Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 203 di 221 PrimaPrima ... 103153193201202203204205213 ... UltimaUltima
Risultati da 2,021 a 2,030 di 2208
  1. #2021
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Andreus mi guarda incuriosito per poi venire accanto a me, quando gli faccio cenno di raggiungermi «E?»

    E... non so neanche da dove cominciare. Getto uno sguardo verso Efrem, dorme beato, mi strappa involontariamente un sorriso nell'osservarlo «dimmi pure, Daphne… sai che non hai da preoccuparti con me.»

    porto la mia mano sulla sua, quella che ha poggiato sul mio ginocchio e resto qualche secondo in silenzio, dando nuovamente una fugace occhiata ad Efrem per assicurarsi che non mi senta, ma mi preoccupo comunque di tenere un tono molto basso, quasi sussurrato "Ci siamo allenati all'Elysium, mi ha portato sulla tomba della Gran Maestra, è stato lui stesso a seppellirla ed è morta per mano sua"



    Stringo di più la presa sulla mano di Andreus "Non so che pensare, quella donna era tremendamente forte, più di noi, più di lui. Non voglio mettere in dubbio che ci sia riuscito, è intelligente, veloce, ma... essere prescelto dagli Dei come successore di Nimoe, dopo che lui stesso l'ha uccisa, non ti sembra strano? Non conosco la volontà dei Siamesi e neanche mi sogno di interpretarla, tutto quello che so e che mi è stato insegnato, è che che tra la Luce dei Maghi e l'oscurità degli Stregoni, noi ci troviamo al centro della bilancia, l'equilibrio, cosa che la Gran Maestra incarnava perfettamente ed Efrem... "



    sorrido amaramente "... è Efrem"

    con i suoi mille difetti che sto imparando ad amare. "Forse penso troppo" sospiro pesantemente "sono... sono molto confusa" Devo dirgli di cosa ho scoperto, che sono in attesa, non so neanche che parole usare "C'è altro che devo dirti... ma ti prego, promettimi di non urlare"

  2. #2022
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Daphne sembra sempre più nervosa man mano che i secondi passano e il suo nervosismo inizia a divenire anche il mio quando la vedo lanciare occhiate frenetiche a Efrem che non fa altro che russare e mettersi comodo.


    Sembra un bambino e scommetto che se continuo a guardarlo finirà col mettersi un dito in bocca. Mi distraggo solo quando Daphne prende la mia mano che ho posato sul ginocchio e resto in silenzio seguendo il suo. Forse ha bisogno di qualche secondo… forse non vuole dirmelo. Lancia l’ennesima occhiata a Efrem e di riflesso lo faccio anche io notando solo la sua bocca aperta leggermente, sì Daphne… tra poco inizierà a sbavare. «Ci siamo allenati all'Elysium, mi ha portato sulla tomba della Gran Maestra, è stato lui stesso a seppellirla ed è morta per mano sua»



    sgrano gli occhi e volto di scatto la testa verso la ragazza, spaventato mentre lei stringe ancora di più la presa sulla mia mano. Efrem ha fatto cosa? No… io, non ci credo. Non può aver fatto una cosa simile. Guardo il ragazzo e mi viene difficile vederlo uccidere Nimoe. «Non so che pensare, quella donna era tremendamente forte, più di noi, più di lui. Non voglio mettere in dubbio che ci sia riuscito, è intelligente, veloce, ma...» ma è del tutto assurdo. Tutto ciò è surreale. Come può Efrem essere riuscito a batterla? «Essere prescelto dagli Dei come successore di Nimoe, dopo che lui stesso l'ha uccisa, non ti sembra strano?» annuisco in silenzio… è fin troppo strano.


    «Non conosco la volontà dei Siamesi e neanche mi sogno di interpretarla, tutto quello che so e che mi è stato insegnato, è che che tra la Luce dei Maghi e l'oscurità degli Stregoni, noi ci troviamo al centro della bilancia, l'equilibrio, cosa che la Gran Maestra incarnava perfettamente ed Efrem...» ed Efrem non è di certo una persona che si definirebbe equilibrata. Anzi, si potrebbe benissimo dire e che Efrem e l’equilibrio siano due mondi distinti e separati destinati a non incontrarsi mai. Sospiro e vedo Daphne sorridere amaramente.


    Inizio ad avere paura, paura di ciò che potrebbe aver fatto Efrem, di ciò che potrebbe aver scatenato con questa cosa. I Siamesi dovevano essere davvero ubriachi entrambi per averlo scelto… guardo il ragazzo, il viso rilassato e schiacciato sopra il cuscino e coperto per metà da una montagna di capelli e mi sembra sempre più difficile l’associazione. «... è Efrem» annuisco anche stavolta restando in silenzio e stringendo di riflesso la sua mano. «Forse penso troppo» le sorrido anche se in questo momento mi sembra difficile da fare, se lei pensa troppo, io non so cosa pensare. Ora capisco quale era la missione suicida, ecco cosa era andato a fare. Nimoe… per quanto non mi fosse mai andata a genio, la rispettavo. Era l’incarnazione dell’equilibrio anche se le sue manifestazioni erano tutt’altro che equilibrate, una donna forte, che non si sarebbe mai lasciata piegare da questa guerra. «Sono... sono molto confusa» resta in silenzio ancora una volta e io provo ad accarezzarle il braccio cercando di darle conforto, non è facile questa situazione… lo so. «C'è altro che devo dirti... ma ti prego, promettimi di non urlare»



    sollevo un sopracciglio e dopo qualche istante passato a fissarla come un ebete, ritiro la mano con cui le toccavo il braccio e me la spiaccico contro la bocca facendo segno di no con la testa «promesso!» biascico contro il palmo e chissà cosa le arriverà… ho paura. Tremo… ho davvero tanta paura adesso…


  3. #2023
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Andreus... ho iniziato il discorso, ma non so ancora che parole usare, se non se ne fosse accorto Efrem, anche io sarei all'oscuro della faccenda. Faccenda... come dovrei chiamare la questione dei bambini? Ogni parola mi sembra così fredda, è come se non riuscissi a realizzare ancora, o come se non riuscissi ad accettare «promesso!»



    lo guardo e cerco di elaborare le parole giuste e poi... è Andreus, diamine, saprà starmi vicino, mi saprà consigliare, è un ragazzo irruento, ma maturo, mi fido... mi fido più di lui che di Efrem. Lentamente giungo alla conclusione che le parole sono superflue e non sono mai stata brava ad esprimere ciò che provo e penso a voce, quindi prendo la sua mano, la stessa che sto stringendo, e me la porto sulla pancia "Non so se riesci a sentirli... io non ci riesco ancora, ma lui..."





    guardo per l'ennesima volta Efrem con un sorriso tra l'amaro ed il non so cosa "...sai, quelle robe da Gran Maestro, quella sensibilità maggiore che ha..."



    Non so cos'altro aggiungere, se non anticipare quella che penso sarà la sua domanda più ovvia "Sono suoi" E con questo "suoi!" è già chiaro che si tratta di gemelli. "Non so che fare, Andry"


  4. #2024
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Daphne sembra spaventata più di me dall’idea di dover parlare, posso capirlo…


    dopo tutto questo casino, Efrem Gran Maestro per chissà quale botta di grazia divina, la guerra arrivata agli ultimi tasselli, la parità con i Reietti e… dei, non ce la faccio più. Ho i nervi a fior di pelle. Sono giorni che nessuno di noi riposa bene qui, la guerra è agli sgoccioli e ogni singolo istante è diventato prezioso per ognuno di noi. Daphne tira ancora una volta un sospiro affranto e dopo aver fissato per un lungo tempo Efrem, prende la mia mano tirandola lentamente fino al suo ventre dove la posa. Sollevo un sopracciglio non capendo a cosa si riferisce. Non mi pare avesse ferite di qualche genere lì, anzi. «Non so se riesci a sentirli...»


    sentire cosa? Piego un attimo la testa di lato tenendo premuta la mano sulla bocca per non dire nulla. «Io non ci riesco ancora, ma lui...» in sincrono guardiamo Efrem russare profondamente e sul viso di Daphne vedo comparire una sorta di sorriso, strano, diverso dai suoi soliti e dentro di me l’orribile senso di consapevolezza di cosa mi starà per dire si fa strada lentamente, come un tarlo che morde sempre con più forza. Daphne… non… non può essere.


    «... sai, quelle robe da Gran Maestro, quella sensibilità maggiore che ha...» resto a fissarla con una espressione di terrore sul volto per un tempo che non riesco più a calcolare, la mano mi scivola dalla bocca e la apro per parlare, ma le parole non escono, non un fiato esce dalle mie labbra se non un suono strozzato prima di sentire ancora la sua voce «sono suoi» suoi… suoi… suoi. Questa parola mai come prima d’ora aveva assunto un significato simile. Con questa parola capisco che la vita nel ventre di Daphne è più di una… e sono di Efrem.


    Gemelli… tanti anni fa mi disse che gli sarebbe sempre piaciuto averli… «non so che fare, Andry» la guardo sentendo gli occhi pizzicare agli angoli e il fiato ritornare prepotente fino a soffocarmi. Prendo un respiro forte e tossico con forza «co-cosa?» balbetto prendendo un bicchiere d’acqua dal comodino. Lo mando giù intero e lo lascio cadere sul letto continuando a osservarla, sposto lo sguardo da lei a lui e viceversa un paio di volte, confuso, stordito… e non so più cosa provare. «Lui… lui che cosa ha detto? Che cosa pensa di… di… di loro?»



    dico quasi senza fiato fissando i suoi occhi mentre cerco in tutti i modi di darmi un contegno…

  5. #2025
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton


    Il monastero è silenzioso, più silenzioso del solito. Non so dove siano finiti tutti, Keyra e Medea sono già partite da un pezzo per la valle di Candonga ma non sento alcun rumore e non ho intravisto nessuno, mi chiedo se gli altri siano andati a dormire o cosa. Efrem e Daphne erano usciti per allenarsi insieme prima del mio incontro in neutra con quella presuntuosa, mentre Markus ed Andreus erano ancora in cucina, ma ora lì non c'è nessuno. Avrei voglia di allenarmi ma anche l'armeria è vuota quindi decido di raggiungere la camera dei ragazzi, magari uno dei due avrà voglia di fare un pò di movimento. Arrivo davanti alla porta e mi fermo, bussando senza entrare "Andreus? Markus? Ci siete?" resto in attesa di una risposta, sperando di non stare parlando da sola.

  6. #2026
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Andreus sembra non capire nell'immediato a cosa mi riferisco, tenendo la sua mano sulla mia pancia, mi guarda confuso ed il timore di qualche sua reazione improvvisa si fa più forte in me. La situazione è complessa, oltre ad essere il mio amico più caro è anche l'ex di Efrem, una relazione cessata poche ore prima che io e lui ci avvicinassimo, se reagisse male dovrei sforzarmi di capirlo, ma oltre ad aver promesso di non mentirgli mai, ho la necessità di confidarmi con qualcuno, di avere un parere sulla questione, perché sono totalmente disorientata.



    E poi ecco... ecco quella scintilla nei suoi occhi, si arrossano, brillano e prende consapevolezza di cosa volevo dirgli «co-cosa?»



    beve dell'acqua in maniera frettolosa, per poi lasciar cadere il bicchiere sul letto dove ci troviamo, ho il terrore che alzi la voce, o peggio ancora che si arrabbi, lo stato confusionale dovuto alla "sorpresa" è più che normale, non l'ho presa bene io, Efrem ha avuto una reazione non meglio identificata, figuriamoci come possa prenderla Andreus. «Lui… lui che cosa ha detto? Che cosa pensa di… di… di loro?»



    sospiro pesantemente e lo guardo negli occhi sforzandomi di non lasciarmi andare al pianto, visto che i miei occhi sono già provati dalle lacrime versate per mio fratello e che non mi sembra il caso di disperarmi ora, non sono il tipo che ama piangere per tutto insomma. "Non l'ho ben capito. All'inizio era decisamente stordito, si è seduto su di una pietra per riflettere, ma sorrideva, come se l'idea non gli dispiacesse e poi... e poi ha iniziato a parlare come un padre, mi ha detto che combatterà per rendere queste terre un posto migliore per loro."



    Devio lo sguardo dal ragazzo, mi sento in imbarazzo, anche se in realtà è più disagio, ma cerco di recuperare il contatto visivo con contegno "Credo che li voglia, ma la cosa che mi spaventa di più... è che non so se li voglio io"


  7. #2027
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    I miei occhi slittano da Daphne a Efrem e poi di nuovo sulla ragazza in una sorta di circolo vizioso che termina con un senso di nausea dato dal vorticare della testa.


    Chino il capo chiudendo gli occhi e sentendo lo stomaco in subbuglio per tutto ciò mentre prendo un profondo respiro col quale cerco di calmarmi. Daphne… incinta di Efrem… prendo un altro respiro e torno a guardare il ragazzo fissando il suo viso. Quel viso che un tempo avevo idealizzato così tanto e che adesso mi appare per come è. Avevo ragione… Efrem non era quello che pensavo. Sospiro pesantemente quando è Daphne stessa a riportarmi alla realtà «non l'ho ben capito.»


    volto la testa verso di lei schiudendo appena le labbra preoccupato. Il fiato mi muore in gola ma cerco di trattenermi portando le braccia al ventre «all'inizio era decisamente stordito, si è seduto su di una pietra per riflettere, ma sorrideva, come se l'idea non gli dispiacesse e poi... e poi ha iniziato a parlare come un padre, mi ha detto che combatterà per rendere queste terre un posto migliore per loro.»



    sospiro e un mezzo sorriso per quanto amaro esso sia mi compare sul viso rivolgendosi a Daphne… che però scosta lo sguardo da me come se fosse terrorizzata da qualcosa ma poi quel coraggio ritorna anche se a tratti ed è come se il mio volto adesso la terrorizzasse. La guardo mantenendo la mia espressione per quanto faccia male e cerco le sue mani sul letto stringendole non appena le avrò trovate «credo che li voglia, ma la cosa che mi spaventa di più... è che non so se li voglio io» sobbalzo sul letto stringendo la sua mano per poi allentarne la presa poco dopo «Daphne io… io non posso costringerti a qualcosa se tu non vuoi.»



    guardo per un attimo il suo ventre «Efrem… lui ha sempre desiderato avere dei figli gemelli… è una cosa che mi ha confessato anni fa…» cerco ancora una volta i suoi occhi «aldilà di questa guerra… sono sicuro che Efrem… potrebbe essere un buon padre per loro.» le sorrido carezzandole un braccio e tirandola a me per abbracciarla prima di sussurrarle all’orecchio «pensaci bene, Daphne… so che è una scelta difficile quella che hai davanti, ma sono certo che farai quella giusta.»



    resto ancora abbracciato a lei fin quando non sarà lei a voler sciogliere il contatto e provo ad allentare la tensione pulendomi il volto umido con le mano «e poi… avete la mia benedizione.» dico, sperando che questo possa servire a farla tranquillizzare…

    *Azioni concluse su Daphne concordate con Eclisse84

  8. #2028
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Andreus è molto agitato come era prevedibile e comprensibile, mi stringe la mano mentre ascolta le mie parole ed io non riesco a celare un certo nervosismo «Daphne io… io non posso costringerti a qualcosa se tu non vuoi.»

    Con queste parole mi sta già dando un consiglio, probabilmente è del parere che io debba proseguire la gravidanza, ma non ne sono per niente sicura «Efrem… lui ha sempre desiderato avere dei figli gemelli… è una cosa che mi ha confessato anni fa…» Mi viene da sorridere, non lo immagino per niente alle prese con pannolini e pappe, figuriamoci raddoppiate, anche se ho visto quanto sa essere amorevole, lo ha dimostrato durante il breve periodo di permanenza della cugina, ma era già grandicella, non dipendeva totalmente da lui «aldilà di questa guerra… sono sicuro che Efrem… potrebbe essere un buon padre per loro.» mi accarezza il braccio, prima di tirarmi a sè e stringermi, una presa alla quale mi abbandono e che mi trasmette un pò di forza «pensaci bene, Daphne… so che è una scelta difficile quella che hai davanti, ma sono certo che farai quella giusta.» Sospiro pesantemente prima di restituirgli la stretta "Ci penserò... grazie, Andry"



    «e poi… avete la mia benedizione.» sorrido e senza volerlo una lacrima sfugge al mio controllo, non è tristezza... forse è gioia, la gioia della consapevolezza che tra tanti dubbi, la nostra amicizia è la mia unica certezza, dopo tutto quello che abbiamo passato in questi giorni, le parole di veleno che ci siamo scagliati contro, io sono ancora qui a chiedergli consiglio e lui mi stringe ancora per consolarmi, spero che sarà sempre così.



    Mi sposto leggermente in modo da dargli un bacio sulla guancia "Resta sempre così come sei"



    mi alzo dal letto e mi avvicino ad Efrem "Lo porto in camera sua, così potrà dormire più comodo. Ci vediamo più tardi e... grazie per tutto" poggio la mano sulla spalla del ragazzo dormiente e mi concentro il necessario, visualizzando nella mente il posto in cui andremo a ricomporci, pochi istanti e delle piccole scariche elettriche si manifestano attorno a noi, fino a quando un bagliore intenso mi costringe a chiudere gli occhi.



    Ci ritroviamo esattamente nella stessa posizione: Efrem steso ed io accanto a lui. Cerco di sfilargli le scarpe e di coprirlo con una coperta, dovrebbe cambiarsi di abito, ma rischierei di svegliarlo. Voglio accertarmi che dorma bene, così resto ancora un pò qui con lui, seduta al suo fianco.

    Teletrasporto
    Maestra: in una vasta area, può portare una persona con sè

  9. #2029
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli


    Keyra
    Isyl Tinnuviel



    Sento freddo, qualcosa mi scivola sul viso…acqua?
    Apro piano gli occhi mentre delle piume nere mi sventolano davanti. Gliocas?
    Alzo un braccio e me lo passo sulla fronte…è decisamente acqua ma cosa…
    Resto per un attimo sul confuso, sto cercando di capire. Non riuscivo a dormire, non riuscivo a prendere sonno, eppure ora sono semi sdraiata con la testa piegata sul cuscino, abbasso gli occhi, sulle gambe dei fogli di pergamena piegati. Mi tiro a sedere, scosto delle ciocche scivolate di lato al viso, riprendo in mano quei fogli e quando li riguardo, ecco che torna un sorriso …Niniel….
    Niniel ed io, due anime affini ma diverse ognuna con i propri dubbi e conflitti che si sono incontrate per caso in un lontano giorno, due amiche separate da questa guerra… prego solo gli Siamesi di non doverla mai incontrare in battaglia, probabilmente mi ferirei da sola per non ferire lei, non riuscirei.
    Ricordo che poche ore fa, dopo un bagno caldo non riuscivo ad addormentarmi ero agitata, ma riprendere dal cassetto queste lettere e rileggerle mi ha aiutato a rilassarmi sentirmi vicina a qualcuno che davvero mi ha conosciuto come sono , senza segreti, non per lei, poi sono scivolata nel sonno confidando a Morfeo i miei sogni ed i miei incubi…incubi di un passato che non vuole lasciarmi stare.
    Faccio per alzarmi, una battaglia mi aspetta ma prima, rileggo ancora per l’ennesima volta queste poche righe che ricevetti all’inizio di questo conflitto, le rileggo come a cercare una forza e quel coraggio di cui ho bisogno, quel coraggio che ebbi quando scelsi … il coraggio di combattere come una ribelle e non come una ragazza impaurita dal suo stesso destino.

    Keyra,
    ti scrivo questa lettera nella speranza che possa giungerti senza intoppi e, soprattutto, che non ti causi alcun problema. Sono sinceramente preoccupata per te. Ammetto che la tua decisione mi ha profondamente colpita e stupita: non mi aspettavo che ti saresti schierata con i Ribelli.
    Perché?! Perché prendere una simile decisione?
    Sono a conoscenza della tua storia e delle motivazioni che possono averti spinta a scendere in guerra, ma sinceramente non riesco a comprendere le cause che possono averti persuasa a schierarti con quella fazione. Credevo che ti saresti schierata anche tu con i Reietti per perseguire gli obiettivi che ti sei prefissata oramai da tempo ed invece...
    Vuoi davvero sporcarti le mani con il sangue dei tuoi nemici? Vuoi davvero che la vendetta ti trasformi in qualcosa che non sei? Perché a questo arriverai, seguendo Targaryus.
    Ti prego di ripensarci. Sai come sono fatta e sai che non sono il tipo di persona che si esporrebbe mai in modo così diretto, ma siamo amiche e mi sento in dovere di metterti in guardia dalla decisione che hai preso. Spero non mi odierai per le mie parole.


    Con affetto
    Niniel

    Stringo la pergamena mentre mi sento ancora una volta colpevole per aver seguito Targaryus e non Kalisi, se avessi preso una strada diversa forse oggi sarei una persona diversa ma, non posso saperlo, le persone sono lo specchio di ciò che sentono e di ciò che gli viene detto…forse tra i reietti sarei stata più felice, oppure no, il dubbio è una questione umana a cui solo gli Dei sono immuni. Ricordo quando ricevetti questa lettera, cosa provai nel leggerla la prima volta, ricordo che a questa ne seguì un'altra…

    Keyra,
    il tuo silenzio mi ha fatto riflettere ed è per questo che sono di nuovo qui a scriverti.
    Prima di scrivere qualsiasi altra cosa, tuttavia, permettimi di rivolgerti le mie scuse più sincere. Mi rendo conto di essermi espressa troppo duramente nella precedente missiva, ma ero e sono tutt'ora sinceramente preoccupata per te. So che sei scesa in battaglia e so anche che hai riportato delle ferite importanti... come stai?
    Dammi tue notizie, appena puoi, e perdonami per ciò che ho scritto in passato. Le motivazioni che ti hanno spinta a schierarti con i Ribelli sono tue e solo tue devono restare. Non mi devi alcuna spiegazione ed ho sbagliato a giudicare la tua scelta.
    Per favore... fammi sapere come stai, perché saremo anche schierate in due fazioni avversarie, ma non saremo mai avversarie nella vita.
    Il sentimento di amicizia che nutriamo l'una per l'altra, spero, non giungerà mai alla sua fine.


    Con sincero affetto
    Niniel


    Ricordo cosa scrissi e cosa risposi.
    Quello che scrissi indelebile nel tempo in risposta a queste lettere a me molto care, ora come allora non è mai più vivo. Chi lo sa se Niniel si ricorderà di queste lettere, se anche lei ha conservate le mie risposte come io ho fatto con le sue oppure no. Quanto mi piacerebbe saperla viva e felice lontana da questa guerra, per me oggi potrebbe essere l’ultimo giorno, per lei invece potrebbe essere ancora un nuovo inizio, l’inizio di una nuova vita. Forse chi lo sa, un giorno potrò dirglielo di persona…ma non ora, non adesso. Credo che l’alba sia sorta ed è ora che mi prepari. Medea mi starà aspettando.


    Continua qui.



    - Lettere inviate da Niniel appena dopo la scissione
    - Risposta alle due lettere inviata per mp a Valuccia85
    - Lettere concordate con Valuccia85. Grazie mille!


    Ultima modifica di DELTAG; 22nd March 2016 alle 16:18

  10. #2030
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn

    Esco dalla vasca annodando il telo in vita e recuperando il rasoio dalla mia sacca mi insapono il viso iniziando a fare la barba. Daphne ed Andreus sono andati via già da un po’, ed il consiglio che lui mi ha dato continua a ronzarmi in testa... Forse un tentativo dovrei farlo invece che stare qui a pensarci tanto, in fondo la guerra sta per finire e mi resta poco tempo per prendere una decisione... Di Alagos Fanon non mi fido, per niente, ma nemmeno di quel Gildas, o Nikah, o come cavolo si chiama perché è un Demonar... Però mi fido di Andreus e… Non lo so, vedrò tra qualche ora, adesso ho solo bisogno di distrarmi e magari con una lettura… E’ da un po’ che non ci provo. Devo tenermi in esercizio. <<Ahi>>, esclamo quando mi taglio la guancia con la lama: questo diamine di rasoio non imparerò mai ad usarlo! Tampono il graffio con un dito che brucia nonostante non esca sangue e tornando in camera indosso un paio di pantaloni neri, arrotolando poi qualche fascia bianca alle mani e braccia. Lavo i panni, che stendo come al solito in bagno, poi rifaccio anche il letto che con l’ennesimo incubo che ho fatto ho ridotto ad intreccio di lenzuola, ed infine dopo aver dato del cibo a Lucky mi metto a leggere “Le cronache del mondo emerso” . Nihal è il nome della ragazza e mi ricorda vagamente qualcuno in carattere… <<Siamesi ma questo sono io da donna!>>, dico ed aggrottando le sopracciglia continuo a leggere a voce bassa. <<Andreus? Markus? Ci siete?>>, sento d’un tratto la voce di Shayla chiamarmi quindi mi fermo e guardando la maniglia poggio il libro sul comodino. Apro la porta e le rispondo, <<Andreus è in infermeria con Daphne… Credo>>. Resto quindi a guardarla incerto se dire o no qualcosa… <<Devo chiamartelo?>>."Ok, forse era meglio stare zitto..."



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •