Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.

Visualizza Risultati Sondaggio: quanto ti piace questo diario?

Partecipanti
37. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 1

    3 8.11%
  • 2

    0 0%
  • 3

    3 8.11%
  • 4

    7 18.92%
  • 5

    24 64.86%
Pagina 27 di 46 PrimaPrima ... 17252627282937 ... UltimaUltima
Risultati da 261 a 270 di 460
  1. #261
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    35
    Non ho nulla contro Penny, solo che l'erede vorrei che fosse figlio naturale di Asya, così da vedere cosa riprende da lei...poi i simmi creati da noi sono più carini di quelli made in EA ^^ Aspetto il seguito allora...al lavoro

  2. #262
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31
    Ciao Yaya, visto? Alla fine ce l'ho fatta pure io U_U
    Dunque, ero indietro di ben tre capitoli, e ahimè, mi sono persa pure la seconda scelta
    Ecco allora, parliamone ù_ù, il capito del compleanno di Asya mi è piaciuto particolarmente, ho trovato molto realistico la sua iniziale felicità nel sentire la voce della madre, poi ovviamente è normale che quella balena si gira in quel modo e Asya viene scaraventata di nuovo nella realtà, sua madre è solo una cafona! Ah, che soddisfazione attaccarle il telefono in faccia, ma ancora blaterava che doveva andare a Bridgeport? >.<
    Saul...lo ammetto, non mi piaceva tantissimissimo...cioè, la parte descrittiva dei sentimenti di Asya, le normali fantasticherie da adolescenti, il romanticismo e la descrizione dell'attimo perfetti sono caratteristiche di Asya che ci avevi mostrato dall'inizio, è pur sempre una ragazzina molto dolce e sognatrice (quindi complimentissimi anche per questo, il personaggio rimane sempre molto in linea, ed è una cosa molto importante!)...che stavo dicendo? Ah si, Saul...ecco, sono stata malissimo per Asya, però se devo dire che è dispiaciuto a ME...per nulla! Cioè, per quanto mi riguarda Saul mi era abbastanza indifferente, cioè non è di quei personaggi maschili nei quali riponi le tue speranze, poi magari si rivela il contrario e ci rimani male. E forse-forse l'hai fatto anche apposta, a non descrivercelo bene, cioè ad esempio, descrizioni come quelle di Sofia, Rox, o Penny (*_*, ne parliamo dopo! *_*) sono state molto dettagliate e curate in ogni piccolo aspetto, quindi mi dicevo: "Ma se yaya non se frega di costui (^^"), perchè dovrebbe importare a me?" U_U E infatti mi è dispiaciuto solo per Asya, anche se devo ammettere le parole di Sofia sono state giustissime...sono anche queste brutte esperienze che ci fanno crescere ...vabbè dai, passiamo alla scelta! Ricordo che tempo fa mi dicesti che secondo te avrei potuto cogliere l'indizio...uhm...no
    Però ti dico subito che cosa avrei fatto: personalmente sono una che pensa sempre alla capacità di una persona, cioè, se Asya è così intelligente, perchè buttarsi a fare da bracciante in una tournèè o a fare la stilista, che per quanto il lavoro sia bello in sè, non era all'altezza del cervello della Nostra ecco
    Quindi avrei comunque votato per farla andare a fare medicina...il fatto è che, contrariamente a quanto pensavo all'inizio, non è che Asya ci abbia mostrato chissà che passione per la moda...è vero, aveva uno spiccato gusto nel vestire, ma non era la tipa fissata...quindi a meno che non l'avessi mostrata a noi così, non avrei avuto dubbi sul fatto di mandarla a medicina di corsa ^^
    Ok, ultimo capitolo e....Penny *_______________*
    Ma che bella, che tesoro, cioè, è fantastica (i capelli sono opera tua vero? )!!! Mi ha fatto morire dal ridere dall'inizio, cioè, è una soggettona paurosa! E sono contenta per Asya, un'amica della sua stessa età con un carattere così predominante le ci voleva proprio!! Poi ottime le descrizioni delle sensazioni di Asya nel vivere nell'ambiente universitario, della nuova vita (a proposito, devo prendere proprio esempio da te, tu si che sai far passare il tempo senza scrivere 3000 cose, vorrei essere brava come te in questo =_=), tutta l'eccitazione adolescenziale...guarda veramente, un apllausone solo per questo!
    Io ammetto che invece assieme a Penny ce la vedrei proprio bene, come hai giustamente fatto notare tu, esiste l'adozione, Penny ha un bel carattere forte, che può sorreggere una come la Nostra, che magari non è timida, ma di sicuro è una che va con i piedi di piombo in ogni cosa che fa ^^

    OK....foto! Oh.Porcaccia.Zozza.Di.Una.Ladra.! [Cit ^^]
    Ma dove ti nascondevi pure tu!!! Lo sapevo! Lo sapevo che era solo perchè non ti impegnavi a dovere! Le capacità le hai sempre avute, era la svogliatezza iniziale con cui avevi cominciato il diario, che, a mio avviso, ti aveva offuscato un pò, o meglio, aveva offuscato te almeno ai miei occhi!
    Perchè negli ultimi tre-quattro capitoli hai fatto un balzo impressionante!! Ora pure le pose! E' perfetto, tutto precisissimo...le location, le inquadrature sempre molto larghe che riprendono bene le scene (qua la mano mia cara, io e te andiamo proprio a braccetto!!), e poi le pose le hai studiate bene, si vede!!
    E ho anche apprezzato tantissimo il fatto che sono perfettamente in linea col testo, cosa che mi fa salire la stima alle stelle! Scrivi, e poi rappresenti ciò che hai scritto, poi riscrivi, e ri-rappresenti ciò che hai scritto....yaya veramente, ottimo lavoro, e non posso che far diventare il 3, un bel 5 pienamente meritato!

    La storia è diventata interessantissima, hai dimostrato che con impegno hai saputo raggiungere alti livelli, quindi, che altro dire se non.....attendo la prossima scelta?


  3. #263
    sim onniscente L'avatar di yayachan
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    un pc a 10 Mega da Scauri (LT)
    Età
    44
    Messaggi
    1,463
    Inserzioni Blog
    20
    Potenza Reputazione
    17
    Ma grazie Maruuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu *____________________* Me felicissima!!! In effetti ho sudato molto in questi ultimi capitoli, lo ammetto! Nei primi anche ho sudacchiato, solo che ero talmente ignorante in fatto di foto che non sapevo usare proprio nessun trucco!
    E per il prossimo sto letteralmente impazzendo perchè non so proprio come e che foto fare! E non è ancora tempo per la scelta! sob
    Veniamo al commento...
    In effetti Saul non piaceva molto nemmeno a me e tu sei l'unica che se n'è accorta, brava!
    E Penny... beh lei è lei, non c'è che dire: volevo a tutti costi un personaggio straordinario (in senso strettamente letterale), il primo di questa mia LoD e sono contenta che sia stata percepita in questo modo
    Il suo unico difetto è che si è presa un sacco di spazio e ha oscurato Sofia, che se avesso vinto la carriera medica avrebbe avuto un ruolo molto più importante (io ho un debole per Sofia, me triste )
    Il futuro di Asya... spero di poterti mostrare presto ciò che le è capitato, ma ho proprio serie difficoltà con le foto perchè ho bisogno di molti set e molti personaggi... ma ce la DEVO fare, giusto?
    Grazie ancora per il commento, mi ha reso proprio molto felice! (p.s.: ma è possibile cambiare il voto nei sondaggi?? non lo sapevo! come si fa?)

  4. #264
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    31
    Macchè grazie! Se è vero, è vero ù_ù
    Guarda, hai ragione, purtroppo (??) la LoD è anche questo...alcuni personaggi vengono oscurati o portati in risalto dalle scelte che fanno i lettori, a te è stato con Sofia, a me con Sid, che se aveste preso il bivio giusto, avrebbe avuto meno spazio rispetto a questo bivio qui, dove è quasi co-protagonista (anzi, a tutti gli effetti, lo è ^^)...ma in fondo è giusto che sia così, lo sapevamo che intraprendendo questo genere di diario, poteva non andare come noi ci eravamo prefissate!
    Ovviamente, se hai bisogno di consigli per le foto, io ci sono, no problem! Per quanto riguarda il sondaggio, io sono andata sulla matita vicino ad esso, ma ho dovuto togliere un 3 e aggiungerti un 5, non si può fare in altro modo, e forse dipende pure per i poteri da mod...non so...prova ^^


  5. #265
    sim onniscente L'avatar di yayachan
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    un pc a 10 Mega da Scauri (LT)
    Età
    44
    Messaggi
    1,463
    Inserzioni Blog
    20
    Potenza Reputazione
    17
    Grazie della disponibilità!
    Appena finisco di preparare i set potrei approfittarne...
    Per il sondaggio...io non vedo nessuna matita ... mi sa che è una cosa che possono fare solo i mod! Peccato, nel vecchio forum si poteva fare facilmente!

  6. #266
    sim onniscente L'avatar di yayachan
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    un pc a 10 Mega da Scauri (LT)
    Età
    44
    Messaggi
    1,463
    Inserzioni Blog
    20
    Potenza Reputazione
    17

    Capitolo SETTE

    Capitolo SETTE
    per una colonna sonora consigliata apri questo link in una nuova finestra!
    L’evento di fine anno fu il primo fiasco della mia carriera di stilista.
    Le fragole che sognavo, al mattino me le ritrovai stampate in faccia: avevo preso la varicella alla soglia dei vent’anni.


    Passai una settimana a letto con la febbre alta, senza rendermi minimamente conto del tempo che passava, senza vedere nessuno eccezion fatta per Rossella, la mia infermiera. Quando mi rimisi in sesto non riuscivo a cedere all’evidenza che non avrei mai ultimato il mio abito in tempo e cercai inutilmente di continuare i miei amati decori senza pensare che sarebbe stato più importante controllare gli orli e le chiusure lampo.
    La vera tragedia però fu che anche Sofia cadde del mio stesso male proprio alla vigilia della sfilata: dovetti cercare un’altra modella su due piedi e fui costretta dalla fretta a ripiegare su Rossella… per carità, ci mise un sacco d’impegno ma, come dire… non è proprio adatta a sfilare! E’ slanciata, ma eccessivamente muscolosa e poco sinuosa; il vestito, essendo cucito sulle misure di Sofia, le andava stretto in vita e le fasciava eccessivamente le gambe. Mentre faceva la giravolta a fine passerella inciampò nell’orlo… riuscì a non cadere, ma col tacco ne sfilò una parte e la cerniera lungo la schiena iniziò a cedere.


    A fine passerella era quasi del tutto scucita , quindi non poté nemmeno rientrare per il défilé finale con le altre ragazze.
    Il modello di Penny invece incantò tutti. Certo, era molto particolare, del tutto immettibile per simmine comuni, ma era magico e io fui orgogliosa di festeggiare il primo posto della mia migliore amica.
    Tra i fumi della febbre avevo seppellito il ricordo del nostro ultimo incontro come un’immagine di uno strano sogno, così quando andammo a bere una birra al Tran Tran da sole quella stessa sera il suo sguardo penetrante e il suo allusivo -“E allora?”- mi riportarono bruscamente alla realtà e io… non sapevo davvero cosa dire!


    Lei continuava a fissarmi al di sopra del bicchiere:
    -“Ehi, ma ti è cascata la lingua? E poi, dai, rilassati! Sembri seduta sulla sedia elettrica, Ellie!”
    -“Io, be’ Penny, sono stata molto male, poi ero preoccupata per il vestito e…”
    -“Stop, stop, stop!”- mi interruppe agitando le mani – “Io ti ho proposto amore, darling, non problemi! A M O R E, hai presente? Se non lo vuoi, basta essere sincera! Per te è stata la prima volta, eh?”
    Più parlava, più io mi sentivo bloccata: Penny mi piaceva, da matti, ma non nel modo che avrebbe voluto lei… non volevo ferirla e non sapevo come respingerla con gentilezza. Come sempre fu lei a prendere in mano la situazione e a salvare capra e cavoli:
    -“Tesoro, non c’ è problema! Vuoi che restiamo amiche? Come se non fosse successo niente?”
    Alle sue parole io iniziai ad annuire come un automa.

    -“Ellie, ci tengo troppo a te per impuntarmi! Preferisci i maschietti? Non c’è problema e non sarò gelosa… e poi la vita è lunga, magari cambi idea…ma se ti metti con qualcun’ altra… me la pagherai!”
    Così il discorso terminò con un brindisi e tante risate…


    L’estate la passammo separate, lei a godersi il suo premio dell’accademia (uno stage in una grande azienda di moda) e io a lavorare al solito negozio di abbigliamento.

    A ottobre ci ritrovammo sui banchi, piene di idee e voglia di divertirci, ma con una novità: Penny aveva deciso che il suo futuro era legato alla sua reflex e stava frequentando un corso professionale di fotografia.
    ________________________________________________

    Il momento più importante di quell’inverno fu l’incontro con i lettori di Omero: finalmente il gran momento era arrivato! Ebbi carta bianca e lo bendai per evitare che interferisse con il mio lavoro.
    Lo portai dalla mia cara parrucchiera, bravissima anche ad acconciare gli uomini e poi al negozio per fargli un guardaroba degno di uno scrittore: lo resi irriconoscibile.


    Al party che seguì alla lettura, gentilmente offerto dalla casa editrice, erano presenti tutti gli amici di Omero. In breve tempo mi ritrovai immersa in una conversazione con il gruppo dei suoi compagni del liceo e un ragazzo attirò la mia attenzione.


    Era alto, con i lineamenti sobri e l’espressione seria: sembrava uscito da un film degli anni ‘60, il classico bravo ragazzo.
    -“Asya, mi ricordo di te! La sorella seria di Miss matricoletta, quella ragazzina dai capelli cotonati e il nome impronunciabile!” – proruppe tendendo il braccio verso di me. –“Credevo che ti avrei incontrato alla facoltà di medicina, ricordo che vincesti il premio di scienze per due anni di seguito!”


    -“Eh, sì” – risposi – “sono un po’ cambiata dall’ultima volta che mi hai visto… aspetta, ti chiami…”
    - “Luca Giraldi, laureando in medicina!”
    -“Eh, già, il nostro dottorino!” lo canzonò Omero strofinandogli le nocche sulla testa- “Pronte le valige per la trasferta alla Valle del Tramonto?”
    -“Come puoi chiamarla volgarmente “trasferta”?- obiettò Luca, fingendo un accento blasonato – “In base ai miei meriti, sono stato selezionato per specializzarmi e intraprendere la mia brillante carriera di cardiochirurgo nel più importante ospedale della nazione a spese della nostra amata città. Quindi propongo un brindisi: a me!”- esclamò sorridendo e sollevando il suo bicchiere di coca-cola.
    -“Eh, no dottore, stavolta non mi rovini la festa!”-ringhiò scherzosamente Omero.
    -“Ok, scrittore di best sellers, vai a rivestirti di vanagloria con i nuovi arrivati”- concluse lui, dando un amichevole quanto efficace spintone al nostro comune amico.
    Il loro siparietto sembrava proprio ben collaudato; facendo un po’ mente locale ricordai che quei due erano compagni di banco e si erano leggermente allontanati solo perché Omero avrebbe voluto anche Luca a casa Luhmann, ma lui aveva preferito stare a casa con i suoi… Questo particolare ridimensionava un po’ la sua figura… in fondo era un bel “bamboccione”.
    Ultima modifica di yayachan; 12th December 2011 alle 15:43

  7. #267
    sim onniscente L'avatar di yayachan
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    un pc a 10 Mega da Scauri (LT)
    Età
    44
    Messaggi
    1,463
    Inserzioni Blog
    20
    Potenza Reputazione
    17
    Tra una chiacchiera e l’altra ci spingemmo verso la terrazza, restando soli, e iniziammo a parlare di così tante cose… sotto quel cielo carico di stelle il tempo volò.

    Qualcosa in lui mi affascinava: era così diverso dai ragazzi che avevo conosciuto, così concreto, ma al tempo stesso ambizioso. Talmente proiettato verso una nuova vita che mi ricordava quasi mia madre e mia sorella quando prevedevano i loro successi a Bridgeport, ma con una grande differenza: lui aveva sudato per meritare il successo, ne era ben consapevole ed era pronto ad affrontare nuove sfide con il solo ausilio della sua bella intelligenza.
    Avevo tanta voglia di far colpo su di lui, anche se fosse stato solo per quella sera, ma vicino a lui mi sentivo piccola e stupida, priva di ogni attrattiva: mi sentivo di colpo quella di prima, la secchioncella che lui aveva conosciuto, priva però di successi scolastici di cui vantarsi.
    Cosa avevo di interessante da dire? Non era tipo da interessarsi agli aneddoti dell’accademia, né ai resoconti delle ultime sfilate, ma per fortuna apprezzò il mio lavoro su Omero. Scherzando proposi un restyling anche a lui e mi rispose:
    -“Credi ne abbia bisogno? Eppure pensavo di piacerti anche così!”- con un tono ironico e un sorriso allusivo che mi fecero avvampare.

    Non solo non avevo fatto colpo su di lui, avevo decisamente palesato che lui aveva fatto colpo su di me! Avrei voluto sprofondare per la vergogna, sparire all’istante e materializzarmi da qualche altra parte… per fortuna all’improvviso arrivò Sofia chiamandomi a gran voce:
    -“Asya, finalmente! Rossella ti cerca da un’ora: ti vuole presentare le nuove ragazze che verranno a casa Luhmann”.
    -“Ehm, Luca, conosci Sofia? Vive con me e Omero…” balbettai leggermente sollevata dal cambio di discorso.
    -“Certo, non hai visto che prima chiacchieravamo?” –risposero i due all’unisono, guardandosi e scoppiando a ridere.

    -“Dai, Asya, andiamo da Rox. Ci scusa, vero dottore?” continuò la mia amica rivolgendosi a me e poi a lui.
    -“Entro anch’io… l’aria sta diventando davvero pungente. Sono curioso di conoscere queste belle donzelle!” ridacchiò lui seguendoci all’interno.
    Quando vidi Rossella circondata da un folto gruppo di ragazze occhialute e determinate iniziai a preoccuparmi… tutte quelle nuove inquiline? Dove pensava di infilare altri letti? La stanza di Omero e Max sarebbe rimasta libera, ma non era di certo una camerata.
    La ormai Direttrice Ufficiale del Progetto Casa Luhmann snocciolò rapidamente i nomi delle sue pupille, poi le congedò con un rapido gesto della mano e afferrò me e Sofia per le spalle con uno sorriso affettato:
    -“Se sapete fare due conti avrete afferrato che le nostre strade si dividono qui: da gennaio parte il nuovo programma che offre supporto a studentesse altamente selezionate e particolarmente meritevoli.

    Sufì, tu m’tt a vnde i quadr, nn t li cnzervà tutt’… c’ duvrsti campà!
    Asya, tu prndi bei vot, ma smpr ‘a stilist stai a fa’… “
    Con un bacio sulla guancia e una pacca sulle spalle ci invitò a fare le valigie prima delle feste di Natale.
    Ultima modifica di yayachan; 12th December 2011 alle 15:48

  8. #268
    sim onniscente L'avatar di yayachan
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    un pc a 10 Mega da Scauri (LT)
    Età
    44
    Messaggi
    1,463
    Inserzioni Blog
    20
    Potenza Reputazione
    17
    Fu proprio un fulmine a ciel sereno. Né io né Sofia potevamo permetterci un appartamento, neanche dividendolo: inoltre avevamo bisogno di spazio per esercitare la nostra arte!
    La strada più facile sarebbe stata tornare da mio padre, in fondo stava fuori spesso e la casa era abbastanza grande, ma non la presi proprio in considerazione. Ormai ero una donna adulta, non una ragazzina che vive col papà, e poi non potevo abbandonare la mia bionda compagna di sventura.
    A tenderci la mano fu Penny: viveva in una vera catapecchia, ma lo spazio non mancava e, poiché il quartiere era piuttosto fuorimano l’affitto, diviso in tre, era davvero basso.

    -“Una vera fortuna che i due zotici che stavano qui abbiano sloggiato”- ci spiegò Penny mostrandoci le stanze- “si lamentavano sempre che provavo a fregargli le ragazze… almeno con voi questo problema non ci sarà, giusto?” e proruppe nella sua risata fragorosa.
    Così iniziò una nuova fase della mia vita, decisamente fuori dagli schemi e priva di ogni regola, ma molto, molto divertente.
    Ognuna aveva la sua stanzetta, io rivestii la mia con gli scarti di stoffa che rimediavo nei laboratori, poiché il proprietario non aveva niente in contrario… chiunque la visitasse ne restava affascinato e per fortuna il letto era molto comodo, anche se raramente lo divisi con qualcuno.


    All’improvviso iniziai a trovare noiosi e prevedibili i miei compagni di accademia, già dal modo in cui pronunciavano: “Ellie…” capivo quali erano le loro intenzioni. La verità era che non potevo fare a meno di confrontare ognuno di loro con l’unico uomo che non potevo rivedere e che mi aveva considerato meno di una bambina dell’asilo!


    Luca ormai era partito per Sunsetvalley e non lo avevo più rivisto.
    Sofia parve trarre ispirazione da questa nuova esperienza e iniziò a vendere molti quadri… vinse anche dei premi ed ebbe riconoscimenti ufficiali: è proprio vero che gli artisti devono vivere nel caos!

    Io inizia a lavorare come personal shopper, riscuotendo un certo successo: me la cavavo decisamente meglio abbinando i vestiti degli altri che producendone di miei; spesso i professori mi accusavano di dare troppa importanza ai dettagli, a discapito della qualità e della vestibilità.
    All’inizio del terzo anno ebbi uno shock dal quale mi sto ancora riprendendo, quando nella mia vita entrò Sandra Solari, docente di Fashion Design III, nota ai più col nome di Sandy Babe.
    Sinceramente non l’avevo mai sentita nominare, a differenza di Penny che, come la vide, andò in visibilio:


    -“Non ci credo, è lei! Pazzesco, l’avremo davanti tutto l’anno, magari diventeremo amiche… secondo te accetta se le propongo uno shooting?”
    Vedendomi attonita, iniziò a spiegarmi chi fosse quella signora vistosamente rifatta che sedeva tronfia alla cattedra.
    Sandy Babe, venti o trent’anni fa, era stata la groupie più famosa della nazione, compagna di tour e di letto delle principali rockstar dell’epoca. Aveva sposato (per poi divorziare rapidamente) alcuni di loro ed era stata la reginetta dei calendari e delle riviste maschili; aveva poi investito i suoi proventi nel campo della moda, dando vita a un’agenzia di modelle molto affermata e ad una ditta di abbigliamento giovane e low cost presente in tutto il mondo. Era anche piuttosto affermata nel mondo della tv dove faceva frequenti e remunerative apparizioni, come opinionista e critica del look delle star… un genere di programmi che non ho mai seguito.

    Alla fine della lezione (decisamente noiosa e ridondante, checché ne dicesse la mia amica, la Solari non mi entusiasmava affatto) la professoressa ci apostrofò dicendo:
    -“Voi due, avete avuto molto da commentare!”
    -“Oh, ci scusi prof! Ma posso chiamarla Sandy? Sono una sua ammiratrice fin dall’infanzia, mi chiamo Penny Lane e questa è la mia amica Ellie…”
    -“Asya Tibaldi!”- la interruppi bruscamente prima che iniziasse a blaterare assurdità.
    A questa affermazione la prof si pietrificò (per quanto possa farlo un viso imbottito di silicone) e, squadrandomi da capo a piedi, mi chiese:
    -“Posso sapere il nome dei suoi genitori?”
    Non capivo la sua domanda… certo, i miei genitori erano diventati dei personaggi piuttosto noti, ma non mi era mai successo che qualcuno in accademia si fosse interessato a loro. La prof continuava a scrutarmi con insistenza e quando mormorai i due nomi ebbe una sorta di sussulto e riprese a squadrarmi, analizzando i miei lineamenti con attenzione maniacale, torturandosi le mani e mordendosi il labbro inferiore affondando i denti nel silicone. I suoi occhi spalancati iniziavano a spaventarmi, perfino Penny, al mio fianco, si agitava a disagio.
    Dopo un po’ la Solari si riscosse e ci salutò, dandoci appuntamento alla lezione successiva.
    Non passarono molti giorni che mi invitò a colloquio nel suo ufficio, adducendo a pretesto un progetto per il diploma che avrei conseguito di lì a pochi mesi.
    Solo l’idea di trovarmi in una stanza angusta a tu per tu con lei mi creava disagio, ma ero troppo curiosa per disertare l’invito, così, dopo le lezioni, salii da sola la rampa portava al piano degli studi personali dei docenti.
    L’accoglienza di Sandy (a furia di sentire la mia amica chiamarla così, mi ero abituata anch’io) fu molto calorosa. Mi invitò ad accomodarmi su una delle poltroncine rivestite di tessuto fiorato e mi offrì un caffè. In realtà non volevo accettare, ma con un gesto mi fece capire che ne avrei avuto bisogno.
    Ora posso affermare che aveva assolutamente ragione.


    Sorseggiando un caffè, Sandy Babe iniziò il suo racconto:
    Ultima modifica di yayachan; 12th December 2011 alle 21:52

  9. #269
    sim onniscente L'avatar di yayachan
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    un pc a 10 Mega da Scauri (LT)
    Età
    44
    Messaggi
    1,463
    Inserzioni Blog
    20
    Potenza Reputazione
    17
    nuova colonna sonora qui
    ...Nothing hurts like your mouth!
    -“Come di sicuro sai, io ero una delle più importanti groupie quando avevo più o meno la tua età. Ero una ragazza molto bella e scaltra, ho usato senza scrupoli il mio fascino e il mio sex appeal per ottenere ciò che volevo. Ma non ero la sola: ero a capo di una crew, una specie di band di ragazze senza alcun talento musicale e senza alcuno strumento tranne i nostri stessi corpi. La nostra era una missione, credevamo davvero nel nostro ruolo di assistenti e consolatrici dei musicisti. Non tutte erano tagliate per fare questa vita. Eravamo sempre in tour, tra camper, autobus e hotel presi d’assalto dai fan dei gruppi e ragazze che volevano prendere il nostro posto. La prima volta che giunsi a Riverview ero in tour con i Falling Trees.


    Sì, Asya, il gruppo in cui suonava tuo padre e che si sciolse poco prima della tua nascita.
    Giorgio era un ragazzo dolcissimo, tutte noi ragazze eravamo molto innamorate di lui, ma non avevamo chance di rubargli il cuore. Ce lo diceva con un’onestà disarmante: <<Non ho altre fidanzate all’infuori della mia chitarra>>.
    Non che disdegnasse la nostra compagnia…” –le sfuggì un sorrisetto allusivo - “Probabilmente non ti fa piacere sentire parlare di tuo padre in questo modo, ma di certo neanche a lui piacerebbe conoscere i dettagli intimi della tua vita attuale.
    Non arrossire, tesoro”- mi disse con una confidenza eccessiva di cui non capivo l’origine - “siamo tutti fatti di carne e ormoni, sarebbe più strano il contrario”.
    Fece una pausa sorseggiando il suo chai con panna. Tentai di imitarla e ingurgitai un po’ di caffè per cercare di allentare il nodo che mi stava lentamente e inesorabilmente serrando la gola.

    Tra l’altro i suoi accenni agli ormoni iniziavano a farmi sentire depressa: da quanto tempo non uscivo con qualcuno che andasse oltre Penny, Omero o Sofia? Capii in quel momento quanto mi mancava il brivido della conquista di cui mi ero quasi intossicata nei primi anni di accademia, ma ero sicura di non avere più incontrato nessuno degno di farmi provare tali sensazioni.
    La Solari ricominciò:
    -“Stavo dicendo… qui a Riverview l’albergo che ospitava i Falling Trees fu preso d’assalto come al solito da fan di ogni tipo. La sicurezza era implacabile e molto ben organizzata, solo una ragazza riuscì a intrufolarsi e si fece trovare seduta sul letto di Pete, il cantante e frontman della band, con indosso un abito a sottoveste e anfibi ai piedi.

    Aveva dei meravigliosi capelli castani dalle sfumature ramate, lunghi e fluenti sulle spalle e un espressione innocente nei grandi occhi scuri.
    Lui gradì molto la sorpresa, si richiuse la porta alle spalle e la serrò, infischiandosene di Giorgio che arrivava dietro di lui carico delle valige di entrambi. Ricordo molto chiaramente la notte passata in quel corridoio con lui, seduti a terra con la schiena appoggiata contro la porta e una sigaretta tra le dita, a cantare per coprire i rumori che provenivano dalla stanza dietro di noi.


    In fondo ero invidiosa di quella ragazza, per lei era tutto nuovo e meraviglioso, io ero già un po’ stufa di quella vita.
    Inutile dirlo, la ragazza si unì a noi per tutto il resto del tour. Si chiamava Maria, ma lo sapemmo solo dopo molto tempo; per tutti noi lei era Stargirl.
    Era innamorata sul serio di Pete, non aveva occhi che per lui… in effetti non era una vera groupie”- affermò scuotendo la testa- “perché non si avvicinava a nessun altro e si dava un sacco di arie. Si riteneva a tutti gli effetti la donna del frontman.
    Lui non la meritava affatto, non faceva che tradirla e beffeggiarla, ma lei era del tutto accecata dalla sua sorta di “idolatria” e fingeva di non notare la cosa. La sua bellezza attirava tanti uomini, ma lei era del tutto insensibile ai loro richiami.
    Finché Pete non perse il controllo… alcuni concerti vennero annullati dalle autorità locali delle nostre tappe e lui iniziò ad alzare un po’ troppo il gomito. Giocava molto e … perdeva molto. Finiti i soldi, mentre eravamo bloccati in un Hotel che condividevamo con altre band, arrivò a vendere il suo angelo, Stargirl…
    Perse, ovviamente.

    La poveretta fu svegliata nel cuore della notte dal batterista dei Throatcutters, un energumeno ubriaco e violento. La sentimmo urlare, ma nessuno ebbe il coraggio di avvicinarsi alla stanza se non Giorgio.

    Lo schiaffeggiò e lo fece stramazzare a terra rompendogli in testa una chitarra!” detto questo, la mia intrattenitrice sbuffò una risatina nervosa.
    -“Da allora iniziarono a fare coppia fissa, dopo poche settimane Giorgio lasciò il gruppo e si sposò con Maria.”
    Fece una pausa, mi guardò e fece schioccare eloquentemente la lingua. Ero frastornata. Lentamente la mia mente elaborò tutti i dati, mentre Sandy Babe scrutava la girandola di emozioni che si dipingeva sul mio viso.


    Poiché non rispondevo, la Solari si sporse sulla scrivania agguantando una foto e porgendomela, disse con voce flautata:
    -“Hai mai visto una foto di Pete, Asya? No? E’ un peccato, un tale bel ragazzo!”


    Mi mise tra le mani la cornice puntando il dito in direzione di un ragazzo slanciato con i capelli lunghi e ramati. Nel bel viso leggermente incavato notai due profondi occhi verdi che mi bucarono la retina, scrutando negli abissi della mia anima.
    Ultima modifica di yayachan; 12th December 2011 alle 22:07

  10. #270
    sim dio L'avatar di Flagghi
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Bikini Bottom ☂
    Età
    27
    Messaggi
    4,866
    Potenza Reputazione
    19
    Ow non vedo l'ora di vedere le foto!!!! *___* e poi mi sono tenuta il commento, no? :P
    Happiness is a warm puppy (Charles M. Schulz)
    ConfinementPixelliniPapercupsBallooon

 

 
Pagina 27 di 46 PrimaPrima ... 17252627282937 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [TOP5]FOCUS ON: CHE MOSSA FARO'?
    Di mary24781 nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 4th October 2011, 11:59
  2. [Diario] Che mossa farò? (LoD)
    Di Pey'j nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16th May 2011, 13:13
  3. Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 5th January 2011, 16:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •