Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 1 di 6 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 58
  1. #1
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    30

    [Nuovo] Tutta colpa del mio Capo - Serata col botto

    A volte è distrazione, a volte intenzionalità. A volte superficialità o noncuranza. Altre volte invece, le cose semplicemente non dipendono da noi e non possiamo impedirle.

    Era questo il mio caso.




    Nella frenetica e scintillante New York, Eleanor Parker riceve l'opportunità di intraprendere il lavoro dei suoi sogni.
    Tra Central Park e la Fifth Avenue, la ragazza scoprirà l'amore, il sogno, la felicità, il sentimento. Ma anche il vuoto, la mancanza, le speranze, la solitudine.

    Tra romanticismo, sorrisi, intrighi e lacrime, riuscirà Eleanor ad avere il suo lieto fine?





    INDICE

    Prologo
    La LifeGreen
    Serata col botto

  2. #2
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    30

    Prologo

    Prologo


    <<Non dimenticare queste…potrebbero esserti utili in metropolitana>> disse mia madre, porgendomi una confezione extra di salviettine igienizzanti, di quelle per neonati ovviamente.



    Avrei voluto risponderle, farle notare che stavo andando a New York, in pieno centro, non in una periferia disagiata di qualche grande metropoli, ma lasciai correre notando il suo sguardo preoccupato.



    Mi limitai a sorriderle, infilai le salviettine nello zaino e tornai a concentrarmi sulla valigia. Mia madre riusciva a farmi sempre una profonda tenerezza, pensai.



    Finalmente era arrivato il momento. L’indomani avrei preso il primo aereo per New York, dove mi attendeva un nuovo lavoro e la tanto agognata indipendenza.

    Avevo sempre sognato quel momento, il momento in cui avrei lasciato il mio paese. La mentalità chiusa, la propensione al pettegolezzo, le scarse prospettive lavorative, tutto lì mi stava stretto.

    Al College ero stata fortunata, dato che avevo scelto un corso di studi , quello in Economia e Sostenibilità Ambientale, che non solo mi affascinava molto ma era anche il più lontano da casa. Ma solo adesso, con un contratto in mano, potevo dire di essere finalmente riuscita nel mio intento di allontanarmi definitivamente.

    E non un contratto qualsiasi. Quando mi laureai col massimo dei voti, sapevo infatti che c’era solo un posto all'altezza delle mie aspettative: la LifeGreen, azienda leader nel settore degli investimenti in progetti eco-sostenibili oltreoceano, dove lavorava Karen Foster, figlia unica del fondatore dell’azienda.



    Karen aveva tenuto una conferenza al College, durante il mio ultimo anno. Ci aveva raccontato della sua carriera, del suo primo progetto in Russia che aveva garantito fama e profitti all’azienda di famiglia, del suo volersi affermare indipendentemente dal cognome di suo padre, e mi aveva totalmente affascinata. La sua grinta, la sua determinazione, era una donna ambiziosa e padrona della sua vita e io volevo essere esattamente come lei.

    Inoltre la LifeGreen era quanto di meglio potessi aspirare, considerato il mio percorso di studi. Si basava essenzialmente su un gruppo di persone, tra cui Karen, che realizzavano su carta dei progetti da presentare al cliente di turno (in genere imprenditori o comunque persone benestanti) che sceglievano se finanziare o meno la realizzazione materiale del progetto.
    Questi progetti erano ovviamente legati alla sostenibilità ambientale ed al risparmio energetico, come si poteva intuire anche dal nome dell’azienda.
    Fortunatamente il mio ottimo curriculum universitario, unito alla lettera di referenze del professore con cui avevo sostenuto la tesi il quale aveva collaborato con la LifeGreen, mi valsero un colloquio e la successiva offerta di lavoro proprio come assistente di Karen. Incredibilmente ce l’avevo fatta!


    La valigia era pronta. Probabilmente superava, e di molto, il limite di peso consentito in aereo, ma non potevo rinunciare assolutamente a nessuna delle cose che avevo messo al suo interno. Eventualmente avrei imbarcato il bagaglio e pagato qualche sovrattassa, pazienza.

    <<Ancora…sono due ore che prepari la valigia! >> s’intromise mio padre, appena entrato nella stanza.



    Io e mio padre non avevamo mai avuto chissà quale rapporto.



    Lui desiderava un figlio maschio che continuasse l’attività di famiglia, un’azienda agricola di piccole dimensioni. Ed invece ero nata io.
    Una bimba, che fin da subito si era interessata più ai libri che alla terra, dalla salute cagionevole e quindi impossibilitata il più delle volte a seguirlo nelle sue attività.
    I miei discorsi sulla sostenibilità ambientale, sulle energie rinnovabili, per lui erano sempre state stupidaggini, perdite di tempo. Sicuramente non argomenti che mi avrebbero garantito un buon lavoro, a suo dire. Non aveva mai accettato o condiviso le mie scelte, fermo com’era sulle sue convinzioni.

    Questo lavoro era quindi anche la mia piccola rivincita. Gli stavo dimostrando finalmente che si sbagliava.

    Scelte accademiche a parte, da quello che ricordavo della mia infanzia era sempre stato freddo e distaccato. Mai un abbraccio, mai un bacio, mai un complimento.
    Io, desiderosa delle sue attenzioni, avevo sempre cercato di compiacerlo. Ero brava a scuola, aiutavo in casa, non mi lasciavo distrarre dalle “cavolate da donne” come abiti e cosmetici. Ma i miei tentativi erano stati sempre vani e con gli anni avevo rinunciato.
    Neanche quando mi laureai riuscii a strappargli un “Sono fiero di te”. Pazienza.

    Lo guardai e annuii svogliatamente, poi, ignorandolo, guardai mia madre e cercai di rassicurarla.

    <<Mamma, stai tranquilla ti prego. Andrà tutto bene e New York è una bella città non un covo di malviventi. Poi lo sai, non sarò da sola, vado a stare da Britt>>

    Brittany, la mia migliore amica, era di New York. La conobbi il primo giorno di College. Era esattamente il mio opposto. Io seria, studiosa, ordinata quasi ai limiti del maniacale. Lei sfrenata, disordinata cronica, fissata con lo shopping e con tutto ciò che avesse a che fare con l’estetica.
    Si era iscritta al College solo per far contenti i suoi genitori. Suo padre era un avvocato, come suo nonno e probabilmente mezzo ramo della sua famiglia. Lei aveva optato per Economia e Gestione d’impresa, sperando che lo sforzo per accontentare i suoi genitori le tornasse utile per aprire l’attività dei suoi sogni, un centro estetico. Ma l’università non le andava proprio giù, soprattutto considerato che aveva con i libri lo stesso rapporto che io avevo con la ceretta all’inguine.


    Il caso volle che ci ritrovassimo a condividere la stanza, cosa che inizialmente mi lasciò alquanto contrariata, ma che ben presto si rivelò una vera manna dal cielo.

    Io infatti, a causa dell’influenza di mio padre, avevo con gli anni scelto un look sempre più trasandato e da maschiaccio. Britt mi guardò con disgusto quando entrai la prima volta nella nostra stanza, e capì che la sua missione in quegli anni sarebbe stata trasformarmi da brutto anatroccolo in cigno.





    Facemmo quindi un accordo: io l’avrei aiutata a studiare, solo l’indispensabile per conseguire la laurea col minimo sindacale, e lei mi avrebbe insegnato i segreti della cura estetica.
    Così, tra un principio di contabilità ed uno smalto semipermanente, passarono gli anni di College.


    Lei si laureò in tempo, con immensa gioia dei suoi genitori, mentre io ritirai la mia laurea con lode con capelli lucenti e un trucco perfetto. Ma soprattutto con maggiore sicurezza in me stessa e finalmente libera del peso schiacciante dell’opinione di mio padre.



    A New York sarei andata a vivere da lei, almeno inizialmente. Lei era in viaggio, per un corso di Nail Art Alternativa tenuto in qualche parte sperduta del globo terrestre di cui non ricordavo il nome. Ne era venuta a conoscenza tramite una ragazza ad una seduta di Yoga ed erano partite insieme per quest’avventura, che più che un corso a me sembrava una vera e propria vacanza. Tuttavia lei si ostinava a dire che stava andando solo per accrescere il proprio bagaglio professionale, in vista dell’apertura del fantomatico centro estetico.
    In ogni caso, dato che era via, avrei potuto occupare casa sua per almeno sei mesi, fino al suo rientro, e nel frattempo cercare una sistemazione definitiva. Il suo appartamento era troppo piccolo per viverci entrambe stabilmente e forse era meglio così, volevo i miei spazi. Ero sicura che presto avrei trovato una casa tutta mia.
    L’unica condizione di Britt era che in sua assenza mi occupassi di Chanel, la sua gatta, che al momento era dalla vecchietta che abitava nell’appartamento di fronte.
    Adoravo i gatti, quindi non sarebbe stato un problema.



    Fortunatamente il momento della partenza arrivò presto. I miei, per lo più mia madre, insistettero per accompagnarmi all’aeroporto e già me la immaginavo in lacrime a salutarmi con tanto di fazzoletto bianco svolazzante. Il viaggio in macchina, in cui entrambi furono taciturni e non dissero una parola, non preannunciava nulla di buono.

    Arrivammo con largo anticipo, feci la fila per il check in e sbrigai velocemente tutto il necessario.




  3. #3
    Moderatrice L'avatar di serenarcc
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    10,846
    Inserzioni Blog
    87
    Potenza Reputazione
    30

    Prologo

    Poi prima di oltrepassare il gate d’imbarco mi voltai verso di loro e cercai nuovamente di rassicurare mia madre.

    <<Mamma, davvero, non devi stare in pensiero...>>



    <<E’ solo che quando sei andata al College sapevamo che saresti tornata Eleanor, mentre ora…ecco…ora stai andando via davvero>> disse di getto la mia cara mamma, con le lacrime agli occhi.



    Mi intristii immediatamente, vedendo il suo sguardo preoccupato.



    <<Jane non fare la sentimentale, non serve a nulla>>disse invece mio padre, e poi aggiunse rivolto a me <<Cerca di farti valere e non metterti nei guai, ne abbiamo fin troppi qui>>



    <<Certo papà, come sempre>>

    Abbracciai forte mia madre. Le volevo un gran bene e mi dispiaceva lasciarla da sola con quello scorbutico di mio padre, ma dovevo trovare la mia strada e questa era un’occasione troppo importante per la mia crescita professionale. Oltre che estremamente eccitante!



    Speravo che la zia Kate mantenesse la promessa che mi aveva fatto, di starle vicino.
    Stetti ancora un po’ con loro, e quando annunciarono il volo li salutai, promettendo a mia madre che l’avrei chiamata appena arrivata a casa di Britt, e raggiunsi la porta d’imbarco del mio aereo.

    Mi sedetti al mio posto, prima ancora di sistemare le borse nello scomparto apposito.



    Ero eccitatissima, stava iniziando la mia nuova vita.

    New York…sto arrivando!





    INDICE | La LifeGreen

  4. #4
    L'avatar di mary24781
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Bari
    Messaggi
    29,040
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    10

    Re: Tutta colpa del mio Capo

    Oddio che belle le foto Sere, curatissime! E' presto per sbilanciarsi sulla storia ma mi ispira molto e sono certa sarà fighissima *_* Aspetto già il primo capitolo *_* L'ufficio della LifeGreen è bellissimo e bhe... la foto dell'aereo wow *_*

  5. #5
    Super Moderatore L'avatar di polliciotta
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    attualmente Milano
    Messaggi
    4,238
    Inserzioni Blog
    22
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Tutta colpa del mio Capo

    L'aereo *___*
    Il prologo acchiappa, dai Eleonor vola a New York e fatti valere! Falla vedere a quello scorbutico di tuo padre


  6. #6
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    27

    Re: Tutta colpa del mio Capo

    Sereeeeee, finalmente!!! Oddio, quanto m'hai fatto sudare per sto diario! Sono contenta d'essere riuscita a scassarti talmente tanto le balls da convincerti ad aprirlo!
    Che dire, non vedo l'ora di conoscere meglio Eleanor e capire che caretterino ha...e quanto avrà influito Brittany! Mi domando perchè il padre ce l'abbia tanto con una figlia praticamente perfetta, ma vabbè....teniamocelo lontano allora U_______U
    Li rivedremo mai i genitori, la mamma m'ha fatto una pena!
    Le foto comunque sono uno spettacolo, come ha detto mary sono curate alla perfezione, strapiene di dettagli! Per me che non uso CC è come un mondo di meraviglie, anche solo vedere la cura che hai messo nel rappresentare il "disordine" nelle prime foto, è fenomenale!
    Mi piacciono molto poi le storie che si svolgono in ambienti da ufficio, e conoscendoti sarà la classica storia d'amore nata tra a lavoro tra un battibecco e l'altro
    Voglio leggereeeeeeeeee!!! A quando il prossimo capitolo?


  7. #7
    sim dio L'avatar di DELTAG
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    ovunque ci sia la creatività
    Messaggi
    3,989
    Inserzioni Blog
    14
    Potenza Reputazione
    13

    Re: Tutta colpa del mio Capo

    CHE MERAVIGLIA!!!!!! FINALMENTE ANCHE TU NEL MONDO DEI DIARI!!!!
    complimenti davvero per le foto, sono nitidissime e molto brillanti sia come colore che come scatto!!! Eleanor mi piace tantissimo e mi hai incuriosito parecchio con questo prologo.
    Attendo gli sviluppi ...in prima fila!

  8. #8
    sim dio L'avatar di tati
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Località
    Busto Arsizio
    Età
    33
    Messaggi
    10,910
    Potenza Reputazione
    29

    Re: Tutta colpa del mio Capo

    Sìììììì hai apertooooooo ♥o♥
    Ho letto tutto d'un fiato! Me lo sono divorato il prologo....quindi ora aspetto presto il primo capitolo!!!
    Le foto come è già stato detto dalle altre sono FENOMENALI!!! Complimenti tesoro! Sono davvero felice che tu sia riuscita ad aprire e ora....aggiorna aggiorna aggiorna!!!! :*




  9. #9
    sim dio L'avatar di scarygirl
    Data Registrazione
    May 2011
    Età
    34
    Messaggi
    5,267
    Inserzioni Blog
    95
    Potenza Reputazione
    14

    Re: Tutta colpa del mio Capo

    Non.ci.posso.credere.!!! Sere che finalmente apre un diario tutto suo! E che inizio interessante!! Il prologo già mi ha rapito...poverina la mammina però! ttendo con ansia il primo capitolo! *_______* Ah, e per quanto riguarda le foto...beh, mai viste foto così perfettamente perfette!! Bravaaaaa


  10. #10
    sim dio L'avatar di Maru1e1a
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    8,387
    Potenza Reputazione
    27

    Re: Tutta colpa del mio Capo

    Bhe, il primo capitolo dov'è? U___U


 

 
Pagina 1 di 6 123 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Auguri capo!
    Di Pey'j nel forum Contatti con lo Staff
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 29th October 2013, 10:25
  2. Tutto da capo!
    Di vale1991 nel forum L'angolo Tecnico
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 6th October 2012, 12:05
  3. Tanti Auguri al Capo!
    Di eliviola nel forum Contatti con lo Staff
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 25th October 2011, 01:07
  4. TANTI AUGURI CAPO !!!
    Di eliviola nel forum Contatti con lo Staff
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 27th October 2010, 14:34
  5. Colpa Della FEBBRE
    Di ManuSmanu nel forum OFF Topic
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 7th November 2009, 17:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •