Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 84 di 221 PrimaPrima ... 3474828384858694134184 ... UltimaUltima
Risultati da 831 a 840 di 2208
  1. #831
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Dopo aver fatto cenno and Andreus che sono disposto ad ascoltarlo, scendo in basso verso la mensa. Per oggi sono distrutto, voglio solo dimenticare questa giornata e soprattutto dimenticarmi del luogo di cui dovrò parlare più tardi. Sento un grosso macigno piombare sulle mie spalle ad ogni gradino e mentre arrivo davanti alla sala, il volto di Tomislav mi si para davanti agli occhi. Il suo sorriso per la battaglia vinta che in un attimo scompare lasciando il posto al macabro spettacolo del suo corpo tagliato a metà. Scuoto il capo con forza cercando di scacciare quella scena assieme al ricordo di quelle notti e avanzo lento, muovendomi quasi al pari di un fantasma nella sala. Sento odore di cibo nella cucina ed è lì che vado «c'è del cinghiale con salsa alla menta appena cucinato, l'ha fatto Andreus, è molto buono» faccio cenno affermativo con la mano a Daphne dovunque essa sia e mi avvicino al pentolone. L’odore della carne aromatizzata alla menta mi rilassa un po’ mettendomi anche appetito. Riempio una ciotola assaggiandolo appena, almeno sarò sazio mentre parlo e non sarò nervoso a causa dei morsi della fame. Prendo un po’ di pane dalla dispensa e riempio un calice con dell’acqua dal catino. E ritorno in sala facendo un cenno di saluto a Yadirha, mi siedo al tavolo, ma è quando alzo lo sguardo che un pezzo di carne mi va di traverso facendomi tossire con forza, spalanco gli occhi osservando la figura di Daphne, i capelli lunghi le cascano delicati sul viso facendo svanire la figura grezza e rozza della donna che è stata finora. Tossico mentre lei mi guarda sollevando un sopracciglio. Guardo l’abito per un attimo staccandola totalmente dalla figura del rude taverniere e… non l’avevo mai vista così… è diversa. Smetto di fissarla come un ebete e torno serio guardando il mio piatto «attenta a quei capelli…» dico addentando con voracità il pezzo di pane e mandandolo giù con grossi sorsi d’acqua, «... perché?» dice lei in risposta, non alzo gli occhi e rimango serio «potrebbero essere pericolosi, tutto qui.» la guardo per un attimo rivolgendole un mezzo sorriso più che eloquente…

    *Frase e azioni di Daphne concordate con Eclisse84

  2. #832
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Efrem con la sua solita delicatezza ed eleganza, si limita a farmi un cenno della mano, quando gli indico il pranzo, non potevo aspettarmi un grazie ovviamente, non si volta neanche, eccolo... è lui, è sempre lui.



    Resto fissa ad osservarlo, anche se vorrei riuscire a controllare gli occhi in questo momento ed incollarli alla ciotola vuota, seguo tutti i suoi movimenti e le linee della braccia mentre si muovono, così come le gam... e BASTA DAPHNE e che diamine. Nel momento stesso in cui si volta, riesco a scollarmi e tornare sul grappolo di uva. Anche Yadirah ci ha raggiunti e la sua presenza, anche se sembra strano a dirlo, mi toglie dall'imbarazzo di restare sola con Efrem



    purtroppo rimane in silenzio, a differenza del ragazzo, che quasi si strozza con un pezzo di carne. Mi fissa...prima i capelli e poi gli abiti, ha uno sguardo strano, smettila, smettila, smettila. Avvampo e mi vien un nodo alla gola, nodo che si stringe dopo che si riferisce ai miei capelli «potrebbero essere pericolosi, tutto qui.»



    Pericolosi... "Vedrò di legarli in allenamento"



    E mo...? Che faccio? Resto qua come un ebete? "Yadirah, ti preparo qualcosa da mangiare?"



    Scatto in piedi, allontanandomi di qualche passo da lui, devo pensare ad altro.

  3. #833
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel

    Solumquae - presso la casa di lady Keyra


    Con passo incerto per il dolore ma stabile, avanzo leggera uscendo dalla luce del Glados, per ritrovarmi nella notte buia e tenebrosa che da un anno a questa parte nonostante il sole del ripetersi dei giorni, si confonde con il cielo della sera.
    Dopo la sua morte, solo poche volte sono tornata qui, in questo luogo calpestando questa terra un tempo rigogliosa e ora secca e mal tenuta per la mancanza di qualcuno che si prenda cura di questo luogo, che si prenda cura di lei…
    I muri sono ancora gli stessi di quando ero piccola fatti di pietra grezza così come il ponte che da accesso al piccolo giardino ricavato da alcune rovine risistemate per accoglierci nelle sere di luna piena.
    Ricordo che aveva un atmosfera quasi magica, è qui dove per la prima volta presi coscienza del mio potere. è qui dove per l’ultima volta vidi spegnersi il suo meraviglioso sorriso segnato dagli anni e dalla malattia.
    Chiudo gli occhi dopo aver raggiungo il giardinetto lasciandomi quindi scivolare abbandonandomi su una delle due sedie di pietra …

    Quella sera , la sera del massacro in cui mia madre morì, io non ero con lei ma, ero qui, in questa casa in incognito e in compagnia di Thalion, ricordo che era una sera preludio di luna piena e, aveva insistito per accompagnarmi per la paura che mi succedesse qualcosa…solo in seguito ebbi certezza del perché lui lo fece.


    -----------------


    Fuori il vento soffiava tra le alte piante del viale che mi avrebbe portato a casa di Lady Keyra, con me poche cose, un cesto con dentro delle rare erbe per preparare la medicina per Lady Keyra e qualche cosa da mangiare, da tempo era malata e costretta a letto per una brutta polmonite, polmonite dalla quale faticava a riprendersi. La sera prima mia madre era stata uccisa ma, viste le sue precarie condizioni ho omesso di dirle la terribile verità e come niente fosse ma con la morte nel cuore ho fatto quello che facevo sempre senza farmi trovare da mio padre oppure da una delle sue rigide guardie in armatura. La porta era aperta, sapeva che sarei passata come ogni sera per cucinare qualcosa per lei, per tenerle compagnia e preparare la medicina che da sola faticava a preparare. La medicina richiedeva un po’ di forza per pestare le foglie di bergamotto e mescolarle con il mortaio, forza di cui al momento era sprovvista. Mescolai parlai e preparai ma i suoi occhi erano assenti e la sua voce era un sussurro seguita da sibili inquietanti. Thalion era fuori a controllare che non arrivasse qualcuno dal palazzo, la casa di lady Keyra non era molto distante da casa mia, lei aveva voluto ritirarsi li nella sua solitudine anche se vi era una camera apposita per lei a casa Tinnuviel…mai come allora ho pregato gli Siamesi per risparmiarle fino all’ultimo la notizia dell’omicidio di mia madre. Se fosse stata a palazzo Tinnuviel sarebbe di certo morta prima di dolore.
    Le parlai, la rinfrescai, la febbre non accennava a scendere, i suoi occhi erano sempre più piccoli, sempre meno luminosi e vispi, lei sapeva che non le sarebbe rimasto molto da vivere, gli e l’ho lessi negli occhi…e fu proprio così.
    Bevve la medicina preparata con cura, ma un colpo di tosse le rigetto fuori quasi tutto il liquido ambrato e vischiosa sporcandogli la camicia da notte color pesca e i capelli striati di luna raccolti in una treccia a lato.
    Nonostante la malattia e la sofferenza, era ancora una bella donna. Infatti mi sono sempre chiesta come mai dopo la morte del marito avvenuta in guerra, non si fosse mai accasata con qualcuno…di sicuro pretendenti non mancavano ma lei ha sempre sostenuto che oltre al marito defunto vi era solo un altro uomo nel suo cuore e, con un sorriso liquidava sempre l’argomento dopo avermi lanciato furbesche occhiate. Non seppi mai il nome di tale fortunato.
    Dopo avermi accarezzato debolmente il viso mentre mi trovavo accanto al suo letto per asciugare il danno, gli chiesi gentile :
    <<se volete e ve la sentite, vi cambio e vi lavo i capelli…i vostri ammiratori non vorrebbero vedervi così
    >>
    Sorrisi ironizzando sulla situazione con l’intento di strapparle un sorriso mentre gli occhi mi si facevano lucidi, ma lei con la poca forza che ancora possedeva, mi strinse di rimando senza parlare, il braccio che teneva il panno asciutto e scosse la testa, ciò che riuscì a dire prima di vedere per l’ultima volta la fioca luce delle candele fu:
    << Isyl...è la fine…grazie di tutto
    .>>
    Detto ciò chiuse gli occhi spirando mentre avevo ancora la sua fredda mano posata sul mio braccio. Fu li che per la prima volta ,sentii il freddo ed aleggiante abbraccio della morte .
    Le lacrime presero a scorrermi forte mentre per l’ultima volta mi chinavo su di lei distrutta dal dolore per questa ulteriore perdita e mi lasciai andare ad un pianto liberatorio.


    -----------------


    Riapro gli occhi mentre le lacrime come allora riprendono a sgorgare ma questa volta andando a sommarsi al dolore del naso , la ferita nel cuore non si è ancora rimarginata e mai lo farà ne sono consapevole.
    Per fortuna sono sola in questo luogo e nessuno può vedere ciò che mi sta capitando, nessuno potrebbe capire cosa significa questo luogo pe rme...sono sola, nessuno a bisogno di me, l’unica persona che ne aveva se ne è andata in quell’oscura e tetra notte.
    Mi rialzo piano dal mio seggio, voglio andare in casa, cercare un rifugio sicuro e famigliare per la notte, ho bisogno di riposare e di trovare qualcosa per medicarmi le ferite….quanto mi farebbe comodo ora quella pozione scoperta da Andreus…


    - post 2 di 3


    Ultima modifica di DELTAG; 29th December 2015 alle 11:11

  4. #834
    sim dio
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    3,378
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Anne Targaryus

    Il ragazzo ci dice di non preoccuparci e di continuare l'allenamento. Sputa della viscida poltiglia per poi uscire dall'armeria. Ma cosa lo ha spinto a mangiarsi i ragni?! Mi alzo da terra, il colpo è andato a segno, Medea non si è mossa di un millimetro e rimane in silenzio e immobile. La cosa è recidiva, non è la prima volta che succede, è come se andasse in stand-by. La guardo preoccupata, vorrei tanto capire cosa le prende, ma presumo che si tratti di stanchezza.
    <<Ci vediamo più tardi, direi di riprendere l'allenamento dopo una sana dormita!>> le dico facendole un occhiolino e salutandola con una mano, uscendo poi dall'armeria maleodorante e facendo dissolvere la mia arma. Mi dirigo verso la cucina, dalla quale proviene un odorino niente male! Uh, c'è Andreus! Eccolo lì! <<Ehy?>> gli dico, toccandogli una spalla e sorridendogli. <<Vado a mettere qualcosa sotto i denti e cercare gli altri, vieni con me?>> gli domando, superandolo e continuando a camminare fin quando non arrivo davanti alla cucina. Sto per entrare, quando la mia attenzione viene attirata da delle voci provenienti dalla sala mensa. All'interno vedo Efrem, Shayla, Daphne e la ragazza dalle sembianze di una lucertola. Guardo prima la cucina e poi gli altri. Uhmmm... Ma si, cenerò più tardi, se si trovano qui evidentemente presto si terrà un'altra riunione. Entro nella sala, salutando con una mano i presenti, prendendo posto. Guardo Daphne... sembra... cambiata... o sbaglio? <<Belli! Stai molto meglio con questi capelli>> le dico cordiale. Incrocio le braccia, le poggio sul tavolo e su di queste poso la testa. La stanchezza comincia a farsi sentire, sono giorni che non dormo...
    Ultima modifica di mettiu; 11th July 2015 alle 11:48

  5. #835
    sim dio L'avatar di XxRosy_99xX
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    ~ Oasis Landing ~
    Età
    24
    Messaggi
    3,296
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli


    Lucynda Mellow


    Cos'è successo? Che ore sono? Mi sono addormentata sul pavimento... comincio a sentire freddo, mi conviene ripulirmi in bagno... l'unico ricordo che mi viene in mente è che a momenti inizierà l'ennesima riunione di guerra, e il tempo non aspetta nessuno! Mentre mi sgranchisco i muscoli, con la coda dell'occhio noto un oggetto che per un attimo non identifico... strofino le palpebre e provo a scrutarlo meglio: è la mia spada, la Tenebris Fulgura... cosa ci fa lì per terra? Diamine, non rammento proprio come sia finita laggiù, accanto al cassettone! Senza pensarci troppo la faccio dissolvere nelle sue dimensioni magiche, dopodiché faccio una capatina in bagno per darmi una sciacquata e sistemarmi il trucco ormai rovinato. Fatto ciò mi allontano dalla camera andandomi a precipitare sulle scale, percorrendole finché ad un certo punto incrocio lo sguardo di un uomo: chioma ribelle, viso ornato da alcune cicatrici, piercing ovunque... chi è costui? Non l'ho mai visto prima d'ora. Senza dargli troppa importanza procedo verso il refettorio, comincio a sentire delle voci provenienti da laggiù. Passo accanto ai presenti, quando noto l'ennesimo volto estraneo: stavolta si tratta di una donna dal viso mezzo ustionato, occhi ametisti e chioma mediamente lunga... i suoi lineamenti non mi dicono proprio nulla, mi sono persa qualcosa in mia assenza? Efrem ci avrà già pensato ad accogliere questi nuovi... alleati? Bah. Guardandola di sottecchi per l'ultima volta prendo posto accanto a Shayla, incrociando le gambe sul tavolo e attendendo che il resto del gruppo ci raggiunga. Vediamo chi sarà mandato a combattere stavolta, voglio proprio saperlo...

    *N.B.: "Reazione" di Lucy acconsentita da SimsKingdom.


    Ultima modifica di XxRosy_99xX; 11th July 2015 alle 11:32


  6. #836
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Vabbè.. si vede che non ha fame, come non detto. Anche Anne ci raggiunge ed ovviamente nota subito i miei capelli <<Belli! Stai molto meglio con questi capelli>>



    la guardo arrossendo, non mi spettavo tutti questi apprezzamenti. "Grazie Anne"



    mi avvicino a lei, mentre si sdraia praticamente sul tavolo, ha dei bellissimi capelli, le poso una mano sulla testa e l'accarezzo, è così giovane, non dovrebbe essere qui, anche se è un luogo molto più sicuro di altri, spero che non soffra troppo per questa guerra, so cosa vuol dire essere lontana dai propri cari "Sarebbe il caso che tu andassi a riposare"



    Non credo che mi abbia sentita, in ogni caso non la disturbo.Stare qui dentro inizia a diventare soffocante con la presenza di Efrem, devo uscire, vorrei tanto... ma credo che sia ora della riunione ed a quanto pare si terrà proprio qui, visto che a noi si aggiungono anche quella meretrice dei bassi fondi di Shayla, con quei suoi occhietti da vipera e Lucynda... lei è meglio che non mi soffermi a guardarla più di tanto, altrimenti potrei prendere una padella e schiffargliela in faccia.



    Mi siedo accanto Anne ed attendo che il tutto inizi... sperando che finisca presto.


  7. #837
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli


    Markus Obelyn

    Approfittando della calma in infermeria bevo un sorso della pozione di Sepyra cercando di ignorare il suo sapere a dir poco disgustoso.





    Un piacevole formicolio misto a calore mi indica che l’intruglio sta facendo effetto, dunque io mi siedo su uno dei letti ed attendo strofinandomi il viso con una mano: mi sento davvero stanco… Da quanto non dormo? Ogni segno e ferita finalmente svanisce lasciandomi addosso solo il sangue che provvedo ad eliminare con un panno e dell’acqua mentre ripenso ai ragni e gli occhi di Shayla… Non so come abbia fatto ma ho capito che c’è il suo zampino e se crede di passarla liscia allora si sbaglia di grosso. Mi vendicherò: è guerra aperta.



    Annoiato lascio la stanza, passando davanti all’armeria e non vedendo nessuno eccetto che Medea opto per far finta di niente continuando a cercare gli altri. Raggiunto l’ultimo piano un odorino di cinghiale misto a menta mi fa direzionare verso la cucina. Varcata la soglia però storco il naso: si sono radunati praticamente tutti in sala mensa eccetto che il sottoscritto. Bene. Efrem credeva fossi già andato via per caso? O magari a forza di finire ridotto in fin di vita sto diventando un bellissimo fantasma? Meglio tornare seri va. Sfilo di fianco ad Efrem ignorandolo bellamente e entro in stanza fermandomi giusto per un attimo a guardare una tipa niente male…Sarà nuova? Ma no. Momento. Quel sedere....



    Daphne?!?!?!



    <<Ciao...>>, dico guardandola perplesso ed aggiungendo un <<Ti donano>> sincero distolgo lo sguardo. Poi, mantenendo il mio silenzio, non mi siedo al tavolo ma semplicemente rimango in piedi alle spalle di Anne con la schiena poggiata contro il muro...
    Ultima modifica di Damnedgirl; 6th August 2015 alle 00:54



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  8. #838
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Andreus De Lagun

    Come previsto la crema di ragno arriva dritta in faccia alla stronza, mi pulisco la mano su di lei, così, giusto per aumentare il suo odio verso di me. La ragazza urla verso Efrem continuando a definirmi uno stupido. Dei, possibile che non sappia fare altro che lamentarsi? Mi odia così tanto? Me lo dimostrasse battendomi in armeria, non andandosi a lamentare per ogni cosa. Sbuffo e torno a guardare Markus senza rimettere nulla. Ignoro Shayla e vado verso di lui aiutandolo ad alzarsi. Il ragazzo non mi guarda e dietro di lui vedo comparire Medea e Anne, i miei occhi si spostano su Markus, che gli succede adesso? «Ehy?» mi dice Anne toccandomi appena una spalla, mi volto verso di lei e le sorrido di rimando «vado a mettere qualcosa sotto i denti e cercare gli altri, vieni con me?» annuisco con la testa, penso prenderò solo un’altra mela, lo spettacolo di prima mi ha fatto risalire la carne. La seguo fino in basso e con me anche Medea che resta in silenzio, la lascio entrare nella mensa mentre io mi sporgo solo con la testa «Efrem?» dico cercandolo con lo sguardo, lo vedo uscire dalla cucina e gli faccio cenno di seguirmi. Quando siamo finalmente da soli, vicino alla mia stanza, prendo fiato «Efrem io...»



    il ragazzo mi blocca facendomi cenno con la mano e sussurrandomi qualcosa all'orecchio. Lo guardo stupito e preoccupato, perché non me l'ha detto prima? Sarei stato più cauto e avrei potuto aiutarlo con questa faccenda. Continuo a guardarlo stranito «più tardi ti spiegherò meglio e ti sarà tutto più chiaro, promesso!»



    muovo appena la testa dopo il suo occhiolino e riprendo a parlare «era anche di questo che volevo parlarti...» lo vedo sollevare un sopracciglio preoccupato «cioè... non proprio di questo... questo. Ecco... il senso del discorso è quello...» che cacchio ho detto? Faccio un respiro profondo cercando di calmarmi, dopotutto ero più io che lui ad essere preoccupato per questa storia. «Cioè… quello che voglio dirti… è che sono stanco di questa storia…» i suoi occhi si fanno preoccupati, CAZZO! «NO! Non è come pensi!» le braccia gli cadono lungo i fianchi, rigide. Oh cacchio. «Ho solo sbagliato a parlare!» il suo corpo smette di irrigidirsi e lo vedo tirare un sospiro di sollievo «non è il momento per le crisi isteriche, calmati.»


    prendo fiato respirando profondamente, «non voglio più tenere nascosta questa storia… sento di prendermi in giro da solo e non mi piace…» alzo gli occhi sul suo volto e ciò che noto è un sorriso che poco dopo si apre in una risata. Mi rilasso anche io guardandolo «in effetti cominciavo a chiedermi quando me l’avresti detto in realtà…» mi posa le mani sulle spalle e avvicina la testa alla mia «devi smetterla di avere paura di queste cose, non sei più a Gaearmir, sei libero… vedrai che tuo padre prima o poi capirà tutto…» mi incupisco appena… papà… i suoi occhi accesi d’ira quando mi disse che per lui non rappresentavo altro che un mostro poco prima di puntare il suo martello da guerra contro la porta urlandomi contro e ripetendomi di non essere più suo figlio. Le mani di Efrem si sollevano dalle mie spalle e io rimango a fissare un punto indefinito per terra. «Torniamo di là, te la senti? Se ti può far stare meglio e alleggerire, puoi mandare tranquillamente una lettera a tua sorella, probabilmente mi odierà ancora di più, ma almeno saprà…»


    annuisco, Cassandra… voglio che sappia, lei deve sapere. Sto per entrare in mensa ma è Efrem a bloccarmi posandomi una mano sulla spalla, mi volto osservando dapprima i tagli profondi che solcano il suo corpo e poi la sua mano, un laccio penzola da essa e quando me la porge non capisco perché «sai bene come si usa questa, voglio stipulare un patto!» dice mostrandomi quel sorriso sincero che mi ha rivolto solo poche volte. Lo guardo stranito non capendo «devi restituirmi questa collana solo quando sarai finalmente felice!» rido più per la sua faccia che per il gesto e muovo la mano stringendo la sua «ma io…» mi blocca guardandomi negli occhi «non lo sei, lo so, non lo sarai fin quando non avrai salvato Cassandra.» apre la mano lasciandomi afferrare la collana mentre io lo guardo sorridendo appena. «Grazie…» mormoro appena e dopo un veloce bacio,


    faccio appello ai miei poteri evocando i globi luminosi e passandoli velocemente sulle sue ferite che in fretta si richiudono lasciandogli solo le chiazze di sangue, una volta che le due sfere si sgretolano, entrambi usciamo dall’angolo vicino la mia stanza ed entriamo in mensa. Mi metto la sua collana lasciandola penzolare nella maglietta e mi siedo accanto a lui in modo da poter osservare tutti. Sono pur sempre il suo braccio destro, no? «Dunque… diamo il via a questa riunione, penserete a ragguagliare gli assenti… la notte sta per calare e domani ci sarà la prossima battaglia…» dice in tono serio… che gli dei ce la mandino buona…

    Difesa e recupero:
    Rigenerazione: Avviene tramite tocco (Esperto) - Rigenera ferite di media entità (ferite profonde non mortali, ossa rotte, danni medi da elemento)

    *Azione di Medea concordata con Lilla_20

  9. #839
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Grazie all'intervento di Andreus e della "pozione di Sepyra", Markus e Efrem riacquistano tutta la costituzione

    A causa dei colpi subiti Medea sottrae 10 punti costituzione

  10. #840
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Osservo tutti che prendono posto tranne qualcuno, vedo Anne addormentata sul tavolo mentre Daphne le accarezza dolcemente i capelli, se non le conoscessi, penserei che siano sorelle. Questi giorni devono essere stati per lei sfiancanti, ha bisogno di riposo… come me. Sbadiglio portandomi la mano alla bocca e nascondendolo, mai mostrarsi deboli, soprattutto ora che qualcuno cospira alle mie spalle. Prendo un respiro profondo cercando di ricordare quante più informazioni possibili sul Sinelux e meno su ciò che è avvenuto quella notte. Ora non è il momento per Efrem Targaryus, ora c’è solo il Capo dei Ribelli e come tale devo essere fin quando non sarà il momento appropriato. «Il prossimo campo di battaglia è il Sinelux, soprannominato anche la landa dei sospiri. È un luogo in cui aleggia un’oscurità perenne e dove dimorano le anime a cui non è permesso raggiungere la luce o le tenebre…» sospiro appena, chissà se anche lui… no. Basta. «è un luogo oscuro, ho avuto modo di combattervi e non è facile orientarsi, state in guardia. Per questa battaglia avrei preferito qualcuno col dono della visione notturna…» guardo poi l’idiota di Markus appoggiato alla parete dietro mia cugina, «Markus, tu invece possiedi il dono del fuoco e sai orientarti facilmente nei luoghi bui… hai la tua occasione per farmi cambiare idea, vedi di non deluderla!» guardo poi Andreus, serio e impassibile «ti accompagnerà Andreus, durante la battaglia che ho affrontato io, le trappole di sabbia dei nostri guerrieri hanno influito sulla nostra vittoria…» vedo il ragazzo deglutire per poi guardarmi fiero «d’accordo!» attendo una risposta da Markus e poi guardo verso Daphne staccandomi dalla ragazza che ho visto adesso rivolgere quel gesto dolce a mi acugina e rivolgendomi al guerriero che è sceso in battaglia «Daphne, visto che la tua compagna è assente, ti dispiace ripetere le caratteristiche di chi è sceso contro di te? Abbiamo bisogno di quante più informazioni possibili sulle altre fazioni…» se avrà problemi a parlare della principessa, me ne occuperò io, dannazione che fine ha fatto quella pazza?

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •