Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22

Discussione: Memento

  1. #1
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    13

    Memento

    Ho pensato, pensato, pensato e ripensato di aprire questo spazio ed alla fine l'ho fatto.
    Spero vivamente che le mie ministorie vi piaceranno.






    Memento "La necessità di ricordare".

    Mentre gioco creo sempre delle storie intorno ai miei personaggi storie che però vanno sempre perdute perchè non le scrivo mai, così ho deciso di aprire questo piccolo spazio in modo da non "lasciarle andare via".





    Ringrazio Mary che pazientemente ha letto la prima parte della mia ministoria e pazientemente mi ha corretto laddove c'erano errori o orrori, chiedete a lei.
    Ringrazio anche Valentinasims700 per avermi sopportato e per aver aggiunto il titolo alla foto.

  2. #2
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Memento

    Storie d'amore


    Storie di vita


    Storie umoristiche


    Storie drammatiche


    Storie fantasy o fantascientifiche


    Storie thriller o horror
    Ultima modifica di Lilla_20; 12th February 2013 alle 18:37

  3. #3
    sim dio L'avatar di archisim
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    davanti al pici
    Messaggi
    10,868
    Potenza Reputazione
    31

    Re: Memento

    dov'è questa prima storiella riveduta e corretta dalla sapiente mary?
    per caso parla di mummie?

  4. #4
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Memento

    No niente mummie. :P

    Mi manca da fare un'ultima foto e poi è pronta... ma mi raccomando siate buoni e niente pomodori o ortaggi vari. :P

    Scherzo ovviamente. Ogni critica e/o suggerimento è sempre accettato.

  5. #5
    sim dio L'avatar di Valentinasims700
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Il mondo che non esiste
    Età
    19
    Messaggi
    8,260
    Inserzioni Blog
    111
    Potenza Reputazione
    16

    Re: Memento

    Sono curiosa di vedere la prima ministoriella
    ah e non c'è di che per la copertina, ho aggiunto solo la scritta e qualche regolazione XD
    '-'



  6. #6
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Memento

    Ma hai sopportato i mie scleri mentre facevo la foto per la copertina!

  7. #7
    L'avatar di Amirilka
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Età
    31
    Messaggi
    3,834
    Potenza Reputazione
    12

    Re: Memento

    Ciao Lilla!
    Che bel titolo hai scelto per questo spazietto Sono curiosa di leggere la tua prima ministoria

  8. #8
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Memento

    Grazie anche a te.
    Dopo cena la posto.

  9. #9
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    13

    SEGRETI E BUGIE

    SEGRETI E BUGIE




    Jessica è ancora a letto semi addormentata quando sente la porta della sua camera da letto aprirsi e sua madre chiamarla dolcemente.





    - Ancora cinque minuti dai… è presto.
    - Su su Jess, è tardissimo! Ti ho fatto dormire fino a tardi giusto perché ieri hai studiato fino a mezzanotte, se non fosse che, nonostante questo, porti sempre degli ottimi voti… - Sua madre Lucilla è davvero molto fiera di lei, d’altronde è una studentessa modello e nonostante a volte si perda nella sue fantasie di principe e principesse in cui lei è la principessa ed è in cerca del principe azzurro, è una brava e giudiziosa ragazza.
    Jessica si alza e dopo una veloce colazione prende la sua bici e corre in direzione della scuola: è davvero molto tardi e non le va proprio di saltare storia, la sua materia preferita, materia in cui può perdersi a fantasticare…
    Parcheggiata la bici corre verso il portone della scuola, non rendendosi conto che anche una ragazza sta facendo la stessa cosa. L’unica differenza è che l’altra è arrivata con lo scooter.





    Le due finiscono a terra. La prima ad alzare la testa è proprio Jessica.
    - Scusami non ti ho proprio vista, sai è tard…
    Ma non riesce nemmeno a finire la frase perché si ritrova davanti se stessa. Rimane letteralmente a bocca aperta, rispecchiandosi nell’altra che assume, neanche a farlo apposta, la sua stessa espressione. La prima a riprendersi è proprio l’altra ragazza.
    - Non è possibile… e tu da dove salti fuori?
    Jessica invece non riesce a parlare, è rimasta totalmente basita.
    - C’è qualcosa che non quadra…
    Pensierosa Lolita guarda Jessica. Lei è abbastanza intraprendente quindi, nonostante anche lei sia rimasta senza parole e prendendo Jessica per un braccio la trascina con sé.
    - Andiamo da qualche altra parte a parlare, non possiamo rimanere qui.
    L'altra annuisce e la segue, anche se non si regge bene sulle gambe...
    Le due ragazze si ritrovano quindi alla caffetteria. Jessica è talmente scossa che non pensa neanche al fatto che per la prima volta nella sua vita ha fatto sega a scuola, mentre Lolita, che al contrario, è abituata a saltare le lezioni, non pensa che oggi è il suo primo giorno di scuola in quella città.
    Le due rimangono qualche attimo in silenzio a fissarsi. Per loro guardare l’altra è come guardare se stesse, anche se con abiti che non indosserebbero mai.





    - Scusami, con tutto questo scombussolamento non ci siamo neanche presentate… Io mi chiamo Jessica Jenkins, ho 16 anni e vivo con mia… la… nostra… insomma con la mamma.
    - Giusto non ci siamo presentate.
    Abbozza un sorriso, lei è quella che sa sempre cosa fare, che decisioni prendere, come rigirarsi il padre, ecc. eppure non ha pensato una cosa semplicissima, ovvero presentarsi a quella ragazza sconosciuta eppure identica a lei.
    - Io mi chiamo Lolita Ford, ho 16 anni…
    Fa una smorfia perché è evidente che entrambe hanno la stessa età.
    - … e vivo con…. be’ con papà.
    Ammicca. Sì, quella situazione è decisamente strana.
    - Ma dimmi, tu sei nata qui a Maree Splendenti?
    Jessica la guarda incantata, quindi si riprende per poter rispondere alla domanda.
    - Sì, la mamma ed io siamo sempre state qui da quando sono… da quando sono nata. Tu?
    - Io, da quello che so, sono nata e cresciuta a Bridgeport. Ma a questo punto sono certa solo del “cresciuta”, del “nata” non tanto.





    Fa una pausa. La sua mente lavora freneticamente anche se, data la situazione non riesce a concentrarsi perfettamente. E’ Jessica, quindi, a parlare.
    - Tuo… hem… tuo padre cosa ti ha detto di tua madre? Cioè… se sei sempre stata con pa… con lui, cosa ti ha detto di tua madre? Do…ve sta?
    Jessica quando è molto nervosa comincia a balbettare e questo momento, ovviamente, non fa eccezione.
    - Semplice, che è morta quando io ero piccola, o meglio, una neonata, in un incidente stradale. E tu che sai di tuo padre?
    Jessica la guarda imbambolata, non riesce ancora a capacitarsi di avere una gemella, ma ormai è ovvio che lei e Lolita sono gemelle. Si riprende velocemente e si concentra su ciò che le ha chiesto l’altra.
    - Stessa identica cosa, anche “mio” padre è morto e guarda caso anche lui di incidente stradale.
    Le due ragazze continuano a fissarsi. Entrambe pensano la stessa cosa. Cosa è successo alla loro famiglia? Perché loro due sono state separate? E perché i loro genitori hanno mentito su tutto?
    Le due ragazze restano là, alla caffetteria "Il Punto Focale" per tutta la mattina, incuranti della gente che le guarda. Maree splendenti è una piccola cittadina e si conoscono tutti, quindi la gente rimane sorpresa a guardare Jessica… o meglio due ragazze identiche a Jessica Jenkins.
    Rimangono a parlare praticamente fino a tardi, tornano nelle loro rispettive case a mezzanotte inoltrata.

    Jessica trova sua madre in piedi che l’aspetta e che ovviamente, preoccupata, le fa una bella strigliata, la prima in tutta la sua vita. D’altronde Jessica è una brava ragazza e non ha mai dato nessun problema alla madre. La ragazza rimane interdetta: sì, si rende conto di aver fatto preoccupare Lucilla, ma allo stesso tempo è ancora confusa riguardo a lei ed alla sua gemella.







    Continua...
    Ultima modifica di Lilla_20; 13th February 2013 alle 18:10

  10. #10
    sim dio L'avatar di Lilla_20
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    In un mondo fantastico
    Messaggi
    5,524
    Potenza Reputazione
    13

    Re: SEGRETI E BUGIE

    Si ritira, quindi, in silenzio nella sua camera dove prima ancora di arrivare a letto si lascia cadere a terra a piangere.





    Lolita invece è l’opposto di Jessica, lei non si fa scrupoli a tornare tardi la sera e di solito lo fa quando suo padre si ferma in ospedale fino a notte fonda. Quando torna a casa, trova Jason che l’aspetta infuriato, appena uscito dalla piscina: d’altronde quella è la sua bambina e lui non si immagina minimamente quello che, normalmente, lei combina, figuriamoci, poi, quel giorno!!





    Lolita non dice nulla e va in camera sua sbattendo la porta. Ma a differenza di Jessica non si mette a piangere, anzi: aprendo piano la porta della sua camera si guarda intorno ed, appurato che suo padre non è in corridoio, si avvia nel suo studio. Lei sa, ormai, che se lui ha dei segreti, questi sono rinchiusi da qualche parte nel suo studio ed è più che decisa a trovarli.
    Purtroppo per lei non trova praticamente niente.





    Scoraggiata torna in camera sua e si butta sul letto con l’intento di riesaminare tutta la faccenda, ma le emozioni sono state tante anche per lei, che, di conseguenza, appena mette la testa sul cuscino si addormenta.

    Il giorno dopo è il giorno libero di Jason, che ne approfitta per fare un po’ jogging per il quartiere. La corsa lo rilassa e dopo la sfuriata che ha avuto con Lolita ha proprio bisogno di calmarsi. Lolita è la sua piccina e non può tornare così tardi a casa senza neanche fargli una telefonata per comunicarglielo e magari anche dirgli con chi sta.
    Corre automaticamente senza badare a dove va: d’altronde lui lì c’è nato ed è tornato nella casa dove è cresciuto, anche se questo sua figlia non lo sa. E’ stato molto attento a far sparire tutte le cose che potevano tradire il suo passato.
    Corre, corre, corre e quasi gli prende un colpo quando vede una persona, di spalle, ma quella persona, lui, la riconoscerebbe anche al buio…





    Lucilla è di spalle e non lo vede subito, ma quando si volta per tornare a casa lo nota. Il suo volto sbianca, lo sguardo fisso su di lui e quello di lui fisso su di lei.







    FINE 1° PARTE
    Ultima modifica di Lilla_20; 13th February 2013 alle 18:10

 

 
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •