Welcome guest, is this your first visit? Click the "Create Account" button now to join.
Pagina 14 di 16 PrimaPrima ... 41213141516 UltimaUltima
Risultati da 131 a 140 di 152

Discussione: The Red Wolf

  1. #131
    sim magnifico L'avatar di purple__ever
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Età
    31
    Messaggi
    457
    Potenza Reputazione
    10

    Re: The Red Wolf

    Mitchell - l'unica persona tollerabile la mattina - si sofferma su un busto sopra il caminetto per cercare le giuste parole di conforto.
    «Tu ti sottovaluti, Rochelle» e lo dice con cognizione di causa, dato che la conosce meglio di chiunque altro: è stato praticamente lui a crescerla, a sistemare i suoi polsi slogati quando Channing la percuoteva durante allenamenti, e ad asciugare le sue lacrime quando Tatiana si chiudeva nelle sue stanze rifiutandosi di riceverla.
    «Tuo padre ti ha resa forte» nel modo più crudele in cui un genitore potesse rendere forte la propria figlia.
    «E Tatiana era molto più inesperta di te quando è diventata un'Alpha, ma è stata comunque un'ottima guida.»



    «Intendi prima di rubare Nefesh e scappare come un coniglio?»
    Rochelle gli dà le spalle, esplicitando quanto sia lontana dal perdonare a sua madre un gesto tanto meschino.
    Lei e Mitchell hanno passato un giorno intero a interrogarsi sulla minaccia che Tatiana ha profetizzato per loro, ma quel "Qualcuno di molto potente verrà qui e ci ucciderà tutti per avere Nefesh" rimane un enigma.



    Perché volerlo, poi? Nefesh è una Reliquia leggendaria - la zanna del Lupo Bruno maledetto che Tala, la capostipite dei Lupi Rossi, ha strappato dalla bocca di Fenrir uccidendolo - che contiene il potere degli Erranti.
    Ma gli Erranti sono una magia antica - più antica di Nefesh - e Rochelle sa che la magia è scomparsa da tempo.
    Sempre che sia mai esistita...



    Un brivido la riporta al presente, lontana dalle congetture di un passato su cui ha letto tanto, ma mai con interesse.
    Perché Rochelle non ama le divagazioni astratte, lei comprende la concretezza, l'immediato istinto che suggerisce a lei e a Mitchell di ruotare verso la porta.
    La sincronia dei loro sensi parla per loro: ci sono intrusi.
    Adrian spalanca l'ingresso con un calcio, piombando in centro alla sala con una donna in spalla. A lui seguono un'umana -non proprio, in realtà- e un licantropo.
    Rochelle incrocia il suo sguardo e per un veloce attimo si dimentica di respirare. Kai. È tornato per lei?



    «Sono con me» lui si batte una manata sul petto mentre Adrian lascia cadere la Viandante sul tappeto senza tanti complimenti. «Lo so, avete detto "ti sbranerò la prossima volta che ti vedo" e bla bla bla.»



    In effetti non sono nemmeno passati due giorni da quando Dee gli ha proposto di rapire un mini-lupo e aizzarsi contro l'intero branco dei Lupi Rossi, quindi il fatto che Mitchell abbia già ripreso a ringhiargli contro è comprensibile.
    Sbuffa. «Credetemi, tornare qui non era nemmeno nella mia lista di cose da fare. Ma devo trovare la mia ragazza e questa strega non collabora senza ordini dall'alto» pungola la Viandante con la punta della scarpa.



    Rochelle la riconosce: è Heather, la Viandante consigliera di sua madre. La sua presenza a Wilson è sempre stata defilata -Rochelle stessa l'ha incontrata solo una volta- e per questo è allibita dal ritrovarsela letteralmente tra i piedi proprio adesso.
    Rivolge un'occhiata a Mitchell, e per una volta è lui a superare per primo la soglia di sopportazione.
    Si avventa su Kai furioso. «Ma chi ti credi di essere? Andare e venire come ti pare? Portare degli esterni qui?» lo addita senza curarsi di dosare le parole. Il Lupo Bianco potrà anche essere il loro futuro Alpha, ma per ora è solo un ospite di un altro branco che ha commesso un oltraggio gravissimo, sfidando le loro leggi ma anche il buon senso.



    Kai lo ignora, avvicinandosi invece a Rochelle.
    Non è felice di dover usare prepotenza con la sua futura moglie, ma non ha tempo di litigare.
    E poi lui è un Alpha. Un Alpha va rispettato.
    «Ho bisogno di trovare Abigail» ringhia ignorando la smorfia di Rochelle nel sentire il nome della giovane.
    La figlia di Kara Monroe è una presenza così scomoda per il loro futuro assieme che non dovrebbe nemmeno osarsi a porre quella richiesta. Eppure prosegue: «Questa strega può localizzarla ma non ci aiuterà finché non avrà parlato con tua madre. Quindi falla venire qui adesso



    «Ma come ti permetti di parlarle così?» sbotta Mitchell in sottofondo, mentre in tutta quella baraonda la Viandante sogghigna candidamente, dalla sua ha il patto di alleanza stretto con Tatiana. La protezione dei Lupi Rossi in cambio di fedeltà assoluta alla sua Alpha.
    Rochelle inizia a sentire il sangue pulsarle alla testa, sensazione che precede sempre uno dei suoi ringhi esasperati. Senza ragionare, arpiona la Viandante e la schiaccia al muro, le mani al suo collo.
    Ha ufficialmente mal di testa.
    «Ne ho abbastanza, di tutti!» tuona e avere quella donna tra le mani non aiuta, perché c'è solo una categoria di individui che odia più dei Monroe, e sono i Viandanti.
    «Tatiana se ne è andata e ora sono io la tua Alpha. Quindi o mi dici spontaneamente dove diavolo si trova Abigail o te lo faccio sputare a forza dopo che ti avrò fatto comparire quella dannata voglia anche dall'altro lato della faccia!»



    A giudicare dallo spasmo che emettono i polmoni della donna, Rochelle deduce di averla convinta. La trascina su una sedia, dove Camille già la attende col braccio teso. Dopo tre giorni con Zachary ha ben presente il procedimento per localizzare un consanguineo: un coltello, un taglio e il proprio sangue.
    Heather però nega con la testa, ricomponendosi. «Non ho bisogno di usare la magia per sapere dov'è Zachary. Ma non potete fermarlo, non adesso che ha tutti gli ingredienti.»

    Ultima modifica di purple__ever; 29th February 2016 alle 10:56

  2. #132
    sim magnifico L'avatar di purple__ever
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Età
    31
    Messaggi
    457
    Potenza Reputazione
    10

    Re: The Red Wolf

    Sono le maniere ambigue, il mistero che circonda quelle parole, che celano un pericolo oscuro, inarrestabile.
    Parole cne riportano Rochelle alla conversazione con Tatiana, di nuovo a quell'ultimo ammonimento. "Qualcuno di molto potente verrà qui e ci ucciderà tutti."
    E ne ha la certezza: «Tu sai perchè mia madre è scappata.»
    «Dovremmo farlo anche noi» assente Heather, e lo sguardo di Rochelle si fa più cauto.
    Come ha fatto a non pensarci prima? Tatiana trascorreva notti intere a intercedere con la Viandante, deve averle confidato le sue preoccupazioni...



    Prima che possa approfondire le sue domande, però, la Viandante è percossa da un sibilo, sollevata a mezz'aria da Adrian.
    Il vampiro odora il sangue che si dibatte la sua arteria, ne assapora la violenza del fluido. Non gli interessa se Heather ha la tutela dei licantropi: la stringe ancora di più nella sua morsa.
    «Se non mi dici dove ha portato la mia Dee, ti dissanguo proprio adesso, su questo tavolo, nel modo più doloroso di cui sono capace.»
    Se la minaccia di Rochelle era impetuosa, quella di Adrian ha in sè dolore e freddezza. E non importa se per la maggior parte del tempo si finge un normalissimo ragazzo umano: è un vampiro, sa come essere atroce e spietato.
    Kai e Camille gli coprono le spalle, feroci quanto lui: gli occhi ambrati del lupo scintillano pronti a colpire, Camille si lecca i canini, e attende solo un segnale del suo Creatore per assecondare la sua sete.



    Heather emette un verso strozzato, torce il collo all'indietro per ricevere più aria.
    Non riesce a rispondere con la voce, per cui opera a gesti: fa scattare la spalla e punta l'indice oltre la finestra, sullo sfondo di montagne.
    Adrian ne osserva le increspature delle cime mentre riporta la Viandante a terra, che si sistema il vestito infastidita.
    Vampiri e licantropi, rozzi bulli solo perché dispongono di tanta forza bruta!
    Zoya aveva certamente ragione a voler riscattare la loro gente; ma Heather ancora non è convinta sul metodo.
    Rimpiange di aver confidato a Zach dei progetti di sua madre. Sperava di averlo allevato con un po' della sua accortezza, ma evidentemente i progetti visionari di Zoya sono stati più incisivi.
    Riesce a immaginarselo, Zachary, al centro del Santuario di Roccia in cui gli antichi Viandanti si riunivano per le loro celebrazioni, dove lei e Zoya si incontravano in segreto; l'acropoli da cui i suoi antenati dominavano le loro terre - terre che i Lupi Rossi avevano poi rubato chiamandole Wilson.



    Heather si conduce di fronte alla finestra e osserva il cielo del mattino, non ancora terso ma già chiaro.
    «Non arriverete mai in tempo» mormora coprendosi il petto tesa. Benché il santuario non sia distante, la posizione del sole suggerisce che la sabbia nella loro clessidra è già scivolata via del tutto.
    «Noi Viandanti celebriamo i loro rituali all'alba.»

    *

    C'è qualcosa di caldo che le soffia sulle scapole.
    Che sia il sole? Pur essendo ancora basso è comunque già tiepido - quella appena iniziata si preannuncia una bellissima giornata d'estate.
    Eppure è qualcosa di più rovente e vivido, che le striscia alle spalle, contrapposto alla rigidità della pietra che le sfrega attraverso la canotta.
    Abigail socchiude gli occhi - dovrebbe averci fatto l'abitudine, invece rinvenire per la seconda volta nel giro di poche ore rimane complicato - e tra le ciglia appannate lo intravede: è circondata da candele e fiamme.



    Fatica a ricordare dove si trovava l'ultima volta che è stata cosciente; ma sicuramente non lì - ovunque sia lì.
    La sensazione di essere fuori posto la porta a torcere il bacino per ottenere una visuale migliore.
    Sopra di lei, un respiro frettoloso.
    «Abigail, devi svegliarti» mormora una voce che ha già sentito. È famigliare, vagamente...
    «Svegliati!»
    È la stessa imposizione che l'aveva rianimata a casa degli Informatori, quando la sua vita aveva ancora un senso logico e lei riusciva a definirla - definirsi.
    Anche la donna che l'ha pronunciata è la stessa: Dee è sopra di lei, la scuote, ricerca la sua attenzione.



    Non la ottiene.
    Lo sguardo di Abigail è trascinato oltre, verso un uomo con la schiena addossata a un totem di pietra, pallido, affannato e ferito. Un uomo che ha temuto di non rivedere; un uomo che non merita di trovarsi lì, in qualsivoglia circostanza.
    «Zio Gabe!» lo chiama Abigail, precipitandosi senza curarsi d'altro che lui.
    Gabe ha la gamba rotta e una ferita profonda all'altezza del ginocchio sinistro.
    Prova a calmarlo accarezzandogli il volto, la barba incorta, ma lui si agita, sudato e febbricitante, in un sonno tormentato.



    Lo stringe per riportarlo a lei, ma Dee la blocca. «Non svegliarlo. È meglio che non sia sveglio.»
    «Oh, mia cara, credo che anche se incosciente sentirà comunque qualcosa.»
    La risata che segue quella provocazione è per Abigail una doccia fredda, un nervoso irrigidirsi di muscoli.
    Se fosse stata più lucida, l'avrebbe già visto: Zachary inginocchiato sullo stiletto per consacrarlo come un sarcerdote con un calice liturgico.
    Quando lo mette a fuoco, lui si è già alzato e ha smesso di pregare. Dal sorriso, si direbbe che le sue richieste sono state accolte.
    «Direi di affrettarci» tira su il naso ed esamina Gabe dall'alto. «Lo zio rischia di lasciarci prima del tempo.»



    La gravità delle condizioni di Gabe è evidente, anche a Dee.
    I Cacciatori imparano presto a familiarizzare con le ferite: come analizzarle, sterilizzarle e medicarle in situazioni di emergenza.
    Quando Caleb le ha permesso di tamponargli l'emoragia con una stoffa strappata, l'uomo aveva già perso molto sangue.
    Non ha le competenze per stabilire se possa sopravvivere; di certo no, finché Zachary gli gironzola intorno.
    Se avesse a disposizione ancora un proiettile, avrebbe già in mente il bersaglio e la traiettoia: il Viandante, poco più a destra del taschino della casacca, in pieno petto; ma la pistola le è caduta nelle cripte e non può nemmeno tentare un lancio col coltellino nascosto negli stivaletti, perché Caleb gliel'ha trovato e sequestrato.
    L'unica cosa che le rimane nel doppio fondo dei jeans è la collana dei Monroe. Gliel'ha data Adrian dopo averla tolta ad Abigail, e forse adesso potrebbe tirarla fuori e usarla come arma. La coda della lucertola è acuminata, farebbe male se schiacciata nell'occhio di Zachary?

    Ultima modifica di purple__ever; 1st March 2016 alle 10:26

  3. #133
    sim magnifico L'avatar di purple__ever
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Età
    31
    Messaggi
    457
    Potenza Reputazione
    10

    Re: The Red Wolf

    Probabilmente sì, ma l'unico effetto concreto sarebbe trovarsi di fronte un Viandante più lacrimante e incazzato di prima.
    Non può fare niente per salvarli, ma solleva comunque la schiena e scherma Gabe con un braccio.
    Pensa ad Adrian, a quanto sarà furioso con lei per essersi fatta uccidere così, in una mattina di giugno qualunque.
    Ma lei è una Rogue ed è il suo dovere: sacrificarsi fino al suo ultimo respiro per difendere gli innocenti. «Dovrai prima passare sul mio cadavere per toccarlo.»



    «Farò così» Zachary le fa l'occhiolino.
    Come può divertirsi tanto alla vista di un uomo innocente che soffre? Cosa diavolo vuole, oltre a bearsi della loro sofferenza?
    Abigail non ha idea di quale siano le intenzioni del Viandante ma i suoi atteggiamenti trasudano lo stesso sprezzo della notte precedente, quando si è divertito a manipolare i suoi sentimenti; e le suscitano lo stesso impeto, lo stesso desiderio di colpirlo, di piantargli gli artigli nel collo e staccargli la pelle.
    Senza premeditazione gli si tuffa alle spalle ma fa rumore, lui la intercetta. Come in un movimento di danza, la cattura a sé, pigiandosi alla sua schiena.
    «Non ti ci mettere anche tu, su» la blandisce, premendole il seno, immergendosi nei suoi capelli. «Torna al tuo posto. Ferma lì e non muoverti.»



    E non c'è niente da fare: se Zachary ordina, lei non può che obbedire.
    Le sue gambe marciano controvoglia verso il punto in cui si è svegliata.
    Si siede a terra come una bambina in punizione, rabbiosa, ma senza la possibilità di sindacare l'autorità dell'adulto.
    È così da quando ha promesso di essere sua, in un modo che non vuole spiegare a Dee, neanche alle sue labbra interrogative.



    È costretta a seguire Zachary con lo sguardo, passo per passo, finché il Viandante non raggiunge due figure che nel dormiveglia Abigail aveva scambiato per sole ombre.
    Deve alzarsi sulle ginocchia per averne una visuale completa: sua madre e un uomo massiccio, cupo, che riconosce subito - non è molto diverso dal ragazzo che ha visto nei ricordi di Dominic, appeso a una corda.
    Ed è un qualcosa che glielo si legge negli occhi: suo zio Caleb respira ancora di quel desiderio oscuro, anche mentre sbotta contro Zachary. «Hai finito con le tue formulette?»



    «È un cerimoniale» precisa l'altro, e non si offende per l'imperizia di Caleb, sa che la sua mente di selvaggio è troppo rude per comprendere la sua necessità di votare la sua opera agli antenati. «Cerimonale mi trovo costretto ad abbreviare, tra l'altro, visto che le tue geniali performance nelle cripte hanno ridotto in fin di vita uno dei miei umani.» Intermezza la lamentela con un sospiro di rammarico. «Stona tutto senza Camille...»
    «Era la mia ultima notte» ribatte il Windigo senza scomporsi. «Uccidere subito il vampiro e la sua amichetta non sarebbe stato divertente.»
    Abigail non sa esplicitamente a cosa alludano, ma quel discorrere barbaro sulle persone che ama la fa gemere di ribrezzo. Camille... Adrian... E anche Kai...



    Caleb si è ripromesso di non guardarla, ma stavolta cede. Nota il suo sguardo disgustato e non può fare a meno di contrapporlo all'affetto che la ragazza riserva a Gabe. In un'altra vita, in un altro universo, i ruoli avrebbero potuto essere invertiti.
    Eppure lo sa bene, non era destino che lui fosse lo zio buono. Lui squarta, uccide, assapora le vittime e non importa se sta pensando anche al suo bene, soprattutto al suo bene. È più facile se Abigail lo crede un mostro.
    «Noi non saremmo dovuti esistere» spiega ad alta voce, chino su Kara, che ridacchia mentre schiaccia le formiche con le dita.
    Non è sicuro che Abigail lo senta davvero. Ma deve spiegarsi, giustificarsi.
    Potrebbero svegliarsi domattina senza ricordare più chi sono, ed è un pensiero molto più spaventoso della morte.
    La morte è annullamento, liberazione. Lo spegnersi di tutti i tormenti, la misera scheggia di felicità a cui possano aspirare.



    «Sii delicato» è l'unica raccomandazione di Caleb, mentre finalmente Zachary prende posto.
    Abigail ha una brutta sensazione quando il Viandante accompagna la testa di Kara verso di sè, prendendo fiato e poi pronunciando un mormorio antico e oscuro.
    Le accarezza la cute rada per addolcirla, ma la creatura in realtà è tranquilla. Forse non si aspetta cosa sta per succedere; o forse l'ha capito ed è per questo che si volta un'ultima volta verso Abigail.



    Se vuole trasmetterle qualcosa, la ragazza non fa in tempo a capirlo: Zachary è veloce a passarle la lama sulla gola e lei è altrettanto rapida nell'agonizzare a terra. Si rannicchia e mugugna, ma non si tormenta come un animale ferito, semplicemente attende finché alla fine il suo corpo non si immobilizza.
    Per Abigail è la visione più raccapricciante della sua intera esistenza. È un orrore che la sventra, che le raggela i polmoni senza nemmeno lasciarle fiato per urlare.
    Si ritrova sorretta da Dee, Dee che aveva intuito, che sapeva cosa Zachary ha intenzione di fare loro, sin dall'inizio.
    E per la prima volta anche lei ne ha una percezione vivida.
    Una consapevolezza che la schiaffeggia con terrificante brutalità, una veritá di cui si è appropriata senza volerlo. In fondo lei e Zachary sono una cosa sola, la loro mente condivide confini, pensieri, evidenze.
    ”Due Windigo, due umani e Abigail.”
    Zachary sta per ucciderli tutti.
    «Staremo bene» assicura Caleb lasciandosi cadere sulle ginocchia, tra emozione e smarrimento.
    Zachary gli si appressa come un avvoltoio sulla carne, ma lui si cura solo di accompagnare le palpebre di Kara verso il riposo.



    Sembra così serena!
    Quella visione lo riporta al passato, quando sua sorella lo trascinava nel giardino e lo esortava a stendersi accanto a lei, alle spalle della magione Monroe che alle volte diventava troppo opprimente per entrambi.
    Parlavano, lui la prendeva in giro per le sue chiacchiere da ragazzina, ma in realtà la ascoltava affettuoso, finché lei non si assopiva al sole.
    Caleb ricorda i riflessi dei suoi capelli rossi, il sorriso dolce che aveva persino quando dormiva.
    E il tempo... Il tempo con lei è stato crudele, avrebbe dovuto fermarsi lì...



    Dee copre Abigail quando Zachary cala la lama su Caleb e gli apre la pelle.
    Il Windigo non emette nemmeno un lamento. Il suo corpo cade accanto a quello di Kara, scomposto, e in un ultimo sforzo si accosta a lei, a sfiorarsi le mani come quando erano nati.

    Ultima modifica di purple__ever; 1st March 2016 alle 10:33

  4. #134
    sim magnifico L'avatar di purple__ever
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Età
    31
    Messaggi
    457
    Potenza Reputazione
    10

    Re: The Red Wolf

    Zachary avverte l'energia che scivola via dai loro corpi e fluisce verso di lui, percorre la lama e gli si insinua nella pelle.
    È già più forte, vigoroso: la loro essenza gioca sulle sue mani come lucciole che si rincorrono.




    Esattamente come aveva scritto sua madre.
    I Windigo sono pura forza e follia, un caos che deve equilibrare con la razionalità umana per rimanere completamente padrone di se stesso.
    Così, quando il Viandante si gira verso Dee, lei glielo legge nel sorriso perverso: "Sei la prossima."
    Arretra prendendo la mano di Abigail e scuotendola.
    Lei per la prima volta ha gli occhi vispi - occhi che frugano i cadaveri di suo zio e sua madre, e la loro carne. Carne ancora morbida, che la spaventa e attira.
    «Abigail!» Dee la costringe a voltarsi, a guardare con lei l'ombra di Zachary già su di loro.
    E non ha bisogno di parole: o sono loro o è lui.
    O combattono, o soccombono.



    Zachary scocca la lingua verso Dee, infastidito.
    I Cacciatori sono sempre la peggiore seccatura: umani o troppo stupidi o troppo arroganti per stare al loro posto.Ma ora è abbastanza forte per dare la giusta impronta al mondo - la sua impronta.
    «Se non hai mai imparato a farti gli affari tuoi, immagino di dovertelo insegnare io» muove lo stiletto in modo eloquente.
    Ed è proprio lì che Dee intende colpire. La congiunzione tra mano e braccio, per disarmarlo.
    Piega le ginocchia per caricare in velocità e, dietro di sè, intravede Abigail fare lo stesso, con gli occhi che crepitano.



    Stecca su Zachary dosando agilità e potenza, caricandolo frontalmente per lasciare lo spazio ad Abigail di avventarsi sul fianco.
    Invece c'è solo lei, tra le fauci del Viandante.
    Prova a sbilanciarlo ma le sue ossa scricchiolano; serra i denti e tira per liberarsi, ma il Viandante ha una nuova forza dentro di lui, una potenza ferale, che scaraventa su di lei.



    Il grido di Dee si confonde col tonfo del suo corpo sulla pietra, e il grugno del Viandante che le si corica sopra, tra le gambe.
    Zachary deve fare uno sforzo di concentrazione per ricordare perché è lì e cosa sta facendo. Dee accende in lui una fame nuova, una fame di carne e viscere, un'esigenza che ribolle così tanto che è difficile da trattenere, persino per uno come lui.
    «Dee!» Abigail si protrae in avanti, si dibatte, muove freneticamente la mano per raggiungerla.
    Ma non ci arriva.
    Il suo corpo non ha il permesso di arrivarci.



    Può solo assistere impotente, mentre Zachary soffia addosso a Dee e lei si contrae, morde l'aria perché non vuole morire così, non vuole che lui la tocchi in quel modo.
    «Abigail...» implora perchè la sua mano a pochi centimetri...bastarebbe poco... così poco....
    «È inutile che supplichi, Abigail è mia, ne dispongo come voglio. E le ho ordinato di non muoversi, ricordi?»



    Un ordine che ingabbia la ragazza a quel lembo di terra, la costringe a guardare le persone che ama senza poterle raggiungere, a singhiozzare d'impotenza quando Zachary spinge la lama contro la giugolare di Dee.
    «Non guardare» le dice lui in moto di clemenza.
    Abigail trema, praticamente non respira, ma l'ordine di Zachary le permette almeno di portarsi le mani agli occhi e coprirseli.
    Ma anche se non può vedere, può sentire.
    Sente Zachary pronunciare la sua magia, sente la lama squarciare altra carne e l'odore del sangue le riempie le narici, ormai ce ne è talmente tanto da farle bruciare il palato.
    Sente la terra tremare, sente il respiro pesante di suo zio diventare schizzo rosso.
    Sente i rantoli di chi si dimena per agguantare aria, rantoli famelici, ansiosi, terrorizzati, che diventano solo un gorgeggio gutturale mentre si trascinano definitivamente nel silenzio.
    Sente ogni istante di quel minuto terribile, un minuto che forse sono ore, persino giorni. In fondo c'è mai stato altro nella sua vita se non quei lamenti? Forse no, forse davvero no.



    Alla fine Zachary le si avvicina e le scosta le mani dal viso, mani strette in un pugno, intorpidite, umide.
    Lei si ritrae, si rannicchia, ferita, passiva. Non tenta di scappare; non avrebbe nemmeno più senso volerlo, la sua vita è finita comunque.
    «Sei un mostro» singhiozza con un filo di voce.



    Lui la accarezza, cingendole le spalle e portandosi dietro la sua schiena, lasciandola libera di ammirare Dee e Gabe morti sulla roccia.
    Si accosta al suo orecchio mordicchiandolo e baciandolo, riempiendolo di sussurri.
    «Non solo io» le liscia lo stiletto insanguinato sulla guancia e poi glielo fa scorrere sul mento lascivo. Lei freme, tra orrore ed eccitazione, finalmente stretta tra lui e la lama.
    «Da adesso siamo mostri assieme, mia cara» le mormora. Poi, in silenzio, le taglia la gola.



    __________________
    ...e dichiaro finalmente conclusa la prima parte di questo diario XD
    Spero di non angosciato nessuno, ma non credo, il finale era abbastanza preannunciato.
    Poi sono in sessione esami, quindi gli istinti omicidi ce li ho quotidianamente XD
    Però ve lo assicuro: qualcuno in questa storia riuscirà persino ad arrivare alla fine
    Scherzi a parte, questo era il "gran finale" per concludere la parte horror della storia. Come ho già avuto modo di dire in precedenza la seconda cambierà tono...principalmente perché devo concedere un po' di tempo ai miei simmini per riprendersi U.U
    Come sempre concludo con un ringraziamento obbligatorio ai miei lettori superstiti!! Alla prossima
    Ultima modifica di purple__ever; 1st March 2016 alle 10:36

  5. #135
    Utente Cancellato
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Località
    Grosseto
    Età
    34
    Messaggi
    1,268
    Potenza Reputazione
    0

    Re: The Red Wolf

    Nooooooo!! Gabe, Dee, Abigail....no!!
    *sniff sniff*
    Ma ... hai detto che ci sarà una parte due? *_________*
    Nemmeno me lo ricordavo!
    Allora spacca tutto e poi aggiorni eh

  6. #136
    sim magnifico L'avatar di purple__ever
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Età
    31
    Messaggi
    457
    Potenza Reputazione
    10

    Re: The Red Wolf

    Citazione Originariamente Scritto da rickynchains Visualizza Messaggio
    Nooooooo!! Gabe, Dee, Abigail....no!!
    *sniff sniff*
    Ma ... hai detto che ci sarà una parte due? *_________*
    Nemmeno me lo ricordavo!
    Allora spacca tutto e poi aggiorni eh
    Ciao Ricky!!
    Ebbene sì, c'è pure una seconda parte! Non me la sentirei di far finire tutto così male
    Con oggi ho finalmente finito con gli esami () quindi cercherò di procedere alla svelta per concludere qui quanto prima!!
    Grazie come sempre per essere passato

  7. #137
    sim esperto L'avatar di martireterrestre
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Hogwarts
    Età
    34
    Messaggi
    628
    Potenza Reputazione
    10

    Re: The Red Wolf

    Citazione Originariamente Scritto da purple__ever Visualizza Messaggio
    Ciao Ricky!!
    Ebbene sì, c'è pure una seconda parte! Non me la sentirei di far finire tutto così male
    Con oggi ho finalmente finito con gli esami () quindi cercherò di procedere alla svelta per concludere qui quanto prima!!
    Grazie come sempre per essere passato
    Ti seguo da qui,ora, non potevo perdermi questa story<3

  8. #138
    sim §§ L'avatar di RobySim_93
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Età
    30
    Messaggi
    31
    Potenza Reputazione
    0

    Re: The Red Wolf

    O.o
    Non ho paroleeeeee......
    Purple, che capitolo! Oh mamma oh mamma oh mamma!!!!!
    Cioè, non vedevo l'ora di arrivare a questo maledetto sacificio, ma adesso rimangio tuttoooo.
    Dee!!!!! Gabe!!!! (ma soprattutto.... Dee!!!)
    E anche Caleb ha guadagnato il suo rispetto... mi sono piaciuti i suoi ultimi momenti. Mi spiace anche per lui e per sua sorella, alla fine erano più vittime che mostri...
    Comunque, lacrime a parte, questo probabilmente rimane per ora il mio capitolo preferito, e Adrian è stato fantastico (non so perché, ma mi è piaciuto troppo. Povero, chissà che combinerà quando saprà di Dee...)
    Non vedo l'ora di vedere come andrà avanti per Zachary e per Abigail... o per la nuova Abigail, vedremo che le succederà dopo la traumatica esperienza della propria morte.
    A presto e tanti complimenti ancora, e scusa per il grande ritardo!

    Ps: Dee!!!!!!!!!!!!!!

  9. #139
    sim esperto L'avatar di ComandantePerla
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Principato di Wein
    Messaggi
    578
    Potenza Reputazione
    14

    Re: The Red Wolf

    Purple....potrai mai perdonarmi?????
    L'ho visto solo ora....... chissà, forse non mi è arrivato l'avviso o mi è sfuggito, o semplicemente mi sto rimbambendo del tutto
    Ti chiedo infinitamente scusa.
    Che dire di questo finale? A parte che odio Zachary, e spero vivamente che nella seconda parte del diario faccia la fine che si merita, mi ha tolto davvero il fiato, come tutti gli altri capitoli del resto. ....davvero non immaginavo che sarebbe finita così. Forse per Caleb e Kara, ma non per gli altri. Povero Adrian, chissà cosa farà quando si renderà conto che Dee non c'è più...oso sperare che Camille resti con lui e riesca almeno in parte a sopperire la sua mancanza.
    E Abigail.......noooooooooooo!!!! Non Abigail.......
    Non vedo davvero l'ora di leggere la seconda parte di questa magica storia quindi......aggiorna presto!!!!!!






  10. #140
    sim magnifico L'avatar di purple__ever
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Età
    31
    Messaggi
    457
    Potenza Reputazione
    10

    Re: The Red Wolf

    Citazione Originariamente Scritto da RobySim_93 Visualizza Messaggio
    O.o
    Non ho paroleeeeee......
    Purple, che capitolo! Oh mamma oh mamma oh mamma!!!!!
    Cioè, non vedevo l'ora di arrivare a questo maledetto sacificio, ma adesso rimangio tuttoooo.
    Dee!!!!! Gabe!!!! (ma soprattutto.... Dee!!!)
    E anche Caleb ha guadagnato il suo rispetto... mi sono piaciuti i suoi ultimi momenti. Mi spiace anche per lui e per sua sorella, alla fine erano più vittime che mostri...
    Comunque, lacrime a parte, questo probabilmente rimane per ora il mio capitolo preferito, e Adrian è stato fantastico (non so perché, ma mi è piaciuto troppo. Povero, chissà che combinerà quando saprà di Dee...)
    Non vedo l'ora di vedere come andrà avanti per Zachary e per Abigail... o per la nuova Abigail, vedremo che le succederà dopo la traumatica esperienza della propria morte.
    A presto e tanti complimenti ancora, e scusa per il grande ritardo!

    Ps: Dee!!!!!!!!!!!!!!
    Citazione Originariamente Scritto da ComandantePerla Visualizza Messaggio
    Purple....potrai mai perdonarmi?????
    L'ho visto solo ora....... chissà, forse non mi è arrivato l'avviso o mi è sfuggito, o semplicemente mi sto rimbambendo del tutto
    Ti chiedo infinitamente scusa.
    Che dire di questo finale? A parte che odio Zachary, e spero vivamente che nella seconda parte del diario faccia la fine che si merita, mi ha tolto davvero il fiato, come tutti gli altri capitoli del resto. ....davvero non immaginavo che sarebbe finita così. Forse per Caleb e Kara, ma non per gli altri. Povero Adrian, chissà cosa farà quando si renderà conto che Dee non c'è più...oso sperare che Camille resti con lui e riesca almeno in parte a sopperire la sua mancanza.
    E Abigail.......noooooooooooo!!!! Non Abigail.......
    Non vedo davvero l'ora di leggere la seconda parte di questa magica storia quindi......aggiorna presto!!!!!!

    Carissime! Innanzitutto mi scuso per il ritardo epico di questa risposta ma ho avuto un po' (tanti) problemi nella real life e in questi ultimi mesi tutto è dovuto passare in secondo piano. I problemi in realtà lungi dall'essere risolti, ma se aspetto un periodo tranquillo per tornare...vi avrei scritto nel buon vecchio duemilaemai
    Dunque, niente, non so se leggerete mai questa risposta, ma ci tengo comunque a ringraziarvi per il vostro commento, a me basta sapere che il capitolo non aveva fatto troppo pena e son contenta XD
    Sulla seconda parte... Ehm, sinceramente non credo di continuarla. Finirò ancora i 3 capitoli che concludono l'arco narrativo della prima parte per non lasciare nulla di incompleto, e poi vedrò il da farsi ^^
    Inizio postando l'epilogo che, poverino, è da tipo un anno che è lì e mi dimentico di lui
    Grazie ancora
    ________________________________________________



    Epilogo


    L'hanno definito in molti modi, ma per i Lupi Rossi ha sempre avuto un solo nome.
    L'Esmene. La caverna senza ritorno.
    Il limbo dove i pensieri sfuggono al proprio controllo, dove a perdersi non sono le anime dei morti, ma quelle dei vivi. Dove mostri senza volto indossano i crani delle vittime divorate dai loro stessi incubi.
    Si dice che solo un vero Lupo Rosso possa ucciderli strappando loro quella maschera, e Tatiana sa bene di non essere lei quel Lupo.
    Nonostante questo, solleva la lanterna e prosegue dentro le costole di quella grotta di ghiaccio.




    Ha camminato incessantemente per raggiungerla. Attraversato boschi, battuto sentieri, ammirato orizzonti nuovi, cieli così meravigliosi e diversi da quello di Wilson.
    Ad Alina sarebbe piaciuto un viaggio del genere; beffarsi del confine ed esplorare l'oltre, sbigottirsi nello scoprire che la natura sa essere persino più generosa della propria fantasia.
    Per lei invece muoversi è solo uno sforzo dettato dalla necessità, i tramonti la condanna del tempo che scorre.
    Ha freddo. Si morde le labbra lacerate, il fiato le sfugge in un nugolo di condensa. Raggiunge il gorgo all’estremità della grotta e vi crolla davanti, battendo le ginocchia nude sul terreno di ghiaccio.




    La superficie dell'acqua tremola; negli spigoli del suo riflesso ci sono i toni grigi di Nefesh, il bianco del ghiaccio e il rosso dei loro capelli, del loro sangue.
    È come averceli davanti.
    Kara, la sua bella e ingenua Kara e Caleb – il ragazzo che avrebbe dato tutto per lei se solo lei fosse riuscita ad amarlo, se solo il suo corpo non avesse deciso che erano le labbra femminili a tramortirla coi brividi...
    È stato lui a infliggerle la cicatrice sul volto; una ferita che non l'ha deturpata solo esternamente ma l'ha corrotta dentro, donandole un potere che non avrebbe mai voluto ricevere, una vista che spia il futuro senza permesso.
    La maledizione la costringe a contemplare i resti delle poche persone che ha mai amato davvero, finché una lacrima non offusca quella visione di morte.



    E al freddo si aggiunge la sofferenza.
    Tatiana si piega su se stessa straziata, stringe l'elsa di Nefesh per sostenersi a qualcosa, perché sa che la disperazione è proibita in quel luogo.




    Perché è la sensazione di cui Loro si nutrono, sensazione che li rianima.
    Sul bordo dell'acqua, un simulacro di legno si risveglia e uno spirito Errante prende forma dai suoi rimorsi.

    Ultima modifica di purple__ever; 25th February 2016 alle 11:00

 

 
Pagina 14 di 16 PrimaPrima ... 41213141516 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [SERIE] Teen Wolf
    Di Pey'j nel forum Cinema e TV
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 22nd March 2014, 06:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •