che mi dessi comunque qualche dritta…» lo so di aver ragione, visto che certe cose le ho sperimentate io stesso sulla mia pelle. Spero piuttosto che questo non si riveli un buco nell’acqua come l’ultima volta. Mi diede ragione… e poi fece nuovamente l’esatto contrario. Mi guarda speranzosa e quasi credo di scorgere un labbro tremolante quando mi domanda «se ti prometto che non darò i numeri, quando hai un po’ di tempo mi alleni senza risparmiarti?» scoppio a ridere fragorosamente asciugandomi l’occhio buono col dorso della mano. «Mi stai davvero chiedendo di ridurti a un colabrodo?» rido ancora cercando però di darmi un contegno «e va bene… non mi tratterrò al prossimo allenamento, ma preferirei che tu lo facessi con serietà e non come l’ultima volta.» mi batto le mani sulle ginocchia alzandomi e sbadigliando. «Bene… se non ci sono altre questioni, io andrei. Ti ringrazio per la tisana.» aspetterò una sua risposta e poi me ne andrò diretto verso la bibliote… sala comune. A quanto pare Markus si è spostato qui. «Perdona il ritardo.» dico grattandomi la testa, ma mi blocco quasi istantaneamente quando sul tavolo vedo un medaglione. Il mio. Perché lo ha lui? Come diamine ha fatto a prenderlo? Entro nella sala a passo più svelto e poso una mano sul ciondolo guardandolo serio «e questo dove l’hai preso?» chiedo serio girandomi tra le mani il ciondolo «è tuo?» annuisco mettendolo poi attorno al collo in modo da poterlo avere al sicuro. «Già…» dico rabbuiandomi per un attimo e aprendo il medaglione, subito i volti sorridenti di mia madre e mia sorella mi osservano per un attimo prima di sparire nelle mie mani. Dubito che Markus abbia potuto aver modo di entrare nella mia stanza e se ne avesse avuto l’occasione. Non avrebbe certo rubato qualcosa di così poco valore monetario. Abbasso lo sguardo inarcando un sopracciglio quando vedo ciò che sta leggendo… «La bella e la bestia? Non credi di essere un po’ cresciuto per certi libri?» sfilo il foglio che tiene vicino alla mano e lo rileggo un paio di volte… lettere. In una calligrafia che conosco piuttosto bene. Anche la piccola caricatura più in basso con tanto di scritta “spaccali tutti!” a buon augurio… lo conosco fin troppo bene. Lo guardo da sopra il foglio, da quando sono… così amici? Posso capire che il condividere la stanza gli dia modo di parlare. Ma non vorrei che le cose degenerassero. «Torno subito…» dico lasciandogli il foglio tra le mani e uscendo dalla sala per dirigermi in biblioteca, qui vi trovo Keyra intenta a cercare chissà cosa, poco m’importa. Le passo davanti dandole poi le spalle mentre cerco un paio di volumi interessanti per Markus. Almeno la smetterà di guardarmi come una minaccia. Dopo qualche minuto estraggo due volumi in particolare dalla libreria “il piccolo principe” e qualcosa di più leggero e adatto a dove si trova “Nihal dalla terra del vento” poi se gli piace si verrà a cercare gli altri due libri rimasti in biblioteca, non sono esattamente al livello di un uomo adulto grande e grosso come lui, ma almeno non sono da bambini come quell'altro. Torno dal ragazzo posando i due volumi di fronte a lui e indicando il secondo «di quello ce ne sono altri due che continuano la storia, se ti interessa puoi andare a cercarli in biblioteca.» gli rivolgo un sorriso complice, non sono il mostro che lui crede, posso aiutarlo se me ne dà occasione. «Sarò il tuo nuovo insegnate.» dico sedendomi poco distante da lui e versandomi nella tazza vuota sul vassoio, un po’ di quell’infuso che ha creato Medea mettendoci poi un paio di cucchiaini di miele e sorseggiandolo tranquillo. Avanti, cominciamo queste lezioni…

    *Frasi e azioni di e su Markus concordate con Damnedgirl

  8. #1698
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    Leggo il libro a voce bassa, storcendo il naso ad ogni frase che pronuncio: non riesco a spiegarmi il perché ma appaiono o strane o prive di senso. Sbuffo e, massaggiandomi le tempie, socchiudo gli occhi per cercare di rilassarmi, di continuare a leggere questo libr - <<Perdona il ritardo>> - o. Sollevo lo sguardo, sorpreso che Efrem abbia accettato la mia “offerta di pace”, e resto ad osservarlo, in silenzio, anche quando mi domanda dove ho preso il medaglione. Non lo so. Faccio spallucce e gli chiedo a mia volta, <<E’ tuo?>>, fissando accigliato l'oggetto. << Già…>>. Probabilmente quando ho spedito lo scoiattolo in camera di Efrem, terminata la simbiosi, deve averlo rubato... Forse perché attratto dal colore della gemma che ha incastonata, forse perché è abituato così, non è il primo oggetto infatti che mi porta, a forza di simbiosi l’ho addestrato a recuperare sacchetti d’erba, ed adesso ne pago le conseguenze. <<La bella e la bestia? Non credi di essere un po’ cresciuto per certi libri?>>. Non gli rispondo subito ma lo guardo di sottecchi e solo dopo qualche istante mormoro sarcastico, <<beh… sempre meglio di quello con il gatto rosa è>>. Perlomeno non sta ridendo di me, o almeno non ancora, ed è una magra consolazione vista la figuraccia che ho appena fatto. Senza aggiungere altro mi sfila dalla mano l’alfabeto scritto da Andreus, guardando prima il foglio, poi me, non posso fare a meno di notare che mi fissa dubbioso, dimostrandomi - senza volerlo - una gelosia nei confronti di Andreus che trovo immotivata visto che siamo solo amici. <<Torno subito…>>, esclama poi d’un tratto, ridandomi il foglio, che sistemo di fianco a me, piegando le labbra in un sorriso quando osservo il disegno. E' buffo. Per ingannare l’attesa provo a leggere un’altra frase della favola, ma, di nuovo, il risultato è pessimo ed ammetto di scoraggiarmi un po’. Efrem però torna e poggiando un paio di libri davanti a me mi indica il secondo dicendo, <<di quello ce ne sono altri due che continuano la storia, se ti interessa puoi andare a cercarli in biblioteca>>. Questi non mi sembrano per bambini, a differenza di quello che sto “leggendo”, il libro che mi ha indicato è senza immagini… Alzo lo sguardo e vedo che Efrem mi sorride, cosa che gli ho visto fare davvero poche volte da quando sono qui, prima di sedersi poco distante da me ed aggiungere, <<Sarò il tuo nuovo insegnante>>, spiazzandomi completamente. Lo guardo un po' perplesso, non capendo se sta o meno scherzando, e, quasi senza volerlo, gli domando di riflesso, <<in cambio di…? Perché l’idromele mi è finito, ti ho dato le ultime bottiglie prima del Sinelux>>, scettico. Shayla in fondo mi ha chiesto erba e alcool per farmi da insegnante. <<Non voglio nulla, sta tranquillo>>, mi risponde invece lui inarcando un sopracciglio, per poi bere la tisana. <<Beh, allora... Grazie…>>. Abbozzo un mezzo sorriso, mostrandomi contento per il suo aiuto, ed afferro uno dei libri che mi ha portato Efrem dove vedo disegnata sopra l’immagine di un bambino su una strana palla. Chissà di che parla... <<Il ciondolo comunque non l’ho aperto: è Luki che l’ha rubato dopo che l’ho spedito in camera tua con la simbiosi…>>. Mi gratto la testa, aggrottando le sopracciglia, per fargli notare la mia perplessità circa l’accaduto, <<vedrò di fargli togliere il vizio, non preoccuparti>>. Cambio argomento di proposito prendendo il foglio dei compiti e mostrandolo prima di dire, <<Shayla mi ha detto di scrivere 10 parole e ripeterle per 10 volte ad alta voce: l’ho fatto e credo siano giuste. Mi ha anche consigliato di provare a leggere questo libro...>>, lo afferro, facendo una smorfia di disgusto, perché è una favola ed è anche piuttosto noiosa, <<ma non ci riesco, nemmeno con le lettere davanti agli occhi, alcune parole sono troppo complesse e mi vengono frasi assurde… Per farti capire>>. Apro il libro di Shayla, ad una pagina che non ha letto, e seguendo l’alfabeto leggo ad alta voce una frase:<<In quel mento luci magie cominciano a scendere dal cielo... Una pioggia di scille cedeva sul corpo della Bestia>>. Poi mi blocco e sospirando aggiungo, <<mi sento un cretino…>>.

    Nota: Frasi ed azioni concordate.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 10th December 2015 alle 19:20



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  9. #1699
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    39
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    19

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Lady Blackstone




    La battaglia è terminata.
    Nonostante nelle mie orecchie risuoni ancora il rumore delle armi che cozzano, delle frecce scoccate e dei tonfi nella sabbia, i miei occhi scorgono grazie alle prime luci dell'alba quel monastero in rovina che è ormai diventato la mia nuova casa.
    Abbasso la testa fissando entrambi le mie mani. ..Sono viva e ho vinto.
    Markus si volta varie volte verso di me, ma non ascolto quello che dice. Mi limito a fissarlo in malo modo, avrò modo di rivolgergli qualche parola.
    La maggior parte dei suoi compagni ci circondano, chiedendoci dell'esito della battaglia, ma lascio all'elfo la facoltà di rispondere. A me interessa solo il cibo e la pozione rigenerante.
    Markus mi lancia del cibo come se stesse dando da mangiare ad un randagio, ed io mi scosto prontamente lasciandolo cadere a terra. Questi zoticoni non hanno ancora capito come ci si comporta con una Lady.
    Prendo del cibo da me, avvolgendolo nel mantello, mentre l'elfa rossa mi offre due dosi della pozione di Sepyra. Le afferro senza perder ulteriore tempo e mi avvio verso l'entrata del monastero.
    Una bionda fanciulla sembra rivolgermi alcune parole, le rivolgo uno sguardo di sfuggita e poi continuo il mio tragitto in direzione della mia stanza.
    Le ferite bruciano ma non troppo, ho sopportato di peggio.
    Consumo lentamente il mio pasto, ingerisco le due dosi di pozione e mi distendo sul letto.


  10. #1700
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon


    Un tonfo, una botta con il braccio in terra e la voce di Shayla che mi rimbomba nelle orecchie "Sei maestra, brava!!!"



    Fatico qualche istante per mettere tutto a fuoco, sono sempre disorientata quando appaio in un luogo che non conosco e le probabilità di farmi male sono sempre alte, per fortuna, questa volta, è solo una piccola caduta



    . Shayla... cerco di focalizzarmi sulla sua frase che esprime l'ovvio, ma nonostante questa ovvietà non mi capacito ancora della cosa. Sono diventata maestra e fino a due settimane fa non riuscivo neanche a reggere l'ascia, non me ne capacito, sono felicissima, lo sono veramente, ma non riesco a dimostrarlo ancora, mi sento un pò stupida. "Per i Siamesi...Shayla! Ti sembra questo il modo di entrare? Lo sai che ho una certa età!"



    alzo lo sguardo e mi ritrovo a fissare una donna dalla chioma bionda, non sembra affatto una meretrice, se è lei Claire me l'immaginavo totalmente diversa. Deve avere poco più di vent'anni più di me, ha l'espressione di una donna matura, lo sguardo alto e severo, tipico di chi conosce il fatto suo "Cosa hai fatto? Questi capelli...come sono crespi!"



    Si avvicina a Shayla con passo lento ed un certo ancheggiamento, è una donna dalle movenze seducenti, lo noto persino io che sono donna, figuriamoci un uomo, deve averne fatti cascare parecchi ai suoi piedi "E questo vestito...gli stivali...sembri una pescivendola!Ti sono cascate pure le tette, non ci siamo proprio tesoro! Cinque anni lontana dalla tua insegnante ed hai dimenticato tutto!" Ammetto che sembra un pò altezzosa, ma probabilmente sta scherzando o è proprio il suo modo di fare, sta di fatto che resto in silenzio mentre le due parlando, non so proprio cosa dire, specialmente quando si parla di questi argomenti così femminili, mi trovo più a mio agio con indoli più da maschiaccio, comincio a sentirmi fuori luogo "Non mi è cascato un bel niente, smettila! E si...anche io sono felice di rivederti" Shayla le tiene un broncio palesemente finto mentre si copre il davanzale e mi verrebbe istintivo fare lo stesso, poi le due si abbiacciano calorosamente e strappano un sorriso anche a me "Lei è Daphne, siamo qui per lo stesso motivo. Daphne...questa è Claire, la stronza che mi ha insegnato a sopravvivere in questo ambiente" Porgo la mano alla donna e cerco di non stringere la sua con una presa da scaricatore di barili di sidro "Piacere, ho sentito parlare molto di te, Claire" La donna mi risponde con un sorriso cordiale "Sicuramente Shayla non mi ha reso giustizia!" "Lui c'è? Abbiamo bisogno del tuo aiuto" Resto in silenzio mentre la donna si incupisce spostado lo sguardo in terra "No, questa mattina non è venuto a riscuotere l'incasso. Al suo posto ha mandato Alistair, è nel suo ufficio attualmente, sto tornando proprio da lì. Ha due guardie con sè, li conosci sono Edgar ed Ira" alzo poi lo sguardo su Shayla senza esitare "Il nostro messaggio sarà chiaro anche con un cadavere diverso" affermo sicura di me, mentre le osservo entrambe "Mi piace come ragioni ragazza" Mi fissa la cicatrice per qualche istante, facendomi sentire tremendamente in imbarazzo, ma cerco di non darlo a vedere "Non potete muovervi liberamente, riconoscerebbero subito Shayla e tu sei ricercata, dovete confondervi tra le ragazze del bordello, sono tante, non baderano troppo al vostro viso con altro in mostra" Claire ammicca indicandoci un armadio, al quale si avvicina apredone l'anta. Vi sono decine e decine di abiti, abiti che non indosserei mai, ma, paradossalmente, mettendo tutto a vista daremo meno nell'occhio. "Ho delle parrucche e... magari con un trucco più vistoso..." Ripenso per un attimo alla vecchia acconciatura di Shayla, spero niente del genere, ma anche se fosse... è decisamente meglio assecondare questi consigli. Shayla indossa un abito nero, decisamente troppo corto e troppo trasparente, per poi infilarsi una parrucca nera, con tanto di trucco vistoso.



    "Dovresti pensare a farti la tinta, ti dona il nero, sai?" Le dico con un sorriso ironico. "Non so proprio come orientarmi... mi affido a voi" so già che me ne pentirò.

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •