Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 13 di 31 PrimaPrima ... 3111213141523 ... UltimaUltima
Risultati da 121 a 130 di 307
  1. #121
    L'avatar di Daniela Alberghini
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Disney Store
    Messaggi
    1,423
    Inserzioni Blog
    35
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Intermezzo

    Ore: 18:45


    Gruppo Uno

    Andrew. Jo ti fa notare la bruciatura del Feral, come possibile punto debole.
    Senza pensarci troppo, prendi la mira e spari un colpo. (Andrew Destrezza 95 = Nice Shot!)
    Fai centro, peggiorando la bruciatura della bestia, che ringhia di dolore facendo qualche passo indietro. (Feral Costituzione -50 su 145 = 95)
    Stai per scappare e raggiungere le scale, ma il Feral scatta e raggiunge lui le scale, scappa al piano di sopra, lasciando delle gocce di sangue sul pavimento. Segno della bella ferita che gli hai provocato.
    Jo. Osservi la scena dall'altro lato della balconata. Quella vetrata sembra abbastanza resistente, ma per quanto ancora?
    Il Feral è in fuga.
    Chissà se dopo essersi leccato la ferita, non abbia voglia di vendicarsi?
    Per ora sarà meglio evitare il secondo piano...


    Forse avete pochi secondi per respirare. Avvertite qualcuno?


    Gruppo Tre

    Lynette. Fai aspettare Lawrence, che rientra nel suo studio, allontanandosi da voi.
    Segui Darsy fuori, vicino al bagno per chiederle spiegazioni. La conosci quel poco da sapere che non soffre di allucinazioni.
    Attendi la sua risposta.


    Non noti subito che dietro di lei c'è qualcuno.




    Darsy non se ne è accorta.
    La Nurse alza il suo tubo di ferro, pronta a colpirvi. Se vuoi salvarti devi scansarti dalla traiettoria e sacrificare la tua collega. Oppure ti sacrifichi per lei. Scegli.


    Gruppo Cinque


    Yuriko. Cerchi di non spaventare la ragazzina e di tranquillizzarla. Ci riesci. (Yuriko Carisma 35)
    Le spieghi che ci sono dei poliziotto nell'ospedale, sperando di giustificare gli spari.
    La giovane si asciuga le lacrime. «Io sono Theresa» Ti risponde, tirando su col naso. Poi ti racconta...
    «M...mi sono avvicinata alla finestra...e ho visto un uomo entrare nella stanza affianco. Era l'uomo che mi ha aggredito al parco... Cioè non era lui, ma era come lui! Ho chiuso la finestra... Poi ho guardato verso destra e ne ho visti tanti! Vengono dal cimitero...» Conclude.
    Si accoccola di nuovo su se' stessa e ti indica la finestra.
    «Non siamo al sicuro qui...»
    Guardi verso la finestra, ma di primo impatto non vedi niente.






    Ti avvicini e volgi lo sguardo verso destra...



    Ora li vedi, e capisci a cosa si riferisce Theresa.







    Visto che c'è qualche scelta importante da fare, colgo l'occasione per ricordarvi di seguire l'allineamento che avete scelto!


    Mila, hai postato di nuovo fuori dalla turnazione. Se sei in dubbio sul tuo turno guarda l'indice in prima pagina, magari ti aiuta. XD
    Aspetto che gli altri gruppi finiscono la turnazione.

    Turnazione stabilita

    Gruppo Uno Gruppo Tre Gruppo Cinque
    Josephine Marshall Lynette Crow Yuriko Kiyomizu
    Andrew Davis Intermezzo
    Ultima modifica di Eclisse84; 9th April 2014 alle 13:52

  2. #122
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    34
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    14

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Liam Harrington
    Gruppo Due





    Esco dal bagno con la speranza di non dare nell'occhio. Neanche il tempo di aggiustarmi per bene il camice che mi accorgo subito di aver parlato troppo presto: davanti a me un gruppetto di persone tra cui un medico mi fissa.
    Non credo che abbiano visto qualcosa. Che avranno da guardare allora? Mi controllo la cerniera dei jeans: è chiusa. Sarà per il camice? Qui i dottori si conoscono tutti?
    Mentre li osservo in malo modo, mi accorgo della presenza di sangue sul pavimento che fuoriesce dalla porta davanti a loro.
    Chino la testa leggermente a destra e rifletto a bassa voce: "Non ricordo di aver ammazzato ancora nessuno lì dentro..".
    Noto in seguito il terrore e lo sgomento sulle loro facce mentre osservano impietriti quella porta. Sangue, paura...la situazione è troppo eccitante per me. Tanto che non posso andar via e far finta di niente. Così, mentre loro parlottano, mi avvicino con passo felpato, pensando a chi dei presenti potrebbe essere la mia prossima vittima.


  3. #123
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    34
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Josephine Marshall
    Gruppo uno

    Andrew coglie al volo le mie parole e senza farselo ripetere prende la mira e spara. Deve aver centrato la ferita perché la bestia infernale indietreggia emettendo uno strano ringhio.
    O caXXo… Ora il cane sarà inferocito e mi salterà addosso… Potevo rimanermene zitta e farlo banchettare col mio accompagnatore…” neanche il tempo di perdermi nei meandri dei miei pensieri che la belva corre verso le scale lasciando dietro di se una scia di sangue “Bene! Se n’è andato di sopra… Ora devo solo liberarmi dell’altra palla al piede e potrò tornarmene a casa...”.



    Guardo Andrew dall’altro lato della ringhiera e poi guardo il vuoto sotto di me: “Galera o libertà?
    Ripenso a tutte le lezioni di danza e di ginnastica ritmica frequentate da bambina, a tutti gli allenamenti per migliorare la mia agilità: forse tutto il sudore, tutta la fatica e tutte le lacrime versate saranno ricompensate questa notte.
    Misuro la distanza che mi separa dal piano terra e poi quella che mi separa da Andrew: “Libertà o galera?
    Faccio scivolare le mani lungo il palo metallico per avvicinarmi al punto più basso della ringhiera, poi, aggrappandomi saldamente, libero i piedi nel vuoto.
    Libertà!
    Mollo la presa e mi lascio cadere pronta ad attutire l’urto piegandomi sulle gambe.
    Poi non mi resterebbe altro che correre verso l’uscita.
    Ultima modifica di albakiara; 5th November 2013 alle 12:16

  4. #124
    sim dio L'avatar di KiraSim
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    4,411
    Inserzioni Blog
    5
    Potenza Reputazione
    13

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Greta Coli
    - Gruppo Quattro -



    Byron: Qualsiasi cosa succeda scappate. Più veloce che potete, lasciatemi qui e fuggite.



    Che cosa?! Non ci penso proprio ad andarmene! Insomma siamo in un ospedale, un posto tranquillo e sicuro... in teoria.
    In pratica stanno accadendo cose talmente assurde, che se le raccontassi in giro mi prenderebbero per pazza!
    All'interno della stanza 103 c'è una paziente in preda al panico che sta tentando di scappare da un uomo barcollante...
    un uomo pallido che ha tutta l'aria di non sentirsi bene... un uomo che...
    non ho il tempo di analizzare perché cade a terra vittima di un proiettile di Byron.



    Non riesco a credere ai miei occhi...! Il mio amico ha davvero premuto il grilletto senza pensarci su due volte?!
    Sono esterrefatta! Inizio ad avere più paura di lui, che di tutto ciò che mi sta attorno!

    Olivia: B! Ma che...

    Olivia, sconvolta quasi quanto me, si fa strada tra i presenti, seguita a ruota dalla rossa che avevo lasciato poco prima davanti alla stanza 102.
    Quest'ultima tra le mani stringe una macchina fotografica... che sia una giornalista?



    Distolgo l'attenzione dalle ultime arrivate per cercare di capire le condizioni dell'uomo a terra, ma vengo attirata dalla presenza di un'anziana signora.
    La sua testa è inclinata verso destra. Un filo di sangue le cola lungo il viso e in prossimità del collo ha una ferita molto simile a un... morso?
    Accanto a lei c'è una sedia a rotelle rovesciata... ecco perché B ha sparato così impulsivamente!
    La scena, nella sua integrità, induce a pensare a un'aggressione. Eppure... non mi capacito del morso.
    Insomma, un qualsiasi altro oggetto sarebbe stato più efficace per attaccare. Perché l'aggressore si è servito proprio dei suoi denti?



    I miei pensieri vengono interrotti da una situazione tutt'altro che normale.
    L'uomo a terra si rialza e si dirige verso di noi con fare barcollante. Ha tutta l'aria di essere affamato.

    Ma no, dai... NON può essere ancora vivo... NON ha senso... NON è possibile!
    A meno che non indossi un giubbotto antiproiettile (cosa di cui dubito, visto il segno della pallottola ancora vivo sul suo petto).

    Byron: Ma che... Come... Lui non...

    Olivia: STATE INDIETRO!

    Olivia
    punta la pistola verso il tizio-zombie e spara due colpi.



    L'uomo viene momentaneamente respinto indietro, per poi proseguire la sua "passeggiata" come se nulla fosse.

    Ok. Non ci sono spiegazioni razionali a tutto questo, se non il fatto che questo "coso" sia quel che rimane del paziente della stanza 102.
    Certo, è molto diverso dalla descrizione riportata sulle pratiche mediche...
    ma il suo "pigiama ospedaliero" e il suo strano comportamento, non possono che farmi giungere a questa conclusione.
    La patologia con cui ho a che fare, non è semplicemente fuori dal comune, è qualcosa di mostruoso!
    E oserei dire... che è in grado di far diventare dei mostri i suoi stessi portatori!



    Mentre nella mia testa si affollano pensieri poco più che deliranti,
    la ragazza precedentemente oggetto delle attenzioni del paziente "dai denti aguzzi" riesce a raggiungerci oltre la soglia della porta.

    Byron: Forse è il caso che vi mettiate al sicuro... qui ci pensiamo noi.

    Prima che Byron spari l'ennesimo colpo, mi tappo le orecchie per evitare di sentire nuovamente il botto della pistola e chiudo gli occhi.





    - - - - - FLASHBACK - - - - -



    Yuriko: Dottoressa… Greta, forse sarebbe bene seguire il consiglio dell'agente e allontanarci…

    - - - - - FINE FLASHBACK - - - - -



    Spalanco gli occhi e volgo velocemente il mio sguardo in direzione del corridoio.



    La ragazza dai tratti orientali non c'è più, ma la porta della stanza 101 è aperta.
    Non essendo un'infermiera in grado di smaterializzarsi - chissà poi dove sono finite - dev'essere per forza entrata lì dentro.

    Samantha: Mila, aspetta in corridoio, se dovesse succedere qualcosa urla e vedrò di correre subito da te.

    La dottoressa Reaver sta cercando di tranquillizzare la paziente sfuggita dal tizio-zombie (che spero vivamente cada a terra una volta per tutte).



    Guardando Mila, ho come la sensazione di riflettermi in uno specchio. Siamo entrambe lì, tremanti e impotenti di agire.
    Devo prendere coraggio...

    Greta: Ascolta Mila, in quella stanza - indico la stanza 101 - c'è una paziente che proporrei di raggiungere.
    Raggruppiamoci e torniamo qui. E' meglio non allontanarci troppo dagli agenti delle forze dell'ordine...




    L'idea di recuperare la ragazza orientale mi fa sentire decisamente meglio. Ormai la situazione è quella che è, dobbiamo restare il più possibile uniti.
    Come se non bastasse, devo anche riuscire a controllare il corpo - possibilmente MORTO - del paziente della stanza 102.
    Ho un paio di dubbi da chiarire... tra cui quello del morso. Potrebbe essere uno dei mezzi di trasmissione della malattia...


    * Non riesco a inventarmi un modo per fare le luci d'emergenza xD *
    Ultima modifica di KiraSim; 13th January 2014 alle 20:11 Motivo: Aggiornata la scheda

    ~ Mi dispiace, Diane. Non posso mantenere la mia promessa.
    Devi dimenticarti di me. Ma io non mi dimenticherò mai di te.

  5. #125
    sim dio L'avatar di Akuiyumi
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Messaggi
    2,972
    Potenza Reputazione
    9

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Lynette Crow
    Gruppo 3



    Darsy è ancora lì che mi guarda, indecisa su cosa dirmi o no. Forse sta cominciando anche lei a dubitare di quello che ha visto.
    Eppure ha sicuramente visto qualcosa, per aver avuto quella faccia.



    I miei occhi sono ancora fissi sulla porta del bagno incriminato, ma l'assenza delle normali luci mi fa vedere ben poco.
    Improvvisamente, dal nulla appare un'ombra dietro a Darsy, con una qualche sorta di bastone in mano. Come ho fatto a non vederla prima?
    A guardarla meglio sembra.... no, non è possibile.



    Sembra una donna vestita da infermiera, ma ha il viso completamente gonfio e deforme... e pieno di sangue. In mano tiene quello che sembra essere un tubo di ferro.
    Com'è possibile che esista qualcosa di così mostruoso? Forse è uno scherzo, una pazza che va in giro in costume, anche se siamo ben lontani da Halloween. Magari qui hanno un reparto psichiatrico e un paziente è fuggito.
    Darsy è ancora lì che pensa a come rispondermi, e non si è accorta di nulla.

    La cosa alza la sua arma, caricando un colpo che andrebbe a colpire entrambe.
    Costume o no, meglio filarsela.
    "ROSSO!" urlo mentre tento di spostarmi: la parola d'ordine mia e di Darsy per indicare il pericolo. Avrei potuto buttarmi su di lei spostandola, ma così poi mi sarei ritrovata completamente alla mercé del mostro. Meglio lei che me.



    Spero che Lawrence mi abbia sentito urlare.
    Spero, soprattutto, di riuscire a spostarmi abbastanza da salvarmi. Se così sarà, fuggirò il più velocemente possibile verso l'ufficio, senza neanche guardare se Darsy ce l'ha fatta o meno...



    myMind | myHands | myLegacy | myCrazyLegacy

  6. #126
    sim dio L'avatar di Tesla-Kun
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Livorno
    Età
    24
    Messaggi
    2,085
    Inserzioni Blog
    25
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Quest Hospital Brookheaven]

    Andrew Davis
    -Gruppo uno-

    il pavimento si macchia di gocce rosso scarlatto, sangue. Sono riuscito a colpire quella bestia esattamente nella sua bruciatura peggiorandola ulteriormente, la creatura fa dei ringhi di dolore a conferma del essere gravemente ferita.
    Sto per scattare verso le scale per evitare che si riprende dal brutto colpo subito ma vengo anticipato da quel cane sopra sviluppato che fa uno scatto verso le scale scomparendo dalla mia vista raggiungendo il secondo piano lasciando solo una scia di gocce di sangue che indicano la strada da lui percorsa.
    Questo corridoio riacquista un po' della tipica pace ospedaliera che in diverse situazione non faceva che mettere ansia a chiunque si ritrovi ad aspettare il risultato di un'analisi importante o di sapere se un parente o amico è riuscito a sopravvivere a un intervento chirurgico. Insomma le solite cose allegre, ma in questa situazione non potevo che esserne contento, il mio cuore pian piano riprende a battere a un ritmo normale. So che non è il momento di riposarmi, quel grosso cane potrebbe tornare per vendetta o attaccare qualcuno che si trova al secondo piano ma voglio godermi qualche secondo di pace prima di riprendere a fare il poliziotto, come al solito mi rendo conto di quanto ho puntato sul tavolo solo a gioco finito, sarei potuto morire e nemmeno tutto il coraggio del mondo ti fa accettare questa realtà con facilità, non è la prima volta che mi capita di rischiare la vita visto il lavoro che mi ritrovo ma è comunque un insieme di emozione e sensazioni che devi metabolizzare prima o poi, ma a questo dovrò pensarci dopo, non sono fuori pericolo, né io né le altre persone all'interno dell'ospedale. Mi rimetto in piedi rimettendo la pistola nella sua fodera.
    Mi giro per chiamare Josephine, non ho sentito nulla che mi possa far intuire che sia saltata, probabilmente vedendo che la situazione era più sicura aveva deciso di tornare da questa parte. Ma non vedo quello, le sue mani aggrappate alla ringhiera pronta a saltare. Non può non aver notato che non c'è più pericolo visto che la ringhiera è di vetro e mi ci vuole poco per realizzare le sue vere intenzioni.
    E in quel instante si lascia andare.
    Istintivamente corro verso la ringhiera per cercare di afferrarla ma so già che non sarei arrivato in tempo e le parole di Isaac mi tornano in mente “«Qualsiasi problema chiamami, io sono qui sotto»” quindi...
    mi affaccio dalla ringhiera e faccio un fischio cercando di attirare l'attenzione del mio collega e poi urlo:
    «Isaac!! sta cercando di scappare!!»
    messaggio semplice e conciso e che non farà altro che confermare l'incapacità della polizia nel gestire ogni genere di situazione agli occhi dei civili e dopo lo scandalo di Bellavista forse non era il caso di attirare cosi tanto l'attenzione ma non avevo tempo di pensare a un'idea migliore e senza aspettare una risposta dal mio amico corro verso le scale per scendere.


    con la coda dell'occhio guardo anche le scale che vanno al piano superiore, non si sa mai...

    - - - - - - - - - - - - - - - -


  7. #127
    sim dio L'avatar di Winged85
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    Provincia di Milano
    Età
    33
    Messaggi
    3,047
    Inserzioni Blog
    15
    Potenza Reputazione
    14

    Re: [Quest Hospital Brookheaven]

    Yuriko Kiyomizu
    Gruppo 5 - Stanza 101

    La ragazza sembra si sia un po' tranquillizzata, o quantomeno pare fidarsi di me.
    Ti su col naso mentre si presenta e mi spiega a cosa si riferiva poco fa: «Era l'uomo che mi ha aggredito nel parco… Cioè non era lui, ma era come lui!» La cosa mi confonde. Faccio per chiederle chiarimenti, ma mi precede: «Ho chiuso la finestra… Poi ho guardato verso destra e ne ho visti tanti! Vengono dal cimitero… Non siamo al sicuro qui…»
    Le sue parole mi gelano il sangue nelle vene. Cosa vuol dire che non siamo al sicuro? Così mi alzo e mi avvicino alla finestra e guardo verso destra, come ha detto la ragazza… «Nandayo» esclamo, prima che possa bloccare le parole sul nascere. "Ma che diavolo…?!" Sono esseri umani, quelli? Sono lenti, camminano barcollando. Tossici? Malati? Cosa vuol dire che provengono dal cimitero?
    Troppe domande che non posso certo riversare su di lei e la paura mi paralizza.
    Calma. Devo restare calma. Prima di tutto, controllo che le finestre siano chiuse e bloccate. Se non lo sono, le blocco. Poi, se quegli esseri sono così pericolosi come dice Theresa e, se come sembra, stanno venendo verso di noi, la cosa più saggia sarebbe scappare, ma da sola ho come l'impressione che non andrei molto lontano. Sarà meglio avvisare qualcuno qui all'ospedale, forse anche qualcuno all'esterno non sarebbe una cattiva idea. Forse qualcuno sa cosa sta succedendo, ma le mie speranze sono piuttosto fievoli. Troppi "forse" per i miei gusti
    Mi volto di nuovo verso Theresa, che si è rannicchiata di nuovo su sé stessa. Non posso certo lasciarla qui.
    «Non ho idea di cosa stia accadendo, ma sarà meglio cercare qualcuno. Un poliziotto, o un dottore. Anzi, meglio entrambi. Non dovrebbe essere difficile trovarli.» Ripenso al gruppo di persone nella stanza accanto e sono sicura che troveremo qualcuno. Gli spari di poco fa con molta probabilità erano rivolti all'uomo che la giovane ha visto dalla finestra e spero con tutta me stessa che abbiano colpito il loro bersaglio.
    Ritorno alla porta della stanza e la apro completamente.
    «Coraggio, vieni. Andiamo a cercare qualcuno, meglio non stare da sole», le dico allungano una mano per aiutarla ad alzarsi. Poi aggiungo: «Per caso hai anche un modo per chiamare un parente, un amico, qualcuno che possa venire a prenderti e portarti via da qui, al sicuro?» Perché in un flash improvviso mi sono resa conto che non ho portato il cellulare con me.
    Poi, da un punto imprecisato al di fuori della stanza, si sente un grido: «Isaac! Sta cercando di scappare!!»
    Di bene in meglio.







  8. #128
    sim esperto L'avatar di Mich@el48
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Nel tunnel dei neutrini!!
    Età
    23
    Messaggi
    511
    Potenza Reputazione
    9

    Re: [Quest Hospital Brookheaven]


    HOPE STARDREAM




    Armata della mia compagna fotografica, mi avvicino alla stanza 103. Fin da subito noto che la poliziotta, che mi come me si sta dirigendo verso quel locale, mi osserva come se avessi in mano un cortello insaguinato. Cavolo, sarà meglio cercare di evitare di attirare l'attenzione. Così pensando cerco di nascondere la macchinetta dietro la schiena.
    Giunta vicino la porta, noto che la situazione è decisamente agitata. Sento dei lamenti provenire dall'inerno. Ma dove siamo, in un ospedale o in un manicomio? Sarà meglio controllare ed indagare. Infondo tutto questo caos deve essere denunciato e reso noto. Per non parlare del fatto che non sono ancora riuscita a localizzare Theresa. Quindi meglio continuare.

    Finalmento giungo perfettamento difronte all'entrara. La situazione che mi si presenta davanti gli occhi è alquanto strana.

    La ragazza lentigginosa ed un suo collega puntano la proprio arma contro un uomo, dal volto sfigurato. Mi alzo sulle punte dei piedi e noto una vecchia sdraita per terra, come se fosse addormentata. Ma cosa diavolo sta succedendo?
    All'improvviso la poliziotta dai capelli arancio spara due colpi. D'istinto porto le mani alle orecchie e distolgo lo sguardo, quando noto una ragazza che indugia sull'uscio della stanza 101. Sembra che stia cercando di entrare senza essere riconosciuta. Che cosa stà facendo? Forse è anche lei una giornalista? Forse è riuscita a localizzare Theresa?

    Così pensando mi allontana d'istinto dalla 101. La storia di quell'uomo impazzito è decisamente interessante, ma sono giunta qui per ottenere un'altra intervista. E comunque sarebbe impossibile scattare delle foto di media qualità con tutti quei poliziotti nei paraggi.
    Così mi avvicino alla porta, nascondendo però la mia macchina fotografica.

    In quel momento sento un grido provenire in lontanaza: «Isaac! Sta cercando di scappare!!»


  9. #129
    L'avatar di Daniela Alberghini
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Disney Store
    Messaggi
    1,423
    Inserzioni Blog
    35
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Quest Hospital Brookheaven]

    Terza Parte
    Intermezzo


    Manuel. Ormai conosci Helena, almeno in ambito lavorativo. Vuole fare sempre di testa sua.
    «Mh...No Manuel, non lo conosco» Ti risponde Helena, un po' distratta. A che pensa? Sai che nonostante il tuo avvertimento sarebbe capace di scendere fino ai sotterranei anche da sola.
    Isaac. Il dottore ti chiede l'arma che Helena ti ha appena consegnato. Sicuramente c'è da fidarsi. Ti ha aiutato dopotutto. Scegli. Alle spalle di Manuel riconosci un volto, anche se da lontano. È Theresa Kincaid.



    Liam. Quella piccola folla lì fuori non te l'aspettavi. Meglio fare i disinvolti.
    Ti avvicini alla porta e alla pozza di sangue per capire chi è arrivato prima di te. E lo vedi. Un'animale, senza pelle. Che diavolo è? Si sta gustando il suo pasto a base di carne umana.



    Dopo poco, sentite tutti un urlo. «Isaac! Sta cercando di scappare!!» Seguito da un rumore, come una caduta. E infatti eccola lì, a terra.
    Isaac ed Helena, la riconoscete: è Josephine.
    Megan. Rimani immobile.


    Jo. Hai deciso di lasciarti andare. Hai scelto la libertà. Ma come la raggiungi la liberà con una caviglia rotta? Fortunatamente le tue condizioni sono meno gravi. (Josephine Costituzione -20 = 70)
    Helena, vedendoti dolorante ti raggiunge. Rapidamente comprende la zona lesionata.
    «È uno strappo alla caviglia. Per fortuna è uno strappo lieve» Usando un kit di pronto soccorso immobilizza la zona colpita, steccandola. Grazie all'intervento di Helena, riesci a camminare. (Josephine Costituzione +10 = 80)
    Andrew. L'hai scampata bella. Raggiungi Josephine, la trovi già sotto le cure della dottoressa. Ma dove pensava di andare? Forse sperava le spuntassero le ali. «Che è successo?» Vi chiede.





    Lynette. Come si dice... Mors tua vita mea. (Neutrale Malvagio... Comportamento Corretto!)
    Scappi, schivando il colpo del mostro. (Lynette Destrezza 60) Che invece va a colpire in pieno la tua collega.
    Corri verso l'ufficio di Lawrence, ma ha sentito la tua voce e trovi già la porta dello studio spalancata e lui davanti a te. Facendoti da scudo col suo corpo, estrae veloce la sua arma e spara un colpo mirando alla testa di quell'essere.
    (Nurse Costituzione -70 = Morte)



    Morto. (Lawrence Destrezza 100 = Headshot!)


    «Dannazione!» Esclama. «Non è più sicuro qui. Dobbiamo andare. Vieni via con me, Lynette» Mette via la Desert Eagle e ti porge la mano, aspettando il tuo consenso. E ora? Voltandoti riesci a vedere il corpo di Darsy a terra. C'è del sangue. È ancora viva?
    Dove vuole portarti Lawrence? Che proposta vuole farti? Scegli.
    Darsy. La tua collega ti avverte di un qualche pericolo, ma non ti aiuta più di tanto. Un dolore lancinante, solo questo riesci a sentire. In un attimo ti ritrovi scaraventata sul pavimento senza capire cosa ti abbia colpito.
    (Darsy Costituzione -60 = 35) La tua vista è come annebbiata...



    Byron. Tenti di colpire il non-morto alla tempia. (Byron Destrezza 70) Lo colpisci alla gola. (Zombie Costituzione -20 su 35 = 15)
    Samantha. Da sola, alzi la sedia e la lanci contro il non-morto. Riesci con facilità nel tuo intento, visto lo scarso peso della tua "arma" improvvisata.
    La sedia, colpisce di striscio lo zombie che vacilla leggermente, per poi andare a urtare la finestra che si rompe violentemente. Una scheggia di vetro infilza la nuca dello zombie, da dietro.
    (Zombie Costituzione -20 = Morte)



    Olivia. Samantha. Byron. Nonostante tutto, ce l'avete fatta. Almeno ora sapete con certezza qual è il suo punto debole, nel caso ce ne dovessero essere altri come lui...




    Yuriko. Una folla avanza, sembra voler far tappa proprio lì, in ospedale. Sono lenti, quanto tempo vi rimane?
    «Mio fratello sarebbe venuto a prendermi oggi... Oppure sarei tornata a casa con Helena... abito con lei» Ti risponde la ragazzina, mentre afferra la tua mano accettando il tuo aiuto ad alzarsi.
    Sentite la voce di Andrew. Uscite dalla stanza e vedete la ladra seduta sul pavimento. Nel frattempo Greta vi è venuta incontro. Sarà il caso di dirle quello che hai visto?
    Mila. Anche tu assisti alla scena. Per fortuna sei salva. Ma per quanto ancora?
    Hope. Ti avvicini alla porta della stanza 101 seguendo Greta, ma vedi uscire la ragazza orientale e una ragazzina: Theresa.







    Ricordo a Byron e Olivia di togliere i proiettili utilizzati, se non lo avete già fatto.



    Turnazione stabilita

    Gruppo Uno
    Piano Terra
    Gruppo Due
    Piano Terra
    Gruppo Tre
    Secondo piano
    Gruppo Quattro
    Stanza 103
    Gruppo Cinque
    Corridoio
    Jo Marshall Isaac Norwood Lynette Crow Byron Biscardi Hope Stardream
    Andrew Davis Manuel Russel Darsy Libby Samantha Reaver Yuriko Kiyomizu
    Helena Bertinelli Liam Harrington Lawrence Talbot Olivia Walsh Theresa Kincaid
    Megan Norwak Greta Coli

    Mila Kirenko
    Ultima modifica di Eclisse84; 9th April 2014 alle 14:05

  10. #130
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    34
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Quest Hospital Brookheaven]

    Josephine Marshall
    gruppo uno


    Mollo la presa.
    Andrew si sporge dal parapetto per afferrarmi, ma ormai è troppo tardi, la forza di gravità mi sta già risucchiando.
    Questione di un’attimo. Il suolo è vicino, troppo vicino.
    <<Isaac! Sta cercando di scappare!>> urla Andrew nell’istante in cui atterro.
    <<Merda!>> Impreco. Non faccio in tempo ad ammortizzare l’urto come speravo e la caviglia cede sotto il mio peso.
    Cado a terra.
    Sarei disposta a strisciare come un verme fino all’uscita pur di andarmene di qui, ma la dottoressa mi raggiunge e si inginocchia per controllare la mia caviglia.





    Io la afferro per il braccio: <<Fammi-uscire-di-qui>> la minaccio scandendo bene le parole.





    Lei mi guarda stranita e io mollo la presa.
    Meglio cercare un altro alleato… Miss crocerossina non mi sembra una tipa disposta ad infrangere le regole…”.
    Incurante del mio gesto lei riprende ad occuparsi del mio piede: <<È uno strappo alla caviglia. Per fortuna è uno strappo lieve>> dice mentre stecca abilmente la caviglia.
    Sento subito sollievo. Non che il dolore sia un problema per me; anzi, grazie ad esso ho compiuto la mia metamorfosi.


    QUALCHE ANNO PRIMA – PRIGIONE DI SIMCITY


    Erano passate già settimane da quando ero stata rinchiusa in cella dopo il furto che era costato la vita di Jason.
    Una notte venni svegliata di soprassalto da mani maschili che mi afferrarono violentemente.






    Mi sbatterono contro le sbarre, strapparono i miei abiti e fecero di me un loro giocattolo.





    Poi mi gettarono a terra come un fazzoletto usato, ma non erano ancora soddisfatti così ripresero a divertirsi col mio corpo.




    Quella cella, già piccola, divenne claustrofobica.
    Continuarono per un tempo che a me parve infinito.




    Neppure le mie lacrime e le mie suppliche li fecero smettere.
    Continuarono finchè non furono tutti soddisfatti e poi mi lasciarono lì, nuda, sul pavimento lurido della cella. Mi raggomitolai in posizione fetale alla ricerca di un po’ di calore, di un po’ di protezione.
    Da quella notte non chiusi più gli occhi.
    Da quella notte iniziarono i miei incubi.




    Le visite notturne continuarono anche nelle settimane a venire e presto iniziarono anche le visite diurne.




    Non avevo tregua e anche quando gli aguzzini non c’erano restavo all’erta per il timore del loro arrivo.
    Volevo morire, e se ne avessi avuta la possibilità mi sarei uccisa.
    Ero dolorante per e le botte i lividi che segnavano il mio corpo, ero straziata per la morte di Jason: credevo che tutto quel dolore mi avrebbe uccisa.
    Invece i giorni passarono e quel dolore divenne rabbia. E la rabbia divenne forza, divenne vita.
    Dovevo vivere, volevo vivere per riprendermi la mia dignità, la mia libertà e, soprattutto, volevo vivere per vendicarmi di chi mi aveva portato via tutto ciò che amavo.
    Iniziai a sfruttare quegli uomini chiedendo denaro, sigarette, informazioni e altri beni di “lusso” in cambio delle mie “prestazioni”.




    Mi rasai i capelli per dare un taglio netto col passato e riuscii perfino a farmi tatuare, con strumenti di fortuna, la frase che divenne il mio motto di vita: No pain no gain. (traduzione letterale: niente sofferenza niente guadagno)
    La mia metamorfosi era compiuta.


    BROOKHEAVEN HOSPITAL


    Con la caviglia steccata sarei pronta ad alzarmi e correre fuori, ma alle mie spalle sento i passi di Andrew.





    Ormai è tardi, è a pochi metri da me.
    <<Che è successo?>> chiede la dottoressa.
    Ho rischiato di finire sbranata da un mostro, ho rischiato di finire spalmata sul pavimento… Il mio ridicolo tentativo di fuga è stato vano… La domanda giusta sarebbe cosa non è successo!





    Andrew ormai è fermo vicino a me e mi lancia occhiate non molto confortanti.
    Prima che lui possa aprir bocca rispondo alla dottoressa: <<Mi prenderai per pazza, ma ho visto… abbiamo visto – indico Andrew - una specie di cane senza pelle e senza occhi… Fortunatamente è fuggito di sopra… Io ho solo pensato a scappare e così mi sono buttata, poi… Beh, ora eccomi qui…>> dico tutto d’un fiato liberandomi come di un peso. <<Non so voi, ma mi sembra di essere in un incubo, in un film dell’orrore… Potrebbe essere solo l’effetto della botta in testa?>> chiedo sapendo già la risposta.
    Questo stupido gioco a “guardia e ladri” mi ha stufata. Non so che fare, così resto seduta, in attesa, ad osservare le mosse degli altri.
    Pensa, Jo, pensa… C’è sempre una soluzione a tutto!


    *post concordato con Daniela e Tesla
    *Foto sotto spoiler non adatte ai minori di 16 anni
    Ultima modifica di albakiara; 10th November 2013 alle 10:56

 

 
Pagina 13 di 31 PrimaPrima ... 3111213141523 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Sims Afterlife GdR] Creature
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 25th June 2014, 23:14
  2. [Sims Afterlife GdR] Schede PNG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 8th May 2014, 21:42
  3. [Sims Afterlife GdR] Schede PG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 13th September 2013, 23:49
  4. [Sims Afterlife GdR] Mestieri
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30th July 2013, 01:14
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •