Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 11 di 43 PrimaPrima ... 91011121321 ... UltimaUltima
Risultati da 101 a 110 di 425
  1. #101
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    13

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    Ritorno al presente ricacciando dentro di me quel ricordo dal sapore dolce e al contempo amaro, mi risiedo e recuperato da terra il mio zaino inizio ad estrarre l’attrezzatura e ad indossarla.



    Coltello da combattimento nello stivale;

    Due caricatori Colt in una delle tasche interne del giubbino;
    Già che ci sono anche 400 Simoleon che già avevo nella tasca degli Shorts giusto se potrebbero servire, poi estraggo la mia personale Colt 1911 dalla custodia e prima di metterla nella fondina interna della giacca, inizio a lucidarla passando le dita sopra una frase che ho fatto incidere sulla canna della pistola “ Uccidere è il coraggio di un attimo; vivere è il coraggio di una vita.” Ricordo ancora quando lessi quella frase la prima volta, chissà poi che fine ha fatto quell’uomo senza nome…ma ricordo ancor meglio la prima volta che la usai tempo fa nel poligono di tiro dopo proprio quell’incisione…

    Poligono di tiro esterno.

    Dovevo sfogarmi, troppo stress accumulato e alcuni problemi personali non avevano fatto altro che far peggiorare ancor di più il mio già pessimo umore del momento e l’unico modo che conoscevo per poterlo fare era quello di esercitarmi al poligono di tiro, quello interno era occupato dalle matricole quindi l’unico disponibile era quello fuori, accanto alla base.


    Non c’era molta gente quel giorno nonostante la calda giornata di sole, soprattutto perché era un ora di pausa tra una riunione e l’altra con gli alti membri del simtagono per delle questioni di sicurezza nazionale e le notizie che avevo ricevuto quel giorno non erano sicuramente delle migliori. La settimana che sarebbe arrivata sarebbe stata piuttosto pesante ed impegnativa per lo meno per me, anche perché oltre che ordinari impegni di routine, dovevo scegliere alcuni elementi per una probabile missione di recupero di alcuni scienziati e tenerli pronti, tutto era ancora vagante ma dovevo avere almeno un’idea di chi portare con me nell'eventualità se ne fosse presentata la necessità. E l’unica persona che riuscì quel giorno a farmi sorridere e ha farmi distrarre dai miei pensieri fu proprio lui . Assurdo.



    Ero alla prima postazione di tiro ma non portavo le cuffie insonorizzate - mi piace il rumore secco dello sparo soprattutto quando questo serve a distrarmi - dietro di me sentivo un mormorio di voci quattro, forse cinque persone tra cui una donna; impegnate in una conversazione piuttosto animata sul modo di passare la serata in libera uscita in compagnia tra locali e birra a fiumi…tra questi c’era anche lui, Zack Sawyer e la sua voce era riconoscibile tra tante, solitamente era lui il promotore di quelle iniziative “allo sbando” del venerdì sera di libera.

    Bang Bang

    I colpi si susseguirono ma qualcuno da dietro mi rivolse una domanda che inizialmente ignorai, volevo concentrarmi.



    “ Ehi Capitano Lecrerc sei dei nostri stasera?”

    Sparai ma la sua voce mi giunse imprevista sullo sparo e mi fece distrarre e per poco non sbagliai un facile bersaglio.
    “ Dannazione!” imprecai a me stessa
    “ Ha detto qualcosa?” Chiese Zack rivolgendosi ad un ragazzo del gruppo.
    “ Zack non so se sia il caso….” Rispose il giovane che probabilmente aveva capito la situazione.
    “ Capitano?Sto parlando con lei…” mi richiese in un attimo di silenzio. Lo ignorai nuovamente.




    Bang Bang

    “ Non mi capita spesso di essere ignorato da una donna…e questa cosa non mi piace” lo sentii dire a voce alta rivolgendosi ai presenti …




    …e poi con la coda dell’occhio lo vidi passarmi accanto e entrare nel poligono di tiro nella zona bersagli, una luce rossa mi indicò l’intrusione del ragazzo, ovvero “attenzione personale mobile non autorizzato ”.
    Alzai la pistola facendo finta di niente e poi lo vidi piazzarsi a ridosso di un cavalletto davanti alla mia postazione di tiro con il suo fare baldanzoso e incosciente.


    “ Spostati” Gli dissi fredda
    “ Finalmente ti sei degnata di rispondere. Allora ….hai sentito i nostri discorsi?”
    Dietro di me intanto i ragazzi sogghignavano, non c’è che dire quel Sawyer era proprio sfrontato.
    “ Spostati” Gli ripetei con più enfasi, era proprio sulla mia linea di tiro.
    “ Perché dovrei? Tanto non oserai sparare”
    Mirai un bersaglio lontano


    “ Come vuoi. Io te l’ho detto”

    Premetti il grilletto e un colpo secco partì dalla mia pistola passando poco distante dal viso di Zack…

    CONTINUA
    Ultima modifica di DELTAG; 29th October 2013 alle 14:43

  2. #102
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    13

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    CONTINUA



    “ Oh C***o”
    lo sentii biascicare sogghignando tra me e me mentre dietro il gruppetto si zittì all'istante
    … il colpo fu diretto e andò ad infilarsi proprio nel centro del bersaglio dietro una pila di casse.

    “ Centro perfetto” esordii fissando il giovane davanti a me piuttosto sorpreso dal mio gesto.
    “ Certo che sei una donna con le p***e e anche S*****a ! ”
    Gli sorrisi ingenua



    “ Regola numero uno: Mai distrarmi mentre sono impegnata in un esercitazione di tiro . Hai comunque del fegato Zack Sawyer" Lui mi guardò e sorrise a sua volta a metà tra l’incredulo e l’impossibile e forse fu proprio li l’inizio della nostra amicizia.



    “ Lo so. Allora sei dei nostri?”
    mi rispose quasi divertito, a quanto pare la situazione appena passata non l’aveva scosso minimamente, meglio così era quello il mio intento, volevo vedere una sua reazione, direi che lui potrebbe essere un buon elemento per la spedizione oltre a Kincaid.
    “ Comunque si, sono dei vostri ” conclusi salutandolo e poi , con un cenno della mano mi allontanai sotto gli occhi ancora sconcertati dei presenti per il mio atteggiamento freddo e imprudente diretta verso la sala riunioni.



    “ Ennesima riunione con i cervelloni. A più tardi ragazzi ” dissi e poi sparii oltre il campo di tiro.

    Oggi:

    Sorrido al pensiero di quel giorno, chissà poi perché per me le cose hanno preso una nuova inaspettata piega….chissà cosa mi riserverà il futuro , forse riuscirei anche a non pensare a quella parte di me dimenticata che si è persa in chissà quale anno, in chissà quale tempo… quella frase quando la lessi però mi ha quasi richiamato, quasi facesse già parte di me, una parte che prima non conoscevo o semplicemente ignoravo. Dopo aver risistemato lo zaino questa volta sotto il sedile per evitare eventuali nuove figuracce, cerco di ripassare mentalmente il piano del colonnello cercando l’appoggio della squadra, magari loro hanno colto un qualcosa in più di me:



    “ Ragazzi facciamo il punto del piano e correggetemi se sbaglio magari sono io che mi sono persa qualcosa, Il colonnello Mustang ha parlato di un raduno di civili da parte di Kava e Kincaid nei sotterranei e qui è palese che qualcosa c’è in quel luogo, ma la cosa mi giunge strana, perché proprio nei sotterranei se è una palazzina abitata da civili visto che poi comunque dovremmo risalire verso il tetto? Capisco la bonifica, la verifica in massa e la quarantena per una probabilità di contagio, ma non è meglio un appartamento per limitare magari eventuali esposizioni all’ipotetico contagio?Più che altro il sotterraneo mi sembra un’ ottimo posto insalubre e molto dispersivo soprattutto se c’è eventualmente qualche civile non totalmente sano, e si sa che i sotterranei spesso hanno sbocchi all’esterno, qualora dovesse essere un virus a trasmissione aviaria..…vuol dire che forse non lo è? Spero solo che Kava e Kincaid abbiano verificato prima di far scendere i civili. Però potrebbe essere vero anche l’inverso, se troppe persone vengono stipate in un unico luogo stretto e angusto anche quelle sane contro quelle ipoteticamente contagiate potrebbero “ infettarsi” visto che non sappiamo nulla di questa ipotetica cosa e non sappiamo nemmeno se sia veritiera. Opterei per seguire il piano del colonnello invece che passare per una via d’entrata alternativa , ma prima vorrei verificare con una mappa della palazzina il tragitto per vedere dov’è l’entrata ai sotterranei altrimenti tanto vale entrare dalla porta principale e poi scendere” Un dubbio a questo punto mi assale. Non possediamo uno straccio di mappa. Faccio mente locale cercando di ricordare se il Colonnello ha accennato a qualcosa, ma nulla mi giunge alla mente, quindi chiedo:
    “ Non so voi ma io non ho una mappa del luogo, Robert, per caso possiedi una mappa della Household?” gli dico cordialmente rispetto al mio tono irritato di prima , cercando con tono suadente di guadagnarmi la mappa di cui abbiamo bisogno.


    Flash di Lèonie concordato con Damned, Frase dell'autista concordata con Dina. Grazie sempre a Damned per la concezione di una foto che mi ha gentilmente scattato e grazie per avermi fornito il set del furgone.


    Si ringrazia Pey'j per la gentile partecipazione di Derek Root.
    Ultima modifica di DELTAG; 29th October 2013 alle 14:42

  3. #103
    L'avatar di Daniela Alberghini
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Disney Store
    Messaggi
    1,423
    Inserzioni Blog
    35
    Potenza Reputazione
    20

    Re: Household

    Brad Kincaid

    3° piano


    «Scusa per prima. Quella cosa sembra non essere più qui intorno, ma qualcosa mi dice che non siamo comunque al sicuro. Prima non ho mentito, sono sul serio una giornalista. E in quanto tale non ho intenzione di lasciare la palazzina finché non avrò scoperto cosa diavolo è successo al povero signor Wonder. Tu vivi qui? Sai per caso se lui abitava con qualcuno? Un parente con cui possiamo parlare?»
    La ragazza parla a manetta. Dov'è l'interruttore per spegnerla?
    «Parlerò solo in presenza del mio avvocato. E no, non ti scuso per prima» Ok. Torno serio.
    «Diciamo che vivo qui. Una collega mi ospita. So che il Wonder Wolf ha due figlie, ma non abitano con lui, mi pare...» Per chi mi ha preso, per GossipGirl?
    La vedo sfogliare le pagine del suo bottino. «Allora? Che dice di interessate questo diario segreto? Comunque quella cosa è ancora qua in giro, meglio attrezzarsi» Mi avvio quindi verso la porta del mio appartamento per prendere altre armi, inserisco le chiavi, ma non si apre.
    «Ma che cavolo...? Maledetta Kava» Bisbiglio. Mi volto verso Allison. «Probabilmente la coinquilina ha chiuso con la seconda chiave» Mi avvio verso il tetto per recuperare le chiavi...

  4. #104
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Household

    ANTHONY ROCCA
    Tetto di Household





    Un robot. Ecco cosa sembra questa donna: un pezzo di latta attraversato da circuiti, non un essere umano in carne e ossa con dei sentimenti.
    Sono furioso, sto quasi per perdere il controllo, so che non dovrei, che non è giusto, non è professionale, ma certe cose non dovrebbero succedere in una società civile, regolata dalla legge. Dove crede di essere questa, nel Far West? Dove chiunque possieda una pistola crede di essere il detentore della Giustizia? Non è così che ci si comporta, ci sono delle regole.
    I miei pensieri viaggiano vorticosi, la testa quasi mi scoppia nel tentativo di contenerli tutti, mentre aspetto che quest'essere dalle sembianze umane​ mi dia la risposta che voglio. Vorrebbe che la seguissimo? Perfetto, che si qualifichi, allora, e ci dica cosa sta succedendo, senza ammazzare più nessuno.
    I presenti sul tetto sembrano essersi spaccati in due fazioni, dopo il mio intervento: un gruppo, capeggiato dall'agente Jewel, è pronto a seguire l'umanoide senza fiatare, l'altro, meno numeroso in realtà, sembra pensarla come me.
    La signorina con cui ho scambiato qualche parola prima, Corinne, si mette al mio fianco e, più combattiva che mai ribadisce la sua posizione e cioè che non ha intenzione di cedere alla violenza.
    Senza volere le lancio un'occhiata piena di gratitudine e ammirazione: non è da tutti ribellarsi davanti ad una pistola fumante. E' questo tipo di persone che mi rende orgoglioso di portare una divisa, è per tutti loro che ho fatto questa scelta, non certo per punire i cattivi, ma per proteggere la brava gente, quella che vive, quella che crede e che spera in un futuro migliore.
    A questo punto interviene anche l'altra ragazza bionda, che cerca di mediare la situazione di grande tensione che si è venuta a creare. Il robot sembra nervoso, stringe la pistola più forte, accarezzando quel dannato grilletto, sembra maledettamente vicina a sparare di nuovo.


    Ma che diavolo mi è preso? Non posso rischiare ancora la vita di un innocente, nessuno di questi uomini e donne qui presenti ora sul tetto dovrà morire in questa assurda situazione.
    Sto finalmente per parlare, per cedere al ricatto in cambio della vita di tutti i presenti quando un'altra di loro si alza e urla in faccia alla "tizia con pistola" che non muoverà un muscolo per seguirla.
    Nemmeno un secondo. Non ci pensa nemmeno un secondo, quel maledetto dito preme deciso il grilletto! Di nuovo.


    La precisione è chirurgica, l'ha colpita dritta alla tempia, bum, senza pietà: per lei non c'è più nulla da fare.
    Non è giusto. Non è affatto giusto, avrà avuto al massimo 25/26 anni, tutta una vita da vivere davanti, una famiglia, un fidanzato, un ... Ma come è possibile essere così spietati?Riuscirà a dormire la notte questo mostro? La guardo dritto negli occhi: nessun rimorso.
    Mi ritrovo con le braccia alzate, ho quasi le lacrime agli occhi e la vista annebbiata.


    Il pensiero mi corre alla prima volta che ho detto ai miei di voler entrare nel corpo della polizia di Bellavista: ho visto finalmente mio padre fiero di me e l'orgoglio nei suo occhi, e mia madre, beh ... come può reagire una madre quando sa che il proprio unico figlio finirà tutti i giorni per essere in bilico tra la vita e la morte? Mi ritornano alla mente dei flash: il giuramento, la prima missione, la consapevolezza di agire in nome del bene... Non posso buttare via tutto questo, devo ritrovare la lucidità, tornare ad essere me stesso. Per tutti loro.
    Abbasso le mani, nel farlo perdo perdo per un attimo l'equilibrio, ma mi riprendo in fretta, scanso con delicatezza la ragazza che si è frapposta fra me e quella donna. Devo esserci io, devo essere lo scudo contro cui si infrangeranno tutti i colpi, nessun altro si farà male fino a quando sarò in grado di proteggerlo.


    Adesso sto piangendo, l'amarezza e il senso di colpa mi divorano, ma devo farlo, non posso tirarmi indietro.
    "Va bene. Adesso si calmi, soldato, e, per favore, metta via la pistola. Sono sicuro che nessuno opporrà resistenza e che c'è un valido motivo dietro tutto questo. Possiamo almeno, prima di andar via, chiamare qualcuno per portare via i corpi e avvisare i parenti delle vittime? Penso che il suo auricolare la tenga in contatto col comando, giusto?"


    Sono pronto a seguire questa donna, per il bene di tutti quelli che sono con me. Non m'importa se adesso mi vedono come un debole, un perdente: non posso permettere che il mio stupido orgoglio abbia la meglio sulla sicurezza dei civili.


    Mi rivolgo poi a Corinne, sottovoce: "Signorina." - la guardo dritta negli occhi - "Corinne. Facciamo come dice il soldato, ok? Non creiamo inutili tensioni, dato che, come avrà capito, con certa gente è impossibile ragionare. Non voglio che nessun altro muoia ingiustamente." - poi, ad alta voce - "Qualcuno di voi conosceva il suo nome? Il nome di questa ragazza?" - chiedo, mentre la perquisisco per cercare un documento d'identità o qualcosa di utile che possa identificarla. Devo sapere chi è, devo sapere come si chiama.


    I suoi occhi vitrei mi fissano, accusatori. Hai ragione, è colpa mia se sei stata uccisa. Non dimenticherò mai il tuo nome e non riuscirò mai più a perdonarmi.



  5. #105
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    29
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    16

    Re: Household


    Zack Sawyer - Furgone Militare

    NB
    : Le immagini sotto spoiler non sono adatte ad un pubblico di minori!


    Armeria, Ore 18.50


    Sono ancora in compagnia del biondino quando apro la porta dell’armeria trovando le ragazze già all’interno.
    Neanche il tempo di aprire bocca che Lèonie schiarisce la voce.

    <<"Scusate se non mi sono ancora presentata a chi magari non mi conosce, ma vista l’improvvisa ed urgente riunione indetta dal tenente colonnello Mustang mi sembrava doveroso dare la precedenza alla missione prima di tutto.
    Io sono il Capitano Lèonie Picard Lecrerc, ma chiamatemi solo Lèonie, preferisco.
    Permettetemi di informarvi che con l’incursore Sawyer , ho già avuto modo di collaborare e conosco più o meno il suo modo di agire..”>>

    Mi indica con un cenno del capo a cui rispondo con una semplice inarcata del sopracciglio, ora non dovevo neanche più presentarmi, meglio.
    Ignoro il suo discorso, noioso, estraendo il borsone dall’ armadietto e mi sistemo l’equip:

    Coltello nello stivale destro.
    Caricatori nelle tasche anteriori dei pantaloni.
    Colt 1911 nella fondina interna della giacca.

    Perfetto.
    Sento finire la frase..

    <<".. ho detto giusto?”>>

    Lancio la borsa, ormai vuota, nella sua posizione precedente per attirare l’attenzione dei presenti.

    <<" Vado al furgone”>>



    Furgone Militare, Ore 19.00


    Sto seduto in un angolo del camion intento a godermi il mio agognato momento di solitudine.



    Certo, compiere una missione alla cieca non mi rende affatto tranquillo, ma visti i vantaggi del mio mestiere non mi lamento: un bel porto d’armi, donne a volontà, potere e denaro.
    L'unica pecca è il dover rispettare gli ordini.. ma so interpretarli a mio favore, sempre.
    In fondo sono ben 6 anni che faccio questo lavoro:
    Ho imparato a mie spese ad avere a che fare con persone della peggior specie e so in che mondo degradato ed instabile viviamo.
    Ho zittito la mia coscienza, missione dopo missione...morte dopo morte.
    Ho perfino ho esaurito il mio concetto di pietà.
    O, forse no..?
    No.. un’unica, infima debolezza, c’è ancora.. eccome se c’è: le donne.
    In particolare se more, occhi chiari ed estremamente sensuali, mi faccio non poche remore nel toccarle.. o nel farlo come deve essere fatto.


    La notte precedente..

    I ricordi della notte brava riaffiorano improvvisi nella mia testa..



    So di esserlo, un perfetto s***o intendo, ma davanti a loro i miei schemi vengono a rompersi, irreparabilmente... mostrando solo l’animale che è in me: un uomo, debole alla carne.





    Finisco puntualmente per incappare nella loro trappola più sublime..



    Il piacere.


    Ultima modifica di Damnedgirl; 31st October 2013 alle 00:48



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  6. #106
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    29
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household



    Unico campo in cui preferisco decisamente il dare al ricevere.





    Furgone Militare, Ore 19.01


    .. puntualmente però mai nessuna è arrivata ad un secondo incontro.
    Non che non lo volessero, anzi, ma preferisco attenermi al mio stile: toccata e fuga, niente sentimenti nessun dissapore.
    Scaccio via il pensiero guardando fuori dal finestrino.. quel che vedo non mi piace, nebbia.

    “Ulteriore scarsa visibilità.. “

    Sposto lo sguardo verso l’interno dove vedo la capitana domandare qualcosa all’autista.
    Mi gusto un bel primo piano del suo "lato b" finché, ahimè, non torna indietro armeggiando con qualcosa sopra di me.
    Proprio in quel momento però il furgone prende una buca facendoci sobbalzare.

    << “Chi diavolo ha dato la patente a questo imbecille?!”>> .. sbiascico a denti stretti.

    Punto lo sguardo sulla destra e noto un borsone cadere lisciandomi per un pelo.



    Alzo il viso..

    << “Scusami Sawyer..”>>



    Quello sguardo.



    Qualche anno prima..

    Tracanno l’ennesimo bicchiere di scotch.. ero già al terzo o quarto? O forse quinto..?



    La voce di David attira la mia attenzione.



    <<"Hey ubriacone.. credo la tua bella sia appena arrivata!”>>

    Ultima modifica di Damnedgirl; 31st October 2013 alle 00:46



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  7. #107
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    29
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    Finalmente fa la sua entrata lanciandomi uno sguardo, quasi languido.

    La raggiungo osservandola minuziosamente, ma quanto diavolo è sexy.. ?!



    <<“Qui dentro inizia a fare caldo..">> ..riprendo subito la frase.. <<".. ti va qualcosa?”>>

    Mi accenna un si.
    Ho fatto progressi rispetto il pomeriggio, almeno ora non vuole piantarmi un proiettile in testa!

    <<“Hey, hey, hey..”>>

    Il marpione di turno scivola dinanzi a noi, salutandola vistosamente.



    Lo scosto, con una piccola spinta, facendolo indietreggiare.

    <<" B-buono Zack.. scherzavo, su! E poi la signora non mi pare disdegni..”>>

    Mi volto, sembra divertita.
    Il più scuro di carnagione, Brandon, si rivolge a lei.

    << "Non farci caso”>> ..abbassa il tono di voce.. << "Sono peggio di cane e gatto.” >>

    Li ignoriamo dirigendoci al bar.

    <<"Uno scotch con molto ghiaccio..”>>

    La barista ammicca guardando dapprima Lèonie poi me.



    <<"Ed il ghiaccio dove lo mettiamo..?”>>
    <<"Molto divertente Miriel!”>>
    <<"Dentro il bicchiere, per stavolta...”>>

    Guardo Lèonie stralunato.. che.ha.detto?!

    <<“Che ti servo, dolcezza?”>>
    <<“ Lo stesso grazie..”>>


    Non ci posso credere, non può essere la capitana.. non così.. non lei..
    Mando giù l’intero bicchiere e ne ordino subito un altro.

    <<"L'ideale per non pensare...">>

    Alla tua personalità multipla? Ah beh, forse..
    Mi trattengo dal risponderle continuando a bere finché, finalmente, non sento l’alcol inebriarmi i sensi.
    Inizio ad avvertire un odore molto piacevole, mi avvicino annusandole il collo..

    <<"Hai un buon profumo..”>>



    Ha un leggero fremito, sento il suo battito accelerare, deglutisce.. a fatica.
    La porto di fronte a me, ed iniziamo a ballare, accompagnandola con il mio corpo a ritmo di musica, dandole giusto un “assaggio” di me..


    Ultima modifica di Damnedgirl; 31st October 2013 alle 00:40



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  8. #108
    sim dio L'avatar di Damnedgirl
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Età
    29
    Messaggi
    7,469
    Potenza Reputazione
    16

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household


    Noto però un repentino cambio d’umore in lei, mi scosto osservandola.



    Si morde il labbro inferiore guardando dietro di se finchè non mi rivolge nuovamente lo sguardo, ha gli occhi lucidi.
    Non riesco a dirle nulla, fugge.. da me.




    Furgone Militare, Ore 19.01


    Avverto il mio corpo irrigidirsi, la sto fissando?

    << “Sbadata come sempre..” >> le borbotto.

    Fortunatamente si gira ammonendo l’autista di fare più attenzione.



    Mi alzo, sistemando l’uniforme, e poggio la schiena sullo sportello puntando lo sguardo verso l’esterno.
    Nuovamente interviene Lèonie:

    << “ Ragazzi facciamo il punto del piano e correggetemi se sbaglio magari sono io che mi sono persa qualcosa.
    Il colonnello Mustang ha parlato di un raduno di civili da parte di Kava e Kincaid nei sotterranei e qui è palese che qualcosa c’è in quel luogo, ma la cosa mi giunge strana, perché proprio nei sotterranei se è una palazzina abitata da civili visto che poi comunque dovremmo risalire verso il tetto?"
    >>

    E’ logico ci sia qualcosa .. o perché mandare noi, uno squadrone militare, in una palazzina?


    <<"Capisco la bonifica, la verifica in massa e la quarantena per una probabilità di contagio, ma non è meglio un appartamento per limitare magari eventuali esposizioni all’ipotetico contagio?Più che altro il sotterraneo mi sembra un’ ottimo posto insalubre e molto dispersivo..">>

    Semplice: si parte dal basso raccattando gli eventuali “dispersi” rimasti bloccati nelle loro stanze fino risalire verso il tetto... logico no?
    Sulla qualità del “soggiorno” direi che i civili possano accontentarsi vista la possibile emergenza..


    << "..soprattutto se c’è eventualmente qualche civile non totalmente sano, e si sa che i sotterranei spesso hanno sbocchi all’esterno, qualora dovesse essere un virus a trasmissione aviaria..…vuol dire che forse non lo è? Spero solo che Kava e Kincaid abbiano verificato prima di far scendere i civili." >>

    ..Saranno anche tirchi ma uno schifo di maschera ce la rifilavano se il contagio era via aviaria, escluso.

    << "Però potrebbe essere vero anche l’inverso, se troppe persone vengono stipate in un unico luogo stretto e angusto anche quelle sane contro quelle ipoteticamente contagiate potrebbero “ infettarsi” visto che non sappiamo nulla di questa ipotetica cosa e non sappiamo nemmeno se sia veritiera." >>

    .. scuoto la testa, fuori strada capitana.

    <<"Opterei per seguire il piano del colonnello invece che passare per una via d’entrata alternativa , ma prima vorrei verificare con una mappa della palazzina il tragitto per vedere dov’è l’entrata ai sotterranei altrimenti tanto vale entrare dalla porta principale e poi scendere” >>

    Ecco una cosa che dovevamo chiedere: una dannata mappa di quel dannato edificio.
    Senza di essa dobbiamo seguire il brillante piano di Mustang e l’idea non mi alletta affatto.
    Stradannazione.

    << “ Non so voi ma io non ho una mappa del luogo, Robert, per caso possiedi una mappa della Household?” >>

    Mi metto comodo e rispondo:

    << ".. Nulla da aggiungere a quanto già detto." >>

    Non mi fido dei presenti, Lèonie esclusa, tengo dunque le mie considerazioni per me limitandomi a fissare l’autista in attesa di una sua risposta.





    **Il post è accordato con Deltag.
    **I simmi usati come "comparse" potrebbero essere familiari perchè sono di mia creazione.
    **Il "club" tengo a precisare è un lotto scaricato, i credits vanno a -Shady- di ModTheSims!
    Ultima modifica di Damnedgirl; 31st October 2013 alle 00:46



    Visita il mio spazio ricordi! Dark Land

  9. #109
    sim onniscente L'avatar di Dina Caliente
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Età
    27
    Messaggi
    1,679
    Inserzioni Blog
    12
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    Ore: 18:45



    2° piano di Household

    Garret, riesci a divincolarti dalla tua inaspettata ospite e armeggi con la chiave. Quel che hai visto sopra le vostre teste... è tutto fuorché umano. La fuga sembra essere la soluzione migliore. Recuperi le chiavi dell'appartamento e cerchi disperatamente di inserirle nella serratura. Ma l'agitazione è tanta e tu sei un perfezionista: gli imprevisti – questo genere di imprevisti – non ti mettono certo a tuo agio. Forza, Garret, ce la puoi fare. Mantieni la calma, in fondo di cosa hai paura? Sei un temerario, non ti farai certo spaventare da quella... cosa. Fai un bel respiro profondo. Uno... due... tre... la chiave entra e gira con un sonoro "clack". Troppo sonoro. La creatura sembra essere infastidita dal suono e lancia un urlo. E' stridulo, disumano. Poi sembra diventare silenzioso. Ed è allora che comincia. Li percepite? I brividi che vi corrono lungo il corpo, quell'improvviso senso di paura. L'ansia. Cos'è? Tremate. Sentite come se qualcuno vi premesse sul torace, costanti brividi vi percorrono la schiena. Poi peggiora. Vi gira la testa, una lieve sensazione di vertigine. La fronte pulsa, fa male. Un vago senso di nausea. Forse non lo potete sapete, ma questi sono gli effetti degli infrasuoni prodotti dalla creatura. Viktoria, solo adesso vedi quel che il tuo compagno di sventura cercava di indicarti con gli occhi.


    E quel che vedi non è certo bello. Garret, riesci a spalancare la porta dell'appartamento. Cosa fate?


    Appartamento n° 23

    La figlia di Wonder sta per seguire il tuo consiglio, quando qualcosa la blocca. Anzi, vi blocca.


    Senti qualcuno sfiorarti la spalla, quasi abbracciarti da dietro. Ti volti: è Kate. Ti sta guardando con tenerezza, quella tenerezza che ti ha sempre riservato. O almeno che ti riservava prima di scoprirti. Non sembra la donna che ti ha aperto la porta giusto due minuti fa. Sembra tornata indietro nel tempo. «Scotty...» Ti chiama in un sussurro, la voce supplichevole e tenera. Si guarda il pancione. «Scotty, cosa abbiamo combinato? Come faremo adesso? Com'è successo? Perché non sei stato attento?» Sta parlando della gravidanza, come se fossi tu la causa. Noti delle lacrime sui suoi occhi. Poi lancia un urlo di dolore, si tiene il pancione. Diventa pallida e la figlia di Wonder, rapida ed efficiente, si alza e l'accompagna in bagno. Senti che sta vomitando. La ragazzina torna indietro, non sembra per nulla turbata dalla situazione. Si siede sul divano. «Allora. Signora Walker, perdoni l'indiscrezione. Esattamente, quand'è stata l'ultima volta che ha fatto l'amore con sua moglie?»


    5° piano di Household

    Mariko, quel drogato non ti da retta. Sembra non averti neppure sentito. Stai per aprire la porta che va al tetto, quando lo senti di nuovo lamentarsi. Ti volti. Ora non è più rivolto verso la parete, ma ti sta guardando. Produce ancora un lamento e poi comincia a camminare verso di te. E' lento, zoppicante e ondeggiante.


    Che sia davvero colpa della metanfetamina? E ora?


    3° piano di Household

    Allison, apri l'agenda di Wonder e scopri tutta una serie di pagine perfettamente ordinate che segnano ora e data. Scorri rapidamente, riconoscendo nelle parole che ti saltano all'occhio gli appunti per i suoi articoli. E poi, qualcosa ti fa smettere di girare le pagine. E' datato una settimana fa.


    "19 maggio 2014
    Ci sono riuscito. Finalmente ho trovato il modo di raggiungere i laboratori. Non è stato semplice, ma ce l'ho fatta. Me la sono vista brutta, lì dentro c'è qualcosa. Qualcosa che nessun essere umano dovrebbe mai vedere. Fanno degli esperimenti, là dentro. Esperimenti sugli umani, cose abominevoli. Nella mia carriera mai visto qualcosa del genere. Le foldier – così le chiamano – mi hanno dato la caccia. Sono riuscito a scappare per puro miracolo, ma l'ho preso. E' proprio qui, adesso, accanto a me. Devo decidere cosa farne. Ho provato a chiamare il governo per avvertirlo di quel che stava succedendo, ma non mi hanno voluto dar retta. Non capisco, eppure il mio nome dovrebbe essere una garanzia. Le cose sono due: o pensano io sia impazzito, oppure ci sono loro dietro a tutto questo. C'è una sola soluzione, dunque. Penso di essere impazzito anche solo per prendere in considerazione una follia del genere. E se qualcosa andasse storto? E se perdessi il controllo? A cosa sarà servito? Se c'è il governo dietro a tutto ciò metteranno a tacere la cosa. Ho bisogno di aiuto. Forse dovrei parlarne con Diane. E dovrei contattare un collega, ma uno bravo. Uno che non ha paura. Più tardi cercherò la persona adatta. Adesso devo andare, continuerò ad aggiornare."

    Stai per voltare pagina per leggere il seguito, quando il soldato che è con te ti interrompe. Ti parla e poi vedi che si allontana, probabilmente a cercare la fantomatica coinquilina. Pensi sia conveniente restare lì da sola? Lo seguirai o continuerai a leggere? A te la scelta.







    Turnazione

    2° piano di Household Appartamento n° 23 5° piano di Household 3° piano di Household
    Viktoria Masters Scott Walker Mariko Fullbuster Allison Greene
    Garret Burglair Brad Kincaid





    NB: Aggiunto download corridoio 5° piano.

  10. #110
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    QUINTO PIANO - MARIKO FULLBUSTER

    Attendo qualche istante, ma il fattone non ne vuole sapere. Bene, meglio così, se devi crepare è meglio non davanti ai miei occhi. Poi dovrei compilare troppe scartoffie. Ma ho già la mano sulla maniglia (oddio, non ho messo lo smalto oggi!) che lo sento lamentarsi. La canzoncina in stile Profondo Rosso e le sue lagne non fanno bene alla mia pazienza. Ma meglio mantenere il controllo. Mi volto verso di lui e lo vedo avvicinarsi a me molto lentamente, zoppicando, ondeggiando. Come in un flash, mi ricordo le parole che la Marsella ha usato per descrivere il suo aggressore:

    «Non credo abbia rubato nulla... Era alto più o meno come lei, aveva dei jeans sporchi, un cappuccio in testa e camminava barcollando... All'inizio ho pensato si sentisse male, mi sono avvicinata per prestargli soccorso e quel pazzo mi ha morso!»

    Non è vestito allo stesso modo ed è piuttosto grasso per essere un drogato di metanfetamine... ma... quel camminare barcollante mi mette in allarme. Riprendo Clarabella nella mano, gliela punto contro e gli intimo di fermarsi. Se ha lo stesso vizio del suo amichetto, ha sbagliato bocconcino.

    "Alto là, si fermi e metta le mani sulla testa... se continua ad avanzare sarò costretta a fare fuoco"

    Spero che mi ignori ancora così da poterlo sparare, ho sempre odiato i drogati.... di certo non potrei nemmeno perquisirlo dato che rischio di essere aggredita. Inizio a sentire la mancanza di Kincaid o di Anthony. Detesto non poter sbolognare le patate bollenti agli altri. La cosa che mi preoccupa maggiormente non è l'ammazzarlo, ma non avere testimoni sul fatto che non c'era altro da fare. Quando sei nel giusto non c'è mai un'anima pia che testimoni a tuo favore! ! Vedrò poi come metterla ai miei superiori, potrei sempre sbottonarmi la camicetta davanti al sergente, per ora devo uscire da questa situazione indenne e c'è Rin tin tin che potrebbe essersi ripreso o aver digerito male la darkettona. Se non starà fermo e non alzerà le mani in segno di resa, gli sparerò un colpo in fronte senza pensarci due volte.

 

 
Pagina 11 di 43 PrimaPrima ... 91011121321 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Sims Afterlife GdR] Creature
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 25th June 2014, 23:14
  2. [Sims Afterlife GdR] Schede PNG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 8th May 2014, 21:42
  3. [Sims Afterlife GdR] Schede PG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 13th September 2013, 23:49
  4. [Sims Afterlife GdR] Mestieri
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30th July 2013, 01:14
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •