Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 9 di 15 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 150
  1. #81
    sim magnifico L'avatar di purple__ever
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Età
    31
    Messaggi
    457
    Potenza Reputazione
    10

    Re: Cygni b

    Wow...che storia favolosa...l'ho letta tutto d'un fiato già ieri e ora ho finalmente il tempo di commentare! Meraviglioso lo scenario e meraviglioso il mondo che ci hai creato sopra! Il palazzo, la grotta, il deserto... che scenografie mozzafiato *.*
    Ma andiamo per ordine! Jordan è bellissima ma ha un destino veramente infausto... anche a me ha ricordato l'altrettanto sfortunata principessa Emeraude del fumetto Rayearth. Mi piace molto il suo ruolo di sacerdotessa, riesci a descrivere benissimo la sua tristezza e solitudine... il pezzo del secondo capitolo in cui era assorta in preghiera l'ho trovato molto d'effetto.
    Il sindaco non lo commento u.U così come la sua nuova futura consorte, già mi preparo a riempirla di improperi nei prossimi capitoli! Anche Jonsy non mi ha dato buone sensazioni...ma voglio saperne di più, ho il sospetto che sarà un personaggio interessante. Certo, il fatto che il sindaco imponga alla figlia di trascorrere del tempo con lui mi preoccupa. Va bene che Jonsy è uno dei rari uomini con cui Jordan può avere a che fare...ma la logica "vuoi un figlio? Jonsy è l'unico disponibile, o con lui o con lui" è proprio da pazzi. Oltretutto credo che, più che un bambino, a Jordan servirebbe solo vivere una vita normale, in mezzo alla gente...
    Passando a Keira (tra l'altro adoro le storie a doppia narrazione) confesso che anch'io ho pensato subito ad una certa parentela con Jordan . Le due donne hanno due vite diversissime, quasi opposte, ma entrambe si ritrovano a fronteggiare situazioni difficili e terribili. Mi ha commosso la devozione di Keira nei confronti della madre... E fa riflettere quanto le due donne, pur vivendo in una grotta tra mille difficoltà, siano comunque più felici di Jordan che ha a disposizione un palazzo pieno di agi e lussi. Spero davvero che le strade di Jordan e Keira si incroceranno prima o poi... Jordan è una ragazza forte ma anche lei è invischiata nelle strutture sociali che le hanno imposto. L'irruenza di Keira potrebbe aiutarla a farle scattare quella scintilla che le permetterà di ribellarsi...
    Oddio, ho fatto un commento spropositato Chiedo scusa, ma la storia mi ha proprio presa
    Non vedo l'ora di leggere il prossimo capitolo, e vedere le conseguenze del temporale in arrivo (ma sul serio, come proponeva prima di me Deltag, non si può fare una petizione per fulminare il carissimo sindaco? Io la firmerei )

  2. #82
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Citazione Originariamente Scritto da purple__ever Visualizza Messaggio
    Wow...che storia favolosa...l'ho letta tutto d'un fiato già ieri e ora ho finalmente il tempo di commentare! Meraviglioso lo scenario e meraviglioso il mondo che ci hai creato sopra! Il palazzo, la grotta, il deserto... che scenografie mozzafiato *.*
    Ma andiamo per ordine! Jordan è bellissima ma ha un destino veramente infausto... anche a me ha ricordato l'altrettanto sfortunata principessa Emeraude del fumetto Rayearth. Mi piace molto il suo ruolo di sacerdotessa, riesci a descrivere benissimo la sua tristezza e solitudine... il pezzo del secondo capitolo in cui era assorta in preghiera l'ho trovato molto d'effetto.
    Il sindaco non lo commento u.U così come la sua nuova futura consorte, già mi preparo a riempirla di improperi nei prossimi capitoli! Anche Jonsy non mi ha dato buone sensazioni...ma voglio saperne di più, ho il sospetto che sarà un personaggio interessante. Certo, il fatto che il sindaco imponga alla figlia di trascorrere del tempo con lui mi preoccupa. Va bene che Jonsy è uno dei rari uomini con cui Jordan può avere a che fare...ma la logica "vuoi un figlio? Jonsy è l'unico disponibile, o con lui o con lui" è proprio da pazzi. Oltretutto credo che, più che un bambino, a Jordan servirebbe solo vivere una vita normale, in mezzo alla gente...
    Passando a Keira (tra l'altro adoro le storie a doppia narrazione) confesso che anch'io ho pensato subito ad una certa parentela con Jordan . Le due donne hanno due vite diversissime, quasi opposte, ma entrambe si ritrovano a fronteggiare situazioni difficili e terribili. Mi ha commosso la devozione di Keira nei confronti della madre... E fa riflettere quanto le due donne, pur vivendo in una grotta tra mille difficoltà, siano comunque più felici di Jordan che ha a disposizione un palazzo pieno di agi e lussi. Spero davvero che le strade di Jordan e Keira si incroceranno prima o poi... Jordan è una ragazza forte ma anche lei è invischiata nelle strutture sociali che le hanno imposto. L'irruenza di Keira potrebbe aiutarla a farle scattare quella scintilla che le permetterà di ribellarsi...
    Oddio, ho fatto un commento spropositato Chiedo scusa, ma la storia mi ha proprio presa
    Non vedo l'ora di leggere il prossimo capitolo, e vedere le conseguenze del temporale in arrivo (ma sul serio, come proponeva prima di me Deltag, non si può fare una petizione per fulminare il carissimo sindaco? Io la firmerei )
    Invece è un bellissimo commento, grazie Purple!
    La cosa che mi fa più piacere del tuo resoconto è il fatto che tu abbia notato quanto siano felici Keira e sua madre, pur non avendo la ricchezza ed il prestigio di Jordan. Era proprio quello che volevo trasmettere, un vita difficile ma comunque felice grazie alle persone che si amano, mentre a Jordan, a quanto pare, non la ama nessuno..
    Sarà invidia, sarà che è nata per l'unico scopo di rendere felici (e tranquilli) gli altri, ma proprio serena serena non è, come avete avuto modo di vedere.
    Il Sindaco è odiato da tutti, giustamente aggiungerei, eppure in parte di sta piegando alla ribellione della figlia (la quale, per tradizione, non potrebbe avere figli suoi), diciamo che è il suo atroce modo per darle un ''contentino'', a patto che non lo venga a sapere il popolo.
    E Jonsy? Noto con piacere che è un personaggio che vi interessa parecchio, nel quarto capitolo verremo a conoscenza di un passato interessante che lo riguarda e che contribuirà a fare un pochino di luce sulla sua persona.

  3. #83
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Il Fulmine, chiamato anche Saetta o Folgore,
    è una scarica elettrica di grandi dimensioni che avviene nell'atmosfera e che
    si instaura tra due corpi con un'elevata differenza di potenziale elettrico.
    L'origine del fenomeno non è ancora del tutto chiara, varie cause
    includono umidità, vento, attrito e pressione atmosferica,
    ma anche l'impatto di particelle provenienti dal
    vento solare e l'accumulo di esse
    nell'atmosfera di un pianeta.




    CAPITOLO IV

    Elettromagnetismo




    Quella sera Jonsy non riusciva a fare nulla. Da almeno un’ora lavorava ad un nuovo composto per le piante, eppure continuava a sbagliare le dosi ed il fluido non dava l’effetto sperato.
    “Se ne va in giro per la città di notte, lei.” rimuginava con rabbia “Se ne va in giro a farsi infettare da uomini che non sono nemmeno la metà di me in quanto ad intelligenza e prestigio”
    Questo pensiero, il pensiero che Jordan potesse anche solo farsi sfiorare da un Elurin qualsiasi, gli fece schizzare il sangue al cervello.
    Gettò in terra tutto quello che gli capitò a tiro e si sdraiò sulla sua brandina, incrociando le mani dietro la testa.
    Il suo respiro si era fatto sempre più veloce, culminando in quello scatto d’ira che lo avrebbe obbligato a ricominciare da capo tutto il lavoro di una settimana.
    “Che razza di Sacerdotessa si mischia alla gente comune e per farlo prende in giro suo padre, ME, il Sacro Culto e tutte le guardie e le ancelle che le girano intorno?” riflettè.
    Non riusciva a capire. Non voleva capire.
    La sua posizione era sicuramente una delle più rispettate ma anche temute della città, l’intero ordine sociale si reggeva sull’energia solare che la sua stessa famiglia, secoli orsono, aveva ideato e messo a punto.
    Era stato un suo antenato ad accendere la prima torcia luminescente nella prima casa, tirando fuori l’umanità dalle tenebre e dal freddo, erano stati i suoi illustri progenitori a far si che Jordan e tutti ‘’gli altri’’ non si spezzassero la schiena nei lavori più gravosi ma avessero a disposizione dei robot alimentati dalle loro due stelle a farlo al posto loro.
    Jordan. Crudele, eterea, meravigliosa Jordan.
    Fin da quando era nata era stata la luce della sua vita, a soli 5 anni riusciva già a batterlo a Drumod, un gioco simile agli scacchi che lui stesso le aveva insegnato. Non c’era stato nemmeno bisogno di lasciarla vincere, come suo padre il Sindaco gli aveva ordinato di fare, lei vinceva e basta.
    Qualche volta si era anche domandato se poi, in fondo, non fosse veramente lei la Salvatrice che gli schiavi della cava attendevano dalla notte dei tempi; per fortuna era uno scienziato e certe sciocchezze religiose lo mettevano soltanto di buon umore, almeno finché lei avesse ignorato che sotto i suoi piedi pullulava un mondo di sofferenze ed atrocità.
    E poi cosa sarebbe successo se gliel’avessero portata via? No, era meglio non pensarci, preferiva che quella gente continuasse a patire gli stenti della fame e della sete piuttosto che vedersela scivolare dalle mani.
    Certamente la sua ultima fuga lo aveva impaurito, o meglio, terrorizzato, ma non aveva detto nulla al Sindaco, non lo aveva informato della fuga di sua figlia, la notte precedente. Forse sperava che lei sarebbe stata riconoscente del suo silenzio, che sarebbe tornata a stare un po’ con lui, come una volta.
    Ricordò quando, una sera di qualche anno prima, lei era scesa nei sotterranei, dove il laboratorio le aveva offerto riparo da una tempesta di sabbia che infuriava sulla città da diversi giorni, costringendo i cittadini a rinchiudersi in casa e a pregare senza sosta.
    L’intera città dipendeva in tutto e per tutto dall’energia solare e, con quelle tenebre, le scorte di elettricità andavano esaurendosi in fretta.
    Anche la Sacerdotessa, che all’epoca non aveva che 16 anni, aveva pregato che la tempesta cessasse, ma aveva avuto paura. Paura di non riuscire a scacciare il demone della sabbia, paura di aver perso contatto con Cygni, il Creatore di ogni cosa, o che Esso la stesse semplicemente ignorando.
    Così, nel cuore della notte, era scesa da lui, trovandolo tranquillo e pacato al suo tavolo da lavoro.



    In quel momento si era resa conto che quel luogo così gelido e impersonale era l'unico posto in cui avrebbe potuto trovare conforto e affetto. Non ne era rimasta stupita né contrariata, aveva accettato quella realtà così come un cieco accetta il cane guida che gli viene assegnato, dato che non conosce altri modi per vivere al sicuro.
    Era corsa dal suo unico amico e confidente di sempre, abbracciandolo impaurita.
    "Cosa c'è? Non dirmi che hai paura della tempesta di sabbia.." le aveva chiesto lui sorridendole.
    Lei non rispondeva ma tremava tra le sue braccia con violenti scossoni maldestramente camuffati da brividi di freddo.
    Jonsy provò una pena indescrivibile per quella creaturina che teneva tra le braccia.
    Era questa dunque la Grande Sacerdotessa che il popolo venerava e adorava incondizionatamente? Una ragazzina non ancora donna che tremava di paura perchè la sabbia sferzava le finestre del suo palazzo e non la lasciava dormire?



    "Sono giorni che va avanti così, Egli non mi ascolta!" aveva detto allora lei, infuriata.
    Jonsy le aveva accarezzato i capelli rassicurandola, spiegandole che era assolutamente normale ricevere sfuriate dal deserto, di tanto in tanto, in un pianeta arido come quello in cui i venti trasportano la sabbia a velocità impressionanti.
    Jordan aveva alzato lo sguardo verso di lui per capire se stesse mentendo, ma aveva trovato solo una limpida verità, una verità scientifica e ineluttabile. Perchè poi avrebbe dovuto mentirle? Jonsy non credeva nel Creatore, ma solo nella sua scienza.
    "Pensi che me ne starei così tranquillo se non fosse una sciocchezza? Tu eri piccola per ricordarlo, ma anni fa ne abbiamo avuta una anche peggiore, la sabbia ha ricoperto la città per otto giorni. Alla fine sono partite tutte le apparecchiature elettriche e ho dovuto lavorare al buio per due giorni."
    Ah, come era desiderosa di credergli.
    Poi accadde qualcosa. Lui la stava fissando negli occhi e non lasciava che si divincolasse da quell'abbraccio, sorridendo appena con un'aria trasognata.



    Forse la compativa per la paura che aveva apertamente dimostrato, ma non le importava.
    Jonsy, dal canto suo, si sentì mancare guardandola negli occhi così da vicino, tanto che non ebbe la forza di resisterle e la baciò d'impulso, senza pensare a nient'altro che a questa nuova Jordan che aveva davanti a se, ormai donna ma ancora incredibilmente bambina.
    Affondò le dita nei suoi capelli trovandoli morbidi come il velluto, sentendo il cuore che gli si bloccava nel torace facendogli un male indescrivibile. Non osava neanche respirare.



    Avrebbe ucciso per lei, si sarebbe sporcato le mani di sangue e avrebbe camminato tra le dune di Gohl senza protezioni né acqua per giorni se solo questo avesse potuto fermare il tempo in quell'istante che stava vivendo ora.
    Ma quando tornò a guardarla la ritrovò terrorizzata come e più di prima.
    "Perdonami" le disse "Tu non sai quanto sei bella", come se questo potesse giustificare la sua condotta riprovevole.
    Come uomo cresciuto in una società di religiosi si era pentito immediatamente di aver profanato le labbra della Sacerdotessa.
    Come scienziato e animale, seppur eccezionalmente “intelligente”, una volta che l'ebbe assaggiate si stupì di riuscire a mantenere la calma e non andare oltre.
    Lei lo aveva guardato stupita, contraddetta.
    Non riusciva a credere che lui potesse approfittare così meschinamente della situazione, ma era pur sempre una ragazzina imprigionata in quella torre da sempre, cosa ne poteva sapere lei dei sentimenti?



    Aveva paura di ferirlo, ma era anche profondamente spaventata da quel suo gesto folle.
    Cosa avrebbe detto suo padre se l'avesse saputo? Cosa sarebbe successo se chiunque avesse anche solo sospettato che la Grande Sacerdotessa non era più pura e devota a Cygni?
    Probabilmente sarebbero stati impiccati nella pubblica piazza entrambi, o forse soltanto lui, il profanatore.
    Poi sentì che fuori la tempesta aumentava d’intensità e lo abbracciò di nuovo, pensando che, se avesse perso il suo unico amico e sostenitore nonché artefice del suo primo e probabilmente unico bacio allora l'impiccagione non sarebbe stata più un'ipotesi così spaventosa.
    La solitudine e la freddezza di suo padre erano prospettive assai più spaventose con cui confrontarsi per il resto dei suoi giorni.



    Lui si rasserenò, sciogliendo il loro abbraccio. Finalmente lei non tremava più e di questo andava stupidamente fiero.
    In seguito avrebbe ricordato quel momento come uno dei pochi in cui il sorriso di Jordan gli era parso totalmente sincero. Quanto si sbagliava.
    Fu forse la domanda che lei gli pose immediatamente dopo a mandarlo nel pallone.
    "Posso rimanere qui, mentre lavori?"
    Jonsy, per tutta risposta, l’aveva accompagnata verso il suo lettino cedendoglielo per la notte e le aveva confidato:
    “Puoi restare qui anche tutta la vita, se lo desideri. Adesso prova a dormire, per domattina sarà tutto finito”.
    Lei abbozzò un sorriso di sollievo:
    “Me lo giuri?”
    “Te lo giuro.” Fu la risposta.



    Così la guardò stendersi sul letto e chiudere gli occhi, così come mille altre volte si era addormentata lì quando era una bambina e lui un giovanissimo scienziato tutto preso dalle sue ricerche interminabili.
    Andò a finire che Jordan si addormentò sul serio, rubandogli il posto.
    Lui non trovò di meglio da fare che sedersi in terra posando la testa sul letto e dormire accanto a lei.
    "Caverò gli occhi a chiunque ti si avvicini" pensò mentre i suoi occhi si chiudevano su quelli di lei già addormentati.
    "Tu sei mia."



    Ed era proprio quel lettino su cui ora, incollerito, rimuginava sul passato e sul presente, ma soprattutto sul futuro.
    Jordan non aveva fratelli, sua madre era morta quando era molto piccola, lasciandola figlia unica.
    Come avrebbe fatto a gestire sia il Culto che gli affari della città?
    Non era pensabile che la Sacerdotessa amministrasse anche gli affari di suo padre e uscisse dal suo ‘’convento”, il popolo si sarebbe infuriato ad un’aberrazione del genere.
    Lui non avrebbe mai accettato di perdere quel controllo che aveva tanto faticosamente guadagnato su di lei in tutti quegli anni.
    Cosa aveva mutato il tenero sentimento che provava per lui fin da bambina in quel ghigno di disprezzo che le aveva visto in faccia la sera prima quando lui aveva bloccato la sua fuga?
    Non era accettabile che lei lo rifiutasse, i patti erano altri.

    Poi ci fu un boato assordante, Jonsy si precipitò ai piani superiori con il cuore in gola.
    Un’imponente tempesta di fulmini stava scaricando la sua ferocia sulla città.
    Si chiese dove potesse essere Jordan, avrebbe già dovuto iniziare la preghiera collettiva col popolo, a quell’ora.



    Ultima modifica di Acqua&Sapone; 22nd July 2014 alle 19:03

  4. #84
    sim dio L'avatar di valuccia85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    2,409
    Potenza Reputazione
    17

    Re: Cygni b

    Un nuovo aggiornamento e, come sempre, un nuovo capolavoro! Il personaggio di Jonsy mi incuriosisce moltissimo. Trovo che, tra tutti quelli presentati finora, sia quello più "contorto": sembra veramente innamorato di Jordan, ma al tempo stesso ha questo modo dittatoriale (e da viscidone xD) di rapportarsi a lei che crea una sorta di "misterioso dualismo", se così possiamo dire. La vede come una sua proprietà perché probabilmente è la persona con cui Jordan ha trascorso la maggior parte del suo tempo, molto più che con suo padre. Jonsy, in passato, era suo amico, suo "tutore", suo "mentore", ma oggi è guidato unicamente dal sentimento che prova per lei. Probabilmente, concedimi il termine, è stato anche "usato" da Jordan (o almeno questo è ciò che lui pensa) che prima vedeva in lui una sorta di "intrattenimento", di diversivo dalla vita di clausura e monotonia che il suo ruolo le impone, ed ora, invece, viene visto solo come un ostacolo alla sua libertà, come un cane da guardia. E' un personaggio intrigante: forse è l'unico che ama veramente la nostra protagonista, eppure è il solo ad essere apertamente respinto e rifiutato (da lei). Questa storia diventa sempre più interessante, perciò ti invito ad aggiornare prestissimo. Ps. Le foto sono stupende, ma l'ultima mi è piaciuta in modo particolare. Brava, brava e brava!










  5. #85
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Citazione Originariamente Scritto da valuccia85 Visualizza Messaggio
    Un nuovo aggiornamento e, come sempre, un nuovo capolavoro! Il personaggio di Jonsy mi incuriosisce moltissimo. Trovo che, tra tutti quelli presentati finora, sia quello più "contorto": sembra veramente innamorato di Jordan, ma al tempo stesso ha questo modo dittatoriale (e da viscidone xD) di rapportarsi a lei che crea una sorta di "misterioso dualismo", se così possiamo dire. La vede come una sua proprietà perché probabilmente è la persona con cui Jordan ha trascorso la maggior parte del suo tempo, molto più che con suo padre. Jonsy, in passato, era suo amico, suo "tutore", suo "mentore", ma oggi è guidato unicamente dal sentimento che prova per lei. Probabilmente, concedimi il termine, è stato anche "usato" da Jordan (o almeno questo è ciò che lui pensa) che prima vedeva in lui una sorta di "intrattenimento", di diversivo dalla vita di clausura e monotonia che il suo ruolo le impone, ed ora, invece, viene visto solo come un ostacolo alla sua libertà, come un cane da guardia. E' un personaggio intrigante: forse è l'unico che ama veramente la nostra protagonista, eppure è il solo ad essere apertamente respinto e rifiutato (da lei). Questa storia diventa sempre più interessante, perciò ti invito ad aggiornare prestissimo. Ps. Le foto sono stupende, ma l'ultima mi è piaciuta in modo particolare. Brava, brava e brava!
    Che commento magnifico valuccia! Hai colto in pieno il significato intrinseco del capitolo, anche facendo uscire argomentazioni alle quali non avevo pensato, a dirla tutta.
    Hai perfettamente ragione, Jordan ha usato Jonsy, si è servita di lui in un momento di paura perchè è sempre stato lui la ''spalla sulla quale piangere". Vogliamo darle torto? Forse si, un pochino si, forse non è così innocente come era sembrata.
    La paura di non essere più legata al loro Dio, in un frangente del genere, ha fatto si che la sua fede vacillasse.
    E lui ovviamente ne ha approfittato, non è riuscito a mantenere il distacco da questa giovane donna così bella e così fragile.
    Ho voluto approfondire il personaggio di Jonsy perchè ho notato che aveva colpito (incuriosito) molti di voi, non volevo dipingerlo in tutto e per tutto come un mostro senza cuore, un pò di responsabilità per i folli comportamenti dello scienziato ce l'ha anche lei, dopotutto.
    L'ultima foto piace moltissimo anche a me, lei è venuta fuori con un'espressione così delicata che a volte mi soffermo svariati minuti a guardarla, osservando a tratti anche lui che le dorme accanto in una posizione scomoda ma dannatamente felice.
    Grazie per aver capito tutto questo valuccia, ne sono stra-felice
    Ultima modifica di Acqua&Sapone; 20th July 2014 alle 17:57

  6. #86
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    21

    Re: Cygni b

    Eccomi qui a commentare questo splendido diario, che mi ha catapultata in una realtà che hai costruito benissimo.
    Mi piace molto questo contrasto che c'è tra un futuro, così estremamente lontano da noi, che mi pongo la domanda, se l'umanità riuscirà mai a viverlo, e tradizioni che appartengono ad un passato remoto, come quelle che appartengono alla discendenza della famiglia di Jordan.
    Jonsy mi trasmette solo sensazioni negative, è un viscido ed i suoi sentimenti son morbosi, sbagliati, ogni cosa è mirata al suo compiacimento, non di certo per il bene della ragazza, stare con lui implicherebbe delle barrire invisibili, che la costringerebbero a vivere una vita ancor più castigata e triste. D'altra parte lei è dotata di una sensibilità straordinaria, presumo che non conosca cosa siano i sentimenti "buoni", il popolo la idolatra, ma non la ama, è forse temuta, sono incuriositi da lei, ma è un figura così inaccessibile, che non potrà mai stabilire un contatto diretto con loro e svelarsi per ciò che è e non solo per ciò che rappresenta. La cugina e la zia... vabbè loro sono le classiche "donne" che mirano solo al potere, arrampicatrici sociali e totalmente vuote. Il padre, nonostante tutto, sono convinta che più in là riuscirà a capire le esigenze della figlia e che non è solo un mezzo per raggiungere i suoi scopi, spero che riscoprirà i sentimenti di amore incondizionato che un genitore dovrebbe provare. Jordan mi piace molto, credo se ne sia approfittata alla grande della tempesta, per darsela a gambe, almeno credo! Aspetto prossimi sviluppi con curiosità :3
    Ti faccio i miei complimenti per il testo, scritto veramente bene, scorre che è una meraviglia e non appesantisce per nulla, anzi... invoglia la lettura.

  7. #87
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Citazione Originariamente Scritto da Eclisse84 Visualizza Messaggio
    Eccomi qui a commentare questo splendido diario, che mi ha catapultata in una realtà che hai costruito benissimo.
    Mi piace molto questo contrasto che c'è tra un futuro, così estremamente lontano da noi, che mi pongo la domanda, se l'umanità riuscirà mai a viverlo, e tradizioni che appartengono ad un passato remoto, come quelle che appartengono alla discendenza della famiglia di Jordan.
    Jonsy mi trasmette solo sensazioni negative, è un viscido ed i suoi sentimenti son morbosi, sbagliati, ogni cosa è mirata al suo compiacimento, non di certo per il bene della ragazza, stare con lui implicherebbe delle barrire invisibili, che la costringerebbero a vivere una vita ancor più castigata e triste. D'altra parte lei è dotata di una sensibilità straordinaria, presumo che non conosca cosa siano i sentimenti "buoni", il popolo la idolatra, ma non la ama, è forse temuta, sono incuriositi da lei, ma è un figura così inaccessibile, che non potrà mai stabilire un contatto diretto con loro e svelarsi per ciò che è e non solo per ciò che rappresenta. La cugina e la zia... vabbè loro sono le classiche "donne" che mirano solo al potere, arrampicatrici sociali e totalmente vuote. Il padre, nonostante tutto, sono convinta che più in là riuscirà a capire le esigenze della figlia e che non è solo un mezzo per raggiungere i suoi scopi, spero che riscoprirà i sentimenti di amore incondizionato che un genitore dovrebbe provare. Jordan mi piace molto, credo se ne sia approfittata alla grande della tempesta, per darsela a gambe, almeno credo! Aspetto prossimi sviluppi con curiosità :3
    Ti faccio i miei complimenti per il testo, scritto veramente bene, scorre che è una meraviglia e non appesantisce per nulla, anzi... invoglia la lettura.
    Era ora U_U
    Eheheheheh, scherzo Ecli, ma sai che mi fa enormemente piacere il tuo commento, io qui ho iniziato con Incubus a leggere i diari, prima non sapevo neanche cosa fossero XD
    Sai, io amo molto l'astronomia, anche io mi chiedo spesso se la nostra civiltà arriverà mai così lontano. Sicuramente sparse nelle galassie ci saranno centinaia di milioni di civiltà, qualcuna agli albori, qualcun'altra super avanzata. Vaniant è vecchia, molto vecchia, ma io sono sicura che la religione sia una caratteristica troppo forte per sopperire ai secoli, almeno finchè esisterà la paura della morte.
    Jordan è una ''donna-prete'' molto particolare (anche se non riesco a paragonarla molto ai nostri canonici), ho voluto farla diversa dalle precedenti sacerdotesse, sono contenta che tu abbia notato la sua immensa sensibilità
    Gli altri personaggi, a parte le due donne del deserto, sono talmente negativi che fanno schifo anche a me che li ho creati.
    Grazie infinite per il tuo interesse, spero di fare anche meglio andando avanti.

  8. #88
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    17

    Re: Cygni b

    eccomi qua! Elettromagnetismo...e qui mi viene a pensare al rapporto che c'è tra Jordan e Jonsy, sembrano due calamite che si attirano come i due poli opposti ma al contempo si respingono. Lui è innamorato di lei ma lei sembra solo voler trovare in lui un conforto, un conforto che non arriva da nessun altro nemmeno da suo padre o dai suoi parenti tutti concentrati solo sulla sua figura sul suo ruolo senza capirne veramente i sentimenti. Jordan è molto sensibile e probabilmente l'aver visto Jonsy così vicino, così diciamo schiavo di lei, così affettuoso e premuroso se ne è un pò approfittata. Probabilmente lei cercava affetto, un diversivo , ma conoscendo i sentimenti e le sensazioni seppur morbose di Jonsy se non voleva ricambiare il suo sentimento avrebbe dovuto tenere un pò le distanze da lui. Diciamo che se lui è così è un pò anche colpa della bella Jordan.
    Scritto comunque scorrevole e coinvolgente e le foto mi piacciono parecchio , anche io adoro l'ultima, dolcissima e tenera.E ora...forza tempesta che Jordan deve fuggire!!!! E poi deve incontrare la ragazza del deserto che secondo me in qualche modo aiuterà Jordan a scappare dalla sua gabbia dorata senza magari sapere chi è in realtà. Complimenti davvero e aggiorna presto!

  9. #89
    sim dio L'avatar di tati
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Località
    Busto Arsizio
    Età
    38
    Messaggi
    10,910
    Potenza Reputazione
    33

    Re: Cygni b

    Ciao Acqua!!!
    Nuovo capitolo e sempre più mistero!!! Mi piace!!!
    Jonsy invece non mi piace per nulla...penso sia meschino e un pò fuori di testa...non può pretendere che Jordan sia sua...si è solo approfittato della situazione e poi per lui è diventata un ossessione...mi fa un pò paura a dirla tutta!
    Il padre di Jordan dovrebbe cambiare le leggi e lasciare la figlia e le future sacerdotesse più libere ç___ç
    Sono sempre più curiosa di leggere il seguito....sbaglio o son proprio cortissimi questi capitoli???? Mi raccomando non farci aspettare troppo ^w^




  10. #90
    sim dio L'avatar di Acqua&Sapone
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Maree Splendenti
    Messaggi
    2,173
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Cygni b

    Citazione Originariamente Scritto da DELTAG Visualizza Messaggio
    eccomi qua! Elettromagnetismo...e qui mi viene a pensare al rapporto che c'è tra Jordan e Jonsy, sembrano due calamite che si attirano come i due poli opposti ma al contempo si respingono. Lui è innamorato di lei ma lei sembra solo voler trovare in lui un conforto, un conforto che non arriva da nessun altro nemmeno da suo padre o dai suoi parenti tutti concentrati solo sulla sua figura sul suo ruolo senza capirne veramente i sentimenti. Jordan è molto sensibile e probabilmente l'aver visto Jonsy così vicino, così diciamo schiavo di lei, così affettuoso e premuroso se ne è un pò approfittata. Probabilmente lei cercava affetto, un diversivo , ma conoscendo i sentimenti e le sensazioni seppur morbose di Jonsy se non voleva ricambiare il suo sentimento avrebbe dovuto tenere un pò le distanze da lui. Diciamo che se lui è così è un pò anche colpa della bella Jordan.
    Scritto comunque scorrevole e coinvolgente e le foto mi piacciono parecchio , anche io adoro l'ultima, dolcissima e tenera.E ora...forza tempesta che Jordan deve fuggire!!!! E poi deve incontrare la ragazza del deserto che secondo me in qualche modo aiuterà Jordan a scappare dalla sua gabbia dorata senza magari sapere chi è in realtà. Complimenti davvero e aggiorna presto!
    Ciao delta! Che dire, hai centrato il problema. Jordan, come ammette Jonsy mentre riflette, è stata crudele. Lo è stata perchè in quel frangente non poteva non esserlo, lo è stata perchè a volte vige il motto: gli altri sono crudeli con me? Allora io sarò crudele con tutti gli altri. Il problema è che non si è resa conto, nell'innocenza dei suoi 16 anni, che ha giocato coi sentimenti di un uomo che forse era il meno adatto da ''stuzzicare''.
    Ma aveva scelta vista la sua condizione? No.
    Grazie davvero delta, i tuoi commenti sono sempre molto dettagliati e sostanziosi!


    Citazione Originariamente Scritto da tati Visualizza Messaggio
    Ciao Acqua!!!
    Nuovo capitolo e sempre più mistero!!! Mi piace!!!
    Jonsy invece non mi piace per nulla...penso sia meschino e un pò fuori di testa...non può pretendere che Jordan sia sua...si è solo approfittato della situazione e poi per lui è diventata un ossessione...mi fa un pò paura a dirla tutta!
    Il padre di Jordan dovrebbe cambiare le leggi e lasciare la figlia e le future sacerdotesse più libere ç___ç
    Sono sempre più curiosa di leggere il seguito....sbaglio o son proprio cortissimi questi capitoli???? Mi raccomando non farci aspettare troppo ^w^
    Si, sono corti però aggiorno spesso uffi!
    Il padre di Jordan è un menefreghista, tant'è che sta cedendo alle pressioni della cugina per sposare la figlia. Non ti aspettare troppo da lui tatina, se avesse voluto avrebbe cambiato le leggi già quando Jordan era una bambina e la vedeva parlare/giocare da sola. Da un padre del genere che ti vuoi aspettare?
    Jonsy invece è un pazzo. Un pazzo malato d'amore, grazie a quest'ultimo capitolo abbiamo cominciato a capire cosa pensa e cosa prova realmente, un amore distorto che purtroppo lui considera legittimo.
    Grazie anche a te per i complimenti, il capitolo 5 è ora work in progress...

 

 
Pagina 9 di 15 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •