Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 202 di 221 PrimaPrima ... 102152192200201202203204212 ... UltimaUltima
Risultati da 2,011 a 2,020 di 2208
  1. #2011
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Sospiro amaramente mentre sento la preoccupazione crescere nuovamente di minuto in minuto. Non riesco, non riesco a non pensare a Reneè e crederla molto più in pericolo di quanto non lo sia stata quella notte. Che cosa le è successo in tutti questi anni? Tutte queste domande si affollano nella mia testa e per il nervoso iniziano a mordermi un labbro con insistenza mentre in mio sguardo si posa da tutt’altra parte, sulla stanza, i letti di fronte a noi, il lampadario. Tutto adesso mi sembra così assurdo. Forse dovrei avvertire Benor… far sapere a mio padre che Reneè non se n’è mai andata e che possiamo ancora avere una famiglia… come un tempo. Sospiro ancora ed è Daphne a riportarmi alla realtà stringendomi e tirandomi a sé in quell’abbraccio in cui mi ero perso. Scuoto il capo e stringo le mie braccia attorno alle sue spalle posando il mento sulla sua spalla. «Per come la descrivi deve essere una persona unica, ci sono sicuramente dei motivi importanti se non si è mai fatta viva, starà soffrendo molto anche lei. Quando questa guerra sarà conclusa, potrai cercarla» per quanto la voglia di correre fuori e cercarla sia forte… lei ha ragione, non concluderò nulla adesso… e di certo non posso riportarla indietro senza sapere dove si trova. Non so nulla, non so assolutamente più nulla se non le informazioni che Esperin mi ha fornito. Nulla… una manciata di polvere. Daphne si muove appena guardandomi negli occhi per poi avvicinare nuovamente il suo viso al mio, porto una mano tra i suoi capelli iniziando a giocare e la ragazza si spinge da sola posando la sua bocca sulla mia, in un bacio calmo, morbido. Un bacio che ricambio con la stessa dolcezza e la stringo a me come se volessi aggrapparmi, come un sopravvissuto che si arrampica agli ultimi barlumi di sole che lo separano dalla follia. Io… io la troverò, quando questa guerra sarà finita, quando la pace a Dohaeris sarà ristabilita… io la troverò. Si stacca da lei e io la guardo, tristemente prima di sforzarmi di sorriderle «cerco Andreus» dice tenendo ancora posata la sua testa sul mio petto, annuisco calmo e la lascio andare mentre lei si scioglie dall’abbraccio «così ci aiuterà entrambi con queste ferite» sorrido «grazie…» dico carezzandole ancora una volta il viso e aspetto che sia uscita dalla sala per distendermi sul letto socchiudendo gli occhi e continuando a osservare le candele tremolanti sopra la mia testa…. Reneè… «ti troverò, sorella…»




  2. #2012
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    Rimango immobile con lo sguardo fisso a terra, pronto a ricevere l’ennesimo pugno dalla persona che ritengo la più importante, se non fondamentale, per me. Andreus non è solo un amico, non più almeno. So che non potrò mai confessare questo pensiero, a nessuno, e so che è inspiegabile come io possa sentire un affetto tanto forte per una persona che conosco appena, ma in quel bacio… So cosa ho provato e sarei un’ipocrita a negarlo. Un calore familiare mi investe il viso e, sorpreso, sollevo lo sguardo verso Andreus che finalmente vedo sorridermi di nuovo. E mi è mancato quel sorriso. Le parole che mi rivolge però non sono piacevoli, anzi, perché, oltre ad avere la conferma che Daphne si sia intromessa in qualcosa che non la riguarda, mi rendo conto che per lui, quel bacio, è stato un errore. Una scintilla che si è già spenta. Ma forse… <<Amici come prima?>>, chiede lui, porgendo la mano, ed io capisco che è meglio così. Dopotutto è un De Lagun, il figlio di un Lord e l’erede di un casato illustre: un fabbro squattrinato cosa potrebbe mai fare…? Inoltre ho giurato sulla tomba di mio padre di stargli lontano, quindi... Direi che è arrivato il momento di mantenere le mie promesse e di andare avanti cercando di vendicare la mia famiglia, morendo se necessario ma lottando fino alla fine. Ormai, non ho più nulla da perdere. Stringo dunque la mano di Andreus e dico, <<amici come prima>>, con un tono di voce sicuro, determinato. Cerco di sorridergli, nonostante tutto, rivolgendo al ragazzo un mezzo sorriso, e poi scherzando aggiungo: <<anche perché non crederai di scamparla così facilmente dalle lezioni, vero?>>. Sempre se rimarrò vivo dopo l’attacco ad Astor ma questo particolare bado bene a non dirlo...
    Ultima modifica di Damnedgirl; 16th March 2016 alle 22:12



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  3. #2013
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Tiro silenziosamente un sospiro di sollievo quando Markus accetta di buon grado le mie cure e mi tranquillizzo di conseguenza operando sul suo naso senza che la mano tremi o senza l’impulso di tirarla via nervoso… magari con un secondo pugno in faccia. Rilasso i muscoli respirando e sorridendogli mentre con la mano libera appallottolo il suo biglietto sgrammaticato.


    Non puoi essere così suicida, Markus, non ne vale la pena. Terminate le cure, il suo naso torna esattamente come prima e ogni traccia di sangue è svanita dal suo viso. Perfetto. Gli tendo la mano, mano che il ragazzo afferra con una leggera titubanza prima di dirmi «amici come prima» con un tono di voce più sicuro e deciso. Torna a sorridermi anche se incerto e il suo tono di voce cambia diventando più scherzoso… più… suo. «Anche perché non crederai di scamparla così facilmente dalle lezioni, vero?»


    gli sorrido più libero e gli do un colpo sul braccio in risposta prima di farmi un po’ più serio «allearti coi Fanon è un rischio che non puoi correre, mio padre ha sempre evitato di fare affari con loro… è… è gente poco chiara, Markus.» cerco i suoi occhi e il ragazzo inizia a raccontarmi di ciò che ha visto al Kratoning, dei comportamenti dell’uomo e d’un tratto aggrotta le sopracciglia prima di dirmi «in che senso poco chiari?» mi schiarisco la voce cercando di riordinare le parole «nascondono troppe cose e diverse volte mio padre non si è fidato di loro… ho paura che potresti trovarti morto ancor prima di avvicinarti a Vygrid…»


    gli dico con tutta la sincerità che posseggo continuando a fissare i suoi occhi, deciso, pronto a salvarlo da questa scelta idiota «ma ha parlato di persone care, di una congrega nata per uccidere il Demonar...» resto in silenzio mentre lui scosta il viso dal mio, ha davvero creduto a ciò? Ammesso che questa congrega esista… chi gli assicura che non lo faranno fuori alla prima occasione? «E mi ha dato la sua parola, assicurandomi la vendetta.» mi massaggio la fronte prima di riprendere, più serio, il discorso «ammesso che questa congrega esista… è solo campata per aria. I Fanon non hanno alcun diritto e non c’è alcuna vendetta, per loro se non per una sorta di… orgoglio ferito. La loro non è vendetta ma solo smania di potere.»



    poso una mano sulla sua spalla sperando mi ascolti «chi ti dice che non ti sacrificheranno alla prima occasione?» il ragazzo si irrigidisce un attimo sotto la mia mano e fissa per un attimo le mie dita prima di guardarmi di nuovo «non ho nessuna certezza...» fissa i miei occhi e io lo guardo nuovamente nervoso «ma d'altronde dove le ho? Non ho una casa o una vita o una famiglia... e gli incubi stanno diventando un tormento, devo fare qualcosa.» ritiro la mano dalla sua spalla e incrocio le braccia al petto fissandolo serio «hai tutti noi. Hai me su cui puoi contare.» mi gratto poco dopo la testa ricordandomi quella informazione «so che ti sembrerà assurdo… ma c’è una soluzione.» anche se è pericolosa, il ragazzo sospira e mi guarda domandandomi «quale?» mi fissa sempre più serio aggiungendo «voglio solo la testa di quel cane. E sono disposto a tutto, anche morire» la morte non è mai una soluzione, il suicidio lo renderà solo stupido… l’ennesimo stupido che ha messo da parte la sua vita per un futile motivo, sospiro «morire non ti servirà a nulla… non porterai giustizia a tuo padre e tuo fratello così.» non attendo una sua risposta e gli faccio cenno di lasciarmi finire senza interrompermi, ciò che sto per dire potrà sembrargli assurdo… ma al momento è l’unica soluzione possibile senza finire sopraffatto «c’è… il figlio di Astor Demonar… lui è completamente fuori di testa.»


    gli mostro il mazzo di carte con cui abbiamo giocato «queste me le ha date lui… quando si credeva un attore di teatro famoso di nome Nikah… uno svitato.» ruoto un dito attorno alla testa mimando una faccia da psicopatico «se riesci a raggirarlo per bene… avresti un lasciapassare sicuro per il castello dei Demonar… e al contempo potrai farli fuori entrambi…» Markus incrocia le braccia al petto guardandomi stranito «mi interessa solo Astor… Nikah o come diamine si chiama non mi riguarda: l'errore di un genitore non dovrebbe ricadere sui figli.» sospira e mi guarda con un sorriso a metà «ci penserò su e parlerò con questa persona prima di decidere.» annuisco e mi rilasso, contento di avergli potuto dare una possibilità… anche se rischiosa. Se incontrerà quel ragazzo alla zona Neutra, sarà al sicuro sotto gli occhi dei saggi e se le cose non dovessero andare bene, sarà sorvegliato da loro tre. «Pensaci seriamente, Markus… davvero.» non ho intenzione di perdere un amico per una cosa simile…

    *Frasi e azioni di Markus concordate con Damnedgirl
    **Informazioni sui Fanon concordate con DELTAG

  4. #2014
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Lascio le braccia di Efrem, diventa sempre più difficile allontanarmi da lui ogni volta. Esco dalla stanza e cerco Andreus, il rifugio è grande e sinceramente avverto una forte stanchezza, sia per le ferite che per... mi porto istintivamente una mano sulla pancia.



    Non riesco ancora a crederci, sono anni che praticamente non faccio attenzione e quando va a capitare? Durante la guerra, alla fine per giunta, sono andata in battaglia che ero già incinta, non... non me ne capacito. Non so che fare, ho bisogno di parlare con qualcuno, con Andreus, ma anche Shayla... mi sento vicina anche a lei, non so... sono confusa.



    Senza rendermene conto arrivo alla stanza di Andreus e Markus, è chiusa e sento delle voci provenire dall'interno. Busso un paio di volte, prima di dire "Andreus? Posso?"



    Mi risponde immediatamente, invitandomi ad entrare. Trovo i due ragazzi e rivolgo un cenno per salutare Markus, dopo ciò mi rivolgo ad Andreus "Io ed Efrem ci siamo allenati ed avremmo bisogno di cure, lui è sul lettino dell'infermeria ed io..."



    mi porto una mano alle testa, mentre sento le gambe cedere, ma prontamente mi appoggio allo stipite della porta "...Io dovrei mangiare qualcosa"

    *azione di Andreus concordata

  5. #2015
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Sento il nervosismo diminuire e la consapevolezza di aver aiutato Markus si fa sempre più persistente. Gli ho promesso il mio aiuto e non intendo venire meno alla mia promessa, non voglio che intraprenda una cosa suicida e priva di fondamento e… per quanto paradossale, il figlio di Astor Demonar è attualmente la via più sicura. Sospiro e lo guardo più tranquillo


    conscio di avergli messo in testa almeno questa idea e mi allontano un attimo da lui per recuperare i miei vestiti, ho ancora addosso questo abito elegante ormai imbrattato di terra ed erba e ho davvero bisogno di un bagno. Puzzo. «Andreus? Posso?»



    dice Daphne dopo aver bussato un paio di volte, le dico chiaramente di entrare e nel frattempo nascondo le due fette di torta nel canovaccio all’interno di uno dei cassetti, così Lycky non la prenderà e nemmeno Markus penserà che mi faccio le scorte di cibo in camera. Non voglio che pensi che mangio senza ritegno… già lo faccio a tavola. Daphne rivolge un cenno del capo a Markus e… deduco che i rapporti tra loro non siano dei migliori dopo che la loro storia è terminata. Un po’ li capisco entrambi… sono fortunato ad avere avuto Efrem… la ragazza si rivolge a me pochi istanti dopo che ho chiuso il cassetto «io ed Efrem ci siamo allenati ed avremmo bisogno di cure, lui è sul lettino dell'infermeria ed io...»


    barcolla per un attimo posandosi una mano alla fronte e poco dopo si appoggia allo stipite della porta, guardo le sue ferite e deduco che ne abbia urgente bisogno «... io dovrei mangiare qualcosa» mi avvicino velocemente a lei, anche a tavola ha avuto la stessa reazione. Le faccio cenno di appoggiarsi a me e la ragazza esegue senza protestare, così la faccio sedere sul letto senza problemi e le porgo le due fette di torta per me e Sage «tieni, mangia queste… più tardi ne prenderò altre due prima di andare.»



    la ragazza prende una fetta di torta porgendomi l’altra e inizia a mangiarla lentamente «grazie, ma sto bene... è stato solo un capogiro. Più tardi devo parlarti…» morde la fetta posando poi lo sguardo su Markus prima di rivolgersi nuovamente a me «in privato.» annuisco serio e prendo sottobraccio i miei abiti puliti «dammi qualche minuto per lavarmi e andiamo, tu stai lì seduta e non fare movimenti bruschi.» corro in bagno chiudendo l’acqua della vasca che ha raggiunto livelli spaventosi nel frattempo e dopo essermi spogliato, mi immergo velocemente non badando al calore che quasi mi scioglie la pelle e la carne.


    Mi lavo in fretta e furia rivestendomi poco dopo e coi capelli ancora umidi torno in camera dai due che spero nel frattempo non si siano scannati a vicenda. «Andiamo dal malato immaginario di sopra?» dico scherzando e poi rivolgo a Daphne il braccio. Se accetterà ci sgretoleremo sotto gli occhi di Markus al quale rivolgerò un piccolo occhiolino prima di sparire del tutto…

    *Frasi e azioni di Daphne concordate con Eclisse84

    Alterazione e illusione:
    Teletrasporto del proprio corpo: (Maestro) - A piacimento in una vasta area e può teletrasportare anche un’altra persona con sé.

  6. #2016
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon


    Andreus mi osserva, mentre gli dico che voglio parlare in privato, sicuramente Markus penserà che voglio parlare male di lui, ma sinceramente è proprio l'ultimo dei miei pensieri. Il ragazzo prende i suoi abiti e si infila nel bagno, effettivamente puzza un pò di ascella sudata... come tutta la stanza, Dei... gli uomini non dovrebbero mai dividere le stanze senza una donna. «dammi qualche minuto per lavarmi e andiamo, tu stai lì seduta e non fare movimenti bruschi.»



    Mangio in silenzio per ingannare l'attesa, anche perchè non ho proprio argomenti con Markus



    ci siamo detti quello che dovevamo, spero solo per lui che non decida di fare ancora l'idiota con Andreus, anche se il mio amico è in grado di difendersi benissimo da solo, La torta è buona, veramente buona, così tanto che la mangio con gusto e voracità in poco tempo «Andiamo dal malato immaginario di sopra?»



    Eccolo qui "Sì. Sei stato veloce, ho finito il pezzo di torta, era buonissima" Mi porge il braccio e so già questo cosa significa, così mi limito semplicemente ad alzarmi ed a toccarlo. In pochi istanti ci ritroviamo in infermeria, ormai ho confidenza con il teletrasporto, sia mio che di Andreus, quindi non ne risento. Mi vado a sedere su di un lettino, quello che occupavo prima di fianco ad Efrem e mi rivolgo ad Andreus "Occupati prima di lui, ha già preso due dosi di pozione, io sto bene, aspetto"

    Il ragazzo si lava accuratamente le mani, poi mi osserva con un mezzo sorriso "non c'è bisogno, riesco a curarvi in contemporanea." Già... a volte mi dimentico che il suo potere è diventato più forte, può prestare soccorso ad entrambi. Solo ora mi rendo conto che Efrem sta dormendo, mi viene da sorridere nel vederlo così."Grazie" mi limito a rispondergli a bassa voce, mentre mi volto sul su di un fianco, a mostrargli quello con la ferita "Efrem ha perso molto sangue dalla bocca prima, controlla bene che i polmoni siano a posto, ho esagerato nell'allenamento"


  7. #2017
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Velocemente finisco di lavarmi e vestirmi dandomi una asciugata veloce ai capelli. Sono troppi e inevitabilmente molti mi rimangono bagnati, ma vabbè… se non progetto di andare a Gaearmir entro le prossime ore, eviterò un qualsiasi malanno. Esco in fretta dal bagno e raggiungo i due ragazzi per evitare loro inutili e imbarazzanti silenzi, Daphne è la prima a guardarmi mentre le porgo il braccio «sì. Sei stato veloce, ho finito il pezzo di torta, era buonissima»



    sorrido a trentadue denti contento di sapere che l’ha gradita e che il lavoro fatto in coppia da me e Markus non è stato una schifezza totale. Velocemente ci smaterializziamo dalla camera da letto e ci ritroviamo in infermeria dove trovo subito Efrem che sonnecchia tranquillo su uno dei lettini,


    lascio andare Daphne che si stende su quello accanto mentre mi dice di occuparmi prima di lui. Mi lavo le mani e la rassicuro sul fatto che non occorre, posso benissimo occuparmi di entrambi coi miei poteri. Prendo un panno pulito e dopo essermi asciugato le mani, lo passo delicatamente sulle altre ferite di Efrem stando attento a non svegliarlo «grazie»


    annuisco col capo non rispondendo e torno a concentrarmi sulle ferite di entrambi, la pozione ha già fatto un buon lavoro ma ciò che dice Daphne poco dopo mi mette in allarme «Efrem ha perso molto sangue dalla bocca prima, controlla bene che i polmoni siano a posto, ho esagerato nell'allenamento» annuisco e torno sul petto del ragazzo, la casacca è strappata e bruciacchiata in più punti ma la pelle sotto di essa, tranne che per alcuni punti ancora abbrustoliti, sembra intatta. «Sembra che la pozione abbia già fatto il suo dovere… vediamo.»



    sfrego un po’ le mani e le allargo una verso di lei e l’altra verso di lui chiudendo per un attimo gli occhi e richiamando mentalmente i miei poteri. Subito due globi violacei colorano la stanza e li avvicino ai ragazzi. Subito la luce diviene rossastra al contatto con le ferite e osservo attentamente i vari cambiamenti sui corpi. I tagli, le bruciature e i vari lividi spariscono venendo ripristinati come col naso di Markus, una sorta di riavvolgimento del tempo per la ferita. Finalmente vedo la luce dei globi scemare fino a divenire dorata e poco dopo entrambi si sgretolano nelle mie mani. Mi avvicino a Efrem e tendo un orecchio verso il suo naso, il respiro sembra regolare a parte un leggero russare dovuto alla stanchezza… è proprio crollato. «I polmoni sembra che siano di nuovo apposto, respira di nuovo in modo regolare. Tu come ti senti?» dico provando a farla rimettere seduta e porgendole un bicchiere d’acqua, la ragazza sorride bevendo dal bicchiere e si guarda per un attimo «bene... almeno credo» annuisco ricambiando il sorriso «Efrem è meglio se lo lasciamo dormire, a giudicare da come sta russando, credo che sia parecchio stanco.» rido lanciando una rapida occhiata al ragazzo quando un piccolo bagliore verdastro attira la mia attenzione «e quello?»



    le indico l’anello «sai per caso da dove sbuca quel coso?» spero per lui che sia di suo padre… no perché è davvero orrendo quell’anello…

    *Frase e azioni di Daphne concordate con Eclisse84

    Difesa e recupero:
    Rigenerazione: Avviene tramite tocco (Maestro) - Rigenera ferita di entità grave o mortale.

  8. #2018
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Andreus ispeziona Efrem ed io resto in silenzio, non ne capisco nulla di queste cose, solitamente per me: sanguini=stai male, non sanguini=stai bene.«Sembra che la pozione abbia già fatto il suo dovere… vediamo. I polmoni sembra che siano di nuovo apposto, respira di nuovo in modo regolare. Tu come ti senti?»

    Tiro un sospiro di sollievo, la sua rigenerazione mi fa sentire bene all'istante, come nuova, non ho ferite, neanche piccoli tagli o contusioni «bene... almeno credo» Bevo ancora un pò di acqua ed incrocio le gambe portandole sul letto, è una posizione comoda, la uso sempre quando mi metto a leggere, piuttosto che mettermi a sedere su di una scomoda sedia poggiata su di un tavolo



    «Efrem è meglio se lo lasciamo dormire, a giudicare da come sta russando, credo che sia parecchio stanco.» Annuisco osservando il ragazzo, mi sento più tranquilla, tutto quel sangue mi aveva messa in allerta, anche perchè tossiva già alla riunione, sarà stato un malanno, magari la rigenerazione di Andreus ha portato via anche quello del tutto «e quello?» Riporto l'attenzione ad Andreus, sta guardando l'anello di Efrem, a quanto pare non sono l'unica curiosa di quello strano bagliore«sai per caso da dove sbuca quel coso?»



    Rifletto facendo mente locale, in realtà Efrem non mi ha detto niente di significativo, o quasi "Gliel'ho chiesto ed ha chiaramente sviato la risposta, mi ha solo detto che gli è stato molto utile..."

    forse non dovrei dirgli dello scontro con la Gran Maestra, dopotutto Efrem non l'ha fatto, ma se è vero che sono rimasti amici e conoscendo il loro rapporto, la fiducia è alla base di tutto per Andreus, certamente glielo dirà. Gli faccio dunque segno di sedersi accanto a me, non ho intenzione di alzare la voce... "e..."


  9. #2019
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Daphne mi guarda incuriosita man mano che opero su Efrem e su di lei.


    Sorrido appena tornando poi a concentrarmi, non riesco a nascondere una punta di fierezza in questa cosa… poter aiutare una persona con le cure. Sapere di poter offrire certi benefici… mi riempie di orgoglio. Guardo la ragazza riprendersi del tutto e la ferita sul suo fianco rimarginarsi prima di alzarsi dal letto per mettersi seduta. Sistema le gambe e mi osserva mentre le domando da dove sbuchi quel gioiello che indossa Efrem. È parecchio strano. Brutto. La vedo riflettere per un attimo prima di prendere fiato dopo aver bevuto un altro sorso d’acqua «gliel'ho chiesto ed ha chiaramente sviato la risposta, mi ha solo detto che gli è stato molto utile...»



    mi gratto il mento cercando di pensare a che cosa possa essergli tornato utile. In effetti… prima di partire per quella roba, non lo aveva mai indossato… che forse sia dovuto a quel viaggio? No dai… è assurdo. Continuo a pensare che quell’anello l’abbia preso da qualche cassetto… anche se ciò che ha detto Daphne continua a scavarmi dentro come un tarlo. La ragazza dopo qualche istante di esitazione mi fa cenno di sedermi sul letto accanto a lei


    e eseguo in silenzio lanciando un ultima occhiata alla mano di Efrem e poi al suo viso rilassato. Scuoto il capo sedendomi e grattandomi la testa. La ragazza sembra agitata «e...» dice quasi in un sussurro. Mi avvicino a lei e le poso una mano sulla gamba cercando i suoi occhi. «E?»



    le accarezzo il ginocchio cercando di darle sicurezza mentre sul mio viso compare un piccolo sorriso «dimmi pure, Daphne… sai che non hai da preoccuparti con me.»



    mantengo il sorriso sperando che questo possa esserle di conforto. Abbiamo già affrontato il discorso di Efrem e per quanto ancora mi bruci, sto cercando di andare avanti per la mia strada. Non voglio che lei continui a sentirsi oppressa da questa cosa… io non lo amo…




  10. #2020
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    È pomeriggio

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •