Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 8 di 43 PrimaPrima ... 67891018 ... UltimaUltima
Risultati da 71 a 80 di 425
  1. #71
    sim esperto L'avatar di Laurel*
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Moonlight Falls
    Età
    22
    Messaggi
    842
    Potenza Reputazione
    7

    Re: Household

    Ricordo ancora il giorno in cui mi crollò tutto il mondo addosso: era un pomeriggio di fine Giugno e gli esami di maturità erano finiti da pochi giorni. Io ero appena tornata da una rimpatriata familiare ed avevo deciso di andare a fare visita a sorpresa a Daniel, dato che ultimamente, a causa dello studio, avevamo avuto poco tempo per vederci e stare assieme.
    Avevo suonato più volte al campanello di casa sua senza ottenere risposta, quasi ero rassegnata all’idea che non ci fosse nessuno quando dal secondo piano sentii dei rumori e della musica rap ad alto volume.


    Solo lui ascoltava musica del genere, perciò era in casa ma evidentemente non aveva sentito il campanello. Fortunatamente sapevo che la sua famiglia era una di quelle che nasconde un paio di chiavi di riserva sotto uno dei vasi sistemati davanti alla porta principale. Presi il mazzo di chiavi e aprii la porta. All’entrata la musica era ancora più alta, quasi assordante. Salii le scale e mi diressi verso la porta in fondo al corridoio. Ciò che mi si presentò davanti ai miei occhi fu il mio ragazzo intento a baciare una ragazza che sulle prime non riconobbi, tutti e due svestiti e sul suo letto. Sentii una lama trafiggermi il cuore. La seconda arrivò quando mi resi conto che la ragazza dai capelli scomposti era la mia migliore amica.





    Quando anche le persone di cui mi fidavo maggiormente si resero conto che avevo assistito impietrita al loro tradimento, cercarono di giustificarsi in qualsiasi modo; invano, aggiungerei, dato che io avevo già cominciato a correre in lacrime verso la porta d’ingresso. Una volta uscita, continuai a correre senza meta per tutta Sunset Valley fino ad arrivare ad una zona poco frequentata della spiaggia. Là spensi il cellulare, già pieno di chiamate perse e di messaggi. Non c’era nulla con cui giustificarsi davanti all’evidenza. Dopo di ché mi sedetti sulla sabbia ed incominciai ad osservare l’andamento regolare delle onde del mare. In qualche modo ciò ebbe l’effetto di calmarmi, almeno per quel momento. Non sapevo ancora che l’Inferno vero e proprio sarebbe durato nei mesi successivi…


    Ormai tutto ciò fa parte del passato. Tutto sommato sono grata a quel pomeriggio di fine Giugno, senza di esso oggi non sarei un militare e non avrei trovato la mia strada. E non avrei potuto incontrare Adam…
    Finisco di cambiarmi e guardo l’orologio: sono le 18:37. Sono in anticipo dato che mi sono già fatta la doccia. Inizio comunque ad avviarmi verso l’armeria, magari se avanza del tempo posso chiamare i miei genitori…
    Ultima modifica di Laurel*; 20th October 2013 alle 16:53 Motivo: Foto aggiunte

  2. #72
    sim onniscente L'avatar di Dina Caliente
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Età
    27
    Messaggi
    1,679
    Inserzioni Blog
    12
    Potenza Reputazione
    20

    Re: Household

    Intermezzo
    brevissimo






    Appartamento n° 11
    Ore 18:30


    Garret, hai sentito l'ospite inattesa rivolgerti una proposta. Come decidete di agire, ora?

    Turnazione:
    • Garret Burglair
    • Viktoria Masters

  3. #73
    sim dio L'avatar di Valentinasims700
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Il mondo che non esiste
    Età
    19
    Messaggi
    8,260
    Inserzioni Blog
    111
    Potenza Reputazione
    16

    Re: Household

    Julie Jewel
    tetto di Household
    Mentre aspetto una risposta dal biondino comincio a chiedermi cosa starà succedendo alla riunione, teoricamente non sono poi così lontana e potrei sentire tutto comunque ma mi domando se l’agente Rocca o l’agente Fullbuster abbiano bisogno d’aiuto, tanto lo so che sto perdendo tempo inutilmente con questo qui. D’un tratto sento una donna parlare con tono serio e forse anche un po’ autoritario, non è una voce conosciuta.
    "Siete tutti pregati di seguirmi nei sotterranei del palazzo, questo è un ordine dei servizi militari di Simstate."
    Servizi militari del Simstate? E loro che ci fanno qui, cosa sta succedendo? C’è qualcosa che non quadra, loro non dovrebbero intervenire in una normale riunione condominiale, solo in casi eccezionali quando c’è qualche problema… e che ora loro siano qua non è una buona cosa, che sia per i drogati? Sono davvero così pericolosi da attirare anche i servizi militari? Non credo, ma la cosa è comunque troppo strana.
    L’avrà sentito anche quel tizio? A proposito, come aveva detto che si chiamava? Gli lancio uno sguardo interrogativo sperando che riesca ad intuire la “domanda” che gli ho posto con lo “sguardo”, sinceramente non ho molta voglia di continuare a parlare con lui, ma il mio sesto senso mi dice che sarebbe meglio portarlo con me e tenerlo d’occhio, fino all’ultimo lui è ancora un tipo sospetto e non la passerà liscia per prima.
    “Senta, se vuole cortesemente seguir….”
    Mi blocco, è stato veloce…fulmineo ma l’ho sentito. Un rumore di sparo e proveniva proprio da lì… i servizi militari e noi poliziotti siamo le uniche persone armate ma non credo che l’agente Rocca avesse il grilletto facile ma del soldato/soldatessa sotto sotto potrei anche aspettarmelo…
    Tuttavia non riesco a camminare, muovermi, proferir parola… sono ancora troppo scioccata. D’istinto controllo se ho a portata di mano la pistola, trattengo il respiro nonostante io sappia benissimo che la pistola c’è ed è sempre con me dopotutto. La trovo, c’è, dunque posso stare tranquilla perché bene o male potrò difendermi. La domanda mi sorge spontanea però… chi è stato sparato? Mi avvio a passo veloce senza pensarci due volte impugnando fortemente la pistola, ignoro totalmente l’uomo.
    Appena arrivata noto con tremendo orrore una pozza di sangue a terra e solo dopo noto il cadavere della signora Marsella, mi stava antipatica è vero ma arrivare ad ucciderla sarebbe…esagerato.
    “Che succede qui?!”
    domanda inutile che non verrà ascoltata da nessuno dei presenti in quanto sono sicuramente tutti scioccati dall’accaduto, mentre io? Scioccata si, ma qualcuno guardandomi in viso potrebbe benissimo dire che non lo sono e beh, MAI mostrarsi deboli, meglio una faccia indifferente e seria che una tutta spaventata.
    "NO. NO. NO. NO. NO."
    Oh, dimenticavo l’animo buono dell’agente Rocca, lui al contrario mio sicuramente non si darà mai pace per quella morte innocente e penserà che sia tutta colpa sua sotto sotto, mica se ne frega come me…no!
    "Che bisogno c'era di tutto questo? L'avrei convinta a scendere con noi. Con le buone. Adesso cosa crede di aver risolto? Pensa che la gente qui intorno obbedirà come un gregge di agnellini solo perchè ha sfoderato la sua migliore tattica di convincimento? Crede che così si sentiranno al sicuro? Protetti?"
    Ma … ha ragione. Dannazione perché l’uomo deve sempre uccidere? Posso capire rubare, ma uccidere no. Sinceramente non me la sento di disubbidire agli “ordini” del soldato che a vederlo meglio… è una donna. Una donna che sembra fregarsene di quello che ha appena fatto, dal grilletto facile.
    Però non DEVO disubbidire, io ubbidirò anche contro la mia volontà, non vendicherò quella stupida signora Marsella io devo pensare prima alla mia vita, solo dopo vengono le vite degli altri. Mi dispiace, ripeto, solo per il lavoro perché di certo ora non ci faremo una bella nomina…
    L’agente Rocca è fuori di sè, forse anche un po’ stupido a scagliarsi contro quella donna così furiosamente, ma penso non se ne sia neanche accorto.

    "Si faccia riconoscere agente. Dica a tutti qui intorno chi è e cosa fa qui. Ci vuole proteggere? Vuole farci fuori tutti, uno ad uno? Sono qui, di fronte a lei e le sto chiedendo una spiegazione. Mi spari pure, se non è disposta a darcene una, oppure sputi il rospo e faccia quello per cui si è arruolata nell'esercito: per proteggere e servire, le suona familiare?"

    Sono sorpresa, anche da furioso riesce comunque ad intrattenere una conversazione più o meno civile, un po’ lo invidio.
    Ma ora basta stare a guardare, bisogna agire... a modo mio.
    Mi avvicino verso gli altri, sicuramente saranno tutti preoccupati, spaventati. Dovrei convincerli che è tutto ok ma in questi casi, quando c’è il morto, è difficile. Se poi ci metti che sotto sotto sei spaventata anche un po’ tu e non sai come andrà a finire…beh.
    Alla fine mi decido e parlo agli altri sussurrando, senza farmi sentire dalla soldatessa.
    “ Sentite, in casi come questi a parer mio ci conviene solo ubbidire se non vogliamo che ci scappi il morto, so che non sarebbe giusto sottomettersi ad una come… quella… ma io personalmente lo farò perché ci tengo alla mia vita, dunque non commettete stupidaggini chiaro? Come avrete di certo capito non potrò utilizzare questa per difenderci…”
    Mostro la pistola.

    Con questa dovrei poter difendermi, potrei far paura a chiunque (anche se non potrei sparare così...come se niente fosse ma dettagli...) e non dovrei ubbidire a nessuno, dovrei essere potente con questa in mano!

    E invece no, non lo sono.
    Stupido lavoro. Stupida signora Marsella. Stupidi servizi militari.

    '-'



  4. #74
    L'avatar di Daniela Alberghini
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    Disney Store
    Messaggi
    1,423
    Inserzioni Blog
    35
    Potenza Reputazione
    20

    Re: Household

    Appartamento 16
    Brad Kincaid



    La ragazza coi capelli corti si volta e mi guarda. Dice di chiamarsi Allison Greene ed è una giornalista. Facciamo che ci credo.
    Le due donne continuano a bisticciare tra loro. Ma solo io sono preoccupato di cosa può esserci dietro quella porta?
    «Signore, sarebbe davvero splendido per me vedevi lottare nel fango in costume da bagno, ma facciamo un'altra volta, ok?»
    «Se l'agente Kincaid è d'accordo, ci occuperemo io e lui di sedare l'animale non identificato. Attendiamo che l'animale sfondi la porta puntando le nostre armi? Quella bestia sarà incavolata di brutto, dal ringhio che fa, sembra molto pericolosa»
    Mi fa piacere che lo abbia notato. Meglio tardi che mai.
    «Ci occuperemo dell'animale senz'altro. Non ci sarà da attendere molto prima che la porta si sfondi e ci prenda in piena faccia, quindi, non vorrei sembrarvi scortese ma vi pregherei di recarci in salotto, dietro al divano magari, con una leggera fretta» Proteggo le due donne dando le spalle alla porta che sta per cedere e le trascino dietro al divano...

  5. #75
    sim onniscente L'avatar di Dina Caliente
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Età
    27
    Messaggi
    1,679
    Inserzioni Blog
    12
    Potenza Reputazione
    20

    Re: Household

    Intermezzo
    Appartamento n° 16

    Ore: 18:35


    Vi siete rifuggiati dietro il divano, mentre i colpi continuano inesorabili.
    Sboom...
    Sboom...
    Sboom...
    E poi la porta cede.
    Nessuno di voi ha pensato di chiudere l'altra porta, per fornire un'ulteriore barriera alla creatura. Non preoccupatevi, magari ci penserà la creatura stessa a chiudersi la porta alle spalle dopo aver banchettato.
    Siete scettici, eh? Tanto, al massimo cosa potrebbe essere? Un cane di grossa taglia?
    Invece, a varcare la soglia è un mostro umanoide. Cammina a quattro zampe come le bestie, gli occhi scintillano di rosso. E' cosparso di una folta peluria e la mascella sembra un po' diversa da quella che appare nelle foto, ma tu Allison lo riconosci all'istante: Jacob Wonder, il tuo eroe. Solo che... adesso è alto due metri e mezzo e cammina come una bestia feroce. Anzi, vi punta come una bestia feroce.




    Lo vedete ringhiare e annusare l'aria. Sembra di essere molto affamato, probabilmente sta pregustando il sapore della vostra carne.
    Allison, è proprio al momento meno opportuno che noti qualcosa che prima ti era sfuggito: la leggendaria agenda di Jacob Wonder, quella su cui appunta tutto il necessario per i suoi articoli, è proprio lì sotto al tavolino. Non l'avevi notata perché è dello stesso colore del tappeto. Cosa fai?


    La creatura ringhia, sembra sul punto di balzare e addentarvi... Difendetevi. Ne va della vostra vita.




    Turnazione:
    • Allison Greene
    • Mariko Fullbuster
    • Brad Kincaid

  6. #76
    sim onniscente L'avatar di Vavi(:96
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    tra le nuvole^^
    Età
    23
    Messaggi
    1,445
    Inserzioni Blog
    2
    Potenza Reputazione
    9

    Re: Household

    Axel Blonde


    Ok, adesso mi ascolti bene, vediamo se così capisce meglio: Lei da qui non se ne va finché non avrà fatto il suo dovere. Non mi costringa alle maniere forti, posso essere pericolosa, chiaro?"
    Uh... La gattina ho tirato fuori le unghie... la situazione inizia a farsi interessante
    Senta, se vuole cortesemente seguir….”
    Si interrompe di colpo e riesco a cogliere anch'io un frammento di frase...«seguirmi nei sotterranei del palazzo»a parlare è stata una ragazza che fino a quel momento non avevo neanche notato.La mia poliziotta preferita mi lancia una delle sue occhiatacce. «Non guardi me: sono innocente! Io quella nenche la conosco!» le sussurro. Anche se le sono grato per avermi salvato...
    Intanto il bel caratterino della Marsella colpisce ancora e la vecchia inizia a sbraitare contro la ragazza.
    Per un attimo tutto attorno c'è un silenzio denso e inquietante, carico d'attesa.
    E poi uno sparo.
    La vecchia cade a terra morta.
    Questo significa una sola cosa: niente più pallose riunioni condominiali! Cerco di nascondere un sorriso. Credo di essermi appena innamorato!
    «Altre proteste? Tengo a far presente a voi poliziotti che aggredire un soldato in missione è reato. Dunque?»

    "NO. NO. NO. NO. NO." Il poliziotto corre verso il cadavere. Ma si è reso conto che ormai per la strega è troppo tardi. Pace all'anima sua.
    "Che bisogno c'era di tutto questo? L'avrei convinta a scendere con noi. Con le buone. Adesso cosa crede di aver risolto? Pensa che la gente qui intorno obbedirà come un gregge di agnellini solo perchè ha sfoderato la sua migliore tattica di convincimento? Crede che così si sentiranno al sicuro? Protetti?"Il poliziotto inizia a urlare come una ragazzina isterica. Vorrei avere dei pop-corn per gustarmi meglio la scena! Vabbè, sarà per la prossima riunione, se mai ci sara... Mi correggo guardando il cadavere.
    "Si faccia riconoscere agente. Dica a tutti qui intorno chi è e cosa fa qui. Ci vuole proteggere? Vuole farci fuori tutti, uno ad uno? Sono qui, di fronte a lei e le sto chiedendo una spiegazione. Mi spari pure, se non è disposta a darcene una, oppure sputi il rospo e faccia quello per cui si è arruolata nell'esercito: per proteggere e servire, le suona familiare?"
    Ma è impazzito?! Vuole farsi ammazzare anche lui... O meglio: vuole farci ammazzare tutti?! E' questo che insegnano alla scuola di polizia? Come suicidarsi meglio?! Cento modi per morire in modo eroicamente stupido?!
    Per fortuna la mia poliziotta preferita prende il controllo della situazione e sussurra per non farsi sentire dalla mia adorata:“ Sentite, in casi come questi a parer mio ci conviene solo ubbidire se non vogliamo che ci scappi il morto, so che non sarebbe giusto sottomettersi ad una come… quella… ma io personalmente lo farò perché ci tengo alla mia vita, dunque non commettete stupidaggini chiaro? Come avrete di certo capito non potrò utilizzare questa per difenderci…”
    Brava! Parole sante! Almeno lei ha capito qualcosa! Guardo gli altri e dico, sempre a voce bassa:"Sono d'accordo con l'agente! Questa è l'unica soluzione per salvarci la pelle!"Poi alzo la voce in modo tale che mi sentano tutti:"Non so voi ma io faccio come dice la signora..." E con un cenno della testa indico la soldatessa...

    P.S. Spero vada tutto bene!

    Ultima modifica di Vavi(:96; 16th October 2013 alle 12:41

    So seid willkommen und
    ihr teilt mit mir die Gedanken Eines Vampirs!

  7. #77
    Master caotico L'avatar di SimsKingdom
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Sandover, Gaearmir, Vygrid ♥
    Età
    23
    Messaggi
    3,074
    Potenza Reputazione
    11

    Re: Household

    Andrea Gillian
    Appartamento 25
    Ore 18:30

    “Grazie eh!” penso incavolata, per quanto mi ricordi i discorsi sono sempre tra due o anche più persone, qua invece mi pare di parlare da sola. La vedo guardarsi attorno con aria annoiata.
    Mi appoggio nuovamente al giradischi, che ormai si è abituato al mio peso, tamburellando nervosamente le dita sulla coscia.



    Non posso fare a meno di guardarmi attorno nel salone, la prima volta è successo tutto così in fretta che non ho avuto il tempo di guardare l’arredamento:



    un’imponente libreria contenente chissà quale libro “sicuramente saranno tutti erotici…” penso subito, un televisore da 55 pollici su per giù “chissà quanti bei film horror potrei guardare lì sopra!” e, annessa al soggiorno, una cucina piuttosto modesta, adatta alla vita di uno scapolo. Potrebbe essere una casetta accogliente se solo non fosse la tana di un lombrico.
    “Che barba, se qua continua così penso che andrò a farmi un giro! Mai avuta una serata più noiosa di questa!” penso al limite della sopportazione.



    Senza accorgermene continuo a picchiettarmi sulla coscia con le unghie, stavolta però un po’ più forte provocando un lieve ma fastidioso rumore.
    Rumore… a proposito di rumore, non sento più alcun suono provenire dal bagno, che abbia finito finalmente? Guardiamo il lato positivo, stasera guadagnerò di più! Tendo l’orecchio in direzione della camera da letto, alla quale è collegato il bagno e da cui vorrei sentire il suono dello sciacquone. Niente, solo silenzio per qualche interminabile secondo poi… un tonfo sordo e pesante come di un sacco buttato con poca delicatezza sul pavimento. Scatto e per la prima volta dopo tanto sento il coltello premermi sulla pelle, “non mi dire che è svenuto, non ho assolutamente voglia di portarlo in ospedale, troppe cose da firmare e troppe domande… non credo di avere la fedina abbastanza pulita per sopportarlo!” ci penso un po’ su poi velocemente mi avvicino alla porta e poggio la mano sulla maniglia,



    la ruoto…

  8. #78
    sim §§§ L'avatar di AngelMima
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    95
    Potenza Reputazione
    7

    Re: Household

    Tetto di Household – Nicole Moore

    Improvvisamente una ragazza dall’aria severa si alza e con voce limpida esclama:«Gentili condomini, siete tutti pregati di seguirmi nei sotterranei del palazzo» Nei sotteranei? Sembra quasi una richiesta sarcastica ma ovviamente non lo è…
    Mentre cerco di capire quello che può essere successo la signora Marsella interviene in modo acido chiedendo spiegazioni: «"Appartamento 13", qui stiamo parlando di cose serie! Perché mai dovremmo seguirla?»
    La ragazza contono severo risponde: «Perché questo è un ordine dei servizi militari di Simstate. Cercherò di essere più chiara: non è una richiesta, la mia, ma unobbligo per voi»
    Un ordine del simstate, un obbligo… deve essere decisamente una cosa seria.
    La signora visibilmente arrabbiata replica: «Un obbligo? Io non sono obbligata a fare un bel niente!»
    La ragazza è sconcertata: «La sua è una rivolta ai miei ordini?»
    La signora dopo qualche secondo, gesticolando risponde: «Sì, esatto. Mi rifiuto di eseguirei suoi "ordini"»
    «Molto bene», annuisce la ragazza.
    A questo punto penso che la ragazza si sia arresa, d'altro canto con un osso duro come la Marsella...
    Distolgo un attimo lo sguardo ma proprio quando penso sia finito tutto sento un botto; sussulto poi alzo la testa, la signora Marsella giace a terra morta, intanto un lago di sangue si espande sul pavimento sotto di lei, non ci posso credere, adesso comincio ad avere molta paura.
    La ragazza ci guarda uno ad uno e con un tono agghiacciante aggiunge: «Altre proteste? Tengo a far presente a voi poliziotti che aggredire un soldato in missione è reato. Dunque?»
    Sono sconvolta forse sto comiciando anche a tremare, vedo un poliziotto che si avvicina stupito e protesta contro la ragazza, poi intervengono un’altra poliziotta ed un ragazzo che cattura la mia attenzione alzando la voce: "Non so voi ma io faccio come dice la signora..." Così mi faccio coraggio e rispondo: “Anche io mi aggrego, vi seguirò nei sotteranei.”
    Spero di aver fatto la cosa giusta in ogni caso sarà sempre meglio che essere uccisa, credo...
    Ultima modifica di AngelMima; 16th October 2013 alle 20:35

  9. #79
    Mod cangiante L'avatar di Pey'j
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Milano
    Età
    23
    Messaggi
    14,974
    Potenza Reputazione
    10

    Re: Household

    Allison Greene
    3° piano Household - Appartamento 16

    Credo di essere appena stata arrestata. La poliziotta fa sul serio...povera illusa.

    ___ _ ___

    <<Signorina Greene, il suo avvocato è arrivato.>>



    <<Grazie, agente>>, rispondo facendo un occhiolino. L'uomo lascia la stanza, confuso, ed entra un'altra persona.
    <<Ehy, Julian.>>



    <<Allison. È la terza volta questo mese. Il capo della polizia prima o poi si stuferà di restituirmi favori.>>
    <<Non è colpa mia se nel ventunesimo secolo la gente ritiene ancora "un reato" entrare in casa altrui senza permesso. Io dico, la privacy è un concetto così superato!>>



    L'avvocato sospira. <<Mi chiedo perché continuo a tirarti fuori dai guai.>>
    <<Perché sei il mio fratellino e io sono la tua unica sorella e mi ami tanto?>>



    Julian non risponde e lascia la stanza.
    Mezzora dopo mi rilasciano. Noto che l'agente di prima mi sta osservando. Mi avvicino, gli infilo un foglietto con scritto il mio numero in tasca e mentre mi allontano formo un "chiamami" con le labbra.
    Esco dalla caserma.

    ___ _ ___

    Mi lascio trascinare in salotto dal bel militare. La sbirra l'ha chiamato Kincaid...Kincaid...non mi è nuovo questo nome. Kincaid...Theresa Kincaid! La ragazza aggredita, era su tutti i giornali stamattina. Credo che adesso sia ricoverata all'Hospital Brookheaven. Sarei andata a farle una visitina se il signor Wonder non mi avesse dato appuntamento proprio oggi. Che i due siano imparentati? Ora che ci faccio caso, l'uomo sembra non voler essere qui...non può essere una coincidenza...
    I miei pensieri vengono interrotti dal rumore della porta che si sfonda. I due soldatini sono già pronti a sparare, ma nulla, letteralmente NULLA avrebbe potuto prepararci a ciò che ci troviamo davanti.


    Non è un animale, decisamente non è un cane. È...Jacob. Jacob Wonder.
    Sta uscendo lentamente dal piccolo corridoio. Ma...non è in piedi. Si muove come...sì, la sua andatura mi ricorda quella di un orango. Quando è completamente visibile la prima cosa che noto sono gli occhi cremisi che scintillano nel buio. Non sono occhi umani. È enorme, ogni parte del suo corpo è ricoperta da peli, i suoi vestiti sono stracciati. E, posso esserne certa, è intenzionato ad attaccarci. Strabuzzo gli occhi: è forse un incubo? Credevo che bestie del genere esistessero solo nei libri horror o in scadenti paranormal romance.
    La creatura si limita ad annusare l'aria, mentre io, la poliziotta e il soldato non proferiamo parola. Il tempo sembra essersi fermato, mi sento a disagio anche solo respirando. È in questo momento che lo vedo: un piccolo libricino, abbandonato sotto il tavolo del salotto. Mi basta una rapida occhiata per capire di cosa si tratta: è la celeberrima agenda del signor Wonder. Mi mordo il labbro, frustrata...perché diavolo non l'ho vista prima? Miti e leggende si narrano riguardo a quell'agenda, potrebbe addirittura contenere la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto (no, non 42)...e forse anche una spiegazione a questa incredibile situazione.
    Devo fare qualcosa. Potrei usare il taser mentre Kincaid e la sbirra riempiono di pallottole il mostro, ma l'istinto mi dice che ciò non basterebbe per abbatterlo. E poi devo tenere in conto la possibilità che gli altri due membri dello sventurato trio non mi ascoltino e mi lascino sola ad occuparmi della bestia.
    Insomma...coraggiosa sì, ma pazza no.
    Se non posso batterlo con i muscoli, lo farò con il cervello.
    Estraggo quindi la fotocamera, senza perdere di vista Jacob.
    <<Io flash, lui stordito, noi fuggiamo, chiudete occhi>>, dico scandendo bene le parole e a bassa voce ma assicurandomi che Kincaid e Poliziotta Acida mi abbiano sentito. Mi hanno trattata come una ladra, ma non posso lasciarli qui a morire.
    3...2...1...
    <<ORA!>>
    Chiudo gli occhi e scatto la foto. Immediatamente, con la fotocamera ancora in mano e senza nemmeno controllare che la bestia sia effettivamente stordita, mi butto verso l'agenda e la afferro. Poi rimetto in tasca la fotocamera ed estraggo il taser il più velocemente possibile.
    La mia intenzione è quella di precipitarmi fuori dall'appartamento e nascondermi da qualche parte, magari dietro la porta principale. Se la creatura mi aggredirà prima che possa farlo, userò il taser per difendermi e combatterò fino a quando avrò forze.
    Una cosa è certa: non lascerò qui l'agenda.
    Our wills and fates do so contrary run

  10. #80
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: Household

    APPARTAMENTO 16 - MARIKO FULLBUSTER

    Porca pu***na! Ma che cavolo è! Resto basita un attimo davanti a ciò che vedo, ovvero una specie di bestia dalle sembianze umanoidi, feroce e probabilmente pronta a sbranarci e a farci in poltiglia come la porta che ha sfondato! Kincaid ci ha fatto allontanare in salotto appena in tempo, quella cosa ci avrebbe di certo schiacciato e sbranato... se fossi meno str**za gliene sarei davvero grata. Fisso quella bestia con la pistola stretta nella mano e penso che potrei mollarle la ladruncola emo qua affianco e scappare, qualcosa mi dice che non sarà facile abbatterla. Abbatterlo anzi, mi pare maschio.

    <<Io flash, lui stordito, noi fuggiamo, chiudete occhi... ORA!>>

    Non c'è tempo per fare storie o discussioni, potrebbe anche essere una buona idea e quindi obbedisco, chiudo gli occhi il tempo del flash per poi riaprirli in fretta, individuare il nostro rin tin tin, mirare in mezzo agli occhi e sparare un colpo sperando di beccare il cervello. Colpo che forse non lo ha ucciso, ma spero che lo abbia ferito e rintronato più del flash. Un istante dopo il rinculo e sono già fuggita a gambe levate fuori l'appartamento pronta per raggiungere il Tetto: ho bisogno di rinforzi e li troverò lì. Spero che almeno Kincaid mi segua: sarebbe una Colt in più. Penso che tutto questo abbia a che fare con quell'ordine che lui ha ricevuto... anche l'altro militare sul Tetto ne saprà qualcosa? Magari sa anche come eliminarlo: sì, fuggire a gambe levate verso il Tetto è la miglior soluzione!

 

 
Pagina 8 di 43 PrimaPrima ... 67891018 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Sims Afterlife GdR] Creature
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 25th June 2014, 23:14
  2. [Sims Afterlife GdR] Schede PNG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 8th May 2014, 21:42
  3. [Sims Afterlife GdR] Schede PG
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 13th September 2013, 23:49
  4. [Sims Afterlife GdR] Mestieri
    Di Dina Caliente nel forum Sims Afterlife
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30th July 2013, 01:14
  5. The Sims Medeval - Tutto sulle Quest
    Di F@bry nel forum News dal forum
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 1st March 2011, 21:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •