Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 172 di 221 PrimaPrima ... 72122162170171172173174182 ... UltimaUltima
Risultati da 1,711 a 1,720 di 2208
  1. #1711
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    <<No. Un uomo penoso non merita alcuna attenzione, benché meno di vivere>>, osservo ogni movimento di Efrem e lo ascolto senza dire una parola mentre ignoro lo strano nodo alla gola che sto avvertendo da quando ho iniziato a leggere il mondo dell’ubriacone. <<Vuoi sapere cosa ho visto davvero in quella taverna a parte una montagna di muscoli ubriachi? Ho visto una persona che chiedeva aiuto, un ragazzo che cercava disperatamente di sopravvivere mentre il resto della gente lo ignorava o provava compassione>>. Sento che il fastidio aumenta, la causa però non sono le parole ma l’immagine che lentamente prende forma nella mia mente. Mi rivedo in quella taverna, a scolarmi una brocca di idromele dopo l’altra, ad ignorare le fitte lancinanti che mi provocano l’occhio infetto e quasi del tutto cieco, a maledire il nome di Astor Demonar senza però fare nulla… Ero davvero così patetico? <<La pietà e la commiserazione appartengono ai deboli e a coloro che non hanno abbastanza spina dorsale per continuare a vivere. Cosa che tu non cercavi o almeno è ciò che il mio occhio buono ha visto>>. Efrem si indica l’occhio verde, quello sano a sua detta, lo osservo distrattamente prima di tornare a cercare di capire il suo pensiero. <<Ti ho chiesto di unirti a me non per pietà, ma perché sapevo che avresti lottato e sapevo di non sbagliarmi riguardo ai miei pensieri. Sei stato una delusione all’inizio, è vero, con quell’aria da spaccone e la puzza perenne e asfissiante di alcool e fumo>>. Ora, sento che il fastidio scema ed al suo posto vi è il disgusto per ciò che stavo diventando, cioè un ubriacone debole, inutile e schiavo della rabbia... <<Ma adesso comincio a vedere il guerriero di cui avevo bisogno e il ragazzo che tu stesso cercavi di raggiungere>>. E ogni sensazione sgradevole svanisce quando l’orgoglio nel sentir dire da Efrem questa frase prende il sopravvento su tutto, facendomi sorridere mentre lo guardo con ammirazione. In un certo senso ha appena ammesso di avere fiducia in me, come persona e come guerriero, e la fiducia non si guadagna con la pietà ma dimostrando di meritarla. Qualcosa mi colpisce in piena faccia ed una foglia mi rimane appiccicata tra le labbra, foglia che dopo qualche secondo sputo via fissando un po' perplesso Efrem. <<Ora smettila di guardarmi con quell’espressione da triglia lessa e continuiamo!>>. Forse è il suo modo per dire che non vuole più parlarne… Lascio perdere l’argomento, sbadigliando rumorosamente quando avverto un leggero colpo di sonno, e poi riprendendo l’alfabeto cerco di memorizzare qualche lettera intanto che Efrem sfoglia il libro. Guardando il disegno di Andreus però un dubbio mi viene spontaneo, anche se lo trovo assurdo...<<A proposito di guerrieri>>, sollevo lo sguardo in direzione di Efrem, <<al Kratoning anche se in quel momento, concentrato com’ero a colpire, non ci ho riflettetuto più di tanto, ho notato qualcosa di strano in quel Fanon>>. Ripenso alla battaglia e dopo qualche istante domando facendomi serio, <<siamo sicuri che non sia un nostro alleato o che, magari, hai un qualche tipo di accordo con lui? Non fraintendermi. Te lo chiedo perché sono sicuro che conosci l’odio tra Demonar e Fanon e, soprattutto, perché in campo l'ho visto usare il vento contro la sua compagna di battaglia dopo che ha ignorato me, nonostante gli avessi fracassato una spalla…>>.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 13th December 2015 alle 00:08



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  2. #1712
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Ciò che leggo sul viso di Markus è ammirazione, un sorriso a dipingergli il volto anche quando il mio ramo lo colpisce in pieno volto facendogli sputare le varie foglie rimaste appiccicate. Prendo il libro e lo riporto a un argomento più piacevole scorrendo in avanti le pagine fino a trovare un capitolo un po’ più piccolo e leggero del precedente. Qui parla del geografo che non usciva mai dalla sua stanza, è semplice e non vi sono molte parole complicate o troppo articolate. Dovrebbe farcela senza grosse difficoltà. Gli porgo il libro facendolo scorrere sul tavolo fino alle sue mani e porto l’indice sulla prima parola, ma Markus mi interrompe prendendo l’argomento battaglia. «A proposito di guerrieri» inarco un sopracciglio, osservandolo in tono interrogativo «al Kratoning anche se in quel momento, concentrato com’ero a colpire, non ci ho riflettetuto più di tanto, ho notato qualcosa di strano in quel Fanon» il ragazzo si ammutolisce per qualche istante e io ne approfitto per ripassare i miei studi sulle casate. Da anni vi è una disputa tra i Fanon e i Demonar per i domini delle terre proprio da dove proviene Markus, Vygrid. Ma questo che c’entra con la battaglia? Spero non abbiamo vinto perché quei due si sono azzuffati sul campo facendosi fuori a vicenda. «Siamo sicuri che non sia un nostro alleato o che, magari, hai un qualche tipo di accordo con lui? Non fraintendermi. Te lo chiedo perché sono sicuro che conosci l’odio tra Demonar e Fanon e, soprattutto, perché in campo l'ho visto usare il vento contro la sua compagna di battaglia dopo che ha ignorato me, nonostante gli avessi fracassato una spalla…» non ce la faccio. Scoppio a ridere fragorosamente spallandomi sulla sedia e rischiando un paio di volte di ribaltarmi con essa mentre sento gli occhi bagnarsi per le risate «a quanto pare Deirdre non era l’unica a tradire il proprio Re provando a fare fuori il proprio compagno di battaglia…» cerco di tornare serio mascherando le risate con un paio di colpi di tosse «forse questo Fanon di cui parli è in combutta con Drako, non ho mai stretto accordi con quella famiglia, né ho mai voluto approcciarmici.» se Drako ha avuto la mia stessa idea, allora… chi è rimasto di così fedele a Lantis? Markus mi guarda perplesso e mi rendo conto di essere rimasto pensieroso per un po’, decido quindi di riportare i miei occhi al volume piegando la testa del ragazzo con la mano libera. «Altri dettagli sulla battaglia li darai in riunione, ora studia.» sbadiglio rumorosamente poco dopo, comincio a essere stanco e la tisana sta facendo il suo effetto…

    *Azione di Markus concordata con Damnedgirl

  3. #1713
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    Dopo aver riso fino a farsi venire le lacrime agli occhi Efrem mi dice che non ha mai avuto contatti con quel casato, insinuando poco dopo il dubbio che Fanon possa essere in combutta con Kalisi. Lo guardo pensieroso, soprattutto quando afferma, <<forse questo Fanon di cui parli è in combutta con Drako, non ho mai stretto accordi con quella famiglia, né ho mai voluto approcciarmici>>, e rifletto. Se è davvero così questo vuol dire che non è un soldato impeccabile e che, volendo, c’è la possibilità di scendere a patti con lui… Magari proprio per uccidere Astor Demonar. Devo pensarci bene però, ed essere cauto, soprattutto, perché se quel vento in realtà fosse stato solo un colpo mossa dall’idiozia, rischierei di mettere in pericolo le vite delle persone che mi hanno promesso aiuto, come Andreus o Efrem… Ed è proprio lui a portarmi la testa sul libro e dirmi di studiare piuttosto che chiacchierare. Gli sorrido e scherzando esclamo, <<agli ordini capo!>> , con tanto di cenno da soldato. Metto da parte i pensieri su Fanon e mi concentro nella lettura, guardando sempre meno il foglio dell’alfabeto man mano che vado avanti. Le pause sono ancora numerose e la difficoltà è evidente, cerco però di impegnarmi e se c’è una parola che non mi quadra me la ripeto prima in testa e solo quando sono sicuro la pronuncio sperando di non sbagliarmi. <<«Ma che co-sa vuol dire "ef-fi-mero"?» ripe-té il piccolo principe che in vita sua non a-ve-va mai ri-nun-ciato a una domanda una vol-ta che l'aveva fatta. «Vuol dire "che è mi-nac-ciato di scom-parire in un tem-po breve"». «Il mio fiore è des-tina-to a scomparire pres-to?».«Cer-tamente». Il mio fiore è effimero, si disse il piccolo principe, e non ha che quat-tro spine per di-fen-dersi dal mondo! E io l'ho la-scia-to solo! E per la prima volta si sentì pun-ge-re dal ram-mari-co>>. Usando la mano sinistra mi stropiccio gli occhi, cominciano a bruciarmi e non so se é per il sonno o è per lo sforzo: questa lezione è durata più tempo, non sono ancora abituato, e perfino la sedia comincia a diventarmi scomoda. <<Il libro è bello e mi piace, ma se leggo un’altra pagina credo di crollare sul tavolo…>> , dico ad Efrem, ridacchiando stanco ma comunque soddisfatto dai miglioramenti che ho notato mentre leggevo, poi, indicando il foglio con il compito di Shayla, gli chiedo, <<puoi spiegarmi il perché delle correzioni?>>. E penso che questa sia l'ultima domanda... Ho sonno.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 13th December 2015 alle 11:04



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  4. #1714
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton
    - Capo Tempesta -


    Come previsto Daphne non ha alcun problema ad attirare tutta l'attenzione di Edgar sulla propria scollatura, credo che a malapena sarebbe in grado di raccontare di che colore avesse gli occhi o della presenza della cicatrice sul suo volto ma sicuramente saprebbe descrivere il resto. Non vedo molto dato che l'ha voltato di spalle ma pochi istanti dopo lo vedo tremare visibilmente ed accasciarsi su se stesso prima di essere gettato giù dalla finestra. "Pronta?" mi chiede con uno sguardo d'intesa ed appena annuisco la vedo aprire la porta ed entrare, la seguo all'interno e ci troviamo davanti Alistair Urthadar, l'inetto degli Urthadar relegato dal nipote ad amministrare uno squallido bordello invece delle loro terre, seduto alla sua bella scrivania di lusso a fissarci con disprezzo e superiorità. "Dovrò licenziare le guardie, queste sono poco affidabili. Se avete soldi da consegnarmi, poggiateli ora sulla scrivania ed andatevene" Per tutta risposta Daphne chiude la porta alle nostre spalle e gli sorride sarcastica "Cosa vuol dire questo?" replica l'uomo scattando in piedi ed alzando il tono della voce, dobbiamo agire velocemente. "Calmo Alistair, siamo venute solo a darti un messaggio per Aiden" gli dico con un sorriso ed un tono di voce suadente, lo conosco abbastanza da sapere che è talmente sicuro di sé da risultare stupido, altrimenti avrebbe già dato l'allarme "E cosa vi fa credere che lui sia interessato a ricevere messaggi da due insignificanti meretrici come voi?" risponde ancora con quel tono da superiore, ma non replico, non è necessario. Ci avviciniamo alla sua scrivania mentre lui inizia ad agitarsi, è talmente patetico che quasi non provo soddisfazione ad ucciderlo, avremmo dovuto trovare Petyr o meglio ancora Aiden al suo posto, sarebbe stato più stimolante. Alterna lo sguardo su entrambe e sembra sul punto di chiamare le guardie, ma ancora non credo si sia reso conto del pericolo soprattutto vedendoci conciate in questo modo, non ci ha certamente riconosciute e prese sul serio, tipico di lui, è anche per questi suoi atteggiamenti sprovveduti che Aiden l'ha sempre denigrato. Sulla sua scrivania vedo una serie di carte tra le quali identifico un mio ritratto, fatto davvero male a dire il vero, che cari...si stavano preoccupando di ritrovarmi? Avranno avuto qualche soffiata su di me e sulla mia unione ai ribelli? "Quel ritratto non mi rende affatto giustizia" esclamo sarcastica materializzando nella mano destra il mio pugnale, ed è in quel momento che sgrana gli occhi terrorizzato, finalmente ha capito "GUARD-..." prova ad urlare per chiedere aiuto, ma il suo urlo viene smorzato sul nascere dal mio taglio netto alla gola e dal fermacarte con il quale Daphne lo pugnala con decisione al cuore e poi alle parti basse. Il sangue inizia a colare copioso dalle varie ferite mentre il corpo si accascia inerme sulla poltrona, per qualche istante lo vediamo ancora boccheggiare in cerca di ossigeno ma è questione di pochi istanti prima che muoia... fissarlo negli occhi in quel momento è stata la cosa più divertente di questa giornata, ed è solo l'inizio. "Patetico" dico rivolgendomi a Daphne e pulendo la lama di Impeto sul tessuto di pelle della poltrona "diamoci una mossa..."

    *azioni concordate
    Impeto - Arma in forma dormiente

  5. #1715
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    La lezione va per il meglio e il ragazzo dopo un piccolo cenno inziale accompagnato da un «agli ordini capo!» un sorriso soddisfatto si mostra sul mio viso seguito da un forte sbadiglio che reprimo subito dopo con la mano libera mentre Markus continua a leggere. Noto che sta guardando sempre di meno il foglio, segno che sta imparando a memoria le varie lettere e i suoni a esse associati. Me ne compiaccio, sta dimostrando di essere molto più dell’idiota che ha mostrato finora. Non mi sbagliavo a dire che c’è un po’ di cervello lì dentro. Non ho neanche più bisogno di fargli rileggere il rigo, il ragazzo si autocorregge non appena una parola gli suona strana o assurda col resto. ««Ma che co-sa vuol dire "ef-fi-mero"?» ripe-té il piccolo principe che in vita sua non a-ve-va mai ri-nun-ciato a una domanda una vol-ta che l'aveva fatta. «Vuol dire "che è mi-nac-ciato di scom-parire in un tem-po breve"». «Il mio fiore è des-tina-to a scomparire pres-to?». «Cer-tamente». Il mio fiore è effimero, si disse il piccolo principe, e non ha che quat-tro spine per di-fen-dersi dal mondo! E io l'ho la-scia-to solo! E per la prima volta si sentì pun-ge-re dal ram-mari-co» dice senza sbagliare ma continuando con quelle pause per scandire. Dovrebbe lavorare su questo adesso. Lo vedo poi stropicciarsi gli occhi con la sinistra e si muove di più sulla sedia, come se fosse diventata rovente e capisco che è arrivato il tempo di chiudere il libro. Non resisto nemmeno io. «Il libro è bello e mi piace, ma se leggo un’altra pagina credo di crollare sul tavolo…» sghignazzo appena sbadigliando subito dopo mentre mi massaggio gli occhi, comincio ad avere un po’ di mal di testa anche io. Ho bisogno di un po’ di riposo. Mi indica poi il foglio con le correzioni «puoi spiegarmi il perché delle correzioni?» prendo il foglio e osservo per un attimo prima di schiarirmi la voce «quando senti o scrivi le parole che contengono la parola “acqua” vanno sempre scritte con le lettere C e Q vicine.» spiego con calma tirando fuori dalla libreria alle sue spalle uno dei volumi di grammatica e glielo porgo. «È una regola fondamentale nella scrittura, le trovi tutte qui dentro se hai bisogno o se preferisci posso farti altre lezioni.» Markus prende il libro dalle mie mani guardandolo però con un po’ di disappunto. Lo so che è noioso, ma devi lavorare. Indico il romanzo ora chiuso accanto a lui «ti consiglio di leggere spesso e di lavorare su quelle pause che fai nelle varie parole, ti rallentano molto oltre ad affaticarti ulteriormente.» porto le mani dietro la testa e cerco di distrarlo un po’, «hai già chiesto a Daphne di darti qualche lezione? Ho notato che siete molto… uniti ultimamente.» osservo i suoi occhi per cercare da me una risposta…

    *Azione di Markus concordata con Damnedgirl

  6. #1716
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    La lezione si conclude ed Efrem spiega brevemente le correzioni porgendomi poco dopo un libro di grammatica. Lo afferro, assumendo la tipica espressione di un condannato a morte mentre lo guardo: fantastico, ci mancava altra roba da leggere oltre a quella che ho già qui… Riporto l’attenzione su Efrem quando aggiunge, <<ti consiglio di leggere spesso e di lavorare su quelle pause che fai nelle varie parole, ti rallentano molto oltre ad affaticarti ulteriormente>>, indicando nel frattempo il romanzo accanto a me. Annuisco ed esclamo, <<ci proverò>>, mostrandomi convinto, ma soprattutto determinato ad imparare. In fondo il peggio sembra essere passato e queste lezioni, a differenza di quel che credevo, si stanno rivelando davvero vitali: se a esempio non avessi scoperto di essere mancino, al Kratoning mi sarei trovato in seria difficoltà per colpa di quella dannata simbiosi. Prendo a sistemare le scartoffie, bloccandomi e fissandolo quando Efrem domanda, <<hai già chiesto a Daphne di darti qualche lezione? Ho notato che siete molto… Uniti ultimamente>>. Non ho pensato di chiedere a lei, con Daphne parlo poco e quando stiamo insieme o ci divertiamo o ci scambiamo qualche bacio… O ci scanniamo a vicenda. Ammetto che però è stato piacevole vederla venirmi incontro al Glados, rivedere lo stesso sguardo preoccupato che mi ha rivolto dopo il Sinelux e soprattutto osservare la sua reazione quando ho detto che abbiamo vinto. A questo pensiero mi sfugge un sorriso e il mio sguardo va da Efrem a tutte le scartoffie malamente raggruppate. <<Daphne non lo sa, a dire il vero non le ho ancora raccontato nulla di me, ma stiamo insieme, ci divertiamo e le voglio bene. Parecchio bene>>. Nessuno sta illudendo nessuno, non sono quel tipo di persona... E non ci tengo a diventarlo. Il sorriso svanisce quando torno a guardare Efrem e un po' più serio chiedo, <<te con Andreus hai chiarito?>>.



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  7. #1717
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon


    Alistair non deve aver ben compreso in quale situazione si trova, quella sua espressione con la puzza sotto al naso comincia ad innervosirmi più del dovuto, comincia a non dispiacermi più di tanto farlo fuori al posto di Petyr. "Calmo Alistair, siamo venute solo a darti un messaggio per Aiden"



    Osservo Shayla mentre gli risponde con tono fermo, sicura di sè con quella espressione che tanto somiglia alla mia in questo momento "E cosa vi fa credere che lui sia interessato a ricevere messaggi da due insignificanti meretrici come voi?" Avanziamo entrambe verso di lui, dobbiamo agire in fretta prima che questo stupido capisca o ci riconosca "Quel ritratto non mi rende affatto giustizia" Punto lo sguardo sul tavolo, vi sono diversi ritratti, tra i quali spicca quello della ragazza, è certo che nessuno si sarebbe preoccupato di ricercare una meretrice, ma Shayla è una ribelle seguace di Efrem, è stata riconosciuta come nemica dei reali, ce lo aspettavamo. La ragazza materializza il suo pugnale, con una luce che arde nei suoi occhi, riesco a vedere il fuoco che c'è in lei, mentre io mi sento elettrica "GUARD-..."



    Non ha il tempo di reagire, ci scagliamo contro di lui e lo accoltelliamo più volte, lei con Impeto ed io col tagliacarte, non ho evocato Pandora, è troppo ingombrante e non riuscirei a dosarmi in questo istante, voglio che lo trovino tutto intero, riconoscibile e dissanguato lentamente. Ci osserva accasciato sul divanetto che ormai si tinge di color cremisi, i suoi occhi tradiscono un ultimo barlume di vita "Patetico

    " L'ultima cosa che vedrà saranno i nostri volti, mentre ci prendiamo gioco di lui "diamoci una mossa..." Osservo Shayla, mentre porto una mano sulla spalla di Alistair, o quel che resta di lui "Avvisa le ragazze, sii veloce e raggiungimi fuori. Lo porto a quel cespuglio sotto la finestra di Claire, ti aspetto là" Prendo il ritratto che è sul comodino e me lo infilo in tasca "Dobbiamo firmare il nostro regalo per Aiden, lo spediremo ancora caldo" le dico sorridendo, mentre delle scintille invadono il mio corpo e quello del cadavere, piccole scariche luminose che si fanno sempre più intense, fino ad illuminarci con un forte bagliore.





    Mi ritrovo esattamente nel punto che ho descritto a Shyla, mi guardo attorno, facendo attenzione a non essere vista da nessuno, lascio che il corpo esanime di Alistair caschi al suolo, col viso nel fango e non esito a piazzare il piede sul retro della sua testa per farlo affondare nella melma. Aspetterò qui Shayla, spero sia veloce.

    Teletrasporto del proprio corpo
    Maestra - A piacimento in una vasta area - può trasportare una persona con sè

  8. #1718
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Medea Euripide




    Efrem accetta di allenarmi ed io gli sorrido. <<Grazie>>.
    Gli dico solamente mentre lui va via.
    Ed ora che faccio?
    Dato che abbiamo vinto sicuramente dopo ci sarà una festa ma ora?
    Quasi quasi vado in biblioteca a leggere un libro, magari sull'arte della guerra o su come cacciare via l'orgoglio quando non serve...
    Arrivata in biblioteca trovo Keyra intenta a leggere.
    Vorrei fare piano ma se non paleso la mia presenza le potrebbe venire un colpo dopo...
    Tossisco piano guardandola <<Non ti darò fastidio... leggo qualcosa anche io>>.
    Detto questo mi avvicino ad uno scaffale in cerca di un libro...

  9. #1719
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel

    Sono in cerca di qualche cosa che forse non troverò in questi libri...vorrei riuscire a coltivare quei meravigliosi fiori di Diano, ma non ho proprio idea del come fare. Inanzitutto dovrei recuperare qualche seme, si, dovrò recarmi nuovamente alla tomba di mia madre per raccoglierne qualcuno e, fare degli esperimenti botanici.
    Poggio un gomito sul tavolo e sul palmo poso la testa immersa nei miei pensieri.
    - E' un fiore che cresce in abbondanza su quel picco roccioso, è una radura esposta a venti e tempeste, ma le alte punte la proteggono e poi vicino vi è il vulcano Solumquae, non credo quindi che il freddo faccia bene a quei fiori. la temperatura è parecchio diversa soprattutto durant i rigidi inverni dell'Adamantem...inanzitutto prima di cercare di far crescere quei fiori in un ambiente ostile, dovrei anche capire come fare ad entrare nei territori che furono di mia madre, ora chi li governa è Ryuk Leithien, potrei pensare di chiedergli il permesso per recarmici...-
    Sono ancora persa nei miei pensieri che noto un'ombra entrare dall'arco della biblioteca senza quasi nemmeno riconoscerne i lineamenti. Poi un colpo di tosse piuttosto discreto, ritorno al presente e scorgo la chioma bionda di Medea.

    <<Non ti darò fastidio... leggo qualcosa anche io>>
    La osservo mentre si allontana verso uno scaffale.
    << Figurati, nessun problema, non mi disturbi affatto, stavo facendo giusto delle ricerche.>> le dico gentile con un sorriso.
    Fisso la sua figura e mi ritrovo a pensare alle erbe, ai fiori e a lei che in infermeria se non ricordo male, un pò di tempo fa, mi disse di saperne qualcosa anche lei di erboristeria , ricordo che ho anche associato il suo nome e cognome a quello di un adonna da cui mi recai per conto della mia defunta madre.
    << Medea...>> la chiamo quasi con un soffio e con un pò di imbarazzo, << non voglio sembrarti indiscreta ma....se non ricordo male, mi dissi un tempo che sapevi qualcosa anche tu di erboristeria, giusto?>> scruto le sue spalle in attesa che si volti poi continuo << Per caso...hai mai sentito parlare di fiori di Diano selvatico? Ne sai qualcosa?.>>
    Chiedo speranzosa con gli occhi grandi ed ingenui di un bambino che ha appena trovato forse, una soluzione a ciò che cerca.
    Ultima modifica di DELTAG; 14th December 2015 alle 18:53

  10. #1720
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton
    - Capo Tempesta -


    Resto ad osservare ancora qualche istante il corpo senza vita di Alistair mentre l'adrenalina in circolo ancora fa il suo dovere mantenendo i sensi e l'euforia a livelli altissimi, questa fine è decisamente quello che meritava questo presuntuoso ed arrogante buono a nulla. E' totalmente riverso nel proprio sangue che ormai macchia gli abiti e la maggior parte della poltrona e del pavimento sottostante, non è decisamente un bello spettacolo da vedere e lasciarlo qui a bruciare assieme al bordello sarebbe davvero un peccato, Aiden deve vederlo, deve capire che ci stiamo avvicinando a lui passo dopo passo. "Avvisa le ragazze, sii veloce e raggiungimi fuori. Lo porto a quel cespuglio sotto la finestra di Claire, ti aspetto là" mi dice decisa Daphne, devo ammettere che nonostante non sia il suo ambiente ha saputo mantenere un autocontrollo e una sicurezza invidiabili, così come sta continuando a fare adesso. Prende il mio ritratto sul mobile e se lo infila in tasca, dapprima non capisco, infondo sarebbe bruciato assieme a tutto il resto, ma poi le sue parole mi chiariscono l'idea brillante che ha avuto "Dobbiamo firmare il nostro regalo per Aiden, lo spediremo ancora caldo" mi dice sorridendo mentre ricorre al proprio teletrasporto per portare fuori il cadavere. La osservo mentre veloce svanisce nel nulla in un bagliore intenso e luminoso e resto sola nella stanza, richiamando velocemente il mio pugnale di cui non ho più bisogno. Devo far uscire le ragazze e poi dare fuoco a questo posto, in modo che a nessun'altra debba capitare lo stesso destino che sarebbe toccato a me se quella notte non fossi riuscita a scappare. Esco dalla stanza prestando attenzione a non farmi notare ed a risultare indifferente, fortunatamente non ho sangue addosso e la sottoveste nera fa il suo dovere, sento già gli occhi di qualche depravato spogliarmi col pensiero ma non mi scompongo, continuo ad avanzare fissando lo sguardo verso un angolo del salone ricco di tendaggi e candelabri accesi...perfetto. Adocchio qualcuna delle ragazze ma non posso avvisarle tutte, andrebbero certamente in panico non conoscendomi, salgo così le scale che portano al secondo piano e raggiungo la stanza di Claire, le spiego velocemente la situazione e prontamente esce avvisando con un cenno del capo alcune ragazze, forse le più influenti, di prepararsi ad uscire senza creare scompiglio, semplici misure di sicurezza che conosco bene e che ero tenuta a rispettare anch'io in determinate circostanze. Quando mi da il via libera mi nascondo dietro una colonna materializzando nelle mani il mio potere, lascio che la sfera di fuoco prenda vita come una piccola fiamma che in pochi istanti raggiunge la sua dimensione massima e la scaglio dall'alto verso il basso mirando al divano ed ai tendaggi della zona del salone che avevo adocchiato prima. E' questione di un secondo che fumo ed urla di terrore iniziano ad invadere la stanza, le ragazze così come i clienti corrono verso le varie uscite cercando di mettersi in salvo mentre il fuoco continua ad espandersi e a diramarsi verso l'alto alimentato dai tendaggi. Sento un allarme, un frastuono metallico che avvisa tutti di uscire, spero che le ragazze riescano a mettersi tutte in salvo ma non posso fare di più per loro. Claire mi prende per un braccio e rientriamo velocemente nella sua stanza, afferra una sacca ed un tappeto e mi trascina su di esso per poi sollevarlo in aria con la telecinesi e lanciarsi verso la finestra aperta, mentre io mi stringo a lei abbracciandola terrorizzata. Scendiamo verso il basso dove vedo già Daphne ed il cadavere con la testa dove gli compete, nella melma, nascosto da occhi indiscreti, "Eccoci" le dico soltanto, mentre il fumo e le fiamme continuano a divorare l'edificio, sollevata di essere finalmente con i piedi a terra "Forse avrei dovuto svegliare Ira" aggiungo soltanto, con un sorriso ironico sul viso. "Ragazze, io approfitto del caos generale per dileguarmi. Shayla... ti manderò qualche topolino, manteniamoci in contatto. Io e mia figlia vi dobbiamo molto, grazie" così dicendo Claire ci saluta e gira l'angolo confondendosi tra la folla e sparendo dalla nostra visuale prima che possa urlarle dietro quanto io odi i topi, ma tanto lo sa già. "Come firmiamo questo stronzo?" chiedo poi a Daphne indicando il cadavere. Ha in tasca i due ritratti, probabilmente vorrà farli arrivare a destinazione assieme al cadavere in modo che Aiden sappia per mano di chi molto presto morirà.



    Scuola di Magia: Distruzione
    L’incantatore è in grado di generare all’interno della propria mano, una quantità controllata di fuoco, la quale può essere lanciata contro l’avversario:

    • Esperto Palla infuocata – La fiamma prende forma in una sfera dal diametro di 1 metro di diametro, provoca ustioni di secondo/terzo grado

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •