Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 2 di 15 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 150
  1. #11
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    15

    Re: Cygni b

    è davvero molto intrigante come prologo! Io non sono molto portata (nè amante) delle storie futuristiche o fantascientifiche, ma questo prologo mi ha invogliato a volerne sapere sempre di più.
    Mi piace molto come lo hai curato sia nello scritto che nelle foto. Non è assolutamente banale, mi piace molto la creativà con cui hai creato questo mondo immaginario *_*
    spero di leggere al più presto il primo capitolo, mi hai certamente tra i seguaci
    complimenti
    ♣ Le mie storie ♣




  2. #12
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: Cygni b

    Citazione Originariamente Scritto da Acqua&Sapone Visualizza Messaggio
    Grazie ragazze, spero di riuscire in questa impresa, è il mio primo diario...
    @Ecli: Eheheheh, spero di riuscire a catturare un pò della vostra attenzione.
    @tati: Grazie per il tuo sostegno, specie quello emotivo
    @Delta: Vaniant, ossia la città, me la sono ritrovata bella e pronta con Into the Future, è infatti ''Oasis Landing'', la città futuristica dei nostri sims. In origine la storia doveva essere ambientata a Lunar Lakes, ma questa corrispondeva in tutto e per tutto alla mia idea, così l'ho sfruttata. Andando avanti con la storia mi cimenterò nella costruzione di location e lì saranno cacchi
    A presto il primo capitolo, già fresco di ''stampa''
    o che bella!!!!! Non ho questa espansione, non sapevo fosse così la città allegata al gioco. Intanto complimenti ancora e aggiorna presto che anche se io non sono proprio amante della fantascienza questa storia mi incuriosisce molto!!!

  3. #13
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    @Adanay: Ciao Adanay, mamma di Miranda Sono felice di averti un pò conquistata, anche se non ti piacciono molto le storie di fantascienza. Comunque vedrai che all'interno troverai anche dei sottogeneri, tra cui amore, vendetta e... Basta, altrimenti spoilero troppo!
    @Delta: Anche tu contro la fantascienza? Ah, mi sono proprio andata ad ingarbugliare sul vostro genere preferito allora!

    Tra pochi minuti il primo capitolo, spero di non deludere nessuno di voi.

  4. #14
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Sistema binario: Si definisce binario il sistema
    formato da due stelle che ruotano intorno al
    loro comune centro di massa.
    La componente più luminosa viene chiamata primaria,
    mentre l'altra compagna o secondaria.

    CAPITOLO I

    Passeggiata notturna




    Anno 175217

    Mancava soltanto un giorno alla Grande Cerimonia.
    L’intera città aveva accelerato la routine quotidiana per ritagliare del tempo da dedicare ai preparativi affinché tutto fosse perfetto e Lei fosse soddisfatta e compiaciuta.
    Nessuno l’aveva mai vista in volto, nessuno che non facesse parte della casata degli Hugh, ossia la Sua casata di nascita.
    Essa si presentava al suo popolo solo due volte l’anno e, in entrambi i casi, il suo volto era interamente coperto da una maschera di gesso.
    Suo padre, il Sindaco Hugh, l’aveva tenuta nascosta in casa fin dalla sua nascita e così avevano fatto tutti i capi di stato prima di lui; tutti gli Elurin, dal più ricco al più povero, potevano ricevere il dono di un solo figlio, questo per non sovrappopolare la piccola cittadina dal precario equilibrio vitale.
    Il Sindaco invece poteva concepire quanti figli voleva, ma di solito il primo era sempre una femmina, che veniva praticamente segregata in una torre alta 30 piani per tutta la vita.



    E così, generazione dopo generazione, il popolo aveva adorato la Sacerdotessa di turno senza neanche conoscerne il volto o poter erigere una statua in suo onore. A loro era concesso conoscerne solo il nome, e nell’anno 175217 il Suo nome era Jordan.
    I cittadini fantasticavano da sempre sulla donna.
    ‘’Deve essere ripugnante’’ osavano alcuni ‘’Altrimenti perché tenerla nascosta?’’
    ‘’Secondo me invece è più bella di quanto potranno mai essere le nostre donne’’ sussurravano altri, ben attenti a non farsi sentire dalle mogli.
    ‘’Ma è fatta di carne come noi o è solo un’aura divina?’’ chiedevano i bambini alle loro maestre.
    ‘’A nessuno è dato saperlo..’’ rispondevano con un misterioso sorriso le loro insegnanti.
    E così per secoli, per millenni.
    La misteriosa figura ecclesiastica doveva dedicare la sua vita al popolo, non poteva incontrare nessuno al di fuori della famiglia reale, non poteva avere figli e non poteva amare che gli Elurin tutti.
    Essa, segregata nella sua magione dorata fin dai suoi primi vagiti di neonata, osservava dalla torre più alta il suo piccolo regno, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno.
    Durante la Grande Cerimonia Essa sbucava dal buio, passeggiava con la sua scorta tra i fedeli in giubilo, si sedeva sull’erba con lo sguardo rivolto alle stelle e cominciava a pregare. Nessuno poteva rivolgerle la parola, le guardie robotiche che la proteggevano non lo permettevano in nessun caso.
    Terminata la preghiera essa si alzava e se ne andava, spesso in lacrime e sconvolta dall’estasi religiosa, ma mai prima che il sole azzurro fosse sceso oltre l’orizzonte; esso segnava l’inizio del nuovo anno e la fine del periodo del raccolto, nonché un altro lungo intervallo di prigionia per lei e per le sue ancelle, ma nessuno sembrava preoccuparsi di questo.
    A nessuno passava mai per la testa che quella doveva essere la creatura più infelice e sola mai venuta al mondo.
    A loro interessava soltanto la Benedizione per il raccolto di un anno di fatiche nei giardini e l’inizio del periodo riproduttivo per le donne, le quali si concedevano alla maternità soltanto dopo aver ricevuto le parole di buon auspicio di Jordan.
    Eppure lei non li amava, piuttosto li scrutava tutti quanti con invidia, dalla sua alta torre d’avorio.



    Ma ecco che è già notte, la notte in cui il Sindaco si trova in compagnia delle fanciulle più belle della città.
    E' un onore essere invitate al cospetto degli Hugh, Baroni di Vaniant da dieci generazioni e sindaci di diritto della capitale.
    Veloj Hugh vizia le sue ospiti con vestiti cuciti dalle sue sarte personali, ben diversi da quelli sintetici cui esse sono abituate; le disseta con le migliori bevande e le sazia con i cibi più pregiati che solo lui, in quanto capo della città, può permettersi di assaporare.
    Loro ricambiano donando il loro corpo e la loro anima, segretamente speranzose di poter maturare in grembo il seme degli Hugh ed entrare quindi a far parte della casata reale.

    Ovviamente tutto ciò non si verificava mai, Veloj era un uomo malvagio ma anche estremamente scaltro.
    Così
    Jordan decise che sarebbe accaduto quella notte. Spiando il padre nelle sue stanze aveva visto che egli era addormentato profondamente accanto alle sue concubine, così decise di muoversi.
    Raccolse i lunghi capelli corvini in un cappello che era stato di sua madre, indossò alcuni vestiti scuri sgualciti e scese in punta di piedi la scalinata che avvogeva la torre come una spirale.
    Lì, grazie ad una porta di servizio, potè spiare di fuori.
    Dopo un ultimo sguardo frettoloso per assicurarsi che nessuno la vedesse si decise ad uscire dal palazzo.




    Non era la prima volta che fuggiva, non sarebbe stata l’ultima.
    Percorse quell’ultimo tratto con il cuore in gola, ma alla fine fu libera.



    Mentre correva a perdifiato per mettere distanza tra lei ed il suo carcere, al buio, si mise a ridere per essere riuscita a giocare i guardiani ancora una volta.
    La sensazione era indescrivibile, probabilmente la stessa che prova un canarino la cui padrona abbia dimenticato la gabbia aperta. Corse su per la collina, il palazzo si faceva sempre più piccolo alle sue spalle, ma lei non si voltò a guardarlo neanche una volta.



    A volte si dirigeva verso i locali notturni della città per poter scambiare due parole con la gente comune, altre volte si sdraiava sull’erba della collina ad ovest, dalla quale era possibile ammirare il deserto coperto da un manto di stelle.
    Non era importante dove sarebbe andata, per lei contava soltanto il fatto di essere libera.
    Stavolta correva senza una meta, attirata dalle luci dei ritrovi come una falena stregata da un lume biancastro e accecante.
    Si fermò per riprendere fiato, proprio davanti ad un locale in cui erano appena entrati svariati ragazzi.
    Un androide di ronda lo sorvegliava camminando avanti ed indietro nei pressi dell'entrata.



    Passarono pochi attimi di incertezza, poi i suoi piedi si mossero da soli verso la porta principale, ma qualcuno la trattenne con presa salda per i fianchi.



    “Esci dalla tua torre e non mi porti con te?” sibilò qualcuno dietro di lei, stringendola a se.



    Non aveva bisogno di voltarsi per riconoscere quella voce, era Jonsy, il tirapiedi di suo padre, folle scienziato a capo della comunità scientifica e l’unico, al di fuori dei servitori, a cui fosse concesso di abitare a palazzo.
    Unico albino di Vaniant, inquietava Jordan per la sregolatezza dei modi e la sua intelligenza nettamente superiore alla media che impiegava nei modi più sconsiderati.
    Da che Jordan aveva memoria, lui aveva abitato a palazzo.
    Da bambina scendeva nel suo laboratorio sotterraneo e si siedeva accanto a lui per guardarlo lavorare; lui le spiegava tutto, come montare il cervello di un droide, come corrodere il metallo, la chimica degli elementi.

    Jordan ascoltava in silenzio e annuiva.
    Fu all’incirca 5 anni dopo che mise in pratica quegli insegnamenti; era stato grazie a lui infatti se era riuscita a corrodere le serrature del palazzo ed evadere mentre tutti dormivano alla tenera età di 13 anni, ma non si sarebbe mai aspettata di dover pagare un prezzo così alto per quella conquista.
    Non appena il corpo di Jordan si era fatto più maturo Jonsy aveva cominciato a perseguitarla, con benestare di suo padre il Sindaco che sembrava anzi incoraggiare i comportamenti dello scienziato.
    Adesso che l’aveva attirata a se per la vita facendola sobbalzare per lo spavento ne era sicura, Jonsy aveva perso quell’ultima, piccola, infinitesimale parte sana del suo cervello per dedicarsi completamente alla passione morbosa che nutriva per lei.
    “Lasciami!” implorò lei, supplicandolo con lo sguardo.
    “Dobbiamo tornare indietro. Mi dispiace.’’ Era irremovibile.



    “Cosa credi, che vestendoti così non ti avrei riconosciuta?”
    “Mi stavi spiando?” chiese lei inferocita, mentre cercava di trattenere le lacrime.
    “Non mi sognerei mai di spiare la Grande Sacerdotessa, è stato solo un caso fortuito, non temere. Ero fuori dal mio laboratorio a studiare il cielo, quando ho visto una figura scura che si aggirava nei giardini con fare piuttosto furtivo. Stavo quasi per chiamare gli androidi e farti abbattere come un volgare intruso. Converrai con me che si tratta di fortuna, per entrambi”.
    Lei non disse altro, sconfitta.
    Fu allora che lui tornò a fissarla come aveva fatto quel pomeriggio mentre lei prendeva il sole sulla sua terrazza. Cercava di apparire normale perché sapeva che quella sera sarebbe uscita di nascosto, ma la presenza di Jonsy alle sue spalle la agitava terribilmente.
    Come le sembrava triste quel recente ricordo ora che era stata scoperta.
    “Mi disgusti” inveì lei.
    Lui si avvicinò di scatto al suo collo cercando di baciarla, ma lei fu lesta a fare un passo indietro.





    “Sei impazzito? Fermati!”
    “Eppure ti piaceva qualche tempo fa” sorrise lui, vacuo.
    Poi le strattonò il braccio in malo modo, continuando:
    “Quando-non-scappavi-di-casa. Ecco la nostra nave, sali!”
    L'autista del Sindaco era appena arrivato, su richiesta di Jonsy.
    La spinse verso l’auto davanti a se, nel semi-buio della loro notte dal sole blu, stringendole il polso fino a farle male.
    Era innervosito dal rifiuto di lei ma al settimo cielo per averla stanata, testardo nel suo amore scellerato, solo in parte consapevole che non sarebbe mai stato ricambiato.
    Mentre salivano sulla navicella solare lui si mise a ridere, fu allora che Jordan non riuscì più a trattenere la sua frustrazione.
    Le lacrime le appannavano la vista.



    Jonsy se ne accorse e tornò improvvisamente molto serio:
    “Tu sei venuta al mondo per me e solo per me. Al diavolo tuo padre e gli Elurin, questi stolti, che pensano tu sia di loro proprietà. Se riprovi a scappare un’altra volta non ci sarà più nessuna Sacerdotessa a presenziare la Cerimonia su questo schifo di pianeta. Sali!”



    Una volta salita a bordo Jordan non disse più una parola, abbassò gli occhi e giurò che gli avrebbe tagliato la gola, un giorno o l’altro.
    Molto probabilmente il seme della follia cominciava a ramificarsi anche dentro di lei.











    Ultima modifica di Acqua&Sapone; 6th June 2014 alle 12:21

  5. #15
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    17

    Re: Cygni b

    Primo capitolo! L'ho divorato! Pensa che l'ho letto ad alta voce anche al mio ragazzo e persino lui ti ha fatto i complimenti.
    La storia di Jordan mi ha colpita moltissimo: una principessa che vive in una gabbia dorata. Quanto dev'essere triste la sua vita. Ha un peso enorme sulle spalle, con cui dover convivere, e non può affidarsi a nessuno E' veramente molto sola e provo davvero molta pena per lei. Quanti anni avrà? 20? E da sempre vive una vita da prigioniera... Da quanto ho capito, poi, persino suo padre se ne frega di lei. Deve essere disponibile per il suo popolo, ma non ha nessuno che direttamente si curi di lei. Davvero... complimenti per come hai introdotto il suo personaggio perché sei riuscita a far completamente immedesimare il lettore nella sua storia.
    Per quanto riguarda quel verme di Jonsy... brutto maledetto! Farebbe davvero bene a tagliarti la gola mentre dormi!!! Seriamente, quell'uomo mi sta sulle biglie perché è antipatico e soprattutto viscido. Anche qui, davvero brava! Sei riuscita a caratterizzarlo benissimo ed a farci subito comprendere quanto verme possa essere ò.ò
    La storia mi intriga tantissimo. Comprendo pienamente la sua spasmodica ricerca di libertà ed evasione, il bisogno di un contatto umano, il senso di solitudine che attanaglia la protagonista. Non ci hai ancora mostrato bene il suo volto, ma sembra molto bella... dai lineamenti dolci e delicati. Davvero, la tua storia mi intriga. Tutto è curato fin nei minimi dettagli, l'ambientazione mi piace, i personaggi sono accattivanti e continuerei ad annoiarti per ore con i miei commenti xD Oltre a dirti BRAVA e ad invitarti ad aggiornare presto... cos'altro posso dire? Ah sì... BRAVA!










  6. #16
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Grazie valuccia, è davvero un bel commento. E grazie anche al tuo ragazzo che si è prestato come ascoltatore!
    Sono proprio felice per come hai descritto Jordan, anche se l'ho mostrata (volutamente) poco per quanto riguarda l'aspetto, devo dire che ne hai capito abbastanza in quanto al carattere.
    Si, ho immaginato Jordan come una donna molto giovane, sui 19-20 anni, che poi è proprio l'età in cui una donna dovrebbe cominciare ad essere più libera.
    Per quanto riguarda Jonsy invece... E' il classico innamorato respinto che si comporta da pazzo. Oppure il pazzo che si ritrova ad essere un innamorato respinto? Questo ancora non si sa
    Ultima modifica di Acqua&Sapone; 6th June 2014 alle 00:48

  7. #17
    sim dio L'avatar di tati
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Località
    Busto Arsizio
    Età
    38
    Messaggi
    10,910
    Potenza Reputazione
    33

    Re: Cygni b

    Wow Acqua! Sei stata di parola...velocissima e il capitolo è stato davvero strabiliante!
    Lo scritto è molto curato e le foto sono favolose!! Mi piace tantissimo!
    La povera Jordan è costretta a stare rinchiusa in solitudine e certo quel pazzoide di uno scienziato deve essersi completamente bevuto il cervello!!!
    Ma Stavano assieme prima? Perchè dice una cosa tipo "tempo fa non ti dispiaceva..."...insomma sono super curiosa e aspetto davvero con ansia il seguito *o*




  8. #18
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Tati ma tu fai domande troppo dirette, vuoi sapere tutto e subito!!!
    Ah, è proprio vero che la curiosità è femmina!!!
    Dunque, diciamo che lui ha circa 15 anni più di lei, ok? Considerando che lei non può uscire dalla sua torre/reggia è molto probabile che i due abbiano avuto un flirt qualche anno prima, quando lei ne aveva 16 e lui 31. La povera reclusa si sarà arrangiata come meglio poteva, durante l'adolescenza..
    Che bello, tutte inferocite contro lo scienziato pazzo, era proprio l'effetto che volevo ottenere!
    Se questa fosse una lod di sicuro lo mandereste tutte al patibolo!

  9. #19
    sim dio L'avatar di Adanay
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    pistoia
    Età
    39
    Messaggi
    2,062
    Potenza Reputazione
    15

    Re: Cygni b

    Acqua, questo primo capitolo è strabiliante! Scritto in maniera divina e la trama è incredibilmente affascinante. È vero che non è il mio genere e quindi complimenti doppi perché mi stai facendo appassionare tantissimo alla tua storia. Povera Jordan, una vita di prigionia... ci mancava lo scienziato pazzo a rovinare la sua fuga e a tentare un approccio sentimentale. Spero che in futuro le cose per la sacerdotessa di Vaniant possano cambiare in meglio.
    Continua prestissimo!!
    ♣ Le mie storie ♣




  10. #20
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Cara Adanay, sono contenta che sia piaciuto anche a te! Per me è una soddisfazione doppia riuscire a catturare anche chi la fantascienza la snobba un pochino. Eh si, Jordan ha un grandissimo palazzo in cui vivere, con fontane, servitori, cibi e bevande prelibate.
    Ma cosa sono tutte queste cose quando non si hanno ne libertà ne amore? Il vuoto dell'anima.

 

 
Pagina 2 di 15 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •