Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 14 di 42 PrimaPrima ... 4121314151624 ... UltimaUltima
Risultati da 131 a 140 di 415
  1. #131
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    Antichi saggi

    Andreus, di fronte a te appaiono i tre saggi, la loro espressione è atona, imperscrutabile. Avanza il Saggio Irith, colui che ti è affine per razza e la sua voce risuona per tutto lo spazio oscuro. "Andreus De Lagun, conosciamo i tuoi tormenti e i tuoi pensieri, la tua visita non ci sorprende. Varca quella porta, Mercur è già in viaggio per convocare tua sorella" dice indicandoti la direzione.

  2. #132
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    Andreus De Lagun

    Non ho idea di quanto tempo attendo, qualche secondo? Ed ecco che i saggi mi si materializzano davanti. Alzo gli occhi, un po’ timoroso ma al contempo curioso nel vedere per la prima volta i creatori del regno.


    Due uomini e una donna, come le storie narrano. Li osservo, interdetto e con la bocca semi spalancata, i volti inespressivi mostrano i chiari segni dell’età. Ma niente mi fa capire quanto essi siano effettivamente anziani. I loro occhi incutono timore, vuoti e freddi come non mai. Uno dei due uomini parla, penso sia l’elfo Irith


    «Andreus De Lagun» sussulto appena quando pronuncia il mio nome, abbasso il capo ascoltando il resto delle sue parole mentre il cuore mi martella nel petto «conosciamo i tuoi tormenti e i tuoi pensieri, la tua visita non ci sorprende. Varca quella porta, Mercur è già in viaggio per convocare tua sorella» terminato di parlare, l’elfo si muove appena, indicandomi con un dito la porta alla mia sinistra.


    «Vi ringrazio…» dico in un profondo inchino prima di veder svanire i tre anziani. Richiudo dopo essermi accorto della bavetta poco decorosa che casca per terra e attraverso la porta sospirando lentamente. La richiudo alle spalle e osservo la zona, alti spuntoni di roccia ricoprono la visuale, dando però qualche squarci di quel cielo fisso e immobile. Guardo la statua,


    una versione ridotta della nostra al monastero e vado a sedermi proprio sotto di essa, le ginocchia al petto e abbasso la testa al loro interno…


    che cosa penserà ora? Spero solo capisca finalmente…

  3. #133
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    CASSANDRA DE LAGUN

    Inizia qui


    Avanzo nelle tenebre di questa eterna notte, illuminata solo dai tre troni dei Saggi.





    L'anziano Irith, il grande elfo, mi indica la strada, lo saluto con riverenza perchè grande è il mio rispetto per lui. Esito qualche istante ad aprire la porta, ho una grande agitazione interiore... ho l'enorme e prepotente speranza che ci sia mio fratello là dietro ma se non fosse così? Se davvero mi ritrovassi qualcun altro? Scuoto il capo e varco l'uscio, inutile restare a rimuginare. Le cose vanno affrontate a testa alta, la paura in questi casi è solo un inutile intralcio.



    Iniziano già a pizzicarmi gli occhi quando intravedo Andreus seduto sotto la grande statua. Mi si ferma il cuore, il respiro, sono come paralizzata... è lui... sì è lui... è lui!



    "A-Andreus" dico con un fil di voce, ma mi precipito verso di lui, cercando di abbracciarlo.



    Lo stringerò a me e poi lo scruterò in viso. Mi sembra turbato, gli occhi sono arrossati... ha pianto. Non deve essere stato facile per lui mandarmi quest'invito, conosco la sua sensibilità e la mia lettera, cui ha risposto, deve aver rappresentato un pensiero costante. Così come per me. Eppure, quegli occhi non possono mentirmi. C'è qualcosa che non va. "Cos'è successo?" gli domanderò preoccupata. Sono in ansia, sono decisamente in ansia.

  4. #134
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    Andreus De Lagun

    Sospiro sollevando di poco la testa mentre osservo di tanto in tanto la porta. Non ho idea di quanto tempo sia passato da quando sono seduto, che cosa è successo? Il mio piede comincia a muoversi nervoso mentre comincio a torturarmi le dita per l’ansia.


    Abbasso lo sguardo posando la fronte sulle ginocchia per fermare almeno la mia gamba che sembra impazzita, quando d’un tratto sento la porta aprirsi. «A-Andreus», sento un nodo allo stomaco, sembra sia passata un’eternità dall’ultima volta in cui ho udito la sua voce.


    Di riflesso alzo il capo e sento gli occhi ricominciare a pizzicarmi, mi alzo e scatto verso di lei. La stringo a me in un lungo abbraccio affondando con la testa nella sua spalla e accarezzandole i capelli. «Cassandra…» mormoro tra le lacrime guardando poi il suo volto. Vorrei non staccarmi, vorrei continuare a stringerla a me, ma non posso.


    Mi guarda, la sua espressione muta dalla felicità alla preoccupazione, devo avere un aspetto orribile. «Cos'è successo?» la sua voce è preoccupata, mi asciugo gli occhi con una mano e cerco di mostrare un scusa quantomeno credibile, voglio che mi veda forte. Non sono più il ragazzino piagnone che è stato cacciato da suo padre.


    «Sono… sono felice che tu stia bene… temevo che Lantis avesse intercettato la mia lettera e ti…» inghiotto un groppone di saliva «avesse esposto su una picca insieme agli altri… per tradimento o i Siamesi sanno cosa…»


    le dico stringendole con paura le mani… ho paura Cassandra, paura di perderti…

  5. #135
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    CASSANDRA DE LAGUN

    Un lungo abbraccio da cui non vorrei mai sciogliermi, il suo profumo così famigliare riesce a riscaldarmi subito il cuore e rasserenarmi.







    In questo istante, tutto mi sembra paradossale, la guerra, i ribelli, questa Dohaeris che muta ogni secondo. Tra le braccia di mio fratello il tempo è fermo a quando tutto era perfetto, in ordine, così come doveva essere. Le sue parole, però, mi riportano alla realtà. Inarco un sopracciglio, non mi piace il modo con cui lo sta dipingendo. E' vero, è un uomo severo e se tutto dipendesse da lui sarebbe inflessibile, eppure ha dimostrato tante volte di sapersi adattare alle circostanze e... mi ha chiesto dei ribelli. Vuole conoscere la loro motivazione. Per me è un segnale positivo perchè significa che pensa ai modi con cui concludere questa guerra assurda. Quegli occhi tristi di quella mattina prima dell'Auspex... no, non erano gli occhi di un mostro. "Sua Maestà il Re non è il mostro che descrivi... è vero che è duro e severo, ma sta facendo fronte a un sacco di dinamiche ereditate dal passato e da problemi che nemmeno immagini. Sta affrontato con incredibile decoro la morte di suo Padre... il suo dolore, così nobile e sincero... non è malvagio, sta cercando di fare la cosa giusta. Piuttosto, è l'odio di Targaryus ad essere irrazionale e distruttivo!" dico con enfasi, ma per addolcirmi subito dopo.



    Devo farlo, prima del Giudizio non ho avuto questa occasione e potrei non averne altre. Devo chiedergli perchè ha lasciato Gaearmir senza salutarmi, perchè ha seguito quell'essere abbietto... devo conoscere il motivo per cui rischio di perdere il mio amato fratello. "Andreus... perchè hai seguito Efrem? Perchè lui ci odia così tanto? Io... mi fa impazzire questa cosa... ti sto perdendo, sto affrontando tutto questo e non ne conosco il motivo" affermo intristendomi, abbassando gli occhi al pavimento.



    Pizzicano, bruciano. Lacrime di sale e fiele. Rialzo lo sguardo, potrebbe specchiarsi nel mio pianto tanto è cristallino e sincero. "Perchè la mia famiglia è andata in pezzi?" domando lasciando che il dolore mi solchi le guance. Il sangue del mio sangue, mio fratello... finalmente, posso essere me stessa, senza politica o artifici. Siamo solo io e te, Andreus, sei la mia famiglia... la mia unica e sola famiglia.

  6. #136
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    Andreus De Lagun

    Colgo una strana espressione sul viso di Cassandra non appena nomino l’azione ignobile del Re. Continua a guardarmi come se avessi detto la bugia più colossale del mondo… «Sua Maestà il Re non è il mostro che descrivi... è vero che è duro e severo, ma sta facendo fronte a un sacco di dinamiche ereditate dal passato e da problemi che nemmeno immagini. Sta affrontato con incredibile decoro la morte di suo Padre... il suo dolore, così nobile e sincero... non è malvagio, sta cercando di fare la cosa giusta. Piuttosto, è l'odio di Targaryus ad essere irrazionale e distruttivo!» mi dice sicura di sé e di quanto ha affermato.


    Cassandra… che ti è successo? Il mio volto muta, rammaricato per le sue parole. Quanti salamelecchi le avranno detto? Quante volte le avranno riempito le orecchie di belle parole atte solo a nascondere il marcio che aleggia per quelle sale? Efrem… mi chiede del suo odio definendolo irrazionale. Lascio le sue mani portandole lungo i fianchi, rigide per quanto ha detto. Non è vero. «Andreus... perché hai seguito Efrem? Perché lui ci odia così tanto? Io... mi fa impazzire questa cosa... ti sto perdendo, sto affrontando tutto questo e non ne conosco il motivo» abbassa gli occhi per un attimo per poi sollevarlo avvolto dalle lacrime, lacrime che solcano il suo viso e cascano. «Perché la mia famiglia è andata in pezzi?» dice tra i singhiozzi.


    Non posso fare a meno di provare a prenderle il volto tra le mani, le asciugo gli occhi con le dita proprio come quando eravamo bambini e lei piangeva dopo essersi sbucciata le ginocchia. Guardo il suo abito, i colori del nostro casato la avvolgono come una sorta di insulto. So benissimo che l’ha fatto senza recarmi offesa. Ma per me quei colori… riportano solo dolore.Dolore e rabbia per la scelta di mio padre. Per quelle sue parole cariche di odio e stupidità che ora mi rimbombano nelle orecchie, prepotenti e violente. «L’odio di Efrem non è immotivato! Non è irrazionale!»


    toglierò di scatto le mani dal suo volto riportandole lungo i fianchi stringendone i pugni. «Se solo ti guardassi intorno! Se solo togliessi anche solo una volta quei paraocchi che ti hanno messo come comandate, a quest’ora lo sapresti da sola!» non volevo parlare di questo, non desideravo che le questioni di questa guerra si mettessero tra me e lei, ma ormai la mia lingua non ha più alcun freno


    «è l’odio di tutto il popolo di Dohaeris, stanco di questa dittatura, stanco di dover sottostare a un Re folle, che si diletta solo a tagliare le teste dei suoi stessi soldati solo per avere avuto la sfortuna di essere nati in un posto diverso da questo dannatissimo regno. Pensi che ci sarebbe toccato un destino diverso se solo non fossimo nati a Beslim Akosh? Sei cieca Cassandra, credi che quel tiranno possa ristabilire la pace su questo regno. Ammesso che vinca, pensi che lo tratterranno le tue lacrime mentre la spada del boia calerà sulla mia testa o su quella di Jubert accusato di avere un figlio ribelle o anche sulla tua, Cassandra?» prendo fiato abbozzando un sorriso ironico e amaro al tempo stesso «scommetto che se ti vedrà versare una sola lacrima per me, non esiterà a tagliare anche la tua di testa!» abbasso gli occhi, il dolore dei miei ricordi non è mai svanito, come se fosse successo solo pochi istanti fa


    «non devi chiedere a me il motivo per cui la tua famiglia va in pezzi, chiedilo a tuo padre. Mi ha diseredato per un motivo sciocco, senza ascoltarmi! La sua mentalità chiusa gli ha impedito di vedere aldilà del suo naso e credere che non ci fosse altra motivazione oltre a quella sua. Così come, forse, ha plasmato te…» prendo fiato ricacciando indietro le lacrime «domani sarò al Sinelux… non ho idea di ciò che mi aspetta, ma combatterò per la mie scelte… che tu le capisca o meno…» dico senza emozioni guardando un punto indefinito ai suoi piedi «dillo al tuo Re, che mandi qualcuno come quel tuo compare contro di me, così la TUA famiglia sarà libera dall’onta di Andreus De Lagun, il ribelle!» muovo qualche passo avviandomi verso la porta «sei tutto ciò che mi è rimasto, Cassandra… ti prego…» gli occhi bruciano, pizzicano ma non voglio piangere, l'ho promesso a lei... anni fa... non avrei voluto tutto questo…

  7. #137
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    CASSANDRA DE LAGUN

    Le parole di mio fratello arrivano come dei macigni, non solo perchè non mi dà una spiegazione razionale, additando la causa di tutto ad un vago risentimento del popolo, senza specificare nessun evento preciso, ma anche per la loro ineluttabilità.



    Andreus è sicuro di sè. È sicuro delle sue idee, il lavaggio del cervello che gli ha fatto Efrem è stato devastante. Troppo buono, troppo generoso: quel mostro si è approfittato dell'animo gentile di mio fratello e io mi sento così impotente. "Non mi pare che Targaryus abbia seguito Kalisi... quindi non mi pare che i soldati decapitati da Lantis siano la causa scatenante del suo rancore... resti sul vago Andreus e inizio a pensare che nemmeno tu sappia bene l'origine di tutto questo odio" dico abbassando gli occhi.



    Il suo gesto di asciugarmi le lacrime, il calore della sue mani sulle mie guance... mi addolora ancora di più, perchè è qui, tangibile che mi dimostra il suo affetto ma allo stesso tempo sfugge, ringhia rabbioso verso qualcosa che non comprende. "Forse sarà vero che non comprenderò mai, e come potrei mai capire se non mi citi degli eventi precisi precedenti il Giudizio... i ribelli c'erano da prima e siete comunque nemici dei reietti. Efrem vuole distruggere tutto, anche la nostra Gaearmir, come puoi desiderare davvero una cosa del genere! Che cosa ti ha fatto diventare!" esclamo esasperata allontanadomi da lui. "Sei tu che non capisci, che non vedi al di là del naso di Efrem... che non vedi che ha scatenato questa guerra per chissà quale motivo egoistico... e se dovessi vincere tu? Cosa otteresti? Cosa faresti contro i Leithien? Questo mondo non è fatto di sogni, Andreus, ma ad Efrem questo non importa, perchè gli preme solo distruggerlo!" incalzo tremante dall'agitazione.





    No, non accetto di perderti, non lo accetterò mai. Quando mi dice che partirà per il Sinelux, ho uno scatto nervoso... no, non può farmi questo. Cercherò di afferrarlo per la casacca e di tirarlo verso di me, in un gesto disperato che non vuole però essere violento. Piango, piango lacrime amare. Lo guarderò fisso negli occhi così simili a quelli di nostro padre, ci potrà vedere tutto il mio dolore e la mia difficoltà nel vivere spezzata tra lui e il mio dovere. Tra il mio affetto smisurato per lui e il giuramento che ho fatto. "Sono il Decimo Idra, te lo dico perchè non è un segreto per nessuno, dato che ho prestato giuramento durante l'incoronazione. Ma tu... perchè mi hai detto della battaglia? Perchè mi fai questo? Come pensi che mi sentirò quando il peso del mio compito e del mio dovere mi imporrà di dire questa cosa al Re? Sai Andreus, io sono pronta a morire: se combattere Efrem significa salvare il mondo che io amo e conosco, darò volentieri la vita. Non temo le picche, i patiboli o la falce di Targaryus... e non temo nemmeno la tua. Sarò morta seguendo la giustizia, per difendere questo mondo da un bambino capriccioso che non si rende conto di cosa sia la realtà, di cosa siano i Leithien, di cosa significa mettersi contro tutti i nobili!" dico esausta, disperata, mollando eventualmente la mia presa. "Io non so cosa sia successo con papà" continuo singhiozzando e mi sento così stupida a mostrarmi così "ma qualche volta mettiti nei miei panni. Sei la mia famiglia, niente e nessuno potrà cambiare questa cosa. Ti vorrò bene per sempre. Ma Andreus" e qui sollevo il viso, fissandolo determinata "sono un soldato di sua Maestà. Non sono cieca... so che il mio posto è dove sono ora. So che sto facendo la cosa giusta. Mi chiedi di capire, ma tu non fai lo stesso sforzo. Se mi odierai come Efrem Targaryus odia questo mondo, allora odiami. Se questo ti aiuterà a combattermi, fallo. Ma io no, non cederò mai. Ti riporterò a casa e niente potrà mai spegnere il mio sogno. Difenderò la mia terra, costi quel che costi. Se il mio cuore dovrà sanguinare per tutto il resto della mia vita, sanguinerà per una causa giusta, una causa superiore".



    Sono parole da soldato, le mie. Stringo i pugni, inchiodati lungo i miei fianchi. No, non devo cedere. No, continuerò a guardarlo severamente. Io... non ce la faccio. All'alba scenderà in battaglia, ferirà o ucciderà miei uomini; sarà ferito, tenteranno di ucciderlo a loro volta. Potrebbe essere l'ultima volta che lo vedo. Gli voglio bene e questo prende per un attimo il sopravvento. Cercherò di abbracciarlo, mentre continuerò a piangere ininterrottamente. "Fa attenzione... cerca di non farti male" gli sussurrerò se il mio slancio emotivo dovesse andare a buon fine. Ma sarà solo per un attimo: sono il Primo Cavaliere del Re, combattere per i Raeghar e per Dohaeris è l'unico scopo della mia vita.

  8. #138
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    28
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    Andreus De Lagun

    Guardo Cassandra, attonito e impossibilitato a dire qualsiasi cosa. Speravo che almeno lei avrebbe capito, che almeno a lei sarebbe stato facile aprire gli occhi, che sarebbe stata felice di ritrovare il suo fratellone dopo tanto tempo.


    Ma io non volevo, non ho chiesto di parlare di questa guerra. Speravo che almeno una volta, almeno per un solo, singolo istante, fossimo tornati ad essere una famiglia. Ho sperato, con tutto il cuore che almeno lei si fosse salvata, che almeno lei fosse rimasta al mio fianco nonostante le mie scelte. Ma a quanto pare… ho sperato solo io… la ascolto spaventato da ciò che è, da ciò che è diventata, non è mia sorella, quello che dice… non è lei. Cassandra non avrebbe mai pensato di rimproverarmi di una scelta ritenuta sbagliata dopo avermi visto piangere a pochi metri da lei. «Efrem vuole distruggere tutto, anche la nostra Gaearmir, come puoi desiderare davvero una cosa del genere! Che cosa ti ha fatto diventare!»


    un uomo migliore… più di quanto nostro padre non abbia fatto in vent’anni… quando nomina il motivo di Efrem, definendolo egoistico, è lì che la rabbia sale. Le ho spiegato, mi sono sgolato per spiegarle tutto nonostante non volessi. Ma nulla. La sua convinzione va aldilà delle mie parole. Ha paura dei Leithien, ma non è con la paura che vincerà questa guerra. Il mio, il nostro e quello di tutto il popolo, non è un sogno. È una realtà che si sta consolidando pian piano. Continuo a camminare verso la porta, ma qualcosa mi afferra per il gilet. Rimango fermo ad ascoltare le sue parole cariche di determinazione, è pronta a distruggermi pur di dare sfogo alla rabbia del suo re. «Sono il Decimo Idra» spalanco gli occhi… non ci posso credere… «Ma tu... perché mi hai detto della battaglia? Perché mi fai questo? Come pensi che mi sentirò quando il peso del mio compito e del mio dovere mi imporrà di dire questa cosa al Re?»


    resto in silenzio… ogni altra parola mi giunge ovattata. Ogni cosa perde di significato, resto fermo al mio posto, stringendo i pugni lungo i fianchi. Quale mostro l’hanno fatta diventare? Che cosa ti è successo Cassandra? Dov’è mia sorella… dove la mia dolce Cassy? DOV’È MIA SORELLA? Mi mordo un labbro con rabbia sentendo il sapore del mio stesso sangue scivolarmi in bocca e in gola. «Ti vorrò bene per sempre.» non è vero. Tu menti. Dov’è la donna della lettera? Dov’è Cassandra? Questa è solo una copia manovrata da Lantis, un burattino nelle mani del bambino con la corona di cartapesta. D’un tratto, il gelo opprimente che si è creato, viene sostituito dal calore di un abbraccio.


    Un abbraccio che non fa altro che creare altro gelo. Questo soldato che mi tocca, mi parla, mi guarda e finge di piangere… non è Cassandra De Lagun. Questo soldato è il Decimo Idra, il burattino più bello della corona. Il giocattolo di pezza preferito del re e di Lumen. «Fa attenzione... cerca di non farti male» dice in un sussurro che non fa altro che accrescere la mia rabbia. Le mie labbra si muovono, senza emozioni ne intonazioni particolari, una statua di cera a fatta solo per mascherare la rabbia che ho detro, l’odio per i mostri che hanno trasformato MIA SORELLA, la MIA Cassandra in un mostro tanto ignobile. Una macchina da guerra senza cuore che non si ferma neppure dinanzi alla famiglia pur di vincere una guerra in onore di un sovrano che non si curerebbe neanche solo un istante di farla giustiziare per tradimento. «Eri ligia al tuo dovere con Re Rickard, era tutto giusto e corretto, vero? Ora che Lantis ha distrutto tutto quello che ha costruito suo padre, ti sembra sempre tutto giusto, vero?» prendo fiato per un attimo e mi volto appena per notare il suo volto «sei cieca Cassandra, ti ho convocato qui per parlare con mia sorella, non col “Decimo Idra”.» faccio il gesto delle virgolette per enfatizzare la mia noncuranza per il suo ruolo «non me ne importa nulla di quale armatura indossi, ma a quanto pare per te non è lo stesso, io non sono tuo fratello, io sono un seguace di un tuo nemico, giusto?» mi volto per un attimo indicando il suo volto rigato dal pianto e al contempo il suo sguardo serio, un falso della Cassandra che conoscevo e amavo e spero di amare ancora. «Guardarti... parli solo di Lantis e della legge, di ciò che è giusto, di quello che io sto facendo a te, ma quello che è accaduto a me non vale niente?» torno sui miei passi avanzando verso la porta pronto a dirigermi al glados. «Sei cieca ed egoista!» apro la porta fermandomi un attimo a guardarla


    «sappi che IO ti vorrò sempre e veramente bene e sarò pronto ad andare contro tutto e tutti pur di difendere Cassy. Mia sorella, quella che tu non sei!» mi chiudo la porta alle spalle correndo spedito per la sala rivolgendo solo un triste e veloce «vi ringrazio…» ai troni vuoti dei saggi e mi dirigo all’esterno, verso il glados. Richiamo mentalmente la mia nuova casa, il mio posto sicuro per quanto male faccia e dopo che a luce tenue e azzurra del portale si ingrandisce… lo attraverso correndo senza guardarmi indietro…

  9. #139
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    CASSANDRA DE LAGUN

    La reazione di Andreus mi lascia stupefatta: dice che non sono sua sorella, che sono solo un soldato e che tale mi considererà.



    La freddezza al mio abbraccio, quelle ultime parole dette quasi con disgusto... odio, posso vederci nell'odio in quello che fa.



    Sto sforzando tutta me stessa per cercare di comprendere, gli chiedo motivazioni, eventi che hanno determinato questa realtà ma lui non mi risponde, lascia le mie domande aperte... perchè elude così i miei quesiti? Io non sono la sua Cassandra? Dice di volermi bene a prescindere da tutto, ma a quanto apre non è così, sono sua sorella solo quando non sono un soldato di Lantis. Prima che lasci la stanza, gli tuono contro, perchè sono stufa di non sapere, di essere all'oscuro delle cose che mi ruotano intorno e che riguardano lui. Sono stufa di comprendere senza che nessuno mi dica nulla, senza che lui non si domandi nemmeno quanto possa essere difficile per me la mia situazione e la sua. "Quando avrai finito di fare il bambino e puntare i piedi, quando avrai voglia di spiegarmi da uomo cosa diavolo è successo con nostro padre, dato che non ne so nulla di nulla... quando avrai la maturità giusta per spiegare i motivi della tua causa senza cadere nel clichè del combattiamo il tiranno... allora saprai dove trovarmi. E per la cronaca... ho già rischiato l'ira di Lantis per proteggerti, perchè gli ho detto che non gli avrei mai venduto mio fratello. Ma già, non sono mica la tua Cassandra... se domani mi vedrai in campo, allora combattimi perchè per te sono solo questo, no? Sono solo il Decimo Idra... per quanto riguarda i miei sentimenti, le mie paure, le mie angosce... sono triste nel denotarlo... ma tu non sai niente, Andreus De Lagun" dico irata, cercando di contenere il tono della voce.







    Inutilmente, perchè è evidente che trema e che ansimo. Lascerò il Valmorghuli subito dopo di lui, dando i miei rispetti ai Saggi. Arrivata alla Torre, mi metterò a dormire. Non credo riuscirò a chiudere occhio, ma le lacrime sono un buon deterrente per l'insonnia.

  10. #140
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Deus ex Machina GDR] Zona Neutra

    Quinta Turnazione conclusa

 

 
Pagina 14 di 42 PrimaPrima ... 4121314151624 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Deus ex Machina GDR] Story
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 12th October 2016, 17:14
  2. [Deus ex Machina GDR] Valutazioni e punteggi
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 25th June 2016, 19:24
  3. [Deus ex Machina GDR] Quest Reietti
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 3421
    Ultimo Messaggio: 21st June 2016, 20:09
  4. [Deus ex Machina GDR] Schede Png
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12th March 2016, 19:55
  5. [Deus ex Machina GDR] Schede Pg
    Di Eclisse84 nel forum Deus ex Machina
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 28th August 2015, 12:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •