Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 95 di 221 PrimaPrima ... 45859394959697105145195 ... UltimaUltima
Risultati da 941 a 950 di 2208
  1. #941
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel

    Dalla mia posizione resto ad osservare lo scontro tra le due contendenti...
    Il fuoco che arde in Shayla che sembra incarnare proprio la sua persone e, il fulmine blu di Daphne, il suo coraggio e la sua rapidità fulminea...
    L'elemento a me avverso e, l'elemento sulla quale potrei giocarmela. Bel controsenso per il mio elemento!
    Resto in silenzio con gli occhi ancorati alla scena...uno scontro corpo a corpo degno di nota.

  2. #942
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    33
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Markus Obelyn


    Non sono riuscito a chiudere occhio stanotte: l’agitazione, l’ansia e la paura di scendere al Sinelux mi hanno tolto il sonno. Con la coda dell’occhio, per passare il tempo, mi gusto l’espressione di Andreus mentre dorme. Beato lui. Assottiglio lo sguardo, involontariamente, quando gli occhi mi cadono su quel ciondolo che tiene stretto tra le mani. Sono curioso. Chissà che cosa gli ha promesso Efrem… Deve essere qualcosa di importante visto che non l’ha mollato nemmeno per un secondo. D’un tratto però Andreus mugugna, sbattendo le palpebre, mi giro di scatto poggiando la testa sull’avambraccio fingendo in questa maniera di dormire. Continuo con la farsa quando lui tenta di svegliarmi, sventolandomi il piede a pochi centimetri dal naso ed io lo scaccio via come se fosse una zanzara fastidiosa. Andreus sghignazza e mi sforzo di non scoppiare a ridere a mia volta ma un bel calcio seguito da uno <<SVEGLIA!>> mi fa scivolare dal letto e piombare a terra… Di sedere. La prossima volta il lato del muro è MIO. Lo guardo torvo, accettando la sua mano per alzarmi, ed inarco un sopracciglio nell’instante in cui esclama, <<Buongiorno>>. Dispettoso. Poi, mentre lui va in bagno, prendo una delle uniformi che ha in più e comincio a vestirmi per il Sinelux. Faccio per mettere lo stivale destro ma la mano mi trema, segno che ho paura… Non della morte, non della battaglia, ma di ciò che vedrò lì. Sospirando osservo la mia ascia ed afferrandola la rigiro in una mano. Non ha ancora un nome, non sono riuscito a trovarne uno adatto, doveva sceglierlo mio padre, ma… E’ morto. Chissà se è lì, al Sinelux, condannato a vagare su questa terra perché non sono riuscito a dargli una sepoltura decente. Il suo corpo… Era cenere. <<Andreus>>, lo chiamo, tenendo lo sguardo basso, incerto sul se e come continuare.



    <<Mh?>>, mugugna mentre si mette gli stivali ed io temporeggio cercando le parole adatte. <<So che mi conosci appena ed, ecco, finora mi sono comportato da perfetto stronzo un po’ con tutti...>>, stringo l’impugnatura dell’arma, sospirando, <<ma... Io... posso chiederti un favore? E' importante...>>. Spero mi dica di sì, non saprei a chi altro chiedere… Lui è l’unico con cui ho legato… <<Beh sì, con me sei stato un grandissimo stronzo con quello scherzo dell’asciugamano… ma dimmi pure…>>, si avvicina, guardandomi in volto e cercando di strapparmi un sorriso che però non riesco a fare. <<Quest'ascia è un regalo di mio padre>>, comincio a dire, andando dritto al sodo.



    <<Ed ora che lui è... morto...>>, inghiotto un groppone di saliva e poi continuo, <<questa è tutto ciò che mi resta degli Obelyn. Non voglio che sparisca con me, capisci? Il Sinelux... E' la mia prima battaglia e non so se vivrò...>>. Mi incupisco ripensando a quella notte, quando quel cane di Astor Demonar ha bruciato ogni singola cosa che apparteneva alla mia famiglia. Degli Obelyn, sono l’unico sopravvissuto, e ora ho solo quell’ascia come legame tra me e mio padre. Serro i denti per la rabbia che sento salire sempre più prepotente e bruciante. <<Quindi, se morirò in battaglia, non la riassorbirò perché quando finirà tutto, vorrei che tu la portassi sulla tomba di mio padre... Puoi farlo? Lo so, è stupido, ma è il mio ultimo desiderio...>>. Il mio ultimo regalo come figlio ecco cos’è in realtà. Lo fisso negli occhi, freddo, determinato, ascoltando una riposta che non è quella che volevo.



    <<Sarai con me oggi, mi hai preso per uno stupido per caso? Fidati, farò in modo che tu non abbandoni questo mondo prima del dovuto e prima di aver dato valore alle parole che mi hai detto l’altro giorno…>>. No. Non ci siamo! Cosa del non me ne importa un fico secco di morire non gli è chiaro?! La mia fine è un dettaglio che ho già messo in conto nel momento in cui ho accettato di scendere in campo. Non ho un addestramento, è la mia prima battaglia, combatterò al buio e sono lento, come una lumaca: le probabilità che io torni a casa, sano e salvo, sono praticamente nulle... Ma l’arma... Quell’ascia… Non voglio che vada persa! Non me lo perdonerei mai. <<Puoi farlo, sì o no?>>, domando per un’ultima volta, stringendo i pugni e guardandolo più intensamente.



    <<Lo farò…>>, tiro un sospiro di sollievo, confidando in questa certezza, <<ma tu non morirai, non oggi e non con me!>>. Andreus… Sei decisamente un caso perso!



    Confermo questo suo “sogno” con un cenno impercettibile della testa e più tranquillo mi finisco di vestire. Mentre Andreus sale in superficie per andare verso il Glados ed attivarlo ne approfitto per lasciare due ultimi ricordi di me: di fronte alla porta di Efrem lascio le mie ultime bottiglie di idromele ed il biglietto come dimostrazione che non sono l’ubriacone che lui crede e che se voglio posso smettere; nella serratura rotta di Shayla invece vi infilo le erbe da fumo e dei Sali da bagno come ringraziamento per la sua proposta. Non appena esco fuori un, <<Dai muoviti!>>, di Andreus mi fa correre in sua direzione. Mi avvicino, riprendendo il fiato, ed inspirando tocco la superficie azzurrina del portale. Che gli Dei siamesi ci proteggano…
    Nota: Frasi ed azioni nel post concordate con i vari proprietari dei pg.
    Ultima modifica di Damnedgirl; 4th August 2015 alle 23:40



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  3. #943
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton


    Non appena avverto del cedimento nella ragazza ne approfitto per ribaltarla, e complice la paura che sta provando nei miei confronti riesco facilmente a colpirla e puntarle l'arma alla gola. La osservo mentre mi guarda terrorizzata, non risponde alle mie parole né prova a reagire, evidentemente la mia aura ha avuto un effetto bello forte sul suo cervello. D'un tratto però inizio ad avvertire un senso di nausea, di fastidio, sensazioni che lentamente crescono fino a diventare insostenibili. Mi allontano, osservando le mie stesse mani, realizzando in quel momento che il senso di fastidio, di ribrezzo, lo avverto nei confronti di me stessa, di quello che sto facendo, di come mi sto comportando. Lo avverto sulla pelle, dai brividi che mi percorrono la schiena mentre per lo stupore dovuto a queste sensazioni così strane indietreggio ancora e finisco col sedere a terra, inciampando in un sasso. La vedo allontanarsi a sua volta e decido di darle una spiegazione, una banale menzogna che possa togliermela da intorno dato che non sopporto più quello che stiamo facendo , quello che io sto facendo. Mettere in mezzo qualcuno...qualcuno che mi sta altamente sulle scatole. Vediamo... Andreus? No, troppo amici. Keyra? No...troppo logorroica. Le due strambe... Yadirha e l'altra. Vada per la prima, è da un pò che non la vedo in giro <<Volevo impartire una bella lezione a quella tizia con la pelle di serpente, in questi giorni non ha fatto altro che provocarmi con quei poteri ridicoli che si ritrova. Era in cucina...poi è sparita. Non so come quella tazza sia arrivata a te>> resto in guardia, finalmente più razionale. Se dovesse nuovamente sparire cercherò di guardarmi le spalle... non ho intenzione di ritrovarmi di nuovo con la faccia spiaccicata per terra.


    Impeto - Arma in forma dormiente

  4. #944
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    È sera

  5. #945
    sim dio
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Roma
    Età
    30
    Messaggi
    3,378
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Anne Targaryus

    Sono partita.



    Si. Decisamente partita.



    Il bello è che, seppur consapevole di essere astemia, l'alcool non lo rifiuto mai, anzi: continuo ad adorarlo, ad assaporarne il gusto amaro, tagliente ma al contempo così dolce ed avvolgente. Ricordo ancora, come se fosse ieri, la mia prima sbornia. Dodici anni, a casa di Efrem, io e lui in cameretta a scolarci bottiglie di buon vino e ridendo sottovoce, senza farci sentire dagli altri. Non ne vado tanto fiera di questo mio lato poco "femminile". Se solo mia madre lo venisse a sapere... Dei, mi aspetterebbero dure lezioni sul Galateo e le buone maniere. Continuo a ridere sguaiatamente, indicando la gonna di Efrem, o meglio... quello straccio che gli copre a malapena le cosce.
    Sono felice, si.



    Sarà l'alcool, ma sono felice, di stare qui, con Efrem... felice che si sia aperto con me, che mi abbia confessato la sua relazione con Andreus. L'amore non ha sessualità, colore e religione... Efrem sa benissimo che per me non ci sono assolutamente problemi... ecco forse il motivo per il quale si è aperto con così tanta facilità ed autoironia. Spero solo che abbia trovato il vero amore, quello struggente e che ti fa togliere il fiato.



    <<Sono felicissima per te... per voi>> esordisco, asciugandomi con una mano le lacrime che ho versato poc'anzi a causa della mia forte risata. <<Certo, non sei sposato, però dovresti smetterla di essere così... come dire... poligamo?>> aggiungo, accavallando le gambe e poggiando la bottiglia su un ginocchio, impugnando il collo di questa con entrambe le mani. Poligamo? Dei, non è propriamente il termine esatto... sto decisamente cotta. <<Soprattutto dovresti evitare donne come... lei.>> lo guardo lanciandogli uno sguardo eloquente, per poi riportarmi la bottiglia alla bocca e mandare giù un altro sorso. Non pensare, diamine. Sento l'esofago andarmi in fiamme, il petto pesante e la testa comincia a girarmi... non vorrei aver esagerato... NAAAAAAAAH. <<Sai cugino, non sei l'unico ad avere segreti...>> oh no, oh no. Anne? Che fai? Sicura che sia giunto il momento? Poggio i piedi a terra, alzandomi leggermente e un po' barcollante <<Zio Abraham>> mi rigiro la bottiglia fra le mani, con sguardo basso.



    <<Lui...>> Dei Anne, sei ancora in tempo per fermarti, non farlo.

    Chiudo gli occhi, sospiro e - tirando indietro la testa, mi riattacco alla bottiglia.


    Ultima modifica di mettiu; 7th August 2015 alle 23:37

  6. #946
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Ciò che sto riversando su Shayla sembra funzionare, la sua espressione muta, come i suoi gesti e quella sicurezza che tanto ostenta svaniscono nel nulla. Mi rendo conto che quella sensazione orribile che ho provato prima ha un nome ben preciso, mai mi sognerei di provare paura, ma anche solo timore nei riguardi di questa tizia, è ridicola, deve essere per forza colpa della sua natura da strega... elfo non è e di certo ed una con quella faccia, non può essere una maga <<Volevo impartire una bella lezione a quella tizia con la pelle di serpente, in questi giorni non ha fatto altro che provocarmi con quei poteri ridicoli che si ritrova. Era in cucina...poi è sparita. Non so come quella tazza sia arrivata a te>>



    Ha senso... ma ciò non giustifica quello che ha fatto, se è vero che lo scherzo era rivolto a Yadirah doveva assicurarsi che bevesse quell'intruiglio, al posto di lasciare la tazza incustodita "Ti rendi conto che avrebbero potuta berla Andreus o Markus? Ti rendi conto che senza i loro poteri sarebbero morti, ora dove si trovano? Immagino che non te ne freghi un accidenti!"



    La guardo con odio, mentre mi avvicino a lei fissandola, non m'importa se rifarà il suo giochetto con gli occhi "Se solo lo sapesse Efrem, hai idea di cosa ti farebbe? Ti ucciderebbe senza pensarci! Ma visto che io non sono come te, non gli dirò niente, perchè a differenza tua, ci tengo che qui conserviate tutti la pelle addosso, non vinceremo la guerra se ci ammazziamo a vicenda, anche se ti eliminerei volentieri. Ed ora scusami..."





    Le volto le spalle per dirigermi all'ingresso del rifugio "...ne ho abbastanza di te" e dicendo ciò, mi dirigo verso la mia stanza.


  7. #947
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Shayla Bolton

    "Ti rendi conto che avrebbero potuta berla Andreus o Markus? Ti rendi conto che senza i loro poteri sarebbero morti, ora dove si trovano? Immagino che non te ne freghi un accidenti!"
    Mh? Torno a guardare Daphne, mi sta fissando con odio, con ribrezzo, ma do poca retta alle sue parole. Torno ad osservarmi le mani, quella sensazione di nausea e fastidio è scomparsa, non riesco a capacitarmi di come possa averla provata per me stessa. Era così strano, come se... Come se avessi paura, timore di me stessa. Avevo appena rilasciato la mia aura su di lei, spingendola a tenermi, ed aveva funzionato se non fosse che poi la stessa cosa è successa a me. Potrebbe essere... Simbiosi, si! I corvi, poco prima del suo arrivo, potrebbe averli mandati a cercarmi questa stronza! È un'elfa dunque! "Se solo lo sapesse Efrem, hai idea di cosa ti farebbe? Ti ucciderebbe senza pensarci! Ma visto che io non sono come te, non gli dirò niente, perchè a differenza tua, ci tengo che qui conserviate tutti la pelle addosso, non vinceremo la guerra se ci ammazziamo a vicenda, anche se ti eliminerei volentieri. Ed ora scusami...ne ho abbastanza di te" .. Scoppio a ridere mentre la vedo voltare le spalle dall'alto del suo piedistallo avvolto dal moralismo per andarsene. <<Cosa farebbe Efrem? Niente, come sempre. E questa predica dovresti farla al guaritore della fazione, che cura solo chi rientra nelle proprie simpatie e non chi ne ha realmente bisogno>> esclamo sprezzante, per poi distendermi nuovamente a terra, al pulito. Che noia 'sta qui.

  8. #948
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Daphne Elania Baratheon

    Shayla farfuglia le sue solite stronzate, alle quali non bado e continuo ad avanzare, fino ad arrivare in camera.



    Eccomi qua… ancora la mia misera e spoglia stanza, quattro mura ammuffite, un lenzuolo stra-usato, una candela consumata, il cesso che puzza, quando abitavo da sola non era così, avranno otturato le condutture sti quattro deficienti, mi tocca mettere un po’ a posto e visto che ci sono… abbellisco anche un po’ la stanza, tanto ci devo vivere io, non vorranno levarmi pure questa, spero! Mi stendo un po’ sul letto, sono stanca, ma sono certa che ora come ora non dormirei, sono nervosa ed incazzata nera, che razza di gente c’è in questo rifugio?



    Ed in più due persone sono scomparse nel nulla, non che mi dispiaccia eh, non sopportavo nessuna di quelle tizie, troppo strane e troppo poco socievoli, anche se di persone con le quali parlare tranquillamente, qui dentro ve ne sono al massimo due o tre. Efrem è uno stronzo, nulla di nuovo, non ha neanche pensato di prestarmi un minimo di cure, dopo il modo in cui mi ha ridotta, eppure sono una sua alleata fino a prova contraria, forse è talmente cieco, da pensare di poter condurre questa guerra da solo e si circonda di persone come Shayla, che dispensa una pozione in grado di togliere i poteri in giro, magari a discapito di due soldati in guerra.



    C’è bisogno di ordine in questo monastero, c’è bisogno di qualcuno che si faccia rispettare, perché è giudicato valido dai propri subalterni e non qualcuno che s’impone con la forza, che si diverte a spaventare, senza usare un minimo di cervello o presto faremo tutti le valigie e lo lasceremo solo come merita. Avrei dovuto pensare ad unirmi a Kalisi, ma non è un uomo che mira a sporcarsi le mani di sangue, io voglio uccidere, non m’importa di far cadere solo il regno, li voglio tutti morti, tutti sepolti sotto cumuli di terra avvolti dai vermi che divorano le loro carcasse.



    Il mio scopo vale più di ogni altra tortura fisica o psicologica io possa subire in questa specie di gigantesca tomba, dove sono costretta a convivere con degli stolti che non sanno neanche cosa mangiano. A discapito di perdere qualche arto, a costo di mettermi contro Efrem, questo posto necessita di un leader come si deve e non ho intenzione di restar ancora in questa stanza come una cretina a vaneggiare ancora per molto. Ho deciso, ora vado da lui e gli getto tutto ciò che penso in faccia, TUTTO, anche quello che provavo per lui, non voglio più essere ricattabile da nessuno, non voglio più avere pesi sullo stomaco, vado da lui e gli sputo tutto in faccia, che voglia collaborare o meno, che voglia ridurmi in vin di vita ancora o farsi una semplice risata non m’importa, se non apre gli occhi e continua per la sua strada senza calcolarci un minimo, se ne renderà conto troppo tardi.


  9. #949
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Keyra
    Isyl Tinnuviel


    Osservo le due contendenti battersi come leonesse per la supremazia del territorio, ascolto le loro parole, osservo i loro gesti, cerco di capire un qualcosa in più su di loro mentre prendo atto che oltre ad Ananya, sembra sparita anche Yadirha. Chissà dove si saranno cacciate quelle due e , se se ne fossero andate per qualche motivo a me sconosciuto vista la mia prolungata assenza?
    Che si siano alleate con i reali oppure i reietti e quindi vorrebbe dire trovarsele come nemiche?
    Per gli Dei....spero di no. sono potenti e pericolose.
    Non è che magari ci ha pensato Efrem a farle sparire e magari alla prossima cena ce le troviamo come portata principale condite con limone e insalata?
    Ok sto divagando, sto diventando paranoica.
    Rientro nella mia presunta normalità, la stanchezza, il sangue perso e le ferite che ancora non si sono rimarginate credo che mi stiano giocando un brutto scherzo.
    Ancor prima ch ele due fanciulle finiscano il combattimento, mi allontano quatta quatta d aloro , poggiandomi a tutto quello che trovo mentre il mio stomaco reclama cibo.
    Rientro nel rifugio, ripercorro le scale che ormai mi sono famigliari e raggiungo la cucina, addento due bocconi di pane ,e sorseggio dell'acqua, i morsi della fame si allentano e io posso quindi raggiungere la mia stanza, ho bisogno di riposo, ma prima meglio un bagno caldo, mi sarebbe d'aiuto.
    Apro la porta della mia stanza e un profumo di muschio mi investe, qualcuno deve aver usato il mio sapone. Noto anche che mancano i vestiti che avevo preparato per Medea e sul letto vi sono i miei ben riposti e piegati. Sorrido pensando a lei e al suo dolce viso, a proposito, anche lei non ho visto, spero stia bene, dopo il bagno e il riposo andrò magrai a cercarla per ringraziarla personalmente.
    Mi spoglio piano di tutti gli indumenti riponendo la mia divisa ormai logora sul filo, dovrò sistemare i vari squarci e ripulirla a dovere, ma ora ho solo voglia di immergermi nell'acqua e lavare via dalle mie mani il sangue di Dorian che si è mescolato con il mio...che schifo. Spero non vi siano effetti collaterali.
    Mentre l'acqua scivola sul mio corpo, mi abbandono ai pensieri, ripenso all abattaglia, alla principessa Esperin, ha tutto quello che ne è seguito.
    Il discorso ad Efrem, la mia momentanea fuga, l'uccisione di colui che avrebbe dovuto divenire mio marito...tutto mi scivola addosso proprio come l'acqua mentre poi rendendomi conto che restando in ammollo, rischio di divenire solo un pesce grosso e lesso come quelli che si vedono sulle tavole imbandite nelle famose locande di Gaearmir...quanto tempo non calco quelle terre....l'ultima volta eravamo ancora una famiglia pressochè normale...
    Sopprimo una lacrima mentre quei ricordi riaffiorano leggeri, passando delicatamente come piume lasciandosi però dietro residui di un passato che non tornerà, non più.
    Esco dalla vasca, mi asciugo velocemente con un asciugamano e, completamente nuda, con il braccio ancora dolorante e, un livido sullo stomaco mi butto sul letto, a pancia in giù, non mi copro, l'effetto dell'acqua calda ha disteso i miei muscoli si, ma ha contribuito ad accaldarmi molto, senza quasi rendermene conto, quando pensavo che il riposo fosse solo una condizione mentale, chiudo gli occhi e mi addormento, sprofondando in un sonno profondo e apparentemente senza sogni...mentre il mio ultimo pensiero va a lui, a loro, Andreus e Markus...
    << Forza ragazzi, tornate vincitori, ma soprattutto....tornate>>
    Ultima modifica di DELTAG; 7th August 2015 alle 17:32

  10. #950
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Quest Ribelli

    Efrem Targaryus

    Anne scoppia nuovamente a ridere guardandomi e bevendo un sorso dopo l’altro stappando un’altra bottiglia, ho già perso il conto di quelle che ha bevuto. Questa volta non è come dei suoi dodici anni. Ancora ricordo le legnate di papà la mattina dopo, quando scoprì che un intero scaffale della sua cantina era stato svuotato. Non riuscii nemmeno a parlare. “Era il suo compleanno!” dissi tra un colpo e l’altro. Rido al solo ricordo di quella notte. «Sono felicissima per te... per voi» dice asciugandosi le lacrime e guardandomi. Lo sarei anche io, se quel casino non fosse successo. Mi guarda poi ironica scuotendo appena la bottiglia che fa gocciolare parte dell’idromele che si sta scolando. «Certo, non sei sposato, però dovresti smetterla di essere così... come dire... poligamo?» la vedo accavallare le gambe con poca grazia reggendo la bottiglia per il collo. Scoppio a ridere per le sue parole e le faccio un rapido gesto con le mani un gesto che solo lei conosce «promesso!» dico poco dopo e la ragazza riprende a parlare tranquilla «soprattutto dovresti evitare donne come... lei.» mi lancia un’occhiataccia più che eloquente e le ripeto il gesto come facevamo quando era una bambina sperando di tranquillizzarla. Lumen, quella schifosa. Provo a posarle poi una mano sul ginocchio rivolgendole un sorriso sincero alterato anche dal troppo alcol, comincia seriamente a girarmi tutto. «Sai cugino, non sei l'unico ad avere segreti...» scuoto la testa piegandola poi di lato cercando di rimanere lucido. Cosa vuole dirmi? «Zio Abraham» la vedo rigirarsi la bottiglia tra le mani con lo sguardo basso, quasi pentito. Cosa nascondi Anne? «Lui...» dice e poco dopo si riattacca alla bottiglia tirando indietro la testa e scolandone buona parte. Tutto prende a girare, mi alzo a fatica dondolando e barcollando e mi siedo sul letto accanto a lei. «Cosa? Oltre a essere un vecchio, scorbutico e antipatico come il fratello?» la voce mi esce impastata e non appena la sento scoppio a ridere cadendo all’indietro con la testa affondata nel cuscino. Alzo la bottiglia guardando attraverso la luce delle candele. «Forza Anne! Parla senza problemi! Per come sto adesso… potrei anche andare da quel coglione di Lantis e dirgli di finire la guerra con una stretta di mano!» scoppio a ridere nuovamente scolandomi per intero la bottiglia e lasciandola rotolare per terra, vuota. Prima di prendere la prossima…

 

 

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Quest Reali
    Di mary24781 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3384
    Ultimo Messaggio: 24th June 2016, 19:43
  2. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 172
    Ultimo Messaggio: 10th June 2016, 17:11
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Esempio Quest di lotta
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20th September 2014, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •