Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 17 di 27 PrimaPrima ... 71516171819 ... UltimaUltima
Risultati da 161 a 170 di 265
  1. #161
    sim dio L'avatar di saphira_84
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Età
    40
    Messaggi
    4,217
    Inserzioni Blog
    6
    Potenza Reputazione
    28

    Re: [LoD] Un senso di...te - 1.5 La sirenetta (07/04) VOTAZIONI APERTA

    Bellissimo capitolo..mi ha fatto emozionare tantissimo.
    Mi piace questo lato dolce e protettivo di Edoardo, che si sia innamorato davvero?
    La parte del bacio è stata fantastica, la Sirenetta è il mio cartone animato Disney preferito in assoluto , quindi non potevo non aprezzare il riferimento.
    Io voto A, la sincerità prima di tutto, non è giusto nei confronti del povero Michele tenerglielo nascosto. Se lo venisse a scoprire in un altro modo sarebbe sicuramente peggio...
    Bravissima Adanay, ottimo lavoro come sempre

  2. #162
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [LoD] Un senso di...te - 1.5 La sirenetta (07/04) VOTAZIONI APERTA

    Citazione Originariamente Scritto da valuccia85 Visualizza Messaggio
    Tesora!!! Pensavi non avessi preso in considerazione questa tua STUPENDA, SUBLIME e MERAVIGLIOSA LoD, vero? Ed invece eccomi qui pronta a commentare! Ovviamente l'ho letta tutta e ti devo fare dei complimenti più che sinceri: è scritta DIVINAMENTE, le location sono PERFETTE, i personaggi sono caratterizzati in ogni minimo dettaglio, le foto sono SUPERBE, insomma... devo aggiungere altro? La storia è coinvolgente: mi spiace tantissimo per quello che ha dovuto vivere sinora Miranda... purtroppo, a volte, la gioventù porta a dei passi falsi e ci si ritrova a dover convivere con dei dolori terribili. Nel caso di Miranda un Amore che non si è rivelato tale sia da parte di Kyle (si chiama così, vero? Scusa, ma avendo letto tanto ora mi sfugge), ma soprattutto da parte dei suoi genitori. La vera coltellata è stata questa, secondo me... le persone che dovrebbero amarla incondizionatamente che le voltano le spalle.
    Ora la vita va decisamente meglio, ma il bivio che proponi adesso è interessante. Premetto che tifo per Michele, sebbene mi piaccia molto anche Edoardo. Sarà che sono un po' stufa del "bello e dannato" e preferisco sempre più il ragazzo semplice, ma che sa comunque sorprendere. Proprio per rispetto nei confronti di Michele, se posso, voto l'opzione A.
    Credo sia giusto essere onesti con la persona che, per prima, ha creduto in lei e le ha dato questa nuova possibilità di vita e che, non volendo, sembra le abbia anche fatto trovare il vero Amore, no?
    Ma dove lo trovi uno così, Miranda?!
    Detto questo ti saluto e spero di aver fatto la scelta giusta
    Ps. Sei sempre bravissima, ma penso che ormai l'hai capito xD
    Valeeee!! Sono felicissima di trovare un tuo commento anche qui nella Lod *___* me onorata
    wow... un sacco di complimenti che mi lasciano senza parole e non so davvero come ringraziarti per la tua gentilezza... dovrei coniare un nuovo termine per dire: grazie.
    Le location non sono totale farina del mio sacco perché per comodità e per velocizzare i tempi le scarico già pronte... io aggiungo semmai qualche dettaglio o modifico qualcosa per renderlo più similare alla mia idea di base.
    Le foto ci perdo sempre ore... ci metto in media 2/3 giorni per fare le foto e lavorarle a photoshop quindi sono felicissima che ti siano piaciute
    I personaggi mi piace che abbiano un carattere predominante, caratteristico... ognuno ha la sua psicologia e spero di riuscire a trasmetterlo.
    Miranda non è stata molto fortunata in effetti... Kyle, il nome l'hai azzeccato , è stato terribilmente stronzo, ma i peggiori senza dubbio sono i genitori che, come hai detto tu, avrebbero dovuto amarla incondizionatamente ed appoggiarla. Invece l'hanno abbandonata nel momento di maggior bisogno. Fortunatamente Miranda ha saputo rimboccarsi le maniche (e le scelte sono state giuste) ed è riuscita a superare questo difficile ostacolo anche se certo ha lasciato cicatrici.
    Wow, michele ha una numerosa tifoseria vedo xD il bello e dannato è un pò un classico e anche banale in un certo senso (difetto mio che ho una predilezione per questo tipo di uomo xD) ma non è solo quello... diciamo che nella mia testa la difficoltà nell'azzeccare l'amore vero di Miranda era proprio questa: farsi ingannare dall'apparenza. Michele così buono, dolce ed altruista. Edoardo burbero, presuntuoso e donnaiolo. Era diciamo la difficoltà della generazione anche se molte son rimaste affezionate al fratellino io neanche a dirlo amo incondizionatamente Edoardo *_*
    Andando alla scelta, certo che puoi votare! Segno la A. Hai perfettamente ragione... la sincerità è sempre la scelta migliore e Michele non merita di essere preso in giro. Anche perché ha dato una grande opportunità a Miranda e le ha cambiato, di conseguenza, la vita in meglio.
    Ti ringrazio di nuovo di cuore...a presto

    Citazione Originariamente Scritto da saphira_84 Visualizza Messaggio
    Bellissimo capitolo..mi ha fatto emozionare tantissimo.
    Mi piace questo lato dolce e protettivo di Edoardo, che si sia innamorato davvero?
    La parte del bacio è stata fantastica, la Sirenetta è il mio cartone animato Disney preferito in assoluto , quindi non potevo non aprezzare il riferimento.
    Io voto A, la sincerità prima di tutto, non è giusto nei confronti del povero Michele tenerglielo nascosto. Se lo venisse a scoprire in un altro modo sarebbe sicuramente peggio...
    Bravissima Adanay, ottimo lavoro come sempre
    Saphira ciao
    wow, grazie!! Sono contentissima di averti un minimo emozionato. Quando scrivo la speranza è proprio quella... emozionare anche in minima parte *_*
    Edoardo, come accennato, sta uscendo allo scoperto e si sta scoprendo per quel che è... non è il classico stro**o e neanche dannato Pare sia veramente innamorato di Miranda ma lo vedrete con certezza al prossimo episodio (che spero di postare presto).
    wwaaaaaaaa!! Davvero è il tuo cartone preferito?? io tra alcuni cartoni disney non saprei scegliere ma la sirenetta è senza dubbio nella mia top 5 <3
    Proprio per questo scrivere il pezzo del bacio con Sebastian che canta 'baciala' (e questa invece è la mia canzone preferita) è stato molto bello per me... mi sono talmente immedesimata che mi sono emozionata manco fossi stata io Miranda xD
    A segnata... la sincerità è la miglior moneta, scoprirlo sarebbe un colpo ed è facile che la scoperta scateni un bel casino.
    Quindi diciamo tutto...
    grazie mille per esser passata e per aver votato.
    ♣ Le mie storie ♣




  3. #163
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [LoD] Un senso di...te - 1.5 La sirenetta (07/04) VOTAZIONI APERTA

    VOTAZIONI CHIUSE
    VINCE LO SCENARIO A
    ♣ Le mie storie ♣




  4. #164
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    18

    Re: [LoD] Un senso di...te - 1.5 La sirenetta (07/04) VOTAZIONI APERTA

    Ed ora sale l'ansia... la mia prima votazione in assoluto in una LoD. Avrò fatto la scelta giusta? Miranda... perdonami!!! xD










  5. #165
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [LoD] Un senso di...te - 1.5 La sirenetta (07/04) VOTAZIONI APERTA

    Citazione Originariamente Scritto da valuccia85 Visualizza Messaggio
    Ed ora sale l'ansia... la mia prima votazione in assoluto in una LoD. Avrò fatto la scelta giusta? Miranda... perdonami!!! xD
    Tra poco lo scoprirai
    spero di aggiornare entro stasera
    ♣ Le mie storie ♣




  6. #166
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    17

    Re: [LoD] Un senso di...te - 1.5 La sirenetta (07/04) VOTAZIONI APERTA

    Citazione Originariamente Scritto da valuccia85 Visualizza Messaggio
    Ed ora sale l'ansia... la mia prima votazione in assoluto in una LoD. Avrò fatto la scelta giusta? Miranda... perdonami!!! xD
    Valuccia ti ci devi abituare ma è proprio questo il bello delle Lod: avere l'ansia per sapere se si è votati giusto.

  7. #167
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    16

    [LoD] Un senso di...te - 1.6 Piccola Ragazzina (18/04)

    Ieri non ce l'ho fatta... ma oggi rieccomi!
    Questo è l'ultimo bivio che riguarda Miranda e poi si passerà alla prossima generazione
    Non vi dico ancora se avete o no indovinato l'ultima volta... lo scoprirete a fine episodio

    1.6



    Piccola Ragazzina





    La mattina era ancora nel fiore del suo splendore, fuori un timido sole se ne rimaneva rintanato dietro le nuvole biancastre che annunciavano pioggia.
    La luce mattutina filtrava dalle leggere tende della finestra illuminando proprio il volto di una Miranda profondamente addormentata, risvegliando appena i suoi sensi.
    Aveva sospirato e sorriso come aveva avvertito il braccio di Edoardo stringerla più forte a sé.
    Si beava di quel momento di pace in cui la pasticceria era finalmente chiusa regalando loro un giorno di diletto e relax. Era Natale anche per loro.
    Si era rannicchiata ancora di più a cucchiaio contro di lui, sotto la coperta pesante, godendosi il tepore e quella vicinanza che ancora le faceva battere forte il cuore e la rendeva felice.



    La pace però non era destinata a durare a lungo.
    Un ciclone di nome Anna era corsa nella camera dove dormivano i due e aveva iniziato a saltare su quel letto come una pazza <<Forza, forza! Sveglia!>> aveva urlato svegliandoli all’istante.
    Miranda si era portata d’istinto il cuscino sul volto come a voler chiedere pietà e riottenere quel sonno appena interrotto. Edoardo si era invece faticosamente issato sulle braccia a guardarla ancora assonnato e con gli occhi appiccicati.
    <<Ma come fai ad avere tutta quest’energia alle 9:00 di mattina?>> aveva domandato arreso allungando un braccio verso di lei per invitarla a sedersi tra lui e Miranda.
    <<Lei è andata a dormire alle 21… noi alle 5 di mattina, per questo ha tutta questa energia>> era stata la risposta di Miranda mentre accoglieva la sua bambina, che ora aveva 5 anni, tra le braccia.



    Erano passati tre anni da quel viaggio a New York. Era stata dura affrontare Michele, ma sarebbe stata ancora più dura rinunciare a Edoardo.
    Gli avevano parlato il giorno seguente del loro ritorno in pasticceria. Avevano deciso di aspettare almeno la fine del turno ma Michele aveva intuito subito quegli strani e fugaci sguardi, la tensione che pareva rivestire le mosse e le parole di Miranda ogni volta che le si rivolgeva per qualsiasi cosa. Non gli era sfuggito nemmeno lo sguardo colpevole di Edoardo che, in quel caso, non era stato maestro nel mascherarlo.
    Così non erano riusciti ad arrivare nemmeno all’ora di pranzo. Michele aveva esordito entrando in cucina con la domanda che paventavano da quando si erano confessati il reciproco amore.
    <<Che diavolo succede?>>
    Miranda si era sentita inghiottire dal pavimento mentre Edoardo lo aveva guardato negli occhi serio.
    Era stato lui a parlare per primo <<Devo parlarti>> aveva iniziato mentre Patricia, a quelle parole, si era voltata incuriosita per capire cosa stesse succedendo.
    <<Dobbiamo parlarti>> aveva precisato Miranda. Non voleva che Edoardo parlasse da solo col fratello, dovevano farlo insieme, almeno l’annuncio.



    <<Dovete parlarmi?>> aveva ripetuto il ragazzo perplesso guardandoli spaesato e con un sospetto che s’insinuava nella sua mente.
    <<Non ho mantenuto la promessa>> aveva detto di getto Edoardo. Certo la diplomazia non era il suo punto di forza.
    Michele sul momento non aveva proferito verbo, la mascella si stava serrando tesa, le mani si erano chiuse a pugno e il suo respiro era divenuto più ansante.
    <<Mi dispiace Michele ma…>> non aveva avuto il tempo di terminare la frase che Michele gli si era letteralmente scagliato contro.
    <<Sei un bastardo!>> aveva urlato mentre un pugno colpiva lo zigomo di Edoardo.
    Lui non aveva risposto, aveva incassato il pugno senza reagire. Probabilmente pensava di meritarlo.
    Ma Miranda e Patricia non erano riuscite a trattenere un grido.
    <<Michele che stai facendo??>> aveva urlato Miranda mentre Michele continuava la sua sfuriata prendendolo per il bavero.



    ...
    Ultima modifica di Adanay; 18th April 2014 alle 19:10
    ♣ Le mie storie ♣




  8. #168
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    16

    [LoD] Un senso di...te - 1.6 Piccola Ragazzina (18/04)

    <<Me l’avevi promesso! Te la sei voluta scopare e per cosa? Per mandarla a fanculo ora che l’hai avuta?>>
    <<Non è come pensi, Michele!>> Miranda si era aggrappata alle spalle di Michele cercando di convincerlo a mollare la presa.
    Michele guardava fisso negli occhi del fratello con sfida, furia e rabbia. Edoardo al contrario rimaneva serio e inerme. Avrebbe potuto rispondere e difendersi brillantemente ma non avrebbe mai colpito suo fratello.
    <<Mi merito la tua rabbia, ma non è solo questo!>> aveva poi detto.
    Michele a quel punto lo aveva mollato scagliandolo contro il bancone.
    <<Tu sei uno stronzo! Le prendi, le usi e le molli! Perché proprio Miranda tra tutte le sgualdrine che hai intorno? Perché proprio la ragazza che piaceva a me?!>>
    <<Perché l’amo>> era stata la risposta gridata di Edoardo che improvvisamente si era infervorito di nuova energia.



    Michele era rimasto ammutolito da quella confessione.
    <<Tu?! Ma se tu non sei capace di amare! Non ti ho mai visto innamorato e decidi di farlo proprio con Miranda??>>
    Edoardo era rimasto muto, sguardo colpevole.
    <<e tu – si era poi rivolto a Miranda senza abbassare il tono adirato – ti sei lasciata abbindolare da mio fratello? Ti ho dato un lavoro, una casa, una nuova vita e tu t’infili nel suo letto??>> aveva indicato Edoardo quasi disgustato ma i suoi occhi lucidi tradivano la sua delusione malcelata.
    Miranda non aveva trovato alcuna argomentazione per ribattere a quelle accuse. Nella sua testa una cacofonia di parole ma nessuna usciva dalla sua bocca.
    Edoardo però, da remissivo, era diventato un leone <<Non permetterti di rivolgerti così a lei rinfacciandole un’assunzione con i normali privilegi offerti a chi viene da fuori! Miranda non ha nessuna colpa, rifattela con me! >>
    <<Con piacere>> aveva detto Michele.



    Quel che ne era seguito era stata un’indecorosa rissa.
    Patricia aveva guardato confusa Miranda, ancora ignara dell’avvenimenti alla grande mela, e insieme avevano cercato di sedare quei due imbecilli che se le stavano dando di santa ragione.
    Alla fine entrambi si erano seduti a terra, poggiati al bancone e alcuni segni di lotta sul viso.
    <<Lasciateci soli>> aveva chiesto Edoardo e, dopo uno scambio di sguardi incerti, erano uscite lasciandoli soli.
    <<Mi dispiace Michele… ho provato a stare lontano da lei, non era programmato ma mi sono innamorato di lei. Non posso mantenere la promessa. L’errore che ho fatto non è stato amare Miranda, ma prometterti di non farlo>>.
    Michele l’aveva guardato di sbieco per poi alzarsi claudicante con le costole che dolevano.
    <<Ti capisco>> aveva detto infine offrendo la mano al fratello <<So bene come mai Miranda entri nel cuore>>
    Edoardo aveva afferrato la mano e si era alzato anche lui malmesso e aveva continuato a guardarlo conscio che era stato perdonato.
    <<Non farla soffrire però, ne ha passate tante>> si era raccomandato Michele.
    <<Questo posso prometterlo, farò qualsiasi cosa in mio potere per farla felice come merita>>
    Si erano stretti la mano e un abbraccio fraterno aveva suggellato la pace.



    Era stata una sorpresa per Miranda vederli uscire dalla cucina zoppicanti ma con le braccia attorno al corpo altrui.
    Miranda aveva guardato negli occhi Edoardo a cercare una conferma che la situazione si fosse risolta e lui aveva sorriso annuendo appena.
    Anche lei aveva sorriso ed era corsa ad abbracciare entrambi.
    <<Mi dispiace per quello che ho detto prima, Miranda>> si era poi scusato Michele sorridendo mortificato.
    <<Non preoccuparti… l’ho già dimenticato. Che mi hai detto?!>> la sua battuta era servita a sdrammatizzare.
    Nei giorni seguenti era stato comunque difficile essere se stessi. Michele aveva accettato, ma non aveva superato. Sapeva come si stava col cuore spezzato, per questo cercava di non procurargli dolori gratuiti.
    Pian piano però le cose erano state superate egregiamente.


    <<Papà, mi fai i brownie?>> Anna aveva riportato al presente la mente di Miranda.
    <<Certo, te ne faccio tanti da poterci nuotare>> aveva risposto Edoardo facendole una faccia buffa.
    <<Vedi di non esagerare che poi le viene mal di pancia>> l’aveva ripreso subito lei.
    <<Agli ordini boss>> aveva scherzato lui mentre prendeva Anna sulle spalle e la portava di sotto.
    Miranda si era sentita scaldare a quella visione, era completamente felice.
    La sua storia con Edoardo era la cosa migliore che le fosse capitata. Da New York era stato tutto un crescendo. Non avevano voluto bruciare le tappe, più che altro per Anna e Miranda non aveva mai portato nessun uomo in casa. Lui era stato il primo… adesso vivevano insieme da un paio di anni in una nuova casa ed era magnifico.
    Anna si era molto attaccata ad Edoardo che con lei era dolcissimo e premuroso. La stava allevando come fosse figlia sua al punto che la bambina, in totale autonomia, aveva preso a chiamarlo papà nonostante le fosse stato detto che lui non era il padre. Anna tuttavia non aveva mai badato a questo dettaglio insistendo a chiamarlo ‘papà’. Col tempo era diventata abitudine e Miranda era felice che Anna lo sentisse tale.



    ...


    Ultima modifica di Adanay; 18th April 2014 alle 19:10
    ♣ Le mie storie ♣




  9. #169
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    16

    [LoD] Un senso di...te - 1.6 Piccola Ragazzina (18/04)

    Si era alzata anche lei, dal piano di sotto arrivavano le voci allegre di Edoardo e Anna.
    Si era infilata un caldo maglione, data la temperatura rigida dell’inverno, ed era scesa di sotto.
    I capelli ancora arruffati, le gambe nude che sbucavano dal grande maglione abbottonato davanti.
    Sorrise al pensiero che era lo stesso maglione che indossava la sera che sbirciava i suoi vecchi amici all’orfanotrofio abbandonato, quando era incinta da pochi mesi.
    <<Mamma guarda! Sto facendo i brownie!>> Anna era entusiasta, sorridendo con quella bocca a cui mancava un dente, si era voltata a guardarla e pensò che l’amava quella bambina. Il faccino con le gote rosate tutta impiastricciata di farina, i capelli legati a coda dalle mani inesperte di Edoardo e un buffo grembiule che aveva comprato per lei a un mercatino.
    <<Ma che brava, diventerai una pasticcera?>> aveva chiesto dandole un puffetto affettuoso sul nasino infarinato.
    <<Forse…>> era stata la risposta frettolosa della bimba che fremeva per tornare a maneggiare il dolce preferito.



    Nel pomeriggio erano arrivati ospiti, era Natale e la famiglia si riuniva.
    I primi ad arrivare erano stati Bree con marito e figlio a seguito. Sì, Bree si era sposata e aveva avuto un bambino, Joel, che ora aveva 2 anni.
    <<mmm… che profumino! Quando si cena?>> era stata la prima domanda dell’amica che pareva già affamata.
    <<Non fare l’ingorda Bree o ti relego ai fornelli>> l’aveva minacciata Edoardo scherzando.
    Bree aveva fatto una buffa faccia contrita prima che venisse soppiantata da un lauto sorriso come Anna l’aveva vista schizzandole tra le braccia.
    Anna adorava Bree e Patricia che col tempo si erano autoproclamate zie.
    Beh, in effetti Patricia poteva quasi definirsi tale.
    Come se l’avesse chiamata era arrivata anche lei, mano nella mano con Michele.
    Stavano insieme da un annetto e ormai erano una coppia affiatata. Patricia era sempre stata cotta di lui ma non si era mai fatta avanti. Era stato lui, 1 anno dopo la batosta di Miranda, a chiederle di uscire. Aveva detto che, d’improvviso, aveva preso a guardarla con occhi diversi.
    Erano una coppia magnifica. Battibeccavano spesso ma erano di quei battibecchi simpatici e mai cattivi.



    L’atmosfera in casa era festosa.
    Da fuori arrivava odore di caldarroste e vin brulé, tante luci coloravano le strade, gli alberi e le facciate delle case. Miranda adorava il Natale, era sempre stata la sua festività preferita. Sarà stato per gli addobbi, l’albero di Natale a scaldare il salotto, i regali colorati e infiocchettati sotto, il pandoro, le frittelle di mele, il pan di zenzero… le ricordavano la sua nonna paterna, l’unica della sua famiglia che le aveva voluto davvero bene e che le mancava. Quand’era piccola stava sempre in cucina con lei, specie quando preparava i dolci, e le insegnava i trucchi o come fare la pasta frolla.
    <<Ehy, che ti prende?>> le aveva chiesto Edoardo sorprendendola a guardare fuori dalla grande finestra colorata da lucine e ghirlande di biancospino.
    <<Stavo solo pensando a mia nonna>> aveva risposto dandogli un bacio sulle labbra.
    Lui l’aveva stretta a sé con vigore e poi l’aveva fissata negli occhi <<Ti amo piccola ragazzina>> le aveva sussurrato trasmettendole con lo sguardo quanto vere fossero quelle parole.
    In fondo lo aveva dimostrato con i fatti. Lui che non si era mai impegnato adesso viveva con lei, si occupava non solo di Miranda ma anche di sua figlia amandola come fosse la sua.
    Rispondere: <<Ti amo anche io>> era stata la cosa più naturale del mondo.



    ...

    Ultima modifica di Adanay; 18th April 2014 alle 19:30
    ♣ Le mie storie ♣




  10. #170
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    16

    [LoD] Un senso di...te - 1.6 Piccola Ragazzina (18/04)

    La cena era stata magnifica nonostante qualche bizza dei bambini.
    Dopo cena si erano seduti attorno all’albero per scartare i regali per poi restare a conversare.
    Anna e Joel giocavano insieme e Miranda era felice che avesse finalmente un amico con cui giocare.
    Gli adulti erano invece attorno al fuoco che scoppiettava nel camino abbellito con le calze, in mano un calice di vino bianco italiano e qualche cioccolatino e caldarroste da stuzzicare adagiate sul tavolino.
    <<Insomma, eravamo tutti presi a guardare il film, io ero curiosissima di scoprire come finiva e Michele entra e, con il candore che lo contraddistingue, ha rivelato il finale! Giuro avrei voluto strozzarlo!>> erano racconti del genere a farla da padrona in quella serata in amicizia.
    Miranda rideva di gusto e finalmente poteva essere se stessa con Edoardo anche in presenza di Michele. Con lui era rimasta una meravigliosa amicizia, era come il fratello che non aveva mai avuto ed era contenta di vederlo così felice con Patricia alla quale voleva un bene indescrivibile.



    La serata si era protratta per un bel po’, quando tutti se n’erano andati Anna era crollata sul divano, essendosi incaponita a non voler andare a letto.
    Guardava ora quella casa, improvvisamente vuota ma piena d’amore.
    <<Buon Natale amore>> aveva detto Edoardo posandole le braccia attorno ai fianchi.
    <<Buon Natale, Yoghi>> sì, Yoghi. Così lo chiamava lei, il suo orsetto preferito.
    <<Che dici portiamo la bella addormentata a letto?>> aveva detto indicando col capo Anna.
    <<Direi che è il caso, io do una sistemata e vengo a dormire… sono stravolta.>> un bacio e lui aveva preso la bambina tra le braccia che le si era accoccolata addosso.



    Aveva raccolto tutti i rifiuti, messo in lavastoviglie i piatti e i bicchieri ed ora portava fuori la spazzatura pregustandosi già il momento in cui avrebbe toccato il letto anche se era certa che il sonno le sarebbe passato come si fosse messa sotto le lenzuola con Edoardo.
    Fuori faceva freddo e lei aveva fretta di rientrare, aveva chiuso il coperchio e si era messa a correre verso casa.
    <<Miranda>> una voce l’aveva fermata.
    Non si era voltata. Era rimasta lì a soppesare mentalmente quella voce. Era familiare…e faceva male.
    Non c’era voluto molto, nonostante il tanto tempo trascorso, a riconoscere a chi appartenesse.
    Non si era voltata.
    <<Miranda…>> l’aveva chiamata ancora e lei alla fine si era decisa a voltarsi a guardare in faccia quella donna che un tempo aveva chiamato ‘mamma’.



    CONTINUA DI SEGUITO -->


    ♣ Le mie storie ♣




 

 
Pagina 17 di 27 PrimaPrima ... 71516171819 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Si è bloccato, nel senso...
    Di Pixi19 nel forum L'angolo Tecnico
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 6th September 2012, 23:01
  2. Il buon senso e un po' di logica
    Di rexel nel forum The Sims 3: Gioco Base
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 4th May 2011, 14:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •