Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 217 di 221 PrimaPrima ... 117167207215216217218219 ... UltimaUltima
Risultati da 2,161 a 2,170 di 2208
  1. #2161
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Mi sistemo sulla sedia osservando Shayla quando dopo le mie parole inizia a ridere, mi sento più tranquillo anche se l’ansia per come questa guerra possa finire mi opprime il petto più di questo male che si sta facendo strada tra le mie carni. Un colpo di tosse, stavolta più leggero, seguito da un leggero intorpidimento della mano mi coglie improvviso, ma non gli do tanto peso. Muovo un po’ le dita e poco dopo i muscoli tornano alla loro normale attività «si, direi che un tentativo si può fare» posa gli occhi su quei ritratti e dal suo viso sembra più rilassata rispetto a come stava giorni fa, non è più tesa e se solo alzasse il viso, potrei leggere nei suoi occhi una sorte di determinazione, la voglia di cambiare. «Quando abbiamo parlato in Neutra mi ha raccontato dei suoi tentativi di avvicinarsi nel corso degli anni, sembrava molto rammaricato per non essere riuscito a recuperare il rapporto con mia madre prima che morisse, sperava di riuscire a farlo almeno con me. L'ho odiato, ma poi Andreus mi ha fatto riflettere. E' un gran testone quel ragazzo, ma aveva ragione» sorrido a queste parole, Andreus… sempre pronto a fare la cosa giusta per aiutare gli altri. Non avevo mai incontrato nessuno in vita mia, dopo Drako, che fosse così… così… dei, non riesco nemmeno a definirlo. La guardo e ripenso alle sue parole, da quello che dice, suo nonno non ha mai perso le speranze di cercare sua figlia, nonostante l’avesse odiata tanto e questo mi stupisce ancora di più. Cosa li ha spinti a questo gesto? La pagina che volta mostra una giovane donna, forse sua madre a giudicare dalla somiglianza e ciondolo che indossa, deve valere molto per lei «credo che lei sarebbe felice di questa scelta, ha sempre desiderato tornare ad Asshai ma non ne ha avuto mai il coraggio. Sarà il primo posto dove andrò dopo la guerra, quando vinceremo e finalmente non sarà più nelle sporche mani dei Feralys» un sorriso orgoglioso e fiero si mostra sul mio viso. Quando questa guerra terminerà, verranno apportati grossi cambiamenti. Sto per parlare ancora ma è Isyl a entrare in sala, titubante «scusate se disturbo ragazzi…» mostra un sorriso accennato prima di continuare e la osservo sollevando un sopracciglio «se volete in cucina ho preparata un’insalata di frutta e della tisana rilassante…» ora che ci penso, ho davvero fame… ma non penso che una semplice macedonia possa placarmela, ho bisogno di qualcosa di più sostanzioso. Annuisco comunque, ci ha regalato un dessert era da un po’ che non mangiavo qualcosa di dolce. «Sentite… ecco… io dovrei assentarmi, devo andare dai Saggi, vi chiedo un favore se potete... potreste prendervi cura di Gliocas? Mangia poco fa la guardia e non sporca…» china il capo e io mi ritrovo a osservarla quasi interdetto, con tutti gli animali che gironzolano qui attorno, compreso Markus che è svanito nel nulla tra l’altro e quella svitata di Lysa, dobbiamo anche prenderci cura di un corvo molesto? «… a quanto pare, si è affezionato al rifugio.» sospiro e mi massaggio gli occhi, sto per risponderle ma la donna sparisce lasciandoci col corvo che si va a posare sulla mensola poco distante da noi mentre Shayla fa una battuta sul farlo arrosto. Non mi dispiacerebbe in effetti, ma non voglio sentire lagne. «Ruiny potrebbe gradire.» dico con un mezzo sorriso, ma non faccio nulla, torno piuttosto a guardare Shayla «mi fa piacere che tu abbia potuto dare questa svolta alla tua vita…» le sorrido e poi mi alzo andando verso la porta «allora, nuova Shayla… vogliamo festeggiare questa cosa con un paio di birre? Offre la casa.» dico e se accetterà mi dirigerò in cucina dove mi metterò all’opera ai fornelli per preparare qualcosa di buono e sostanzioso per tutti. Il nostro ultimo pasto in questa topaia…

  2. #2162
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    E' Pomeriggio

  3. #2163
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton


    Efrem ricambia con una battuta il mio scherzo sul corvo di Keyra, probabilmente la ragazza non aveva tutti i torti ad aver paura di lasciarlo da solo tra gente fuori di testa e serpenti liberi di girare per il rifugio. Alla fine ci alziamo ancora ridendo e mi indica l'uscita «mi fa piacere che tu abbia potuto dare questa svolta alla tua vita…» ricambio il suo sorriso, ne sono felice anch'io nonostante fosse l'ultima cosa che mi sarei aspettata dopo la fuga dalla Maison «allora, nuova Shayla… vogliamo festeggiare questa cosa con un paio di birre? Offre la casa» «Se offre la casa non posso rifiutare» rispondo allegra ed insieme raggiungiamo la cucina, non c'è ancora nessuno...mi chiedo dove siano finiti gli altri, credo di aver visto più spesso questo corvo, che tra l'altro ci ha seguiti e si è appollaiato su una sedia, rispetto a Medea e Lysa. Efrem si avvicina ai fornelli per preparare qualcosa mentre io prendo la birra e la frutta che Keyra aveva preparato e porto tutto sul tavolo prima di andare a dargli una mano con le spezie per l'agnello che si appresta a cucinare. Sembra abbastanza a suo agio ai fornelli, non pensavo che sapesse cucinare ed il profumo che inizia ad espandersi nella stanza è decisamente invitante, non mi ero accorta di avere così fame, l'ultima volta che ho mangiato come si deve ha cucinato proprio Daphne se non sbaglio. Apro la dispensa e trovo delle patate, inizio a pelarle per poi tagliarle a tocchetti, condirle e metterle a cuocere come contorno, ci aspetta un pranzo con i fiocchi. Riempio due boccali di birra e ne passo uno al ragazzo ancora intento a cucinare «Ai cambiamenti allora!» esclamo allegra accennando un brindisi, gli rivolgo un occhiolino e mi appresto a bere assieme a lui.


    *Azioni concordate

  4. #2164
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Chiudere occhio mi sarebbe stato utile, anche solo un’ora, me lo sarei fatto bastare. Ho tanti di quei pensieri sconnessi che mi girano per la testa, che se volessi scriverli e provare a dal loro un senso logico, ci potrei impiegare giorni. La mia unica consolazione, è la certezza che mio padre e la mia famiglia, saranno al sicuro in ogni caso, anche senza l’accordo con Valerius, se Drako dovesse diventare Re, potrebbero perdere l’Altura, ma la loro vita sarebbe salva e questo mi basta per convincermi di aver fatto qualcosa di buono in questa guerra, oltre ai mille casini e liti. Non ho ancora sistemato la questione con Efrem, per quanto io desideri fortemente andare da lui in questo istante e lasciarmi stringere, ho ancora il forte timore che prenderebbe la decisione sbagliata, scegliendo di non schierarmi più. Sono una sciocca ed una testona, gli sto facendo del male, non ho il coraggio di guardarlo ancora in viso. La verità è che non so ancora come sentirmi, se questi bambini sono la svolta che devo cercare o meno, le parole del dottore mi hanno colpita, ma nonostante questo ho ancora forti dubbi su me, non più su Efrem. Ho bisogno di scrivergli, so che non sarei in grado di reggere il suo sguardo senza scoppiare in lacrime e l’ultima cosa che voglio è arrivare all’Adamatem con gli occhi gonfi e rossi, Andreus deve avere la certezza che la sua compagna di battaglia è forte e lucida. Prendo un foglio di carta e resto per qualche istante col pennino a mezz’aria, anche ora le parole si accumulano e si aggrovigliano nella mia testa. Poi comincio a scrivere, quasi senza pensarci, le parole di una vecchia canzone guidano la mia mano e mi ritrovo a sorridere fino a quando arrivo all’ultimo rigo.

    Are you the one?
    Ho trascorso anni ad illudermi che fossi tu, le mie speranze erano a senso unico, ma persistevo, tu eri sempre con me anche se non lo sapevi ed ora che ti ho… rischio di perderti perché non so cosa voglio da me. Perdonami Efrem, non avrei mai dovuto dirti quelle parole l’altra notte, anche se sono ancora confusa su questi bambini, non ho alcun dubbio su quello che voglio da te. Ti aspetterò sempre. Tua Daphne

    Piego la lettera e la poggio sul letto, mentre prendo un altro foglio e, questa volta, comincio a scrivere spedita

    Sei sempre una stronza con la faccia da baldracca, ma sei una stronza con la faccia da baldracca alla quale voglio bene, ed ho intenzione di continuare ad insultarti ancora per tanti anni. Ci rivedremo, Shayla, come faresti altrimenti senza di me? E poi piaci a Kaleb, ti costringerò ad accasarti con lui, perché mio fratello… è mio fratello. Con tutto il mio affetto. Daphne
    Piego anche questa lettera e mi sollevo dal letto, è tempo di andare. Indosso l’uniforme, stringo bene i lacci in modo che i tessuti non mi diano fastidio nei movimenti, penso bene di indossare sotto la casacca anche una bella maglia di lana, con tutta quella neve… meglio prevenire un assideramento. Esco dalla stanza e mi dirigo verso quella di Efrem, faccio attenzione a non farmi sentire e lascio scivolare la lettera sotto la fessura della porta, titubo qualche istante, resto ferma con lo sguardo sulla superficie di legno, ma cerco di farmi coraggio e mi allontano, raggiungendo anche la stanza di Shayla. La seconda lettera passa anche sotto questa porta. Quando arrivo in superficie le luci dell’alba mi investono, sembra tutto così tranquillo qui. Andreus è già nei pressi del Glados e lo raggiungo velocemente «ci siamo dunque…» gli prendo la mano e lo tiro a me per baciargli la guancia “Ho fiducia in te, ce la faremo in un modo o nell’altro”

  5. #2165
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    «Se offre la casa non posso rifiutare»
    piego un labbro in un sorriso ironico e mi dirigo a passo lento verso la sala da pranzo seguito da Shayla che mi raggiunge anche in cucina. Vorrei dirle di aspettarmi in sala, ma nelle mie condizioni fisiche, credo che una mano in più potrebbe servirmi. Dalla dispensa tiro fuori i tranci di agnello e inizio a prepararli mentre sul fuoco la piastra si riscalda. La mano trema sul coltello e rischio più di una volta di farmi male solo per tagliare le spezie, mi volto appena osservando di sottecchi Shayla, non dovrei nascondere questa cosa, benché meno a lei visto lo stato in cui mi ha trovato… e salvato aggiungerei. Ma non ci riesco… non voglio mostrarmi così… debole. Stringo la presa sul coltello e in poco tempo l’agnello e le spezie finiscono sulla piastra a cuocersi mentre Shayla inizia a preparare le patate, mi ritrovo così a sorridere nel vedere questa scena. Una cosa così tranquilla non dovrebbe avvenire durante una guerra. Un clima così rilassato non dovrebbe esserci e invece… e invece siamo quasi come una famiglia qui sotto. La ragazza mi passa uno dei boccali colmi di birra sollevandolo verso di me in un brindisi «ai cambiamenti allora!» lo sollevo anche io e rispondo al suo occhiolino con un sorriso «ai cambiamenti!» e butto giù il boccale reprimendo in questo modo anche un colpo di tosse che faticava a risalire. Bevo tutto d’un fiato posando il recipiente vuoto al mio fianco mentre rigiro per l’ultima volta l’agnello sul fuoco prima di toglierlo. L’odore che si sprigiona è ottimo e la fame che sentivo poco fa si fa più intensa. Riempio due piatti e copro quello avanzato con un ulteriore piatto più grande in modo che il calore non si disperda e faccio cenno alla ragazza di seguirmi in sala dopo aver preso qualche altra bottiglia di birra. La mano trema vicino al tavolo e la presa sul piatto cede dopo un colpo di tosse lasciando la pietanza cadere sul legno. Mi copro la bocca sopprimendo i dolori al petto e mi siedo respirando profondamente prima di avvicinarmi il piatto «sto… bene.» dico con voce roca e la gola riarsa mettendo in bocca un pezzo di carne mentre i miei occhi si discostano da Shayla…

  6. #2166
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel



    Varco il Glados, lasciandomi Gordon Leithien e il mio passato alle spalle…
    Non so se ho fatto la cosa giusta, non so se ho fatto bene a non ucciderlo li seduta stante come avrei voluto, sarebbe stata la fine anche per me e…effettivamente ora come ora, non posso permettermelo. So solo che le sue parole in fondo non sono state dette al vento, volevo sapere, volevo capire , ho lasciato che il mio cuore ragionasse per me, in fondo la mia vendetta in qualche modo l’ho avuta, il mandante è morto e l’esecutore be…avrebbe meritato la morte, ma forse il solo fatto di essere ancora in vita dopo tutto quello che ha combinato e i clan che ha distrutto , è la migliore punizione, con la morte forse sarebbe stato solo libero.

    Appena la consistenza del Glados, lascia il mio corpo libero, respiro profondamente l’aria del rifugio, l’unico luogo dove al momento mi sento davvero a casa, il silenzio regna sovrano in questo posto, è come se il tempo si fosse fermato ad un preciso istante. Cammino varcando la cancellata, il sole è già alto, deve essere pomeriggio, chissà come sta andando la battaglia. Raggiungo la parte anteriore del rifugio, sotto un decadente porticato vi è una pietra, la accarezzo mentre la patina di polvere che la investe si deposita sui miei polpastrelli…pietra sotto la polvere…ecco come mi sento. Sotto lo strato vi è dura pietra, ma la polvere la ricopre oscurandone la vera faccia. Mi sento proprio come questa pietra, la cui essenza è stata oscurata per anni dalla polvere, così come io sono stata oscurata dalla mia vendetta, chiudendo il resto del mondo fuori e lasciando uscire solo sprazzi di ciò che realmente sono. Questa guerra mi ha cambiato, mi ha insegnato, mi ha tolto e mi ha reso forse una persona migliore…chissà se sarà davvero così anche per chi mi vede da fuori e non conosce ciò che ho dentro. Non lo so, devo solo scoprirlo ed ora…ho una ragione in più per continuare a vivere…mia madre è morta, l’ultima del suo clan è morta, ma io sono sua figlia, sono l’ultima discendente del popolo di quelle terre al nord , ho il marchio di quel passato, passato e tradizioni che non devono essere perse, ed è li che voglio tornare una volta che la fine della guerra avrà delineato nuovi confini e nuovi orizzonti…quello sarà il mio scopo, tornare alle origini, se necessario combatterò per riconquistare quel territorio sotto il dominio Leithien o di chiunque sarà se non potrò farvi ritorno. Ora Isyl è cresciuta , è cambiata dentro, non ha più lo spirito vendicativo che la consuma , ora si è ripresa il suo nome, Keyra era il nome della mia Tutrice morta con mia madre quella notte, ma è ora di lasciare andare anche lei. I conti con il passato sono stati saldati .

    Resto in piedi ad osservare l’orizzonte, mentre alcuni raggi mi colpiscono e , la mia vita mi passa davanti senza un apparente senso logico, i dolori che sentivo e che avvertivo come la sete e il caldo sono ancora presenti ma sembrano pian piano affievolirsi tranne il dolore alla schiena, eppure non mi sembra di avere nulla fuori posto, forse è solo suggestione…chiudo gli occhi mentre lascio che tutto mi scivoli via, che il mio cuore si alleggerisca di un peso che per troppo tempo ho sopportato in silenzio. Quando mi sento pronta, come fosse un rito antico, fisso una lapide anonima davanti a me, nella mia mano prende forma il mio Stiletto, la sua lama riluce colpita dal sole, fisso la pietra che da sempre ne decora l’impugnatura…un diamante con la sua leggenda …ecco che il motto della mia famiglia si concretizza e prende finalmente forma:
    -Fedeli al diamante- Fedeli al simbolo della dea della luna ,a ciò che rappresenta, il soffio della vita, l'inizio di ogni cosa,io sono solo una pietra grezza, non sono ne un diamante, ne uno smeraldo, ne niente di prezioso, ma vorrei ridare alle terre lese da questa guerra una nuova speranza, combatterò con i ribelli fino alla fine, qualunque sia il risultato sarò fiera di aver combattuto per qualcosa in cui ho imparato finalmente a credere..
    Stringo il mio Stiletto, punto la lapide e con tutta la forza che possiedo, lo scaglio contro quella pietra… centro perfetto…questo sarà il mio nuovo inizio…osservo la ruvida superficie incrinarsi e cedere sotto la mia lama, ma la pietra non si spezza, così devo essere io. Ho qualcosa di più per cui vivere.
    Rimango qui ancora un po’, giusto il tempo di ritrovare il mio equilibrio, poi scenderò nel rifugio riprendendo la mia via…la via dei ribelli.


    Menelmir ---> Arma in forma dormiente

    - Per la leggenda e il riferimento sul motto, è stata presa dai Ten Thinghs about...di Isyl, come specificato al punto 2
    - Sistemato l'ultima parte, parlando del simbolismo della dea come scritto in bacheca
    Ultima modifica di DELTAG; 28th May 2016 alle 16:46

  7. #2167
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton


    L'agnello è cotto al punto giusto così come le patate, il profumo è decisamente invitante e non perdo tempo quindi a seguire Efrem in sala quando dopo aver messo la carne in un piatto ed afferrato altre birre mi fa segno di andare a mangiare. Porto con me due porzioni di patate e sto per poggiarle sul tavolo quando mi accorgo che la mano di Efrem sta tremando e non riesce più a sorreggere il peso del piatto che cade sul tavolo. Guardo preoccupata il ragazzo che si copre la bocca prima di sedersi e riprendere fiato come a sopprimere i dolori che lo stanno dilaniando ultimamente, mi dispiace molto vederlo così e pensare che non possiamo aiutarlo in alcun modo se non continuando a lottare per la causa per la quale ha scelto di sacrificarsi «sto… bene.» inizia a mangiare e distoglie lo sguardo dal mio, l'espressione del suo viso ed il tono della sua voce sembrano dire tutt'altro ma è orgoglioso, lo è sempre stato, mostrargli la mia preoccupazione lo metterebbe solo ulteriormente a disagio. "Intanto per oggi forse è meglio l'acqua" gli dico con un sorriso ironico, allontanando le birre ed avvicinando la brocca d'acqua, non credo che bere possa peggiorare le cose dato che il problema è ben più grave ma certamente non gli fa bene. Prendo anch'io una porzione di carne e servo le patate ad entrambi per poi iniziare a mangiare di gusto, è davvero buono "E' ottimo, non mangiavo qualcosa di così sostanzioso e saporito dall'ultima volta che Daphne ha cucinato per festeggiare" mi rendo conto solo dopo che forse non era il caso di nominarla, considerato la loro discussione ed i dubbi di lei sulla gravidanza e sul loro rapporto ma soprattutto perchè saperla in battaglia lo starà tormentando, la sua scelta di schierarla è stata molto difficile per entrambi. Sono forti e determinati, so che andrà tutto bene e non voglio neanche minimamente pensare a scenari differenti, lei deve ancora pagarmela per avermi fatto quello scherzetto all'Altura e lui mi deve una piadina, i debiti vanno pagati e sanno bene che non possono sottrarsi. "Scusa, avrei dovuto evitare. Ho legato più di quanto mi sarei aspettata con lei ed Andreus e sono molto in pensiero per loro ma vedrai che andrà tutto bene, staranno già spaccando il culo a tutti. Ho notato che c'è un clima teso tra di voi e non voglio impicciarmi dei vostri affari, ma spero che abbiate chiarito o che lo farete presto, legami come il vostro non si spezzano e se siete riusciti a convincere una come me che fino a ieri non credeva in queste cose è sicuramente così" gli sorrido e riprendo a mangiare.

  8. #2168
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel



    Ripercorro questi corridoi ormai a memoria, non è passato molto tempo da quando sono qui, ma diverse volte ho sentito la necessità di uscire, di respirare senza sentirmi soffocare da queste quattro mura, seppur antiche...ormai ripercorrerei anche ad occhi chiusi le scale e i corridoi verso il fondo del rifugio. Scendo sempre più giù attirata da un profumo gradevole che sale lungo l'antro delle scale fino a raggiungermi qui, al piano dell'armeria, lo stomaco gorgoglia, forse la frutta non è bastata a darmi il giusto nutrimento, chissà come la prenderanno nel vedermi e...Gliocas?
    Passo accanto alla biblioteca, sul fondo dell'ingresso, vedo un qualcosa di nero appollaiato su uno scaffale, mi soffermo sull'entrata, appena mi vede, lo vedo fiondarsi come un fulmine addosso a me, sbilanciandomi un poco dalla foga del momento. Si agita, muove le ali, sembra contento di vedermi nonostante io lo abbia praticamente quasi abbandonato...lui si è fidato di me, dovrei imparare anche io a fidarmi più facilmente delle persone e, a non tradire la loro fiducia. Stringo Gliocas fortemente, questa volta sono io ad affondare il viso nelle sue piume...mi ricorda tanto un pupazzo che avevo da bambina...
    Senza dire nulla e, con il mio corvo tra le braccia scendo fino alla mensa, mentre la attraverso sento la voce di Shayla:
    "Scusa, avrei dovuto evitare. Ho legato più di quanto mi sarei aspettata con lei ed Andreus e sono molto in pensiero per loro ma vedrai che andrà tutto bene, staranno già spaccando il culo a tutti. Ho notato che c'è un clima teso tra di voi e non voglio impicciarmi dei vostri affari, ma spero che abbiate chiarito o che lo farete presto, legami come il vostro non si spezzano e se siete riusciti a convincere una come me che fino a ieri non credeva in queste cose è sicuramente così"
    Nell'ombra della mensa, ascolto le parole di Shayla, parla di Andreus e di Daphne, e di un legame , sta probabilmente parlando con Efrem a quanto pare sentendo ciò che dice, forse in questo momento sono di troppo, stanno parlando di cose personali tra di loro e, non so se accoglieranno di buon grado una terza presenza al loro banchetto...ma comprendo bene la preoccupazione per Andreus e Daphne, anche se io non ho legato molto con il gruppo a causa del mio carattere, anche io mi sono affezionata a loro, non so se per loro sia lo stesso, però mi piacerebbe crederlo e spero che tornino presto a casa.
    Avanzo piano dando regolare cadenza ai miei passi giusto per non allarmare in caso sentano rumori insoliti , mi affaccio appena alla cucina e come pensavo vi sono Efrem e Shayla, Gliocas è stretto tra le mie braccia, come ad avere uno scudo che mi protegga dai loro sguardi e dal loro giudizio, non sono stata via molto, me ne sono andata quasi fosse un addio e invece ora, rieccomi qui.
    << Ciao...>> dico timidamente << Ho sentito un buon profumo salire lungo le scale e il mio stomaco...vi ha raggiunto.>> sorrido gentile ad entrambe con un pò di imbarazzo, senza però malizia nei confronti di Efrem, ho imparato a controllare i miei stati umorali ed emozionali << Posso restare oppure preferite che me ne vada?>> chiedo stringendo ancor di più Gliocas strappandogli un leggero gracchiare, forse l'ho stretto troppo.
    Resto in piedi sulla soglia della cucina prima di entrare, guardo entrambe in attesa di una risposta...mi sbaglio o Efrem sembra un pò sofferente? Forse sta pensando ad Andreus e Daphne..

    Ultima modifica di DELTAG; 30th May 2016 alle 22:05

  9. #2169
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Mentre continuo a mangiare sento il bruciore farsi più intenso ad ogni respiro e quando mi sporgo sul tavolo per prendere la mia birra, vedo la mano di Shayla allontanarmi il bicchiere «intanto per oggi forse è meglio l'acqua» e avvicinando alla mia mano la brocca dell’acqua non dico nulla e mi limito a guardarla in malo modo prima di bere a grandi sorsate. Perlomeno è fredda e attenua il bruciore. La ragazza inizia a mangiare con calma e resto in silenzio, non ho alcuna voglia di parlare ancora di ciò che mi sta portando lentamente alla fossa. Sarebbe inutile e anche se lo dicessi, non può aiutarmi. Nessuno può. Sono condannato e prima imparo a conviverci e ad aspettare quel giorno, meglio sarà per tutti. «È ottimo, non mangiavo qualcosa di così sostanzioso e saporito dall'ultima volta che Daphne ha cucinato per festeggiare» la mano si serra sulla forchetta quando pronuncia quel nome e un nodo alla gola mi impedisce di mandare giù altro dal mio piatto. D’improvviso mi è passata la fame. Daphne… non è nemmeno al corrente di cosa mi sta succedendo e io l’ho incolpata per ciò che ha scelto di fare. Allontano il piatto da me e poso le posate su di esso abbassando lo sguardo. È forse la prima volta, la prima volta che la mia paura per qualcuno sovrasta tutti i miei pensieri. Ho paura, paura di cosa potrebbe succedere su quel campo, paura per la sua vita, per la sua reazione a… a questo. Dei… vi prego. Sospiro amaramente prima che Shayla riprenda a parlare «scusa, avrei dovuto evitare. Ho legato più di quanto mi sarei aspettata con lei ed Andreus e sono molto in pensiero per loro ma vedrai che andrà tutto bene, staranno già spaccando il culo a tutti. Ho notato che c'è un clima teso tra di voi e non voglio impicciarmi dei vostri affari, ma spero che abbiate chiarito o che lo farete presto, legami come il vostro non si spezzano e se siete riusciti a convincere una come me che fino a ieri non credeva in queste cose è sicuramente così» forse… come forse c’è anche la possibilità che il mio migliore amico e la donna che amo finiscano il lavoro che hanno iniziato gli dei. Gli farei solo un favore ad andarmene per colpa loro invece che far scomodare i loro gloriosi deretani per venirmi a prendere. Mi sorride prima di riprendere a mangiare, ricambio con un sorriso smorto e in quel momento vendo comparire anche Isyl assieme a quell’uccellaccio che continua a gracchiare tra le sue braccia. «Ciao...» dice guardandoci imbarazzata, «ho sentito un buon profumo salire lungo le scale e il mio stomaco... vi ha raggiunto.» ci sorride calma e con un gesto della mano la invito a prendere posto a tavola quando chiede di poter restare «accomodati e mangia pure con noi, ho cucinato per tutti.» porto la mano alla bocca coprendo un altro colpo di tosse, stavolta più forte di quelli precedenti e cerco in tutti i modi di fermarlo con l’acqua prima di tornare con gli occhi si di lei «prima che lo chiedi, no, non sto bene.» dico serio per poi aggiungere «quell’uccello non ti può aspettare fuori? Non ho intenzione di sentire gracchiare mentre mangio.» torno poi in silenzio cercando di elaborare quanto mi ha detto shayla… non so se riesco a risponderle su ciò che è successo…

  10. #2170
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton


    Efrem si incupisce quando nomino Daphne e come prevedibile non risponde alle mie parole limitandosi a deviare lo sguardo, anche perchè viene interrotto da un'imbarazzatissima Keyra che col corvo in braccio entra nella stanza salutandoci e dicendoci di essere stata attirata dal profumo dell'agnello. Il ragazzo la invita a prendere posto a tavola ed a servirsi, ci sono ancora molte porzioni di agnello e patate e saranno sufficienti anche per gli altri, se ci raggiungeranno. Un altro colpo di tosse stavolta più forte dei precedenti mi fa voltare verso Efrem, sembra come se il suo stato peggiorasse minuto dopo minuto, non sopporto la nostra impotenza davanti a quello che gli sta succedendo ma non so davvero cosa consigliargli. L'unica soluzione al momento sarebbe di parlare di nuovo con Zed, o magari con i saggi, ma è inutile proporgli entrambe le possibilità soprattutto oggi, con la battaglia in corso, ha altro di cui occuparsi e non mollerà tutto per la sua salute, nonostante i rischi «prima che lo chiedi, no, non sto bene.» dice serio rivolgendosi a Keyra, resto in silenzio bevendo un altro sorso di birra, è inutile intervenire «quell’uccello non ti può aspettare fuori? Non ho intenzione di sentire gracchiare mentre mangio» è nervoso, non che normalmente si possa definire una persona calma e riflessiva, ma oggi lo è particolarmente e come dargli torto, tra l'altro condivido che sia il caso di allontanare il pennuto dal cibo, anche solo per una questione igienica "Puoi dargli qualche briciola qui fuori, avrà fame anche lui" le suggerisco tranquillamente, prima di aggiungere "Sembri a disagio, rilassati... non abbiamo mangiato lui e non mangeremo neanche te" le faccio un occhiolino per farle capire che la mia è semplice ironia per scacciare questa tensione che sembra avvertire da quando è entrata "hai fatto presto, tutto bene?"

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •