Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    sim audace L'avatar di Particella
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lombardia, Lecco
    Età
    23
    Messaggi
    138
    Inserzioni Blog
    4
    Potenza Reputazione
    9

    [Sospeso]Nelle mani dell'assassino

    Ultima modifica di Particella; 23rd December 2011 alle 19:13

  2. #2
    sim audace L'avatar di Particella
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lombardia, Lecco
    Età
    23
    Messaggi
    138
    Inserzioni Blog
    4
    Potenza Reputazione
    9
    -Premessa-

    Finalmente, dopo settimane e settimane di preparazione, mi sono decisa a riprovare a fare un diario, ma questa volta prometto che lo porterò a termine! In queste settimane mi sono dedicata interamente alla battitura del primo e del secondo capitolo con l'aggiunta delle foto. Ho preparato già il capitolo successivo, perchè essendo, soprattutto in questo periodo, molto impegnata con la scuola, sarebbe stato veramente complicato preparare un intero capitolo in una settimana (il mio obbiettivo è di aggiornare il diario ogni fine settimana, oppure in "casi estremi", ogni due settimane). Fortunatamente, fra circa una decina di giorni, andremo tutti in vacanza per Natale, e in quel periodo, avrò tutto il tempo di preparare con calma i capitoli.
    Per il momento ringrazio veramente tanto Rayky, che mi ha dato la possibilità di "copiare" lo stile delle foto per renderle molto più realistiche ed effetto "film"; inoltre ringrazio anche gli altri utenti creatori di diari, che mi hanno dato l'ispirazione per questo diario.
    Riguardo "Nelle mani dell'assassino", inizio a dire che non sarà un fumetto, (come quelli precedenti che ho scritto), ma sarà interamente scritto. A differenza di altri, farò dei capitoli abbastanza brevi con numerose immagini (almeno si ha meno da leggere).
    Bene.. Sinceramente non so che altro scrivere, quindi iniziamo con il primo capitolo
    Buona lettura a tutti.
    Indice - Premessa - Capitolo I
    Ultima modifica di Particella; 12th December 2011 alle 22:17

  3. #3
    sim audace L'avatar di Particella
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lombardia, Lecco
    Età
    23
    Messaggi
    138
    Inserzioni Blog
    4
    Potenza Reputazione
    9




    Stavo procedendo passo dopo passo verso la chiesa.. Mi guardavo attorno terrorizzata. Non vedevo nulla, non sentivo nessuno. Nel silenzio assoluto udivo solamente il rumore delle mie scarpe che calpestavano le poche foglie sulla strada. Mi limitavo a passi leggeri e veloci, uno dopo l’altro, il più in fretta possibile.
    Man mano che camminavo entrai in una strettoia illuminata da una debole lanterna affissa al muro, pochi secondi dopo, mi accorsi di avere i piedi immersi in una bassa e fitta nebbia. -Lucia!! Lucia, maledizione torna indietro!- urlò un uomo con un voce rauca e spaventosa.



    Di scatto mi girai e vidi in fondo alla strada un individuo avvolto nell’oscurità. Impaurita velocizzai i miei passi e presto arrivai davanti alla chiesa. La nebbia si era ormai estesa, copriva tutta la visuale, da rendere invisibile la chiesa. Si poteva intravedere il portone che era leggermente aperto, illuminato dalle luci della strada. Con calma, aprii la porta e in fondo alla navata centrale, vidi inginocchiato a terra, padre Ivano assorto nelle sue preghiere. A passo veloce, mi avvicinai e gli dissi: -Padre, mi aiuti! Mi sono risvegliata in una camera oscura non lontano da qui. Intorno a me era tutto pieno di sangue, ero spaventata, l’unico posto in cui potevo chiedere aiuto era proprio questo…- Egli non dava segni di risposta, -Padre, mi ascolta?- a quel punto la mia mano si allungò toccandogli la spalla, era un segno per chiamarlo. Padre Ivano cadde all’ indietro sbattendo il capo a terra. I suoi occhi erano agghiaccianti, erano ricoperti di sangue ed erano stati forati al centro! Rimasi immobilizzata davanti a questo orrore.



    Non ebbi il tempo di riprendermi che improvvisamente sentii dei passi provenire dall’esterno. Spaventata ed impaurita salii le scale dietro l’altare e mi nascosi al piano superiore. Non c’era nessuna via di fuga, ero costretta a rimanere nascosta dietro ad un sottile muro. Dal quel punto di vista, si riusciva a vedere il portone, dal quale intravidi lo stesso uomo di prima, che con una leggera spinta, aprì la porta. Entrando, con la sua voce fredda e rauca disse:-Lucia, ti ho vista entrare! Esci fuori-. L’individuo esaminò con lo sguardo l’intera chiesa, nell'intento di rintracciarmi. Nel frattempo, mentre cercavo di intravedere l’uomo, rimasi impigliata nel portaombrelli fissato a terra. Con alcuni scatti veloci cercai di sganciarmi ma senza successo. Mentre l'uomo era intento ad uscire dalla chiesa, feci un altro deciso movimento riuscendo finalmente a staccarmi ma sbattei il gomito contro il muro adiacente a quello dove si trovava il portaombrelli, causando un intenso boato. L’uomo, ormai vicino al portone, si girò lentamente verso l’origine del rumore e con lenti passi e con in mano una pala, si avvicinò alle scalinate. Ero terrorizzata. Presi la lanterna che illuminava il corridoio in cui stavo, e mi preparai a scaraventarglielo contro appena l’individuo avesse fatto l’ultimo gradino. Codesto, con occhi agghiaccianti, lentamente si stava approssimando al pianerottolo, mentre con la sua voce rauca diceva: -Lucia, so che sei qui, non avere paura, non ti farò del male.- Ormai era giunto sull’ultimo gradino e intanto che scrutava la situazione alla sua sinistra, presi coraggio e uscii dal mio nascondiglio e gli scaraventai contro la lanterna. Questo cadde a rotoloni dalle scalinate, picchiando la testa in svariati punti. Giunto a terra, rimase immobile. Dopo aver verificato che non ci fosse nessun’altro e dopo aver preso la pala che gli era caduta all'individuo velocemente scesi le scale e mi avvicinai prudentemente all’uomo.



    Con un leggero spintone, toccai il tizio e verificai che fosse morto. Questo si girò per la spinta ma successivamente, non diede segni di vita. Controllai nella sua tunica nera se avesse qualche informazione, una traccia del perchè mi ero svegliata in quella camera oscura. Controllai tutte le tasche, ma nulla. Intravidi nel taschino dei pantaloni un piccolo portafoglio, nel quale era contenuta una banconota da 5 dollari e un biglietto completamente stracciato e rovinato. C’era scritto: “20 Settembre Ore 23:50 Forest Park (Vicino alla panchina)”.



    L’appuntamento era fissato a distanza di due settimane. Cosa significava? Chi doveva incontrare? Perchè mi stava inseguendo?

    Indice - Capitolo I - Capitolo II
    Ultima modifica di Particella; 23rd December 2011 alle 19:10

  4. #4
    sim dio L'avatar di Stefizzi
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Antani
    Messaggi
    3,685
    Potenza Reputazione
    17
    Mo me lo leggo (anche se il prossimo capitolo lo leggerò tra 5 mesi) Spero proprio che tu non sospenda, ma devi farlo per te stessa, dirlo a noi non serve a niente!
    Volo!
    Deja Vu Jingle Jangle
    She read about people she could never be, and adventures she would never have
    Posizionare sims & oggetti su tutte le superfici - Scattare foto realistiche in TS3

    1fratto antani può essere imbrunato ma non postanato ....

  5. #5
    sim onniscente L'avatar di candylove
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    Cosenza
    Età
    23
    Messaggi
    1,708
    Inserzioni Blog
    11
    Potenza Reputazione
    10
    Mi intriga un sacco questo diario!! Lo seguirò sicuramente !
    Chi sa chi è quell'uomo e cosa vuole dalla protagonista!
    Complimenti anche per le foto aspetto il prossimo aggiornamento!
    Le mie ministorie: Roxtales









  6. #6
    sim audace L'avatar di Particella
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lombardia, Lecco
    Età
    23
    Messaggi
    138
    Inserzioni Blog
    4
    Potenza Reputazione
    9
    Grazie mille per i complimenti appena finisco di sistemare le ultime cose del prossimo capitolo, inserisco il secondo capitolo - FlashBack
    Ultima modifica di Particella; 13th December 2011 alle 15:22

  7. #7
    sim audace L'avatar di Particella
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lombardia, Lecco
    Età
    23
    Messaggi
    138
    Inserzioni Blog
    4
    Potenza Reputazione
    9
    Ok ragazzi, finalmente mi sono liberata della scuola per qualche settimana e finalmente riuscirò ad inserire qualche capitolo . Del secondo capitolo non mi piacevano le foto, le sto rifacendo, ma manca veramente poco. Credo che per questa sera riuscirò ad inserirlo; in tal caso, lo rinvierò al 26 o 27. A prestissimo!!
    Buone feste e Buon natale a tutti!

  8. #8
    sim audace L'avatar di Particella
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lombardia, Lecco
    Età
    23
    Messaggi
    138
    Inserzioni Blog
    4
    Potenza Reputazione
    9




    Non avevo la minima idea di dove poter andare, non sapevo a chi chiedere spiegazioni del perchè di tutto questo, non avevo nessuno a cui chiedere aiuto perchè dopo essermi trasferita, non mi venne mai in mente di tenere i contatti con amici e parenti, volevo solo andarmene da quella casa e dimenticare gli orribili comportamenti che avevano verso me e mia figlia... ma approposito, dov'era Cecilia?? Mi immobilizzai per qualche secondo cercando di ricordare cos'era successo nei giorni prima, e all'improvviso mi venne un flashback.


    -Mamma! Mamma! Finalmente è arrivato il mio primo giorno di scuola!! Mancano solo pochi minuti!- urlò Cecilia mentre scendeva correndo le scale.
    -Cecilia! Non correre sulle scale, potresti cadere e farti male! Vieni qui..- dissi mentre le prendevo le spalle.
    -Cecilia, fra pochi minuti arriverà il pulmino, ricordati di chiamarmi appena arrivi a scuola! Devi schiacciare il bottoncino verde, proprio questo- dissi indicandole il tastino verde del cellulare.
    -Sono molto preoccupata. E' la prima volta che mi separo da te per così tanto tempo-,



    -Mamma stai tranquilla, sono solo poche ore, poi farò amicizia con tantissime bambine, mi divertirò!- disse Cecilia in modo angelico.
    A quel punto allungai lo sguardo e vidi con la coda dell'occhio il classico pulmino americano che si stava approssimando davanti casa nostra. Diedi un bacio a Cecilia e l'accompagnai all'entrata del piccolo pullman.
    -Ciao Mamma! Ci vediamo dopo!- urlò Cecilia affacciandosi dal finestrino.
    -A dopo figliola! Ti voglio bene!- ribattei.
    Il pulmino a quel punto riprese la sua marcia e in pochi secondi, scomparve dalla mia visuale.
    Rientrai in casa velocemente per l'eccessivo freddo che c'era in quel periodo. Inoltre stava già nevicando da circa tre ore, e man mano che passava il tempo, la pioggia aumentava e lo strato morbido e candido di neve sul prato, incrementava a dismisura.
    -Strano- pensai,
    -Siamo agli inizi di settembre e già c'è questo freddo, chissà a dicembre a che temperature arriveremo..-
    dopo questa breve riflessione tra me e me, presi la borsa del lavoro che si trovava sul mobile vicino all'entrata, le chiavi della macchina e spensi le luci. Mi stavo dirigendo, prima di andare al lavoro, in banca per fare un prelievo di 100 dollari, si avvicinava il compleanno di Cecilia, e il regalo che mi aveva chiesto era abbastanza caro.
    Lo strano gelido che c'era fuori, aveva generato uno strato di ghiaccio sul parabrezza, questo mi costrinse ad uscire con il raschietto e a raschiare tutti i vetri. Nell'intento di togliere l'ultima parte di ghiaccio, si presentò alle mie spalle la signora Valech.
    -Buongiorno Lucia!! Dormito bene questa notte?-, disse la pensionata facendomi prendere un colpo.
    -Oh signora, non lo faccia più, mi ha spaventata!- dissi.
    -Lucia, non era nelle mie intenzioni, scusami-;



    -Non si preoccupi, comunque non ho dormito per niente, questa mattina Cecilia cominciava la scuola, ed ero molto preoccupata per lei; inoltre oggi, in tribunale, devo difendere una ragazza diciottenne che si presume abbia ucciso sua figlia, e per di più questo freddo non migliora la situazione- dissi mentre raschiavo l'ultima parte di ghiaccio.
    -Eh, hai ragione, il meteo dice che questo freddo continuerà per le prossime settimane.. Speriamo che migliori un pò, avevo intenzione di andare in montagna questo weekend, ma se il caldo non si ristabilisce, credo che rimarrò ancora davanti al camino a bermi una cioccolata e a passare il tempo davanti alla televisione- disse freddolosa la signora.
    -Ok, io ho finito, ora devo andare che ho una giornata impegnativa-,
    -Ci vediamo.- disse l'anziana.
    Accesi la macchina, e partii velocemente verso la banca. Dopo qualche minuto arrivai, come al solito non c'era parcheggio e fui costretta a posteggiare la macchina vicino ad un cassonetto dietro l'edificio. Mentre uscii dalla vettura, mi accorsi che vicino a me si trovava un barbone sdraiato a terra con una bottiglia di liquore in mano, presi dal portafoglio una banconota da 5 dollari e glieli porsi dicendogli:
    -Tieni, comprati da mangiare-.
    -Grazie signora, non credevo ci fossero ancora persone come lei-, disse l'uomo.
    Dopo questa risposta, mi incamminai verso lo sportello per il bancomat, ma era occupato, e per non soffrire il freddo, optai per lo sportello all'interno.



    Nel momento in cui entrai, sentii il calore emesso dai caloriferi, un dolce sollievo per i miei piedi che erano già gelidi. Immediatamente mi diressi verso il bancomat, estrassi dal portafoglio il fogliettino con il codice della mia carta di credito, che inspiegabilmente non riuscivo mai a ricordare, e iniziai a digitare il codice.. 9, 7, 3, 5..
    -FERMI TUTTI!! QUESTA E' UNA RAPINA!!!- urlò un tizio all'entrata con una pistola in mano.
    -Oddio!- urlai io.
    Il tizio procedette velocemente verso me e mi disse:
    -Stai zitta o ti spappolo il cervello!! Chiaro?!?-
    prese la pistola e me la scaraventò contro facendomi cadere e facendomi perdere i sensi.

    Indice - Capitolo II - Capitolo III

  9. #9
    sim onniscente L'avatar di candylove
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    Cosenza
    Età
    23
    Messaggi
    1,708
    Inserzioni Blog
    11
    Potenza Reputazione
    10
    Non puoi far finire il capitolo così! xD
    Sono curiosissima, che l'uomo della rapina centri qualcosa con il rapimento della donna??
    Aspetto il prossimo aggiornamento!
    Le mie ministorie: Roxtales









  10. #10
    sim audace L'avatar di Particella
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lombardia, Lecco
    Età
    23
    Messaggi
    138
    Inserzioni Blog
    4
    Potenza Reputazione
    9

    Re: Nelle mani dell'assassino

    Scusatemi per il ritardo, sono veramente impegnata con la scuola... visto che finisce il quadrimestre, i professori si sono decisi solo ora di fare interrogazioni e verifiche e mi ritrovo ogni giorno a studiare come una pazza per prendere almeno un 6. Spero che appena finirà il quadrimestre, avrò tempo di aggiungere il prossimo capitolo Scusatemi ancora!!!

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Nettare... nelle botti
    Di Angelozap nel forum The Sims 3: Travel Adventures
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13th July 2011, 15:57
  2. Rubare nelle case
    Di John 95 nel forum The Sims 3: Gioco Base
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20th April 2011, 18:20
  3. Imprevisti nelle feste
    Di Alexa Cosgrove nel forum The Sims 3: Late Night
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 23rd February 2011, 20:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •