Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 57 di 221 PrimaPrima ... 747555657585967107157 ... UltimaUltima
Risultati da 561 a 570 di 2208
  1. #561
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Medea Euripide



    Keyra mi risponde «Nulla di preoccupante…grazie…» sorridendomi. Ma non le credo, una che sta bene non sviene ma non è questo il momento di indagare oltre.



    Non vedo proprio l’ora di fare un bel bagno caldo, mi sa proprio che puzzo. Non è questo il momento di pensare a queste cose.
    Anche Keyra dà la descrizione di coloro con i quali ha combattuto, bene, mi sa che prima o poi dovrò prendere appunti.
    Mi sto distraendo, sono stanca e la mia mente vaga… sposto lo sguardo alternandolo fra Daphne e Lucynda aspettando più che altro una reazione della prima.



    Non è bello ciò che Lucynda le ha fatto, leggere una lettera personale che per di più coinvolge una persona qui presente che magari non conosceva neanche i sentimenti della ragazza.



    Lo sguardo ora mi si ferma su Efrem… chissà come reagirà, chissà se già conosceva i sentimenti di Daphne… non credo dopotutto non l’ha neanche mai trattata bene…
    La riunione in pratica non va avanti perché è tutto un battibeccare e mostrare chi ce l’ha più grosso. Possibile che non si rendano conto che domani due di noi scenderanno in battaglia e che, come ha detto Efrem, se noi ci siamo rinforzati (o almeno spero) anche gli altri probabilmente avranno fatto la stessa cosa?
    Ormai la stanchezza è passata e ho bisogno di movimento, mi guardo intorno posando infine lo sguardo su Keyra.
    «Se stai meglio che ne pensi di allenarci un po’? Penso che farebbe bene a te che domani scenderai in battaglia ed a me, ho voglia di allenarmi.»
    Le sorrido e se mi dirà di sì mi avvierò verso l’armeria altrimenti vedrò se qualcun altro vorrà allenarsi.
    Ultima modifica di Lilla_20; 28th May 2015 alle 18:15

  2. #562
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Il casino in sala sembra affievolirsi mentre Lucynda prende a giocare a disinfestare il rifugio dai ratti, che brava. Oltre che in battaglia la ragazza è brava anche come massaia. Beh, dei risultati sorprendenti. Tra lei e Keyra poi si accende l’ennesimo diverbio, alzo gli occhi seccato dalla situazione e prendo a muovere il ginocchio su e giù per il nervoso che pian piano sormonta. Sto per parlare per farle smettere ma è Lucynda stessa a interrompere la cosa uscendo fuori dalla sala e ritornando con del cibo sottobraccio. Oh bene, ottima idea, più tardi andrò a mangiare qualcosa, ho fame e a pancia piena rifletto meglio. «Efrem posso sapere perchè prima hai usato la paura contro noi, sai che ti siamo fedeli e usare la simbiosi a quel modo può essere una arma a doppio taglio» è la voce di Yadirha a distrarmi. Potrei riderle in faccia per ciò che ha detto. Fedeli? Dove l’ha vista la fedeltà? Ciò che ho visto io è solo un gruppo di sbandati che non hanno mai visto la guerra da vicino e che cercano in tutti i modi di emergere in questo gruppo, hanno bisogno di un capo ed è ciò che voglio dargli, che gli piaccia o no, hanno scelto di seguirmi per un motivo e adesso siamo condannati tutti alla stessa barca, scappare non servirebbe più a nulla ormai e sperare in un perdono di Lantis sarebbe solo il folle sogno di un pazzo. A seguire è Keyra «Efrem … Daphne sa usare il teletrasporto e possiede il dominio sul fulmine, io be, io ho il vento… sai cosa potremmo sfruttare o no a nostro favore in quel luogo? Qualche strategia da adottare? Qualche obbiettivo primario?» la osservo serio squadrando il suo volto lentamente «il nostro obiettivo primario non è cambiato, i reali sono la nostra priorità, togliete di mezzo loro e se nei reietti dovesse esserci anche uno solo dei membri dei Leithien, distruggete anche lui. Non fate prigionieri, non ci servono… puntate per uccidere. Ah… Keyra…» assottiglio poi lo sguardo puntandolo in quelle iridi violacee «voglio fidarmi ancora di te…» dico con un tono calmo sperando che capisca il senso delle mie parole. Lentamente la sala inizia a svuotarsi fin quando non rimaniamo io, Yadirha e le ultime tre ragazze, Medea, Keyra e Lucynda. I miei occhi si posano per un attimo alle spalle di Lucynda dove scorgo una piccola luce biancastra e i ciuffi blu di Andreus. Cosa darei ora per capire cosa gli sta passando per la testa… sospiro chiudendo gli occhi per un attimo e torno a guardare le ragazze cercando di ricacciare indietro questi problemi «Yadirha, quanto alla tua domanda… vedilo come un piccolo esperimento sociale da cui presto spero di ricevere dei risultati.» dico rivolgendole un piccolo occhiolino. Finito di parlare mi alzo e mi avvicino a quest’ultima dicendole a bassa voce «appena hai tempo vorrei parlare con te in privato…» mi avvio verso la sala da pranzo, comincio ad avere fame…

  3. #563
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    L’ascia prende il suo volo e si conficca prepotente nel muro. Ho una certa soddisfazione nel constatare che ormai sono padrona dell’ascia, sono trascorsi diversi anni durante i quali non riuscivo neanche ad evocarla, probabilmente perché non ne ho mai avvertito l’esigenza, non vi era la necessità di combattere, non avevo motivo… ed ho scoperto che questo “grosso motivo” è un carburante per la mia energia, per la mente e per il corpo. Sono riuscita ad attivarne perfino il potere elementale, il fulmine prende vita dalle mie mani, posso dire che tutto ciò è valso a qualcosa, ti renderò fiero di me Kaleb. Shayla non si scompone più tanto, si volta ancora con quella espressione da sciaffi, prima o poi le raso a zero le sopracciglia.



    Anche Andreus ci ha raggiunte, alla buon ora aggiungerei, assiste a tutta la scena e si limita ad chiedere di smetterla, non vuole altri guai, per oggi ce ne sono stati abbastanza. Non mollo gli occhi di Shayla, anche quando Andreus prende la mia mano ed infonde la propria magia nella zona ferita, sento un forte pizzicore, un’ondata di caldo e poi… e poi niente, i sarà rimarginato tutto.
    <<Quando mi indicherai la nostra camera, ben volentieri.>>
    Devo dormire co sta qua, bella mossa Efrem, veramente mossa geniale! No, io stasera, piuttosto, dormo in infermeria o le raso a zero anche i capelli, che potrei usare per spazzare in terra, sono sicura che ne risulterebbe un pavimento lucidissimo. Mi avvicino a lei di qualche passo, senza mostrare una espressione in particolare, resto neutra, non ho intenzione di mettere altra legna sul fuoco, ha avuto i suoi avvertimenti, presumo che abbia un minimo di cervello da capire. “Cercatela da sola, chissà… magari sbagli e finisci in quella di Efrem, magari questa volta ti soddisfa”



    Brutta cagna in calore, scommetto che ce l’hai larga quanto la galleria delle cave dell’Adamentem.
    «che è successo?»


    Finalmente riporto l’attenzione ad Andreus, sembra turbato, accigliato… sarà arrabbiato per la lettera immagino, credo che dovrò dargli delle spiegazioni. “Markus è svenuto, credo di avergli fatto un po’ male. Seguimi”



    M’incammino passando di fianco a Shayla, non incrocio il suo sguardo, spero di doverlo fare il meno possibile durante questa convivenza forzata, non sono famosa per mantenere i nervi saldi, potrei privare la fazione di un elemento precocemente.



    volgo lo sguardo verso Pandora, la quale reagisce al mio richiamo mentale e si dissipa, lasciando solo un profondo solco nel muro. Arrivo in infermeria e Markus è ancora là, steso in terra e privo di coscienza, mi avvicino e con la punta del piede gli do dei colpetti in faccia, per vedere se ha un minimo di reazione “Questo sta andando dritto dai Siamesi secondo me.”

  4. #564
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Grazie all'intervento di Andreus, Daphne recupera tutta la costituzione

  5. #565
    sim dio L'avatar di niobe cremisi
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    in un posto sperduto in mezzo alla romagna
    Età
    30
    Messaggi
    5,897
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Yadirha BlackSnow

    «Si…direi che hai ragione … ma prima dovrei anche prepararmi un po’allo scontro …» Mi risponde guardandomi con un sorriso di circostanza.
    Le dico con un tono neutro<< Bè però cerca di non strafare>> se ti stancherai troppo alla fine finirai per stare peggio, e bè...peggio per te.
    «Efrem … Daphne sa usare il teletrasporto e possiede il dominio sul fulmine, io be, io ho il vento… sai cosa potremmo sfruttare o no a nostro favore in quel luogo? Qualche strategia da adottare? Qualche obbiettivo primario? » Già bella domanda come riuscire a sfruttare a pieno le proprie potenzialità e quelle dell’ alleato? Alla fine credo che non ci sia nessuna risposta in merito a questa domanda, va in base alla bravura delle persone. Bisogna allenarsi insieme solo così troverai un modo per utilizzare al meglio le vostre capacità congiunte.
    Poi entra Daphne per chiedere ad Andreus un piccolo aiuto, a quanto pare qualcuno si è fatto male e ci sono buone probabilità che si tratti del fabbro. Sogghigno leggermente a quel pensiero, ma la voce del capo mi fa tornare seria.
    «il nostro obiettivo primario non è cambiato, i reali sono la nostra priorità, togliete di mezzo loro e se nei reietti dovesse esserci anche uno solo dei membri dei Leithien, distruggete anche lui. Non fate prigionieri, non ci servono… puntate per uccidere. Ah… Keyra…» Efrem da una risposta abbastanza prevedibile e ovvia, ciò che invece non è ovvia è quest’ultima affermazione, a che si riferisce con <<voglio fidarmi ancora di te>> chissà che cosa è successo per far dire una cosa del genere al l’uomo.
    Il capo poi si volta e mi spiega finalmente il motivo del’uso della simbiosi«Yadirha, quanto alla tua domanda… vedilo come un piccolo esperimento sociale da cui presto spero di ricevere dei risultati.» Un esperimento sociale... e quindi che significa? Voleva vedere se grazie alla sua aura saremmo diventati più ubbidienti oppure voleva semplicemente vedere come reagivamo alla sua azione? Vorrei chiedergli ulteriori spiegazioni ma sono troppo stanca in questo momento, sbaglio vistosamente coprendomi la bocca con la mano per quanto possibile. «appena hai tempo vorrei parlare con te in privato…» Perchè parla così piano? Gli faccio un cenno affermativo con la testa e appena lui esce dalla porta mi alzo e mi stiracchio leggermente le braccia e la schiena, mamma quanto sono scomode quelle sedie, prima di uscire dalla stanza mi volto verso Keyra << Fai vedere chi sei!>> Speriamo che le due combattenti riescano a portare a casa la vittoria. Esco dalla stanza e mi dirigo in camera mia, la prima cosa che faccio è darmi una bella ripulita e poi me ne vado diritto a letto. << Finalmente!>>
    Il mio spazio ricordi --> Crimson Dream
    Per scaricare le mie creazioni -->
    Crimson Door
    e Crimson Store



  6. #566
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    L’ennesima frecciata, stavolta da Daphne non può che farmi salire il nervoso. Sollevo un sopracciglio mentre osservo la luce scemare sulla sua mano e sulla sua coscia fino a ridursi in polvere che scivola lenta fino a scomparire prima di toccare il pavimento. Tiro un profondo respiro costringendomi a calmarmi e limitandomi a seguirla in armeria, «Markus è svenuto, credo di avergli fatto un po’ male. Seguimi» oh dei, che cosa hanno combinato adesso? Affretto il passo quasi superando Daphne ed entrando in armeria dove trovo Markus riverso a terra, rannicchiato su se stesso. Mi avvicino inginocchiandomi e osservando il suo corpo, è incosciente e sul volto ha una espressione idiota a metà tra il dolorante e il compiaciuto.


    Mi domando ancora cosa abbiano combinato. Non pensavo che Daphne fosse capace addirittura di farlo fuori, la ragazza si avvicina e comincia a picchiettare con la punta del piede sul volto dell’uomo


    «questo sta andando dritto dai Siamesi secondo me.»



    non la guardo e passo un dito sotto il naso dell’uomo per appurarmi che respiri ancora. Il fiato è debole… ma c’è. L’importante è questo.


    «Non finché ci sono io qui dentro!» dico quasi con rabbia, quest’uomo mi sta antipatico, ma non lascerò che muoia in questo modo idiota. In questo luogo poi. Osservo il petto del ragazzo sollevarsi e abbassarsi in modo sconnesso, quasi convulso. Gli poso una mano sulla fronte togliendola poco dopo a causa dell’eccessivo calore e mi volto verso le due ragazze


    «ho bisogno di acqua fredda, bisogna far scendere la temperatura. Fate in fretta!» dico quasi ordinandolo. Nel frattempo l’uomo prende ad agitarsi, mi avvicino poggiando la mano sul suo braccio «Markus! Markus, mi senti?» dico scuotendolo appena come ho fatto con Lucynda, con lei ha funzionato. Spero solo che anche con lui funzioni. Sommi siamesi, non prendetevi questo idiota proprio adesso, dategli almeno il tempo di scendere in battaglia, diamine…

  7. #567
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    «Non finché ci sono io qui dentro!»



    Ed eccolo il paladino della giustizia Signori e Signore! Andreus ha sbagliato "mestiere", per quanto sia un abile guerriero ha una forte propensione per prendersi cura del prossimo, sempre pronto ad imporre le mani con quegli sfarfallamenti che ti chiudono le ferite, forse avrebbe dovuto fare l'alchimista guaritore, chissà.



    «ho bisogno di acqua fredda, bisogna far scendere la temperatura. Fate in fretta!» Sta di fatto che deve migliorare i modi, non mi degna di uno sguardo, mi è passato avanti prima nel corridoio come nulla fosse ed ora ordina anche, ok amico... oggi non è il giorno "Daphne è carina e coccolosa" «Markus! Markus, mi senti?»

    L'osservo mentre scuote Markus, sembra un bel sacco di patate che sballotta la destra e sinistra con quel testone enorme, scommetto che se busso, si sente l'eco.



    Comunque mi do una mossa e mi avvicino ad una tinozza ricolma di acqua. magari non è fredda, ma andrà bene lo stesso. L'afferro con entrambe le mani e corro verso i due, pianto i piedi in terra e... "hoplà" Rovescio tutta l'acqua addosso al ragazzo steso in terra



    "Sono stata rapida" guardo Andreus sfoggiando il migliore dei miei falsi sorrisi, se ce l'hai con me è meglio che me lo dici subito testa di porcospino.

  8. #568
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel



    La discussione tra me e Lucynda sembra giunta finalmente a una parziale ed apparente risoluzione, speriamo che cose così spiacevoli non accadano più, soprattutto se in ballo ci sono sentimenti che per la persona sono importanti. Le sue saranno state parole dettate dalla malinconia, dalla circostanza e dai sentimenti, ma Lucynda non doveva agire così, vorrei parlare con Daphne ridarle la sua lettera, ma forse ciò che otterrei è solo una porta sbattuta in faccia, soprattutto in questo momento. Sto pensando a lei quand’ecco che giunge la stessa in cerca di Andreus, deve essere accaduto qualcosa in armeria. La guardo, le sorrido tristemente per tutto ciò che le è accaduto. Ho parlato poco con lei ma ciò che mi sorprende è che tutte e due siamo molto simili…sia per quello che abbiamo passato, sia per …per l’attrazione che proviamo verso Efrem. Sentimenti e sensazioni che so benissimo non dovrei provare, non verso di lui come nemmeno verso Ryuk Leithien il mio nemico, chissà se mi scontrerò ancora con lui o con l’altro domani…

    Intanto noto gli occhi di Medea guardarsi attorno in cerca di qualcosa soffermandosi sui miei mentre vedo Ananya allontanarsi silenziosamente dalla sala.
    « Se stai meglio che ne pensi di allenarci un po’? Penso che farebbe bene a te che domani scenderai in battaglia ed a me, ho voglia di allenarmi.» mi sorride gentile mentre pronuncia questa frase..
    - Direi che non è una cattiva idea…-
    sorrido a mia volta in sua direzione ed annuisco, mi farebbe bene sciogliere un po’ i muscoli… la febbre passerà … devo essere più forte del mio malanno. Nel mentre ritorno con gli occhi sulla sala e, incontro lo sguardo magnetico di Efrem che mi fissa con insistenza ed estrema lentezza:
    « Il nostro obiettivo primario non è cambiato, i reali sono la nostra priorità, togliete di mezzo loro e se nei reietti dovesse esserci anche uno solo dei membri dei Leithien, distruggete anche lui. Non fate prigionieri, non ci servono … puntate per uccidere. Ah… Keyra…» faccio per annuire alla sua richiesta quando sento pronunciare dalle sue labbra il mio nome, mi irrigidisco istintivamente mentre i suoi occhi sono fissi nei miei….« voglio fidarmi ancora di te…» la sua voce è calma e, chissà perché non mi piace per niente questo suo modo di porsi, mette i brividi, forse lo preferisco più irruento , a cosa si riferisce?
    Faccio mente locale cercando di capire a che cosa faccia riferimento…poi ripenso ai suoi obbiettivi e un cognome mi balza alla mente… Leithien …Prima battaglia ad Amaranthis.
    Sorrido in sua direzione mentre una strana luce mi balena negli occhi stanchi, ho capito, non subito ma… ho collegato. Starò al suo gioco, vuole fidarsi ebbene, gli darò modo di farlo ma solo dopo la battaglia, se ritornerò viva. Faccio per rispondergli mentre parla con Yadirha per poi alzarsi e nel mentre è la stessa che inaspettatamente mi rivolge delle parole per me molto importanti:
    << Fai vedere chi sei!>>
    «Combatterò. Cercherò di non deludere almeno te. Grazie…Yadirha»
    Le sorrido dolcemente per poi rivolgermi a Medea:
    «Se ti va di allenarti va bene, ma non in armeria, preferisco fuori, all’aria aperta,ti va? In fondo potrebbe essere l’ultima volta che vedrò il cielo sopra il rifugio. Le notti di luna sono stupende viste dalla superficie. »
    Detto ciò vedo Efrem allontanarsi ma prima che sparisca dalla visuale gli rispondo in tono a mia volta calmo e pacato, più docile rispetto al solito:
    «Ti darò modo di fidarti di me…ma solo quando e se, tornerò dalla battaglia. »
    Mi allontano a mia volta uscendo dalla sala sfilandogli in parte senza nemmeno guardarlo, senza imbarazzarmi alla vista della sua schiena nuda, senza mostrare un barlume di emozione o titubanza, fredda, stanca, ma con una nuove luce che arde nell’animo, devo diventare più forte, devo cercare di vincer el emie paure, essere spietata, non è nella mia indole, ma posso e devo farlo, lo devo a mia madre.
    Piume leggere si materializzano volutamente nella mia mano mentre passo accanto ad Efrem, sento la leggera consistenza del vento palesarsi attorno alle mie dita, evoco il mio Stiletto e stringo con forza la presa…
    «Se qualcuno mi cerca, sono in superficie » dico con tono chiaro e fermo, chissà se Medea mi seguirà.
    Ho tutta l’intenzione di usare tutto il mio potere che ci sia o meno qualcuno su cui sfogarmi…


    Menelmir ---> Arma in forma dormiente
    Ultima modifica di DELTAG; 25th May 2015 alle 22:59

  9. #569
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Medea Euripide


    Efrem risponde alla domanda di Keyra quindi sposto lo sguardo su di lui. «il nostro obiettivo primario non è cambiato, i reali sono la nostra priorità, togliete di mezzo loro e se nei reietti dovesse esserci anche uno solo dei membri dei Leithien, distruggete anche lui. Non fate prigionieri, non ci servono… puntate per uccidere. Ah… Keyra… voglio fidarmi ancora di te…»
    Quindi i Reali rimangono sempre il nostro obiettivo primario… Spero solo che non scenda nuovamente in campo quello che ha tagliato la testa alla Reietta o sono guai.
    Penso però che non sarà lui a scendere nuovamente in battaglia, dovrebbe essere stanco e sinceramente non credo che sia l’unico combattente forte che abbiano…
    La mia mente mi manda l’immagine della Principessa Esperin… chissà cosa sta facendo ora, prima o poi dovrò contattarla ma ho paura che non mi risponderà, dopotutto ora siamo in fazioni diverse e magari pensa pure che sono una traditrice…
    Scaccio questi pensieri non è questo il momento di abbandonarmi ad essi… La voce di Efrem mi fa tornare alla realtà. «Yadirha, quanto alla tua domanda… vedilo come un piccolo esperimento sociale da cui presto spero di ricevere dei risultati.»
    Era solo un esperimento… chissà perché ho la sensazione che non si tratti solo di questo…
    Comunque ora che ci penso io voglio parlare con lui, il comportamento che alcune di loro hanno tenuto in infermeria non mi è proprio piaciuto e voglio dirglielo. Tossicchio per attirare l’attenzione. «Efrem poi quando hai un minuto devo parlarti.» Cerco il suo sguardo seria per fargli capire che è una cosa seria.
    Fuori sento parlare ma ora non mi interessa quindi non cerco neanche di capire cosa si dicono…
    Incontro poi lo sguardo di Keyra. «Se ti va di allenarti va bene, ma non in armeria, preferisco fuori, all’aria aperta,ti va? In fondo potrebbe essere l’ultima volta che vedrò il cielo sopra il rifugio. Le notti di luna sono stupende viste dalla superficie. »
    Finalmente! Così mi scarico un po’. «Certo, andiamo, mi serve proprio scaricarmi». La seguo quindi e vedo palesarsi il suo stiletto sulla mano.
    Bene, vuoi fare sul serio ed a me sta bene, dopotutto ho giurato che sarei migliorata e quale modo migliore per farlo se non allenarmi?
    Arrivate fuori dal rifugio mi guardo velocemente intorno, ormai conosco bene questo posto, ma voglio essere preparata a tutto e per farlo potrei dover necessitare di attingere a qualcosa qua fuori. Riporto quindi velocemente lo sguardo sulla mia avversaria.


    ** Azione che Medea e Keyra sono fuori concordata con Deltag
    Ultima modifica di Lilla_20; 26th May 2015 alle 12:13

  10. #570
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli


    Markus Obelyn


    Faccio sempre lo stesso incubo. Sempre lo stesso tormento agita il mio sonno ogni notte. Attorno a me vi è un silenzio tombale e il buio, il freddo e la solitudine mi circondano mentre rimango rannicchiato su me stesso.



    Le prime volte mi agitavo, imploravo pietà, urlavo, davo fuoco a tutto ciò che mi si parava davanti… Ma poi ho capito ed ho imparato che è del tutto inutile, che ribellarsi non cambierà il finale. D’un tratto sento rimbombare un’unica domanda in questo luogo dimenticato dagli Dei ed io, come un condannato a morte, mi sollevo da terra con sguardo basso. Ormai è un rito che conosco a memoria. Lo strumento di morte e di distruzione che mi ha strappato via la famiglia, la felicità e la mia vita fa la sua comparsa avvolto da un alito di fuoco.



    La voce si ripete. Ancora domande. Ancora urla. Ancora silenzio. L’odore di carne bruciata mi impregna le narici mentre rimango immobile davanti a quella spada che mi sta fissando…



    D’improvviso però ecco che tutto tace ed il vero incubo ha inizio.



    Le ombra prendono vita ed io vengo immobilizzato, esattamente come quel giorno, con gli occhi rivolti al mio carnefice. La lama incandescente passa sulla parte sinistra del mio volto e mi provoca un dolore immane… Il mio corpo reagisce al dolore, nonostante mi istighi a restare fermo, tremo in modo convulsivo, mugugno e stringo i denti. Per l’ultima volta si ripete quella domanda, a cui do l’unica risposta che conosco: <<Non lo so>>. Ma a lui non va bene e la spada mi viene conficcata con violenza nel volto…

    Attenzione: l'immagine è cruenta.




    Apro gli occhi di scatto e tossisco per colpa… dell’acqua che ho nel naso? Ma che diamine succede? Dove sono? Questo non fa parte dell’incubo… E’ cambiato. Non c’è mai stata acqua. Mi guardo attorno ma non vedo niente, solo tante immagini distorte e sfocate, solo tante ombre che mi osservano ed una che cerca di bloccarmi alla spalla. Ancora? Perché? Cosa vuole? <<Basta… Non lo so… Io non lo so…>>, dico mormorando appena tra una fitta e l’altra per poi tossire e cercare di dare le spalle a tutti. Lasciatemi in pace.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 26th May 2015 alle 15:11



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •