Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 18 di 31 PrimaPrima ... 8161718192028 ... UltimaUltima
Risultati da 171 a 180 di 307
  1. #171
    L'avatar di Daniela Alberghini
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Disney Store
    Messaggi
    1,423
    Inserzioni Blog
    35
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Gruppo Uno

    Olivia Walsh spostata su richiesta. Tocca a Byron Biscardi.

  2. #172
    L'avatar di Daniela Alberghini
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Disney Store
    Messaggi
    1,423
    Inserzioni Blog
    35
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Gruppo Due

    «NOOOOOOOOO.....» L'urlo di Isaac mi fa venire i brividi. Ma non si può fare niente.
    Il collega sembra essere riuscito a farlo ragionare e si dirigono velocemente verso di noi. Finalmente ci sono tutti. Mi sbrigo a spingere il pulsante -1 e le porte si chiudono...



    Spero che Samantha riesca a fare strada agli altri... Abbraccio Theresa, e mi assicuro che stia bene.
    Per un attimo possiamo riprendere fiato. Siamo in tanti, ma l'ascensore è abbastanza spazioso. Si respira. Anche qui dentro, la luce va via per un nanosecondo. Ma com'è possibile? «Appena le porte si aprono, esci da qui. Capito?» Dico sottovoce a Theresa.
    Il mio pensiero va al fratello Brad e di conseguenza a mia sorella Fiona... Devo trovare un modo per raggiungerla.
    Isaac è molto scosso, ha gli occhi lucidi ma oltre questo mi sembra anche molto pallido... «Isaac...stai bene?» Mi avvicino a lui e lo guardo negli occhi cercando risposta...


    Intermezzo
    Gruppo Due


    Siete tutti nell'ascensore. Il manichino, quando capisce che ormai la sua vittima è morta, comincia ad annoiarsi e smette di prenderla a calci. Forse comincia a chiedersi dovo sono finiti tutti gli altri? Cioè voi.
    Helena chiude le porte e grazie a questo intervento il Mannequin vi ha dimenticato.
    Liam. Sei stato abbastanza fortunato per ora. Chi o cosa sarà il prossimo?
    Manuel. La tua mano è sempre stata ferma, con un bisturi in mano, ma con un arma da fuoco non sei da meno.
    Jo. Vedremo cosa saprai fare con una Bibbia. Ma hai provato ad aprila?
    Andrew. Sei riuscito a far tornare lucido il tuo collega. Ottimo.
    Le lucette al neon sopra di voi si spengono per un piccolo istante. Quando il "Ding" annuncia l'arrivo al piano.
    Isaac, la vista di quella ragazza che non hai potuto salvare ti ha sconvolto. Ma non sei Superman... O sì?
    «Isaac...stai bene?» ti chiede la tua dottoressa.
    Tutti escono dall'ascensore, Theresa prima di tutti, che ascolta il consiglio di Helena... Tranne tu Isaac. Che ti succede? La forza ti viene a mancare, ma non capisci.
    Tutto succede molto velocemente.



    «Oh mio Dio, sei ferito» La stessa voce è bassa, ma la senti e ti fa chiarezza. Helena cerca di tenerti in piedi ma sei troppo pesante. Ti accasci sul pavimento, bloccando le gambe di Helena senza volerlo. (Isaac Costituzione -10)
    Le porte dell'ascensore si chiudono e rimangono bloccate.
    Il gruppo si divide.


    «Oh Dio è tutta colpa mia» Senti delle goccioline sulla guancia, sono le lacrime di Helena. E queste ti tengono sveglio.
    Ti sei ferito alla spalla sinistra, quando hai salvato la dottoressa dall'attacco del Mannequin, ma eri talmente preso a fare l'eroe che solo ora senti la bruciatura.
    Le cure mediche di Helena cominciano immediatamente. Per la seconda volta, sei affidato a lei...
    (Isaac Costituzione +5)

    ...

    Dove vi trovate?
    Sembra un vicolo cieco. Non ci sono porte, finestre...niente!
    Manuel, ne sai qualcosa?
    Le porte dell'ascensore si chiudono di botto alle vostre spalle. Ma due persone mancano all'appello.







    Turnazione prosegue

    Manuel Russel
    Josephine Marshall
    Liam Harrington
    Andrew Davis


    Manuel, per chiarimenti mandami PM (o altro )
    Ho messo al primo post questo lotto da scaricare a parte, senza tutto l'ospedale.
    Ultima modifica di Eclisse84; 9th April 2014 alle 15:41

  3. #173
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    30

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Manuel Russell



    Impugno la pistola saldamente, è l'unica cosa che può proteggermi in questo momento.


    Sparo ad uno di questi esseri orrendi, per fortuna non manco la mira e questo cade a terra. Ma il mio sollievo dura solo un secondo.


    Purtroppo un solo colpo non basta a quanto pare, dato che poco dopo l'essere si rialza e aggredisce la ragazza che sospetto essere una detenuta. Fortunatamente non la ferisce, e la vedo correre verso l'ascensore e mettersi in salvo. Questa interruzione mi permette di raggiungere lo stesso ascensore, dove fortunatamente Helena e Theresa sono già al sicuro.


    Ma...manca qualcuno ancora. Mi volto di scatto e vedo la mia paziente a terra, aggredita da uno di quei mostri.


    Sto per sparare, voglio difenderla, ma l'attacco è così veloce e mortale che nel giro di pochi secondi la ragazza è già morta. E riesco solo a vedere il suo viso ormai sfinito, senza neanche la possibilità di urlare a causa dell'ultimo calcio del mostro in pieno petto.


    E per lei non c'è più niente da fare. La creatura, che probabilmente non si diverte più, la supera e si dirige verso di noi minacciosa.


    Era la mia paziente, avrei dovuto aiutarla a stare meglio, ad alleviare le sue sofferenze. Era al Brookheaver per pura coincidenza, non meritava questa fine. Avrei dovuto fare di più, avrei dovuto proteggerla, occuparmi di lei. Come medici stiamo fallendo su tutta la linea, abbiamo perso tutti i nostri pazienti e non siamo in grado di fare niente per far cessare tutto questo.


    Entro nell'ascensore con una stretta al cuore. Non posso fare nulla per lei, ora dobbiamo pensare a scappare, evitando ulteriori vittime. Subito dopo di me entrano nell'ascensore anche i due poliziotti, inseguiti da uno dei mostri.





    Helena pigia prontamente il tastino dell'ascensore, siamo in salvo per ora.

    Siamo in tanti, ma l'ascensore è abbastanza capiente per tutti. Mi appoggio esausto alla parete, non so cosa ci aspetterà nei sotterranei, ma temo non sarà niente di buono.


    Osservo le persone che si trovano con me. Helena, Theresa, i due poliziotti incontrati poco prima nell'ingresso e la ragazza che probabilmente scortano, a giudicare da come aveva tentato la fuga poco prima. Poi la mia attenzione si sposta sull'individuo accanto a me.


    E questo chi è? A giudicare dal camice non sembrerebbe un civile, ma se fosse un medico lo conoscerei. Non ha detto nemmeno una parola da quando si è unito a noi, e nel caos generale non ci siamo preoccupati di capire chi fosse e perchè si trovasse in ospedale. Forse è il caso di chiedergli spiegazioni, la sua faccia non so perchè, mi incute un certo timore. Mi da l'idea di essere pericoloso. Infondo non sappiamo chi ci sia dietro a tutto questo, meglio non rischiare.


  4. #174
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    30

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Finalmente l'ascensore si ferma, siamo arrivati al -1. Usciamo lentamente dall'ascensore, incerti su cosa potremmo trovare quaggiù. Tengo sempre ben salda la pistola, pronto a far fuoco al minimo segno di pericolo.


    <<Sembra non ci sia nessuno...>> esclamo, rincuorato.


    Ma alle nostre spalle sta succedendo qualcosa, il poliziotto che mi ha dato la pistola cade a terra, sembra ferito. Helena si getta su di lui per sorreggerlo, sentendosi anche in colpa per essere la causa indiretta della sua ferita.


    Il tempo di voltarmi e andare ad aiutarli che l'ascensore si richiude, con loro due dentro, bloccati.

    <<NOOOOO...>> urlo, correndo verso l'ascensore e pigiando tasti a caso, ma purtroppo non posso fare nulla, l'ascensore è bloccato <<Helena mi senti??? Helena?>> niente. Non posso fare niente. Questo sembra il motto di questa giornata. Accidenti!


    Questo non ci voleva. Spero che almeno Helena riesca ad aiutare il ragazzo così che possano entrambi proteggersi. Finchè saranno bloccati lì dentro saranno parzialmente al sicuro, ma se le porte dovessero aprirsi all'improvviso non oso immaginare cosa potrebbe succedere.

    Intanto mi guardo intorno. Siamo in uno dei vecchi laboratori ormai dismessi da tanto, non capisco perchè Helena ci abbia diretti in questa direzione.


    Mi guardo intorno e la mia attenzione viene catturata da alcune carte riposte su un tavolo. Mi dirigo in quella direzione per vedere cosa siano, non è normale trovare lettere in questo posto, teoricamente non ci passa nessuno da anni. Mi avvicino al tavolo, poggio le mani su di esso esausto e afflitto.


    Non sono stato in grado di proteggere quella ragazza, e ora nemmeno Helena. Non so cosa fare, odio sentirmi così. Faccio il medico perchè mi riesce benissimo, in sala operatoria so sempre esattamente cosa fare anche nelle situazioni più critiche. Ma adesso...adesso mi sento impotente.

    Ma piangersi addosso non serve a nulla. Afferro le lettere, le guardo di sfuggita e le infilo in tasca. La cosa prioritaria adesso è uscire di qui. Mi volto verso gli altri ragazzi e cerco di spiegare dove ci troviamo.

    <<Dunque, questo è un vecchio laboratorio ormai abbandonato da anni. In teoria avremmo dovuto trovare una vecchia sala piena di polvere, il fatto che ci siano invece queste lettere e un ambiente pulito mi fa dubitare di questa mia precedente affermazione. Fatto sta che ora dobbiamo pensare ad uscire il più velocemente possibile da qui.>>


    <<L'unico modo per uscire è trovare una vecchia porta a scomparsa, almeno che io sappia. E per trovarla bisogna scrivere su quel dispositivo la soluzione ad un indovinello. >> continuo a spiegare, dirigendomi verso il dispositivo, seguito dagli altri.



    <<Ecco, l'indovinello recita: "Se mi guardi in faccia, vedrai che del tredici non c'è traccia". Ora, io non ho molta fantasia e sono negato in queste cose. Tento scrivendo Orologio, l'unica cosa che mi viene in mente che si possa guardare e che non abbia il 13. Se avete idee migliori, provate pure!>> concludo, scrivendo "Orologio" sul dispositivo, senza mollare la pistola.


    Il sistema impiegherà pochi secondi a calcolare l'esattezza o meno della mia risposta. Nel frattempo mi volto verso i ragazzi e faccio quello che mi frulla in testa da prima.


    <<Nel frattempo che il sistema ci da la sua risposta, potrei sapere chi è lei?>> chiedo, rivolto al ragazzo di cui non so l'identità <<Non ha ancora detto una parola da quando è con noi, indossa un camice ma escludo sia un medico. Quindi cosa ci faceva al Brookheaven?>>. Resto in attesa della sua risposta tenendo a portata di mano la pistola...non si sa mai.



    *Post concordato con le master

  5. #175
    sim dio L'avatar di albakiara
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Alba
    Età
    35
    Messaggi
    5,154
    Inserzioni Blog
    3
    Potenza Reputazione
    15

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Josephine Marshall
    -gruppo due-


    Col cuore in gola entro nell’ascensore con gli altri.



    Una biondina giace a terra poco distante da uno dei mostri ucciso dai poliziotti. L’altro purtroppo è ancora vivo e si sta accanendo sul corpo privo di vita della ragazza.
    Gli scherzi del destino… Ci sarei potuta essere io lì al suo posto”.



    Stringo tra le mani la Bibbia appena rubata e sfioro con le dita la copertina rovinata: “Chissà come sarei ridotta io ora… Che Dio abbia deciso di darmi un segno della sua esistenza?”.
    Mentre riprendo fiato ripercorro mentalmente ciò che mi è appena successo.

    FLASHBACK





    Appena afferrata la Bibbia corro verso l’ascensore, ma non mi accorgo che un manichino si rialza e mi colpisce con le zampe anteriori.



    Per fortuna la Bibbia mi fa da scudo così riesco a scappare illesa.
    La ragazza bionda non ha la mia stessa fortuna perché inciampa e viene immediatamente aggredita dal mostro.

    FINE FLASHBACK

    Non sono mai stata credente: non ho mai sopportato il bigottismo e l’ipocrisia della chiesa e tutte le preghiere di mia madre per farmi diventare una ragazza borghese perbene non sono servite a molto.
    La durezza e la crudeltà della vita mi hanno trasformato nella persona cinica che sono, ma devo ammettere che ciò che mi è appena successo ha del miracoloso.
    Quando anche i poliziotti ci raggiungono la dottoressa preme un tasto e le porte si chiudono.
    Siamo salvi per un pelo.



    C’è abbastanza spazio per tutti, ma io mi sento un topo in gabbia. Se c’è una cosa che mi ha lasciato la prigione è certamente la claustrofobia.



    Per distrarmi inizio a curiosare la Bibbia, ma un improvviso calo di tensione fa saltare per qualche secondo la luce.
    Quando finirà quest’incubo?
    <<Ding>>
    Per fortuna le porte si aprono: siamo arrivati nel seminterraneo.



    Usciamo cautamente nella speranza di non fare incontri spiacevoli.
    <<Sembra non ci sia nessuno...>> dice un dottore (Manuel) tenendo saldamente la pistola in mano.
    Meno male!”. Cerco di riprendermi dal viaggetto e non mi accorgo che le porte dell’ascensore si richiudono separando Isaac e la dottoressa da noi.
    Il dottore si affretta a pigiare i tasti, ma tutto è inutile, le porte non si aprono.
    Sarei potuta rimanerci io intrappolata in quella gabbia metallica… Devo interpretarlo come un altro segno della provvidenza?
    Il dottore (Manuel) inizia a curiosare in giro e a blaterare qualcosa, ma io ora sono concentrata sulla Bibbia che tengo in mano, quindi non gli presto attenzione.
    La copertina è rovinata, ma non sembra aver subito danni significativi. “Chissà cosa ci faceva sul bancone della reception… Io mi sarei aspettata di trovare registri di pazienti, testi scientifici o trattati medici, non di certo una Bibbia! Quante paranoie inutili… L’avrà semplicemente lasciata lì qualche parente in visita ad un moribondo, in fondo c’è gente che sente il bisogno della cura dell’anima oltre quella del corpo… Non sono tutti atei e cinici come me!
    Per deformazione professionale inizio a sfogliarla e a scuoterla capovolta per far cadere eventuali cose messe tra le pagine: dal mio lavoro ho imparato che nei libri la gente ci nasconde anche i soldi.
    Ultima modifica di albakiara; 23rd December 2013 alle 11:11

  6. #176
    sim onniscente L'avatar di Vicky<3
    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    Hogwarts - Sala Comune dei Tassorosso
    Età
    20
    Messaggi
    1,642
    Potenza Reputazione
    8

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Byron Biscardi
    Hospital Brookheaven - Piano Terra


    Tutto è successo molto velocemente. Troppo velocemente, per i miei gusti.
    Sia io che Olivia avevamo sparato in direzione di uno di quei mostri, tramortendolo solo per poco... serviva ben altro per farli fuori ed era meglio tenersi i proiettili ben stretti, nel caso ci fossero stati altri esseri simili nei dintorni. Ormai mi potevo aspettare di tutto!
    La dottoressa ​Reaver - della quale ormai conoscevo il cognome - compie un gesto tanto azzardato quanto geniale: com'era già successo con lo zombie di poco prima, decide di giocare a bowling anche con le gambe umane. Lancia una sedia a rotelle in direzione dei due mostri, atterrandone definitivamente uno (quello già impallinato da me e ​Olivia) e colpendo anche l'altro, che però si rialza.

    A giudicare dalle urla, pare che anche nell'altra ala del piano terra, quella vicina al secondo ascensore, i miei colleghi ed altri abbiano fatto conoscenza con mostri simili a questi.
    Riconosco solo voci confuse... qualcuno è stato forse ucciso? Mi sembra che...
    Oh. Ora non si sente più nulla. Forse sono riusciti a scappare.
    Ma... non è detto che abbiano ucciso le creature! Forse sono saliti sull'ascensore lasciandoci in balia di altri mostri!
    Il tempo di accertarsi della cosa direi proprio che non c'è, bisogna agire e montare sull'unica via di fuga, il nostro ascensore.
    Non sono un leader, né mi sento tale, ma decido di prendere la parola, mentre quella specie di zombie si avvicina sempre di più: - Non vorrei dire un'ovvietà... - mentre parlo mi sposto leggermente verso destra - ... ma dobbiamo assolutamente salvarci. -
    Prego che mi stiano tutti ascoltando e riprendo: - Sentite, io trovo un modo di distrarre questo coso e voi salite sull'ascensore. Subito, appena lo vedete distratto correte dietro di lui e chiamate l'ascensore -
    Sto disperatamente cercando un cenno d'assenso da parte degli altri, o meglio, delle altre, visto che sono tutte donne.
    Cerco di terminare il discorso, col mostro sempre più vicino: - Cercherò di salvarmi anch'io. E se non ci riesco... -
    Già, se non ci riesco? Se rimango lì, cosa succede? Morirò di certo, non ho dubbi. La mia vita terminerà, verrò ucciso, dilaniato da quelle creature e da tutte quelle presenti in questo maledettissimo ospedale.
    Ma morirò da eroe, e avrò compiuto il mio dovere fino alla fine. Sì, dovevo salvare le vite altrui... le loro valevano più della mia, io ero uno, loro cinque, o forse sei.
    "Va bene, calmo B. Salvi loro e se c'è tempo salvi te. Prima gli altri, Byron, prima gli altri!"
    - Se non ci riesco non importerà. E' stato un onore conoscervi, signorine -
    Abbozzo un sorriso malizioso e mi avvicino al vaso che avevo addocchiato prima.


    Nello stile della dottoressa, appoggio il vaso sul pavimento e mi preparo a calciarlo in direzione delle gambe umane... non deve pesare tanto, penso di cavarmela.
    - Ehi, ammasso di cellulite! - grido, sperando di attirare l'attenzione delle gambe su di me, e tiro un calcio al vaso nella direzione del mostro.


    PS: La foto, come si può notare, non è stata scattata nello scenario dell'ospedale. Ho tentato di fare uno sfondo "neutro", ma se non va bene non ho problemi a rimuoverla.
    Ultima modifica di Vicky<3; 24th December 2013 alle 13:48


    "No matter what anybody tells you, words and ideas can change the world."

  7. #177
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    34
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    14

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Liam Harrington
    Gruppo Due







    Una volta salito nell'ascensore, mi godo la fantastica scena della biondina massacrata da quella strana creatura. E' alquanto eccitante vederla dimenarsi nella speranza di potersi salvare. Ammetto che mi sarebbe piaciuto intrattenermi con lei prima, almeno per qualche ora, ma..mi spiace stronzetta, oggi non è il tuo giorno fortunato.
    Guardo a malincuore le porte richiudersi sulla visuale di quel corpo massacrato di colpi. Queste creature sanno il fatto loro, mi piacciono.
    Altro che questi esseri inutili che mi hanno seguito nell'ascensore. Finirei il lavoro delle creature ben volentieri, se il dottorino (Manuel) non avesse una pistola in mano.
    Fin da subito mi accorgo che, mentre l'ascensore scende, proprio lui comincia a fissarmi. Ti piaccio, eh?
    Aspetto che si volti dall'altra parte per guardargli il sedere.
    Si può fare.
    L'ascensore si ferma, finalmente, e le porte si riaprono. Avanzo, curioso di sapere dove siamo finiti.
    Perfetto. Quale posto migliore di un seminterrato desolato per massacrare indisturbato un po' di persone?
    Mentre immagino già le mura sporche di schizzi del sangue dei presenti, non mi accorgo subito che due di loro restano bloccati nell'ascensore. Forse è meglio così: meno siamo, meglio io.
    Il dottore (Manuel) va in avanscoperta. Lo vedo appoggiarsi a dei banconi ed infilarsi qualcosa nelle tasche del camice.
    Poi, probabilmente da mancata guida turistica, ci spiega: <<Dunque, questo è un vecchio laboratorio ormai abbandonato da anni. In teoria avremmo dovuto trovare una vecchia sala piena di polvere, il fatto che ci siano invece queste lettere e un ambiente pulito mi fa dubitare di questa mia precedente affermazione. Fatto sta che ora dobbiamo pensare ad uscire il più velocemente possibile da qui.>>
    Poco dopo, continua: <<L'unico modo per uscire è trovare una vecchia porta a scomparsa, almeno che io sappia. E per trovarla bisogna scrivere su quel dispositivo la soluzione ad un indovinello. >>.
    Una porta a scomparsa con indovinello annesso in un ospedale? Singolare. Neanche ad uno schizzato come me verrebbe in mente qualcosa del genere.
    Il dottore si dimostra essere anche intelligente e modesto. <<Ecco, l'indovinello recita: "Se mi guardi in faccia, vedrai che del tredici non c'è traccia". Ora, io non ho molta fantasia e sono negato in queste cose. Tento scrivendo Orologio, l'unica cosa che mi viene in mente che si possa guardare e che non abbia il 13. Se avete idee migliori, provate pure!>>.
    No, grazie. D'altronde hai fatto tutto da solo.
    Il guaio per me comincia quando il dottorino rivolge ancora l'attenzione su di me. <<Nel frattempo che il sistema ci da la sua risposta, potrei sapere chi è lei?. Non ha ancora detto una parola da quando è con noi, indossa un camice ma escludo sia un medico. Quindi cosa ci faceva al Brookheaven?>>.
    Cazzo.
    In questo momento sarei nella merda fino al collo se non fosse che a mentire mi ritengo abbastanza bravo.
    "Sono un tipo taciturno." mi giustifico prima.
    "Da come sa usare la pistola neanche lei sembrerebbe un medico. E vogliamo parlare di questa qui con la Bibbia in mano?..Le sembra forse una suora?", provoco indicando lui e una delle ragazze (Josephine). Sorrido.
    "Non sono un medico, no. Il camice... avevo dimenticato di averlo indossato!...Putroppo sono stato assalito anch'io da queste strane creature quando sono venuto a trovare mia nonna ricoverata in questo ospedale." racconto mentendo spudoratamente.
    Fingendomi scosso continuo: "Quella maledetta creatura mi ha strappato i vestiti, così quando sono riuscito a scappare ho trovato questo camice e l'ho indossato. Fine della storia, dottore.".
    Gli sorrido nuovamente, sicuro di averli convinti tutti.



  8. #178
    sim dio L'avatar di Tesla-Kun
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Livorno
    Età
    24
    Messaggi
    2,085
    Inserzioni Blog
    25
    Potenza Reputazione
    11

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Andrew Davis
    -Gruppo due-

    Quando le porte dell'ascensore si chiudono alle mie spalle riesco a tirare finalmente un respiro di sollievo. Per fortuna sono riuscito a persuadere Isaac di andare avanti e lasciare quella povera ragazza morta.
    L'interno dell'ascensore non era esattamente accogliente e rassicurante: eravamo un bel po di persone e sebbene c'entrassimo tutti era un tantino...claustrofobico come ambiente ecco, se ci metti anche la luce che a tratti andava e veniva lo scenario era abbastanza preoccupante. L'unica cosa positiva era non ritrovarmi più a combattere creature da film dell'orrore, e questo bastava per farmi dimenticare del resto.
    Arriviamo al piano inferiore, le porte si aprono e questa specie di laboratorio, usciamo tutti dall'ascensore e...e mi accorgo troppo tardi che non siamo tutti.
    «NOOOOO...» urla Manuel, cercando, inutilmente, di aprire le porte dell'ascensore premendo il pulsante «Helena mi senti??? Helena?» la dottoressa Bertinelli e Isaac sembrano essere rimasti dentro l'ascensore «fantastico...» commentai a bassa voce...cercare di aprire la porta se sono rimaste bloccate era inutile, potevo solo sperare che riuscissero a raggiungerci in seguito nei sotterranei.
    Possibile che fossimo cosi sfigati? Già uscire vivi da qui mi sembrava un'impresa poco fattibile (tanto per essere ottimisti) ma adesso che ci stavamo separando in piccoli gruppi, prima al piano di sopra e poi qui, non so se ne usciremmo vivi tutti.
    «Dunque, questo è un vecchio laboratorio ormai abbandonato da anni. In teoria avremmo dovuto trovare una vecchia sala piena di polvere, il fatto che ci siano invece queste lettere e un ambiente pulito mi fa dubitare di questa mia precedente affermazione. Fatto sta che ora dobbiamo pensare ad uscire il più velocemente possibile da qui. L'unico modo per uscire è trovare una vecchia porta a scomparsa, almeno che io sappia. E per trovarla bisogna scrivere su quel dispositivo la soluzione ad un indovinello. » ci spiego Manuel. Ma in quale razza di ospedale sono capitato? Porte a scomparsa, indovinelli, cani senza pelle, zombie, se ne usciamo vivi ci faranno sicuramente un film dell'orrore su tutto questo...
    «Ecco, l'indovinello recita: "Se mi guardi in faccia, vedrai che del tredici non c'è traccia". Ora, io non ho molta fantasia e sono negato in queste cose. Tento scrivendo Orologio, l'unica cosa che mi viene in mente che si possa guardare e che non abbia il 13. Se avete idee migliori, provate pure!» fortuna che gli era venuto a lui qualcosa in mente, non sono bravo in queste cose da cervelloni. Annuisco con assenso per dimostrare d'essere d'accordo con la sua scelta, magari sembra che ci avevo pensato anch'io...
    mentre aspettiamo la conferma tra i due dottori, be' solo uno lo è veramente a quanto pare, inizia una piccola discussione, mentre Josephine cerca qualcosa tra le pagine di una bibbia che non ho la più pallida idea di dove l'abbia presse...
    ascolto con attenzione la discussione tra i due mentre mi avvicino a una specie di cassa poggiata su un tavolo al centro della stanza, iniziai a curiosare dentro per vedere se c'era qualcosa di utile, una torcia, attrezzi medici o che so io.
    I due avevano finito, e mi senti in dovere di calmare un po' le acque «che dica la verità o meno ormai siamo qui, vediamo di uscirne vivi e poi fare delle domande» dissi mentre ficcanasavo ancora in giro, a dire il vero quel tipo (Liam) non aveva un aria molto amichevole e adesso che salta fuori questa cosa che ci nascondeva immagino che terrò d'occhio anche lui, anche il dottore con la pistola i preoccupa ma visto come cerca di andare avanti verso la via di fuga non lo ritengo un potenziale pericolo. Quindi alla fine dei conti l'unica su cui mi posso fidare al cento per cento è la ragazzina. Eh già, siamo messi bene...


    nd: non sapevo esattamente cosa fosse quella cosa sul tavolo (l'ho visto solo di sfuggita tra le foto) se ho sbagliato perché non è una cassa o qualcosa del genere avvisatemi che modifico (:

    - - - - - - - - - - - - - - - -


  9. #179
    sim dio
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Roma
    Età
    25
    Messaggi
    3,378
    Potenza Reputazione
    12

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Isaac Norwood
    Gruppo Tre - Ascensore

    Helena chiude le porte dell'ascensore sbrigandosi a premere il pulsante apposito, liberandoci così da quella straziante scena. Siamo tutti quanti, l'ascensore è abbastanza spazioso e per un attimo possiamo riprendere fiato. Le luci, anche qui, vanno via per qualche secondo...
    Mi poggio con la schiena contro la parete, con una mano mi sfioro la fronte... le gambe cominciano a non reggermi... probabilmente a causa dello stress...?
    «Isaac stai bene?» mi chiede Helena, guardandomi dritto negli occhi e cercando una risposta.
    "Io.... non lo s-.... brucia..." riesco a malapena a pronunciare, quando sento una dolorosa e improvvisa fitta sulla spalla.
    La vista si offusca. «Oh mio Dio, sei ferito» è la sua voce che si fa sempre più bassa. Improvvisamente, sento il suolo mancarmi sotto i piedi. Sento Helena pigiare sulla spalla, proprio dove sento l'incessante bruciore. Intorno a me, il nulla.
    «Oh Dio è tutta colpa mia» delle goccioline mi bagnano la guancia, le quali mi tengono -quel poco- aggrappato al "presente". Apro le palpebre piano piano, cercando di mettere a fuoco. Comincio a riprendere i sensi, grazie all'aiuto della dottoressa. Riesco a vedere il viso di Helena, è teso e triste. Mi rendo conto solo ora che la causa della guancia bagnata sono proprio le sue lacrime. Mi alzo piano piano, e mi rendo conto di averla bloccata con le mie gambe. Allento la presa, così da liberarla.
    "Helena..." esordisco, mentre poso una mano sul suo viso, poggiandola sulle gote bagnate.
    "Sei tu... grazie" la mia mente comincia a ricordare, il ricordo si fa sempre più vivo: è stata proprio lei a curarmi anni fa.
    "Non piangere.... non è colpa di nessuno" dico flebilmente, guardandola negli occhi.
    Mi guardo intorno e noto che siamo ancora in ascensore, e capisco che siamo rimasti bloccati quando dall'esterno sento battere contro le porte, e una voce maschile chiama Helena aspettando una risposta. "Cazzo..." esclamo sottovoce. Dobbiamo assolutamente trovare un modo per uscire di qui.
    "Helena, tu...sai?" le domando con sguardo interrogativo riguardo ciò che sta accadendo dentro questo ospedale. A questa domanda, Helena scuote la testa. «Hai una leggera infezione, devo disinfettare...» aggiunge. Con ciò, mi aiuta a rimettermi in piedi. Per fare leva gli metto un braccio sulle spalle.
    Helena pigia il pulsante -2...



    Concordato con Daniela Alberghini.

  10. #180
    L'avatar di Daniela Alberghini
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Disney Store
    Messaggi
    1,423
    Inserzioni Blog
    35
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Hospital Brookheaven

    Intermezzo
    Farmacia



    Yuriko. Chissà se il tuo urlo ha attirato l'attenzione di qualcuno o qualcosa. D'altronde, uno spettacolo del genere non è da tutti i giorni.
    Dove sarà il resto del corpo? Nello stomaco di qualche creatura? O è un corpo vagante in cerca dei suoi "pezzi" mancanti?
    Ti avvicini alla finestra.



    Scosti la tenda. Ma non c'è niente. Non vedi niente, almeno da quella visuale. Solo una distesa di terra. E quel che sembra essere un cimitero, in lontananza. È un bene, no?
    Sarà meglio tornare dagli altri, oppure rimarrai indietro. Samantha potrebbe aver bisogno delle sue pillole da un momento all'altro.




    Aggiorna l'inventario con le cose che prendi.

    Turnazione
    Yuriko Kiyomizu
    Ultima modifica di Eclisse84; 9th April 2014 alle 15:44

 

 
Pagina 18 di 31 PrimaPrima ... 8161718192028 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Sims Afterlife GdR] Creature
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 26th June 2014, 00:14
  2. [Sims Afterlife GdR] Schede PNG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 8th May 2014, 22:42
  3. [Sims Afterlife GdR] Schede PG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 14th September 2013, 00:49
  4. [Sims Afterlife GdR] Mestieri
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30th July 2013, 02:14
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 22:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •