Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 20 di 43 PrimaPrima ... 10181920212230 ... UltimaUltima
Risultati da 191 a 200 di 425
  1. #191
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    13

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    ANTHONY ROCCA
    Tetto di Household

    Mi sembra un incubo: una semplice riunione di condominio si è trasformata in un massacro. Su questo tetto ci sono ben tre cadaveri, non è una bella scena da vedere. Bisogna spiegare in centrale cosa è successo, avvisare i parenti delle vittime, fare un rapporto completo ... Senza contare che quest'uomo, o quello che è, deve essere identificato e associato alla denuncia della signora Marsella come suo aggressore.


    Mentre mi perdo in questi pensieri Christine risponde alle mie domande.

    «No non abito in questo palazzo, ero qui per lavoro... Dovevo incontrare un cliente. Sono un avvocato. Ero qui sopra per fare una telefonata ma poi è successo qualcosa...E sei arrivato tu... Fortunatamente...»

    Non abita qui ma almeno ha un cellulare: bene! Finalmente potrò avvisare qualcuno di quello che sta succedendo qui e chiamare ambulanza e coroner.
    Sono intento a cercare indizi importanti sul cadavere, quando mi vengono in mente Julie e Mariko: chissà se loro sono riuscite a chiamare in centrale o a venire a capo della situazione. Certo che è davvero strana tutta questa faccenda, non riesco a capire cosa centri l'esercito e poi quell'ordine perentorio di scendere nei sotterranei che è costato la vita a quelle due povere donne! E' un rompicapo assurdo e non ho indizi per risolverlo.
    Non ancora.
    Una cosa, però, la so per certa: dovesse costarmi la carriera, quel soldato avrà ciò che si merita! Non siamo sotto la legge marziale, questo tetto non è uno stato a se' stante e quello che ha fatto quassù è in tutto e per tutto paragonabile ad un duplice omicidio. Non mi importa se l'esercito o lo stato o il presidente in persona dovesse difenderla, non la passerà liscia e finalmente la giustizia farà il suo corso, così come dovrebbe sempre essere.


    Dovrò sbattere contro il muro di omertà che si solleva in questi casi? Tiro fuori il meglio di me nelle situazioni difficili.
    Dovrò sfondare qualche porta ben chiusa? Un paio di colpi ben assestati e anche il metallo più duro si ammacca.

    E se ancora non vorranno darmi retta, beh, basterà scatenare l'opinione pubblica e verrà fuori un polverone che manderà all'aria tutti i loro piani di insabbiamento della faccenda.
    In fondo è già successo: nessuno mi chiude la bocca se c'è di mezzo un'ingiustizia!

    Un rumoraccio mi ridesta dai miei pensieri. Oh, no! Il cellula ... ma ... che ... Chris ... Nonononono, Anthony non guardare dove non devi. Certo però, che panorama! Oh, ma che dico, ci vuole professionalità, si ecco, devo essere professionale.






    "Christine, ma che ...?" - Ecco che riprendo a balbettare, ma che diamine: non hai mai visto una donna seminuda? Beh, in effetti è un da pò di tempo che mi manca la materia prima. A prima vista non sembrerebbe una ragazza di quel tipo, così esibizionista: è anche un avvocato! Dove è finita la decenza nelle giovani di oggi?
    Non voglio indugiare oltre sulle sue nudità, quindi sposto lo sguardo da un altra parte e l'occhio mi cade sulla camicetta lanciata lontano da Christine, ma ... cos'è? Sangue?!?

    Corro verso di lei preoccupato, l'afferro per le spalle e comincio a guardarla dappertutto con apprensione per cercare di capire cosa è successo.

    "Allora sei ferita?" - le chiedo di nuovo - "Quell'uomo è riuscito a farti del male? Prima hai detto che è successo qualcosa, che cosa esattamente?"


    *Foto inserite. Sono 6.
    Grazie per la pazienza*
    Ultima modifica di polliciotta; 16th January 2014 alle 00:26


  2. #192
    sim onniscente L'avatar di Dreamer
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Bikini Bottom
    Messaggi
    1,007
    Potenza Reputazione
    9

    Quinta parte - Adam Miller

    Adam Miller
    Sotterranei Household
    Ore: 19:08

    Plin. Plin. Plin.È l’unico suono che riesco a sentire, oltre al battito frenetico del mio cuore.
    10, 20, 30 secondi. La donna non accenna a muoversi. Continuo a puntare l’arma contro di lei, aspettando un suo movimento. Finalmente qualcosa accade. Si alza in piedi di scatto, come se qualcosa l’avesse risvegliata da un sonno profondo.
    «Quella gamba…» sussurra Lèonie.
    La noto anche io. La gamba sinistra, effettivamente, ha qualcosa di strano. È in una posizione totalmente innaturale.
    «Possibile che non senta dolore? Possibile che non le venga voglia di urlare?» continua la capitana. «Ne ho viste di ferite ma... ma quella gamba sembrerebbe completamente scomposta e poi…»
    Scomposta è dire poco, sembrerebbe rotta.
    All’improvviso vengo travolto da una visione a dir poco sorprendente: la… donna? Può ancora essere considerata una donna? Non lo so. Fatto sta che quella… cosa si volta verso di noi, mostrandoci i contorni di quello che doveva essere un volto, ora completamente sfigurato. Ma… quelle macchie che prima ho notato sulle gambe sono… cuciture? Non riesco a credere ai miei occhi. Cerco di mantenere la calma. Inspiro ed espiro profondamente. Non può essere reale, sicuramente sto sognando, non c’è altra spiegazione.
    «Abbiamo un problema… un problema che assomiglia alla figlia di Frankenstein…» ironizza Lèonie. Nessun tentativo di smorzare la tensione, però, può funzionare in questo caso, soprattutto dopo aver notato il riflesso di quella che sembrerebbe una lama, impugnata dalla mano destra della “donna”. Dobbiamo agire, e anche in fretta.
    Un sibilo acuto comincia a raggiungere le mie orecchie. Ogni secondo si moltiplica, diventando sempre più fastidioso. Ma cosa diamine è, una specie di serpente?! Ma dove ca**o siamo finiti?!
    «Miller, Evans, tenetevi pronti a sparare entrambi al mio tre e poi spostiamoci velocemente dalla sua traiettoria verso il muro alla nostra sinistra; ci fornirà un minimo di protezione. Testa e gamba sana sono per me i centri migliori, mirate e valutate voi ,cercherò di darvi più agio possibile, punterò la torcia sul suo volto in modo che ci faccia da scudo e lei non possa vederci, se è mezza umana e mezza serpente come sembra potrebbe possedere una vista termica e la luce la infastidirebbe, almeno spero…»
    Ascolto attentamente ogni parola, ogni sillaba, cercando di non badare al sibilo. Il piano non fa una piega, potrebbe funzionare.
    «Ricevuto.» rispondo prontamente.
    Mi accingo a prendere la mira, quando ad un tratto piombiamo nel buio più totale. La porta si è chiusa. Cosa cavolo è successo?! Sawyer non doveva occuparsi della porta?!
    «Sawyer tutto bene?» chiede Lèonie.
    «Eh, una meraviglia…»
    Tutto questo non ha un minimo di senso. Scuoto la testa. Devo pensare velocemente. Testa o gamba destra? Gamba destra o testa? Pensa, Adam pensa. Chi ha la mira migliore fra te e Moreen? Poi, l’illuminazione. Mi ricordo improvvisamente della gara che avevamo fatto al poligono da tiro un mese fa, forse meno. Mi aveva battuto per un punto. Un solo punto. Ma questo basta e avanza per prendere la mia decisione.
    «Moreen, io miro alla gamba destra, lascio a te la testa. Mi fido di te.»
    Immediatamente dopo, Lèonie comincia il fatidico “conto alla rovescia”.
    «Uno…»
    Rallento il respiro, chiudendo gli occhi.
    «Due…»
    Cerco di decelerare il battito cardiaco.
    «Tre!»
    La torcia sia accende.
    Riapro gli occhi, localizzo velocemente il bersaglio, miro e premo il grilletto.


    Anche se il mio colpo non andasse a segno, c’è Sawyer dietro che ci copre le spalle.
    Quando anche Moreen avrà sparato, mi fionderò verso il muro alla nostra sinistra, proprio come ci ha ordinato da Lèonie.


  3. #193
    sim onniscente L'avatar di Vavi(:96
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    tra le nuvole^^
    Età
    23
    Messaggi
    1,445
    Inserzioni Blog
    2
    Potenza Reputazione
    9

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    Axel Blonde

    *Qualche mese prima*
    Abbiamo trovato l'indirizzo tramite Facesim. Mi sento un po' come Will Smith nel Principe di Bel Air. Non pensavo di trovare Dimitri in un posto come questo.

    Oh che sventola di casa, mi sento già straricco

    la vita di prima mi puzza di vecchio
    guardate adesso gente in pista chi c'è
    il principe Willy lo svitato di Bel Air.

    Yuri bussa alla porta con grazia.
    «Chi è?» la voce è inconfondibile: è proprio lui!
    «Alexander e Yuri» cinguetta quest'ultimo in risposta.
    A volte dubito seriamente che si mio fratello...
    «Chi?» la voce è vagamente preoccupata.
    Come se non lo sapesse
    «I tuoi fratelli » specificaYuri con la sua voce dolce e quasi femminile.
    «Andate via!»
    Il solito stronzo!
    Noi l'abbiamo cercato dappertutto e lui ci saluta così?!
    «Okay, fratellino, se non apri subito 'sta cazzo di porta la sfondo a calci!!»
    Sbraito incazzato nero.
    «Alex, non fare l'idiota » mi sussurra Yuri, ma è troppo tardi.
    Franz, il mio allenatore, mi guarda sogghignando: sa già che lo farò...



    La faccia di Dimitri è bianca ed esprime tutto il suo terrore.



    Lo troviamo raggomitolato dietro la porta, come un bambino che si nasconde dall'uomo nero, coprendosi le mani per far svanire i suoi incubi: gli siamo mancati.



    «Sei un cazzo di maleducato! Noi veniamo a trovarti e tu non ci apri neanche!»
    «Scusa, io credevo che... cioè insomma... »
    Oh, come mi è mancato il suo balbettio incomprensibile!
    «Proprio così! Verremo a stare per un po' da te! Non sei contento?»
    «No, cioè sì... Cioè... Non potete stare qui: è casa della mia ragazza e quando torna...»



    «E' questa la tua ragazza? » chiedo indicando una foto appesa alla parete
    « » mi risponde lui con un sorriso ebete stampato sulla faccia
    «Ehi, è carina!» esclama Franz.«Sai vedendoti mi aspettavo una mega cessa!»
    «NO! E' solo una stronza!»urlo a Dimitri «E sai perchè? Perchè lei odia la tua famiglia!!»



    «Quindi»continuo«è deciso: noi staremo qui!» esclamo buttandomi sulla prima poltrona che vedo.
    «No, sul serio ragazzi... non potete stare qui... Teresa non vuole che inviti gente mentre lei è via...»
    Yuri si accoccola con grazia sul tavolino e inizia ad accarezzare l'ennesima foto della mia coppietta preferita.
    «Sembrate una coppia così carina!» sorride con aria sognante«Come Romeo e Giulietta!»
    Sogghigno: ho capito dove vuole andare a parare.
    «Già!» concordo «sarebbe un vero peccato se le succedesse qualcosa...»
    Dimitri impallidisce e poi abbassa la testa «Okay, potete restare!»



    ***
    Corro giù dalle scale. La rossa, la poliziotta e la dottoressa mi seguono: non sapevo di essere una giuda turistica!!
    E improvvisamente sento l'eco di uno sparo e delle urla...
    Ma che sta succedendo qui?
    Sul pianerottolo ci sono un uomo, una ragazza e uno che era con noi sul tetto.
    «Dov'è Fiona? E Kava?» chiede.
    Ma chi sono? L'ufficio persone scomparse?
    «Siamo stati aggrediti da delle cose... Siamo scampati per miracolo! La soldatessa ci ha detto di correre verso i sotterranei, e l'abbiamo fatto! Probabilmente ci raggiungeranno tra poco... »
    Se sono ancora vive...
    «E comunqe penso che faremmo meglio a muoverci prima che arrivi qualche altra sorpresa!»

    Ultima modifica di Vavi(:96; 18th January 2014 alle 20:50

    So seid willkommen und
    ihr teilt mit mir die Gedanken Eines Vampirs!

  4. #194
    sim onniscente L'avatar di Dina Caliente
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Età
    27
    Messaggi
    1,679
    Inserzioni Blog
    12
    Potenza Reputazione
    20

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    Christine Daaè




    Il mio salvatore distoglie lo sguardo. Mi guardo, per controllare se sto veramente bene. «No... Non sono ferita... Pare. C'era del sangue sulla camicetta, ma a questo punto non so se fosse mio.»
    «Quell'uomo è riuscito a farti del male? Prima hai detto che è successo qualcosa, che cosa esattamente?»
    Comincio a sentire freddo... Brr. Mi stringo nelle spalle incrociando le braccia. Mi rendo conto di essere mezza nuda. Sto diventando rossa? Ma no, non ne ho motivo, è un poliziotto, un professionista, non mi starà neanche guardando! «Dubito sia riuscito a toccarmi, quel... mostro» Visto il calcio che gli ho dato in pieno volto, non mi stupirei se avesse perso un dente. «Non so... Ero salita qui a fare una telefonata. Ad un certo punto, il tetto si è riempito e ho deciso di restare nascosta, sai non volevo interrompere. Però poi ho sentito litigare e ho sentito due spari, uno a breve distanza dall'altro» Rabbrividisco, e non solo per il freddo. «Mi sono nascosta lì dentro» Indico quella stanzetta. «E c'era quell'uomo a terra. Ho pensato fosse ubriaco, poi però si è risvegliato e ha cercato di aggredirmi... E poi ho incontrato te!» Gli sfioro la spalla con la mano. «Grazie!» Gli getto di nuovo le braccia al collo, e lo stringo forte. Non fosse stato per lui sarei morta!
    Ah, mi aveva chiesto il telefono e io l'ho lasciato cadere a terra dallo spavento, che sciocca! Mi stacco dall'abbraccio, a malincuore, devo ammettere, e raccolgo il cellulare. Rimonto la batteria che si era smontata e lo accendo. Funziona. «Ti serviva, vero?» Chiedo, e glielo porgo gentilmente.


    Intermezzo

    Anthony, la ragazza ti porge il telefono, che sembra essere completamente funzionale. Hai notato, mentre ti parlava, che potrebbe aver freddo. In effetti è rimasta solo in reggiseno... Non sarebbe il caso di coprirla con qualcosa? Ora che fai?






    Turnazione
    Anthony Rocca

  5. #195
    sim veterano L'avatar di theredcrest
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Età
    28
    Messaggi
    284
    Potenza Reputazione
    7

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    Garret Burglair
    Appartamento n°11

    "Direzionare l'urlo". "Scagliarsi sul luogo dell'impatto". A parte l'ovvia banalità che sta nella frase "direzionare l'urlo" (è anatomicamente fattibile direzionare un urlo in assenza di bocca e tratti facciali? E se è fattibile, quell'urlo da dove diavolo viene? Non oso immaginare le conseguenze... posteriori di questa domanda e delle sue spiegazioni) questo piano è: o un remake di Apollo 11 (Mayday, Mayday, mi sentite?), o una reclame della bollicina di sodio (C'è nessuno?) o, come temo e metaforicamente parlando, indigesto come un sacchetto da cinque chili di orsetti gommosi della Haribo senza zucchero. Le recensioni su SimsAmazon parlano chiaro ma io tradurrò brevemente il contesto: guano, guano, montagne di guano. Dissenteria a spruzzo o altre immagini simili e un poco meno congeniali. Fate voi.
    In realtà le generalità del piano sono corrette, ma Miss-Leaderdelmondolibero-Viktoria non possiede la puntigliosità necessaria ad analizzare il tutto in modo approfondito, facendoci lanciare in quello che sembra un suicidio - o mi correggo, lanciandosi, perchè io di certo ho ancora intenzione di lavorare per lunghi anni a venire.
    Non riesco a fare altro che osservarla incerto, dubbioso e poco convinto di un'organizzazione così campata per aria, anche se fondata su basi vagamente promettenti. E, cosa quasi ridicola, più la osservo e più parla a mitraglia senza nemmeno fermarsi a riflettere sul numero di possibilità che in realtà abbiamo per uscire dall'appartamento di Tsukihime: calarci dall'esterno, usare la fornitura interna dell'appartamento come scudo per ripararci da eventuali colpi di gamba del nostro amico di soffitta o strisciare silenziosamente per terra, anche se dubito qualsiasi parola che sia sinonimo di "silenzioso" figuri sul vocabolario assieme al suo nome.
    Mi guardo attorno, pensando a cosa non mi tocchi fare. Ogni cosa è utile, ogni oggetto potrebbe fare la differenza tra il restare svenuti sul pavimento in balia della creatura, magari per un colpo troppo forte in testa, e lo scappare giù dalle scale e via per l'edificio. E dire che questa scelta mi costa, purtroppo, un reale sacrificio: ero venuto per dei quadri a cui mi vedo costretto a rinunciare, sia per la situazione, sia per la mancanza di tempo, sia perchè una volta fuori eventualmente, nel caso la ragazza avesse una voglia matta di chiacchierare come sta facendo adesso, non avrebbe consistenti prove del mio passaggio nell'appartamento... portatile a parte, che ovviamente farei trovare in casa sua in tempi successivi, comunicando la cosa alle forze dell'ordine tramite una classica, ma sempre ben funzionante, chiamata anonima.
    Ero venuto per l'agenda. Un pezzo di carta straccia che contiene tutto quello di cui non posso fare a meno per mettermi l'anima in pace nei loro confronti. Loro.
    Se solo ripenso allo sguardo di Lucìa...

    Un brivido mi passa lungo la schiena. Eppure l'ho cercata, sommariamente, ma con metodo. Potrebbe essersela portata via il proprietario? Oppure, potrebbe essere contenuta nel computer di cui non ho ancora, purtroppo, la password? Una parte del mio mondo è riposta in quelle pagine, virtuali o reali che siano. Sapere di non averla è una consapevolezza amara che scivola lungo il palato e la gola come veleno acido.
    “Se hai qualcosa da dire, questo è il momento giusto!”
    Devo parlare. Seriamente?
    La solita simpaticona mi distoglie dai miei pensieri, tanto che non riesco a trattenere uno sguardo seccato in sua direzione. La ragazza potrà fare la dura quanto vuole, ma ci sono falle nella sua struttura organizzativa che ci faranno affondare in un battibaleno. Partiamo dal presupposto che non sappiamo da dove spunti quella cosa, e se sia stata creata, risvegliata sotto la montagna sulla falsariga di un drago o se ci sia un qualche tipo di infezione in giro che l'ha resa tale. Partiamo dal presupposto che abbiamo solo una labile certezza sul fatto sia cieca, che il suo urlo sia abbastanza fastidioso e che sia in grado di emettere qualcosa - qualcosa come un gas, un'influenza malevola o i meno decantati ma più credibili ultrasuoni - in grado di indebolirci, e questo presumibilmente per poi correre ad abbatterci. Sappiamo che attacca con le gambe, che quando attacca non urla e non emette qualsiasi cosa sia a mandare la preda al tappeto, e che i rumori le danno fastidio o quantomeno la attirano. Non sappiamo se si può spostare effettivamente sul soffitto e se possa staccarsi da lì, per poi finire altrove.
    Riassumendo, direi abbiamo un bel buco di probabilità e, contando ciò che ho in tasca, non mi va di sprecare una siringa per riempirla d'acqua ossigenata e sperare il coso abbia una circolazione quantomeno umanoide - perchè se così fosse, l'acqua ossigenata è risaputamente mortale se messa in circolo o anche solo iniettata in un tessuto vivo. E tutto per via dell'azione antibatteriologica, della risposta immunitaria immediata, del gonfiore a cui seguirebbero shock e cancrena: ringrazio il veterinario che mi ha curato l'occhio, per queste brevi nozioni di medicina alternativa.
    Un tipo a posto, per la carità. Gioviale, pronto a rappezzare un ladruncolo. Aveva solo la piccola e perversa tendenza a raccontare al sottoscritto paziente favorito annedoti di questo tipo: erano il suo modo per dirmi "pagami".

    Tornando al presente, mi viene in mente un'unica cosa da fare per premunirci contro almeno una delle migliaia di varianti e probabilità di morte ultima che qui si presentano, ma non gliela starò ad elencare attentamente come lei ha fatto con me. Preferisco agire, piuttosto che chiacchierare, almeno finchè c'è ancora un minimo di sole e luce. Poi, vada come vada, cercherò d'essere certo di cavarmela: so affrontare il pericolo, e questo non è peggio di sgattaiolare in una casa abitata, coi proprietari consapevolmente armati e vigili, durante il loro cenone di Capodanno.
    Mi dirigo in soggiorno, osservando la più bassa delle mensole: su quella superiore sono ancora in bella vista i piattini di fragile ceramica che desidererei portarmi dietro per rivendere al migliore offerente.
    Solo peso in più, mi dico, prendendo piuttosto il candelotto di cera che sta esattamente al centro del ripiano, iniziando a maneggiarlo per ammorbidirlo.
    Per favore. Niente pensieri scabrosi, sto cercando di essere serio, io, qui.
    E comunque questo coso non ha una forma nemmeno vagamente erotica.
    Lo porto sul tavolo di vetro, poggiandolo per armeggiare con la giacca ed estrarne il coltellino svizzero e le bende di garza trovate: facendo scattare la lama, taglio via dalla benda quattro piccoli pezzi da tre o quattro centimetri l'uno, disponendoli sul tavolino.
    Prendo la candela, e con la lama ne stacco via altri quattro pezzi. Faccio scivolare di nuovo nelle tasche il rimanente - candela parzialmente menomata compresa - e inizio a lavorare singolarmente i pezzi di cera per trasformarli in piccoli cilindri, che poi appallottolo nella garza.
    Ecco, il minimo indispensabile: tappi per le orecchie contro urli e simili evenienze.
    Li riporto indietro fatti, mettendone due in mano a Viktoria e attendendo li indossi.
    «Infilateli nelle orecchie.»
    Fosse per me, mi legherei anche due quadri sulla schiena e striscerei lungo il corridoio, ma suppongo sarebbe una pessima idea in caso di fuga precipitosa: preferisco rotolare dalle scale che non fare la fine della tartaruga bollita.
    «Quando lancerai quello» indico con gli occhi il portapenne, «dovrebbe urlare, poi spostarsi. Questi ci daranno un minimo di copertura. Non riusciremo a sentirci, quindi rimaniamo in vista.»
    Sospiro, lanciandole uno sguardo gelido.
    «Il nostro amico potrebbe muoversi sui muri, oltre che sul soffitto. Cammina china e stai. Lontana. Dalle. Pareti. Sarò dietro di te.
    Togli i tappi non appena arrivi alle scale.»

    Con un gesto della mano, le indico la porta.
    Attendo solo lei per iniziare.

    Le foto arriveranno xD
    L'azione dei tappi è stata concordata con Ecli.


    The Sentinel's Lair

  6. #196
    sim onniscente L'avatar di Dina Caliente
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Età
    27
    Messaggi
    1,679
    Inserzioni Blog
    12
    Potenza Reputazione
    20

    Intermezzo

    Intermezzo
    Pianerottolo fuori dall'appartamento n°11


    Vi mettete i tappi per le orecchie "fai da te". Sono piuttosto scomodi, ma almeno sortiscono il loro effetto, tanto che non riuscite a sentirvi neppure tra di voi. E ora diamo il via al piano.
    Viktoria, apri la porta. Noti la creatura voltarsi verso di voi ed aprire quel che sembrerebbe essere una bocca. Intuisci che abbia ripreso a gridare, ma voi non sentite nulla grazie ai tappi. Prendi un bel respiro. Fatto? Bene! Ora lancia il portapenne nella direzione opposta... Come previsto, la creatura, con una velocità sorprendente, si scaglia contro l'oggetto e resta lì, impalata. Forse cercando di capire che fine abbia fatto (è un oggetto piccolino, che è caduto a terra. Lei non riesce a vederlo, poverina). Ed ora è la vostra occasione! Tenendo la testa bassa, correte verso le scale. Il rumore dei vostri passi attira la creatura di nuovo verso di voi (prova di destrezza... superata da entrambi!) ma riuscite a schivarla senza alcuna difficoltà. Vi ritrovate, ora, di fronte alle scale. La creatura potrebbe raggiungervi di nuovo da un momento all'altro, non dimenticatelo.
    Scegliete: salite o scendete?




    Turnazione
    Viktoria Masters
    Garret Burglair



    NDA: Siccome nel post di Garret c'è scritto che la cosa dei tappi alle orecchie è stata concordata assieme ad Eclisse, ho supposto che li indossasse anche lei. Se questo vi crea dei problemi, annulliamo quest'intermezzo e lo riscrivo con Viktoria che non indossa i tappi. Fatemi sapere.

  7. #197
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Intermezzo

    ANTHONY ROCCA
    Tetto di Household




    "Sono serio, non mi va di scherzare."
    "Oh andiamo, lei è lì, tutta tremante di paura e grata per essere stata salvata dal pericolo: in genere queste cose vanno a finire in un solo modo."
    - mi strizza l'occhio con aria complice e mi sfugge un sorriso - "Cosa aspetti Azzurro? Sfodera la tua spada scintillante!"

    La situazione con Christine mi fa tornare in mente un episodio simile, accaduto un pò di tempo fa, quando ero di pattuglia col mio, ormai ex, 'collega' - se così posso ancora definirlo.


    E' notte fonda, tutto sembra tranquillo in città, ma il suono gracchiante della radio ci fa sobbalzare, comunicandoci un 10.34 in corso a pochi isolati da noi. Faccio subito un'inversione a U e mi dirigo verso la zona segnalata a sirene spiegate.



    "Non farlo mai più, Schumi o la prossima volta la notte te la fai da solo. E poi che bisogno c'è di essere così teatrale!"
    Arriviamo appena in tempo per scongiurare l'aggressione e, mentre lui arresta il delinquente, io mi occupo della ragazza.




    Piove.
    Ha la camicetta aperta sul petto, che si copre con entrambe le braccia, e qualche graffio e livido sul viso. Le passo delicatamente la mano sulla ferita, ma lei si ritrae.
    "Tranquilla" - le sorrido in maniera rassicurante - " tra poco arriverà l'ambulanza." - mi tolgo la giacca e gliela poggio sulla spalle, ma lei mi afferra e mi tira verso di sè. Siamo un pò troppo vicini. "No" - mi dice -"Ti prego non voglio"
    "Ma quel tipo ti ha aggredito, l'abbiamo colto in flagrante! Non possiamo far finta di nulla ... non posso."
    "Hey, Capitan America, a rapporto!" - mi chiama una voce da lontano.


    La mente ritorna immediatamente al presente, alla pelle chiara e profumata di Christine, al suo respiro affannato, mentre mi racconta la sua brutta avventura. Mi sta abbracciando, di nuovo: deve essere sconvolta, poverina!


    Quando la sfioro per rispondere all'abbraccio, mi accorgo che sta gelando. Eppure non è una giornata particolarmente fredda, sarà colpa dello spavento che si è presa. Mi dispiace molto per lei e spero dimentichi in fretta tutta questa brutta storia, una volta che sarà finita.


    Che cafone che sono, non mi sono neanche presentato, penso, mentre lei mi porge il telefono che poco prima era finito a terra. Lo prendo e le rivolgo un sorriso carico di gratitudine.


    "Grazie a te. Io comunque sono Anthony, Anthony Rocca. Permetti?" - metto momentaneamente il telefono nella tasca dei pantaloni, mi sbottono la casacca, me la sfilo e, con delicatezza, le copro le spalle nude.
    "Non preoccuparti, sei al sicuro adesso e vedrai che a momenti arriveranno i nostri. Questione di pochi minuti."



    Ritiro fuori il telefono, non posso più indugiare, e compongo finalmente il numero della centrale, anzi, del comandante in persona!



    *il mio record di foto in un gdr:13*


  8. #198
    GdR Master L'avatar di Eclisse84
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Dohaeris
    Messaggi
    6,561
    Inserzioni Blog
    30
    Potenza Reputazione
    16

    Re: Intermezzo

    Viktoria Masters
    appartamento n11

    Intendiamoci… non che io ami particolarmente essere consigliata sul da farsi, soprattutto se questo consiglio, viene dato come un ordine! Mai e dico mai impormi qualcosa, questo perché… non lo so… ma m’infastidisce da morire. Ora, ho scelto io di lanciare il portapenne e Garret è sembrato concorde, nonostante quegl’occhietti, che si ritrova, lasciano intendere una miriade di pensieri che vanno dal “Tu guarda questa che si va ad inventare, al ti faccio fuori appena ne ho l’occasione!” Ok… per l’ultima frase potrei anche capire, dato che non gli ho organizzato esattamente una festa di benvenuto, ma “Hei… stavi solo rubando quello che avrei voluto saccheggiare per prima, scusa tanto se mi sono girate le scatole eh!” per di più ci tiene tanto a quel computer, vuol dire che la roba buona è li, altrimenti non mi avrebbe gentilmente concesso le altre cosette, scartine mi vien da pensare.



    Comunque sia, al diavolo tutto il resto, il computer lo trasporta lui, così leva il peso e l’ingombro dell’oggetto a me, quando siamo fuori di qui lo accoppo e me lo frego senza tanti complimenti, non mi resta che cercare di farlo arrivare intero a destinazione, non di certo perché me ne importi qualcosa di Mr occhi belli, ma è un ottimo trasporta oggetti automatizzato. Ergo, per prima cosa devo pensare alla mia pellaccia, perché se quel coso appeso li fuori mi riduce in polpette, di certo non potrò approfittarmi di qualsiasi informazione o codice sia contenuto il quel pc, farò il possibile perché anche Garret ce la faccia, ma la mia vita prima di tutto, non voglio pesi inutili addosso.
    Devo ammettere che l’idea dei tappi non è per niente male, anzi… è ottima, ha un cervellino funzionante
    «Infilateli nelle orecchie.» “Mh? Sorry?” Mi è sembrato di sentire un ordine! Arriccio il naso in segno di dissenso, non dico nulla però…
    «Quando lancerai quello,dovrebbe urlare, poi spostarsi. Questi ci daranno un minimo di copertura. Non riusciremo a sentirci, quindi rimaniamo in vista.»
    Accompagna il tutto con uno sguardo alla Gabriel Garko dei poveri, in una di quelle fiction che fanno emozionare le casalinghe in menopausa.


    Non so che espressione mi sia apparsa in volto, ma di sicuro non sono impressionata.



    «Il nostro amico potrebbe muoversi sui muri, oltre che sul soffitto. Cammina china e stai. Lontana. Dalle. Pareti. Sarò dietro di te.
    Togli i tappi non appena arrivi alle scale.»

    Stava sul serio scandendo le parole come si fa con gli stupidi? No dico… lo stava facendo?
    Afferro i tappi con la grazia di uno scaricatore di porto “Non ti aspetterai mica che ti ringrazi?” solita smorfia, solito sguardo omicida “Limitati a starmi dietro. E. Cerca. Di. Non. Farti. Ammazzare” Lascia l’onore a me!
    Me l’infilo, sono scomodi, mi danno un fastidio enorme, ma almeno non sento una cippa, neanche quella voce carica di supponenza dell’amico qui


    aspetto che se li metta anche lui e decido di buttar giù una frase, girando il volto da un’altra parte, nascondendo il labiale, per capire se mi sente “Se tu non fossi così fastidioso, potrei anche trovarti attraente!” mi volto… nessuna reazione apparente, neanche io ho sentito la mia stessa voce, ok… possiamo andare!
    Apro la porta, calibro velocemente il tiro, vedo il portapenne schizzare via ed impattare dove avevo previsto...


    alzo gli occhi per osservare la reazione dello spiederman “Cos’è una bocca?” avrà iniziato ad emettere lo stesso verso di prima, ma non sento nulla...

    Non ho il tempo di pensarci, appena lo vedo scattare in direzione del rumore, corro velocemente al lato opposto


    Testa bassa… lontana dalle pareti, il più velocemente possibile
    Garret è sicuramente dietro di me, almeno credo, non mi volto, se cade non lo soccorro di certo.
    E’ un attimo… la bestia si ri-direziona verso di noi, avrà sentito i nostri passi. La tengo d’occhio, continuo ad avanzare, devo aspettare che sia più vicina, colpirla è difficile, non è esattamente a portata di mano, mi resta solo schivarla.
    Riesco nel mio intento, arrivo alle scale, non verifico che Garret sia alle mie spalle, spero solo per lui (per il computer), che non si sia beccato un calcio in faccia o peggio.
    "Togli i tappi non appena arrivi alle scale."


    Ma neanche per sogno, stanno bene dove sono! Sicuramente la bestiaccia starà ancora urlando e non ci tengo a rivedere il contenuto del mio stomaco, se Garret si aspetta di vedermi fare un passo falso del genere o è uno stupido o crede che lo sia io, quindi Chissene!
    Inizio a scendere le scale, salire è una pessima idea, dato che il coso potrebbe continuare a seguirci, saremmo come dei topi in trappola. Una volta arrivata giù, mi volterò velocemente per vedere come sono messe le cose, se Garret ce l’ha fatta e se il coso non c’è più.


    Prima di togliermi i tappi mi guarderò bene in giro, angoli e soffitto compreso, in tale evenienza proverò a sfilarne uno di pochi millimetri, se non sentirò nulla, me li metterò in tasca.
    (foto 8+3 da inserire)
    Ultima modifica di Eclisse84; 19th January 2014 alle 16:48

  9. #199
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    MARIKO FULLBUSTER - QUARTO PIANO

    Corro, seguo il ragazzo biondo giù per le scale e cerco di scenderle velocemente come non ho mai fatto. Sono ancora dolorante e rischio persino di inciampare. Non c'è moltissima luce e preferisco fissare questi gradini e continuare a correre. Gradini e ancora gradini... eccomi, sono arrivata al pianerottolo del quarto piano, ne mancano ancora tre, tre piani con chissà quali pericoli sotto di me. I sotterranei, devo raggiungerli così i militari ci metteranno in salvo. Ormai è evidente che qui sta succedendo qualcosa di disastroso. Alzo lo sguardo e vedo Kincaid con una pistola in mano, proprio davanti le stesse scale che sto per imboccare io. E' vivo e non vedo la darkettona insieme a lui. Bene. Quella bestia si sarà mangiata la stro***tta e poi lui l'avrà abbattuta con la sua pistola. Meglio tardi che mai. D'improvviso sento gridare qualcuno che non riesco a vedere.

    "Chiudi la porta! Veloce!"

    Brad sembra precipitarsi per aiutarlo, io mi sposto da dietro il ragazzo biondo e vedo lui e un altro uomo armeggiare con una porta, cercando di chiuderla con fatica. C'è anche una ragazza con loro e sembra ferita.

    "Oh cazzo, quella bestia è ancora là dentro, idiota di un Kincaid" penso tra la rabbia e l'ansia. Sto per darmela a gambe ma Brad nota la nostra presenza. Mi fissa. Forse mi conviene ascoltare gli ordini che avrà da impartire come quell'altra soldatessa. Devo sapere che ha ordinato la base, potrò capire che diavolo succede. Chiede all'uomo e alla ragazza ferita da dove venga quel mostro. Fantastico, non si tratta del nostro mostro allora, ma di un altro. Sembra di essere in un film horror. Si avvicina a noi e chiede:

    «Dov'è Fiona? E Kava?»

    Risponde il biondo: «Siamo stati aggrediti da delle cose... Siamo scampati per miracolo! La soldatessa ci ha detto di correre verso i sotterranei, e l'abbiamo fatto! Probabilmente ci raggiungeranno tra poco... E comunqe penso che faremmo meglio a muoverci prima che arrivi qualche altra sorpresa!»

    Confermo quello che ha detto il civile.

    "Penso tu abbia ricevuto il suo stesso ordine prima, quando stavamo raggiungendo il tuo appartamento. Dobbiamo assolutamente raggiungere il sotterraneo, là ci saranno rinforzi per questo... attacco indefinito... potevi comunicarmi subito i tuoi ordini, avrei potuto scortare subito i civili dabbasso senza farmi minacciare da una tizia con le sue cose" dico irritata. Mi tocco il bernoccolo e mi fa male. Lo guardo con gli occhi da cucciolo indifeso, la sua pistola tutto sommato può servirmi, e gli dico: "Noi andiamo nei sotterranei, aiutami a scortare questi civili, due miei colleghi sembrano scomparsi e non so se da sola potrò farcela... quei... mostri erano attaccati al soffitto, un altro mi ha aggredito e sembrava uno zombie... ho dovuto sparargli... e a quanto pare dietro quella porta c'è un'altra cosa... la bestiaccia di prima è ancora in giro?"
    Spero con tutto il cuore che l'abbia abbattuta. Appena e se mi risponderà prenderò le scale per il terzo piano. Spero anche che Kincaid ci segua e non mi appioppi pure questi altri due....

  10. #200
    sim esperto L'avatar di Laurel*
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Moonlight Falls
    Età
    22
    Messaggi
    842
    Potenza Reputazione
    7

    Re: [Quest GdR] Sims Afterlife - Household

    Moreen Evans
    Sotterranei di Household
    Ore: 19:08

    Poco dopo aver puntato l’arma contro la donna dai capelli bianchi, Adam fa lo stesso intimandola a risponderci, ciò nonostante la donna continua a rimanere immobile e in silenzio. In questo modo passano 10, poi 20 e infine 30 secondi, scanditi solo dal rumore di gocce d’acqua che cadono per terra. Questa situazione inizia ad innervosirmi. Che sia sorda o che stia facendo finta di non averci sentito?
    Lentamente, sempre rimanendo in silenzio, la donna inizia a rialzarsi. Il mio sguardo si sofferma sulla sua gamba sinistra e mi accorgo che c’è qualcosa di strano: «Quella gamba, possibile che non senta dolore? Possibile che non le venga voglia di urlare? Ne ho viste di ferite ma… ma quella gamba sembrerebbe completamente scomposta e poi…» Lèonie come sempre sembra essere la portavoce del mio pensiero. Quella gamba sembra essere del tutto rotta. Come riesce a rimanere in piedi in quelle condizioni?
    Improvvisamente la donna si volta verso di noi con una sorprendente velocità… ma non è la sola cosa che mi lascia esterrefatta: il volto è deforme e il corpo è pieno di strani segni che sembrano cuciture. Come se questa visione non fosse già abbastanza inquietante, sul mento ha qualcosa di non meglio identifica di colore verde e sembra stringere in mano un coltello. Ma che diamine?! Che sia uno dei soggetti infetti? Se anche fosse tutto ciò è surreale, non riesco a credere ai miei occhi. Un vago senso di paura inizia ad assalirmi facendo accelerare i battiti del mio cuore.


    Sento il nostro capitano imprecare per poi definire l’essere di fronte a noi come la figlia di Frankestein. Direi che la descrizione è più che azzeccata, ma c’è poco da scherzare: l’essere inizia ad emettere un suono sibilante, paragonabile a quello di un serpente, che si propaga per tutti i sotterranei. Se prima potevo avere dei dubbi ora ho la conferma che ciò con cui abbiamo a che fare non è umano o quanto meno non lo è più. A questo pensiero il mio cuore accelera ulteriormente i propri battiti.<<«Miller, Evans,»>> - Il richiamo di Lèonie mi ridesta dal mio stato - «Tenetevi pronti a sparare entrambe al mio tre e poi spostiamoci velocemente dalla sua traiettoria verso il muro alla nostra sinistra; ci fornirà un minimo di protezione, testa e gamba sana sono per me i centri migliori, mirate e valutate voi ,cercherò di darvi più agio possibile, punterò la torcia sul suo volto in modo che ci faccia da scudo e lei non possa vederci, se è mezza umana e mezza serpente come sembra, potrebbe possedere una vista termica e la luce la infastidirebbe, almeno spero…»
    Rispondo prontamente un «Ricevuto.» in contemporanea con quello di Adam. Non è il momento di rimanere immobilizzati dalla paura, il piano di Lèonie potrebbe funzionare e permetterci di sopravvivere.
    Prima che riesca a muovere anche solo un muscolo, la porta dei sotterranei si chiude con un tonfo e lo scantinato sprofonda nel buio. Di male in peggio! Deve essere successo qualcosa visto che Sawyer era andato a controllare la porta.
    «Sawyer tutto bene?» Lèonie sembra essere preoccupata, tuttavia la risposta sarcastico di Zack: « Eh, una meraviglia…» mi fa capire che tutto sommato sta bene. Meglio così, la situazione è già abbastanza drastica di suo senza che ci siano dei feriti.
    Prima che il nostro capitano possa accendere la torcia, Adam mi rivolge la parola: «Moreen, io miro alla gamba destra, lascio a te la testa. Mi fido di te.»



    La cosa mi lascia momentaneamente interdetta, pensavo che si sarebbe occupato lui della testa. Mi affretto a rispondere un «D’accordo.» prima Lèonie accenda la torcia.



    Visualizzo subito il volto della “non più umana” e punto l’arma verso la sua testa. Non intendo fallire: Adam si fida di me ed io non voglio deluderlo. Dopo che avrò sparato mi sposterò immediatamente a sinistra verso il muro. Nella peggiore delle ipotesi ci sarà Sawyer a rimediare al mio errore ed a coprirci le spalle.
    «Uno, due…»
    Cerco di concentrarmi solo sulla creatura senza prestare attenzione a rumori esterni.
    «e… tre!»
    Trattengo il respiro e prendo la mira verso il centro della fronte. Dopo di ché sparo.



    Foto: 4
    Ultima modifica di Laurel*; 19th March 2014 alle 21:31

 

 
Pagina 20 di 43 PrimaPrima ... 10181920212230 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Sims Afterlife GdR] Creature
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 25th June 2014, 23:14
  2. [Sims Afterlife GdR] Schede PNG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 8th May 2014, 21:42
  3. [Sims Afterlife GdR] Schede PG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 13th September 2013, 23:49
  4. [Sims Afterlife GdR] Mestieri
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30th July 2013, 01:14
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •